Racconto di incesto erotico – L’uva di zia Rebecca

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

È stata una tortura sognare mia zia nei giorni e nelle settimane successivi. Morivo dalla voglia di rivederla ed era sempre distante, rispondeva a malapena ai miei messaggi. Non importa quanto fossero saggi e sofisticati. Ho pensato di mandarne di più offensivi, ma avevo paura di spaventare Rebecca.

Di tanto in tanto mi mandava video, bellissime foto di posti magnifici. Rebecca aveva più che buon gusto, Rebecca era più di quanto avrei potuto sognare. Evidentemente non aveva i fondi per i suoi desideri, tanto meno per quelli più costosi.

Ad ogni modo, provavo la frustrazione di aver “quasi” mangiato mia zia. Furono ore e ore di masturbazione più pura, litri e litri di sperma versati in suo onore. Quasi un mese dopo, ho iniziato a pensare che non avrei avuto la possibilità di rivederla presto. Mia madre mi ha avvertito di un invito inaspettato.

– Venerdì Gustavo! È da molto tempo che non ci vediamo a casa dei tuoi zii. Ma se hai impegni, nessun problema, andiamo io e tuo padre. Non so nemmeno perché ti hanno invitato.

– Hanno invitato! Ho avuto un incontro con persone dell’università.

– Allora non c’è bisogno che te ne vada. Sto dicendo che hai un impegno. Ci vanno solo le persone anziane. Non credo che ci sia anche Armando, da quanto mi ha detto è andato in Perù con degli amici.

– NO! Lo farò, lo farò. Nessun problema.

– NOSTRO! Non sei mai stato così. Non è mai andato d’accordo con la sua famiglia, soprattutto con loro.

– Non è neanche così. E lo voglio.

– Non so cosa.

Mancavano due giorni e ho sognato di nuovo mia zia. Immagina Rebecca nuda che si masturba sotto la doccia, a letto, in soggiorno. Guardate la zia divertirsi, mostrando la sua figa ben curata. Non vedevo l’ora di metterci sopra il bastoncino. Peccato che sia solo una festa, si potrebbe solo ammirare l’aspetto della zia.

Non sapevo che Rebecca fosse più audace di quanto pensassi.

***

Non era proprio una casa, era una villa. Alcuni direbbero che è una villa, ma è un po’ esagerato. Comunità recintata, un grande terreno, un edificio a due piani, piscina, barbecue e tutto ciò che comporta questo tipo di ostentazione.

Un sogno, diceva mia madre. L’esagerazione non è accettabile, padre.

La festa in sé non era nemmeno così grande. Una decina di persone, tante bevande, cibo abbondante e vario. Il tutto servito in un’ampia sala accanto alla piscina. Era notte e la cosa curiosa era che non c’erano dipendenti, la gente si serviva da sola e il più delle volte erano la coppia – Rebeca e zio Laerte – ad occuparsi di far funzionare tutto.

Nonostante i saluti entusiastici all’arrivo. Con il diritto a tre baci, non c’era possibilità di restare solo con lei. Eppure mi sentivo soddisfatta solo nel vederla: con i suoi capelli più lunghi, il suo vestito nero lucido e attillato con spalline, che metteva in mostra parte delle cosce. Era più che sufficiente.

Di tanto in tanto, con discrezione, ci scambiavamo rapidi sguardi. Era come se stessimo mantenendo un segreto. E infatti, lo sapremmo se mio zio sapesse cosa ho fatto a sua moglie al motel. Era ovvio che l’invito veniva da lei, mi sono sentito benissimo. Sapendo che non ero solo io a perderlo.

Ma le ore passavano, il gruppo rideva e beveva, la conversazione non era male, ma non era certo il genere di argomento che mi interessava. Ma era possibile divertirsi con gli scherzi della zia e il bellissimo panorama. Rebecca era sexy, ancora di più con i tacchi rossi che indossava.

Poi, con mia sorpresa, qualcuno mi diede un colpetto sulla spalla.

– Aiutami, tesoro?

– Io aiuto, certo che aiuto.

Inutile dire che era lei. Il sorriso accattivante, l’aroma inebriante, e non avevo il coraggio di guardarla negli occhi.

– Vieni con me, aiutami a preparare l’insalata.

La cucina non è il mio forte, ma ho iniziato su questa strada. La cucina era accanto a questa grande stanza, in mezzo alla quale c’era un grande ripiano in granito nero. Rebecca aprì uno dei frigoriferi e frugò tra i più svariati tipi di frutta. Poi tirò fuori coltelli e ciotole di metallo.

– Portalo qui per me. Lo tagliamo e lo mettiamo nei contenitori.

Ha lasciato tutto sul bancone. Eravamo davanti alla sala, dove gli ospiti si divertivano in sottofondo. Le risate, la musica ad alto volume, apparentemente nessuno ci prestava attenzione. Rebecca cominciò a tagliare alcune mele mentre io selezionavo l’uva.

-Sei scomparso Gustavo.

Disse guardandomi con la coda dell’occhio e parlando a bassa voce.

-Sumi? No, è solo che visto che non hai risposto… Di più.

– Pensavo fossi arrabbiato con me.

– Ehi!? Cos’è, perché?

– Non mandarmi nient’altro. Né i messaggi di auguri, né i fiori… No…

Lei ride, addenta un chicco d’uva e mostra quel sorriso bellissimo e delizioso che solo lei ha.

– Ma come faccio a sapere quale signora lo voleva? Non ti è piaciuto l’altra volta.

– Parla piano, ragazzo, sta’ attento che nessuno ti senta.

– E tu? Ha anche smesso di inviarle messaggi. In effetti, non mi ha mai inviato una sua foto. Nessuno più saggio.

– Ti manco?

Mi guardò negli occhi, rise forte e masticò un pezzo di pera.

– Hmmm… Questa pera è magnifica. Non vuoi provare la frutta? Ne ho uno che ti piacerà. Penso.

Mi prende in giro e non ci credo. Le persone parlano e ci guardiamo. Ho sentito il mio cazzo mostrare i primi segni. La zia stava davvero dicendo quello che stavo pensando?

– Prendilo, vedi se ti piace. Se sei puntuale.

– Qui, davanti a loro?

– Se sei discreto. Scommetto che nessuno se ne accorgerà.

– Sei pazza, Rebecca!

– Sei tu che mi fai impazzire… Gustavo.

Lei ride mentre mastica la pera. Ho tagliato le mele. Deglutii e mi guardai intorno nella grande stanza. La gente era seduta più lontano, alcuni ballavano, altri camminavano a bordo piscina. Allungai discretamente la mano e mi sentii la vita, facendola scivolare giù fino al sedere. L’ho levigato, sentendo la curvatura di un sedere femminile, il tono di un fianco lavorato.

– Non vergognarti, Gustavo. C’è una sorpresa per te.

– Per me?

Guardai di lato, con gli occhi spalancati. Rebecca mostrò i denti. Mi sono chinato e le ho toccato la coscia soda, quante ore di esercizio ha fatto questa donna? Salii ancora, sentendo la pelle morbida, finché arrivai al fianco, liscio, satinato, le mie dita entrarono tra le sue curve. Il culo si aprì e la mano affondò nel calore umido. Ci siamo fissati, io ho avuto paura e lei ha alzato le sopracciglia.

– Sei senza mutandine?

Si morse il labbro e poi mise il broncio. Guardò avanti, tagliò un’altra pera e parlò come se rivelasse un segreto.

– Vuoi un regalo da tua zia? Sei tu…

Lei parlava e non mi guardava nemmeno, tagliava la frutta e la metteva nei contenitori. Lei mi ha sorriso di nuovo e io ho immerso la mia mano nel suo mondo, ho sentito la distensione della sua figa morbida, le pieghe della sua fessura, le ho massaggiato la figa. L’ho fatto scivolare fino ai capelli sulla fronte. Il sudore opaco di una femmina in calore.

Altre storie erotiche  Il dipartimento delle fantasie segrete 09 - Un ultimo piano

-Uhmmmmm!!!

Lei gemette discretamente e il mio cazzo mi pulsò nei pantaloni. Con il pollice ho toccato l’ano. Il culo di una donna matura. Rebecca guardò il soffitto e aprì la bocca come se stesse per gemere. La immaginavo nuda, con i suoi bellissimi seni che si muovevano. Misi due dita tra le labbra, il succo denso cominciò a fluire nella mia mano. Anche Rebecca era emozionata.

Si mosse e il suo respiro si accelerò. La zia tremava finché non trovò il manico del coltello sul ripiano in granito.

– Bene bene bene!! Nipote, per quanto tempo? Sei già un tale adulto.

Non so nemmeno da dove venisse, so solo che l’ho visto seduto di fronte a me, dall’altra parte della panchina. Era Laerte, mio ​​zio, la cui voce tradiva la sua ubriachezza, l’unico a spiegare perché non si era accorto del mio sguardo spaventato. Mi sono bloccato guardando il suo viso e Rebecca ora aveva gli occhi bassi, comportandosi come se nulla fosse successo.

Lei continuava a tagliare il frutto e io continuavo con la mano ancora intrappolata tra le sue natiche. Me lo sono tolto poco a poco, pregando che mio zio non volesse tenermi la mano.

– Andiamo Laerte. Lascia solo il ragazzo. Lui si occuperà dei visitatori mentre Gustavo mi aiuta a preparare l’insalata.

Parlò con voce sicura, ma senza guardare suo marito. Senza alcuna traccia di paura o terrore. Non sapevo dove mettere la faccia. Per fortuna il ragazzo barcollò verso l’altro lato della stanza. Entrambi abbiamo tirato un sospiro di sollievo, ma è stata Rebecca a ridere per prima.

-Kákáká!! Sei molto divertente Gustavo. Sembra addirittura che tu abbia visto un fantasma.

– Ce l’hai quasi fatta! Ha quasi visto cosa stavamo facendo!

– Non noi, sei stato tu a palpeggiarmi. Un ragazzo sfacciato che mi accarezza. Anche mio nipote!!

– E se lo sospettassi?

– Ubriaco? Dubito.

Tornò a tagliare frutta, fragole, banane e pere. Ho mostrato la mia mano sudata. Rebecca ride, imbarazzata e molto, molto cattiva.

– Hai visto cosa ho detto! Adesso provalo, vedi se ti piace il succo che ti ha preparato tua zia.

Era sorprendente, chi avrebbe mai pensato che Rebecca si sarebbe comportata così davanti a così tante persone? Ricordo il ristorante. Ho preso un chicco d’uva e l’ho addentato, sentendo il sapore dolce della miscela di frutta come il sapore di una zia arrapata. Avevo in mano una fragola e lei l’ha succhiata! Sì, ha succhiato il frutto e le mie dita. Ne leccò, morse e inghiottì un pezzo.

-Quando vuoi di più…

Il mio cazzo mi pulsava nei pantaloni, morivo dalla voglia di catturare questa ragazza. Picchia quel cazzo in quella bocca, in faccia a quella troia. Non so nemmeno da dove sia venuta quest’idea, un’idea oscena, immorale, ma deliziosa…

Avevo in mano un acino d’uva, un acino pieno, luminoso, verdastro. Abbassai discretamente la mano come se non volessi nulla. Mescola la frutta. Le ho messo l’uva sul culo, ho forzato l’ingresso, ho trovato l’apertura, Rebecca ha allungato le gambe e ha praticato il buco.

-AAaaaaaa!! Woostavooooo!!

Il grosso acino ci mise un po’, ma passò, passò tutto intero e penetrò in profondità nell’ano di Rebecca. La zia si mosse, mi guardò con gli occhi scintillanti, un misto di sorpresa ed emozione.

– Allora oggi non mi lascerai solo!! Questo mi farà impazzire per il resto della notte.

Lei rise, mordendosi il labbro, scuotendo la testa e lasciando cadere i capelli su una spalla. Ha fatto finta di pizzicarmi la guancia, mi ha baciato e mi ha gemito all’orecchio. Se ne andò come se nulla fosse successo. Si allontanò dondolando la vita, muovendo il vestito come se fosse una danza. Ho sentito il mio cazzo attaccarsi alle mutande.

Passammo il resto della notte senza parlare. Si scambiavano sguardi furtivi, risate e talvolta incrociavano le gambe, mettendo in mostra le cosce toniche e immaginavo gli effetti di un acino d’uva infilato nel culo di un gatto, mia zia. Mi è piaciuto essere il tuo carnefice.

Quando la festa finì, quando i miei genitori si salutarono. Rebecca mi abbracciò e mi baciò mentre parlava ad alta voce.

– Mi è davvero piaciuto che tu sia venuto, nipote. Ho adorato questa sorpresa che mi hai fatto oggi. Era speciale.

– Ecco, zia, te lo meriti.

– Lo so. Ma non dimenticare, puoi mandarmi la foto più tardi.

I miei genitori non capivano niente. Mia madre stava per chiedere quando Rebecca rispose per prima.

– Gustavo mi ha raccontato questo di una bellissima foto, una quercia, che ha fotografato. Adoro le foto degli alberi.

***

È difficile nascondere la mia erezione, è difficile pensare ad altro mentre torniamo a casa. Mi fa male il cazzo e sogno l’uva nel culo di mia zia. I miei genitori non se ne sono nemmeno accorti quando siamo tornati a casa. Sono salito velocemente per non farmi vedere. Ho fatto anche la doccia, mi sono masturbato sotto la doccia, sono quasi venuto, è stato allora che mi sono ricordato di quella foto che mi aveva chiesto Rebecca. Ho tirato fuori il cellulare per filmarlo, per mostrare tutto il caos. È stato allora che ho visto un suo messaggio, anzi tre.

Mi asciugai e uscii, completamente nudo, nel letto. Ho aperto il messaggio e prima è apparso un “selfie”. Il telefono cellulare ad alto volume e il suo volto chiaramente sorridente. Rebecca addenta un chicco d’uva. Ho sentito la mia crema scorrere lungo il palo, bagnandomi le mani, fino alle palle.

Sotto, un testo provocatorio.

“Yum… L’uvinhaaaa. Dolce, dolce. Chissà, forse un giorno lo proverai.”

Nell’ultima, un’altra foto. Fa il broncio come se stesse dando un bacio. Sentivo la punta del cazzo gonfia, rossa. La tensione esplode da tutti i pori, l’emozione si erge come un vulcano. Mi sono masturbato freneticamente, il suono di una sega bagnata. La mano agitata afferrò il baule. Ho preso il primo boccone e ho urlato. I getti suonavano forte e io rimasi lì a gemere il nome di mia zia.

Ho scattato la foto che mi aveva chiesto, ho puntato la macchina fotografica e ho puntato sul bastoncino, lo sciroppo che esce dalla testa mi scorre lungo le dita. Ha inviato la foto, anche se in seguito mi sono preoccupato che fosse stata più violenta di quanto desiderasse veramente. Ho anche registrato l’audio.

“È quello che volevi? La foto della mia “quercia”? Allora mi fai impazzire… Quando potrò rivederti?”

Pensavo che avrebbe risposto subito, ma con il passare dei minuti è arrivato il sonno. Alla fine mi sono addormentato e mi sono svegliato con il sole che entrava dalla finestra. Mi sono alzato, mi sono lavato la faccia e solo allora ho cercato il cellulare. Non me lo aspettavo nemmeno, ma a quanto pare neanche Rebecca poteva sopportarlo. Mi sono seduto sul letto e ho ascoltato il suo messaggio.

Altre storie erotiche  Il cameriere e mia moglie.

“Ti sto facendo impazzire, vero? Hmmm… Tua zia ti ha fatto impazzire? È pazzesco, Gustavo!!

Per quanto riguarda l’ordine. Non preoccuparti, la zia prepara tutto. E’ solo questione di giorni. Lascia che tuo zio vada lì.

Intanto dormi sognando gli angeli o l’“angelo” che ami di più. Baci.”

Ci scambiamo messaggi ogni giorno. Più di una volta al giorno. A volte andavo troppo oltre e inviavo foto oscene di me e di altri. Rebecca mi controllava, avevo un sacco di problemi. A volte rideva e basta. Solo una volta mi ha mandato una foto in cui mostrava le sue tette dure mentre indossava un bikini arancione. A parte questo, era la solita conversazione: shopping, viaggi e famiglia.

Per tutta la notte ho rivisto i testi e le foto che mi aveva inviato venerdì, compreso il suo morso all’uva. Era lo stesso che ti ho messo nell’ano? Rebecca era più cattiva di quanto pensasse? Lunghe e molte eiaculazioni dopo, il suo cazzo era quasi crudo per aver sognato sua zia. Arrivò un messaggio secco e breve.

“Vieni domani.”

Domani, in questo caso, sarebbe sabato. Avevo lezioni all’università, ma chiunque dicesse che mi importava, anche se fossero esami, non avrei mancato l’appuntamento. Quando arrivò il mattino, inviai il messaggio, ansioso.

“Posso andare ?”

Le ci è voluto un po’ per rispondere.

“Vieni dopo le dieci, Laerte sarà già andato via.”

***

Ho fatto la doccia, mi sono preparato. Ho informato il gruppo che stavo partendo e mio padre mi ha ricordato di non fare tardi, avevano bisogno della macchina per andare a cena. Avrei voluto chiacchierare, per vedere se non avevo bisogno di tornare, ma non è stato possibile. Mia madre pensava che fosse strano, ma non persi tempo a spiegarne i motivi. Vola via sognando Rebecca.

Sono arrivato all’appartamento poco dopo le dieci. La portineria mi ha avvisato del mio arrivo e mi ha detto di entrare, a metà strada è arrivato un messaggio.

“La porta è aperta, entra. Sono in piscina.”

Parcheggia accanto alla porta ed entra. Attraversai il soggiorno, scesi le scale e mi ritrovai nella stanza dove si era tenuta la festa, più di una settimana prima. Ho aperto la porta a vetri e ho raggiunto la piscina. Non ho visto nessuno mentre camminavo verso la piscina.

Rebecca appariva come un’opera d’arte, fluttuante con le braccia aperte. Il sole alto che colpisce le acque e lei che dondola sulle onde, completamente nuda. Il viso con gli occhi chiusi, i seni scoperti, i capezzoli rosa e duri, il ventre e le cosce fluttuanti in vista. Un sogno, un bellissimo gatto galleggiante.

Lei voltò il viso e sorrise, alzandosi e attorcigliandosi i capelli con entrambe le mani.

– Andiamo tesoro, l’acqua è fantastica. Non sai cosa ti perdi.

E galleggiò di nuovo. Ho camminato togliendomi la camicetta, le scarpe e i calzini.

– Ma entra nudo. Il modo in cui ti amo.

Lei rise e io feci quello che mi aveva chiesto. Il cazzo stava diventando duro e mi sono avvicinato dov’era. Ho ammirato ancora una volta il delizioso spettacolo di Rebecca, i suoi occhi chiusi, la bocca ben definita, i seni gonfi, le punte sollevate dal contatto dell’acqua, la curva morbida di un piccolo ventre che scende fino a un piccolo ombelico, le sue cosce che sembrano due montagne e alla fine i mignoli dipinti di bianco, un lettino a forma di donna.

Ma la cosa veramente emozionante fu quando Rebecca gli mise le mani sulle cosce e scese, massaggiandogli l’inguine. Provocante, insinuante… Più che attraente.

– Non puoi immaginare come sta tua zia oggi. Mi fai impazzire, ragazzo.

Il mio cazzo è uscito dall’acqua duro, come un bastone bagnato. Le ho lisciato i capelli, mentre lei apprezzava la mia condizione. Scesi baciandole le labbra, le tenni la testa e la mia lingua le invase la bocca. Rebecca ha lisciato il mio bastone, ci ha avvolto le dita delicate attorno e mi ha graffiato con le unghie. Allo stesso tempo, il nostro bacio è diventato ancora più irrequieto, le nostre lingue Ci hanno leccato dalla bocca.

– Mi piace quando sei così. Non sai come l’ho sognato.

– Non puoi nemmeno immaginare come mi sono sentita in questi giorni.

– Era che? Ti ho fatto impazzire di me? Quindi mostratelo. Mostra cosa vuoi fare con la zia.

Ha un bellissimo sorriso. Le succhiavo i capezzoli, le succhiavo i seni mentre le sue dita mi stringevano goffamente, goffamente. Questa sega da una donna ansiosa.

– Non lo sopporto, Gustavo! Mangia presto zia!! Mio Dio!!

Il suo desiderio era contagioso, il mio cazzo pulsava e sbavava. Ho fatto scorrere la lingua sul suo corpo, le ho baciato la pancia, le ho leccato l’ombelico fino a raggiungere la vita. Amavo la figa ben curata, i peli sulla fronte sollevata, l’inizio di una lacrima e le labbra scure piegate sotto.

Ho messo la mia faccia e le ho leccato la figa. L’acqua e il succo si mescolano nella mia bocca. Rebecca gemette caldamente, allargando le gambe. Ho scoperto i loro segreti e ho risucchiato il gruppo, un gruppo molto piccolo. Arrivò il forte odore di una donna tossicodipendente.

-GusTAVOOO!! AAAAahhh!! Zia!! Uuummm!!!

Rebecca mi afferrò per i capelli e mi infilò la faccia nella sua bocca spaccata. Una sensazione deliziosa e calda. Ho infilato la lingua e ho leccato l’interno. Ho leccato le viscere proibite di un padre. Ho penetrato Rebecca con la faccia. Ho iniziato a bere il suo succo caldo, un succo forte.

Rebecca ha avuto il suo primo orgasmo, un breve orgasmo che mi ha sputato in faccia. Ha strofinato la mia faccia contro il suo corpo e io ho leccato le sue labbra piegate.

Ma invece di essere un sollievo, mi ha fatto arrapare ancora di più. Mi alzai, andai avanti e indicai il mio puntatore. La zia rise e allargò ancora di più le gambe paffute. Le ho strofinato il cazzo sulle labbra, l’ho strofinato lentamente sui capelli di mia zia. Rebecca mi abbracciò con le gambe. La figa appuntita, dura, e il mio cazzo le accarezza il clitoride, allargando le sue labbra. Ho stuzzicato Rebecca con il mio cazzo, caldo e duro, che pulsava sempre di più.

-OOoohhhh!!! Woohoostavuuuu!!! La zia!!

Sono entrato, finalmente ho aperto l’ingresso e la fica mi ha inghiottito completamente. Questo delizioso calore di una deliziosa vulva. Poi vennero le onde violente, il turbinio delle acque. Rebecca si tiene le tette e gioca con i suoi capezzoli sodi. Non c’è niente di meglio che sentirsi completi dentro una ragazza così sexy. Ho trafitto Rebecca con il bastone e lei mi ha inghiottito con il suo grembo. Rebecca, elegante e smagliante, diventa donna davanti a me, offrendomi il piacere della sua fessura calda e profonda. Com’era bagnato lo stretto solco della zia. Ho sentito il suo spasmo. Rebecca urlò.

– Oooohhhhh!! Uuuuuhhh!!

È arrivato un nuovo piacere, una corsa, mi ha abbracciato con le gambe. Sentivo il caldo umido mescolarsi nelle acque. Rebecca mi mostra il suo seno e io le tengo i fianchi. La meravigliosa Rebecca si prende gioco di una troia del cinema. Bello, bello e osceno.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di corone - fidanzato arrapato

Lei allargò le gambe e io cominciai di nuovo a muovermi come un matto. Sbattere la bellissima vagina. La figa succulenta gocciola e il mio cazzo che brucia sui carboni ardenti. Ho vomitato il primo sputo, gli ho iniettato la mia crema, quello sperma lungo, quello sperma profondo.

-AAaaaaaa!! Rebecca!!

Alla fine ho scopato mia zia.

– Gustavo tesoro!! Riempi tua zia di gala, riempi tua zia di latte!!

Sempre più indecente, Rebecca le pizzicava i capezzoli e faceva emergere i suoi bellissimi seni. L’abbraccio con le sue gambe è finito solo quando le ho riempito la figa con la mia crema. Il mio sperma si è mescolato con il tuo dolce ed entrambi si sono riversati nelle acque.

Restammo così per un po’, lei galleggiava completamente e io accarezzavo la sua pelle morbida. La visione prodigiosa di una donna incredibile. Ho preso in braccio Rebecca e ci siamo abbracciati… Due corpi bagnati e sudati. Prima che gli innamorati si baciassero, indossava il sorriso di una zia orgogliosa.

– Pensi che tua zia sia molto perversa?

– Era tutto ciò che volevo.

– Giusto? Non vuoi nient’altro?

Questo sguardo d’intesa viene da qualcuno che sa che scoperà molto di più. Lo sguardo di chi sa che questo è solo l’inizio.

– Vieni, vieni a mangiare qualcosa. Poi abbiamo giocato di più.

Rebecca uscì, prendendomi per mano, camminando sinuosamente davanti a me. Oscillando i fianchi larghi, sfilando come se fosse su una passerella.

Abbiamo trascorso un po’ di tempo rilassandoci sui divani, bevendo vino e vodka e mangiando qualche spuntino. A poco a poco l’affetto e i baci tornarono. Rebecca mi ha eccitato. È nuda su un fianco, mentre il sole le abbronza la pelle. E lei è magnifica, sorpresa di rivedermi duro.

– Ancora! Molto difficile! È così bello sapere che lo sto facendo con te.

Si voltò e tirò fuori un barattolo da una borsa.

– Quindi divertiti e passamelo. Voglio essere davvero carina.

Lei si sdraiò sulla schiena, si mise un cappello di paglia sul viso, io mi sedetti accanto a lei, mi spalmai la crema solare sulle mani e cominciai dal collo e dalle braccia.

– Non dimenticare il tuo seno, tesoro.

Ho lasciato cadere una lunga goccia di crema e ho fatto rotolare le dita, accarezzando i suoi seni, i boccioli carnosi e morbidi. Rebecca gemette quando sentì i suoi capezzoli indurirsi, io pizzicai entrambe le estremità. E sorrideva sotto il cappello di paglia. Il cazzo pulsava, mi chinai e gli succhiai i capezzoli, mordicchiandone le punte. Rebecca si tolse il cappello e mi colse sul fatto.

– Ragazzaccio! Ora stendilo sulle cosce.

Feci come mi aveva chiesto, mi unsi le mani e lo allargai, lucidando le cosce spesse e ben lavorate delle mie gambe fino a coprirmi i piedi. Rebecca ha fatto finta di dormire, ma ha cominciato ad aprire le gambe, mostrandomi il suo bel davanti, mostrandomi la sua vulva dura, una vulva troia, carnosa, bagnata, con il sudore che colava lungo la pelle dorata.

Far venire l’acquolina in bocca. La bella figa, la fronte incoronata, le labbra strofinate e piegate, conservano i suoi misteri. Mi sentivo come se la figa di mia zia pulsasse. Il sudore cola dalle pieghe. Lui le afferrò i fianchi, stringendoli e spingendola ancora di più in avanti. Si muoveva come una lanugine. Lei gemette, grugnì, allargò le gambe e la sua vagina apparve in modo allettante.

Feci scorrere la mano stringendomi le cosce, accarezzandomi l’inguine. Rebecca lasciò cadere le gambe. accanto. Questa visione scioccante di una donna che si eccita. Lei gemette più forte, sul viso si vedevano solo il mento e le labbra. È stato allora che ho avvolto le mie braccia attorno ai suoi boccioli setosi e carnosi. Mia zia tremò, le sue mani strinsero la presa sui fianchi, i suoi seni si sollevarono, mostrando due bellissime colline. Rebecca brillava al sole di mezzogiorno. Accattivante e sempre più provocatorio.

– Uuuunnnnnhhhhh!! Caro!!

Si muoveva lentamente come un serpente. Ho usato il dito medio, facendolo scivolare dentro, accarezzandone le pieghe. Ho fatto quello che preferivano, ho cominciato a prendere in giro mia zia. Proibito, nascosto, ho masturbato Rebecca, facendola tremare involontariamente. Sciroppo denso, sciroppo caldo che gocciola dalle sue labbra. Ho levigato la sua crescita, l’ho girato delicatamente ed è diventato rosso. Lei l’ha afferrata per la vita, ho scoperto le sue labbra, la carne rosa che emergeva, l’apertura buia di una grotta accogliente.

-AAainnnhhhh!! Gustavooooo!! Oh mio Dio mmmm!!

Ho messo due dita dentro e ho iniziato a scopare con le dita mia zia. Dita emozionanti che perforano questo mondo proibito. Aprilo e scopri la piccola puttana che c’era in questa donna raffinata. Il cazzo pulsava e pulsava e io scopavo Rebecca come se fossi il suo uomo. La vita continuava a muoversi, alzarsi e abbassarsi, come una polvere lenta. Anche il cappello che le nascondeva gli occhi rendeva Rebecca ancora più emozionante.

L’odore di una vagina mielata, il calore di una vulva eccitata. Avevo prurito dal desiderio, ho spinto il limite del suo desiderio. I rumori umidi, i tremori e il caldo provenienti dalla zia. Ho baciato la sua fronte pelosa. Il sapore amaro di una vagina in calore. Il gusto di una donna incantata.

Gli ho leccato le labbra, gli ho succhiato il cazzo. Quel bacio sciatto, quella lingua vibrante che ti faceva masturbare senza volerlo. Una melma appiccicosa cominciò a fuoriuscire, macchiando la fronte appuntita. Ho succhiato il succo caldo di mia zia. Il dolce succo di Rebecca. Lei si agitò ancora di più, mi afferrò per i capelli, mi tirò su e mi strofinò il viso. Mi masturbo con la faccia.

– AAAaaaaa!! Gus-tavuuuu! Non farlo con tua zia! Non farmi impazzire!!

Arrivò un momento intenso, teso… Arrivò un urlo acuto, un ruggito!!

– Aiiiiii!! AAaaaaaiiiiii!! Oh!!

Rebecca mi sbatté le palpebre in viso, lunghi rivoli, le sue gambe tremarono, e rise di sollievo. Continua a gemere e la sua figa vibra.

Mi sono seduto sulla sedia accanto a lui. Rebecca ha visto il mio stato, il mio bastone appiccicoso. Si allungò e mi accarezzò, immergendo le dita nel mio desiderio. Senza il cappello, mi fissava. Si morse il labbro e parlò come se fosse un segreto.

– Ho un regalo per te. Un regalo che so che ti piacerà.

– Secondo me?

Lei rise maliziosamente, tolse la mano e si girò su un fianco e poi sulla pancia. Le sollevò il bel culo e le mise le mani ricurve sotto il seno.

– Applicami la crema sulla schiena e te lo faccio vedere.

Continuazione della storia: Le mutandine di pizzo di zia Rebecca

*Pubblicato da ivaseduz sul sito climaxcontoseroticos.com il 18/11/21.