Racconto erotico di corone – Adorave Vizinha

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Una delle esperienze più gratificanti della mia vita è avvenuta molti anni fa. Capisco che alcune opportunità non dovrebbero mai essere perse perché questa potrebbe essere unica.

All’epoca vivevo con i miei genitori. Il primo semestre di giurisprudenza è stato per me molto faticoso, perché rispetto al liceo appena terminato non avevo praticamente tempo per divertirmi.

Poi mia madre ha iniziato a vendere prodotti di bellezza da casa, organizzando sempre incontri con i clienti, servendo tè e biscotti, con l’obiettivo di aumentare il reddito familiare. I suoi sforzi sono stati utili in ogni senso, poiché la sua separazione da mio padre ci ha causato notevoli difficoltà finanziarie.

Una delle sue clienti, Cantia, era una giovane donna. !Quarantadue anni, sposata, madre di due adolescenti, casalinga. Il marito, da quanto ho capito ascoltando alcune sue conversazioni con mia madre, era sempre in viaggio per lavoro. E durante una di quelle conversazioni sono riuscita a sentire che stava per separarsi dal marito, perché non sopportava la sua assenza in casa, lontana da lei e dai suoi figli.

A quel tempo non capivo molto bene il mondo femminile. Era quasi vergine, con molta masturbazione nel curriculum e pochissima conoscenza pratica. Aveva già fatto l’amore, aveva avuto delle fidanzate e tutto il resto. Ma hanno tutti la stessa età o meno. E questo tipo di esperienza si impara nella pratica!

Bene, per riassumere un po’, mia madre mi ha parlato della possibilità di aiutare Cântia a casa. Aveva bisogno che qualcuno salisse sul tetto e vedesse cosa bloccava il drenaggio dell’acqua dal tetto. Chiese a mia madre se poteva fargli questo favore, perché mi avrebbe ricompensato per il servizio reso. Ho detto subito di sì e mia madre lo ha programmato per il sabato successivo.

Sabato, alle 9 del mattino, ero davanti alla porta di Cintia, a poco più di 200 metri da casa mia. L’ho incoraggiata e presto è uscita dalla porta principale di casa. Quella dannata cosa era una grande donna! Aveva una corona sottile, cosce grosse, un seno grande e sodo e un culo enorme. Sono sicuro che dovunque andasse, la stavano cercando.

Cintia indossava un abito che le fasciava il corpo, di quelli che delineano il corpo di una donna. C’era un piccolo rigonfiamento sulla pancia, ma per essere una donna che non vive in palestra, avrebbe “picchiato” molte ragazze. I suoi capelli lisci, lunghi fino alla vita, completavano brillantemente questo spettacolo femminile. Infine, la ciliegina sulla torta è stata il suo fascino. Onestamente, per una donna avere bellezza fisica è il minimo che possiamo fare. Ma il fascino, lo sguardo, il modo in cui tutto si manifesta, definisce la bellezza di una donna.

Cantia mi ha invitato. Una stretta di mano, un sorriso nei suoi occhi, un discorso educato mentre mi illustrava il problema, camminandomi davanti pieno di malizia mentre mi conduceva sul retro della casa… Mi ha fatto venire le farfalle nello stomaco. Poi mi ha mostrato una scala appoggiata al muro e mi ha detto dove potevo salire per raggiungere il tetto.

E lì sono andato.

Ho scoperto che tutto il problema era causato dall’albero di mango di un vicino, i cui alti rami attraversavano il giardino di Cantia e le foglie si accumulavano al punto da ostruire l’intera grondaia. Ho pulito il posto e ho subito annunciato che tutto era pronto. Sono sceso di casa, ho portato fuori la spazzatura e tutti hanno detto che era finita. Cintia mi ha ringraziato con un grande sorriso, mi ha dato cinquanta reales e un bicchiere di succo. Mi chiese se volevo sedermi e riposarmi un po’. Gli ho detto di no, che andava bene e che non volevo intralciarmi.

– Non ti darà fastidio, idiota. Dai, siediti un po’.

Mi sono seduto al tavolo e abbiamo iniziato a chiacchierare di piccole cose. Da mia madre, dalla mia università, da suo marito sempre in viaggio, dai figli che stavano con i nonni. E poco a poco siamo entrati nell’argomento delle mie possibili fidanzate, delle mie relazioni, e gli ho spiegato “fuori di testa” che non avevo esperienza in quel settore. Che era giunto il momento di dedicarmi all’università.

– Ho capito, è davvero la cosa migliore che puoi fare. Pensa al tuo futuro. – lei dice.

– Se è questo che voglio.

– ‎Ma non puoi fare a meno di divertirti. Ci vuole tempo anche per fare una passeggiata, uscire con qualcuno, FARE SESSO… – disse alzando la voce.

Mi sono subito strozzato con il succo, sentendomi completamente in imbarazzo. Sentii le mie guance bruciare a quel commento. E quella dannata cosa con quel sorriso malizioso.

– Cos’era? Sei imbarazzato? – Lei rise forte.

– Non preoccuparti, non mordo. Ma mi piace dire quello che mi viene in mente.

-E cosa ne pensi adesso? – ho chiesto innocentemente.

– Davvero vuoi saperlo?

Annuendo, ho detto di sì.

Fu allora che il mio cuore iniziò a battere forte. Cintia si alzò dalla sedia e lentamente si avvicinò dove mi trovavo. Dal nulla, si inginocchiò davanti a me e mi allargò le gambe. I miei pantaloncini mi caddero ad una velocità impressionante e finirono ai miei piedi. La biancheria intima fece lo stesso e ciò che rimase fu il mio cazzo, completamente duro per la situazione. Non potevo credere che stesse accadendo.

Cântia sentiva il suo membro muoversi su e giù, respirando profondamente e sbavando chiaramente. Il suo sguardo leonino attirò la mia attenzione, una leonessa che guarda la sua preda indifesa, in attesa di essere divorata. Mi sono aggrappato alla sedia, completamente assorbito da ciò che stava accadendo in quel momento. Ben presto il mio corpo si riempì di un’enorme ondata di piacere, proprio mentre la sua bocca bagnata copriva tutto il mio cazzo. Arrivò in fondo lasciando uscire solo le palline. Sentì la testa colpirla in gola e rimase così per qualche secondo. Quando è tornata ha fatto un respiro profondo e il mio cazzo è tornato completamente macchiato. Alla fine lasciò cadere tutta la saliva della bocca sulla testa gonfia. La saliva mi colò lungo il cazzo, raggiunse le palle e mi bagnò tutto l’inguine.

– Vieni qui… Mettiamoci più comodi.

Cântia mi ha portato in soggiorno, dove mi ha fatto sedere su un enorme divano bianco. Al centro del divano c’erano un morbido tappeto e un tavolino da caffè. È venuta sopra di me, si è seduta sulle mie ginocchia e abbiamo iniziato a baciarci. Mi tenne il viso mentre la sua lingua entrava nella mia bocca. Gli ho succhiato la lingua, gli ho morso il mento e poi il collo. Le mie mani erano intrappolate sul suo sedere, correndo lungo tutta la sua lunghezza. Il suo vestito le arrivava già alla vita e il mio membro aveva già un contatto delizioso con la sua vagina. Ha continuato a girarsi mentre le stringevo il culo. Ho guardato di lato per un momento e ho potuto vedere i movimenti del suo corpo seduto accanto al mio.

Non ci ha messo molto a mettere la sua figa sul mio cazzo e senza troppe difficoltà lui è entrato dentro di lei. Cântia cominciò a rotolare lentamente, con l’aiuto delle mie mani che non si stancavano mai di tenere e stringere quel culo. Nel frattempo i suoi seni gonfi uscivano dai vestiti e cadevano direttamente sul mio viso. Senza perdere tempo, ho sentito i capezzoli duri con la lingua. Poi li ho presi ciascuno mordendogli il becco. Cântia inarcò il suo corpo con tanto piacere, allo stesso tempo che la sua vita continuava a muoversi su e giù sul mio membro.

Cântia si alzò dalle mie ginocchia e poi si sdraiò sul divano. Ha continuato con il vestito, ma a questo punto serviva solo come elemento decorativo. Ho approfittato del fatto che aveva le gambe spalancate e sono caduto con la bocca sulla sua figa. Bello, fragrante, completamente cremoso. Un invito per il mio più grande piacere. Il gusto era indescrivibile! Cântia gemette forte di piacere, mentre la mia lingua percorreva ogni parte del suo sesso. Ho iniziato dall’inguine, dando leggeri tocchi con la lingua. Quindi mordicchia leggermente lì e all’interno delle cosce. Feci scorrere di nuovo la lingua e finalmente toccai la sua guancia gonfia. Catia chiuse gli occhi e appoggiò la testa all’indietro. Toccavo solo la punta della lingua sulla piccola griglia e di tanto in tanto le scendevo su tutta la figa. In uno di essi, ho avvicinato la lingua al suo sedere, dove ho notato che diventava incontrollabile quando la toccavo. Gemeva forte, le piaceva! Volevo usare questo a mio vantaggio.

Le ho chiesto di mettersi a quattro zampe per me, lasciandole supporre che l’avrei penetrata come un bambino di fretta. Con sua sorpresa, ho cominciato a sentire le sue natiche, facendo scorrere le mani su tutta la lunghezza e terminando con uno schiaffo deciso. Lei mi guardò sorridendo e in quel momento la mia bocca cadde sulla sua figa. Emise un forte gemito e mi tenne la testa tra le gambe. Lo strinse forte, mentre la mia lingua faceva miracoli. Dato che ho notato che le piaceva la sensazione del suo sedere, ho deciso di provarlo di nuovo. Ma questo Una volta mi sono concentrato lì, mentre mi rotolava sul viso. Con una mano ho iniziato a toccarle la vagina dal basso, sfiorandole la figa. Cântia è impazzita e quando ho capito che le sue reazioni si stavano facendo intense, ho intensificato i tocchi. Le sue gambe iniziarono a tremare, il suo respiro cambiò e all’improvviso accavallò le gambe e si allontanò dal mio viso, con gli occhi chiusi, gemendo più forte.

– Cattivo… mi ha fatto venire!

Eccellente! Missione compiuta! – Ho pensato.

Non ci volle molto prima che si girasse verso di me e mi baciasse con grande passione. È tornata a quattro zampe e mi ha detto di entrare dentro di lei.

—Ficcamelo nella figa, senza pietà! – implorò.

Non mi sono comportato da stupido e sono rimasto dietro di lei. Non appena il gallo è entrato, ha fatto il resto del lavoro da solo. Non avevo mai visto una donna cavalcare un cazzo così tanto. Le ho tenuto il sedere, l’ho sculacciata… ma la ciliegina sulla torta è arrivata quando ha tirato indietro i suoi lunghi capelli e mi ha chiesto di tenerli. L’ho avvolto attorno alla mia mano destra e ho iniziato a domare questa bestia. Il suo corpo leggermente arcuato, i suoi gemiti e vedere quel culo delizioso che colpiva i miei fianchi mi hanno fatto arrapare moltissimo.

Come ho detto prima, non avevo mai avuto un’esperienza così intensa e non ci ho messo molto a venire. Cântia mi ha offerto il suo culo affinché potessi venirle dentro. E l’ho fatto con generosità. L’ho apprezzato come non l’avevo mai apprezzato in vita mia. Poi si è avvicinata a me, mi ha stretto forte il cazzo e mi ha baciato deliziosamente.

Siamo andati in bagno, dove ho anche mangiato una deliziosa pappa. E ovviamente ricambia con gioia la carezza.

Il mio amato vicino è stata una delle migliori esperienze che abbia mai avuto in vita mia. Purtroppo, poco dopo, dovettero trasferirsi in un’altra città perché il marito lasciò il lavoro. Ma anche prima, ci ritrovavamo ogni volta che un mango cadeva sul suo tetto, minacciando di ostruire le grondaie della sua casa.

Spero che questo ti sia piaciuto. Se ti è piaciuto lascia il tuo commento! E se vuoi fare nuove amicizie, chattare, ecc. inviaci un messaggio a: > Email: [email protected]

Whatsapp: 091992422179

Facebook: Maiicon Dyonnanthan Psc

..Note di speranza, cari lettori

*Pubblicato da 17cattivo sul sito climaxcontoseroticos.com il 06/10/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *