Racconto erotico di corone – Bella età

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Questo evento è accaduto 5 anni fa, eravamo un po’ in imbarazzo a raccontarvelo, ma ci riporta alla mente il ricordo di qualcosa di molto speciale.

Mi chiamo Osmar e mia moglie Lia, abbiamo rispettivamente 63 e 59 anni.

Siamo maturati nel matrimonio nel corso degli anni e abbiamo sempre fantasticato molto sul sesso.

Prima che ciò accadesse, l’ho incoraggiato ad avere una relazione sessuale con qualcun altro.

Non è che voglio essere tradito. Ero l’unico uomo nella sua vita e ho avuto diverse esperienze quando era single, quindi non penso sia giusto che non ne abbia avuta almeno una per sentire la differenza.

Queste conversazioni la facevano sempre arrapare moltissimo, ma non lo accettava. Fino a 5 anni fa.

Abbiamo affittato un agriturismo per un lungo weekend di vacanza. Solo noi, il guardiano e la natura.

La guardia, Josenildo (che chiese di chiamarsi Joseni), era un mulatto di circa 40 anni. Un ragazzo di normale bellezza, forte e molto amichevole.

La nostra prima notte, mentre ci godevamo la figa di Lia, lei ha detto che era la guardia con la bocca e la lingua che le succhiava il clitoride. Lei si eccitò molto di più e disse “dai Joseni, succhiami forte, oh che sensazione deliziosa, così… mmm, sto per venire ahhhh… oh… che eccitazione.” Wow, come mi è venuto in bocca, non era mai stato così bello. La mattina dopo gli dissi:

– Ti è piaciuto darlo a Joseni, mi sono accorto che non sei mai venuto così.

– Wow, l’ho visto mentre mi succhiava. È andata molto bene.

Era sabato e dopo aver mangiato eravamo sul balcone a rilassarci quando abbiamo sentito la musica della chitarra e Joseni cantare.

– Joseni, vieni qui a bere una birra e rallegrare il nostro pomeriggio.

Lui è venuto e io sono andato a prendere delle birre.

– Signor Osmar, che gelato delizioso. E presto iniziò a suonare e cantare.

Aveva una bella voce. Lia si stava divertendo e per un attimo la sorpresi a guardargli la patta. Questo mi ha acceso una luce. Posso farti questo regalo?

Non è stato male provarci. Dopo qualche altra birra, Joseni divenne più felice e perse un po’ della sua timidezza. Quando è andato in bagno ne ho approfittato e gli ho buttato lo zucchero in bocca.

– Hai visto che non ti stacca gli occhi di dosso, deve essere senza donna da tempo. Dimmi, se ti prendesse, lo lasceresti scappare?

– Non parlare così, mi hai già fatto bagnare. Penso che mi scioglierei tra le sue mani, mi vergogno.

Più tardi Lia è andata a fare la doccia e ha detto che ci avrebbe preparato uno spuntino. E abbiamo più birra.

-E poi Joseni pensava che Lía fosse carina?

-Molto tuo Osmar. Lei è molto bella.

-Dì la verità, tu vorresti avere una moglie così, vero?

– Se vuoi, sono senza moglie da molto tempo. È ora, ho pensato.

Altre storie erotiche  Mangiare la moglie di un cugino

– Joseni, se Lía fosse d’accordo, la porteresti tu?

– Osmar mi prende in giro? Non farlo.

– Dico sul serio. È solo che incontra un altro uomo a letto e sembra che vada molto d’accordo con te. Se vuoi puoi provare qualcosa con lei e se te lo permette puoi andare fino in fondo. Ma solo se lei lo permette e se lo mantieni segreto. Joseni, ti sarò molto grato se ciò accadrà. Vedi, è andata in cucina. Fallo così, vai avanti, abbracciala da dietro e chinati in modo che possa annusarti e se ti ama lo saprai.

– Signor Osmar, se non sa cosa chiede, lo distruggerò.

Poi ho notato il volume tra le sue gambe, un bellissimo pacchetto. Le birre che ha bevuto gli hanno dato coraggio, come me, si è alzato e si è diretto in cucina. Gli ho dato una certa distanza e sono andato avanti lentamente per vedere cosa stava succedendo. Lia indossava una gonna leggera e una maglietta.

-Ciao Dna Lia, ti amavo. Poi l’abbracciò, premendo il suo corpo contro il suo.

-Cosa c’è Joseni, cosa stai facendo?

-Donna Lía, non sopporto più il desiderio di te (si strofinò contro di lei) Sono stato a lungo senza donna, senti come sto.

Poi Lia mi ha visto sulla porta, pensavo di aver rovinato tutto. Ma lei mi ha sorriso e io le ho sorriso. Ho pensato: questo accadrà.

Joseni la voltò verso di sé e la baciò con la lingua, al che lei rispose. Fare.

Joseni lo spinse verso il lavandino. Era evidente che non aveva molta esperienza. Si strappò la maglietta e con la bocca prese il seno di Lia, che gemette alla prima suzione di un’altra bocca.

-Ehi, che ne dici di andare in camera da letto?

La gente di Joseni l’ha abbracciata molto facilmente e ci siamo diretti nella stanza.

Ben presto noi tre eravamo nudi. Joseni era davvero pazzo di sesso perché la succhiava avidamente, con le mani tra le gambe di Lía, che gemeva soltanto. È stato allora che ho visto il suo cazzo. Duro come l’acciaio, un po’ più grande del mio, un po’ più spesso. Lia si sedette sul letto e cominciò ad assaggiare il gelato. – Wow, che bello.

Anche io pensavo che Jeba fosse bellissima. Ero entusiasta di entrambi.

Incapace di sopportare il desiderio, Joseni la adagiò rapidamente, le si avvicinò e cominciò a penetrarla.

– Non preoccuparti, Joseni, non mi farà male. Molto lentamente. Ah Osmar, che delizia, è diverso.

Una volta dentro di lei, cominciò a pompare lentamente, trattenendosi.

-DNA. Leggi quanto sei sexy. Che figa stretta, non ne avevo mai mangiata una così. Baciami, abbracciami con le tue braccia, che emozione.

Intanto ho offerto il mio cazzo palpitante a Lia da succhiare, lei non ha perso tempo. Quando Joseni è penetrato più forte ho avuto la sensazione che mi stesse mordendo il cazzo. Wow, come gemeva.

Altre storie erotiche  Storia erotica del cornuto - Sposata con un cornuto + (4) maschi alla locanda (parte 1)

-Dai Joseni, il mio stallone, spingilo più forte, così, più forte, più forte, che cazzo delizioso, sto per venire, spingerlo più forte, me ne vado… Sto venendo, meraviglioso. Lia tremava e gemeva molto.

-DNA. Lia viene, viene, io vengo, ahhhh… che figa stretta, mi morde il cazzo. Ahhhhhh. Che emozione, che delizioso, sogno.

-Allora Joseni, così, riempimi di latte, oh, oh sto correndo ancora, ancora. Ahhhhhh.

Joseni incontrò Lía. Entrambi ansimavano come se fossero rimasti senza aria.

Lia per me era tutta un sorriso. Non ero ancora venuto. Sono caduto nella sua figa piena dello sperma di Joseni, così lei si è trasformata in un 69 e ci stavamo succhiando deliziosamente quando Joseni, di nuovo pronto, le è arrivato dietro e ha cominciato a sbatterla con il suo palo. L’ho visto scomparire dentro di lei. Questo mi ha fatto arrapare ancora di più e ho iniziato a succhiare più forte. Di tanto in tanto la mia lingua passava sul cazzo di Joseni. All’inferno. E lei succhiò, succhiò e Lia cominciò a venire come una pazza.

-Oh, che emozione, mi stai uccidendo così. Metti dentro Joseni, fammi venire di più. Ah delizioso.

Joseni si stava comportando da matto e in un istante il suo cazzo era fuori e nella mia faccia. Di nuovo all’inferno. Alla fine ho aperto la bocca e ho afferrato quel bastone. La mia prima volta. Lia se ne accorse e cominciò a masturbarmi mentre succhiavo Joseni. I suoi occhi mi fissavano, quando mi resi conto che sentivo getti di sperma in bocca, tanto sperma, e cominciai a venire come non avevo mai fatto prima. Eravamo esausti. Dopo un po’ Lia mi fece tenere il cazzo di Joseni, era già di nuovo duro.

– Il mio amore lo lascerà dentro di te per un momento? Mi ha davvero eccitato vederti fare schifo. Si lascia scappare che il suo cazzo è delizioso. Ero congelato. Guarda cosa ho messo in valigia.

Siccome non risposi, Joseni capì cosa volevo e, girandomi a faccia in giù, non ebbi nemmeno il tempo di discutere, così si sdraiò sopra di me. Dà il doppio di me. Il suo peso non mi permetteva di partire. Potevo sentire il suo cazzo duro spingermi contro il culo.

Quando ho capito che il suo cazzo era duro (la seconda volta? È stato tanto tempo fa?). Non avevo alternative e ho ceduto.

– Stai tranquillo, non l’ho mai fatto e se ti fa male puoi smettere.

Joseni mi ha messo a quattro zampe e ho chiuso gli occhi, preparandomi quando ho sentito la sua lingua circondare il mio ricciolo vergine. Anche se non volevo, sono stato costretto ad ammettere che mi veniva la pelle d’oca. Mi sono messo a quattro zampe, Joseni ha appoggiato la testa del suo cazzo contro il mio sedere e ha cominciato a massaggiarlo, forzandolo di tanto in tanto. Era davvero delizioso. Il mio cazzo pulsava. È stato allora che ho sentito la pressione e la cosa ha cominciato a farsi sentire.

Altre storie erotiche  Racconto erotico eterosessuale - La coppia di amici

– Merda, questo dolore. Vacci piano, molto lentamente. Oh, fa male.

– Calmati, ama, rilassati, quasi tutto è già lì. Disse Lia con uno sguardo di pura lussuria.

-Il tuo Osmar è abbastanza macho da prendermi il cazzo nel culo.

Ma non si era accorto che stava piangendo. Tutto per compiacere il mio amore.

All’improvviso si fermò. Lia si sdraiò sotto di me e cominciò a succhiarmi il cazzo duro e pulsante. Ha succhiato il mio cazzo e quello di Joseni. Poiché non c’è altro modo, rilassati e divertiti.

Il dolore si è attenuato e ho solo sentito il mio culo pieno. Joseni cominciò lentamente a indossarlo e toglierlo. Ogni volta che l’ho inserito mi è venuta la pelle d’oca finché non ha iniziato a piacermi. nonostante il dolore.

– Signor Osmar, che bel culo. Ed è iniziato più velocemente, ha bruciato e si è sentito bene, e più velocemente.

– Avanti, figlio di puttana, entra e fottimi. Accidenti, è delizioso. Dillo… così… che eccitazione, mi fa male, mi sta per esplodere il cazzo. Andiamo amico, mettilo di più, fanculo. Approfitta quando fa male. Sto venendo… ahhh, sto venendo.

-Aspetta Osmar, ti riempio di sperma. Ahhhhhh… così… porca miseria. E ho sentito il getto sul sedere. Quando mi ha tolto la sensazione di libertà che mi aveva dato, è stato incredibile. Ho scoperto che il piacere di dare il culo è quando ti togli il cazzo. La sborra le colò lungo la gamba.

Il giorno dopo la nostra partenza, Joseni continuava a mangiare Lía e finì per mangiare me, e anch’io mangiai lui. Il ragazzo aveva davvero bisogno di una donna e mi piaceva incularlo ma non voglio più, non è cosa mia.

Era l’unica volta e abbiamo deciso di non tornarci più. Joseni è venuto in città una volta e ha dormito a casa, ha scopato solo un’altra volta Lia e io l’ho scopato sul trenino. E così la storia finisce. Ho dato il culo ma non sono diventato frocio e Lia mi ama sempre di più.

*Pubblicato da Landò sul sito climaxcontoseroticos.com il 18/05/17.