Racconto erotico di corone – La lupa madre di Mon Ami

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Questa è la prima volta che pubblico un racconto erotico, e quella che leggerete qui sotto è una storia vera e nasconderò alcuni dettagli e cambierò anche i nomi delle persone coinvolte per mantenere l’anonimato. Sentiti libero di inviarmi suggerimenti via email e ti farò sapere alla fine della storia.

Mi chiamo Guilherme e attualmente ho 24 anni, sono castano chiaro, occhi castani, altezza media, vado in palestra ma non ho un corpo “stretto”, ho un pene normale, circa 16 cm e un poco sopra la media in circonferenza. Quello che racconterò è accaduto durante il carnevale del 2010.

Ho un gruppo di amici che dura da oltre 10 anni, risalenti ai tempi della scuola. Uno degli amici più attivi è Diego, che promuoveva sempre le nostre grigliate e i nostri giochi a casa sua perché i suoi genitori erano molto liberali con i nostri pasticci. La famiglia di Diego era composta dalla sorellina Amanda, circa 9 anni più giovane della mia classe, dal padre commerciante e dalla madre Elena, anch’essa commerciante, sui 40 anni, un po’ paffuta, con la pelle abbronzata e con i capelli piccoli segni. , seno e culo grandi, indossava sempre abiti provocanti, come gonne corte e ampie scollature.

I genitori di Diego ci sono sempre stati molto vicini, alle nostre grigliate ci raccontavano come si erano conosciuti, come andavano le loro feste adolescenziali e ci davano consigli sulla vita sentimentale e cose del genere. Consideravo il loro rapporto ideale perché univa relax e “leggerezza”, mi sembrava un rapporto molto felice.

Fatte le dovute descrizioni, vediamo cosa è successo: Diego, un altro nostro amico, Victor, hanno deciso di trascorrere insieme il Carnevale sulla costa bevendo, rimorchiando donne e divertendosi.

Quando sono venuti a prendermi a casa, con mia sorpresa, in macchina c’erano anche Helena e Amanda e mi hanno detto che sarebbero venute ad aiutarci ad organizzare il nostro campo e che anche loro si sarebbero godute la spiaggia.

Avevamo solo 2 tende, che abbiamo dovuto condividere durante i 3 giorni del carnevale in spiaggia. Siamo arrivati ​​al campo, ci siamo sistemati e devo ammettere che l’organizzazione delle donne ha fatto una grande differenza perché il nostro campo era ben organizzato e confortevole, con una tenda piantata davanti all’altra. Diego e la sua famiglia dormivano in una tenda mentre io e Víctor dormivamo nell’altra.

Ebbene, il Carnevale è andato come previsto: notti di baldoria, con tanto sesso, bevute ed eccitazione propriamente detta. Ricordo che una sera sono rimasto fino a tardi alla festa perché mi sono ritrovato con una bellissima bionda. Intanto Diego e Victor tornarono presto al campo perché avevano bevuto troppo ed avevano sonno.

Quando sono tornato al campo la mattina presto, i miei amici dormivano nella tenda da 2 persone mentre Helena e Amanda dormivano nella tenda da 3 persone. Dato che nella tenda c’era abbastanza spazio per 3 persone, alla fine ci sono rimasta sdraiata. Ero a un’estremità del negozio, Helena al centro e Amanda dall’altra parte. Alla fine mi sono “addormentato” e mi sono svegliato solo la mattina presto per un movimento di Helena, quando ho realizzato che aveva il suo corpo premuto contro il mio, quasi coccolandola. Rimasi immobile perché non si accorgesse di avermi svegliato, ma non ci volle molto prima che si alzasse per preparare la colazione.

Altre storie erotiche  La ricerca di un sottomesso

Spiaggia, sesso, aria salmastra e ora questo: Helena attaccata al mio corpo… Questa miscela ha prodotto in me un’eccitazione enorme, quasi incontrollabile. Ho cominciato a notare Helena, che fino ad allora consideravo un’ottima madre, ora come una donna molto sexy. Ma ovviamente non avrei il coraggio di alimentare questo desiderio, proverei a scopare qualcuno l’ultima notte di Carnevale per soddisfare questo desiderio.

Quel giorno decidemmo di andare in una spiaggia vicina, dove si trovavano alcuni zii di Diego. Salimmo tutti in macchina e partimmo: Víctor alla guida, Diego sul sedile del passeggero e sul sedile posteriore io ero a destra, Helena al centro e Amanda a sinistra. Il viaggio durerebbe circa 30 minuti. Indossavamo costumi da bagno e io indossavo pantaloncini da calcio e una canotta.

Per strada ascoltavamo musica e parlavamo piano, quando Helena mi mise la mano, sulla mia gamba sinistra e su quella destra di Amandinha. Nessuno si è accorto di questo movimento perché avevamo gli zaini sulle ginocchia. Non ho considerato questo gesto dannoso, quindi non ho reagito e ho continuato a comportarmi normalmente. Anche se ero un po’ emozionato dal contatto, era la madre di una mia amica e dovevo rispettarla. Non sapevo che il lupo si stesse svegliando.

Il resto della giornata trascorse normalmente, ma non riuscivo a smettere di pensare a quel contatto. Probabilmente non c’era cattiveria, ma era un’occasione per mordere senza scendere a compromessi, dopotutto era una sua iniziativa giocare e io avrei giocato in contropiede. Più ricordavo questa situazione, più mi sentivo in colpa per non aver “provato” certe cose e cominciavo a sperare che questo scenario si ripetesse.

Speravo così tanto che ciò accadesse di nuovo che l’universo ha finito per aiutarmi. Al ritorno la configurazione dell’auto era la stessa. Helena indossava una gonna corta e una camicetta scollata. Indossavo una canottiera e pantaloncini e avevamo ancora cuscini e biancheria da letto sulle gambe. Avremmo circa 5 ore di viaggio.

Abbiamo parlato tutti con disinvoltura, finché, circa la prima mezz’ora dopo l’inizio del viaggio, lei ha ripetuto il gesto e mi ha messo la mano sulla gamba. Poi ho iniziato ad arraparmi moltissimo, ancora di più dopo tutte le cose su cui fantasticavo in questa situazione.

Altre storie erotiche  Mangiare Cunhadinho sulla spiaggia

Così ho deciso di fare un test per capire se fosse davvero un gesto naturale o se avessi secondi fini: ho contratto il muscolo della coscia e ho aspettato la sua reazione. Con mia incredulità, mi strinse leggermente la gamba! È stato apposta o è stato per caso? Ci ho riprovato, questa volta contraendo un po’ di più la gamba e poi è arrivata la conferma, perché mi ha stretto un po’ più forte la gamba!

Wow, a questo punto il mio cazzo è quasi fuori dai pantaloncini! Mi piacciono le donne anziane e penso che ciò che è “proibito” sia l’ingrediente principale per emozionarsi. Catturare la mamma del mio amico ha unito i due!

Ora che avevo il via libera, potevo abusare di lei lì, a meno di un metro dai suoi figli, e allora cominciavo a dominare la situazione: strofinavo la mia gamba contro la sua facendo un leggero movimento dal basso verso l’alto e aspettavo che lei reazione. . Sono quasi arrivato in mutande quando ha ripetuto lo stesso movimento.

Non potevo dare un segnale, quindi ho continuato a parlare normalmente con tutti in macchina mentre continuavo i miei attacchi. Quando mi sono accorto che tutti erano distratti e nessuno guardava nello specchietto retrovisore, ho messo la mano sinistra sulla sua coscia nuda e ho iniziato ad accarezzarla su e giù. Emise un piccolo sospiro e mi guardò con la coda dell’occhio, dietro gli occhiali scuri. Oltre a sospirare, mi affondò anche le unghie nelle cosce, facendo capire chiaramente che era in fiamme tanto quanto me.

Ho continuato ad accarezzarle la coscia, senza fare grandi gesti per assicurarmi che nessuno in macchina notasse nulla di strano. Poi sono passato al secondo passo: con la mano sinistra ho preso la sua mano che era sulla mia gamba e l’ho portata al mio cazzo che era duro come una roccia. Lei ha resistito un po’ ma appena ha sentito il mio cazzo lo ha stretto e ha girato leggermente il viso verso di me. Feci un movimento su e giù con la sua mano, che dopo un po’ continuò a fare il movimento da sola.

Ero in estasi e ho deciso di ricambiare il piacere che stavo ricevendo, così ho iniziato a farle scorrere la mano sulla coscia, entrando nella sua minigonna e cercando la sua figa bagnata. Ho messo la cosina nell’angolo delle sue mutandine e l’ho spostata di lato. Era molto bagnata e non ho avuto problemi a infilarle il dito dentro. In quel momento riuscì a malapena a contenere un gemito in un lungo sospiro, costringendomi a fermarmi in modo che nessuno se ne accorgesse. La mia fortuna è stata che tua figlia già dormiva appoggiata alla portiera della macchina.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto: il mio capo mi ha scopato in piscina

Così dopo qualche minuto ho continuato a masturbarla come meglio potevo, senza quasi alcuno sforzo, mentre lei mi abbracciava forte e mi stringeva il cazzo mentre provava piacere.

Ora avevo il controllo completo su ciò che stava accadendo, le presi la mano e la misi nei pantaloncini in modo che potesse sentire la carne calda del mio cazzo, che pulsava, pronto ad esplodere se non mi fossi fermato. Ho resistito con molta forza mentale.

Si eccitava sempre di più e il miele scorreva attraverso la sua figa, mi sentivo come se avessi messo la mano in una bottiglia di KY, sicuramente era una tortura per lei doversi accontentare di un solo dito. Poi fece finta di dormire e si sdraiò su un fianco, appoggiando la testa sulla spalla della figlia. Lasciandole libero accesso al culo e alla figa da dietro.

Ho provato a controllare se aveva qualcosa sul sedere, ma quando l’ho toccata, lei ha allontanato velocemente la mia mano e ha fatto finta di sedersi sulla panca. Mi sono reso conto che la porta sul retro era ancora chiusa per me! Hahaha

Così ho deciso di continuare a lavorare sulla sua figa bagnata e ora potrei lavorare la mia mano destra con maggiore precisione. Poi ho iniziato ad alternare il clitoride con la figa. Questa donna ha iniziato a impazzire e ha spinto il suo culo contro il mio corpo e ha fatto un movimento quasi evidente avanti e indietro sulle lenzuola e sul letto, chiaramente volendo che prendessi un cazzo fino in fondo in questa figa calda.

Sono riuscito a infilarle due dita dentro e ho iniziato a scopare il più velocemente possibile. Poi ho sentito che veniva e ha cominciato a stringermi con una forza assurda. Poco dopo lei mi prese il braccio e se lo tirò fuori dalla figa, sistemandosi sulla panca e facendo finta di essersi svegliata. Poi ha detto che aveva fame e ha suggerito di fermarci a cena.

Abbiamo fermato la macchina in un ristorante e la gente è andata in bagno, lasciando me e lei un po’ indietro.

Poi si avvicinò a me e disse la frase che ancora oggi mi fa impazzire:

-“Ora che hai iniziato, finirai.”

Spero che la mia prima storia vi sia piaciuta e pubblicherò lo sviluppo il prima possibile. Aspetto feedback nei commenti e anche via email a [email protected].

Mi piacerebbe parlare con i Lupi che hanno gli stessi desideri di Helena. Baci!

*Pubblicato da Shavelyn sul sito climaxcontoseroticos.com il 13/03/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *