Racconto erotico di corone – Mi piacciono le donne mature 2

di | 4 de Luglio, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Mi chiamo Gladstone, ho 23 anni e vi racconterò di un’altra esperienza che ho accumulato durante la mia vita con donne milf (mature).

Alcuni influencer riempiono i social media con contenuti che avvertono sui pericoli di essere coinvolti emotivamente e sessualmente con le donne, soprattutto se gli uomini sono immaturi e inconsapevoli. Sono cresciuto in una cultura in cui rimorchiare il più giovane era l’apice, da adolescente. Andare al liceo e uscire con ragazze della seconda o dell’ottava elementare era uno status symbol all’interno di una scuola. Se non solo fossi popolare, ma anche un bravo studente esemplare, saresti il ​​partner ideale per corteggiare una giovane donna e, in seguito, “allevarla”.

Onestamente il mio sguardo è sempre stato dall’altra parte della marea. E questa convinzione si è consolidata dopo che ho avuto una relazione con mia zia Olivia, una donna bella e apparentemente realizzata, sposata con un uomo affermato professionalmente, un ufficiale della marina mercantile. Le loro vite erano sempre state viste come montagne russe, piene di alti e bassi, alti e bassi, quando lei si presentava a casa potevi star certo che era un fottuto tradimento quello che aveva scoperto. E poiché il marito di Olivia, Jackson, era un amante insaziabile, Olivia ha fatto tutto il possibile per mandare avanti il ​​matrimonio, anche se ha dovuto pagare il prezzo del cuckolding. Non avevano figli, lei non poteva metterli al mondo a causa di un problema che aveva avuto in gioventù. Non mi stupirei se, durante un viaggio, atterrasse da qualche parte e lasciasse il suo seme. Non ha mai detto nulla. Forse è proprio questo che la tormenta di più.

Alla fine, lungo il percorso, accadde un incidente: mi ritrovai intrappolato nel bel mezzo della sua storia. L’ho trovata che dormiva nuda in camera da letto quando sono uscito di nascosto per prendere gli stivali. Questa visione mi ha paralizzato. Poi mi ha chiamato e il resto lo sai. Dopo tanto tempo, mi chiedevo se non fosse stato tutto un modo passivo e vendicativo di vendicarsi di suo marito. Cose che non saprò mai. Quello che so è che ho sofferto molto, perché ho sviluppato una passione cieca per questa situazione. Un augurio immenso per mia zia. Ma Jackson venne a reclamare ciò che pensava fosse di sua proprietà. E lei, commossa dal suo discorso, ha preso le sue cose e ha abbandonato tutti i piani per iniziare una nuova vita da sola.

Ho sofferto molto per alcuni mesi. Sono stati 24 giorni in cui tutto ciò che un uomo poteva imparare a letto con una donna, lei mi ha portato a livelli indescrivibili. Dopodiché, le ragazze della mia età hanno perso completamente il loro significato per me.

I miei genitori per un po’ non capirono perché avevo smesso di uscire, di giocare a pallone e di andare alle feste con i miei compagni di classe. Finché dopo un po’ Seu Alberto venne ad avere con me un colloquio serio. Lui e mia madre dissero che mi avrebbero portato da uno psicologo per scoprire la causa del mio cambiamento di comportamento. Gli ho detto che non aveva bisogno di uno psicologo. Mi ha implorato di aprirmi con lui. Per giorni sono rimasto bloccato. Veramente depresso. Ma quando il dolore sembrò soffocarmi al punto da pensare di fare qualcosa di stupido, decisi di confessarglielo, a patto che mia madre non lo venisse mai a sapere.

Alberto accettò con riluttanza. Mi ci è voluto un po’ per riuscire a parlare, perché prima di piangere tanto davanti a lui, ero stanca di trattenermi così tanto. Quando finalmente riuscii a ricompormi, confessai tutto quello che era successo. Penso che il sollievo di sapere che si trattava di una cotta non corrisposta lo ha fatto abbracciare e piangere insieme. Ma mia madre lo vide e non capì niente. Si è preoccupata, ci ha fatto tante domande e siamo riusciti a convincerla che era solo la frustrazione di un rapporto non reciproco perché la ragazza preferiva stare con un altro uomo a più condizioni. Mio padre dirigeva tutto. E da quel momento neanche mia zia venne più a casa. Penso che quello fosse anche un altro modo per farlo. Non lo ha mai confermato. Credo di si.

Sono rimasto su questa bassa frequenza per circa 3 mesi, senza alcun problema. Ma dopo questa conversazione, ho raccolto il mio coraggio e ho ripreso la mia routine sociale. Mia madre mi chiedeva sempre se andava tutto bene. L’ho semplicemente baciata sulla fronte e l’ho ringraziata per la sua preoccupazione. E gli ho promesso che non avrei cercato la ragazza che mi ha fatto questo. Alcuni ragazzi non accettano il finale e praticamente impazziscono e fanno cose che non potranno risolvere in seguito. Volevo uccidere mia zia. Oh veramente. Come poteva, dopo tutto quello che aveva sofferto, tornare da quell’uomo? Poi ho deciso che doveva andare all’inferno, perché era responsabile della vita che aveva scelto. Avevo molto da imparare e molto altro sarebbe sicuramente passato nella mia vita.

Ritornavo alle feste, ai divertimenti, senza sapere cosa mi avesse riservato il destino. Un amico mi ha invitato fuori per la notte, e sulla via del ritorno in pista mi sono ubriacato, ma alla fine ho bevuto un drink davvero pazzesco che mi ha fatto accelerare così tanto che sono svenuto nel bel mezzo della festa della gara e mi sono girato in giro. Fu un momento difficile per i bambini, perché non avevo un posto dove sedermi e occuparmi dei fatti nostri, e António decise che era meglio riportarmi alla Casa. Ma la mia casa era più lontana e lui decise di tagliare corto e lasciarmi con lui. Mi spogliò e mi mise sul letto, mi coprì e mi lasciò lì, ritornò alla festa.

Altre storie erotiche  Scopata da 7 maschi sexy

Quando mi sono ripreso sono andato nel panico perché era tutto buio e non sapevo dove fossi. Ho guardato l’orologio ed erano ancora le 12:24. “Dove cazzo sono?” Questa stanza… non mi sembra strana, ma…

La porta aperta conduceva alla cucina e la luce nella stanza era accesa. Una signora bianca con i capelli grigi, gli occhiali, un grosso sedere, cosce grosse e grossi seni aprì la porta del frigorifero che conduceva alla stanza. Ovviamente ha attirato la mia attenzione, ma il chiacchierone mi ha permesso di annunciare la mia presenza quando ho lanciato un “merda” e la donna si è guardata intorno nella stanza. Inutile dire che era davvero spaventata e aveva già afferrato qualcosa per difendersi. Era una situazione molto imbarazzante.

??? – Cosa fai a casa mia!!!?

Io: Scusa, ma ero ad una festa, ho bevuto fino a svenire e António…

??? – Sei suo amico? Questo era tutto ciò che mancava. Chiamerò adesso. Non alzarti dal letto con questo visibile. – Era molto spaventata e il mio cazzo ha reagito violentemente a tutto.

La donna ha chiamato António al cellulare e gli ha chiesto di tornare a casa. A quest’ora della notte. Potevo sentire il mio amico urlare nel bel mezzo della festa per poter parlare con la bellezza matura di fronte a me. Naturalmente Antonio non sarebbe tornato. Doveva avere già una mina in vista e l’avrebbe finita lui stesso. Lo conosco. Ma almeno la donna si è calmata e ha cominciato a parlarmi, più rilassata.

Élise: Mi chiamo Élise. La madre di Antonio.

Io: Elisa!? Come quello di Beethoven? Freddo!

Elise: Mmmm, anche questo giovane è cultura! Ascolta giovanotto, tu non c’entri niente con tutto quello che sta succedendo, ma mio figlio non ti aveva nemmeno avvisato che saresti stato lì e ogni volta che esce alle tue feste non dormo per la preoccupazione O. Prendo un pisolino. , ma mi sveglio ogni ora.

Io: Sono sorpreso che tu non ti sia svegliato prima.

Elise: Stavo aspettando che proiettassero un film, non riesco a mantenere la calma finché non torna a casa. Questo è il mondo, mio ​​Dio, e con angoscia uccidi le persone.

Lo capisco. Doña Lizete non è molto diversa da te…

Elise: Mi stai dando del vecchio, ragazzo!?

Scusa. Era semplicemente per rispetto.

Elise: Rilassati, mi sto rilassando.

Io: Gladstone. Piacere di conoscerti… oh! La mia testa

Elise: ti senti bene!? Vedo che stai sudando molto, vuoi farti una doccia!? Ti porterò un asciugamano e i pantaloncini di Antonio.

Io: Ascolta, sì-

Elise: Come stai!?

Io: Scusa, tu.

Elise: Hahaha, okay, mandalo.

Io: Hai già fatto molto per me, te lo darò perché è bello e…

Elisa: No, no. Chiama a casa e fagli sapere che sei qui. Antônio torna domattina, almeno è sicuro, ma adesso restare lì è pericoloso, ci sono molti furti. Dio non voglia! Ma visto che non sei un maniaco, penso che tu possa farcela per una notte.

Non voglio annoiarti.

Elise: Niente. È colpa di mio figlio. Vieni, ti do un asciugamano e ti preparo un tè per alleviare il mal di testa. Ma prima di tutto cambierò, perché in quel momento non aspettavo visite.

Sono andato in bagno, con la testa che mi girava, ho fatto una doccia molto fredda, e intanto lei ha sbattuto la porta e io sono corsa nella doccia, perché il vetro era coperto di pellicola e non la faceva vedere a nessuno.

Elise: Ti lascio qui il suo asciugamano e le sue pantofole. Non ti ho nemmeno chiesto quanto indossi, ma…

Indossava una maglietta nera, spalline sottili, che mettevano in risalto il seno, e una gonna corta che mancava… mannaggia! Ha anche alzato il sedere per aggiustare la scarpa al suolo. Cavolo, una donna così non voleva passare inosservata. Il bastone ricominciò a dare segni di vita. Non potevo sopportare di guardare. Dovevo calmarmi. Si avvicinò alla porta e si fermò dopo essere uscito. Ne ho approfittato e gli ho fatto una bella sega mentre immaginavo di leccargli quel culo.

Più calmo, con la mente in ordine, andai a cercare Elise in cucina, dove mi aspettava il tè. Il sapore non era molto buono, ma il mal di testa se ne andò. Ha detto che andava a vedere qualcosa per rilassarmi, mi ha offerto da bere, ma ho preferito non correre rischi e poi lasciarlo uscire.

Continuavo a pensare, guardando di traverso quel corpo maturo che mi chiamava, mi attirava, annegava i miei pensieri, come tutto è successo perché mi ritrovassi in una donna così meravigliosa. L’aroma della sua pelle era morbido, i segni del tempo sul suo viso erano già visibili, lungi dall’essere una ragazzina, nonostante la sua bellezza, stimo che abbia circa 50 anni. Sicuramente di più.

“Cazzo, sto già asciugando la madre dell’altro. Devo controllarmi, altrimenti si renderà conto che questo giocattolo sta andando a buon fine. ” Ho pensato.

Ho anche comprato un cuscino per coprirlo. Ho cercato di concentrarmi su ciò che stavamo guardando. Ma era chiaro che la mia presenza gli faceva qualcosa. Non sembrava intimidita da me. Le sue gambe non erano chiuse, anzi. Molto informale, gambe aperte e cinturino che cade di lato. No, non può essere vero.

Altre storie erotiche  Ragazza cinese perduta a Bangkok -III

Poi è apparso un annuncio per i preservativi. Ho lasciato uscire un pensiero che mi ha attraversato la mente, giusto per iniziare una conversazione:

Io: Chissà quanti investimenti ci vogliono per fare questo tipo di pubblicità, quando in realtà è un po’ noioso e nessuno, almeno che io sappia, lo usa. Cosa noiosa! È come succhiare una palla con la carta.

Elise: Oh, dipende. Penso che con la creatività tutto possa essere delizioso, sai? Se sai come approfittarne, non utilizzerai più quella scusa.

Davvero!?

Elise: Quindi si impara tutto. Scommetto che la tua ragazza non si lamenterebbe affatto se rendessi le cose più piccanti.

Io: Sì, guardando la cosa da quella prospettiva… ma non ho una ragazza con cui mettere in pratica questa teoria.

Elise: Aspetta un attimo, torno subito. Lasciami prendere questa tazza e metterla al suo posto così non la romperò più tardi.

“Non rompere!?” Era sul tavolo in… oh, eccolo! “

Non potevo fare a meno di guardare le sue gambe grosse e notare come la sua gonna si alzava con l’ondeggiamento delle sue natiche. Avrei voluto infilare la testa sotto quella gonna e bere il sapore dolce dell’anguria (non sto parlando della frutta!).

Tornò con qualcosa in mano. Niente di molto semplice, ma mi ha lasciato a bocca aperta. In effetti, sei passato al livello difficile del gioco.

Elise: Ehi, guarda! – era un preservativo.

Io: sei serio!?

Elise: Vuoi che te lo mostri o no?

Io (lascia Pinocchio fuori): Tt-ok! Allora cosa vuoi?

Elise (scartò il preservativo e se lo mise in bocca, con la punta dentro e l’entrata tra le labbra) e così via!

Si inginocchiò davanti a me e, svolgendolo con le dita per impedire l’entrata dell’aria, coprì il mio membro fino a ricoprirlo e ad avvolgerlo tra le labbra. Poi lo ha aggiustato con la bocca, fino alla base, e con la mano in modo che il preservativo fosse molto stretto, e mi ha fatto il miglior orale che abbia mai ricevuto in vita mia.

Io: Haaaaaaan, hmmmmmm! Delizioso! Hai delle labbra così morbide e… calde!

Elisa: Ti piace!? – chiese, dopo una breve pausa, e ricominciò a succhiarmi.

Io: Merda… sei incredibile!

Elise: Anche tu hai un cazzo molto sexy!

Ringrazio!

Elise: Pensi ancora che usare il preservativo sia fastidioso e fastidioso!?

Io: Dopo questo percorso perfetto, impossibile!

Elise: E puoi insegnare alla tua ragazza a divertirsi, senza rischiare di avere figli nel momento sbagliato. Adesso lasciami succhiare questa delizia… hmmmmmmm!!! aa

Ho iniziato a metterglielo in bocca e lei ha accettato le spinte, che sono diventate sempre più veloci.

Elise tirò su col naso, si tolse gli occhiali, abbassò le spalline della camicia, liberando il suo seno pieno e maturo e mi diede uno spagnolo, giocando con la lingua sulla punta della testa.

Io: Merda!

Elise: Adoro quando gemono e imprecano! Sei molto espressivo, Gladstone! Qualcosa mi fa pensare che tu preferisca esperienze più importanti, con donne anziane.

Io: Una delle mie prime è stata mia zia.

Elise: Liéaaa! E chi è il migliore!? Lei o io!?

Io: Ahahahahahah! Ovviamente sei a un livello molto più alto.

Elise: È stato tanto tempo fa!

Io: Sono passati diversi mesi e… mi sono sentito così male quando è tornata da questo figlio di puttana che l’ha tradita e continua a tradirla in così tanti modi!

Elise: Il mondo degli adulti è una cosa molto strana, Gladstone. Forse lo ha fatto perché sarebbe stato un peso enorme. E come sosterresti una donna che ha già vissuto una vita, costruita e raggiunta? E pensi che i tuoi genitori lo accetterebbero!? Con così tanta vita davanti!

Io: Ha senso!

Elise: Neanche io vorrei avere una relazione con qualcuno della tua età, ma sono così bisognosa che a volte mi sento sola, sai? Non sono uscito con nessuno da quando il padre del tuo amico se n’è andato. Lo amavo intensamente. Non voglio un altro uomo nella mia vita. Mais j’avoue que le sang jeune, comme le tien, m’a ému, et voir ta bit dure sous les draps, ammirar la mia bellezza, m’a fait me Feel désiré d’une manière que je n’avais pas connue depuis tanto tempo.

Io: Wow, quindi ho vinto il jackpot!

Elise: Oppure sono stata io a vincere il jackpot?

Io: Ahahahahah! C’è qualcos’altro che puoi insegnarmi?

Elise (alzando e abbassando gonna e mutandine allo stesso tempo, distogliendo lo sguardo, rivelando tutta la sua bellezza matura): C’è sempre! Con il preservativo la tua fantasia impazzisce!

Si è chinata e ha rivelato la sua figa e il suo culo, non ho potuto trattenermi e li ho abbassati entrambi, usando la lingua per fare l’Otto Infinito. Elise si girò sulla mia faccia, gemette forte e il suo miele scorreva liberamente. Che profumo intenso! Mi lodò dicendo che, nonostante la mia giovane età, ero molto diverso da suo figlio. Che avevo molte più possibilità di andare d’accordo con le donne. Poi mi ha detto di sedermi sul divano e si è accovacciata lentamente sul mio cazzo, facendolo scomparire lentamente nella sua figa. Cavolo, è molto meglio di mia zia, porca miseria!

Élise: Aiiiinnnnn! Quanto tempo era che non sentivo qualcosa di duro dentro di me! Divertitevi, mmm. Sono tutto tuo!

Altre storie erotiche  Ho perso la verginità con il mio migliore amico nella sua macchina.

Cavalcava come una puttana, che donna intensa! Si voltò, imprecò, chiese. più forza, si abbandonò tra le mie braccia in un bacio voluttuoso, disse cose sporche senza alcuna riserva. Se António tornasse e ci sorprendesse in questo modo, cosa farebbe? Sono sicuro che impazzirei se lo odiassi!

Élise: È vero, Glastone! Basta figa, dannata madre della tua amica! Vai avanti e usami come immaginava la tua mente sporca quando ti sei svegliato e mi hai visto in mutande! Malizioso!

Io: Sei la donna più calda e intensa che abbia mai incontrato e con cui ho passato una notte! Come vorrei che ciò potesse accadere ancora e ancora!

Elise: Solo se accetti di essere il mio giocattolo quando avrò bisogno di un cazzo duro come il tuo!

Io: posso essere tutto quello che vuoi!

Elise: Delizioso! Quindi dannazione, vai avanti! Più veloce, tutto qui!

Io: Aaaaaaahnnnn! Elise, non ne posso più. Io sto andando a correre!

Elise: Aspetta, dannazione! Ci sono quasi… non fermarti!

Sto bene!

L’attesa è stata gratificante. Dannazione, quando ha iniziato a tremare e la sua figa si è contratta mentre masticava il mio palo, e l’urlo che ha lanciato sembrava svegliare l’intero vicinato… merda, sono riuscita anche a trattenere la voglia di venire per un altro giro. È stato davvero difficile.

Elise: Sei stato eccellente, giovanotto!

Io: Posso venire adesso!?

Elise: Mmm, qualunque cosa tu voglia. Ecco la tua ricompensa per una lezione ben imparata!

Si è tolto il preservativo, manaaaaaa

Io: Wow! Non me lo aspettavo.

Elise: Mettitelo adesso, prima che me ne pentisca!

Io: Tutto quello che voglio!?

Elisa: Mmm!

Io: Allora stenditi a pancia in giù e io mi legherò in quella posizione!

Elise: Wow, lo adoro!

Non le ho nemmeno permesso di pensare. Ho messo un piccolo cuscino sotto i suoi fianchi e ho spinto la mia lingua nella sua fessura. Il suo respiro era pesante. Ben presto accelerò e cominciò a cavalcarmi la faccia. E finalmente mi preparai a penetrarla dove non splende il sole.

Elise: Wow! È passato molto tempo dall’ultima volta che… Aiiiinnnnnnn! Lentamente… quello… sì! Vai avanti amore mio! Rendilo delizioso, vai avanti!!!

Le spinte acquistarono velocità, dolore e piacere si mescolarono ai gemiti di lei e alle spinte di lui che diventavano più forti. Dannazione, non volevo venire subito adesso. Si rese conto dell’inganno e disse:

Elise: Bastardo, cosa c’è che non va in questo latte che non arriva adesso? Vuoi torturare la madre del tuo amico, vero!? Ayinnn!

Io: Chissà se questa sarà l’ultima volta che avremo un appuntamento. Ora voglio che conti. Sii indimenticabile per te!

Elise: Per fortuna sta bene, vedi!? Basta, figlio di puttana, fanculo così, puttana!

C’erano momenti in cui avevo la sensazione di venire ovunque, lo tiravo fuori e giocavo con la porta della figa e poi me lo rimettevo nel culo. Trovava la situazione divertente, ma continuava a ripetermi che non sarebbe rimasta quella notte, perché un giovane come me l’avrebbe lasciata facilmente per qualcuno più carino. Alla fine, un’ondata furiosa di orgasmo si avvicinò. Ho accelerato, ho dato il massimo. Ha chiesto di venirle in bocca. Gli ho lavato le labbra con i ricchi fronzoli che ne derivavano.

Elise: Una donna fortunata sarà quella che trascorrerà il resto dei suoi giorni con te. Mi è piaciuto tutto!

Io: ho adorato l’esperienza, Elise.

Elise: Vai a goderti il ​​resto della serata. L’asciugamano è nell’area di servizio. Vado nella mia suite. E non osare cercarmi, eh!

Io: Sì, signora.

Quindi era davvero tutto? Non sarebbe una ripetizione!? Almeno ricorderei i momenti più belli della mia vita. Erano già le 3:45 del mattino. António è arrivato verso le 5:30 del mattino. È arrivato con un grande sorriso, sapeva già di avere una storia da raccontare.

Antônio: Ti è piaciuta la serata!?

Io: Wow, il tuo letto è molto carino. Mi dispiace di averti dato questo lavoro.

António: Mi scuso per tutto l’imbarazzo, ma dovevo tornare alla festa per finire la storia con la ragazza che…

Io: È finita in bellezza!?

Antônio: Certo, dannazione! E sono felice che tu non abbia vomitato nel mio letto.

Io: Tua madre mi ha fatto una flebo, mi sono svegliata sentendomi male, ma ora sto meglio.

Antônio: Era molto fastidiosa!? Hai parlato molto!?

Io: ero arrabbiato con te! Era molto attenta a me. Non l’ho trovato noioso, come hai detto tu, no. Penso che qualsiasi mamma si spaventerebbe se vedesse uno sconosciuto nel letto di suo figlio, ahahahahah, che pazzia!

Dopo qualche giorno la storia è arrivata a tutti, mi hanno preso in giro, mi hanno mostrato le foto delle facce che avevo fatto… ma il bello della serata è stato che ho mangiato tranquillamente, ehehehehehehehehe!

E quello era il rischio. Qualche tempo dopo ho conosciuto una bravissima ragazza, anche lei più grande di me, di soli 8 anni, molto sensibile e intelligente. E ho potuto mostrargli tutto quello che Elise mi ha insegnato, ahahahahahahahaha!

FINE.

*Pubblicato da LucNoir sul sito climaxcontoseroticos.com il 19/06/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *