Racconto erotico di gruppo – ANDREA, MOGLIE DEL PASTORE

di | 23 de Maggio, 2024

Quando ero adolescente, intorno ai diciassette anni, in una casa sulla nostra strada si trasferì una coppia evangelica, che poi scoprimmo essere un pastore e sua moglie.

Dato che la mia famiglia è cattolica, non sapevamo a quale chiesa appartenessero e li vedevamo solo occasionalmente.

Nel primo pomeriggio, mentre si dirigevano al culto. Qualche tempo dopo, mia madre conobbe Andrea (così si chiamava la moglie del pastore) e apprese alcune cose: erano fuori città, suo marito aveva rilevato una congregazione vicina e lei (sebbene passasse gran parte della giornata da sola) non lavoro sociale in casa E non era insolito per noi vedere un ragazzo o una ragazza entrare in casa durante il giorno.

Un giorno ho visto il mio compagno Bruno raggiungermi, ma lui non mi ha visto. Sapevo che Bruno era evangelico, quindi ho lasciato le cose come stanno. E nelle settimane successive lo rividi.

Incapace di trattenere la curiosità, un giorno a scuola gli chiesi perché faceva così tanto a casa del mio vicino.

Lui sorrise e dato che eravamo amici mi invitò ad andare con lui. Gli ho detto che non ero evangelico, che sarebbe stata una situazione strana, ma lui ha detto che andava bene e che se non mi piaceva potevo andarmene in qualsiasi momento.

Ho accettato e abbiamo programmato di andare il pomeriggio successivo. All’orario concordato; Ho incontrato Bruno sulla porta di casa e siamo andati insieme alla casa del parroco. Avevo indossato i miei vestiti migliori per accompagnarlo. All’ingresso Bruno mi ha ammesso che avremmo partecipato ad una sessione di scarico, ma che non dovevo aver paura. Ho accettato e abbiamo suonato il campanello.

Andrea ci ha assistito molto educatamente e Bruno ha fatto le presentazioni. Poi ci hanno condotto in soggiorno, mentre ci sistemavamo, Andrea si è scusata per l’assenza del marito e si è scusata uscendo dalla stanza, lasciandoci soli per qualche minuto. Ho guardato Bruno e lui mi ha chiesto pazienza. Sono stato premiato! Quando Andrea è tornata non potevo crederci: sembrava una donna come tante. Capelli raccolti in una lunga treccia e vestiti con una camicetta e una gonna lunga ma molto attillata. In quel momento ho potuto vedere che sotto quegli abiti c’era una donna matura, sulla quarantina d’anni, ben conservata nella sua forma fisica. E a quanto pare indossava delle mutandine, visto il segno che le aveva lasciato sulla gonna.

Andrea venne e si sedette su una sedia di fronte a noi sul divano. Abbiamo iniziato una conversazione rilassata e Andrea ha cominciato a farci tante domande: come sarebbe il nostro rapporto con le ragazze se avessimo mai visto una donna nuda? E se vedessimo riviste maschili? Se avessimo sogni erotici, ecc. Durante questo interrogatorio non sono riuscito a contenere l’erezione perché l’argomento era molto piccante. Ad un certo punto descrisse addirittura le sensazioni che provava durante il sesso, il tutto con grande dignità.

Dopo qualche altro momento di stimolazione erotica, annunciò che eravamo pronti per scaricare. Approfitto del momento e chiedo il permesso di andare in bagno, cosa che mi consigliano di non tardare. Sono andato lì e sono rimasto lì per un po’ perché volevo controllare le mie emozioni. Quando torno non mi sorprende vedere Bruno, in piedi con i pantaloni abbassati, farsi succhiare come un pazzo da Andrea. Inutile dire che mi è venuto duro subito. Quando mi vide, disse:

– Perché c’è voluto così tanto tempo? – una frase un po’ bloccata per via del bastone in bocca. Andrea ha aumentato il ritmo e non è stato difficile farle venire in bocca Bruno, bevendolo fino all’ultima goccia.

Andrea allora si è avvicinato a me e, abbassandomi i pantaloni, mi ha fatto la predica: – Adesso sei tu ad aver bisogno di sollievo. Non vergognarti perché Gesù non è contrario! – e cadde a faccia in giù sulla mia pistola. Je ne m’étais ever fait sucer auparavant… Je n’ai pas kiss de dire que cette bouche veloutée, me suçant délicieusement la Bite de haut en bas, était la meilleure feeling que j’ai eue de ma vie, jusqu’ al momento. E Andrea sembrava essere un esperto in questo, dato che ogni sequenza di suzione era seguita da morsi e succhi sulla testa del cazzo.

Non passò molto tempo che le riempii la bocca con il mio sperma, che anche Andrea ingoiò senza lamentarsi. Mi ha succhiato ancora un po’ il cazzo finché non si è asciugato. Proprio quando pensavo che fosse tutto finito, Andrea mi ha sorpreso ancora: è andata in cucina ed è tornata con una lattina di latte condensato. Senza dire nulla, si sdraiò sul divano, si tolse la camicetta e si spalmò il latte sul seno. Bruno, che ormai si era già spogliato, cominciò a succhiare il seno di Andrea. Ci ho messo ancora un po’ a liberarmi dei pantaloni e della maglietta, ma presto mi sono goduto anche il seno di Andrea, con le sue grandi areole dure. E ad ogni boccone emetteva un gemito basso e sottile, come se quell’atto la soddisfacesse. Abbiamo succhiato il seno di Andrea fino al momento di partire, quando lei ha chiesto di succhiare di nuovo il cazzo di Bruno. Mentre si divertiva con il cazzo in bocca, ho colto l’occasione per toglierle la gonna e ho visto la sua figa protetta da delle piccolissime mutandine basic. Le ho tolto le mutandine e ho cominciato a succhiarle la figa, senza dimenticare il latte condensato. Quest’idea è stata ben accetta da lei e ha aperto di più le gambe, lasciando che la mia lingua vagasse liberamente attraverso la sua figa agrodolce.

ha chiesto Bruno e ci siamo scambiati di posizione, Andrea ora mi assaggia il cazzo. Durante l’allattamento Andrea si è messo a quattro zampe perché Bruno potesse succhiarla meglio. Ancora qualche minuto e Bruno stava già scopando Andrea alla pecorina, inserendo senza pietà il suo cazzo nella sua figa. I loro corpi eseguivano un balletto ritmico, il ritmo fornito dal suono dei loro corpi che si amavano. Ogni spinta era seguita da un sospiro più profondo, finché entrambi non esplosero in un orgasmo.

Poi Bruno ha lasciato il posto a me che ho continuato a colpire Andrea. Questo cambiamento di posizione sembrava piacerle mentre impediva al mio corpo di scappare e aiutava il mio sedere ad affondare sempre più in profondità. Ho scopato Andrea con molto piacere, perché fino ad allora avevo scopato solo una delle cameriere. Ma Andrea poteva farcela e voleva di più. Ho aumentato il ritmo fino a far venire Andrea, subito dopo esserle venuto nella figa gonfia.

Ci fermiamo e ci rilassiamo un po’. Ci siamo sdraiati sul tappeto e abbiamo accarezzato il corpo di Andrea. Con gli occhi chiusi assaporava questo momento che sembrava non avere fine. Dopo un attimo Bruno si armò nuovamente. Andrea poi lo ha steso sul divano e si è arrampicato sul suo cazzo, cavalcandolo come se fosse un’amazzone. Sono rimasto nel mio angolo a guardare questo atto che deve essere successo più volte, senza che me ne rendessi conto… Andrea andava su e giù sul cazzo di Bruno, mentre lui a volte succhiava un seno, a volte l’altro. E ad ogni movimento il desiderio e il ritmo aumentavano. Entrambi i corpi saltarono sul divano, che scricchiolò addirittura per la tensione.

Questa scena mi ha preparato per un’altra. J’ai attendu qu’ils détendent tous les deux après avoir joui, j’ai enlevé Andrea de Bruno, je l’ai placée contre l’accoudoir du canapé et j’ai dirigé ma bit vers son cul qui réclamait une bûche depuis a a lungo. Andrea si voltò e disse sottovoce: –

Il mio culo è solo di Gesù, ma te lo lascio mangiare, se sarai gentile! Questo mi ha reso le cose ancora più difficili. Ho tenuto il cazzo e l’ho posizionato all’ingresso del culo, facendo passare la testa. Andrea si sistemò alla meglio e facilitò l’ingresso allargando le natiche. Dopo aver infilato la testa, ho iniziato a spingere tutto il mio culo dentro quel culo, che l’ha inghiottito intero. Andrea gemette ma resistette coraggiosamente, tentando e forzando un’ulteriore penetrazione. Ho indossato tutto e ho iniziato a pompare. All’inizio è stato difficile, ma poi molto più facile con l’allargamento dell’ano. Cominciai a muovermi ritmicamente, tenendo i fianchi di Andrea mentre lei mi aiutava, spingendo il suo sedere contro di me.

Quando ho raggiunto l’orgasmo, ho afferrato la sua treccia di capelli e mentre la indossavo l’ho tirata. testa come se fosse una giumenta addomesticata. Ho aumentato il ritmo e ci siamo riuniti riempiendole il culo di latte. Andrea crolla stanco, ma non riesce a rilassarsi. Ora è stato Bruno a prendere posizione e le ha leccato il culo in modo brillante, costringendola a subire altre torture. Andrea ha lavorato duro in questa scopata, facendo tutto il possibile per dare il massimo piacere a chiunque la scopasse. Bruno si spinse la pistola nell’ano finché non venne, cadendo su un fianco esausto.

Dopo questo pomeriggio di sesso “gospel”, io e Bruno siamo usciti di casa perché si stava facendo tardi. Uscendo Bruno mi confessò che scopava con Andrea da diverse settimane quando scoprì l’opera sociale che lei svolgeva.

Inutile dire che da quel giorno siamo stati assidui frequentatori delle sessioni di download di Andrea.

*Pubblicato da tigresiltaire sul sito climaxcontoseroticos.com il 29/12/18.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *