Racconto Erotico di Gruppo – CAMILA, LA SCUOLA SPOSATA

di | 15 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

– Hai accettato di partecipare al gioco, ora paghi la scommessa, disse Ílcio con uno sguardo malizioso.

Camila ha preso la sua decisione quando ha deciso di andare da sola alla festa in maschera dell’università e prendere la prima dose.

Io e Elcio avevamo 21 anni e frequentavamo l’ultimo anno di università. Era un ragazzino, alto un metro e ottanta, forte, giocava a pallavolo, capelli ricci, viso liscio, faccia da bambino e molto goffo. Loquace, spaventava le donne parlando troppo, anche se in questa storia era essenziale.

Era alto un metro e settanta, labbra spesse, barba sottile e capelli lisci, occhi castano scuro, cosce grosse e un grosso cazzo sempre pronto a scopare.

La nostra classe ha studiato Camila, una donna sposata di 37 anni senza figli. Bruna, occhi verde scuro, 1,70, labbra carnose, viso magro che sembrava un raro pezzo di porcellana inglese.

L’ho adorato, l’ho adorato, volevo toccare le sue gambe toniche, il suo culone sodo e le sue tette medie, della misura giusta per le mie mani.

Con mia grande gioia, il comitato di laurea ha deciso di organizzare una festa in maschera per scattare foto per l’annuario. Ci sarebbero fotografi e videografi e sarebbe un evento noioso, dalle 15 fino a chissà quando.

Ílcio apparve vestito con un vestito rosso attillato, con un tridente tra le mani e un corno in testa. In seguito seppi che era diventato l’incarnazione del diavolo.

Ho optato per quello che pensavo fosse il più semplice e pratico, il pirata. Una benda sull’occhio, un tricorno di feltro nero, con un teschio d’argento. Camicia senza colletto con coulisse, colore nudo. Pantaloni stile harem neri e stivaletti con quei maledetti lacci.

All’inizio della festa lo staff dell’azienda non ci ha lasciato soli, visto che era solo per gli studenti, abbiamo dovuto posare per le foto tutto il tempo. Ma con poco cibo e molte bevande le cose migliorarono. L’abbiamo organizzato a casa di un nostro collega, lontano dalla città.

Camila è andata a fare una passeggiata con Karine, la fidanzata dell’unico proprietario della fattoria. Verso le otto di sera, la folla cominciò ad andarsene e Karine non nuotava… Camila guardò l’orologio e invitò la sua amica ad andarsene.

Abbiamo ballato e bevuto musica elettronica ad alto volume. Camila era vestita da suora, con un quadro bianco, un saio nero e un grande crocifisso ligneo. Aveva i capelli coperti, ma era molto profumata.

Élcio cominciò a ballare vicino a Camila e disse:

– Sei la suora più sexy che abbia mai incontrato.

Abbiamo riso tutti, compresa Camila, che già si sentiva a disagio con il tempo.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto: non ci posso credere, ma l'ho dato al cattivo Internet!

Nonostante la sua risata, non lo negò e non sembrò nemmeno infastidita. Ho notato che Élcio l’ha abbracciata e Camila ha chiuso leggermente gli occhi e poi si è allontanata.

Mi sono messo davanti a Elcio e gli ho fatto cenno di continuare le sue avance, e il Diavolo mi ha chiamato a ballare insieme. Ho afferrato forte una contadina e mi sono avvicinato a entrambi. C’erano ancora una ventina di persone alla festa, e tutti erano preoccupati per il proprio partner, a poco a poco le coppie cominciarono a scomparire.

Karine è scomparsa senza essere notata, è andata a dormire con Pedro nella casa principale della proprietà. Dopo le nove di sera Camila si è accorta che la sua amica era scomparsa e ci ha chiesto spaventata:

– Dov’è Karine? Oh mio Dio, devo andare.

“Prendiamo Camila”, ho risposto.

– Sei matto, se mio marito mi vede arrivare con due uomini sono fregata.

– Mmm, ottima idea, risposi sorridendo mentre Ílcio gli baciava il collo.

– Non preoccuparti Camila, siamo solo due bambini innocenti, disse la mia amica.

– Lo so….. Il Diavolo e il Diavolo.

Presi un sorso generoso di caipira e gli offrii il bicchiere alla bocca.

– Non voglio, basta così.

– Bevi, e io ho già portato il bicchiere alle sue labbra, bevendo la quantità che voleva.

Ha preso quasi tutto, mi ha guardato negli occhi e ha detto:

– Non farlo, ragazzo, non posso rispondere da solo quando sono ubriaco.

– Allora prendine ancora un po’ e ancora una volta ti farò bere.

– Lui viene! Partire. Dov’è Karina?

In questo momento, Karine dovrebbe essere punita dal vecchio.

Feci un cenno a Elcio e condussi la mia suorina al confessionale:

-È uscito a fare una passeggiata nel campo, con Célia.

Camila ci spinse e corse verso il patio buio che distava circa 100 metri da dove eravamo. Il mio amico mi ha dato una pacca sul petto e mi ha dato la password:

– Dai.

Partimmo velocemente, sotto alcuni ciliegi c’era un piccolo spogliatoio, accanto al campo di calcio svizzero. Ha seguito Camila e io sono andato a controllare se fosse aperto, con mia grande gioia, lo era.

Non c’è voluto molto prima che la coppia tornasse, Camila disperata.

– Oh mio Dio, se n’è andata e mi ha lasciato qui.

– Niente Camila, ti portiamo noi.

– Sei pazzo, mio ​​marito mi sta uccidendo.

– Non uccidere niente… Fregato per fregato, lo sei già.

Ho parlato e mi sono avvicinato a lei, spingendo il suo corpo contro Ílcio che era strategicamente dietro di lei.

Altre storie erotiche  Orso amico... - Storie erotiche

– Scommetto che non hai mutandine sotto quel costume, ha detto il mio amico.

– Non sei bravo, non farlo, per favore.

– Forza Camila, vediamo, le ho chiesto.

Élcio stava già baciando il collo della giovane che tentava di liberarsi senza troppa voglia. Il mio amico ha passato le mani sul sedere di Camila e non avendo nulla da perdere, ho messo la mia mano sotto la solita e ho iniziato a grattarle tra le gambe, sentendo il calore aumentare, il suo respiro affannoso e la sua bocca che cercava di dire di no.

– Fermatevi ragazzi, per favore, per favore…

Le mie mani hanno raggiunto il tessuto e ho capito che era pizzo. Abbiamo aperto la porta dell’ostello e abbiamo portato la suora al macello.

– No, no, per favore, sono sposato.

Camila ha parlato, ma i suoi occhi chiusi ci imploravano di continuare. Ho preso una piccola panca, mi sono appoggiato alla porta perché nessuno la aprisse, mi sono seduto, mi sono abbassato i pantaloni e il mio cazzo è saltato fuori.

Ílcio ha appena aperto la cerniera del suo vestito, ha tirato fuori il suo cazzo e lo ha consegnato alle manine di Camila, che per sbaglio lo ha accarezzato un po’.

C’era una luce lontana dalla strada, che ci permetteva di vedere anche al buio.

Mi sono tolto questa abitudine e ho visto le mutandine di pizzo di Camila essere spostate dalle dita agili di Élcio che stavano già posizionando il suo cazzo nella figa bagnata del nostro amico. Lei ha resistito ancora.

– No, mio ​​Dio… No, non posso.

– Ti piacerà… Divertiti, invece di essere religiosa oggi sarai una piccola puttana.

Élcio ha appoggiato Camila verso di me… E le ha messo il bastone nella figa. Ho smesso con quell’abitudine, ho tolto le sue deliziose tette dal reggiseno e ho iniziato a succhiarle con entusiasmo mentre mi faceva una sega.

Ogni volta che Ílcio colpiva il bastone, mi stringeva il cazzo come se volesse punirmi.

– Ora, fanculo ragazzo, mi piace, Dio… Fanculo.

Élcio era forte, maltrattava, spingeva, afferrava e colpiva. I colpi echeggiarono nello spogliatoio vuoto. Camila cominciò a urlare, come un animale in calore, io cominciai a baciarle la bocca per attutire il gemito.

Ero pazzo, non volevo lasciare andare il mio cazzo e Ílcio non voleva lasciare andare la sua vita. Ilcio avvicinò al petto la puttanella, si alzarono tutti e due e io potei ammirare il seno di questa gran donna.

Mi sono seduto per guardare il balletto di penetrazione della coppia. Ílcio si mosse, si ritirò, i suoi seni ondeggiarono, i suoi capezzoli invitarono la mia lingua. La mia amica ruggì, annunciando involontariamente lo sperma, Camila saltò abilmente impedendo allo sperma di entrare nella sua figa.

Altre storie erotiche  Il mio proprietario mi ha venduto all'asta.

– Sei pazzo, ragazzo.

Ílcio non voleva perdere la libido e si masturbò spruzzando sperma sulle gambe e sul culo di Camila. Sembrava cattiva e disse:

– Ti è piaciuto, tesoro. Non l’ho ancora fatto, per fortuna l’ho fatto. un altro cazzo

Lei ha parlato, si è avvicinata a me, mi ha messo le mani dietro la testa, è salita sulla panchina e ha messo la testa del mio cazzo sulle sue grandi labbra della figa.

– Ora tocca a te, tesoro, scopa, scopa e fammi venire.

All’improvviso ha lasciato cadere il culo sulle mie cosce, ha divorato il mio cazzo e ha iniziato una cavalcata selvaggia.

– Oh cavolo, mangiami, voglio venire.

Camila ha fatto inghiottire il mio cazzo con la sua figa ed è andata su, giù e su con movimenti pazzeschi, che hanno reso il cazzo sempre più duro. Finché non mi affondò le unghie nel collo, lasciò andare tutto il suo peso e ruggì per l’ultima volta.

– Ayyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyy

Non avevo eiaculato, mi sono alzato così, l’ho stesa a faccia in giù e ho iniziato a scoparla nella posizione di mamma e papà… stavo impazzendo dalla voglia per riempire quella figa di sperma.

Non parlava, ansimava, gemeva e tremava…

Quando ho capito che stavo per venire, mi sono tirato fuori, mi sono messo a cavalcioni di lei e sono venuto sulle sue tette e sul viso della nostra piccola troia, tra forti proteste.

– Sei pazzo, André….. Hai tanta sborra nei capelli, sei pazzo, pezzo di merda.

– Tesoro… Ci sono diverse docce qui.

Ho parlato, mi sono alzata, ho tirato fuori dalla tasca le sue mutandine di pizzo bianco e sono uscita dallo spogliatoio seguita da Élcio. Siamo andati direttamente al parcheggio e ci siamo diretti a casa. Ormai c’erano poche macchine, ma Karine era ancora lì… solo che non so come Camila abbia spiegato la perdita delle mutandine a suo marito, se lui se ne sia accorto.

*Pubblicato da andré76 sul sito climaxcontoseroticos.com il 14/03/19.