Racconto erotico di tradimento – Capodanno in stazione

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Forse se non fosse stato nella testa del mio amico, il Capodanno sarebbe stato diverso.

Io e il mio ragazzo eravamo molto gelosi l’uno dell’altro e litigavamo terribilmente per questo. La nostra relazione era guidata da forti emozioni, i nostri atteggiamenti erano poco razionali e molto impulsivi. Naturalmente ciò ha provocato solo litigi e a Capodanno 2019 le cose sono andate storte.

La mattina del 31, Nick lasciò un messaggio sul mio messaggero dicendo che aveva la testa occupata, che i nostri litigi erano troppi e che era ad Angra dos Reis per trascorrere il Capodanno con la sua famiglia. Ha deciso all’ultimo minuto. Salì in macchina e proseguì il suo viaggio, guidando da solo nelle prime ore del mattino.

Ero davvero arrabbiato in quel momento! Ho passato la giornata a letto, devastata. L’unica cosa che potevo fare era stare con la mia famiglia e cercare di godermi il Capodanno a casa di mia nonna con i miei cari.

Verso le quattro del pomeriggio ho controllato su Facebook per vedere cosa stava succedendo. Quando ho guardato il profilo di Nick, sono quasi andato fuori di testa! Questo bastardo, incurante del mio dolore, ha pubblicato foto di Prainha che bacia due delle sue bellissime cugine bionde. Dovevo vedere l’audacia delle foto! La sua manina, i suoi baci e altri scherzi. Che gelosia! Sono quasi morta per aver pianto così tanto! I commenti alle foto sono stati un ulteriore ingrediente al mio dolore.

Alcuni amici hanno iniziato a darmi fastidio su WhatsApp. Volevano sapere se la mia relazione di quattro anni era finita. Sapevano che usciva con Nick da quando aveva tredici anni e che in quel momento soffriva molto. Camila non è rimasta soddisfatta della conversazione virtuale ed è venuta a casa mia per aiutarmi a risollevare il morale. È venuta a casa mia per farmi alzare dal letto e convincermi ad accompagnarla alle terme dell’Aldeia das Águas e trascorrere il Capodanno con i nostri amici.

Camila era una bionda pazzesca, amava le feste e le beveva tutte. Alla fine, dopo un po’, le argomentazioni della mia amica riuscirono a convincermi ad accompagnarla ad Aldeia das Águas.

Ero molto triste, ma mi stavo ancora preparando per la festa di Capodanno. Ho indossato un abito corto, tutto bianco con foglie leggermente argentate sparse sul tessuto. Modestia a parte, stavo benissimo con questo vestito fluido! Il tessuto metteva delicatamente in risalto le mie curve. La scollatura e le spalline sottili mettevano in risalto il mio petto e mettevano in risalto la linea del bikini sulla mia pelle abbronzata. Sotto il vestito bastano delle mutandine color carne senza elastico per evitare di segnare nulla sul tessuto. Doveva sembrare che non indossasse nemmeno le mutandine.

Leggermente profumato. Ho lasciato sciolti i capelli neri, che arrivavano fino alla vita. Per mettere insieme il mio look, sandali argentati con tacco, trucco, accessori. Ho deciso di vestirmi così, in modo stravagante, con un outfit che attirasse l’attenzione. Ho deciso di fare un tuffo a Capodanno.

Il posto era bellissimo, bella atmosfera con molto cibo, bevande e musica. Camila ed io eravamo con il nostro gruppo di amici a ballare davanti alla piscina con le onde. Ho notato che c’era una bruna alta, forte e muscolosa che mi guardava.

Onestamente era l’uomo più sexy della festa. Indossava scarpe da ginnastica, pantaloncini e una maglietta bianca, era vicino al bar con un drink in mano e completamente solo. Non pensavo che sarebbe stato interessato a me. So di essere una bella mora, ho i miei attributi di ragazza sexy. Ma mai avrei immaginato che un ragazzo come lui potesse innamorarsi del “mio” lato.

Anche Camila mi ha notato e mi ha incoraggiato a parlare se si fosse avvicinata. Che bel ragazzo! Oh mio! Che peccato che non fosse dell’umore giusto! Il mio obiettivo qui era semplicemente cercare di togliermi il mio ragazzo bastardo dalla testa e dal cuore. Per questo ho bevuto tantissima caipirinha e ballato come non avevo mai fatto prima.

Passarono alcuni minuti, mi distrassi e quando guardai la bruna non c’era più. Ho continuato a divertirmi con i miei amici. All’improvviso vedo un uomo dietro di me. Balliamo schiena contro schiena. Di tanto in tanto mi spingeva, a volte si strofinava contro di me. La cosa mi diede fastidio e mi girai per vedere cosa mi dava fastidio il fastidioso inconveniente. Era la bella bruna!

Camila mi prendeva in giro perché capiva che la bomba era in me. La ragazza cattiva mi ha detto di arrendermi e di lasciar perdere. Dopo qualche caipirinha non era più lo stesso. Ho ballato, ho bevuto, ma la mia mente era lontana, immaginando cosa stesse facendo il mio ragazzo con le sue cugine troie.

A poco a poco si avvicinò, sorridendo, avvicinandosi fino a sussurrarmi all’orecchio:

– Sei davvero così serio? Non mi regali un sorriso?

– Non ho molti motivi per sorridere! Oggi li voglio bere tutti, per scacciare la tristezza!

-La mia bocca ha un piccolo potere che toglie la tristezza! …Solo un bacio e addio tristezza!

– Ah, ah, ah!… Pensi di essere troppo, eh!

– Scusa, non bacio gli sconosciuti!

– Grande piacere! Mi chiamo Renan, ora puoi baciarmi!

Mi sono un po’ allontanato. Sono rimasta ferma, ballando in silenzio, viaggiando nella mia tristezza. Renan da parte mia non si è trattenuto, è rimasto lì, infiltrato tra i miei amici. Quando l’ho visto, stava già socializzando. Non è passato molto tempo, questo ragazzo muscoloso, con una bocca meravigliosamente carnosa, mi ha tirato dentro e mi ha baciato sulla bocca, che cattura! Ho anche perso il fiato! Oh mio! La forza con cui si è chinato per abbracciarmi mi ha fatto addirittura sollevare da terra. La noia mi ha colto di sorpresa. Non posso negare che il bacio sia stato delizioso!

Quando il bacio finì, mi convinsero ad andare a un tavolo vicino al bar per parlare e basta. La conversazione continuò con altri bicchieri di caipirinha e tanti altri baci. Erano baci deliziosi!! Mi ha raccontato della mia piccola vita e mi ha raccontato della sua. Disse che era un ingegnere, che viveva a Rio de Janeiro, che aveva ventotto anni e bla, bla, bla. Alla fine, ha rivelato che sarebbe rimasto da solo all’hotel resort per Capodanno e ha detto che gli piaceva uscire così, da solo.

La bevanda mi rendeva sempre più debole. Nel bel mezzo della conversazione Renan mi ha chiesto se conoscevo gli appartamenti dell’aparthotel del resort. Ho risposto di no. Poi si è alzato dalla sedia, mi ha preso per mano, mi ha detto che era ora di sistemare le cose e mi ha semplicemente portato nel suo appartamento.

Renan mi ha portato nella stanza piena di voluttà, ci siamo abbracciati e baciati avidamente. Premette il suo corpo contro il mio, baciandomi il collo. Poi ha iniziato a sollevarmi il vestito per togliermelo. Io, spinto dall’alcol, ho provato a resistere:

– Renan, solo qualche bacio, okay!

– Smettila di fare gli stupidi, divertiamoci!

– Non penso che sia meglio! Ho un ragazzo, andiamo!

– Cosa succede, caro?! Divertiamoci!

– Mi dispiace, ma non voglio tradire il mio ragazzo!

Renan mi abbracciò forte. Ho anche provato a liberarmi dal suo abbraccio. Non sono riuscito nemmeno a impedirgli di strapparmi il vestito. Sono rimasto in mutande. In quest’uomo è sorto l’istinto di un animale effeminato. La bruna era pazza. Mi succhiò avidamente i seni e li massaggiò con entrambe le mani. Non voleva altro che baci. In quel momento, il mio ragazzo non riusciva a togliermi dalla testa e il rimorso mi ha completamente sopraffatto. “Quanto sono ingenuo a pensare che un uomo mi porti nella sua stanza solo per sfoggiare le decorazioni”!

Questo maschio birichino mi ha gettato sul letto e con grande agilità mi ha tolto le mutandine. La bevanda aveva preso tutte le mie forze. Quando vide che aveva solo un piccolo ciuffo di peli pubici, impazzì. Renan si infila tra le mie gambe per ammirare la mia figa. All’inizio mi limitavo a guardare, esaminare e toccare con cura ogni dettaglio del mio pene. Poi seppellì il viso in lei. La succhiò da tutti i lati, lasciandola tutta bagnata. Condannare!! Interessante!!

Sebbene molto emozionato, gli ho chiesto di fermarsi. Anche abbandonata, anche affetta da gelosia, non volevo tradire il mio ragazzo. Tuttavia, il pervertito dai capelli neri si strappò i vestiti e li gettò a terra. Poi si è arrampicato su di me, si è sdraiato a faccia in giù e mi ha messo il suo cazzo in bocca. Stavo soffocando con questo enorme cazzo in bocca. Questa grossa testa mi ha colpito e mi ha colpito più volte la parte posteriore della gola, facendomi vomitare. E gemette:

-Ah! Che sensazione deliziosa! Ora tieniti forte, piccola troia!

Il bastardo colpì sempre più forte finché il suo respiro divenne affannoso. Poi ha urlato ed è venuta. C’era così tanta sborra che traboccava dalla mia bocca e mi scorreva sul viso, bagnandomi anche i capelli. Non soddisfatto e come se non gli piacesse tutta quella sborra, continuò con il suo cazzo durissimo. Poi si sdraiò sopra di me, mettendosi nella posizione di “papà”. – Mamma” e mi ha massaggiato la figa. Contro la mia volontà, la mia figa traditrice pulsava di desiderio e il suo cazzo è scivolato attraverso la fessura allagata, massaggiandomi la figa. Ciò ha causato un enorme dolore nella mia coscienza, ma ero già lì. Mi sono sentito morbido sulle sue braccia, non volevo che mi penetrasse, ma ero molto eccitata e lo lasciai passare.

Seguendo il suo istinto animale, Renan mi prese le braccia e con le sue gambe aprì e imprigionò le mie. Ero bloccato sotto di lui.

Renan continuò a spazzolarmi finché il suo cazzo non entrò nell’entrata della mia figa. E lo seppellì con perfetto attrito. A poco a poco tutto questo è entrato in me. All’inizio ha spinto molto lentamente, poi ha colpito forte quanto voleva, a lungo finché non sono stato crudo.

Non sono riuscito a trattenermi e sono caduto su questo grosso cazzo che è stato martellato in profondità nella mia figa traditrice. Renan ha sentito le contrazioni delle mie viscere stringere più volte il suo cazzo. Il mio sperma ha fatto impazzire il pervertito. Gemette, respirando affannosamente e velocemente.

Abilmente mi girò e mi mise a faccia in giù. La mia figa era fradicia e il suo cazzo era molto bagnato dal mio miele. Il pervertito dai capelli scuri ora mirava al mio culo. Ha messo il suo cazzo tra le mie cosce e lentamente mi ha invaso il culo, posizionando la testa di quell’enorme cazzo nel mio piccolo anello.

E cominciò ad entrare con la forza. Questa merda mi stava distruggendo a poco a poco. Ho sentito dolore. Me lo ha messo tutto nel culo senza pietà né pietà. Non avevo mai avuto un cazzo così grosso che mi penetrava con così tanta forza. Spinse forte, con entusiasmo.

Renan, senza togliere il suo cazzo dal mio culo, cambiò di nuovo posizione, mi girò su un fianco e rimase dietro di me respirandomi sul collo. Poi mi ha allargato le gambe e mi ha massaggiato il clitoride con le dita mentre mi colpiva l’anello. Ha martellato a lungo con pressione, costringendomi a venire di nuovo. La mia figa ha iniziato a perdere il controllo in diverse occasioni.

Ho sentito il cazzo del pervertito pulsare forte e schizzare sperma caldo dentro di me. Il ragazzo sembrava un animale che urlava dietro di me. Il mio cuore batteva forte. Ero esausto, bruciato ed estatico! Lui, estasiato e sdraiato accanto a me, disse:

– Adesso puoi andare, bella puttanella! Ho già fatto quello che volevo!

Le lacrime scorrevano lungo il mio viso. “Perché non sapevo come tenere il parrocchetto? Non dovevo tradire il mio ragazzo con la prima persona che passava”! I miei sandali non si sono nemmeno staccati dai piedi. Mi sono vestito e ho lasciato l’appartamento di questo maniaco disperato.

Era l’alba e Camila aspettava la mia partenza con i nostri amici. Piangevo così tanto che non riuscivo a parlare. Ma poiché ero davvero devastato, nessuno mi ha chiesto nulla.

Sono tornato a casa e non c’era nessuno. Feci una lunga doccia e andai in camera mia. Caddi a letto senza asciugarmi né vestirmi.

Ho pianto a letto. Sono rimasto molto sorpreso quando Nick è entrato nella mia stanza. Ho pianto ancora di più. Ero così disorientata che ho dimenticato di chiudere la porta ed il mio ragazzo è entrato senza bussare.

Si è sdraiato sul mio letto accanto a me, mi ha abbracciato e si è scusato molto. Emozionati, ci siamo abbracciati e abbiamo pianto insieme per un po’. Questo abbraccio caldo e forte ha acceso la fiamma del desiderio. Io, che ero tutta cruda e bruciata per essere stata scopata così tanto da questo pervertito del complesso, ho aperto le gambe per il mio ragazzo…

Nick morirà pensando di essere responsabile della mia tristezza quella notte e non saprà mai cosa mi è successo al resort. Alla fine, ad ogni fine della confusione, la riconciliazione alimentata dalla passione e dal desiderio ci ha regalato nuovi momenti di grande amore e sesso.

*Pubblicato da SibylMarkiis sul sito climaxcontoseroticos.com il 01/07/21.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *