Racconto erotico di tradimento: ha scambiato il matrimonio con dolore e piacere con un grosso cazzo grosso!

di | 23 de Maggio, 2024

Alto un metro e ottanta, 68 anni, capelli ricci cortissimi, ormai quasi tutti grigi, pelle scura, denti perfetti, braccia lunghe, ancora con i bicipiti visibili, ma già un po’ flaccidi. Nêgo Velho, con uno zaino in spalla e una cassetta degli attrezzi in mano, camminava per le strade della periferia bussando alle porte: “Buongiorno signora, c’è qualcosa da riparare? Riparazione di orologi da polso per motori di automobili. E non era una bugia.

Nêgo Velho era un ragazzo di grande talento, fin da adolescente ha imparato tutto quello che sapeva. Da adulto creò una grande officina di riparazioni, guadagnò molti soldi, visse molto bene, ma rimase sempre solo. All’improvviso vendette tutto per un sacco di soldi e costruì una casa piccola ma bella. Ha arredato e attrezzato tutto ciò di cui avevo bisogno. Ha investito il resto del denaro in investimenti bancari e ha viaggiato in tutto il mondo per sistemare le cose. Non era necessario, ma gli piaceva.

Kamylla, alta 1,75 metri, capelli biondi naturali, corpo snello e una bellissima ragazza, 24 anni, ma sembrava molto più giovane, intorno ai 19 anni, più o meno. Modella e modella fin da giovanissima, ha fatto la modella in Europa e ha fatto fortuna. All’età di 23 anni sposò un ingegnere civile, Edgard, anche lui giovane e altrettanto ricco. Mentre suo marito lavorava in una grande impresa edile di proprietà della sua famiglia, la sua giovane moglie lavorava da casa come influencer della moda.

Un mercoledì, verso le 10 del mattino, Nêgo Velho, che aveva deciso di allontanarsi un po’ dalla periferia, bussò alla porta di una bella casa. Una grande casa con un bellissimo giardino. Una giovane donna uscì, vestita con un accappatoio, si avvicinò all’alta porta di ferro e chiese: “Allora, cosa vuoi?” E la risposta è arrivata: “Salve signorina, c’è qualcosa da riparare? Riparazioni dall’orologio da polso al motore dell’auto”.

“Credo che ci sia qualcosa da sistemare. Scusate, io mi chiamo Kamylla e tu?” “Fernando, ma tutti mi conoscono più come Nêgo Velho. La cosa non mi disturba, penso addirittura che sia un soprannome affettuoso.” “Ebbene signor Fernando, il lavoratore a giornata si è lamentato nei giorni scorsi di un rumore seguito da un intasamento della lavatrice. Stavo addirittura pensando di buttarlo e comprarne un altro, ma la signora non ha protestato. (ride)) Lo vedi allora?

Nêgo Velho entrò, guidato dalla giovane, prese la lavatrice che era nella lavanderia e la portò nel garage della casa, per lavorare con più spazio. In poco più di mezz’ora la macchina era in funzione.

Kamylla lo ringraziò e gli chiese quanto doveva a Nêgo Velho. L’uomo ha detto un prezzo e lei è andata a prendere i soldi. Ha pagato, ma ha notato che la ristrutturazione è stata molto sudata. “Signor Fernando, è molto sudato e fuori fa caldo. Non vuole farsi una doccia mentre io le asciugo i vestiti?”

Nêgo Velho rifiutò immediatamente; Pensò che sarebbe stato un abuso accettarlo. Ma Kamyilla insistette tantissimo, finché, un po’ imbarazzato, accettò. “Ecco Fernando, la stanza degli ospiti ha il bagno, puoi andare lì che ti porto un asciugamano”, gli fece notare la giovane.

Mentre apriva leggermente la porta del bagno, afferrava la muta sudata di Nêgo Velho e gli porgeva l’asciugamano, Kamylla vide qualcosa nello specchio che la colpì. Non ho mai visto niente del genere!

Tra le gambe di Nêgo Velho c’era un “serpente” lungo, spesso e nero con una testa grande e lucida. L’ex modella, che nonostante la sua giovinezza aveva avuto un’intensa vita sessuale prima di sposare Edgard, non aveva mai visto un cazzo di quelle dimensioni, se n’è andata velocemente, è rimasta senza parole, le si sono rizzati i peli delle braccia e si è sorpresa. . , sentendo la sua deliziosa figa e la sua bocca sbavare!

Fino ad allora, a poco più di un anno di matrimonio, Kamylla non aveva mai pensato di andare a letto con un altro uomo, tanto meno con uno che avesse quasi 70 anni, ma sembrava essere rimasta ipnotizzata dalla vista del cazzo nero di Nego. Vecchio. E dopo aver sentito: “Signorina, ho finito, i miei vestiti, per favore”, si diresse verso il bagno determinata a vederlo da vicino, a toccarlo, ad annusarlo. Entrò senza che il tecnico aspettasse e tirò fuori l’asciugamano che aveva legato intorno alla vita.

Nêgo Velho fece due passi indietro e, come spaventato, esclamò: “Che cos’è, signorina?” “Che razza di scherzo è questo?” » Determinata, Kamylla si è tolta i vestitini che indossava, è rimasta nuda davanti a Fernando e ha detto: “Voglio questo, voglio questo”, ha detto, indicando il cazzo di Nêgo Velho. “Lasciamelo prendere, vederlo da vicino, annusarlo”, implorò.

Nêgo Velho, che non le toccava nemmeno la figa da mesi, si è abbandonato al bellissimo e delizioso corpo nudo dell’ex modella, lì, davanti a lui, desideroso di quel grosso e grosso cazzo nero. Allungò la mano e disse “vieni”, indicando il letto. Prese semplicemente la mano di Kamylla e si lasciò andare.

Nudo, giaceva sul letto, con il petto in su e il cazzo ancora flaccido. Kamylla gli si avvicinò, come un felino in calore. Accarezzò quel cazzo enorme, lo grattò con la punta delle unghie, lo raccolse, ci chiuse la mano attorno, lo strinse, lo massaggiò, lo annusò, glielo strofinò sul viso, gli accarezzò le palle. In effetti, sembrava ipnotizzata.

Con tutta questa attenzione, è stato naturale per Nêgo Velho reagire a così tante tentazioni. Quando la ragazza se ne accorse, il grosso cazzo nero era già eretto, come un obelisco di nervi, rivolto verso l’alto. Lei non ha esitato. Ho dovuto metterne in bocca quanto più potevo. E gli leccò il glande e poi se lo mise in bocca.

Spalancò la bocca e riuscì a succhiare la grande testa del cazzo di Nêgo Velho, il quale, con gli occhi chiusi, si godeva questi momenti. Lo leccò, lo rigirò come se stesse mangiando un gelato e lo riprese in mano. Succhiò con piacere, come se stesse gustando un gelato dal sapore molto particolare.

Poi deglutì ancora un po’, ma non arrivò nemmeno a metà, cominciò a succhiare quello che poteva e a segare tutto. Stava perdendo il ritmo, succhiava come un vitello svezzato, mentre si masturbava. Nêgo Velho non ha potuto resistere, gemendo, quasi ruggendo, ha annunciato “Sto venendo, signorina”. Kamylla si è tolta il cazzo dalla bocca, ha continuato a masturbarsi e con la bocca aperta si è preparata a ricevere il latte dal cazzo dell’uomo.

Uno, due, tre, quattro, cinque, sei getti di sperma caldo e denso, dall’odore forte e dal sapore agrodolce. Il modello precedente non ha perso una goccia. Tagliò tutto, si riempì la bocca ed ingoiò lo sperma di Nêgo Velho, che rimase senza fiato per un forte orgasmo.

Tuttavia, non appena l’uomo ha ripreso a respirare normalmente, Kamylla ha chiesto: “Succhiami Fernando, voglio sborrarti tanto in bocca, sii ben lubrificato per sederti su questo rotolo”. Nêgo Velho, esperto nella prostituzione, si innamorò di questo gattino che ha un buon profumo, con i capelli biondi tagliati aderenti alla pelle e rossi.

Allattava e accompagnava i movimenti della giovane. Dopo aver succhiato e sbavato sulle piccole e grandi labbra, ha iniziato a leccare il clitoride di Kamylla. E cominciò a premere la testa come se volesse infilarla nel canale vaginale. E così, rotolando con la bocca di Nêgo Velho sul bottoncino, il vecchio modello è venuto tre volte.

E questa volta la soluzione non si è fermata qui. Si sdraiò sulla schiena, con il grosso cazzo sollevato e disse a Kamylla “siediti, piegati, ingoialo tutto, vero? Adesso scopa”. La sua figa era inondata di sperma, la ragazza obbedì, ma dopo poco più della metà cominciò a gemere e piangere.

Il cazzo era più grosso di quanto avessi stimato. Quando entrò sembrava che si allungassero le pareti della sua vagina, si allargava tutto, anche se era super lubrificato, non riusciva più a farlo entrare. Inoltre, faceva male e bruciava. “È meglio smetterla, stai soffrendo”, ha detto Nêgo Velho, continuando “poche donne hanno sopportato tutta questa merda nella figa e, mi sembra, la signora sta andando allo stesso ritmo.”

Kamylla, però, voleva tutto ciò che c’era in lei e non si arrendeva. Si alzò, sentì il vuoto mentre lasciava uscire più della metà del cazzo dalla figa, prese un tubo di gel, ne versò una grande quantità sul pene dell’uomo, ne prese un po’, ne mise un’altra quantità all’ingresso della sua vagina e ci riprovò, questa volta più lentamente, dato che faceva ancora molto male.

Chinandosi nuovamente, si è seduto sull’attrezzo del 68enne. Era già più che a metà strada, ricominciò a gemere e anche a gemere forte, si costrinse a sedersi all’improvviso. È entrato tutto e lei ha urlato quando la testa del gallo le ha colpito il grembo, come un martello di muscoli. Fece un passo indietro e si sdraiò sul petto di Nêgo Velho. Quasi senza parole, ha chiesto: “Fuck me.” »

Nêgo Velho l’abbracciò forte, per la prima volta le loro bocche e le loro lingue si incontrarono, e cominciò a spingere forte, dal basso verso l’alto. Kamylla emetteva suoni che erano un misto di gemiti di piacere e urla di dolore insopportabile che provava. Mi sentivo come se lo fossi Frantumante. dentro.

I movimenti dei fianchi dell’uomo iniziarono ad accelerare, Kamylla, nonostante tutto il dolore, rotolò sempre di più contro quel grosso cazzo, con sempre più eccitazione e dolore. Ad un certo punto, ha teso il suo corpo e ha urlato: “Sto venendo”, cosa che è stata ripetuta altre due volte. L’ex modella ha avuto orgasmi multipli, qualcosa che non aveva mai sperimentato con nessun altro uomo.

Poco dopo, Nêgo Velho ruggì ed entrò anche lui nella sua figa stretta. Il cazzo cominciò ad ammorbidirsi e la ragazza, molto ansimante, si sdraiò sul petto del tuttofare e si addormentò per qualche minuto. Quando si riprese, si alzò, andò in bagno e si mise sotto la doccia. All’improvviso, anche lui, che si stava alzando, ha sentito un grido di dolore ed è corso in bagno. Kamylla sentì la figa bruciare, quasi cruda, mentre applicava il sapone. Il cazzo di Nêgo Velho, grosso e grosso, gli aveva fatto molto male.

La aiutò ad asciugarsi e ad uscire dal bagno e la adagiò delicatamente sul letto. Poi andò anche lui a farsi la doccia e a lavarsi. Mentre si insaponava il cazzo, vide un piccolo rivolo di sangue, probabilmente proveniente dalla vagina di Kamylla. Passò molto tempo sotto la doccia e quando uscì e andò a letto rimase sorpreso.

Kamylla, a faccia in giù, con un cuscino alto sui fianchi e il tubetto di gel lubrificante in mano, ha chiesto “ora mettimelo nel culo”. Nêgo Velho non poteva credere a quello che aveva sentito e ha risposto chiedendo: “Sei pazza, signorina?” “Sì, sono pazzo, pazzo di questo grosso cazzo, lo voglio in tutti i buchi, anche se d’ora in poi andrò direttamente all’ospedale, in ambulanza.” Il culo ben fatto della ragazza, disteso accanto a lui, fece rizzare il cazzo di Fernando.

Ha preso il gel, ne ha messo una grande quantità sul cazzo, ne ha versato una grande quantità attorno all’anello di cuoio della ragazza, ha infilato due dita per avere una buona presa e l’ha indossato. Lo forzò e il glande entrò. Kamylla morse la trapunta, con entrambe le mani serrate, sembrava voler strappare il tessuto e lanciare un grido, come un animale ferito.

Nêgo Velho sapeva che non avrebbe potuto sopportare tutto, sapeva che sarebbe stata una tortura. Spinse dentro ancora un po’, non proprio un terzo della dimensione del cazzo, e cominciò a pompare, mentre si abbassava e trovava il clitoride di Kamylla per masturbarla. Ancora una volta, tra urla di dolore e di piacere, come raccontò poi al vecchio, spesso raggiungeva l’orgasmo, proprio quando Fernando le allagava il culo in abito di gala.

Dopo un bagno, condiviso dai due, già vestiti e composti, Kamylla preparò uno spuntino, avevano fame, l’ora di pranzo era passata. “Vous savez, M. Fernando ou M. Nêgo Velho, je suis devenu fou quand je vous ai vu nu dans la salle de bain, dans le miroir. Je sais que je dois être complètement brisé, mais je ne veux plus m’en trascorrere. “

“Nêgo Velho spalancò gli occhi e disse: “Non capisco, signorina, vuoi essere il mio amante? Per questo? Se è così, sei pazzo. E che dire di tuo marito, del tuo matrimonio, della tua vita matrimoniale? “Non voglio più questo, nessun cazzo che non sia il tuo. Col tempo mi abituerò,” ha risposto la ragazza, aggiungendo: “Ho già scopato tanti uomini, tanti, nonostante la mia età, ma ora so che questo misto di tortura e piacere era ciò che ho sempre cercato.”

Con la bocca aperta, Nêgo Velho rispose: “Ma non voglio vivere con nessuna donna in mia compagnia, signorina.” “Non abbiamo bisogno di vivere insieme. Ma voglio stare da solo con te. Oggi, quando arriverà Edgard, gli dirò che il nostro matrimonio è finito. Punto.”

Nêgo Velho rimase stupito da questa storia, scrisse il suo numero di cellulare su un pezzo di carta e si salutò. Tuttavia, prima di aprire la porta, Kamylla, per capriccio, ha aperto la tuta dell’uomo e ha succhiato ancora una volta quel grosso cazzo.

Due settimane dopo, sul cellulare di Nêgo Velho è arrivato un messaggio WhatsApp: “Tutto si è risolto con buon senso, in tutta tranquillità. Posso venire a casa tua? Se sì, dammi l’indirizzo, per favore. Ti piace, Kamylla”. L’uomo quasi settantenne ha dato l’indirizzo. Dopo un quarto d’ora, la giovane bussò alla sua porta. “Eccoti, Fernando Nêgo Velho. Adesso vorrei sempre, con dolore misto a desiderio, essere il tuo amante.” Nêgo Velho scosse la testa, si sedette sul divano, le chiese di sedersi accanto a lui e si abbassò la patta!

(FINE)

*Pubblicato da Mario2024 sul sito climaxcontoseroticos.com il 22/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *