Racconto erotico di tradimento: ho scopato mia cognata al motel.

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ciao ragazzi, di seguito vi racconto una storia che non è stata vissuta da me, ma da un mio amico, che ha voluto che la pubblicassi dopo aver visto la pubblicazione del mio primo racconto, poi mi ha detto che ho scritto io il racconto che avrei solo copiato e incollato, anche formattato, ma è la sua paternità.

Ehi ragazzi, sto inviando questa storia al mio amico così può pubblicarla su un sito di notizie erotiche per me. È stata un’esperienza come ho scopato mia cognata.

Allora, ho 22 anni, ho la pelle scura, un corpo normale (sono anche un po’ secca), sono 1,75, 70 kg, e esco con una bruna di 21 anni, lei non Non ha un corpo statuario, ma è comunque ben definito e molto saporito. Lui però ha una sorella, ha le stesse caratteristiche, ma non è sexy come la mia ragazza.

Era una giornata piovosa qui nella mia città, stavo lavorando, e quando sono uscito dal lavoro erano circa le 17:30, mia cognata era fuori, sotto il tetto, le parlavo normalmente e lei mi ha detto me Mi ha detto che voleva che l’avrebbero presa, visto che ero mia cognata, non potevo rifiutare. Così gli ho chiesto di salire e ho iniziato a guidare verso casa sua.

A metà mi ha fatto alcune domande sulla mia vita sessuale con la mia ragazza (abbiamo un rapporto aperto ma molto confidenziale), ho risposto ad alcune domande cercando di evitare l’argomento, ma il mio cazzo già dava segni di vita.

Ha notato il mio cazzo e ha iniziato a fare domande più piccanti, finché non l’ha afferrato e ha detto:

Altre storie erotiche  Storia erotica della corona - Ho mangiato la corona infuocata in fiera

“Vuole giocare, lasciami giocare con lui”

Stavamo già arrivando a casa sua, ma la cosa mi ha davvero eccitato, non ho potuto farci niente, ho fatto dietrofront e ho preso una delle strade della città e ci siamo diretti in un motel. Una volta lì, quando siamo entrati nella stanza, l’ho presa e le ho tolto i vestiti, ci siamo sdraiati sul letto e lei ha baciato la punta del mio cazzo, me l’ha leccato dalle palle alla testa, finché non l’ha afferrato.

Aveva una boccuccia deliziosa e calda, succhiava piano, con calma, bagnando il cazzo, scendendo il più possibile e risalendo fino alla testa, a volte succhiava di lato, usava la lingua, gliela infilava anche palle. in bocca “La mia ragazza non fa così”, mi ha fatto impazzire. Quando ho visto che stava per venire le ho detto di smetterla, l’ho stesa sul letto ed è stato il mio turno.

Ho cominciato a baciare le labbra della vagina, baciando le cosce, rientrando nella vagina, facendo passare la lingua lentamente, “evitando il clitoride, per farla impazzire di più” e spingendo un po’ la lingua verso l’interno, finché non ho inserito un dito e succhiato il clitoride.

Non potevo più non mangiarla, così ho messo il preservativo e gliel’ho messo tutto in una volta, ho iniziato lentamente e ho aumentato il ritmo mentre la insultavo. Mentre la toccava, le succhiava i seni e si alternava ai baci, ci fu un momento in cui la toccò senza pietà.

Poi l’ho messa a quattro zampe e mentre lo facevo le ho dato una pacca sul culo e le ho tirato i capelli, lei gemeva come una puttana. Mi comportavo come un animale, anche se non ero sexy come la mia ragazza, il fatto che fosse proibito il sesso mi eccitava molto. Lei non ce la faceva più ed è venuta.

Altre storie erotiche  Cuckolding mio marito con il dentista

Ne volevo ancora un po’ così le ho detto di rimbalzare, lei ha succhiato ancora un po’ e poi si è seduta, si è seduta e io l’ho schiaffeggiata, il suo corpicino si è seduto sul mio palo e mi ha dato allucinazioni di Era così bello, figa stretta e calda. finché non ne potevo più e ho annunciato:

“Io sto andando a correre”

“Corri dentro.”

Quando ha detto così è stato il mio climax, non ho potuto farci niente e sono esploso dentro di lei (per fortuna avevo il preservativo), afferrandola e premendola contro di me, baciandola sulla bocca. Restammo sfiniti sul letto, ci baciammo e accarezzammo per un po’, finché non vedemmo l’ora e dovemmo andare via.

Questo era il rapporto, lascia i tuoi appunti.

Se vuoi posso chiedere al mio amico di creare un account e iniziare a raccontarti le sue esperienze. Continuerò a riportare il mio. Lascia anche un commento, fino alla prossima volta.

*Pubblicato da comedo_giovane sul sito climaxcontoseroticos.com il 23/08/20.