Racconto erotico di tradimento – Il custode

di | 9 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ebbene, come avrai già notato, io e Rodrigo non abbiamo una casa nostra, l’abbiamo sempre affittata. Ho persino perso il conto di quanti posti abbiamo vissuto. Soprattutto qui nella zona est, perché ci piace di più questa parte della città. Dopo che siamo tornati insieme e ci siamo trasferiti di nuovo, siamo andati a vivere in un piccolo appartamento a Guaianazes. Siamo stati in questo posto solo per 3 mesi. Era un edificio piuttosto noioso. L’ascensore, ad esempio, era molto vecchio e aveva sempre problemi. Per darti un’idea, in due giorni vissuti lì, ho avuto la ricompensa di rimanere bloccato nell’ascensore per poco più di un’ora!

Ma, cosa interessante, l’edificio aveva una guardia. Antenor Junqueira era il suo nome. Un mascalzone dall’aspetto dispettoso, dispettoso e spudorato. Calvo, con la pelle scura e un sorriso affascinante. Il clou era un curioso rigonfiamento nascosto nei pantaloni del vestito.

È stato molto disponibile, a volte troppo. Un giorno, quando tornavo dal supermercato, l’orologio segnava ancora le nove e mezza del mattino. Indossava pantaloncini di maglia grigi molto corti. Quelli che ti mordono il culo, sai? Una camicetta bianca con spalline sottili, scollata e con i piedini piccoli, per nulla sexy, un paio di sandali rosa in coccodrillo.

Il signor Antenor era dentro l’ascensore e quando mi vide arrivare, molto attento, cercò di trattenere la porta. Questo mi permette di arrivare in tempo. Poi ha chiesto di depositare i miei bagagli, ma ha detto che non ne avevo bisogno. Poi lo sentii avvicinarsi da dietro, restare vicino al mio corpo e dirmi: – Wow Taiane, tuo marito mi perdonerà, ma sei una donna molto profumata. – Ho sorriso e ho detto – Ma deve essere così, giusto? —Mi ha fatto sentire il suo rigonfiamento che sfregava in modo sgradevole contro il lato del mio sedere, facendomi venire la pelle d’oca. “Che profumo è?” – mi disse quasi all’orecchio, mettendomi le mani sulla vita, stringendomi con desiderio. “Non rivelo a nessuno i miei segreti. —ho scherzato, autorizzando le sue avance.

Sistemandomi i capelli di lato, ho sentito il suo viso toccarmi il collo, puzzava come un mascalzone. Le sue braccia circondarono il mio corpo, facendomi scivolare e adattarmi meglio al suo corpo. Poi ho potuto sentire il volume del suo cazzo duro in mezzo al mio culo. “Hai un profumo davvero buono,” le disse all’orecchio. In quel momento, la sua mano maliziosa cominciò ad invadere i miei pantaloncini e le mie mutandine finché le sue dita non toccarono il mio clitoride.

Ci siamo baciati. E quando ho perso la testa ho iniziato a rimbalzare sul suo cazzo. “Che caldo,” disse mentre mi massaggiava con entusiasmo il clitoride, lasciandomi bagnato e sul punto di impazzire completamente. Ma non appena la porta dell’ascensore si è aperta, sono riuscita a rivelare il mio lato dispettoso, mi sono lasciata andare e me ne sono andata. Lo sentivo ancora dire: – La prossima volta non mi sfuggirai, stronza.

Un giorno di notte mi chiamò per dirmi che sarebbe passato a ritirare un pacco che mi era stato lasciato alla reception. Deve essere stato un libro che ho comprato come parte di una promozione di Amazon. Rodrigo era appena entrato in bagno per farsi la doccia quando bussò alla porta. Confesso che appena mi ha detto che sarebbe venuto a consegnare l’ordine già immaginavo mille cose, e cominciavo a bagnarmi.

E indovina cosa ho indossato? È da un po’ che non ne parlo qui. Sì, il mio famoso vestito viola. Corto, attillato, che indosso solo a casa perché è impossibile indossarlo per strada senza attirare l’attenzione. Appena mi ha visto, mi ha afferrato per la vita, ha lasciato cadere la scatola a terra e mi ha baciato con grande passione. «Dov’è tuo marito?» mi chiese facendomi entrare e trascinando con i piedi la mia richiesta, e vicino al suo corpo gli sussurrai: è entrato solo per farsi la doccia.

Conducendomi al divano mentre mi baciava, le sue mani vagavano sul mio corpo, stringendomi il sedere. Mi fa impazzire. Mi fece sedere sul tavolo della sala da pranzo, mi tolse le mutandine, le annusò davanti a me con una risata maliziosa e attese nella tasca dei pantaloni. Poco dopo aver messo la sua faccia tra le mie gambe, ha preso con gioia la mia figa in bocca. Questo adorava succhiare la figa, wow, che delizioso!

Dopo avermi quasi fatto venire. Antenore mi prese in braccio e mi fece sedere sul divano. Guardò la porta del bagno e poi tirò fuori l’oggetto. E Dio, non sono uno che si lascia influenzare dalle dimensioni, ma di sicuro aveva il cazzo più grande che avessi mai visto. Tenendogli il membro ho cominciato a succhiarlo, a poco a poco mi ha chiamato grintosa, cattiva, puttana, eccitandomi troppo. “Vieni qui troia, vieni a sederti sul mio cazzo,” disse mentre si sedeva sul divano e mi sollevava per la vita.

Tenendo il suo cazzo, l’ho posizionato all’ingresso della mia figa e l’ho fatto scivolare dentro bene. Wow, ci sono quasi. Presto ho iniziato a cavalcare e dimenarmi sul suo cazzo, perdendo la testa, mi ha tolto il vestito e mi ha schiaffeggiato tre volte, cosa che ha echeggiato in tutto l’appartamento.

“Puttana, ti piace tradire tuo marito, vero?” – disse, afferrandomi il collo e strozzandomi. Finché non veniamo. Ci siamo divertiti moltissimo in perfetta sincronia. Ansimando, abbiamo fatto un respiro profondo e abbiamo ripreso fiato. “Faresti meglio a uscire di qui”, ha detto mentre mi gettava di lato, portandomi la mano sulla figa per evitare che il suo seme cadesse sul divano.

In piedi al centro della stanza, mi ha preso tra le braccia e ci siamo baciati per un momento molto pericoloso. Ho sentito il suo sperma scorrere lungo le mie cosce fino ai piedi. Appena se n’è andato ho subito provato a ripulire il disordine prima che Rodrigo se ne accorgesse, ho solo dimenticato di mettermi le mutandine. Beh, spero che tu non abbia notato nulla.

Beh, spero che ti sia piaciuto. Per favore, commenta! Aiutami a sapere cosa ti piace o cosa non ti piace delle mie storie. E per sapere cosa ti piacerebbe vedere di più. Taianefantasia@gmail. Con

*Pubblicato da taian sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/04/09.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *