Racconto erotico di tradimento – In vacanza con mio marito: Il cugino birichino!

di | 27 de Giugno, 2024

EHI! Spero che tutti stiano bene. Sono scomparso per qualche giorno perché io e Rodrigo siamo andati in vacanza e abbiamo fatto un viaggio. E in quei giorni sono successe delle cose davvero brutte e se ti piace l’idea, voglio raccontartele poco a poco. Non rivelerò troppi dettagli sul luogo o sul nostro percorso, perché penso che ci sarebbe il rischio che qualcuno mi scoprisse, ma sappi che questi giorni sono stati trascorsi nel nostro bellissimo nord-est del Brasile.

Dopo alcune belle giornate in spiaggia e tanto sole, su invito del cugino di Rodrigo, siamo andati nella sua città per goderci una festa a São João. Gli imbrogli sono già iniziati sull’autobus che ci ha portato lì. È molto curioso come succedono alcune cose, ricorda anche la trama di uno di quei film porno a basso budget. Hai presente quando le situazioni accadono molto facilmente e tutto finisce in un disastro? Come il marito che esce di casa e lascia la moglie con il tizio della televisione o la donna che va in minigonna e senza mutandine al barbecue a casa del marito, ahahah. Comunque, stavamo per salire sull’autobus quando Rodrigo pensò che volessi comprare delle medicine per il mal di testa. L’autista, che mi osservava, ha sentito la conversazione e ha detto a mio marito che poteva andarsene, perché avrebbe dovuto aspettare ancora qualche minuto per scendere. Poi Rodrigo è corso in farmacia e io sono salito sull’autobus. Trattandosi di una linea proveniente da altre città, c’erano già alcuni passeggeri. Mi diressi verso la nostra sedia che era in fondo, vicino al bagno. In quel momento ho notato che c’erano posti completamente vuoti, ho pensato che se l’autobus fosse partito così avremmo potuto sederci un po’ più avanti e liberarci della puzza dei bagni. Togliendomi lo zaino, ho sorpreso un vecchio sporco affacciato sul corridoio, che mi divorava spudoratamente. Penso che lo zaino mi abbia fatto alzare il vestito e quel bastardo deve aver sicuramente visto le mie gambe. Ma la moglie, accortasi della sua immodestia, gli pizzicò violentemente il braccio, facendolo urlare di dolore. Ridendo della situazione, presi lo zaino e lo posizionai sullo scaffale più alto.

Altre storie erotiche  Puttana nel bagno dei camionisti

La porta del bagno si aprì; e poi questa voce maliziosa giunse al mio orecchio:

“Signora, lascia che ti aiuti con questo.” “Il ragazzo mi ha dato una spinta spudorata, spingendo il mio zaino e mettendomi in punta di piedi. L’ho guardato con la coda dell’occhio: grazie, amico. — L’ho ringraziato quando ho sentito la sua mano sulla mia vita. Il tessuto del vestito era molto sottile, dava la sensazione che le sue mani toccassero direttamente la mia pelle, il che mi ha reso molto emozionata. La risata del bastardo di cui mi sono innamorato, la sua barba ben curata gli davano quell’aspetto spudorato che amo così tanto. La sua camicia a quadri e il petto ben definito gli donavano un fascino irresistibile.

“Sei molto sexy, ragazza mia”, mi ha detto all’orecchio, poi è venuto e mi ha baciato sul collo, molto birichino. Quindi ho lasciato perdere e ho semplicemente sussurrato che mio marito stava per entrare. Non gli importava, senza togliere il piede, mi baciò forte. Prendendo la mano tra le mie gambe, mi sollevò il vestito e infilò la mano nelle mie mutandine, trovando rapidamente la mia figa gonfia. Mentre mi baciava, lo massaggiava con molta abilità e quasi arrivavo!

Con mia grande follia mi hanno impedito di godermelo perché sentivo la voce di Rodrigo molto vicino, per fortuna si è fermato per ringraziare l’autista.

“È lui! – sussurrai e appena ci lasciammo andare, ci fu abbastanza tempo perché Rodrigo entrasse e non si accorgesse di nulla.

Il viaggio continuava e, naturalmente, non potevo smettere di pensare a questo piccoletto. Sfortunatamente, ha lasciato due città prima di noi. Ci siamo scambiati uno sguardo, ma è tutto. A fine pomeriggio siamo stati a casa di Adilson, cugino di Rodrigo, che con la moglie ed i due figli è stato gentilissimo e ci ha fatto sentire i benvenuti. Il secondo giorno in città, abbiamo trascorso quasi tutto il tempo passeggiando per la città, visitando diversi luoghi dove si esibivano trii e cantanti locali. Abbiamo ballato il forró fino a non potercelo più fare. Nel tardo pomeriggio tornammo a casa e, stremato, fui il primo a correre a farmi una doccia e un bagno confortante. E fu proprio quando uscii dal bagno, avvolta in un asciugamano, che mi ritrovai faccia a faccia con Adilson, sembrava che mi spiasse apposta.

Altre storie erotiche  Solo nel culo può!

Non ci sono state parole in quel momento, ci siamo guardati in silenzio forse per due o tre secondi. Finché non afferrò il fermaglio che teneva il mio asciugamano e lo slacciò, lasciandolo cadere ai miei piedi, spogliandomi. Un attimo dopo ci stavamo baciando nel corridoio che collegava le stanze della casa.

Afferrandomi per i capelli, mi voltò le spalle. Appoggiandomi al muro, si aprì la cerniera dei pantaloni e tirò fuori il suo membro duro e potente. Impulsivamente cominciai a rotolare, sentendo il suo cazzo appoggiato tra le mie natiche, pulsando per l’eccitazione. Ci siamo baciati di nuovo e una delle sue mani è scivolata lungo il mio corpo fino a toccarmi la figa.

“Cugino, perdonami, ma sei molto sexy. —Mi ha sussurrato all’orecchio, stimolando la mia piccola griglia, facendomi venire la pelle d’oca. La nostra sicurezza risiedeva nelle voci di sua moglie e Rodrigo che parlavano in cucina. I suoi figli erano a casa della nonna e per questo eravamo quasi liberi. Non appena ho sentito quel cazzo delizioso penetrare la mia ragazza. Adilson ha iniziato a pompare forte, il suo cazzo mi stava distruggendo la figa, facendomi impazzire. Coprendomi la bocca, cominciò a spingermi violentemente, lasciandomi in punta di piedi. Nel mio orecchio mi sussurrò cose del tipo: “Che bella stronza… stronza, ti deruberò”. » Wow, giuro che non me lo aspettavo, era il tipo di marito onesto e fedele. Mettendomi una mano sul collo, ha cominciato a strangolarmi aumentando il ritmo e la forza dei suoi movimenti e ha continuato finché non è arrivato. Sono arrivato un po’ in anticipo e quanto è delizioso! Ci siamo baciati e abbracciati ancora per qualche minuto, poi lui è tornato in cucina e io sono tornata in bagno e ho fatto un’altra doccia. Hahaha.

Altre storie erotiche  Storia erotica pura: l'assistente di culo

Ok, quindi non ho troppo e finisco per farla sembrare una bugia, finirò qui. Ma dovresti sapere che ho scopato Adilson ancora qualche volta, ha un cazzo molto, molto gustoso. Almeno come piace a me, grosso e né troppo grande né troppo piccolo. Credo di averlo già regalato a quasi tutti i cugini di mio marito ahahah, quindi vedi. Spero che la storia vi sia piaciuta, lasciate i vostri commenti. Sono molto felice dei commenti, soprattutto quando parlano di qualcosa che gli è particolarmente piaciuto della storia. Sono i tuoi commenti che mi incoraggiano a continuare a scrivere. [email protected]

*Pubblicato da taian sul sito climaxcontoseroticos.com il 26/06/24.