Racconto erotico di tradimento – Incontro organizzato online

di | 28 de Novembre, 2023

Di Cesare

Alex è un avvocato di successo, sposato da quindici anni con Camila, che ha smesso di lavorare quando è nato il primo dei loro due figli. Nonostante si tratti di un matrimonio stabile, è da qualche anno che il sesso non era qualcosa di importante per la coppia, che non ha mai avuto il coraggio di affrontare la situazione e provare qualcosa per migliorarla. Quando succede qualcosa, è come la maggior parte delle coppie che cadono nella routine, non hanno il calore della passione che fa venire il mal di pancia.

Di fronte al disinteresse della moglie, forse anche del suo, che alla fine non ha fatto nulla per cambiare il rapporto, ha iniziato a considerare la possibilità di intraprendere un’avventura. Un giorno, mentre prendeva un caffè, decise di entrare in una chiacchierata e scoprì un mondo nuovo, ma che già conosceva grazie alle conversazioni con i colleghi che lo trovavano molto attraente. Principiante in questo compito, la sua prima esperienza si traduce in alcuni scambi di messaggi, ma nulla che gli interessi.

Da quel momento in poi, ogni volta che si presentava l’occasione, Alex vagava per le stanze alla ricerca di qualcosa di carino. Con il tempo prese confidenza con le stanze, ma non nascose mai di essere sposato, in fondo voleva solo avventure. Il primo accadde a una giovane donna di nome Leticia, che era una studentessa di giurisprudenza. Estroversa e accattivante, ha subito suscitato l’interesse di Alex e hanno iniziato a parlare abbastanza spesso su Skype, logicamente attraverso un profilo falso, nessuno che dovrebbe fare qualcosa di brutto vuole lasciare traccia.

L’empatia tra loro era totale, tanto che presto scambiarono conversazioni affettuose. Con il desiderio reciproco di conoscersi, si diedero appuntamento e partirono per trascorrere un pomeriggio al motel, pieno di piaceri intensi. Tornato a casa, era inevitabile che Alex facesse un paragone con sua moglie e concludesse: perché Camila non è focosa come Letícia? Ma comunque, come si suol dire, nessuno è uguale, ognuno con il proprio modo di essere.

Dopo Letizia ne arrivarono altri. Con alcuni è rimasto in contatto, uscendo di tanto in tanto, e altri erano solo avventure sessuali di un pomeriggio. Nei forum di discussione entrava sempre con lo stesso pseudonimo: un affascinante uomo dai capelli grigi. Era un venerdì pomeriggio tardi, quasi ora di tornare a casa, quando stavo per lasciare la stanza ricevo il messaggio della donna sposata bisognosa:

– Ciao capelli grigi, come stai?

Tra le sue avventure, quelle che gli piacevano di più erano quelle con donne sposate, la sensazione di interpretare un marito cornuto era molto emozionante:

– Ciao ragazzo, io sto bene, e tu?

– È meglio ora che hai risposto.

Guarda l’orologio e si rattrista, non poteva continuare la conversazione, perché si era fidanzato con sua moglie, sarebbero andati a cena a casa di sua madre:

– Sono felice che mi noti.

– Beh, con così tanti partecipanti con nomi ridicoli, il tuo è di ottimo gusto.

Il cuore di Alex batteva forte per la paura di perdere forse l’opportunità di incontrare un’altra donna sposata, così propose:

– Mio caro amico sposato, ho un cliente che arriva qui in ufficio, ci occuperemo dei progetti della sua nuova casa, ma non vorrei perdere i contatti con lui, cosa possiamo fare?

Dopo che alcuni messaggi scorrono sullo schermo, viene visualizzato il tuo:

– Nei fine settimana non entro, sai di cosa si tratta, marito a casa, ma facciamolo, entriamo sempre in questa stanza con i nostri nomi e chissà, forse ci rivedremo.

Alex ha subito accettato, non avendo tempo di prolungare la questione e rischiando di fare affidamento sulla futura buona sorte. Si salutarono e lui tornò a casa.

Di notte, quando dormiva con la moglie, il ricordo della donna sposata bisognosa intaccava la sua libido ed egli cercava la moglie per una notte di piacere, ma lei lo rifiutava:

– Non oggi, tesoro, sono esausto.

Deluso, si alza, va in soggiorno ed esprime tutto il suo malcontento con una sega alimentata da un video porno. La settimana successiva entrò nella stanza dove aveva più volte trovato la donna sposata bisognosa, ma invano non riuscì a trovarla. Quando perse la speranza, vide il nome Needy Married apparire sullo schermo del computer. Mi saluta subito:

Altre storie erotiche  Alla fine ho convinto il mio ragazzo - Storie erotiche

– Wow, pensavo che non ti avrei ritrovato.

– Dico la stessa cosa, sono entrato più volte e non ho visto il tuo nome qui.

C’è stata sicuramente una completa discrepanza del programma. Pensando a questo, Alex chiese:

– So che è molto breve e potrei essere di fretta, ma non hai un altro modo per restare in contatto?

Lei non risponde per un attimo e poi arriva il messaggio:

– Sì, ho un utente Skype, e tu?

– Sì.

Si scambiarono informazioni e non appena si collegarono, la donna sposata scrisse:

– Solo qui durante la settimana e di giorno, di notte e nel fine settimana, senza dubbio marito a casa.

– Ok e dico la stessa cosa, non posso accedervi da casa.

Desideroso di mantenere l’anonimato, Alex ha detto di chiamarsi Eduardo e la donna sposata bisognosa ha detto di chiamarsi Teresa. Disse che era un architetto, che aveva uno studio proprio, e Teresa disse che era un’artigiana, che lavorava a casa, dove aveva allestito il suo laboratorio. Voleva sapere come stava andando il matrimonio della sua nuova amica ed è stata obiettiva:

– Diversi anni insieme, routine, perdita di interessi, impegno familiare, mancanza di dialogo, insomma non credo che sia molto diverso dal tuo, vero?

– Niente, sembra una copia.

Non avevano tutto il tempo a disposizione per parlare, a volte l’uno, a volte l’altro, avevano impegni che li costringevano a interrompere la conversazione, ma questo irritava Alex, voleva sapere di più di Teresa e lo faceva ogni volta che poteva:

– Dimmi una cosa Teresa, hai avuto qualche esperienza al di fuori del matrimonio?

– Sicuramente, e tu?

– Anche a me e ti piace?

– Certo che mi piace, è una sensazione deliziosa, quelle farfalle nello stomaco che non ci fanno più sentire a casa, mi fanno sentire vivo.

– Firmo qui sotto, mi succede la stessa cosa.

Con il passare dei giorni lo scambio intimo si intensificò, al punto che Teresa confessò:

– Sai Edu, ogni volta che ti parlo mi bagno.

– Hmm, è meraviglioso sapere che, e dico la stessa cosa, è difficile per me parlarti e immaginare le cose.

– Quali cose?

– Come se fosse bello succhiarti la figa adesso, bagnata.

– Oh, non parlare così quando arriva.

– Allora divertiamoci insieme.

Si scambiarono messaggi stimolanti e presto Teresa inzuppò le sue dita in un piacere intenso, così come Alex, che si stava facendo una deliziosa sega.

Quando Alex suggerì di aprire le stanze, Teresa fu intransigente:

– Non l’ho mai fatto per nessuno Edu e non farò un’eccezione adesso, al massimo posso mostrarti qualche foto.

Lui accettò subito e lei gliene mandò alcuni, sfoggiando lingerie bellissima e audace. Il seno normale, il ventre leggero di una donna che ha già avuto figli, dove i segni sono evidenti, ma niente che possa sfigurare un corpo. Quando finì di guardare le foto, disse:

– Vorrei che mia moglie potesse indossare questo tipo di abbigliamento, mi piacerebbe.

– Vedi come va, a mio marito non interessano le parti intime, se un giorno ci incontreremo mi vestirò per te.

In un’altra occasione, mentre stavano parlando, Alex ha tirato fuori un argomento che lo appassionava:

– Tuo marito sospetta qualcosa?

– Niente, sono molto discreto.

– E non trovi questi bei vestiti?

– No, tengo tutto nel mio studio, rispetta la mia privacy e non entra.

– Ti senti in colpa per averlo trasformato in…?

Lui non finisce la frase, ma lei lo fa:

– Un cornuto?

Sollevato dalla libertà che gli dava, accettò:

– Quello.

– No Edu, anzi, mi entusiasma moltissimo. comportarsi da cornuto, anche perché un marito che non dà ciò che vuole la moglie merita di essere cornuto.

– Sono completamente d’accordo.

-E dico lo stesso delle donne, ogni donna che non sia una puttana con suo marito merita di essere arrapata, come la tua.

Anche se sembrava molto duro, aveva ragione e lui non poteva discutere, dopotutto aveva chiamato suo marito cornuto.

Ci fu una breve pausa tra i messaggi, finché Teresa non chiese:

-E tua moglie sospetta qualcosa?

– Niente, proprio come te, sono molto discreto.

– Sono curioso Edu, posso fare domande?

– Qualsiasi cosa tu voglia.

– Tua moglie ti succhia il cazzo?

– Sì, ma è così meccanico che sembra che tu lo faccia per obbligo, senza piacere.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto: quando arriva il bisogno

– Perché mi piace così tanto succhia, se ci incontriamo ti ingoio tutto il cazzo.

Nastro di Alex:

– Giuri che puoi farcela?

— Guarda, le mie labbra toccheranno le tue palle.

– Fanculo Teresa, ero quasi arrivato qui.

– Anch’io Edu, sono qui nudo e sto strofinando la griglia.

– Vorrei succhiarglielo adesso.

– Sono sicuro che lo farai, sono molto emozionato per te, ti piace una puttanella?

– Lo adoro, è così che volevo che fosse mia moglie.

– Beh, mi avrai, sarò la tua piccola puttana, mi darai un pugno in faccia?

– Me ne vado, ragazzaccia.

– Allora colpisciti ragazzo, fai arrossire la tua faccia da troia.

– Maledizione Teresa, non ne posso più.

– Allora vieni amico, vieni vieni nella mia bocca, voglio bere il tuo sperma mentre vengo anch’io.

Entrambi non riuscivano più a controllarsi e l’orgasmo arrivò con tutta la forza possibile. Dopo qualche minuto di silenzio, arrivò a Teresa il primo messaggio:

– Ti è piaciuto, gatto mio?

– Non puoi nemmeno immaginare come stai?

– Sono tutto sudato, ho bisogno di una doccia, arrivederci.

Il rapporto virtuale tra Alex e Teresa si evolveva sempre meglio, i desideri dell’uno erano uguali a quelli dell’altra, questo rendeva perfetta l’armonia tra loro. A volte Alex trascurava addirittura il suo lavoro:

– Ciao mia cornea.

Il messaggio è apparso sullo schermo di Alex:

– Ciao mia piccola casalinga birichina, come stai?

– Eccitato, oggi mi sono svegliato con il diavolo in faccia, non vedevo l’ora che il cornuto andasse in ufficio.

– A cosa sta lavorando tuo marito?

– Non è questo il punto, voglio sapere come sta il mio cazzo.

– Sempre pronto a scoparti.

L’intimità tra loro era tale che l’uso di un linguaggio così crudo non faceva altro che aumentare la loro eccitazione:

– Edu, dimmi una cosa, sei mai stato con due donne?

– Mai.

– Non lo vuoi?

– Certo che sì, ma deve esserci sintonia tra le tre persone affinché le cose vadano bene.

– Hai ragione, non è facile, ma se trovi le persone giuste è un piacere indescrivibile.

– Sei stata con due uomini?

– Sì e ti dirò una cosa, quando ho sentito i due cazzi dentro di me, è stato il culmine di tutto ciò che avevo mai sentito.

– Mangi il culo di tua moglie, Edu?

-Solo una volta si è lamentato del dolore e non ha voluto darlo mai più.

– Idiota, oops, scusa eh, ma è per questo che sei arrapato, adoro incularti.

– Tuo marito ti mangia il culo?

– Niente, è pigro, a volte gli giro le spalle sperando che capisca, niente, semplicemente mi sento a mio agio.

– Ecco perché è cornuto.

– Con tutto il merito che merito.

– Qual è la tua posizione preferita per dare il culo?

– Mi piace comunque, ma a quattro zampe è meglio, adoro sentire le palle del sacco che mi colpiscono la figa, ma c’è una cosa a cui non rinuncerò.

– Raccontami – volle sapere Alex, curioso.

– Prima di inserirlo il maschio deve leccarmi molto le pieghe, lo hai già fatto Edu?

– Certo che l’ho fatto.

– Ho il quaderno sul letto e scrivo con te in ginocchio.

– Cattivo, hai il culo per aria, vero?

— Certo, vieni qui, vieni a leccare il culetto della tua puttanella.

– Sono pronto a fasciarti il ​​cazzo.

– Metterò tutto su di te.

– Questo stallone arrapato mi colpisce forte il culo, adoro sentire il dolore di essere scopato.

– Ti allargherò le pieghe, puttana.

– È vero, voglio essere dominato, sprofondare e strapparmi i capelli.

– Fai uno spuntino, tocca il mio cazzo in quel culo perché a tuo marito non importa.

– Non mi importa proprio niente di quel figlio di puttana, ecco perché l’ho tradito.

Un altro pomeriggio di divertimento ed entrambi si divertirono come due adolescenti innamorati. Già ripresosi dalla gioia, Alex chiede:

– Teresa, ci scriviamo da quasi due mesi, so che in questo mondo virtuale possiamo essere quello che vogliamo, ma dimmi una cosa, tutto quello che abbiamo già detto sul sesso, tutto quello che ci piace fare questo sesso virtuale. , ti piace davvero tutto o per te è solo una valvola di sfogo?

Altre storie erotiche  CREDENTE DEL CULO CALDO

– Credi a una cosa Edu, tutto quello che ti ho detto finora è la verità più pura e quando si tratta di sesso, niente di quello che ti ho detto è una bugia, e tu?

– Anche a me piace tutto, senza restrizioni.

Non c’è stata alcuna interazione sullo schermo di Alex, finché dopo pochi minuti è apparso un nuovo messaggio:

– Edu, voglio davvero una cosa, non ho mai osato chiederlo a mio marito e nessuno degli uomini con cui sono uscita ha accettato di soddisfare il mio desiderio.

– Dimmi, forse è il primo.

– Voglio mangiare il culo di un uomo.

Alex mantenne gli occhi fissi su questa frase, non sapendo cosa rispondere, vedendo la sua inerzia, Teresa disse:

– Non credo che un altro me lo permetterà.

– Non è questo, ma ammetto che non avevo mai pensato a questa possibilità.

– Non ti hanno mai preso in giro, Edu?

– L’hanno già leccato e un amico ci ha anche messo il dito.

– Non ti piaccio?

– Non sono ipocrita mentendo, ammetto che è stata una bella sensazione.

– Mi lascerai mangiarti il ​​culo?

– Vedremo con il tempo.

– Non preoccuparti tesoro, sarò affettuoso.

– Come fai tu?

– Ti metterò a quattro zampe, ti bacerò il culo, poi ti esporrò il culo, ti leccherò molto, ti inserirò la punta della lingua, finché non sentirò che sei rilassato, solo allora inserirò il mio dito.

– Wow, lo voglio qui.

– Quindi immagina la mia bocca che ti bacia il culo e io che ti scopo il culo.

– Lo immagino e già lo voglio.

— Quando il tuo cazzo sarà abbastanza grande, inserirò un altro dito.

– Vai ancora un po’ e vengo.

– Non sono ancora un ragazzino, ora arriva quello supremo.

– Ancora di più?

– Sì, troia, ti metterò il mio dildo intorno alla vita e te ne scoperò.

– Oh, questo mi cancellerà le rughe.

– Questo è tutto tesoro, sarai devastato quanto me.

– Mmm, non ne posso più.

– Divertiti, puttanella, goditi il ​​mio cazzo.

Sebbene fosse sorpreso dalla natura insolita della situazione, Alex si fece avanti con la forza che raramente aveva mai fatto prima. Teresa lo rispetta per qualche istante finché non si riprende e poi chiede:

– Io ti piaccio?

– Sono venuto un paio di volte.

– Evviva, penso che ora ucciderò la mia volontà.

Passò ancora qualche settimana e il desiderio di un vero incontro era latente in entrambi e Teresa disse:

– Edu, non sopporto più di stare da solo nel mondo virtuale, ti amo nel mondo reale.

– Anch’io Teresa, organizziamo un incontro.

– Ho un posto che di solito segnalo come preferito quando vado a incontrare altri uomini.

Dice dov’è e Alex lo sa, ma rimane una domanda:

– Come ci incontreremo?, chiede Alex.

– Semplice tesoro, indosserò una camicia rossa, una gonna bianca, sandali rossi e una borsa bianca sulla spalla destra.

– Se è così allora mi identificherete anche dai miei vestiti, indosserò jeans, una polo a righe bianche e blu, con il cellulare nella mano destra.

Una volta deciso il modo in cui si sarebbero riconosciuti, una volta deciso il giorno e l’ora, avrebbero avuto tutto il pomeriggio per abbandonarsi al piacere più assoluto. Il posto era un centro commerciale e il corridoio che Teresa scelse era quello di un grande magazzino. Concordarono di venire da direzioni opposte, così da potersi riconoscere da lontano. Alex era ansioso di incontrare la sua cara amica Teresa e quando arrivò il giorno, era lì. Mentre si dirigeva verso il punto concordato, vide in lontananza una donna vestita come gli aveva detto Teresa. Non era possibile vederlo chiaramente, ma l’aspetto era piuttosto allettante. Mentre si avvicinavano, il cuore di Alex cominciò a battere forte e quando si trovarono faccia a faccia, tutto ciò che riuscì a sentire fu:

-Camila!

-Alex!

*Pubblicato da new_lorde sul sito climaxcontoseroticos.com il 27/11/23.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *