Racconto erotico di tradimento: la moglie di un amico

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ciao a tutti, sono un uomo dalla carnagione scura, sono alto 1,79 m, peso 90 kg e ho 39 anni, sono un agente di polizia e uomo d’affari in una cittadina dell’interno del Pernambuco.

Tutte le notizie che scrivo sono vere, compresa questa, ho solo cambiato i nomi dei personaggi per mantenere la riservatezza delle persone coinvolte.

Un collega mi ha invitato a trascorrere un pomeriggio a casa sua, che si trova in una cittadina molto vicina a dove abito.

Dopo tanti inviti e insistenze ho deciso di andare e l’abbiamo programmato per un venerdì pomeriggio.

Quando sono arrivato a casa sua sono stato accolto bene da Paulo, sua moglie Angélica, il figlio della coppia e suo fratello Tonho. Era una casa bella e confortevole che aveva uno spazio ricreativo nel patio dove c’erano già un tavolo e delle sedie vicino ad un griglia

Mi hanno portato al tavolo e Tonho è andato a prendere la carne alla griglia mentre Paulo ha portato le birre con Angélica e suo figlio che ci accompagnavano.

Molte conversazioni, molti argomenti, molte risate e quando ci siamo resi conto che erano già le 9 di sera ed eravamo già un po’ ubriachi, è stato allora che Tonho ha detto che sarebbe partito e che il giorno dopo sarebbe andato a lavorare e Paulo ha detto che non c’era Io sono andato prima di prendere una cachaça per bere la birra e sono andato a cercare una bottiglia di cachaça chiamata Salinas, Wow! Che bella cachaça!

Angélique si alzò da tavola per mettere a letto il figlio della coppia e restammo a bere.

Dopo due drink, Tonho se ne andò e Paulo e io restammo a brindare ad ogni vecchia canzone che suonava.

Dopo un po’ Angélica è tornata al tavolo e abbiamo continuato a bere birra, a parlare, ad ascoltare musica e talvolta a bere qualcosa.

Altre storie erotiche  La ragazza paffuta con le mutandine gialle

Mia moglie inizia a chiamare per chiedere notizie e io mostro loro che mi aiuta a risparmiare un po’ più di tempo bevendo con loro e ogni volta che arriva un messaggio glielo mostro e Angelica si mette dietro la mia sedia e me lo manda in audio moglie. È stato allora che l’ho sentita premere il suo corpo contro di me e da lì è iniziato tutto.

Paulo era già molto ubriaco e mentre continuavo a guidare verso casa stava un po’ meglio e Angélica era un po’ fatta perché aveva sbagliato e ripetuto più volte. Quando si è appoggiata alla mia sedia ed è rimasta a lungo, con un movimento del braccio le ho toccato accidentalmente le gambe, le ho subito chiesto scusa, ma lei mi ha fatto un sorriso, di quelli che tutti percepiscono come un tono malizioso.

Paulo le chiese di sedersi e, con mia sorpresa, lei mise la sedia tra me e si sedette, prima di trovarsi dall’altra parte del tavolo, di fronte a Paulo.

Abbiamo ripreso la conversazione e Paulo ha cercato di convincermi a dormire lì perché era già tardi per guidare e io ho sempre rifiutato. Anche Angélica mi ha chiesto di restare e ora ogni volta che parlava era con la sua mano sulla mia gamba, sul punto di baciarla marito, mi ha messo la mano sulla gamba.

Dopo averlo fatto diverse volte, c’è stato un momento di follia da parte mia, durante una conversazione e tutti e tre ridevamo, lei è andata a baciare Paulo e mi ha messo la mano sulla gamba, è stato in quel momento che le ho afferrato il polso e Lei ha alzato ancora un po’ la mano fino a raggiungere il mio cazzo che era già duro, non ha opposto alcuna resistenza e ci ha tenuto la mano sopra.

Altre storie erotiche  Racconto erotico bdsm - Malu, il risveglio di una cagna

All’inizio teneva la mano ferma e col passare del tempo è diventata più audace al punto da accarezzarmi il cazzo. Paulo, già ubriaco, cominciò ad andare spesso in bagno e ogni volta che andava in bagno ne approfittavamo per dargli baci e una mano sulla sua figa, che era tutta bagnata.

Si stava facendo tardi e ormai avevo già convinto mia moglie che sarei andato a dormire a casa di Paulo.

C’è stato un momento in cui Paulo mi ha quasi sorpreso a succhiare le tette di Angelica, penso che l’abbiamo coperto bene.

Quando non potevo più bere, Paulo mi invitò a entrare in casa, mentre rimanevamo in soggiorno a mangiare qualcosa, Angélica andò a preparare la camera degli ospiti perché potessi dormire.

Nel soggiorno, Paulo ha appoggiato la testa sul divano e si è addormentato e quando Angélica è tornata in soggiorno e ha visto suo marito dormire, ha sorriso, come quello di prima, ed è venuta a sedersi accanto a me.

Anche se avevo paura che Paulo non stesse dormendo profondamente, non potevo resistere ai suoi baci, diventavano sempre più intensi finché non ha aperto i miei pantaloncini di Jens ed ha tirato fuori il suo cazzo, mi ha fatto una sega e sono rimasto stupito e stupito. . Parlò sottovoce: – Sapevo che un Moreno di questa taglia aveva un cazzo meraviglioso.

Si innamorò di lui ed era così delizioso che finii per dimenticare che Paulo era lì e che lei era sua moglie.

Le ho tolto tutti i vestiti e sul divano abbiamo fatto un bel 69, con me sdraiato sul divano e lei sopra, con la sua morbida figa bianca che gocciolava miele sulla mia faccia perché era così arrapata.

Altre storie erotiche  pomeriggio freddo pieno di malizia

Poi l’ho appoggiata sul bracciolo del divano e ho cominciato ad inserirlo molto lentamente, non riusciva a trattenere i gemiti e quando il mio cazzo era completamente nella sua figa e la stavo pompando poco a poco, ha fatto uscire un po’ del piccolo urla con le quali pensavamo si sarebbe fermata, si sarebbe svegliata Paulo, sono stato in un piacevole avanti e indietro finché non ho sentito il suo sperma, la sua figa era come una pinza che mi stringeva il cazzo e poco dopo sono venuto.

Ce n’era molto nella sua figa e ne rimaneva ancora un po’ quando ho tirato fuori il cazzo e gliel’ho messo in bocca.

Dopo qualche minuto di contemplazione, abbiamo svegliato Paulo che pensava di essersi addormentato da un po’, l’ho aiutata a portarlo in camera da letto e lungo la strada voleva baciarlo mentre io gli davo il resto del mio sperma. la sua bocca. Ci siamo svegliati il ​​giorno dopo verso le 8, abbiamo preso un caffè insieme e l’ho ringraziato moltissimo per la sua ospitalità e sono tornato a casa per incontrare mia moglie che non era per niente contenta che stessi dormendo fuori casa perché stavo bevendo.

*Pubblicato da Orfeo sul sito climaxcontoseroticos.com il 23/10/20.