Racconto erotico di tradimento – La moglie mi ha sorpreso a scopare il culo di suo marito!

di | 4 de Luglio, 2024

C’è stato un anno in cui ero molto stressato a causa della routine che avevo al lavoro. Wow, ricordo che volevo strangolare il mio capo! Peggio ancora, ho finito per darglielo. Ma comunque, questo è un argomento per un altro giorno. Dato che ero molto teso, un amico mi ha consigliato una clinica di massaggi. E così ho iniziato a visitare regolarmente le mani divine di Patricia, una massaggiatrice molto competente. Lavorava dal suo appartamento, in un condominio di lusso nel sud di San Paolo.

Un giorno sono arrivato nel suo appartamento e sono stato accolto da una bellissima signora! Capelli lisci e grigi e un pizzetto che gli dava un aspetto malizioso. La sua maglietta e i suoi pantaloni si adattano perfettamente al suo corpo, mettendo in mostra i suoi muscoli in modo promiscuo.

– Buonasera, tu devi essere Taiane Aguiar, vero? Hai già programmato una sessione con Patricia alle 19:00.

“Sì, sono io. Sono entusiasta delle sue mani. Questa è la mia terza seduta in meno di un mese”, ho detto, entusiasta della fossetta sul suo mento.

“Immagino. Anch’io sono caduto in questa trappola, al punto che l’ho sposata. —Disse sorprendendomi e allo stesso tempo lasciandomi un po’ invidiosa della mia massaggiatrice. “Mi chiamo Arthur,” disse, prendendomi la mano e presentandosi. “Purtroppo Patrícia ha avuto un imprevisto ed è dovuta partire in fretta. Sono rimasta qui per parlare con i suoi clienti. Mi scuso…” Aveva le maniche della camicia arrotolate, quindi si vedevano i capelli . le braccia tese verso le mani, dandole uno sguardo seducente – Ma… sono anche una massaggiatrice, sicuramente meno talentuosa di mia moglie… ma se ti senti a tuo agio, posso fare la tua seduta “In quel momento, io. Ho visto i suoi occhi vagare sul mio corpo, come se mi stesse spogliando lentamente, lasciandomi la pelle d’oca.

“Beh, se non hai problemi con tua moglie, per me è perfetto,” risposi guardandolo civettuola.

Mi ha guidato nella stanza del benessere, il cui nome era scritto su un piccolo cartello appeso alla porta. Continuavo ad essere affascinato dalla sua voce, dal suo aspetto e da tutti i suoi attributi. Dopo aver chiuso la porta ci siamo guardati per qualche secondo, uno di fronte all’altro, poi lui ha sorriso e ha detto:

“Beh, di solito è allora che ti togli i vestiti.” – Sorridiamo insieme. – Wow, scusa, sono molto distratto oggi – dissi vedendolo avvicinarsi all’armadio dove erano conservati gli oli e altre cose. “Se non sei sicura o ti senti a disagio, puoi lasciare il reggiseno e le mutandine.

Quando è tornato da me, l’ho visto quasi far cadere due bottiglie sul pavimento. Ho riso – ci avevo pensato, ma non indosso il reggiseno – ho detto con una risata rilassata, stando davanti a lui con solo un paio di mutandine di pizzo bianco, e stavo disegnando la lana per l’appunto! biografie della mia figa.

Altre storie erotiche  Mia moglie mi tradisce con un'altra puttana

“È perfetto,” disse, guardando con calma il mio corpo. “E non c’è motivo per non godersi il massaggio nel modo più rilassato possibile e per questo l’ideale è togliersi tutto… Togliti i vestiti – Il tuo discorso è stato crudele e mi sono emozionato moltissimo! Per un secondo ho quasi mi sono tolto le mutandine, ma a volte bisogna sapere come rendere più eccitante un orgasmo. Pensavo che sarebbe stato molto più emozionante vederlo togliermi le mutandine con un altro movimento.

— Wow, sono molto teso ultimamente… sento molto dolore qui così — Gli ho voltato le spalle e con le mani ho indicato la parte posteriore delle mie spalle, mostrandogli allo stesso tempo la mia piccola coda.

— Uh, fammi vedere — si avvicinò, e subito sentii le sue mani sulle mie spalle, toccandole e facendomi subito sussultare. “Um, è vero…” dissi mentre adattavo il mio culo al suo cazzo, sentendolo rigido.

“Stai lavorando troppo?” Cosa fai?

– Lavorare con le risorse umane. Il mio nuovo capo è un mascalzone, mi fa impazzire! —dissi muovendo il sedere su e giù con il suo volume, sentendo le sue mani rilassarmi le spalle.

“Oh. Risorse umane… persone… Devi essere molto paziente quando hai a che fare con le persone, giusto?

“Non dirmelo nemmeno. Devi avere un’idea. Hanno a che fare anche con le persone. Essere umani è un animale molto complicato – dissi gentilmente, sentendo le sue mani che mi massaggiavano le braccia e la schiena. Tornando su, mi lasciò i capelli da parte e iniziò a massaggiarmi il collo, facendomi rabbrividire.

“Sì, trattare con i clienti è fantastico. Ma d’altra parte, ci sono momenti in cui si crea un legame piacevole. —Disse tenendomi la vita, sentendo come strofinavo il mio cazzo contro il suo. – Inizierò il massaggio con un olio speciale, quindi forse sarebbe meglio – chinandosi, afferrò i lati delle mie mutandine e me le fece scivolare lungo le gambe finché non mi sollevò i piedi, li vidi completamente rimossi.

Altre storie erotiche  Racconto erotico eterosessuale - Tavern Tales (05): Dupla Traião

Sentivo il suo respiro sulla mia pelle e per qualche secondo ebbi la sensazione che mi avrebbe preso proprio lì. Ma lui si alzò e disse: – Per favore, sdraiati sul tappeto e stai calmo, ti chiederò un attimo di cambiarti e di indossare abiti più adatti. Ed è quello che ho fatto, mi sono sdraiato con il sedere su questo materasso sul pavimento. Nel frattempo fantasticavo mille e una cosa sul marito della mia massaggiatrice. Poi è tornato e ovviamente non ho potuto fare a meno di dargli un’occhiata e controllarlo. Indossava pantaloni della tuta grigio chiaro, una maglietta bianca e piedi nudi. Mi ha dato un piccolo cuscino e mi ha chiesto di metterlo intorno alla vita. Mi è piaciuta l’idea, quindi sarei stato più vulnerabile nei suoi confronti, o più attraente… E inutile dire che sua moglie non ha mai chiesto questo lol.

Sdraiato sulle braccia, chiusi gli occhi. Non vedevo l’ora di sentire le sue mani correre sul mio corpo. C’è voluto molto tempo, così tanto che ho persino pensato di controllare cosa stavo facendo. Ma poi ho sentito l’olio cadere sulla mia schiena e quelle mani posarsi saldamente sulle mie spalle. Impulsivamente ho raddrizzato il mio corpo e in quel momento, wow, mi è persino venuta la pelle d’oca solo a ricordarlo; Quel bastardo era già nudo! Il mio culo si adattava perfettamente al suo cazzo, facendomi gemere ogni volta che lo sentivo. Cominciai velocemente a rotolarmi sopra, mentre le sue mani mi massaggiavano. Non ci è voluto molto e quel cazzo era già nella mia figa, scopandomi deliziosamente. Afferrandomi i capelli, aumentò l’intensità delle sue spinte, l’impatto della pelle maliziosa echeggiò in tutta la stanza e aumentò notevolmente la mia eccitazione.

Poi, girandomi sul tappeto, mi guardò in un modo che sembrava volesse divorarmi. Tenendomi una gamba, la sollevò, appoggiandola lungo il suo corpo, con il mio piedino appoggiato sulla sua spalla, e cominciò così ad entrare nella mia figa con grande vigore. Ad un certo punto avevo già eiaculato più volte e questo bastardo mi aveva già inondato la figa. Ma dopo alcuni baci e un bel pompino, è tornato. E ora, sporgendomi sul tavolo del medico, ho sentito la sua bocca sulle mie natiche. La sua lingua mi penetrò spudoratamente. Poco dopo ha spinto il suo cazzo nel mio piccolo anello, senza molta gentilezza. Sbattendomi il suo cazzo molto forte sul culo, mi ha fatto alzare in punta di piedi. Che delizia, adoro quando colpiscono così forte.

Altre storie erotiche  Cleo - Il piatto principale

– Puttana!!!

Il mio cuore è sprofondato quando ho sentito quella voce riempire la stanza. Patricia ha aperto la porta e ci ha sorpreso in faccia. Mi guardò negli occhi, facendomi tremare il corpo. Il suo sguardo conteneva un misto di rabbia e dolore. E puoi credere che quel bastardo sia comunque riuscito a venirmi nel culo! Fu proprio in quel momento che la porta si aprì. All’improvviso è uscito con questo cazzo grondante di sperma dall’altra parte della stanza, tenendo in braccio sua moglie che voleva attaccarmi e uccidermi. Per fortuna lui riuscì a trattenerla, presi i miei vestiti e uscii in fretta, nudo… andai a vestirmi nel corridoio, quasi di fronte all’ascensore.

Wow, che situazione. Non avevo mai sperimentato nulla di simile. Senza dubbio il sesso è stato molto bello, ma ammetto che dopo mi è dispiaciuto per lei, ho finito per perdere una grande massaggiatrice. Io e la mia confusione, no. Non posso fare nulla. Ma comunque spero che almeno la storia ti abbia commosso, baci. Commenta cosa ne pensi. Taianefantasia@gmail. Con

Oh ragazzi, ho dimenticato di dirvi che indossavo uno dei miei abiti corti estivi e nell’ascensore il portiere del palazzo è entrato al terzo piano e dal riflesso nello specchio dell’ascensore ho notato che stava guardando le mie gambe, che è che ho fatto in modo che il fottuto marito della mia massaggiatrice li smontasse ahahah. Oh, oh, ecco, vedete… un bacio a tutti.

*Pubblicato da Taiane sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/06/02.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *