Racconto erotico di tradimento: lo zio di mio marito e… io

di | 12 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Lo zio di mio marito e… io.

Splende il sole e non ho trovato ombra per parcheggiare.

Cerco di truccarmi davanti allo specchietto della macchina mentre aspetto che Paulinho esca da scuola. Mentre applico il rossetto, guardo il mio viso nello specchietto centrale dell’auto.

“”Ventisette anni.” “Credo. » “Tra due anni avrò trent’anni…”

Cosa posso dire della mia vita finora? So di non avere nulla di cui lamentarmi, ma a volte sento un certo vuoto dentro di me.

Sono ancora giovane, ma sono sposato da quando avevo vent’anni. Non sono uscita molto, solo due ragazzi prima di incontrare Beto, il grande amore della mia vita. Non mi pento di averlo sposato, perché lo amo moltissimo, penso solo che mi sarebbe piaciuto di più. Sento che avrei dovuto uscire di più, fare più sesso e viaggiare di più, e forse questa è la causa del vuoto dentro di me. Non è che sono infelice, non è questo. Sono sposata con l’uomo che amo, ho uno splendido figlio di sei anni e godo di una certa tranquillità finanziaria che mi libera dal dover lavorare fuori casa.

Viviamo in una grande casa a Itaim con un ampio giardino, un garage per tre auto, una piscina e una piccola costruzione sul retro. Alcuni dei nostri amici la chiamano villa, ma è solo una grande casa.

Mio marito è avvocato e viviamo bene, ma la monotonia cominciava a consumarci.

A volte ho voglia di fare cose nuove, vedere cose nuove, posti nuovi…

Dodici e venti, tra cinque minuti, la porta della scuola si apre.

Esco dall’auto e la brezza fresca che arriva dagli alberi della piazza che attraverso per andare a scuola scuote i miei setosi capelli neri di cui sono così fiera.

Indosso leggings neri e una maglietta bianca, attillati e attillati al mio corpo. So di attirare l’attenzione degli uomini ovunque vada e questo mi distrae e mi dà conforto sapere che sono ancora sexy. Non so se mi capisci, lettore, ma sentirsi amati dà una soddisfazione enorme. Mi vesto così apposta e talvolta quasi flirto con qualcuno, ma questo è tutto. Credo che sia per sentirsi più viva o più donna, non lo so.

Non ho mai avuto intenzione di tradire mio marito. Tuttavia, quello che non realizzavo era che stavo per essere scosso e messo alla prova nelle mie convinzioni.

La porta si è aperta, ho preso per mano mio figlio e siamo tornati a casa.

Lo stesso giorno, durante la cena, Beto raccontò che suo zio Heitor lo aveva chiamato e gli aveva detto che sarebbe tornato a San Paolo e che intendeva aprire il suo negozio di motociclette a Moema. Voleva sapere se poteva restare a casa qualche giorno finché tutto non si fosse risolto. Beto mi ha chiesto se c’era un problema e io gli ho detto di no.

“Può restare nella stanza sul retro. È arredato e visto che è solo per pochi giorni…” dissi e Beto sorrise. Sapevo quanto amavo questo ragazzo.

Di tutti i parenti di mio marito, zio Hector era l’unico che non avevo ancora incontrato.

Mio marito ha detto che era molto ribelle e che è venuto al mondo molto presto. Ha viaggiato e vissuto in diversi paesi e ha anche guadagnato denaro. Ero quasi geloso di lui. Ora era tornato e aveva bisogno di un posto dove stare. Dato che Beto è il suo nipote preferito, voleva restare a casa.

“Quando arriverà?” ” Ho chiesto.

– Dopodomani. “Mio marito ha risposto.

Stavamo facendo colazione quando arrivò Heitor sulla sua Harley Davidson nera. Siamo usciti per darti il ​​benvenuto.

Come ho detto prima, non lo conoscevo, perché quando ho iniziato a uscire con Beto, viveva all’estero. Non avevamo foto di lui e mio marito, che è il nipote che ama di più, le aveva sui social media, ma Heitor si oppone alle foto e non le ha mai pubblicate, quindi non sapevo che aspetto avesse. Sapevo solo che aveva cinquant’anni e l’immagine che si era creata di lui nella mia testa era quella di un uomo serio ed educato, con la pancia grossa e calvo, anche se Beto diceva sempre il contrario di lui. . Tuttavia, quando quella mattina si tolse l’elmo, quasi caddi all’indietro, stupito da tanta bellezza in un solo uomo. I suoi occhi sono verdi e i suoi capelli neri, leggermente grigi, sono lunghi e incorniciano un bel viso che sfoggia una barba grigia appuntita. Si veste di nero e ha un vecchio tatuaggio dei Guns in Roses sul muscoloso braccio destro.

“Wow, Betinho, Alice è molto più carina dal vivo, sembra una bambola di porcellana con quei bellissimi capelli neri che mettono in risalto il suo viso bianco. —Ha detto quando ci hanno presentato e mi ha abbracciato.

Ho sentito qualcosa di strano e di piacevole quando mi hanno avvolto tra queste braccia forti e premuto contro questo scrigno di pietra… non so… Questo profumo… Questa voce… È molto bella, di quelle che fanno una donna impazzita….mi sono fatta la pipì addosso e la cosa mi ha lasciato sconcertato.

– Oh! Lasciami andare amico, è mio, eh. Ti conosco molto bene, vecchio bastardo. – disse Beto ridendo. Anche lo zio rise.

“È un grande piacere conoscerti…” disse guardandomi negli occhi.

Potevo solo mormorare un “…Benvenuto…”. Il mio cuore batteva forte e le mie gambe tremavano.

Heitor ha poi rivolto la sua attenzione a Paulinho. Beto mi aveva già detto che suo zio amava i bambini. Anche Paulinho lo amava e i due divennero inseparabili.

Domenica è stata la giornata del barbecue in piscina con tutti i nostri amici. Heitor indossava boxer bianchi che erano allettanti. Fu allora che mi resi conto che era molto bello, infatti tutte le donne ed io lo notavamo.

Stavo cercando di abbronzarmi con un bikini giallo. Fu allora che mi resi conto di aver attirato l’attenzione dello zio di mio marito, che mi lanciava qualche occhiata. Ho sorriso, profondamente soddisfatto.

Altre storie erotiche  Storia erotica del cornuto: tutto è iniziato con l'allattamento al seno

– Wow, Alice, dove ha trovato Beto un ragazzo così bello? – disse Marcia, la mia migliore amica, rannicchiata accanto a me alla griglia dove ero andata a bere una birra.

“Indovina quanti anni ha…” dissi, aprendo una lattina per me e un’altra per lei.

—Non lo so, trenta, trentacinque anni al massimo. Parlò senza staccare gli occhi dall’uomo che era dall’altra parte della piscina con Beto e gli altri uomini.

In effetti, non era solo Marcia a guardarlo, ma tutte le ragazze lo guardavano di nascosto in modo che i loro mariti e fidanzati non se ne accorgessero.

“Cinquanta,” dissi a bruciapelo.

Marcia è annegata nella birra.

-Quello !!!!!

«Cinquant’anni, figlia mia, cinquant’anni. – dissi soddisfatto, ridendo del suo stupore.

“Mio Dio, amico mio, gli dei sono stati troppo generosi con lui, eh. Dio benedetto, che uomo… Cosa significa questo ventre ondulato? E quei bicipiti poi, mio ​​Dio… – disse mentre io ridevo, perché avevo già predetto che Heitor avrebbe provocato quella reazione in Márcia.

“E il suo cazzo… Guarda, entra a malapena nel costume da bagno… credo che sverrò…” schernì lei, mettendosi una mano sulla fronte, fingendo di sentirmi arrivare all’improvviso.

I bambini ridevano e parlavano animatamente dall’altra parte della piscina.

“Volevo essere una zanzara solo per scoprire di cosa stavano parlando. ” Lei disse.

“È facile a dirsi, dicono cose ridicole sugli uomini, tipo: ‘Quante donne hai scopato, Heitor?’ Qual è il più sexy? Duh, il mio cazzo è grosso, duh…” dissi, abbassando la voce in falsetto, comportandomi come un idiota.

Ridiamo entrambi.

“Che idioti sono…” disse ridendo forte.

“Molto idioti, tutti gli uomini lo sono. — Ho accettato, ridendo anch’io.

“Ma, idiota o no,” continuò, diventando seria, “mi piacerebbe portare lo ‘zio’ Heitor nel mio appartamento, chiudere la porta e buttare via la chiave. Gliela avrei data finché non si grattasse. ” la sua figa.

– Oh, che orrore, Marcia, che parole…

– È vero amico mio, ispira la puttana pura, con tutto il linguaggio che l’accompagna. O hai intenzione di dirmi che non puoi immaginarti a letto con questo dio greco che ti scopa? —Aggiunse guardandomi.

“Vertigini…” dissi con una risata imbarazzata.

“Vedi…” disse ridendo soddisfatta. – Non vergognarti, idiota, perché non sei l’unico. Io e tutte queste donne qui siamo piene di pensieri impuri su di lui. Mi dispiace per i tuoi mariti. Stasera dovranno scopare parecchio per spegnere il fuoco nelle loro fighette di donne. ” aggiunse ridendo forte. Mi sentivo in imbarazzo, ma scoppiavo anche a ridere.

Márcia era l’unica single. Era divorziata tre anni fa e viveva con il figlio di sette anni in un appartamento a Higienópolis. Non perdeva tempo, ogni fine settimana che suo figlio trascorreva con suo padre, usciva in discoteca ed era piena di energia. Márcia aveva già mangiato diversi panini dopo la loro separazione e me ne parlava sempre. In effetti, è un persona sola in cerca di compagnia.

“Guarda, Heitor si è tuffato in piscina ed è solo. “Ho parlato in modo insinuante. Mi guardò senza pudore, come se aspettasse il mio permesso per andare con lui.

– Dai, idiota, divertiti. Sei l’unica persona single qui e non hai nulla da perdere. – Ho completato.

Marcia non perse tempo, saltò dentro e si avvicinò a lui. Da quel momento in poi non si lasciarono andare e passarono il resto della giornata a parlare.

“Wow, non so dove trovino così tante cose”, ho pensato indignato e arrabbiato con me stesso, perché mi sono reso conto di essere geloso. Mi sono ricordato di Beto e mi vergognavo dei miei pensieri.

In otto anni di matrimonio non ho mai avuto occhi per un altro uomo, anche se sapevo che molti mi volevano. Avevo notato sguardi golosi, anche da parte degli amici di Beto, ma non mi sono mai sentito attratto da nessuno di loro.

Ma con Heitor è stato diverso. Lo volevo davvero. Lo volevo così tanto ed ero terrorizzato quando me ne sono reso conto. Amo mio marito e gli sono sempre stata fedele. Beto è meraviglioso e non se lo merita… Ho cominciato a sperimentare il dilemma di essere diviso tra due sentimenti. Amore per Beto e desiderio per Heitor.

Quella notte ero già a letto, ma non sdraiata, bensì seduta appoggiata alla testiera cercando di leggere un libro, ma senza successo, tormentata da questi pensieri folli sullo zio di mio marito che mi attraversavano la mente.

Beto era nel bagno della nostra suite, si lavava i denti e parlava allo stesso tempo. Ovviamente non riuscivo a capire niente di quello che diceva con lo spazzolino in bocca.

“Ho detto che Marcia deve essere uscita con lo zio Heitor…” disse infine, sciacquandosi la bocca. «Non l’hanno lasciato andare tutto il giorno, poi sono scomparsi e il ragazzo fino ad ora non è più tornato. – Ha aggiunto.

– Lasciali, ehi, sono entrambi single, chissà, forse andranno d’accordo e diventeranno una coppia. —dissi alzando le spalle e comportandomi come se non mi importasse.

—Zio Héctor in una relazione stabile…? Paga per vedere. —Disse tra risate ironiche.

“Perché è così impossibile per loro farlo bene? —chiesi, cercando di nascondere la mia curiosità.

— Perché il ragazzo non è uno di quelli che si sposano. È molto libero, non ama le cravatte. Inoltre, le donne si suicidano a causa sua. Lo zio non potrà mai essere fedele. Non so cosa vedano le donne in lui. —Aggiunse, già sdraiato accanto a me.

“È bello, è ben curato, alle donne piace così. – dissi mettendo il libro sul comodino e sedendomi accanto a lui.

Ero emozionato, volevo regalarlo.

Altre storie erotiche  Ho scopato le zie della mia ragazza

“E anche tu non ti sei innamorata di lui?” —Disse guardandomi negli occhi, cercando di leggere le mie espressioni.

“Idiota,” dissi, “lo sai che sei ciò che mi accende la vita.” – dissi, accoccolandomi contro di lui e facendo scivolare la mano sul suo cazzo.

Poi l’ho baciato e ho sentito il suo membro crescere nella mia mano.

“Ti farò un pompino.” Te lo meriti. — dissi e languidamente scivolai lì e gli abbassai le mutande. Ho sempre pensato che il cazzo di Beto fosse bellissimo. La testa è grande e rosa, ha vene sporgenti ed è molto dura quando è eccitata. Le sue dimensioni sono normali, ma ci vuole tempo per venire. Beto ha questa capacità, controlla il suo orgasmo ed eiacula solo quando vuole, il che significa che non rimango mai in sospeso.

Ho succhiato lentamente, assaporando ogni centimetro del cazzo di mio marito, mentre lui mi accarezzava i capelli tra un gemito e l’altro. Tuttavia, la mia mente era piena di pensieri cattivi su Hector. Questi muscoli; quella confezione da sei nello stomaco; questo volume sotto il costume da bagno bianco. È molto sexy e questi pensieri mi facevano impazzire.

Spinta dall’eccitazione, mi sono tolta le mutandine e mi sono messa a cavalcioni su mio marito, facendo affondare completamente il suo cazzo dentro di me e ho iniziato a cavalcarlo con movimenti lenti, godendomi ogni momento.

“È un peccato fare sesso con tuo marito pensando a qualcun altro? “Ricordo di aver pensato in quel momento.

Il nostro respiro pesante, i nostri gemiti soffocati, tutto mi eccitava. Sentivo dentro di me tutta la durezza di Beto… Pazza di desiderio, mi chinai su di lui e gli sussurrai all’orecchio.

-Mettilo dentro, mettilo bene e fammi venire…

In un colpo solo mi ha girato, mi è salito sopra e mi ha scopato vigorosamente a casa di mamma e papà.

Lo abbracciai e gli affondai le unghie nella schiena. Beto accelerò le sue spinte e mi penetrò. Aveva già avuto due orgasmi sconvolgenti.

So che mio marito deve aver trovato strana questa emozione, perché era da molto tempo che il nostro sesso non era così caldo, ma non ha detto nulla. È intelligente e forse sospettava che Héctor fosse la causa di tutto questo, o forse non immaginava nemmeno nulla. Forse era tutto nella mia testa, non lo so… so solo che avevo davvero paura che sospettasse i miei pensieri e cominciasse a fare domande. Non voglio ferire mio marito. Preferisco morire.

“Spero che Heitor se ne vada presto…” ho pensato con ansia. Ogni volta che mi guardava mi sentivo intrappolato e spaventato.

Abbiamo dormito. Faceva molto caldo, la finestra era aperta e ho sentito Heitor arrivare in moto la mattina presto. Aveva passato la notte con Marcia.

Mi sono alzato e sono andato alla finestra. La mia stanza è al piano di sotto e si affaccia sulla piscina. Sotto la mia finestra c’è il tetto del balcone. L’ho visto uscire da sotto il tetto e dirigersi verso l’edificio, intorno alla piscina.

Era solo, bello e solo. Questo bastardo ha giocato con me, ha giocato tanto e ho sentito la mia figa bagnarsi di nuovo. Non mi ero mai sentito così prima per nessun altro oltre a Beto.

Lo zio di Beto viveva con noi già da una settimana.

Come aveva previsto mio marito, la storia d’amore tra Heitor e Márcia non si è verificata. Mi ha detto in via ufficiosa che è molto bravo a letto, ma questo è tutto, non va bene per una relazione seria, perché non è una persona di cui ti puoi fidare.

“È molto bello, sai?” ha detto, “e le donne si innamorano di lui. Heitor non sarà mai fedele a nessuno.

Questo venerdì notte non sono riuscito a dormire. Il caldo era fortissimo e non potevo accendere l’aria condizionata perché a Beto faceva tanto male la testa. Ha preso una medicina molto forte e si è addormentato accanto a me. Poi mi sono alzato e ho aperto la finestra. Una ventata d’aria fresca mi invade, rinfrescandomi deliziosamente.

Dato che non potevo dormire così presto, scesi in cucina a prendere un bicchiere d’acqua fresca. Indossavo una camicia da notte di seta bianca e l’aria fredda proveniente dal frigorifero aperto colpiva tutto il mio corpo donandomi una sensazione piacevole e rinfrescante.

Stavo mettendo i cubetti di ghiaccio nel bicchiere quando ho sentito il rumore di qualcuno che si tuffava in piscina. Era Ettore, ovviamente.

Uscii in veranda con il bicchiere sudato tra le mani. Heitor stava nuotando, quindi mi sono appoggiato al pilastro e l’ho guardato. Finché non salì molto lentamente le scale vicino alla piscina e il mio cuore quasi saltò fuori dalla bocca quando vidi che era nudo.

Ero statico, non potevo muovermi.

Con calma ha preso un asciugamano dal divano ed è venuto verso di me per asciugarmi con questa cosa enorme e meravigliosamente bella appesa tra le sue gambe. Volevo uscire da lì, ma non potevo muovermi, per quanto ci provassi, le mie gambe non mi obbedivano.

Gettò l’asciugamano sul pavimento mentre si avvicinava a me e fece un sorriso sano, cinico e malizioso. Sono stato tradito dal mio respiro pesante. Non c’era modo di negarlo. Allora Heitor, con abilità e delicatezza, con la mano sulla mia vita, mi ha condotto vicino al grande tavolo di legno che abbiamo sul nostro balcone. Mi prese il bicchiere di mano e lo posò sopra. Poi infilò le dita dentro e tirò fuori un cubetto di ghiaccio mentre con l’altra mano mi teneva stretto alla vita.

Merda, le mie mutandine erano fradicie. Non c’era modo di negarlo. Volevo davvero darglielo.

Poi cominciò a passarmi la pietra di ghiaccio sulle labbra e poco dopo ci fece scivolare sopra la lingua. Heitor lo ha fatto lentamente circa tre volte finché non ci siamo baciati e ho potuto sentire la sua lingua nella mia bocca. Il suo cazzo era già molto duro e ho visto che non c’era modo; stavo andando a mangiare. Quindi, ho scacciato tutte le mie paure e mi sono arreso a questi deliziosi baci. Poi mi staccò il seno destro dalla scollatura e passò la pietra di ghiaccio attorno al capezzolo duro, poi lo succhiò, facendo lo stesso con quello sinistro finché la pietra non si consumò una volta per tutte.

Altre storie erotiche  Stuprata sulla spiaggia da un uomo di colore

“Ho sentito quel petto duro il primo giorno che ti ho stretto ed ero sicuro che un giorno ti avrei mangiato. —Disse sussurrando con quel cazzo duro tra le gambe che si strofinava contro la mia figa bagnata. L’unica cosa che gli impediva di penetrarmi era il tessuto delle mie mutandine che bloccava l’ingresso che stava forzando, sembrava che volesse spingere il suo membro dentro di me con le mutandine e tutto il resto.

Non potrei dirne neanche uno parola. Era interamente nelle mani di quest’uomo. Non avevo mai tradito mio marito e non volevo tradirlo, ma non potevo farci niente… Era più forte di me.

Heitor mi fece voltare le spalle e appoggiarmi sul tavolo. Lentamente si allungò dietro di me e mi tolse le mutandine. Poi seppellì il viso tra le mie natiche e sentii la sua lingua vogliosa penetrare la mia vagina con movimenti sorprendenti. Merda, volevo davvero questo ragazzo e i miei occhi ruotavano.

È un vero stallone e sapeva quello che faceva. Ho quasi raggiunto la sua lingua e si è reso conto che ero al culmine della mia eccitazione. Poi si alzò e si fermò dietro di me. Mi è venuta la pelle d’oca quando ho sentito l’enorme testa di quel pene sfregare contro l’ingresso umido della mia figa e finalmente entrarvi lentamente, riempiendomi completamente.

– È delizioso, vero, mia piccola puttana? Non ho mai desiderato così tanto scopare una donna come te. “Ha sussurrato e immediatamente ha spinto la sua asta dentro di me.

Ho sentito il suo enorme cazzo spinto dentro di me con spinte decise, deliziose, incredibilmente calde. Ho avuto un orgasmo formidabile e mi sono morsa la mano per non urlare mentre questo maschio continuava a spingermi forte, che come una femmina sottomessa mi lasciava mangiare.

Beto aveva sicuramente qualcuno con cui scherzare. Suo zio mi stava scopando, facendomi venire così tanto e non dava nemmeno segno di voler venire.

» “Gli uomini della famiglia sono tutti così?” “Ricordo di aver pensato.

– Puttana! Non vieni mai…? — Ho parlato sottovoce interrotto dal respiro affannoso.

“Voglio venirti dentro e guardarti negli occhi, mio ​​bellissimo gatto…” disse con autorità, tirandosi fuori da me e facendomi sedere sul tavolo, proprio sul bordo, mi allargò le gambe e me lo lasciò fare. Ha speronato di nuovo quel cazzo senza tante cerimonie.

Voleva venirmi dentro e sapevo che non poteva, non quella notte. Eppure non potevo dire di no. Ero completamente affascinato… Era come se appartenessi a lui e mi spaventava.

I suoi movimenti divennero più rapidi, guidati dal puro istinto animale. È quasi arrivato e anche io. Poi gli ho afferrato la nuca con entrambe le mani e ho appoggiato la mia fronte contro la sua. I nostri occhi si guardarono a pochi centimetri di distanza. I nostri respiri si mescolavano. Potevo dire che stava per venire e, temendo che Heitor gemesse troppo forte, catturai le sue labbra in un bacio disperato. È venuto così forte dentro di me che ho potuto sentire ogni spruzzo del suo sperma inondarmi le viscere. Venni anch’io, avvolgendolo tra le mie gambe in spasmi frenetici.

Heitor si sedette su una sedia con il suo membro meravigliosamente bello sdraiato su un fianco mentre io cercavo le mie mutandine sul pavimento. L’ho trovato sotto il tavolo.

«Domani devi partire presto. – dissi con voce ferma, guardandolo. Rimase in silenzio, ma mi rivolse uno sguardo interrogativo.

– E’ esattamente quello che hai sentito. Ciò che è appena accaduto non sarebbe dovuto accadere, ma non accadrà mai più. – dissi serio, quasi irritato, guardandolo. “Beto è l’unico della famiglia che ti ama ancora e ti rispetta. Non perdetelo… Potresti averne bisogno in futuro. – Ho completato.

Héctor si limitò ad annuire con un sospiro sconfitto.

Allora gli ho voltato le spalle e sono andata di sopra a farmi una doccia.

Il giorno dopo, quando ci siamo alzati, non c’era più.

“È tipico di mio zio partire senza salutare. – disse Beto con rassegnazione.

Qualche tempo dopo ho scoperto di essere incinta di Marina, che ora ha tre anni. Tutti pensano che sia di Beto, ma sono sicuro che sia di Heitor.

Non dirò mai la verità perché amo mio marito e Heitor non ha mai significato niente per me. Inoltre, Beto ama Marina e questo non lo rovinerebbe mai.

Qualche tempo dopo apprendemmo che Heitor fu assassinato da un marito tradito a Bahia. La famiglia lo stava già aspettando un giorno.

Come mi sento a mantenere questo segreto? È stato un terribile errore da parte mia e non accadrà mai più. Ma la mia famiglia è molto importante e non posso rivelare la verità e rovinarla.

Spero che tutto rimanga nel passato e che un giorno sembri un sogno, niente più che un sogno…

Se ti è piaciuto non esitare a commentare, la tua opinione per me è molto importante.

Baci a tutti.

claudinha8. barreto@gmail. con

*Pubblicato da claudinha8 sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/12/04.