Racconto erotico di tradimento – Menti misteriose

di | 4 de Luglio, 2024

Sebbene io sia uno scrittore, non mi stanco mai di ammirare come la vita reale riesca a superare di gran lunga qualsiasi creazione umana.

Le persone e la loro capacità di soddisfare i bisogni più nascosti che portano dentro, riescono a sviluppare trame che nessuno dei miei colleghi letterati ha mai concepito davanti a un foglio di carta bianco, impregnato della missione di tormentare il pubblico con ciò che verrà. al di fuori. la tua macchina.

Mi sono sposato tardi, a quarantacinque anni, ma ho avuto la fortuna (o la sfortuna, a seconda dei punti di vista) che mia moglie fosse molto più giovane, ancora sui vent’anni.

Non voglio creare l’illusione che fosse un amore appassionato, niente del genere, riconosco che nel nostro rapporto la convenienza reciproca e la convenienza di entrambe le parti erano qualcosa che era sempre sul tavolo. A quel tempo mi guadagnavo a malapena da vivere scrivendo colonne quotidiane audaci e sceneggiature molto stupide. Ovviamente erano tutti pornografici.

Fu durante una delle mie sporadiche visite ai set cinematografici che conobbi Marilyn, come veniva artisticamente chiamata. Era una donna giovane e carina, all’inizio della sua carriera sembrava un po’ timida per quell’ambiente e fece solo una piccola apparizione in una scena poco importante nel bel mezzo di un’orgia, cosa che probabilmente fece per conquistarla dandole al direttore del casting, perché è così che andavano le cose quella stagione.

La caratteristica che ha stuzzicato il mio interesse, oltre al suo corpo bianchissimo che contrastava con i suoi capelli nerissimi, era la sua capacità di trasformarsi davanti alle telecamere. Bastava sentire l’ordine “azione” ed appariva un carattere altezzoso e irritabile, l’esatto contrario dell’apparente fragilità che emanava dalla sua persona.

Dopo le riprese sono andato con la troupe a cercare qualcosa in zona e lì ho potuto parlare meglio con Marilyn. Non pensare che definendola fragile e timida intendi dire che in realtà lo era. La ragazza aveva conoscenza mondana, istruzione e stava cercando di entrare nel settore non per necessità o mancanza di opzioni. No, Marilyn voleva essere un’attrice famosa, ma soprattutto voleva essere “l’attrice”, la più famosa di tutte.

Uscimmo ancora qualche volta e tutto ci fu chiaro: vedevo in lei tutte le potenzialità e la tenacia necessarie per raggiungere i suoi obiettivi, e aveva già notato che avrei rappresentato un salto in avanti nella sua carriera. Beh, ero una sceneggiatrice cinematografica, scrivevo almeno dieci testi all’anno e conoscevo molta gente del settore, quindi per una giovane attrice valevo oro.

Ma io? Cosa otterrei frequentando uno sconosciuto? Cosa poteva esserci di più del sesso, che, modestia a parte, non gli mancava affatto?

Ebbene, lì avevo anche i miei sogni: volevo essere riconosciuto. Essere uno scrittore è un’attività solitaria e ignorata dal grande pubblico. Se Marilyn decollasse, stare accanto a un’attrice emergente rappresentava per me la possibilità di essere famoso, di avere foto e interviste, insomma di camminare per strada e scoprire chi sono.

Ci siamo sposati dopo pochi mesi e il nostro accordo era chiaro come se fosse scritto sul certificato: io l’avrei scritturata per dei film e lei mi avrebbe promosso al pubblico. Non mi importava la sua foto nuda mentre faceva sesso in scene più razziali, non mi importava nemmeno che dasse il culo ad altri, non era quello il problema, il problema era solo il nostro obiettivo comune.

È verissimo che un uomo e una donna che vivono insieme e lavorano nello stesso campo sviluppano alcune complicità. Oltre a ciò, poiché trascorrevamo le giornate immersi in un’atmosfera essenzialmente sessuale, io scrivevo e lui filmava, non era insolito che di notte gli impulsi carnali diventassero urgenti e ci rivolgessimo l’uno all’altro per soddisfare quei bisogni.

È interessante notare che, nonostante tutte le cose strane che ho scritto e il sesso piuttosto intenso in cui ha fatto, a letto eravamo affettuosi e a nostro agio l’uno con l’altro. Tuttavia, non tutto era roseo…

Un giorno, durante una scena di incesto che avevo scritto, fui chiamato d’urgenza in studio. Marilyn, ora promossa a protagonista, è andata nel panico durante le riprese, ha afferrato l’attore che interpretava suo padre e ha insistito sul fatto che non poteva abusare di lei. L’attore in questo caso era noto per essere un rubacuori, scelto perché aveva un cazzo molto grosso e grosso, e ora, sentendosi indignato, insisteva per scopare con la forza Marilyn. Infastidita, distrusse metà della scena, lanciando all’uomo tutto ciò che poteva e definendolo un mascalzone incestuoso.

Calmarla è stato difficile, Marilyn sembrava non riconoscermi né rendersi conto che tutto ciò era reale. Di notte, già a casa, mi confidò qualcosa che non avevo immaginato. Marilyn era cresciuta senza padre: un giorno, quando aveva circa sette anni, lui semplicemente se ne andò e non tornò più. Da questo episodio si è sentita abbandonata, aspettava sempre il ritorno del padre e aveva sempre il desiderio di rivederlo un giorno. Ecco perché è stato così naturale per me sposare un uomo più anziano: per Marilyn rappresentavo una figura paterna.

Più tardi quell’anno, l’ho accompagnata sul set di un’altra produzione, dove la scena principale della giornata sarebbe stata quella in cui Marilyn veniva maltrattata da due uomini. Questa volta, ho visto con i miei occhi come la sua espressione è cambiata, i suoi gesti sono diventati intensi e nervosi, il tono della sua voce è diventato potente – e c’era quest’altra donna, che ha lottato durante la scena e ha agito con estrema aggressività, finché non ha preso a calci. Lui. attori negli occhi e hanno rotto il naso all’altro.

Questa volta Marilyn non tornò alla normalità fino alla colazione del giorno successivo. Possiamo ben immaginare l’origine del trauma, una ragazza senza padre, cresciuta in una casa dove sua madre portava i suoi fidanzati quando lei era bambina. Sì, questa storia è comune, con uomini che abusano della figlia della loro fidanzata e la madre che finge di non accorgersene, per paura di essere abbandonata. Non è stato solo un momento, o un solo uomo, alcuni lo hanno addirittura condiviso con gli amici, a turno o contemporaneamente, esplorando tutte le loro intimità.

A quel tempo la carriera di Marilyn era già decollata ed era diventata l’attrice più famosa del porno nazionale. Cominciavano già ad apparire opportunità per produzioni straniere e gli inviti che ricevevo riguardavano cene ed eventi molto frequentati. Il suo piccolo universo si allargava, incontravamo persone influenti nel mondo dell’erotismo e tutti sembravano contenti di lei, c’era qualcosa di più lì: era come se Marilyn fosse eterea, o evanescente, affascinando sempre chiunque fosse con il suo lato timido e sensuale. .

Altre storie erotiche  Doveva essere solo un giro

Per il bene della salute mentale di Marilyn, abbiamo deciso che avrebbe cambiato la sua vita in modo permanente e si sarebbe lasciata alle spalle le produzioni commerciali. Marilyn ha aperto il suo canale, più dedicato alla nudità e alla masturbazione rispetto alla solita spazzatura a cui era abituata, e ha iniziato a guadagnare un sacco di soldi dagli inserzionisti. In questo modo mia moglie è diventata la mia gallina dalle uova d’oro. Quanto a me, beh, ho messo da parte gli stupidi scenari e ho finalmente potuto dedicarmi al vecchio progetto di scrivere un libro.

Il primo cambiamento che ho notato è stato nel suo appetito sessuale. Senza recitare in questi film, Marilyn cominciò a cercarmi ogni giorno, invariabilmente. Più che la frequenza, ciò che ha attirato la mia attenzione è stata l’intensità di questi momenti. Marilyn adesso era più impetuosa a letto, addirittura vorace, direi. Se prima riceveva il mio membro sdraiata sulla schiena, ora Marilyn era agitata in questa posizione, mi montava sopra e mi cavalcava facendomi spremere i suoi seni, voleva che me la mangiassi tenendo le gambe in aria, o addirittura in piedi contro la porta della camera da letto.

Ciò progredì gradualmente e non passò molto tempo prima che lei si mettesse a quattro zampe con le mani spalancate, allargando le natiche e comandando: “Dai, bastardo, fottimi!” Accidenti, mettimi quel cazzo nel culo adesso! »

Era come se fossimo in uno dei film che stava scrivendo!

Ammetto che, per un uomo sopra i cinquant’anni, questo ritmo frequente di Marilyn mi metteva a dura prova fino allo sfinimento. Così, mentre lentamente trovavo delle scuse, Marilyn cominciò ad accettare sempre più inviti a feste ed eventi a cui non insistevo più per andare.

Dopo alcuni mesi mi ero abituato di nuovo a dormire da solo e Marilyn non era quasi mai a casa nelle prime ore della notte. E se fosse andato a letto con altri? Probabilmente sì. E se mi sento geloso? Non proprio. Non mi sono mai considerata la sua padrona, sottolineo ancora una volta che la fragilità di Marilyn era qualcosa che si ripeteva per conquistare la simpatia degli altri e aggiungere un’aria di seduzione alla sua persona.

Marilyn era una forza della natura mascherata da un’aria di fragilità e dolcezza. Sapeva che cercare di dominarla o di reprimere i suoi istinti la eccitava. quest’altra donna implacabile che esisteva dentro di lei. Adesso, a causa della nostra differenza di età, era facile per me lasciarla andare e, nonostante quei due inspiegabili capricci durante un rapporto sessuale esplicito, la nostra vita andava bene.

D’altra parte, anche se non era geloso, era comunque ossessionato da Marilyn. Più di chiunque altro, sapeva che il suo passato travagliato poteva riaffiorare inaspettatamente e ne temeva le possibili conseguenze. Nello specifico, ricordo che un giorno uscì di casa con una parrucca bionda, vestiti larghi, una sciarpa al collo e occhiali da sole.

Evidentemente era un travestimento. Probabilmente non avrebbe avuto importanza, forse Marilyn voleva solo andare a casa di qualcuno senza che nessuno se ne accorgesse. Era diventata l’attrice più sexy dell’erotismo internazionale, era considerata una delle più belle tra le celebrità e il suo aspetto fragile e timido eccitava ormai schiere di fan, il che doveva essere molto a disagio. Ma dopotutto era arrivato dove voleva.

Nel giro di un anno ho visto Marilyn trasformarsi di nuovo. Aveva già a disposizione un secondo guardaroba composto da abiti semplici e comuni, una collezione di parrucche, un’altra di cappelli e qualche occhiale da sole. Feste, cene ed eventi non la affascinavano più e quasi tutte le sere usciva in costume. Quando finalmente ho osato chiedergli dove stesse andando, le sue risposte sono state evasive. Non sono ingenuo, probabilmente era un amante, quindi ho pensato che fosse meglio non chiedere di più.

Passò un altro anno e fu sicuramente il nostro picco. Nonostante il mio libro sia stato un completo fallimento, sono stato anche molestato per strada, anche se ho sempre sentito questo commento scomodo: “Non sai chi sei?” Ebbene, è sposato con Marilyn, la musa dell’erotismo! » A parte questo, la mia carriera è in stallo e non scrivo più nulla.

Quanto a Marilyn, aveva firmato un importante contratto in esclusiva con la marca di lingerie più grande del mondo e la sua pagina riceveva una media di due milioni di visite al giorno. È un dato di fatto, Marilyn era una delle dieci persone più influenti delle reti ed è apparsa praticamente in tutti i tipi di applicazioni, da quelle mirate alla preservazione dell’ambiente a quelle mirate allo sviluppo dell’alta tecnologia.

La cosa più strana era che per tutto il tempo Marilyn manteneva la sua routine di uscire la sera vestita, tornava sempre a casa nel cuore della notte e potevo vederla dormire accanto a me quando mi svegliavo. Ma quella mattina mi sono svegliato da solo nel mio letto.

Forse era un’esagerazione, ma la prima settimana ero disperata. Ho chiesto ai colleghi, ho cercato consulenti, ho perquisito gli ospedali, ho chiamato la polizia, sono andato anche a controllare le salme all’obitorio, ma non ho trovato mia moglie. Cosa era successo a Marilyn? Cosa ti avrebbe fatto rinunciare a tutto? Alla fine ho assunto un’agenzia investigativa privata.

Il tempo passava, le angherie mediatiche riguardo alle sue novità cominciavano a svanire, i suoi contratti pubblicitari venivano cancellati uno dopo l’altro, il suo sito web rimaneva senza aggiornamenti e Marilyn a poco a poco scompariva dai social network. La disperazione mi ha riempito con una semplice domanda: come potrei fare soldi senza Marilyn?

Il maledetto impero che avevamo costruito negli ultimi cinque anni era crollato in meno di due mesi e ora nessuno ci chiedeva di Marilyn. Ma non mi sono arreso, ho continuato a spendere i nostri risparmi in investigazioni private ed ero determinato a trovarla. Aveva bisogno di risposte, qualunque fossero, ne aveva bisogno finanziariamente e questo era prima di tutto!

Il filo conduttore dei detective erano le quotidiane uscite in incognito di Marilyn durante le notti in cui il nostro rapporto si era già raffreddato. Da quello che mi dicevano andava sempre nello stesso posto, un semplice bar di quartiere nella zona nord della città. Di solito si limitava a bere qualche drink e osservare i clienti, niente di più.

L’unica stranezza del bar era che si trovava nello stesso quartiere in cui aveva vissuto fino all’età di sette anni, quando suo padre l’aveva abbandonata. Altrimenti l’indagine sembrava essere giunta a un punto morto. Ma poi mi è venuto in mente di parlare con gli investigatori del trauma che questo abbandono aveva creato in Marilyn, di tutto quello che le era successo negli anni successivi, della sua infanzia rubata e degli abusi che aveva subito da parte di persone senza scrupoli. suoceri.

Altre storie erotiche  Nipote! da loro

«È importante! Fondamentale! Perché non me ne hai parlato prima?» – Questo era il commento di uno di loro.

Ora, non avevo detto nulla del passato di Marilyn perché non riguarda nessun altro! Era una personalità e quelle storie gli avrebbero solo fatto male! Ma ora, di fronte alle circostanze misteriose della sua scomparsa, non sembrava più così importante restare in silenzio.

Passò un altro mese prima che gli investigatori venissero a cercarmi. Avevano perquisito i clienti del bar e nessuno sapeva nulla. Ma scoprirono una cosa un po’ promettente: anche uno dei clienti abituali, un uomo sulla cinquantina, aveva smesso di frequentare il locale. Potrebbe esserci un collegamento lì? Non potevano dirlo, ma l’indagine si sarebbe concentrata su questo cliente perché non avevano altre piste da seguire.

Gli investigatori hanno passato quasi due mesi praticamente a bussare alle porte su questo lato nord, fornendo una descrizione dell’uomo e del costume di Marilyn, chiedendo se qualcuno li aveva visti o sapeva dove fossero.

Una donna anziana con una vista inaffidabile ha detto che la descrizione corrispondeva a quella dell’uomo che aveva affittato una stanza sul retro della sua casa per un certo periodo. Ha anche detto che una notte l’uomo ha preso una donna bionda, apparentemente molto più giovane. Dopo dei rumori che indicavano che qualcosa di non indecente stava accadendo nella piccola stanza la mattina presto, fece i conti e se ne andò la mattina dopo. Non ha visto quando la bionda se n’è andata e non ha più avuto notizie dell’uomo.

Ernesto Correia era il nome che gli aveva dato la vecchia e lì le indagini sarebbero continuate. Il problema è che era un nome abbastanza comune, e questo Ernesto poteva finire ovunque, chissà dove. Mentre i mesi passavano e gli investigatori continuavano a spendere i miei soldi, uno speciale televisivo su “Il caso Marilyn” riaccese l’interesse del pubblico.

All’improvviso la mia agenda si riempì di interviste in cui chiedevo dove si trovasse mia moglie. Inoltre, c’è stato un movimento record di curiosi sulla pagina di Marilyn e le agenzie pubblicitarie hanno riattivato tutti i contratti, scene di film passati dell’industria del porno hanno ricevuto migliaia di visualizzazioni su diversi canali e le sue fotografie sono apparse in più app di prima.

Eticamente corretto o no, ero ancora suo marito e il mio conto in banca traboccava di royalties simili a quelle di Marilyn. Durante questo periodo ho ricevuto più soldi di quanto mia moglie avesse guadagnato in tutta la sua carriera. La verità è che Marilyn forse valeva più da morta che da viva.

Allo stesso modo, ora valevo anche di più, la mia costante presenza sui social network e la febbre attorno a Marilyn mi hanno portato a scrivere un libro sull’argomento, in cui parlavo. Ha rivelato apertamente dettagli precedentemente nascosti del suo passato. e le ultime scoperte sulla sua scomparsa.

Bene, conosciamo tutti il ​​fascino della fama e il potere del denaro, come distruggono il carattere e distorcono le migliori intenzioni. Ho detto che era per aiutare a trovare Marilyn, ma in realtà mi piaceva essere al centro dell’attenzione. Oltre a ciò, c’erano anche donne giovani, attraenti e disponibili, tutte che volevano un po’ di me per promuovere la loro carriera, proprio come aveva fatto Marilyn.

Adesso ero io il genio, il mago, “l’uomo dietro Marilyn, la donna timida e fragile che non poteva ottenere nulla nella vita senza di me”. »

Mi sono goduto tutto questo successo, sottomettendo una donna diversa ogni notte, chiedendo sesso orale in cambio di posare in un selfie con loro, o addirittura cogliendo l’occasione di scopare una di loro nel culo in cambio del fatto che i loro nomi venissero menzionati in un’intervista. . Ce n’è stata anche una che ha bussato alla mia porta, è entrata spudoratamente spogliandosi e dicendo che me li avrebbe dati perché glielo aveva detto il suo agente, sostenendo che “se vuoi avere una possibilità nel porno, devi dare il massimo, tutto ciò che il marito di Marilyn desidera, perché è lui a prendere le decisioni in questi giorni!

Fu allora che gli investigatori vennero di nuovo a cercarmi.

Maledizione, ma cosa volevano adesso? Avevano scoperto dov’era mia moglie? Per Dio, spero di no! Rovinerebbe il mio stile di vita attuale e stavo bene senza questa mucca!

Ho pensato di licenziare gli investigatori e di porre fine alle indagini, ma ho pensato che ciò avrebbe influenzato la mia immagine agli occhi del pubblico. D’altra parte, ho concluso che non potevo essere negligente, che se ci fosse stata notizia della sua scomparsa, sarebbe dovuta passare prima a me, in modo che potessi decidere come gestire le cose.

Il mio istinto era corretto. Seguendo una delle innumerevoli piste false giunte agli investigatori da parte del pubblico informato sul mistero del “caso Marilyn”, si ritrovarono in una piccola e tranquilla cittadina dell’entroterra. Le fotografie erano brutte, erano state scattate da lontano e senza l’attrezzatura giusta non era nemmeno possibile essere sicuri che fosse lei, ma poteva anche esserlo. Mostravano solo scene domestiche, con una bellissima giovane donna che svolgeva compiti ordinari, come lavare i panni nel lavandino o lavare il marciapiede.

Curiosamente, la mia attenzione non era tanto sulla possibile Marilyn: non riuscivo a smettere di guardare le foto dell’uomo, presumibilmente il suo nuovo compagno. Con una corporatura bassa, uno stomaco sporgente e alcuni capelli grigi e ispidi, riusciva sicuramente a essere piuttosto poco attraente. Inoltre, sembrava un po’ volgare, indossava pantaloncini, una camicia abbottonata aperta sul petto e infradito.

Sembrava un vecchio qualsiasi!

Quindi sarebbe il ragazzo Ernesto? Ma cosa vedeva Marilyn in quest’uomo? Perché niente è così brutto da non poter peggiorare. Secondo gli investigatori, dal venerdì alla domenica, nella modesta casa della tranquilla cittadina in cui vivevano, si verificava uno straordinario movimento di uomini. Apparentemente erano tutti uomini di mezza età che andavano e venivano, a volte da soli, a volte in gruppo. Per gli investigatori, Ernesto probabilmente sfruttava sessualmente Marilyn e vendeva il suo corpo per guadagnarsi da vivere, dato che sembrava non avere lavoro.

Altre storie erotiche  Storia erotica bdsm - Coppia sottomessa nella mia mano

Era umiliante, se la cosa fosse diventata pubblica, non solo sarebbe stato svelato il mistero, ma anche l’intero mito di Marilyn – e con ciò anche il mio successo sarebbe stato diluito. No, dovrebbe agire, dovrebbe prendere l’iniziativa nello sviluppo degli eventi, organizzare tutto in modo che non finisca così male, dopotutto, chi vuole essere considerato il cornuto scambiato con un vecchio disgustoso che, per di più, ha prostituito la sua ex moglie che lo aveva abbandonato?

Ho sospeso le indagini, dicendo che volevo indagare io stesso sui fatti. La mattina dopo ero già davanti a questa casetta nel campo, ad osservare. Una giovane donna è uscita brevemente per portare fuori i sacchi della spazzatura. I suoi capelli biondi tinti e gli occhiali scuri potrebbero ingannare qualcun altro, ma non me: era davvero Marilyn, i suoi gesti e il modo in cui si muoveva mi erano più che familiari!

A tarda mattinata potevo vedere Ernesto uscire di casa, vestito con pantaloncini, infradito e una vecchissima maglietta della squadra di calcio che gli abbracciava la vita. La sua figura era ancora peggiore che nelle foto! Lo seguii e vidi che si dirigeva verso una piazzetta dove, seduto su una panchina, salutava altri uomini che andavano e venivano. Mi sono avvicinato a lui, curioso di sapere cosa stesse facendo.

Era un gioco d’azzardo, Ernesto ha scommesso sul gioco degli animali in città. Per Dio, le cose sono solo peggiorate!

Scommetto dieci reales sul serpente, tanto per iniziare una conversazione. Quell’uomo era un chiacchierone, non fu difficile saperne di più. Quando mi ha detto che venivo dalla capitale, mi ha detto che ogni tanto ci andava, ma adesso non esce più: aveva vinto alla lotteria, aveva conosciuto una giovane che era pazza di lui . e fece tutto ciò che poteva secondo la sua volontà, con l’unica condizione di non ritornarvi più.

Quando gli ho detto che era comprensibile e che anch’io avevo appetito per le donne più giovani, si è guardato intorno, assicurandosi che nessuno potesse sentirlo, e mi ha suggerito che se fossi stato disposto a pagare, avrei potuto uscire con questa ragazza, perché lei era Lo diede a colui che aveva ordinato. Ero sbalordito, ma lui capì che ero indeciso.

Per incoraggiarmi continuò dicendo: “Guarda, non te ne pentirai, questa ragazza è professionale, davvero bella. Per cinquanta real gli dirò di farti un regalo speciale, sto parlando di te che lo inculi per un’ora, sai? Allora puoi partire adesso, ti manderò un messaggio e lei ti aspetterà con le gambe aperte e gli occhi lucidi.

Questa era la mia occasione per parlare da sola con Marilyn, quindi ho finito per accettare e concludere l’accordo.

Dannazione, da musa sexy internazionale a puttana cinquantenne, come ha potuto cadere così in basso? Cosa poteva giustificare la sottomissione a quest’uomo disgustoso, anche se la sua vita stava andando così bene e aveva ottenuto tutto ciò per cui aveva lavorato duramente, dando dove avrebbe dovuto dare ed esponendo il suo corpo a tutti per anni?

Dopo aver suonato il campanello e aver sentito la voce femminile che mi diceva di entrare perché la porta era aperta, ho trovato la figura nuda di Marilyn, seduta sul divano con le gambe aperte, che mi aspettava come Ernesto mi aveva ordinato. Non sembrava affatto sorpresa di rendersi conto che il cliente “venuto a incularla” ero io. Invece, mi ha semplicemente guardato negli occhi e ha detto: “Ah, sei tu”. Sapevo che un giorno saresti venuto, ma non immaginavo che sarebbe stato un cliente come tanti.

Fu una lunga conversazione, durante la quale mi resi conto che a Marilyn in realtà non interessava più tutto, la fama, il successo, i soldi, tutto ciò non le importava più. Era davvero soddisfatta della sua vita, anche se tutto mi sembrava umiliante. Prima di partire chiesi a Marilyn quale fosse il motivo, perché aveva rinunciato a tutto, proprio tutto, per stare con un uomo come Ernesto e sottoporsi anche alla sua prostituzione. Avevo bisogno di sapere.

Marilyn, con la sua aria falsamente fragile e sensuale, fece un piccolo sorriso e spiegò: “Ma non te ne sei accorto?” Ernesto è mio padre, che ho cercato per tutta la vita. L’ho trovato nello stesso bar in cui andavo da bambino, dove andavo tutte le sere, vestito bene. Dopo aver scopato, gli ci è voluto molto tempo per credere che fossi sua figlia. A dire il vero credo che ancora oggi non ci creda, o non voglia credere, non lo so, non importa. So solo che sono felice di stare con lui, anche se devo prostituirmi. Ma è un ingrediente in più, mi piace, è come se tornassi alla mia infanzia.

Ebbene, come ho detto, la vita reale può superare di gran lunga qualsiasi creazione umana. Quando ho iniziato a scrivere questa storia, volevo solo che fosse la bozza di un libro che continuasse il mistero della scomparsa di Marilyn.

Mai e poi mai avrei immaginato che dietro tutto questo ci fosse solo il capriccio di una ragazza abbandonata dal padre, che l’avrebbe portata a un desiderio incestuoso, che mi avrebbe reso ricco, famoso e mi avrebbe dato accesso alle donne che conoscevo. non lo avrei mai fatto. .

Alla fine vedo che questa non è una storia su Marilyn. È una storia su di me.

Nota: la serie “Mysterious Minds” è una raccolta di storie specifiche che ho scritto qualche tempo fa con l’obiettivo di esplorare la mente umana e le sue deviazioni nella comprensione. Ancora una volta, queste non sono storie facili e probabilmente sconvolgeranno alcune persone, quindi capisco se è il tuo caso. Ma se alla fine ti piace, ti consiglio di aumentare la dose giornaliera del farmaco, perché non funziona.

*Pubblicato da Bayoux sul sito climaxcontoseroticos.com il 30/05/24.