Racconto erotico di tradimento – Parte finale di The Borrowed Husband

di | 10 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

MARITO IN PRESTITO (continua)

Al dolore fisico si aggiungeva ora il dolore morale di non condividere con mio marito lo stesso piacere che ho condiviso con Gérson, dopotutto credo che un rapporto sessuale dovrebbe basarsi sulla condivisione di sentimenti e affinità. Una settimana dopo essere andata a letto con Gerson, ho esaudito il desiderio di mio marito. A Claudio è piaciuto moltissimo, si è divertito moltissimo e ha detto che è stato il miglior sesso della sua vita. Ero felice per lui, perché lo amo e sono capace di tutto per lui… Ma… Ad essere sincero, non è stato così bello per me. Mi sono sentita un po’ brutalizzata perché, diciamo, mio ​​marito non era delicato e affettuoso come Gérson. Mi faceva male ovunque e quello che mi piaceva di più era quando arrivava e si fermava con quei movimenti tortuosi avanti e indietro.

Ho iniziato a sentirmi vuoto dentro e provo solo piacere nelle mie fantasie sul marito della mia migliore amica, puoi crederci? All’improvviso Claudio non mi soddisfa più e mi ritrovo a pensare a Gérson.

Non c’è modo di negare che sono innamorato di lui. Le lacrime mi rigano il viso quando mi rendo conto che questa è la sensazione che brucia dentro di me.

Lídia n’avait pas encore abordé le sujet et ne m’a même pas demandé ce qui s’était passé this night-là, elle a juste dit qu’elle était heureuse que j’aie surmonté mon tabou et que je me suis comportée come niente. Ammetto che questo suo atteggiamento mi ha irritato, perché avevamo molto da dirci.

Un sabato mattina eravamo solo io e lei in bikini a prendere il sole a casa sua quando, a un certo punto della conversazione, lei molto gentilmente ha sollevato l’argomento.

«Carla», cominciò sedendosi accanto a me, «stai pensando a Gérson e a quella notte?

Sono rimasto lì sdraiato con gli occhiali da sole per non commettere errori. Il mio cuore batteva all’impazzata.

“Non lo so, Lídia, quello che ci è successo è insolito, quindi è impossibile non pensare…” dissi, cercando di rendere la mia voce il più naturale possibile.

“Sii onesto con me, amico mio, è andato tutto bene?” chiese.

Ero congelato.

“Non lo so, Lídia… era sesso, niente di più…” risposi, incerta delle mie parole.

“Te l’avevo detto, ad essere onesto. —Disse chinandosi su di me e togliendomi gli occhiali.

Ho visto in quel momento che era giunto il momento di parlare. Così mi sono seduto di fronte a lei e, guardandola negli occhi come meritava, ho trovato il coraggio di essere completamente onesto.

“Va bene, amico mio, giochiamo onestamente l’uno con l’altro. Non è stato bello, è stato fantastico. Avevi ragione, Gérson sa come accontentare una donna a letto. – dissi al barattolo, guardandolo.

“E da allora” continuò come se mi leggesse nel pensiero “il sesso con Claudio non ha più senso, cioè dopo aver assaggiato la prelibatezza degli dei, la torta con le carote non è più meravigliosa come prima. “Hai ragione?” aggiunse beffardo e ridemmo entrambi mentre ci baciavamo, in una situazione che avrebbe spezzato qualsiasi amicizia, ma noi eravamo al di sopra di tutto, abbiamo un legame insolito.

“A te è successa la stessa cosa, vero?” – Ho detto.

Altre storie erotiche  Sono andato alla luna di miele della nuova coppia

“Sì, è successo. Ed è successo a tutte le donne con cui usciva prima di me. Avevo paura che succedesse a te, ma… nel profondo, sapevo che sarebbe successo. —Disse facendo una pausa. Le lacrime le scorrevano lungo il viso.

“Lo sapevi ed eri comunque d’accordo?”

“Sì,” disse con calma, prendendomi la mano. “Penso di amare te più di lui. ” Lei rispose.

Questa confessione mi ha sorpreso, ma non mi ha sorpreso, perché anch’io la pensavo allo stesso modo, ma non avevo ancora avuto il coraggio di ammetterlo. Non fino ad allora.

“Inoltre… ti amo anch’io, Lídia.” Ho parlato con il cuore che batteva.

—E amiamo entrambi Gérson, vero? – lei ha aggiunto.

“Credo di sì…” concordai, mentre le lacrime mi rigavano il viso e mi coprii la bocca con la mano per attutire il singhiozzo.

Poi ci siamo abbracciati e abbiamo pianto per molti minuti. Il mio cuore batteva all’impazzata.

“Quando hai fatto l’amore quella notte, cosa ha fatto di ciò che amavi? “Mi chiese accarezzandomi il viso.

“Ciò che più amavo di lui”, dissi dopo qualche secondo di silenzio, “era la sua delicatezza mista a virilità. Apprezzavo il mio corpo come se fosse la cosa più bella del mondo. Gérson sembrava sapere esattamente dove toccarmi, come toccarmi ed esattamente quando farlo. Era sempre al comando, anche se a volte mi lasciava pensare il contrario. Mi sentivo completamente a mio agio con lui in un modo che non mi ero mai sentito in tutta la mia vita. Tutta la paura che provava, la fece scomparire e cedere il posto al piacere; tutto il piacere che sembrava avesse il dovere di darmi. Un piacere che mi è stato tolto con estrema facilità. Non mi ero mai sentita così amata in tutta la mia vita. — Ho finito, mentre Lídia mi accarezzava il viso, i suoi occhi erano fissi su di me e c’era desiderio in quello sguardo.

Eravamo entrambi seduti nei nostri parei sull’erba vicino alla piscina.

—È il segreto di Gérson. Ama il sesso e apprezza molto il corpo femminile. Mentre gli altri uomini pensano solo al proprio piacere, lui ha a cuore il nostro e sa che l’affetto e l’attenzione sono essenziali per soddisfare i nostri desideri e li usa a suo vantaggio. Il suo piacere più grande è farci venire intensamente. Lui è meraviglioso.

“Sì, lo è…” dissi senza fiato, perché tutta la situazione mi aveva già eccitato.

Adesso Lídia passa liberamente le sue dita sulle mie labbra che, come una calamita, sono sempre più attratte dalle sue.

“E tu vuoi provarlo di nuovo, vero?” – Disse passando leggermente la lingua sul mio labbro inferiore. Mi viene la pelle d’oca e Lídia nota il mio entusiasmo.

“Voglio…” dissi senza fiato.

Poi mi baciò e la sua lingua invase la mia bocca in un torrente di passione e desiderio sul punto di traboccare. La sua mano scivolò dentro il mio bikini e sentì quanto ero bagnata. Obbedendo al mio istinto, ho fatto lo stesso con lei, saggiando la sua umidità.

“E dove vuoi il suo cazzo…?” —Disse anche lei, ansimando tra un bacio e l’altro sulla mia bocca bagnata.

Altre storie erotiche  Scambia con il tuo vicino

“Nella figa…” dissi e caddero baci bagnati.

“Dove altro…?” “Le nostre mani si muovevano freneticamente nelle nostre vagine.

“Nel culo…” Non potevamo smettere di baciarci.

Eravamo pazzi. Ragazze arrapate ci dominavano e ci accarezzavamo finché non arrivavamo selvaggiamente sul pavimento, rotolandoci l’una sull’altra mentre ci baciavamo. Non siamo lesbiche, anzi, come dicevo prima, ci piacciono gli uomini, ora ne abbiamo uno in comune. Ciò che accade tra noi è solo tra noi. Penso che ci amiamo da molto tempo e non succedeva da molto tempo, ma sono felice che sia successo.

“Sapevi che la stragrande maggioranza degli uomini ha il feticcio di avere rapporti sessuali con due donne contemporaneamente? —Disse Lídia, sdraiata accanto a me, lo stupore post-orgasmo era appena passato.

“Sì, lo sapevo. – risposi

– E sapevi anche che il suo grande sogno è vedere due donne fare l’amore?

—Dove stai andando, amico? – dissi con cautela, voltandomi e guardandola negli occhi, ma in fondo sapevo già a cosa si riferiva.

-Rien, je pensais juste qu’aujourd’hui on pourrait profiter du fait que nos enfants sont au camp là-bas à Brotas et, as Claudio est en Voyage… Peut-être qu’on pourrait jouer avec Gérson ce soir, cosa ne pensi ? —Disse con una risata maliziosa.

“Sei pazzo?” dissi stupito, saltando.

“Perché no? Sarà divertente per entrambi prenderlo nello stesso momento.”

Pensavo fosse una follia, ma ho accettato. Questa situazione mi ha emozionato moltissimo.

Allora Lídia lo chiamò e gli chiese di non fare tardi, perché aveva una sorpresa che l’aspettava a casa.

Arrivò alle sei del pomeriggio. Ci salutiamo.

“Va bene, qual è la sorpresa che avete in serbo per me?”

—Vai a farti una doccia e poi te lo mostreremo. “, ha risposto Lidia.

Quando Gérson andò a fare il bagno, ebbe la visione che, secondo lui, fu la più bella della sua vita. Io e Lídia, nudi nel letto, ci baciamo e ci accarezziamo. Abbiamo fatto finta di non vederlo e abbiamo continuato con i nostri baci bagnati e contorcendo i nostri corpi, strofinandoci sensualmente in una danza lasciva ed emozionante. Le nostre vagine erano bagnate e reclamavano il pene che le avrebbe invase e riempite.

Come in un atto concertato, entrambi abbiamo smesso di baciarci e abbiamo guardato Gérson, nudo nella stanza, che ci guardava. Il suo cazzo era duro e lo volevamo a letto. Volevamo divorarlo.

“Vieni…” disse semplicemente Lídia e quello fu il segnale per lui di salire sul letto e strisciare tra di noi.

COME due leonesse affamate, abbiamo cominciato a baciarlo, gareggiando per lo spazio in quella bocca mascolina e arrapata.

Lídia continuò ad accarezzarlo e scese sul suo membro eretto e cominciò a succhiarlo deliziosamente.

Dopo aver baciato ancora un po’ quella bocca deliziosa, mi sono messo a cavalcioni del suo viso e ho fatto rotolare la mia figa nella sua bocca mentre lui la cercava con la sua lingua avida.

I miei gemiti riempirono la stanza di completo delirio, risuonando sempre più forte sul suo viso. Lídia si rese conto che presto sarei venuto, ma non voleva che lo facessi con il sesso orale. Voleva che venissi mentre suo marito la penetrava. Volevo vedere Gérson mangiarmi. Volevo godermi la scena di suo marito che mi faceva venire. Poi, velocemente, Lídia strappò l’involucro di un preservativo e lo stese su quel cazzo duro come la roccia.

Altre storie erotiche  Mia moglie con la guardia giurata nera.

“Mangialo, mangialo, amore mio. Fallo venire…” disse il mio amico traboccante di desiderio.

Poi, senza dire una parola, mi ha indirizzato alla posizione che volevo, classica mamma e papà. Io, sopraffatto dal desiderio, ho allargato le gambe con le ginocchia piegate e lui è entrato in mezzo a loro ed è entrato in me volentieri.

Gérson mi ha mangiato con movimenti lenti e misurati, mentre Lídia, seduta sulla poltrona, ci guardava e si toccava piena di desiderio.

Ero già sul punto di venire, sentendo quel cazzo duro affondare nella mia carne bagnata. Dal mio sussulto capì che stavo per venire ed accelerò le sue spinte.

“Vieni per me, vieni, bionda…” disse in delirio.

Non sono di ferro e mi sono trovata in un orgasmo pazzesco coinvolgendolo tra le mie gambe.

Non era ancora venuto e si è tirato fuori velocemente da me e si è tolto il preservativo. Fece un cenno a Lídia che si avvicinò al letto e si sdraiò a faccia in giù, mettendo il cuscino sotto la pancia, facendo sporgere le natiche mentre lui gli applicava il lubrificante sul membro.

Ho capito che avrei fatto sesso anale e mi è venuta la pelle d’oca, ma è stata un’emozione piacevole accompagnata dalle farfalle nello stomaco.

Gérson si mise dietro al mio amico ed entrò molto lentamente. Il suo cazzo entrò mentre Lídia gemeva felice e si masturbava.

La mia amica gemette e si dimenò deliziosamente, sentendo quel membro scivolare dentro e fuori da lei lentamente e con amore.

Era bello vedere come Gérson sapesse fare sesso piacevole, senza tabù né umiliazioni, semplicemente godendo e facendo godere la gente. Soddisfare il desiderio di entrambi senza lasciare nulla incompiuto e, soprattutto, senza lasciare dopo il vuoto e la frustrazione.

La coppia ha raggiunto l’apice insieme. Lei giaceva esausta e ansimante sul letto mentre lui, sempre in ginocchio dietro di lei, la guardava soddisfatto e ansimante anche lui.

In quel momento mi sono avvicinata a lui, ho preso amorevolmente il suo viso tra le mie mani e ho baciato più volte la sua bocca, non con amore o passione, ma con gratitudine, molto grata che sia l’uomo che è… L’amante perfetto che ogni donna sogni di.

Dopo quel giorno ho capito che la mia vita non sarebbe stata più la stessa. Nemmeno Lídia e Gérson.

Adesso eravamo un trio che condivideva lo stesso letto e questo segreto, perché il mondo ci darebbe la colpa se sapesse del nostro amore da trio. E così viviamo ancora oggi, senza progetti per il futuro. Mi sto semplicemente godendo il nostro amore segreto, insieme alle nostre vite e avventure a porte chiuse.

FINE.

Se ti è piaciuto, commenta. Baci a tutti.

claudinha8. Barreto@gmail. Con

*Pubblicato da claudinha8 sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/04/24.