Racconto erotico di tradimento – Scopo l’amico di mio marito!

di | 27 de Maggio, 2024

Poiché Rodrigo ha lavorato a lungo in un’azienda di trasporti, ha ancora contatti con molti amici. Principalmente con camionisti, come Beto Cavalo, che hai già avuto modo di incontrare nelle storie precedenti. E ora incontrerai Valdir, non sembra avere tratti particolari come Beto, a parte il suo delizioso cazzo, grosso e grosso mmm…

Ma comunque era un venerdì sera quando Rodrigo rispose al cellulare, ricordo che erano già circa le nove di sera. Anch’io ero pronta per andare a letto, indossavo una camicia da notte corta e comoda. Dalla conversazione ho visto che Rodrigo era molto emozionato, ma quello che mi ha fatto incazzare è stato quando ha detto: – Certo! Puoi venire qui, c’è una stanza libera qui.

Quando ha riattaccato quella chiamata, mi vedeva già furioso con lui.

– Tesoro, sono Valdir della compagnia di trasporti, visto che ha consegnato un carico qui vicino ed è già tardi, gli ho detto di venire qui. In effetti, è quasi arrivato. – E così è stato! In meno di dieci minuti, il forte rumore di questo motore si fermò davanti alla casa.

Rodrigo andò a salutarlo, pochi secondi dopo lo ricevetti in soggiorno. Valdir era un uomo dagli attributi comuni, almeno quelli che i miei occhi potevano vedere in quel momento. Magro, un po’ più alto di me e aveva i baffi alla Freddie Mercury. Prima di salutarmi, Valdir mi ha guardato dalla testa ai piedi in un modo che mi ha toccato. “Ma quello stupido non ha proprio una bella moglie!” “Ha detto e già lasciato intendere che l’operaio dovrebbe spettegolare su di me in questa azienda. Mi sono avvicinato, l’ho salutato e sono stato subito sorpreso da un bacio all’angolo della sua bocca e dalla sua mano che mi stringeva la vita in modo un po’ audace. Quando Rodrigo si è avvicinato ha subito nascosto il suo aspetto volgare, ammetto che qui le mie mutandine si stavano già bagnando.

Andammo in cucina, dove avevamo un bel bancone americano con degli sgabelli alti. Era lì che ricevevamo gli amici. Lì abbiamo iniziato a bere e a raccontare storie. E Valdir aveva molte storie divertenti. E non so se si trattava di un discorso da camionista, ma ha detto che una volta ha portato un attore famoso qui in Brasile, ha detto che l’attore era in condizioni terribili uscendo da un cabaret a Goiás, incapace di guidare qualsiasi cosa, quindi l’ha lasciato in un albergo vicino.

Dopo una ventina di minuti, Valdir è andato al suo camion per prendere due bottiglie di deliziosa cachaça del Minas Gerais, deliziosa ma piuttosto pericolosa. Ad un certo punto, quando si alzò dai fornelli, lasciò sul bancone alcune salsicce che aveva preparato per la merenda. Valdir mi ha messo una mano sulla vita e nel dettaglio, praticamente davanti a Rodrigo! Dicendo: – Tua moglie è molto profumata, guarda Rodrigo – e mi tirò a sé, mentre era seduto su una delle panchine, le mie natiche erano premute contro il suo cazzo. “Ma deve essere così, giusto? – risposi con una risata maliziosa. Il bancone nascose la nostra malizia a Rodrigo, che mise in frigo qualche altra birra. “Dai il benvenuto a tutti gli amici di tuo marito in questo modo, così carino?” —Mi ha sussurrato all’orecchio, nello stesso momento in cui la sua mano ha invaso le mie mutandine.

Afferrandomi i capelli e voltandomi il viso, mi ha baciato, e questo bastardo non ha nascosto nemmeno la cattiveria di Rodrigo che gli era così vicino, anche se non posso nemmeno giudicarlo per questo. Chiusa dentro di lui, sentendo le sue dita che mi massaggiavano il clitoride e quella bocca calda e birichina che mi baciava, fui abbandonata, rotolai come una cagna sul cazzo di Valdir, mi arresi a quel mascalzone.

“Vado in bagno”, ha detto Rodrigo, e guarda, sono andato molto, molto veloce. Forse sono gli anni di esperienza che mi danno un indizio, o semplicemente il sesto senso della troia che mi aiuta. Basandomi sui movimenti del corpo di Rodrigo, ho predetto che era ora di uscire da lì e sono così sfuggito alle grinfie di Valdir circa due secondi prima che Rodrigo ci raggiungesse. E tutto quello che dovevamo fare era sentire la porta del bagno chiudersi perché Valdir venisse a prendermi. Lui stesso rimase sorpreso dalla mia velocità perché disse: – Wow, sono contento che sei stato veloce. — Ci siamo baciati di nuovo e, mettendomi la mano sotto il vestito, mi ha tirato e strappato le mutandine! – Beto ha detto che eri molto sexy. – Che bastardi! Non riescono a smettere di parlare di me al lavoro!

Valdir mi mise sul lavello della cucina. Quando gli ho voltato le spalle e mi sono alzato, ho sentito che spingeva il suo cazzo in profondità nella mia figa. Tenendomi per la vita, i suoi primi colpi furono forti, intensi, facendomi stare in punta di piedi. Ad un certo punto ho sentito una delle sue mani staccarsi dalla mia vita ma ha continuato a spingere avidamente e dato che aveva un cazzo molto grosso, wow, ero in paradiso! Ho chiuso gli occhi e mi sono goduto il momento. Quando apro gli occhi, vedo il bastardo con il cellulare in mano, che si fa un video selfie. “Per favore, no Valdir…” provai a ribattere, ma inutilmente. Il bastardo premette la sua faccia contro la mia, facendo una risata comune e mordendomi il collo, addolcendomi, finché non ci incontrammo di nuovo.

Si allontanò e portò il telefono nella mia figa, potevo sicuramente vedere il suo sperma scorrere come una cascata dalla mia ragazza. Ho subito afferrato il rotolo di carta assorbente e mi sono ripulito, almeno quanto basta per non farmi cogliere in flagrante. Rodrigo è uscito dal bagno e non credo che si sia accorto di nulla, ma se fosse stato un buon osservatore avrebbe notato in me l’apparizione di qualcuno che magari aveva corso una maratona. Continuammo a bere e cercando ancora Rodrigo, ci scambiammo anche qualche altro bacio, finché, esausto, mi diressi in camera mia. Ho fatto una doccia divina e quando sono uscita dal bagno Rodrigo era già morto nel suo letto, russando come un vecchio cane.

Il giorno dopo fui il primo a svegliarmi. A causa del sonno profondo di mio marito, sicuramente non si alzava fino alle 10 del mattino. Sono andato in cucina, indossavo pantaloncini larghi di maglia grigi, senza mutandine, a piedi nudi e una camicetta rosa con spalline sottili, senza reggiseno. Ho fatto colazione da solo e ho ripulito il disordine che avevamo lasciato il giorno prima. Ed è stato allora che un brivido ha preso il mio corpo quando ho visto le mie mutandine strappate, stese sul bancone. Che ignorante! Ti sei mai chiesto se Rodrigo lo vede!?

Seduto sul divano in soggiorno, guardando quei programmi mattutini alla televisione aperta, ho iniziato a pettinarmi le unghie dei piedi. Con le gambe sollevate al petto e i piedi sul divano, ho aspettato che lo smalto si asciugasse ed è stato allora che mi sono spaventata davvero quando Valdir si è fermato sulle scale e mi ha guardato. – Che bel ragazzo! Vuoi uccidermi dal profondo del mio cuore? Quanto tempo sei stato lì?

“Non si muove!” esclamò. Il suo sguardo scese lungo le mie cosce e si fermò ai miei piedi. Inginocchiandomi davanti a me, gli ho teso un piedino, senza che lui nemmeno me lo chiedesse, perché ho visto nei suoi occhi la sua ammirazione. Questo mi ha reso così felice ed emozionato! L’ho già detto in altre storie, mi piace quando la gente ammira i miei piedi e la modestia a parte, anche le mie gambe. Per prima cosa ho appoggiato il piede sul rigonfiamento dei suoi pantaloni, sentendolo già molto forte. Tenendomi il polpaccio, Valdir mi sollevò la gamba finché non prese in bocca il mio piedino e poi cominciò a succhiarlo. Fortunatamente la vernice si è asciugata con il tempo! Mentre lui giocava con un mio piede, io con l’altro, ho passato il suo volume su un paio di pantaloncini, poi ho riconosciuto che erano i pantaloncini di Rodrigo. La sua bocca salì tra le mie gambe. Tirandomi giù i pantaloncini, rise come un mascalzone alla vista della mia figa già bagnata, solo per lui. E ragazze, questo bastardo mi ha succhiato la figa in un modo così perverso e delizioso che non potevo sopportarlo. Sono arrivato lì, nella sua bocca.

Un attimo dopo i nostri vestiti erano già gettati a terra. Seduto sul divano, Valdir mi afferrò saldamente per i capelli mentre cavalcavo il suo cazzo, baciandomi voluttuosamente. La nostra sicurezza era il fragoroso russare di Rodrigo, che tremava per tutto il percorso verso casa. Valdir deve aver preso qualcosa. cosa, perché quel bastardo continuava a fare cazzate. Mi ha portato in cucina, mi ha mangiato sul lavandino, sul tavolo e siamo usciti in giardino, sopra la tinozza della lavanderia ahahah. Delizioso! Rientrato in camera, erano già circa le 11 del mattino, il russamento era diminuito molto, poteva svegliarsi. E seduto sul divano molto sciolto, nudo e con quel cazzo ancora duro puntato verso di me, Valdir mi guardò. Mi ha chiesto di fare una passeggiata, e perché? OH! Visto che quel bastardo aveva il cellulare in mano ed io ero estasiato dal piacere, gli ho lasciato registrare.

“Ecco, adesso puoi venire…” disse, e io mi spostai sgradevolmente al suo fianco, mentre le sue mani mi accarezzavano il corpo. Rimanendo sulla sua schiena, mi chinai, tenendogli la coda, e lo portai fino all’ingresso della stanza. il mio culo. E guarda, ti giuro che mi sono divertito qui, a scrivere questa storia, a ricordarla. Mi sono seduto sul suo cazzo, ho sentito quel cazzo aprirmi il culo e questo bastardo ha riso, mi ha chiamato puttana e mi ha detto tra l’altro: “Quella è la moglie del nostro amico Rodrigo…”. Non ci è voluto molto e avevo già quel cazzo quasi nel profondo del culo. E così mi sono seduto, mi sono sdraiato e ho fatto rotolare il mio piccolo cazzo su quel delizioso cazzo, finché non mi ha inondato il culo.

Alla fine Valdir se ne andò senza salutare Rodrigo. Mio marito si è alzato ed era quasi l’una del pomeriggio! Wow, penso che passerei tutto il giorno a scopare Valdir, è stato molto bravo, proprio come piace a me. Ma ragazzi, non sono ancora riuscito a realizzare un sogno che avevo da quando ero piccolo, trasportare un pedone su un camion. C’è qualche camionista qui che può aiutarmi? Hahaha. Un bacio affettuoso a tutti e spero che questa storia vi sia piaciuta, una delle mie preferite. Non dimenticarti di commentare, mi piace anche quando mi chiamano puttana e dicono che sono una buona a nulla ahahah. E se non vuoi continuare a chiedermi una foto, la mia email è taianefantasia@gmail. Con

*Pubblicato da taian sul sito climaxcontoseroticos.com il 27/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *