Racconto erotico diretto – Incontro con il mio defloratore

di | 16 de Maggio, 2024

Ciao cari lettori, mi presento:

Mi chiamo Selma, ma qui utilizzerò il DNI di Baiana Morena. Una donna colta, titolata, laureata, ottima professionista, fine, elegante, colta, che ha un buon profumo (adoro i profumi importati), sposata e dietro quattro mura la più grande puttana che ci sia, ahah…

Avevo un ex ragazzo che diceva che non avrebbe perso nulla con un’attrice porno o una prostituta. Io sono di Bahia, un mulatto di 1,70 m, 64 kg, sedere 108 cm, cosce grosse, tipiche dei ballerini funk o del panicot (il tipico topo da palestra).

La genetica lo favorisce, anche il colore, e vado in palestra da quando ero piccolo. Sono un’avida lettrice di CDC, mi appassionano tante storie, mi masturbo molto con alcune storie, ho anche fatto 3 siririca in una storia ed è per questo che ho deciso di scrivere qui le mie avventure sessuali, tutte vere.

Allora passiamo alla prima storia (spero vi piaccia)…

CONOSCERE IL MIO DEFLORADER

La storia che racconterò è avvenuta nel 2010 a Salvador – BA.

Terminate le scuole superiori, ho lasciato l’interno di Bahia e sono andato a vivere nella capitale per studiare all’università. Avevo già 18 anni, ero ancora vergine, ma mi sono sempre piaciuti molto gli scherzi e le cattive abitudini. Ero molto porca come i miei amici, mi masturbavo, prendevo i loro cazzi, lasciavo che toccassero tutto, mi lasciavo anche succhiare la figa, li avevo già lasciati e tutti quelli con cui stavo, facevo dei pompini, in realtà, questo è. uno. Una delle cose che mi piace fare di più è succhiare il cazzo e bere il latte.

Ho fatto un pompino a tutti anche se ero vergine. Non avevo idea della mia decisione, era una scelta, un’opzione, perché vivevo in una piccola città di campagna, e sai cosa vuol dire essere in una piccola città, giusto?

Si parla male di un piccolo paese, è da qui a là. Dato che la mia reputazione di pompini già circolava, ho fatto di tutto per evitare che parlassero più di quanto già facessi. Ecco perché ero vergine, perché i ragazzi della mia città erano tutti immaturi. È un famoso detto: “Chi mangia tranquillamente, mangia due volte”.

Ma tutti i ragazzi sembravano divertirsi nel far sapere che adoravo succhiare il cazzo. Ecco perché alla fine me ne sono andata vergine. Un mucchio di idioti. La cosa divertente è che non l’ho mai dato a nessun uomo nella mia città natale. In effetti, ho dato il culo solo al mio primo ragazzo.

Sognavo di sposarlo vergine, per questo gli ho dato il culo. Tuttavia, questo bastardo mi ha tradito ed è per questo che ho iniziato a uscire con tutti e a succhiare i cazzi di tutti quelli con cui stavo. L’unico cazzo che non ho succhiato ai ragazzi con cui vivevo nella mia città era quello del mio ex ragazzo.

Altre storie erotiche  Mi piace camminare senza mutandine - Racconti erotici

Lo ha ucciso con rabbia. Bravo, chi ti ha ordinato di tradirmi? Gli avevo lasciato avere tutta la mia figa, ma ha perso l’opportunità di scoparmi vergine e prendere la mia verginità. L’asino, fino ad allora, era stato l’unico che avesse mangiato.

Dopo il tradimento, ho cominciato a capire, ecco perché la reputazione di ragazza porca e pompatrice si è diffusa rapidamente. Ho succhiato tutti i suoi amici, solo per rabbia, lasciando che mi venissero tutti in bocca. Gli ho detto che il suo culo stava già scoppiando per tutti i cazzi che gli avevano dato i suoi amici, e che succhiavano tutti meglio di lui, e che mi piaceva bere il latte dei suoi amici.

Era tutta una bugia, l’ho fatto per ripicca e per provocarlo, perché ero molto arrabbiata con lui, perché mi aveva ingannato. Non sapevo aspettare il momento giusto per mangiare la mia zucca e sono andata a mangiarne una grande che bastasse per tutti.

Era pieno di odio. In realtà non ho dato il culo a nessuno tranne a lui in quel momento, ma la parte del pompino era vera. Ecco perché circolava la cattiva reputazione di essere una pipa. Ecco perché sono rimasto vergine.

Quando mi sono trasferito nella capitale, sono andato a vivere con mio cugino che si era appena laureato come ingegnere del petrolio e del gas. Quando è stato assunto presso l’azienda dove stava svolgendo uno stage, siamo usciti per festeggiare. Mio cugino, il socio dell’azienda (il suo capo), l’addetto al marketing (non era subappaltatore né faceva parte dell’azienda, ma si occupava di tutto il marketing per l’azienda) e io. Solo io come donna.

Ci siamo divertiti, abbiamo bevuto, mio ​​cugino è stato felice di parlare con il socio dell’azienda, all’epoca il suo capo, e poi lo specialista di marketing ha iniziato una conversazione con me. Una conversazione molto interessante e piacevole. Era un ragazzo affascinante, alto 180 m, di forma non marombeiro, ma di forma, con capelli grigi, castano chiaro, attraente, amichevole e simpatico.

– Come ti chiami, ragazza?

– Sono María Selma, ma puoi chiamarmi Selminha.

– Mi chiamo Telmo ed è un piacere parlare con te.

– Mi sento lusingato, è reciproco.

– Quanti anni hai, mio ​​bel fiore marrone? Ops, volevo dire Selminha.

Altre storie erotiche  Ah, signor Federico! Fa male!

In quel momento già vidi che era pieno di grazia per me. Ho rinunciato, infatti, oltre ad essere single, era molto attraente e simpatico. Mi resi conto che anche lui era single, perché non portava l’anello e non aveva nemmeno il segno dell’anello al dito.

– Ho 18 anni e tra 2 settimane compirò 19 anni.

– Allora dovremmo festeggiare adesso.

Quindi questo bastardo mi ha offerto diversi drink, mi ha detto di ordinare quello che volevo mangiare e mi ha detto che era il mio regalo di compleanno. Mi raccontò anche che era vedovo da anni, che non aveva figli e che aveva 48 anni.

La conversazione è stata bella, una serata molto piacevole, e alla fine dell’happy hour mi ha dato il suo biglietto da visita e mi ha detto che se avessi avuto bisogno di aiuto, visto che venivo dalla campagna per vivere nella capitale, avrei potuto semplicemente chiamarlo .

Quando siamo arrivati ​​all’appartamento, mio ​​cugino è andato a farsi una doccia e a dormire e io, invece di fare lo stesso, ho preso il biglietto da visita e ho aggiunto Telmo al mio MSN, ho registrato il suo contatto nella lista e gli ho inviato un SMS e una email. con lo stesso contenuto.

“Mi è piaciuto molto stasera, sei molto attento. Salva il mio contatto lì.

Lui ha risposto immediatamente al messaggio: “È stata una notte meravigliosa con te, possiamo fissare un appuntamento?” »

Il lunedì successivo cominciarono le mie lezioni universitarie. A quel tempo studiavo la mattina. Abbiamo frequentato il corso e poi siamo andati in un piccolo bar vicino all’università per bere qualcosa e iniziare la nostra vita accademica.

La sera Telmo mi ha chiamato chiedendomi, tra l’altro, come era andata la mia giornata e se potevamo uscire venerdì sera. Mi disse che mi avrebbe preparato la cena a casa sua e mi chiese cosa mi piaceva mangiare. Ho quasi risposto che volevo mangiare i bagel. HAHAHA. Ma ho agito seriamente e culturalmente. La verità è che sono serio, non oso così.

Ma dato che mi trovavo in un’altra città, molto lontano da casa, volevo approfittare di ciò che avevamo da offrire. Ho accettato il suo invito e ho aspettato il venerdì che avevo sognato.

È arrivato il venerdì che sognavo, immaginavo che ci sarebbe stato tempo oppure no, che saremmo potuti restare, anche un bacio e qualche manina stupida. Ma il sesso mi è venuto in mente come possibilità, ma non sono andato lì con l’intenzione di fare sesso o qualcosa del genere. Ricordando che ero ancora vergine e non avrei perso la verginità con qualcuno che conoscevo a malapena, giusto?

Altre storie erotiche  Coppia bi nella casa oscillante

Ho pensato che se avesse fatto caldo avrei fatto solo un pompino e nient’altro, perché non avrei fatto sesso subito con uno sconosciuto. Sono uscito per 2 anni e non l’ho dato al mio ex ragazzo, il massimo che ho avuto con il mio ex ragazzo è stato 69 anni, pompini, seghe, mi ha succhiato e mi ha mangiato il culo.

Venerdì mi sono vestita, mi sono rasata completamente nella vicina clinica estetica, mi sono messa il mio miglior profumo, mi sono truccata, ho messo un vestito bianco attillato, mi sono messa i tacchi, immaginando che potesse esserci una festa dopo cena, chi lo sa?

E le mutandine? Che biancheria intima indosseresti? Avevo dubbi su cosa mi dava fastidio e se fosse completamente morbido e non mi è mai piaciuto indossare le mutandine, anche se le indossavo senza. Come dice mio cugino, mi piacevano il crimine e il male.

Mio cugino mi ha visto vestito e mi ha chiesto dove stavo andando.

– Selma, dove vai così caldo?

– Vado a cena con Telmo a casa sua.

Lui rise di gusto e mi disse:

– Cugino, sai quanto ti amo, ti rispetto e ti amo, vero?

– Sì, lo so

– Allora… Telmo ha la fama di essere il più grande selezionatore di giovani ragazze e mi aveva già detto che era un pervertito, che amavo il sesso e un sacco di troie, oltre ad un culo enorme. Sei giovane, inesperta, vergine, esci a casa sua, tornerai tutta distrutta perché ha un cazzo enorme e grasso, e perderai il culo.

-Come fai a sapere che ha un ruolo?

– Me l’ha detto il mio stagista, gliel’ha dato, e ha detto che lo faceva solo di cattivo umore, è un pervertito e uno spreco.

– Wow, ah, voglio davvero vedere questo calibro. Ci vediamo dopo, cugino.

Mi fermo qui per non prolungare la storia. troppo. Scriverò di più nella prossima storia. Spero che ti sia piaciuto, voglio la tua valutazione, valutazione, commenti e tutto il resto.

Se vuoi lasciare la tua email di contatto così possiamo essere più intimi, puoi farcelo sapere e risponderò a tutti.

Baci cattivi e ragazze cattive come me.

Alla prossima storia…

*Pubblicato da Baiana_Morena sul sito climaxcontoseroticos.com il 16/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *