Racconto erotico diretto: prima in groppa al cavallo; 2° vicino al fiume; 3° nella scuderia

di | 4 de Luglio, 2024

Ciao amori miei. Oggi vi racconterò la seconda parte della mia avventura iniziata nella mia ultima storia.

Dopo quella scopata che Alberto mi ha fatto cavalcare Sansão nel tragitto dalla fattoria di mia nonna alla spiaggia del fiume, appena siamo arrivati ​​al fiume e Alberto mi ha fatto scendere da cavallo, il mio vestito è caduto a terra, ai miei piedi, Mi sono tolta gli stivali e le calze, ho lasciato tutto per terra, mi sono tolta le mutande e le ho lanciate in aria e sono corsa verso una piattaforma di legno dove delle persone si tuffavano nel fiume e le lanciavano, lanciandomi un grido di grande soddisfazione. e lo stesso fece Alberto subito dopo.

Abbiamo camminato in acqua per quasi un’ora, ci siamo immersi nelle acque fresche e cristalline del fiume Mira, abbiamo nuotato, abbiamo giocato tanto, Alberto mi prendeva e mi buttava in acqua, altre volte mi trovava . sulle spalle e mi ha lanciato.

Sembravamo due bambini felici che giocavano, ma siccome eravamo vestiti da quando siamo venuti al mondo, l’unica cosa che facevamo era pelle a pelle, con lui che mi toccava in ogni punto erogeno del mio corpo, i nostri giochi diventavano piccanti. Una volta Alberto mi ha preso da dietro, pensavo che mi buttasse di nuovo in acqua, ma lui mi ha abbracciato e mi è rimasto vicino, con le gambe leggermente piegate e il cazzo dritto. Era seduto sul mio sedere, si massaggiava avanti e indietro, le sue mani mi massaggiavano il seno, le sue dita mi pizzicavano i capezzoli, mi baciavano il collo e mi sussurravano all’orecchio mentre si strofinava contro il mio sedere: “Guarda, è già brutto”. Senti quanto è profondo in quel culo? Ed è tutta colpa tua, quindi dovrai parlargli di nuovo. In risposta, ho girato il viso di lato guardandolo negli occhi. Gli ho messo la mano sulla nuca, l’ho tirato, ho unito le nostre bocche e le nostre lingue si cercavano e si toccavano, bagnate ma piene di fuoco.

Alberto è venuto a prendermi e siamo usciti dall’acqua. Mi ha lasciato quando siamo arrivati ​​dove avevamo lasciato il suo zaino e i nostri vestiti, ho preso il mio vestito, i calzini, gli stivali e ho cercato la mia biancheria intima ma lui non li aveva visti. Mi sono ricordato di averlo lanciato in aria e ho alzato lo sguardo per cercare di vedere se era ancora appeso al ramo di un albero, ma non l’ho visto da nessuna parte. Ho deciso di dimenticare. Il apparaîtrait later et se ce n’était pas le cas, ce serait juste une paio di sous-vetements et j’en avais des dizaines (gardez ce petit détail en sécurité car on s’en souviendra dans une autre histoire que je publierai presto ).

Altre storie erotiche  L'appuntamento

Ci siamo diretti verso una piccola radura nascosta tra i cespugli, Alberto ha tirato fuori una grande coperta patchwork che aveva nello zaino e l’ha stesa a terra. Abbiamo iniziato ad alzarci, a baciarci e a sentirci e in pochi istanti eravamo sdraiati lì, con me sopra di lui nella posizione 69, con la mia figa premuta contro il suo petto mentre lui mi leccava e succhiava il clitoride. Ho divorato il suo cazzo. Dannazione, quel cazzo nero era la cosa più calda che avesse mai avuto. Non riusciva ancora a ingoiarlo tutto, ma non era rimasto molto.

Abbiamo passato circa 10 minuti a leccare, succhiare e mordere, mi è bastato iniziare a contorcermi per l’eccitazione e sono venuto copiosamente nella sua bocca, ma ero ancora lontano dal venire.

Quando le contrazioni del mio orgasmo si calmarono, sollevai il busto e mi spostai in avanti sulle ginocchia finché la mia figa non fu premuta contro il suo cazzo. Mi sono premuto contro di lui, muovendo i fianchi avanti e indietro, leccando il suo cazzo con le labbra della figa e il clitoride. La mia figa era completamente bagnata e questo lasciava il suo cazzo tutto lubrificato, facendoli scivolare l’uno contro l’altro, fornendo una deliziosa sensazione di piacere.

Ho afferrato la base del suo cazzo con la mano destra contro le sue palle e ho detto dopo una grande risata: “Kkkkkk, vaffanculo! La mia mano può tenere solo metà del tuo cazzo e l’altra metà è lasciata di lato”. Lui rispose: “È disgustoso, ma quella figa lo inghiottirà intero. Mettilo lì così possiamo vedere se manca qualcosa”. Ho alzato i fianchi, ho appoggiato la testa all’ingresso della mia figa, ho girato il viso all’indietro e gli ho chiesto guardandolo negli occhi: “Vuoi che lo ingoi intero?” Ho aspettato che rispondesse e quando lo ha fatto, ho spinto i fianchi verso il basso, facendo scivolare la mia figa su e giù per il suo cazzo, ingoiandolo intero in un colpo solo e lui ha urlato come una bestia: “Lo voglio aaaahhhhhh, stronza”. Con lui completamente intrappolato, ho afferrato le sue palle con la mano destra e le ho strette mentre rotolavo con movimenti circolari con i fianchi, poi ho inclinato leggermente il busto in avanti con le mani appoggiate sulle sue ginocchia e ho iniziato a cavalcarlo inizialmente lentamente. Aumentai il ritmo e pochi istanti dopo lo stavo cavalcando ad un ritmo furioso, facendo volare i miei capelli e rimbalzando i miei seni, gemendo e urlando forte. Ma che gioia essere lì, immersi nella natura, ad ascoltare il rumore del vento tra le foglie degli alberi, lo scorrere dell’acqua del fiume e il canto degli uccelli, mescolato alle nostre urla e gemiti di piacere.

Altre storie erotiche  Vacanze con una puttana a Búzios

Ero io quello che teneva le dannate redini, ero io quello che lo scopava e questo mi dava un’eccitante sensazione di potere. Mi sono voltato, guardandolo come una predatrice che insegue la sua preda, e gli ho chiesto senza mai interrompere il movimento su e giù dei miei fianchi: “Senti quella figa ingorda che divora quel cazzo? La senti mentre lo mangia?” Premere? “Ancora sotto di me, ha risposto: “Sì, ragazza cattiva. “Questa stronza è fottutamente avida.”

Ma all’improvviso mi ha afferrato la vita con le sue mani enormi, senza togliere il cazzo dalla mia figa, mi ha girato in modo che fossi sdraiato su un fianco, ha alzato la gamba destra e ha iniziato a scoparmi forte. Ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia figa fino a quando ne è rimasta solo la punta e l’ha seppellito di nuovo in un colpo solo, facendo sì che le palle colpissero forte le mie labbra e io urlassi come un cane in calore. Era la prima volta che venivo scopato in questa posizione e l’ho adorato. Mi ci sono volute una mezza dozzina di pompe per iniziare a contorcermi e tremare dappertutto e ho avuto un orgasmo così forte, così intenso, che ho eiaculato diversi getti di Alberto che hanno inondato il mio pene, i miei testicoli e le mie cosce.

Sì, sono venuta come una stronza, ma Alberto non si è fermato. Mi ha girato in modo che ora fossi sdraiato a faccia in giù con il culo per aria e ha continuato a spingere il suo cazzo nella mia figa, schiaffeggiandomi il culo con le cosce e facendo questo rumore pelle a pelle: “plof plof plof plof plof plof”. ”. Era matto e mi scopava come un selvaggio urlandomi insulti: “Cazzo, non ho mai mangiato una fica così golosa come la tua, puttana del cazzo”. E continuava a pompare e urlare: “Sei già dipendente dai cazzi neri, vero, troia?” Sono sdraiato a faccia in giù, a faccia in giù, le tette schiacciate contro la coperta patchwork, il culo per aria, Alberto mi sta a cavalcioni come un cane che cavalca una cagna, mi scopa come un matto, sento il suo cazzo pulsare nella mia figa. e finalmente sento una serie di getti di sperma spararmi nella figa mentre lui mi morde il collo e mi urla nell’orecchio: “Riempirò questa figa di sperma, troia. Prendilo, stronza…. Prendiaaaaaa.. .” Ma anch’io ero matto, muovevo i fianchi lanciando il culo in aria ogni volta che metteva il suo cazzo nella mia figa e quando cominciava a venire, ho anche eiaculato una volta. Una serie di schizzi con l’orgasmo più intenso che avesse avuto fino a quel momento, urlando forte: “Sborra, figlio di puttana… Riempi quella figa di sperma… Sto venendo anch’io su quel cazzo. Aaaaaaahhhh prendilo” …”

Altre storie erotiche  racconto erotico bdsm - Per E

Merda, che merda elettrica. Fino a due mesi fa non avrei mai immaginato che un giorno avrei potuto provare così tanto piacere. Siamo rimasti così per circa 15 minuti, ansimando, godendoci il contatto dei nostri corpi, Alberto che mi baciava il collo e mi sussurrava frasi maliziose all’orecchio e io sorridevo deliziosamente con gli occhi chiusi.

Erano le dodici e mezza. Avevamo fame, ci siamo seduti sulla coperta, abbiamo fatto un picnic con panini, snack e frutta che Alberto aveva portato nello zaino, abbiamo mangiato tutto e alla fine ci siamo alzati, ci siamo vestiti e ci siamo messi i pantaloni. insieme non mi importava più della biancheria intima, cavalcavamo Sansão allo stesso modo, io davanti e Alberto dietro, aggiustandomi il sedere, e tornavamo da mia nonna.

Abbiamo scopato di nuovo quel giorno ma se vuoi sapere com’è andata dovrai leggere il mio prossimo racconto.

Spero vi sia piaciuto, ora vi chiedo di votare e commentare. Grazie

*Pubblicato da Graça sul sito climaxcontoseroticos.com il 16/06/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *