Racconto erotico etero – Il fisioterapista

di | 14 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Di Cesare

Non so chi abbia coniato l’espressione: l’età migliore. Non potrei che essere pazzo, perché in realtà il nostro corpo è una macchina e come tale si consuma con il passare degli anni. Per me non è stato diverso e a causa della mia mancanza di disciplina mesi fa ho finito per fare troppo esercizio ed era inevitabile che la mia colonna lombare si lamentasse.

Per un po’ ho provato ad alleviare il dolore con delle pillole che già conoscevo, ma non hanno funzionato, quindi sono andata dal medico. Dopo alcuni esami di diagnostica per immagini mi è stata diagnosticata: lesione lombare e artrosi. Gli furono prescritte iniezioni e terapia fisica con shock, stretching e agopuntura.

Ammetto di aver già fatto diverse volte la fisioterapia, ma non so quanto mi aiuti davvero. Discutendo di questo con un amico, ha detto:

– César, mia sorella è una brava fisioterapista, formata e con una specializzazione proprio nella cura del sistema muscolo-scheletrico.

-È bello sapere, in quale clinica lavori?

– E la cosa migliore è che lavora da casa.

– Ottimo, allora dammi il suo numero di telefono.

Due giorni dopo l’ho chiamata e lei ha risposto:

– Buongiorno.

– Ciao Carol, sono César, l’amico di Ricardo.

-Ciao Cesare, come stai? Lo sapevo già, mio ​​fratello ha detto che avresti chiamato.

– Allora quando possiamo fissare un appuntamento per iniziare la cura?

– Diamo un’occhiata alla mia agenda.

Dopo qualche istante, disse:

– Martedì della prossima settimana, alle nove, va bene?

– Per me, quando segni, è bello, è bello.

– Allora a presto e abbi cura di te, eh.

– Puoi andare.

Il giorno stabilito era puntuale. Non appena ho aperto la porta dell’appartamento, ho visto uno spettacolo piacevole: una bruna chiara, capelli castani tagliati come Chanel, occhi a mandorla, seno medio, gambe lunghe, cosce grosse e un sorriso affascinante. A prima vista, ho stimato che avesse circa trentacinque anni. Vedendo il mio stato di inerzia, sorrise e disse:

– Posso entrare?

Imbarazzata dal mio atteggiamento inappropriato, mi sono scusata e l’ho fatto entrare. Indossava leggings blu scuro con un bordo laterale rosso e una vita alta. La parte superiore era realizzata nello stesso tessuto, con spalline rosse incrociate nella parte posteriore. I pantaloni attillati delineavano le sue natiche, degne di attenzione e di lode, perfette. Il solo vederla mi ha fatto sentire meglio dopo il dolore.

L’ho invitata a sedersi sul divano e le ho offerto un caffè:

– Wow, adoro un buon caffè.

– Macchina per il caffè espresso o per il caffè?

– Ti accompagnerò a quello che preferisci.

Ho preparato due espressi e mentre assaggiavamo la bevanda lei ha voluto sapere:

– Raccontami un po’ di te e del tuo dolore.

Le ho spiegato cosa era successo e lei ha voluto vedere le foto dei test che le avevo fatto. Dopo averla analizzata, vide la richiesta del fisioterapista e concluse:

– Molto bene, saranno venti sezioni, possiamo iniziare oggi?

– Naturalmente, prima mi libererò di questi dolori, meglio sarà.

– Perfetto, quindi indossa abiti comodi, preferibilmente pantaloncini corti.

In pantaloncini e maglietta tornai nella stanza e lei disse:

– Solo pantaloncini, niente maglietta, sarà d’intralcio.

Mi sono tolto la maglietta, lei ha spostato il tavolino, mi ha chiesto di sdraiarmi sul tappeto e ha detto:

– Vediamo quanto è forte il tuo dolore.

Mi ha chiesto di fare alcuni movimenti di stretching ed è stato fatale, il dolore era intenso:

– Molto bene César, questi esercizi sono i più leggeri, cominciamo con gli aghi e gli shock per alleviare un po’ l’infiammazione, ma penso che sia meglio se lo facciamo a letto, sarà più comodo.

Siamo andati nella mia stanza, mi ha chiesto di sdraiarmi a faccia in giù mentre preparava i suoi strumenti di tortura. Prima di applicare gli aghi, ha detto:

– Ho bisogno di sapere esattamente dove si irradia il tuo dolore, quindi devo stringerti il ​​culo, ok?

– Carol, se vuoi porre fine a questo dolore, fai quello che vuoi.

– Wow, mi piacciono i pazienti così, senza pregiudizi.

Poi mi infila un dito proprio in mezzo alle natiche, il dolore sembra forte e quando vede come mi contraggo dice:

– Ecco da dove viene la sciatica, è molto infiammata, la sistemeremo, ma per questo devo abbassarti un po’ le mutande.

– Come ho detto, Carol, fai tutto il necessario.

Poi comincia ad applicare gli aghi, alcuni avvertono una leggera puntura, altri invece avvertono dolore. Quando ebbe finito con gli aghi, accese il dispositivo di shock, che si avviò dolcemente e aumentò l’intensità finché non riuscii a gestirlo. Quando ho detto che era buono, è rimasto così per circa trenta minuti. Ero lì con metà del sedere scoperto, davanti a una donna che avevo appena conosciuto, ma non sono mai stata una che si vergogna delle donne che praticano la medicina. Abbiamo parlato e ho imparato qualcosa in più su di lei. Era sposata da vent’anni e separata da cinque. Ho fatto un rapido controllo e ho concluso che non poteva avere solo trentacinque anni.

Altre storie erotiche  dormire con il mio amico

Ci ho pensato un po’ e ho chiesto:

– Posso essere indiscreto?

– Chiaro.

-Quanti anni avevi quando ti sei sposato?

– Avevo vent’anni.

Ne ho contenuto ancora uno velocemente e ho concluso, quarantacinque anni, giusto? e io dissi:

– Quando ho aperto la porta e l’ho vista ho pensato che dovesse avere circa trentacinque anni, stai benissimo.

Lo ha ringraziato per il complimento e gli ha detto che si prende molta cura di se stessa e che siccome non ha figli, la sua passione più grande è lavorare e viaggiare, le piace scoprire posti nuovi, persone diverse, con stili di vita diversi. Ero curioso e ho chiesto dello sposo:

– Ascolta César, sarò molto onesto con te, mi piace molto uscire, ma non ho ancora trovato la persona giusta a cui dire: è quello che farò, quindi esci, senza impegno.

Questa conversazione è durata quanto è durata la sezione sulla tortura. Ha rimosso gli aghi e i punti shock e mi ha chiesto di alzarmi con attenzione. Incredibile, il dolore era migliorato tantissimo. Ha detto che era così, che con il progredire delle sedute mi sarei sentita molto meglio. Ha concluso con un leggero massaggio alla schiena, che sensazione deliziosa. Le sezioni furono ripetute e il dolore stava migliorando, tranne quello che si irradiava dal gluteo alla gamba, fu allora che disse:

– Dovrò mettere gli aghi in altri posti, ok?

-E quali sono quei posti?

– Nel culo, quaggiù – e lo premette con un dito, faceva male – e lungo la coscia.

– Fai ciò che deve essere fatto.

Ci fu un breve silenzio finché lei non disse:

– Non posso farlo con questi pantaloncini qui.

Ero già a faccia in giù, quindi ho detto:

– Se ne hai bisogno, non esitare, puoi toglierlo.

Lei non ha esitato e si è abbassata i pantaloncini lungo le gambe e ho pensato che sarebbero rimasti lì, ma per sbaglio se li è tolti completamente. Vedendo il mio culo in tutta la sua pienezza ha commentato:

– Mi è piaciuto, abbi cura di te.

– Come posso prendermi cura di me stesso?

– E’ rasato.

– Ah, è perché odio i capelli e penso che l’igiene sia molto meglio così.

– Sono d’accordo con te e preferisco gli uomini che la pensano così.

Non ho lasciato che il suo commento passasse inosservato, ma cosa intendeva veramente? Comincia a spingere i suoi aghi nel mio sedere e lungo la coscia, poi applica lo shock, che è leggermente più intenso di intensità, facendomi contrarre il sedere con movimenti ripetuti. Carol disse che era importante arrivare al centro dell’infiammazione. Poi ha detto:

– Cesare, qualcosa che ti aiuti. Anche tanto, è un massaggio per rilassare i muscoli, lo proviamo?

– Carol, sono tutto tuo, uso e abuso.

– Stai attento, quando lo dici così, potrei pensare che sia vero e offensivo – disse ridendo.

– Sono già nudo, quindi divertiti, sono sicuro che non sarà peggio degli aghi e dello shock.

– Sarai rilassato.

Sento qualche goccia sulla schiena e poi inizia a massaggiarmi le spalle, esercitando una leggera pressione con le dita su ogni zona della schiena. A tratti ho avvertito un leggero dolore, ma nel complesso è stato molto confortante. Ha massaggiato e ha detto:

—Calmati, sei teso, molto duro.

Sentendo ciò ho osato:

– Niente affatto, ma presto, questo è certo.

Mi ha dato uno schiaffo e ha detto:

– Cattivo, ma è naturale che succeda, non vergognarti.

– Non io e spero che non lo faccia neanche tu.

– Ci sono abituato, non preoccuparti.

Il massaggio è durato circa trenta minuti, durante i quali gli aghi e l’urto sono rimasti nel mio corpo. Quando mi liberai dagli aghi, lei disse:

– Rilassiamo il sedere adesso.

Ancora una volta sento le gocce e lei inizia a massaggiarmi le natiche e scende fino alle cosce. Sdraiato a faccia in giù il mio cazzo è diventato completamente duro e ho dovuto aggiustarlo. Nel farlo, ha commentato ridendo:

Altre storie erotiche  niente di meglio del tempo

– Esatto, aggiustalo bene, altrimenti ti farà male e ti servirà anche un massaggio.

Non ho perso l’occasione:

– Fa già un po’ male.

Non dice niente, ma mi stringe più forte il culo. Ho aperto leggermente le gambe, quanto basta per esporre le palle. Quando ha spostato le mani dal polpaccio alla parte superiore del sedere, le sue dita stavano decisamente toccando deliberatamente le mie palle e di conseguenza mi sono eccitato sempre di più. Sono sicuro che lo fosse anche lei, avevo bisogno di esserne sicuro, quindi quando ho sollevato leggermente il sedere, lei ha infilato un dito nella mia fessura e mi ha toccato le pieghe. Feci un sospiro sommesso, lei avvicinò la bocca al mio orecchio e sussurrò:

– Ti piace, tesoro?

– Moltissimo – risposi sottovoce.

Senza dire altro, continuò con il dito nel mio culo, premendolo leggermente. In quel momento non ho più sentito alcun dolore, solo il piacere di essere toccato da questa donna meravigliosa. Percependo la mia complicità in questo momento intimo, mi lubrifica ancora di più il culo e inserisce il suo dito invasivo all’interno, facendomi rabbrividire con la lussuria più assoluta. Con l’altra mano mi accarezza le palle e si avvicina al mio cazzo che pulsava fortissimo. Non appena lei lo abbraccia, esplodo di gioia fantastica, inzuppando la sua mano e il lenzuolo.

Avvicina la bocca al mio collo, mi bacia e dice:

– Io spero tu ti sia divertito.

Mi giro sul letto e lo affronto, che guarda con bramosia il mio cazzo ancora duro:

“Resta con me oggi,” dissi.

– Non posso tesoro, ho un paziente che ha davvero bisogno delle mie cure, ma fisseremo la prossima sezione per sabato, così avrò tutto il tempo che ci serve.

Mi bacia leggermente le labbra e se ne va.

Sabato, come concordato, Carol arrivò puntuale. Indossava una camicetta bianca che cominciava lentamente a sbottonarsi. Sotto indossava: pantaloncini cortissimi di lycra, che lasciavano visibile parte dei glutei, e un top dello stesso tessuto, la cui scollatura lasciava scoperta parte del seno. Gettando il cappotto sul divano, chiede:

– Io ti piaccio?

– Mi è piaciuto molto, sei magnifico.

Ci siamo baciati e per la prima volta c’è stato un bacio. Le nostre bocche si divorarono a vicenda e prima che perdessimo completamente conoscenza, lei disse:

– Prima l’obbligo, poi il piacere, passiamo al trattamento.

Andammo in camera da letto e di nuovo ero nudo per lei. Non appena ebbe finito di inserire gli aghi e di accendere l’elettroshock, iniziò il massaggio e andò dritto verso il culo, dicendo:

— Ho sognato il tuo culo, è magnifico.

– Ti piacciono i sederi degli uomini?

– Sì, è passato molto tempo, adoro giocare con lui, ovviamente con qualcuno a cui piace essere abbracciato.

– Mi piace.

-L’ho notato l’ultima volta, quindi penso che ci divertiremo di più oggi.

Stava parlando e le sue mani lavoravano sul mio corpo e io ho colto l’occasione per ammorbidire anche le sue gambe. Quando la sessione di fisioterapia finì, ero già completamente bagnata e quando provai a girare il corpo, non mi lasciò dire:

— Voglio goderti in questa posizione, alzare il culo in aria.

Non ho agito come mi aveva chiesto e quando ho fatto quello che mi aveva chiesto, ho sentito che il mio culo e il mio sedere venivano abbondantemente imbrattati. Dopo aver giocato a lungo mangiandomi con le sue dita, mi ordinò ancora una volta di non muovermi da questa posizione, poiché aveva una sorpresa per me, aspettai pazientemente.

Poco dopo sale sul letto e si mette tra le mie gambe. Posiziona un cuscino sotto il corpo, all’altezza dello stomaco, in modo che i glutei siano sollevati. Mi apre le gambe e chiede:

– Metti le mani sul culo e aprimelo.

Mentre facevo quello che mi aveva chiesto, ho sentito qualcosa che mi forzava le pieghe. D’istinto mi fermai, ma lei premette i suoi seni contro la mia schiena e mi sussurrò all’orecchio:

– Non preoccuparti tesoro, adoro farlo e sono sicuro che lo adorerai anche tu.

Ancora spaventato, ho liberato il mio corpo dalla tensione in cui mi trovavo e in quel momento lei ha colto l’occasione per darmi una spinta, stringendomi il culo per chissà cosa, ma sicuramente mi stava scopando con un vibratore attaccato alla vita.

Mi leccò il collo, mi morse la punta dell’orecchio e disse parole di incoraggiamento:

Altre storie erotiche  Un pasticcio con Orozimbo

– Ecco fatto tesoro, così rilassati e proverai piacere, incanto, è tutto lì, sentilo.

Ha appoggiato la sua pancia contro il mio culo e ha mosso lentamente il suo corpo in modo che il vibratore entrasse e uscisse dal mio culo, con movimenti lenti e ritmici. Il disagio iniziale lasciò il posto ad un intenso piacere e gemetti di desiderio. Accorgendosi che ero completamente rilassato, mi mise entrambe le mani sotto le ascelle, premendo il mio corpo contro il suo e disse:

– Sarà delizioso.

Poi ha cominciato a scoparmi con colpi forti, tanto che potevo sentire il rumore del suo stomaco che mi batteva sul culo. Era completamente dominato da questa donna intensa che continuava a parlare:

– Oh come mi piace, mio ​​Dio, che arrapamento, il tuo culo è davvero delizioso, mi divertirò a mangiarlo.

E infatti così accadde, accelerò sempre di più i suoi movimenti finché con un colpo mortale colpì tutto dentro di me e non rimase che strofinarsi dicendo:

– Sto venendo, oh che bello, quindi tesoro, mordimi il cazzo con il culo, ecco, mio ​​maschio cattivo, wow, non riesco a smettere di venire, oh, che bello.

Questa follia durò per alcuni minuti finché non si riprese dal tremore dell’orgasmo. Una volta che si riprende, allontana il suo corpo dal mio finché non si sdraia accanto a me. Mi giro, le guardo la pancia e vedo il vibratore che spuntava, ancora attaccato alla sua vita, non potevo credere che tutto quello mi fosse rimasto infilato nel sedere, che pazzia. Faccio scorrere la mano verso il vibratore e con mia sorpresa, quando ho provato a toccarle la figa, ho realizzato che aveva un altro vibratore lì, come se Carol fosse stata scopata. Gli baciai la bocca e dissi sorridendo:

– Ragazza intelligente, hai scopato me e te stessa allo stesso tempo.

Mi accarezzò il viso e disse:

– Sono così emozionato per questa cosa che non ne hai idea.

Ancora una volta ci siamo baciati e toccò a me dire:

– È stato molto bello, ma ho anche i miei desideri.

Ho rilasciato la cinghia che era legata intorno alla sua vita e l’ho gettata di lato, desiderando ardentemente assaporare quella figa completamente succulenta. Ho baciato e leccato il suo corpo fino a raggiungere il centro del suo piacere. Ho fatto scorrere la lingua sui peletti sopra la fessura, le ho leccato l’inguine, le ho baciato le cosce e lei si è dimenata dicendo:

– Proprio così, ragazzo, davvero ebreo.

Assetato di sentire il suo miele, presi in bocca la sua caverna e spinsi la lingua più che potevo in quel tunnel caldo e umido. Leccavo e succhiavo questo prezioso liquido e mordicchiavo il piccolo solco che sporgeva tra le sue labbra vaginali.

Non ne poteva più quando gli chiese:

– Dai, troia, scopami subito, metti dentro il tuo cazzo, voglio venirle addosso.

Mi sono sdraiato sul suo corpo e l’ho spinto immediatamente nella sua figa. Il sudore che usciva dai nostri corpi mostrava tutto il nostro piacere e desiderio. Mentre ci stavamo ancora baciando, ho accelerato i movimenti avanti e indietro e con ciò il nostro climax ha raggiunto un livello insopportabile, facendo sì che l’orgasmo arrivasse quasi simultaneamente. Restammo con i nostri corpi premuti l’uno contro l’altro finché la letargia del sesso non lasciò il posto alla calma e giacemmo fianco a fianco.

Nel più completo silenzio ci siamo semplicemente scambiati carezze, lasciando che le nostre forze riprendessero. Quando è successo questo, si appoggia sul gomito, mi bacia sulla bocca e dice:

– È stato meraviglioso, sei sicuramente il tipo di uomo con cui mi piace dormire.

– Questo perché sei sicuramente il tipo di donna che sa come compiacere.

Sorridemmo entrambi e a fine pomeriggio, dopo aver fatto l’amore altre due volte, gli chiesi:

– Quante sezioni di fisioterapia sono rimaste?

– Non lo so, ammetto di non aver segnato.

– Allora rimaniamo così, mentre provo dolore. Verrai, ok?

– Combinato.

Sono passati più di sei mesi e il mio dolore non riesce a fermarsi.

*Pubblicato da new_lorde sul sito climaxcontoseroticos.com il 13/04/24.