Racconto erotico eterosessuale – Tara de Carla, parte I

di | 16 de Maggio, 2024

Mi chiamo Carla, ho appena compiuto trentacinque anni e questa è la mia storia.

Sono bionda, cosa naturale visto che sono figlia di genitori tedeschi, ho i capelli lunghi e ondulati che mi arrivano alle spalle. I miei occhi sono azzurri, cosa che ha sempre attirato l’attenzione di chi mi chiamava bambola di porcellana, per via del candore della mia pelle. Sono alto un metro e mezzo e ho un corpo ben definito di cui sono molto orgoglioso.

Il mio problema è iniziato quando avevo appena dodici anni e vivevo in una fattoria a Joaçaba. Quel giorno l’autobus che ci portava a scuola in città si è rotto a metà strada e siamo dovuti tornare a casa a piedi. Quel giorno abbiamo saltato la lezione ed ero molto entusiasta di tornare a casa presto.

Mi sono sposata dieci anni fa con Claudio, un medico quarantaduenne che amo alla follia e dal quale ho avuto un figlio che per me è tutto, Paulinho, che oggi ha sette anni.

Come ho detto, quel giorno tornammo a casa e quella settimana mio padre era via per un viaggio d’affari e mia madre, come sempre, era responsabile di tutto nella fattoria, me compreso.

Sono tornato a casa e non sono riuscito a trovarla.

“Doña Berta andava a dare ordini ai dipendenti della piantagione”, ha detto Jacira, la nostra cuoca.

Non ho aspettato un secondo e sono corsa a cercarlo.

Mia madre era bellissima e il suo sorriso d’avorio, sempre illuminato dal rossetto rosso, riempiva di luminosità la nostra casa. Io lo amo così tanto.

I miei genitori avevano quello che sembrava un matrimonio perfetto con la mia innocente bambina, ma stavo per scoprire che le cose non sono sempre quello che sembrano.

Mio padre, come ho detto, è molto severo e serio, ma è anche un uomo molto bello e buono. Fino a poco tempo fa non capivo come mia madre potesse farle questo, finché anch’io non ho provato lo stesso sapore amaro che deve aver provato lei. Non c’era nessuno che non lo ammirasse per la sua onestà e rettitudine.

Ebbene, come ho detto, quella mattina corsi verso la piantagione in cerca di mia madre, eravamo molto vicini in quel momento, quando passando davanti alle stalle degli spalti e che dovevano essere vuote in quel momento, sentii strani rumori . proveniente da dentro. Curieux, je suis approché de la grande fenêtre en bois et, à travers l’espace qui s’était form entre una planche et une autre sous l’action du temps, j’ai vu la vision qui me marquerait pour le reste de my vita. Dentro, vidi mia madre sdraiata su un mucchio di fieno, con i seni pieni che sporgevano dal décolleté; la sua gonna si sollevò; Le sue gambe bianche erano aperte e, in mezzo a loro, un bell’uomo di colore, un bracciante agricolo, chiamato Tião. Tião aveva i pantaloni abbassati e si muoveva freneticamente mentre mia madre gemeva e alzava gli occhi al cielo, non per il dolore ma per il piacere.

I due si afferrarono e si baciarono selvaggiamente.

Rimasi a bocca aperta, ma rimasi lì a guardare finché tutto finì in uno spasmo folle in cui i due si afferrarono e poi caddero, esausti, uno sopra l’altro.

Questa scena… Questo contrasto tra la pelle nera del bambino e la pelle bianca di mia madre mi affascinava. Per la prima volta nella mia vita ho sentito uno strano prurito laggiù. La mia vagina si è bagnata e ho sentito un bisogno irresistibile di toccarmi. Poi sono corso in camera mia e, per la prima volta, mi sono masturbato seguendo il mio istinto.

In seguito ho provato un po’ di disgusto e di rabbia verso mia madre per aver tradito mio padre in questo modo, ma non le ho mai detto nulla. Da quel giorno mi sono allontanato drasticamente da lei e lei se ne è accorta e ha sofferto. Doveva sospettare che avessi visto qualcosa, ma non si è mai aperto con me. Ho notato che si allontanava da Tião, forse per rimorso o senso di colpa, non lo so, so solo che questa faccenda non è mai stata ben risolta tra noi due e forse questa è la causa di tutto quello che ho sofferto. Forse un giorno ti racconterò tutto quello che ho visto e ne parleremo. Forse ti dirò come questa immagine è rimasta impressa dentro di me, o forse non ti dirò proprio niente… Forse, forse, forse…

Questo episodio ha segnato la fioritura della mia sessualità, risvegliando in me questo desiderio segreto. Fai sesso con un uomo di colore. So che per la maggior parte delle persone è facile, ma per me, che ho avuto un’educazione dura e piena di pregiudizi, era praticamente un tabù. Ogni volta che mi toccava, immaginavo che quella mattina fossi io al posto di mia madre e avevo orgasmi travolgenti. Tuttavia, non sono mai riuscito a mantenere una relazione con una persona di colore. Ci ho anche provato, ma ogni volta che le cose sembravano andare avanti, il desiderio si trasformava in rabbia al ricordo del tradimento di mia madre e metteva fine a tutto prima che potesse succedere qualcosa.

Al college ho avuto tanti fidanzati, nessuno troppo profondo che durasse, ma abbastanza per fare altre esperienze.

Il mio amore nero è rimasto vivo nel profondo del labirinto del mio essere, è vero, ma bruciava lo stesso. Era una strana sensazione. Un desiderio irresistibile accompagnato da rabbia, tanta rabbia. Ho provato a risolvere questo problema e ho avuto due fidanzati neri, ma non abbiamo mai fatto l’amore, perché, nonostante l’ardente desiderio, un profondo sentimento di rabbia mi impediva di andare avanti e ho concluso tutto con solo il sapore amaro della frustrazione e un immenso vuoto . . .

Altre storie erotiche  Storia erotica bdsm - Informazioni su prede e predatori (8)

Una volta ho raccontato al mio migliore amico tutto quello che mi stava succedendo tra le lacrime.

“Faresti meglio a risolvere questo problema in fretta o ad andare da uno psicologo, altrimenti questa sensazione potrebbe farti impazzire”, mi disse consigliandomi, ma io non seguii il suo consiglio e non feci niente e niente. altro. Immagina se mi sdraiassi su un divano e dicessi tutte queste oscenità a uno sconosciuto che scriverebbe tutto su un quaderno. Mai.

Tutto è cambiato nella mia vita quando un sabato sera ho incontrato Claudio in un bar. Fu amore a prima vista. Abbiamo iniziato a frequentarci e per la prima volta ho avuto una relazione veramente seria, in cui abbiamo condiviso idee, pensieri e progetti per il futuro. Ci siamo sposati quando ho finito la scuola, io avevo ventiquattro anni e lui ventotto.

Claudio è un uomo meraviglioso ed un chirurgo di grande prestigio nel suo campo.

Oggi viviamo una vita piacevole e confortevole in una zona esclusiva di Campinas. Abbiamo avuto Paulinho durante il nostro primo anno di matrimonio. Nostro figlio non era previsto, ma era il benvenuto. Amavo moltissimo la mia famiglia e la vita che avevamo e il mio feticcio per i neri doveva rimanere solo una fantasia finché non ci pensavo più.

Insomma, la nostra vita era perfetta e il nostro matrimonio, almeno fino a quel venerdì mattina, alla grande.

Il telefono squillò.

– Buongiorno !

“Ciao Carla…?”

“Ehi amore, è successo qualcosa?” – dissi preoccupato, perché non mi chiama mai a quell’ora del mattino.

‘Sì, ​​è successo, ho appena conosciuto un mio grande amico, abbiamo prestato servizio insieme nell’esercito e non ci vediamo da molto tempo, per questo l’ho invitato a cena con noi oggi.’ È possibile preparare qualcosa di speciale? —Disse con euforia.

“Certo, amore mio. A che ora avevi appuntamento con lui?”

—Forse alle otto e mezza?

“Giusto. Puoi lasciare che me ne occupi io.”

Questa giornata è stata impegnativa per me. Oltre a preparare la cena, ha dovuto anche fare del suo meglio, perché Claudio ama mettere in mostra sua moglie. Capirai gli uomini.

Quel giorno indossavo un abito corto nero con spalline molto larghe e larghe che metteva in mostra le mie gambe e il mio braccio, del resto sono sempre stata una donna vanitosa e mi prendo cura di me stessa.

Alle otto e mezza in punto suonò il campanello. Era la. Ho tremato dentro il vestito quando ho aperto la porta e ho trovato questo mulatto con la testa rasata, forte come un toro, vestito con una maglietta bianca attillata che metteva in mostra i suoi muscoli allenati e anche dei jeans neri attillati. Con le braccia forti e il petto ampio, sembrava un vero dio nero, bello ed enorme.

– Carla, Adalberto, Adalberto, Carla, mia moglie. – Claudio ci ha presentato mentre io cercavo di nascondere il vortice di sentimenti sconcertanti che mi travolgeva.

Io e il visitatore ci siamo avvicinati e ci siamo scambiati i tradizionali baci sulla guancia e ho potuto sentire il delizioso profumo del profumo maschile che non potevo identificare, ma ero inebriato da questo meraviglioso odore, forse perché era mescolato con l’odore della lozione. Un dopobarba, che gli conferiva un tocco di sensualità mista a brutalità.

Qualcosa si è scosso dentro di me e l’immagine che ha segnato la mia adolescenza è tornata nella mia mente con tutta la sua forza, risvegliando in me un’attrazione immensa. per quest’uomo fino ad allora sconosciuto a me.

Adalberto si è rivelato un ragazzo semplice. Lui e Claudio hanno prestato servizio insieme nell’esercito per un anno. Dopodiché mio marito andò all’università e Adalberto seguì la carriera militare e ora è capitano ad Acri. Ero in ferie visitare la madre malata qui a Campinas quando ha deciso di vedere Claudio quella mattina.

Il mio cuore batteva all’impazzata. Mi sentivo irresistibilmente attratto da questo bel mulatto.

– Sarebbe normale…? Tutte le donne si sentono così intorno a lui…? » – Queste erano le domande che giravano nella mia testa confusa in quel momento.

Noi tre abbiamo parlato molto, durante e dopo la cena. Il visitatore sembrava molto amichevole. Ha giocato con Paulinho, che lo amava, e ci ha raccontato storie dei tempi in cui lui e mio marito hanno prestato servizio insieme. Secondo lui erano inseparabili.

Sensazioni senza precedenti sono esplose dentro di me e la cosa non mi è piaciuta per niente. Lo sguardo che mi stava lanciando mi dava davvero fastidio al punto da innervosirmi. Sentivo che questo sguardo mi desiderava spudoratamente; mettendomi alle strette come un predatore mette alle strette la sua preda e privandomi del suo sguardo.

Per un attimo ho pensato che mi sbagliavo, che fosse tutto nella mia testa, ma poi ho avuto la certezza che stesse flirtando con me senza pudore. Fu allora che Paulinho si era già addormentato e ci dirigemmo in soggiorno. Ero già un po’ fatto, perché avevo già bevuto due bicchieri di vino e tre lattine di birra, che per me erano troppo. Mentre parlavamo, ho cercato di non mostrare la mia attrazione per lui. Claudio notò il mio disagio e rise, perché è raro che io beva più di un bicchiere di vino.

Altre storie erotiche  Ho cliccato male, mi hanno fatto una sega e una scopata.

Ad un certo punto ha squillato il telefono fisso della stanza accanto e mio marito è andato a rispondere, lasciandoci soli in un ambiente per me estremamente imbarazzante.

Più che velocemente Adalberto fissò su di me i suoi occhi famelici e predatori, soprattutto sulle mie gambe incrociate che lasciavano scoperta la coscia. Imbarazzata, ho cercato di nascondere un po’ la mia gamba, che era completamente nuda davanti a lui. Quando l’ho oltrepassata, sono apparse le mie mutandine, per un attimo è vero, ma lui le ha viste.

“Sei una donna molto bella, Carla. —Disse con quei dannatamente bellissimi occhi neri.

Sto arrossendo.

—Dici di avere ventisette anni, ma ne dimostri al massimo ventidue. ” aggiunse sfacciatamente.

Questo ragazzo sembrava rendersi conto che mi stava prendendo in giro e ha iniziato a provocarmi, cosa che mi ha davvero irritato.

“Grazie.” Ho parlato bruscamente, cercando di imporgli dei limiti, in fondo sono una donna sposata, ho pensato.

– Claudio ha la fortuna di condividere il letto con una donna bella e sexy come te. —Disse, incrociando le gambe e indicando il rigonfiamento sotto i pantaloni, dimostrando che aveva un’erezione.

Ho fatto finta di non vedere la provocazione.

– Mi dispiace, signor Adalberto, ma penso che in un matrimonio ci sia molto più che condividere un letto. Implica molto più di questo. — Ho parlato con aria di superiorità.

— Sì, sono d’accordo, ma devi essere d’accordo con me che è almeno il cinquanta per cento di tutto, giusto? “Quel bastardo mi ha chiamato signora… Nessuno mi aveva mai chiamato così.” Mi sono arrabbiato, ma sono riuscito a trattenermi.

“E tu? Non pensi di sposarti un giorno?” dissi, cercando di cambiare argomento della conversazione, che fino ad allora ero stata io.

“No”, disse, “Claudio ha sposato l’ultima donna degna di essere sposata”. —Disse spudoratamente, guardandomi per saggiare la mia reazione.

“Il mondo è molto grande e sono sicura che ci siano migliaia di donne migliori di me. Inoltre, il mio aspetto non rivela chi sono veramente. Non ti piacerebbe quello che hai trovato. —Ho parlato con rabbia e con un certo trionfo.

“Ne dubito, ma comunque non mi dispiacerebbe correre il rischio.” “rispose con insistenza.

“Sei disgustoso…” dissi, sempre più irritato.

Mi ha semplicemente guardato in silenzio.

– Non sono perfetto, signor Adalberto, ho tanti difetti, tanti che non può nemmeno immaginare. – dissi seccamente guardandolo.

“Le qualità che ho visto finora superano tutti i tuoi difetti, ne sono sicuro. Dicono anche che il rosso sia il colore della passione, ma io preferisco il blu. È il mio colore preferito. —Disse guardandomi provocatoriamente con quegli occhi affascinanti.

Arrossii, in uno strano miscuglio di rabbia ed emozione. Quel bastardo si è assicurato che sapessi di aver visto le mie mutandine blu quella notte. Mi sono sentita molto in imbarazzo e ho provato a tirarmi su il vestito per nascondere le gambe a quegli occhi affamati e di nuovo le mutandine sono apparse tra le mie gambe tremanti.

– Maledizione… – Ho pensato, maledizione.

“Sei bellissima, Carla, e non hai nulla di cui vergognarti. “Questo figlio di puttana ha cantato spudoratamente per me a casa mia e con mio marito nella stanza accanto. Ho sentito le farfalle nello stomaco quando ho realizzato che ero bagnato. Non riuscivo a capire questa sensazione. Avrei dovuto offendermi e interrompere il discorso, o almeno così mi diceva la ragione, e invece ero emozionato, incredibilmente emozionato.

—Senti Adalberto, non mi piace come ti comporti. – dissi cercando di trasmettere quanta più serietà possibile nella mia voce.

“Il fatto che tu sia sposato non impedisce agli altri uomini di desiderarti e persino di sognarti. Questo è un fatto sul quale non hai alcun controllo. – disse il bastardo con una risata cinica agli angoli della bocca e mi chiamò di nuovo signora, figlio di puttana.

Sono quasi esploso di rabbia.

“Stai oltrepassando il limite. Ti chiederò di fermarti.

In quel momento Claudio è rientrato nella stanza e noi abbiamo nascosto la vergogna.

Adalberto torreggiava su di me e sapeva di avermi nelle sue mani. Ammetto che mi ha spaventato. Non vedevo l’ora che quella notte finisse per potermi liberare da quello sguardo inquietante, finché mio marito non avesse fatto qualcosa che mi avrebbe lasciato posseduto. Claudio lo ha semplicemente invitato a trascorrere con noi la domenica alla grigliata che ogni mese organizziamo per riunire gli amici presso la nostra azienda agricola. Era come se avesse invitato il lupo nel suo ovile.

– Sei pazzo, Claudio, ad aver invitato quest’uomo alla grigliata della fattoria? – dissi indignato non appena la porta si chiuse quando se ne andò.

“Perché, Carla? Adalberto è un amico che non vedo da anni e…

“Mi ha fissato tutta la notte, non te ne sei accorto?” – Ho urlato.

“Ebbene amore mio, sei molto bella e tutti gli uomini ti guardano così. Se non sono d’accordo con ognuno di loro, farò un brindisi.” Disse avvicinandosi e abbracciandomi da dietro. , cercando di sedurmi, ma l’ho respinto con forza.

Altre storie erotiche  l'amica di mio figlio è incinta

“Non importa che tu abbia tagliato il traguardo oggi. Faresti meglio ad andare a dormire perché oggi non mi toccherai. A proposito, dottor Claudio Lima Tavares, oggi non voglio nemmeno guardarti in faccia. Sono molto arrabbiato con te. – Ho parlato con forza nel calore della rabbia.

– Ma amore mio, l’ho invitato solo alla grigliata della fattoria… È mio amico…

“E io sono sua moglie e non lo amavo. Sembra un pervertito e il barbecue della fattoria è riservato agli amici, alle persone che ami. — Ho detto tutto questo dandogli le spalle, con le braccia incrociate sul petto e con molta rabbia. Sospirò e salì lentamente le scale, senza dire nulla, e si diresse verso la sua stanza.

Rimasi un momento in soggiorno, cercando di digerire gli eventi della notte. Ero straordinariamente confuso e scosso dai sentimenti che mi sopraffacevano. Mi girava la testa, così ho deciso di andare di sopra e farmi una doccia fredda.

Arrivai in camera da letto e vidi che Claudio dormiva profondamente. Lo guardai e una lacrima mi scese sul viso. Mi incolpavo di provare desiderio per il suo amico e mi odiavo per questo. Odiava Adalberto ancora di più. Ancora una volta nella mia vita, l’immagine di mia madre e di Tião in quella stalla mi tormentava.

Andai nel bagno della nostra stanza e mi spogliai lentamente. Afferrai le mutandine di seta blu e me le avvicinai al viso. Ho sentito la mia emozione stampata su di lei. Era un pezzo piccolo e semplice che non ricordavo nemmeno dove l’avevo comprato, ma in quel momento, da sola in bagno, ho prestato attenzione ai suoi dettagli. L’ho lavato nel lavandino e l’ho asciugato con il phon, poi l’ho riposto con amore nel cassetto dell’armadio.

Entrai nella doccia e sentii l’acqua calda scorrere. attraverso il mio corpo, dandomi la sensazione confortante di cui avevo bisogno. Lo sguardo di Adalberto che mi divorava non si è mai allontanato dalla mia mente e le sue parole risuonavano ancora nelle mie orecchie.

» “Quanto sei audace nel dirmi tutto questo.” Sono la moglie del suo migliore amico… Come potrei? » pensavo incuriosito, perché devo ammettere che tutta questa audacia mi ha fatto venire i brividi di eccitazione e mi ha lasciato bagnato.

Sentimenti di colpa, rabbia e desiderio si mescolavano dentro di me, lasciandomi ancora più confuso. Il ricordo di quel corpo ben definito e stupidamente bello fece emergere una valanga di sentimenti e pensieri libidinosi da tempo dimenticati. Mi è tornato tutto quel desiderio che era nato quando ho visto mia madre e Tião fare l’amore in quella stalla. La cosa successiva che sapevo era che mi stava toccando freneticamente in quella doccia come un Stupido adolescente. Ho raggiunto un orgasmo che mi ha lasciato le ginocchia deboli, al punto che ho dovuto appoggiarmi ai muri per non cadere.

Mi sentivo sporca e piangevo compulsivamente. Claudio non se lo meritava… Non poteva lasciare che tutto ciò continuasse.

Mi sono seduta sul pavimento della doccia e sono rimasta immobile per un po’ cercando di assimilare tutta quella valanga di sentimenti e sensazioni che mi stava travolgendo.

Non c’è voluto molto perché la voglia tornasse questa volta, più forte e travolgente di prima, e un enorme bisogno di essere penetrato mi invadessero.

Uscii dalla doccia e, senza asciugarmi, entrai in camera da letto come un ossesso. Claudio dormiva profondamente in mutande e io gli afferrai avidamente il membro come se volessi spremergli fino all’ultima goccia della sua energia. Si è svegliato e ha cominciato ad accarezzarmi i capelli biondi, prima con amore, poi con violenza, cosa che stranamente mi ha eccitato ancora di più. Quando il suo pene fu completamente duro, mi misi a cavalcioni su di lui e lo cavalcai voracemente.

“Che cos’è? Che passione folle è questa?” disse tra i gemiti.

“Stai zitto e mangiami, dai, scopami come se fossi un animale selvatico che possiede la sua femmina.”

Claudio sorrise e mi tirò forte i capelli.

“Allora quello che vuoi è una scopata selvaggia, vero? Perché allora è quello che otterrai.” Lo disse e invertì abilmente la nostra posizione, venendomi addosso e scopandomi con forti colpi.

Non l’avevamo mai fatto in questo modo e l’ho sentito quando è arrivato mio marito, ma non si è fermato finché non ho finito anch’io.

Mi sono sentito sollevato e soddisfatto come mai prima d’ora. Claudio si allontanò da me e mi strinse al suo petto, accarezzandomi i capelli. Abbiamo parlato molto e riso finché non si è addormentato amandomi.

Rimasi appoggiato alla sua spalla e, nonostante il sollievo, una cosa mi dava fastidio. Il fatto è che quando stavo per venire ho visto Adalberto e questo mi ha spaventato. Ho passato il resto della notte sveglio.

DA SEGUIRE

Se ti è piaciuto commenta.

claudinha8. Barreto@gmail. Con

*Pubblicato da claudinha8 sul sito climaxcontoseroticos.com il 16/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *