Ragazza cinese perduta a Bangkok -III

di | 9 de Dicembre, 2022

prostituirsi per sempre

Me lo disse Mamasan con voce minacciosa.

“Abbi cura di questo cliente, se non vuoi subire certe punizioni.

“Sì Mamasan. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non c’era bisogno di dire molto poiché avevo accettato quello che mi stava accadendo. L’ho guardato e dal suo aspetto e dal modo in cui parlava, all’inizio sembrava tedesco.

Se fosse per darti un bel culo come dice lei. Io, che ero ancora ubriaco ed eccitato dopo il mio primo cliente, ero ansioso di non farlo arrabbiare, avrei fatto del mio meglio per eseguire i suoi ordini.

Mamasan mi aveva già schiaffeggiato, ho pensato che fosse meglio non farla arrabbiare, ancora di più dopo la minaccia. Sembrava e può essere molto grave. Fortunatamente, sembrava trovare il mio corpo soddisfacente e gratificante.

Ero ancora sotto shock per la mia nuova situazione. Mi corteggiavano e mi trattavano con rispetto. I miei ex, e ora mio marito, hanno sempre trovato il tempo per i preliminari considerando quanto mi sono divertito. Anche se non ho sempre raggiunto l’orgasmo con mio marito. Ora mi stavo godendo questa esperienza sessuale. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

A volte, sdraiata accanto a mio marito, raggiungevo l’orgasmo, costringendomi a stare ferma mentre lui dormiva.

Ero sbalordito, ma dovevo ammettere che ero eccitato da questi uomini, nessuno dei quali era il tipo di Adone che a volte sognavo. Erano chiaramente interessati solo al proprio piacere e alcuni di loro hanno fatto uno sforzo superficiale per eccitarmi, sembrava solo un modo per confermare la propria abilità sessuale. Eppure ero davvero eccitato, il mio corpo rispondeva, formicolando sotto il suo tocco. Non mi ha sorpreso che non volessero leccarmi la figa. Sapevano che molti altri peni erano già passati attraverso la mia figa. Era inebriato da un desiderio inspiegabile come dall’alcol. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non appena Mamasan ha lasciato la cabina, sono caduto in ginocchio e ho cominciato a succhiare il cazzo del tedesco. Parlava un po’ di tedesco, io capivo qualche parola perché il mio tedesco era molto superficiale. Ma poiché le prime cose che abbiamo registrato sono state parolacce, ho capito le parole, cazzo, fica, succhia caldo e cazzo.

Quindi ho provato a fargli un bel pompino, speravo che lo superasse, volevo provare altri clienti, non ero del tutto sicuro di quello che stavo facendo, ma stavo entrando nel personaggio o lasciando la cagna dentro di me fuori. .

“Puttana, letto, cazzo.

Mi sono fermato subito perché era chiaro che voleva farlo. Non appena mi sono sdraiato, è scivolato tra le mie gambe, mi ha scopato per meno di un minuto, mi ha riempito del suo sperma, si è alzato, mi ha accarezzato il viso due volte, un leggero sorriso, si è asciugato e se n’è andato.

Non ho avuto il tempo di iniziare a piacermi il suo cazzo. Cominciava a piacermi quando è finito. Ma era quello che doveva fare, accogliere la gioia di un cliente, pulire e prendersi cura del prossimo. In qualche modo, ho finito per amarlo.

Ero una puttana completa. Ero diventata la puttana Dumb Chic, così mi aveva chiamato il mio terzo cliente francamente sgradevole.

“Sei Poontang Chic, un elegante codardo ma una stupida troia. Ho dimenticato di chiederti di mettermi un preservativo.

Per qualche ragione mi ha deliziato, non mi importava di non indossare il preservativo, non mi importava di rimanere incinta, mi eccitava persino non sapere chi fosse il padre del mio bambino, nel caso fossi incinta. Non mi piaceva, mi piaceva il modo in cui mi offendeva. Era australiano, mi usava solo come pezzo di carne per darmi un breve piacere, era più veloce del tedesco. Mi conosceva appena, si accorse appena dell’orgasmo che sembrava invadermi e mi lasciò con un ghigno, senza un sorriso o una parola di gratitudine. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ma il mio quarto cliente, un giovane tailandese, che si era messo un preservativo che aveva portato con sé, aveva appena rotto con me. Non era bello, ma era stato più premuroso. Tirando fuori il suo cazzo da me, sorrise, tenendosi al suo cazzo con il preservativo che penzolava sotto il peso del suo carico lattiginoso. Lo guardai per un momento, poi mi accovacciai. Afferrai il suo cazzo ancora duro e gli tolsi il preservativo, facendo un nodo all’estremità e gettandolo via.

Ho portato il suo pene alle mie labbra e, guardando la sua testa ricoperta di sperma, l’ho tirato in bocca, gli ho fatto un bel pompino, leccando lo sperma leggermente acre da lui. E soddisfatto che il suo pene fosse presentabile, l’ho lasciato cadere inerte, sono risalito. Si vestì e mi ringraziò di nuovo con un sorriso mentre io congiungevo le mani in un gesto wai e mi inchinavo a lui, provando sincera gratitudine per il fatto che mi apprezzasse. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi sentivo stanco e pieno. Mi sdraio nudo e guardo il soffitto di piastrelle bianco sporco, notando alcune delle piastrelle storte. Ormai ero abituato a ciò che mi circondava. Non ho nemmeno provato a trovare la mia strada. Mi sono sdraiato sul letto con le gambe leggermente divaricate, sembrava un’eternità, ma probabilmente non sono passati più di pochi minuti. Ero stato fottuto da alti americani, tedeschi, australiani e thailandesi. Da normale dottore in carriera poche ore fa a questo, ora era, per definizione, una puttana da quattro soldi.

Mentre mormorava le parole in silenzio.

“Dannazione a buon mercato!

Ho scoperto che il mio corpo si muoveva e mi sono svegliato di nuovo.

Come è stato possibile? Immagino che non fosse ancora inibito dall’alcol, ma era sceso così in basso, così in fretta?

Le mie orecchie si sono rianimate. Ho sentito attraverso i tramezzi su entrambi i lati, attraverso lo stretto corridoio attraverso le nostre tende. Ragazze come me giacevano lì a gambe divaricate, ragazze con cui non mi sarei nemmeno degnato di parlare, le avrei liquidate con disprezzo. Ho sentito i suoni degli uomini che rimbombavano il loro desiderio in questi piccoli corpi come il mio. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi sono reso conto che era un posto sulla strada, economico, e ho immaginato che fosse originariamente progettato per soddisfare le attività commerciali locali, ma che ora fosse in parte occupato da turisti del sesso che volevano ragazze, a buon mercato e volenterose. Mi sentivo stranamente soddisfatta e in pace. Sapeva che quello che aveva fatto era sbagliato, ma provava una sorta di sensazione di impotenza, impotenza che era eccitante e irresistibile.

Non mi ero reso conto in cosa mi stavo cacciando quando sono entrato. L’innocenza, la curiosità o la lussuria mi hanno preso, con l’aiuto del magnaccia Mamasan. Mi ha ricordato la vecchia poesia.

Mi manca la noia.

In questa vita non c’è vera libertà.

Ovunque in questa società c’è repressione sessuale.

Intorno a me, non posso negare intenti carnali.

Non ti amo per quello che c’è dentro, non mi interessa più.

Ti amo solo per quello che c’è là fuori.

Sei una stronza dentro, lo so, è questo che stai cercando di nascondere.

Voglio una cagna sporca, basta leccarti

Non c’è niente che non farò, la fantasia deve diventare realtà.

Più repressione.

Più repressione.

Fammi vedere cosa stai nascondendo.

Lascia che la puttana nascosta veda.

Fammi vedere.

Sporco è la realtà.

Lasciami solo.

Tutto è realtà.

Non ho mai pensato che la mia personalità fosse debole, però, Mamasan, il mio magnaccia sembrava dominare completamente la mia volontà, sarebbe stato per paura, mi sentivo un bambino indifeso sotto il suo sguardo severo e autoritario, ma potevo essere io a volerlo . . – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ogni volta che pensavo tra me e me di essere diventata una puttana, sentivo un’ondata di eccitazione e calore nello stomaco. Aveva perso completamente il controllo della situazione. Il mio corpo non era più di mia proprietà e ho capito che sarei stato scopato da chiunque mi volesse. Quel pensiero mi terrorizzò e mi elettrizzò e mi fece tremare per l’anticipazione di ciò che mi aspettava. Non ero sicuro di cosa sarei diventato.

Quando le tende si sarebbero aperte. Ho sentito dei passi nel corridoio e mi sono chiesta se fosse il mio prossimo cliente. Ancora una volta, ho sentito una fitta di paura ed eccitazione.

La testa di Mamasan apparve dietro la tenda, guardandomi e notando la mia espressione apprensiva. Sorrise, soddisfatta mentre esaminava lo sperma secco sulle mie cosce sopra il mio numero 43 sbavato. Potevo vedere che era ben consapevole del potere che aveva su di me. Dal modo in cui mi parlava e mi trattava, era chiaro che mi considerava una ragazza volitiva, patetica, e anche se mi odiava per questo, doveva ammettere che aveva ragione. Sospirai, mai così insicuro dei miei sentimenti, con le lacrime che scorrevano.

“Non so cosa fare, Mamasan?

sbottai senza pensarci veramente, ma con sincera ammirazione. Rise della mia espressione innocente e preoccupata, e potevo sentire la presa in giro nel suo tono. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Kitty, non preoccuparti, sei solo la ragazza del bar, Mamasan si prende cura di te.” Come le altre mie ragazze. Una ragazza come te è una puttana naturale, non ha senso vergognarsene. Adesso ti farai una doccia.

“Puttana naturale?”

Cosa potrei dire?

Sembrava soddisfatta quando annuii rassegnato e mi avvicinai barcollando a lei. Indicò il corridoio, dove era appesa un’immagine sbiadita del re. Un po’ traballante, ho seguito le tue istruzioni.

Cosa sono diventato? Una puttana nuda in un bordello, con lo sperma spalmato su tutta la figa, la coscia e radi peli pubici. Non sapevo più cosa fosse qualificato, anche una puttana ha delle regole. Non avevo nemmeno quello. Dopotutto, lo stava facendo per divertimento. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sono andato nel piccolo bagno. C’erano già due ragazze sotto la doccia, mi sono unita a loro. Una delle ragazze di nome Mai mi ha passato del bagnoschiuma e mi sono goduto gli schizzi d’acqua calda sul mio corpo. Mi sono guardato allo specchio, eccoci lì, tre prostitute che si lavano i corpi, ben usate per i nostri prossimi clienti. Ho notato diversi lividi sulle cosce e sulle braccia.

Non pensava nemmeno più di uscire da questa situazione. La mia mente non funzionava ancora e avevo appena assunto il mio nuovo ruolo di prostituta.

Asciugandosi rapidamente, abbiamo iniziato a strofinare la lozione per il corpo.

“Sei molto bella Kitty, abbastanza carina per Nana Plaza.

Mai mi ha detto con ammirazione. Sorrido con gratitudine. Mi è piaciuto parlare con loro, quindi mi hanno raccontato di più sui miei doveri al bar. Ho chiesto informazioni sui nostri prezzi, esprimendo la mia sorpresa per i prezzi economici. Mai spiegò che 500 baht erano per una pipa. Mi ha detto che i ragazzi pagano circa 1000 baht per scoparmi, molto meno dei bar più appariscenti, specialmente nelle zone dove devono pagare il doppio.

Altre storie erotiche  Racconto erotico eterosessuale - Amico con mamma sexy

Come prostitute abbiamo ricevuto meno della metà di quello che abbiamo pagato per cui immagino mi abbia confermato come una prostituta da $ 10.

“Presto, dobbiamo tornare al bar, o Mamasan ci sentirà.

Mai ci ha avvertito. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Penso di essere andato nel bar sbagliato. Forse ora stava lavorando in un ambiente più sano. Nanà Plaza? »

Ho pensato.

Mai mi ha spiegato che lì lavorano solo donne thailandesi, sarebbe molto difficile lavorare in uno dei grandi bordelli. I gestori controllano che le ragazze abbiano documenti d’identità tailandesi, cosa che ovviamente non ho fatto, anche se puoi sempre trovarne uno al mercato nero.

Comunque, immagino fosse più anonimo, perché qui era più buio e in qualche modo più sicuro.

Ho seguito Mai e Ni, che mi hanno detto di essere un Khmer, un’etnia della Cambogia. Eravamo ancora tutti nudi quando ricomparvemmo nel bar. Una delle altre ragazze ci porse a ciascuna un pezzo di garza, che non ci diede quasi nulla, poiché era totalmente trasparente. Indossavamo questa cosa, ma avremmo potuto anche rimanere nudi. I nostri seni e la nostra figa erano visibili attraverso la garza di nylon a buon mercato, arrivava alla sommità delle nostre cosce e aveva ampie aperture per le braccia che permettevano un facile accesso dai lati. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi ha passato un rossetto. Guardandomi in un piccolo specchio dietro il bancone del bar, arricciando le labbra, ho applicato la punta del gloss e ho stretto le labbra. Notai con soddisfazione che le mie labbra brillavano, così al suo comando scrissi il mio numero sulla coscia sinistra, per indicare la mia disponibilità, supponevo.

Ho pensato che sarebbe tornato sul palco, ma Mamasan numero due ci ha mandato al bar. Portai un vassoio e cominciai ad andare in giro a raccogliere bicchieri. Questo lo sapeva, avendo lavorato come cameriera quando era una studentessa.

Ho lavorato sul pavimento del bar durante vari viaggi. Adesso ero una di quelle ragazze nude che erano rimaste così sorprese quando ero entrata nel bar ore prima. Se solo me ne fossi andato subito, prima di rimanere intrappolato.

Il mio vassoio era di nuovo carico di bicchieri vuoti e bottiglie di birra, mi allontanai scherzosamente da alcuni ragazzi, notando che Mai stava già lavorando sotto un tavolo. Mi sono fermato a bere un altro drink e subito ho sentito una mano sulla mia coscia, scendere sul mio sedere, prima di scivolare tra le mie gambe. Ho sentito la punta di un dito premere contro le labbra della mia vagina.

Sei carino. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Dice il proprietario della mano, chiaramente inglese. Un ragazzo sulla quarantina, immagino.

“Unisciti a me.

Emise un piccolo grido.

“Oh!

Mi costrinsi a sorridergli perché mi aggrappavo al suo dito, che mi stringeva non solo la figa, ma anche il culo, come un paio di pinze. L’area che non era mai stata toccata era ora usata come serratura per non allontanarmi. Con qualche difficoltà, presi la sua ordinazione da bere.

Cosa mi è successo? Non era un saluto accettabile per una ragazza come me? Una stretta di mano, sì, un tocco romantico delle tue labbra sulla mia mano, sì! Un dito nella mia figa? Un dito nel culo? Sicuramente no. Ma qui ero trattenuto da due dita, una nella mia figa e l’altra nel mio culo, tenendomi stretto, senza darmi alcuna possibilità di staccarmi.

Rimasi stordito e disorientato per un momento prima di ritrovare la mia compostezza, se non i miei sensi. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Ecco perché sono qui.”

Ho pensato tra me e me, sono appena stato scopato da quattro ragazzi, uno dopo l’altro, raddoppiando il numero totale di uomini nella mia vita. Prima solo 4, i miei precedenti 3 amici e mio marito, in 8 anni. E in meno di 2 ore, 4 uomini che non ho mai visto in vita mia.

“Certo, signore, ora vado a prendere il suo bicchiere.”

dissi con il mio miglior finto accento tailandese, sorridendogli dolcemente. Mi sono fermato al bancone delle bevande, ho consegnato l’ordine e sono tornato per altri bicchieri vuoti. Ma Mamasan mi ha consegnato il vassoio con i controlli per questo tavolo.

“Kitty, torna lì.

ordinò Mamasan. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

E l’ho fatto! Mentre gli mettevo i drink davanti, mi afferrò il polso e mi tirò in grembo. Ero con due amici, ognuno con una ragazza in grembo. La mezz’ora successiva è stata un po’ confusa con i ragazzi che parlavano e guardavano lo schermo che mostrava il calcio mentre bevevano birra.

Le sue mani erano su di noi. Rapidamente, le sue dita vagarono tra i miei capezzoli e la mia vagina, nonostante le mie false proteste. Risi, cercando di adattarmi al mio nuovo stato. Dopo un po’, ha ritirato il dito per mostrare ai suoi amici il suo trofeo. Il suo dito indice luccicava della mia umidità. Sì, ero imbarazzato ad ammetterlo, ma ero già bagnato.

Anche se in realtà non stavano parlando con noi, stavo ascoltando la loro conversazione. Ero un po’ confuso nello scoprire che vivevano molto vicino a casa mia a Londra, hanno menzionato alcuni caffè e pub che conoscevo.

Io sono più un’enoteca, ma ogni tanto incontro mio marito in uno di quei pub dove va a vedere le partite di calcio. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

La mia mente ha iniziato a vagare dopo che la conversazione ha preso una svolta, ma mi ha riportato indietro quando uno degli uomini al tavolo ha detto che era un contabile presso PWC, proprio come mio marito. certamente la PWC non è una grande azienda. Anche nel mio stato confuso, ho sentito un crescente senso di paura.

“Sì, peccato che Rob non sia potuto venire con noi. Non l’ho mai visto come il tipo di marito atteso.

Cosa stava succedendo? Come sono finito tra persone che conoscono qualcuno di nome Rob, che fa il contabile in una società chiamata PWC? Sarebbe lo stesso Rob. Il nome di mio marito è Roberto. No! Deve essere una coincidenza, un omonimo.

“Haha, soprattutto considerando il tuo feticcio asiatico, tua moglie è molto sexy, dottore, Ying, cinese credo. Ricordi il matrimonio?

“Dio, come potrebbe, no, no! – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Li ho incontrati, erano al mio matrimonio. Mi videro, bianca e velata, sbocciare nel mio abito da sposa.

Oh cielo, ora hanno me, merce sporca e molto tangibile. voleva correre Da quello che dicevano, ho capito che erano superiori a Robert in PWC. Diceva sempre quanto fosse importante fare una buona impressione sui suoi superiori. Abbiamo avuto un grande matrimonio e ho incontrato molte persone per la prima volta. Mi sono ricordato che alcuni dei suoi colleghi erano presenti.

“Di certo non mi dispiacerebbe scoparla.”

Il ragazzo che era seduto sulle sue ginocchia sorrise. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Scommetto che la sua figa sembra Kitty qui.

“È decisamente lo stesso, non lo stesso più identico.”

Ho pensato.

E sollevò la mia veste di chiffon sopra l’ombelico, aprendomi le gambe per rivelare i miei più profondi segreti coniugali. Le altre due risero e guardarono la mia figa che luccicava della loro umidità.

Clive, questo era il suo nome, iniziò ad aprire le labbra della mia vagina con le dita, mostrandomelo.

“Una figa rosa bagnata.

Lui ei suoi amici hanno riso e ancora una volta ho riso cercando di riprendere fiato. Il tuo amico Jay si è avvicinato a me.

“Sì, sono sicuro che è bello e stretto così.”

disse facendo scivolare due dita dentro di me. Involontariamente la mia figa si contrasse sotto le sue dita, non riuscii a trattenere un gemito mentre il mio corpo tremava leggermente per uno spasmo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

” O si !

commentò trionfante. Clive scherzosamente lo allontanò da me.

“Questo è mio. Prendine un altro.

Ero molto arrossato, mi sentivo un po’ disorientato. Il mio corpo adesso fremeva di desiderio e potevo sentire dei piccoli tremori attraversarmi. Quando Clive mi ha messo una mano sul petto e mi ha pizzicato il capezzolo.

gemo ancora una volta.

Gli amici di mio marito erano al mio matrimonio. Ho dovuto parlare con loro e loro hanno dovuto baciarmi sulla guancia. Ora hanno sfruttato il mio corpo considerando che sono una puttana.

Ma è quello che sono, una puttana. Il mio pensiero mi fece venire altri piccoli brividi. Era strano, perché avevo solo bisogno di pensare che ero una prostituta o qualcosa che faceva riferimento a questo mondo e la mia figa era fradicia, il mio corpo tremava e tremava. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

L’altro amico di Clive, di nome Zak, sembrava non conoscere mio marito, il che alleviò un po’ la mia apprensione.

“Ehi, mandiamo a Rob una foto di questa stronza.

Clive ha detto togliendo le dita dalla mia figa e ancora una volta erano bagnate dal mio lubrificante.

Inorridito, l’ho visto prendere il telefono. Lo raccolse in silenzio, consapevole che le foto di solito non sono consentite nei bar. Clive ha mostrato di nuovo la mia figa rosa bagnata.

“Wow! Dai un’occhiata, fa davvero schifo.

Ero, lo sentivo, la mia eccitazione per il suo tocco sulla mia figa più il terrore di essere esposto, presto a mio marito, era sia terrificante che eccitante. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Fai un video ravvicinato di lei, è quella che io chiamo una vera troia.

Clive mi ha tirato sopra la testa l’indumento leggero che indossavo, così ero completamente nudo. Nel tentativo di nascondere il viso, ho messo le braccia intorno al collo del mio cliente e l’ho baciato profondamente, ma guardando attraverso i miei capelli e di traverso verso la telecamera.

Ho guardato indietro mentre la telecamera metteva a fuoco le sue dita sulla mia fica molto bagnata e spalancata. Alla fine, la registrazione si è interrotta, Clive ha preso il telefono e ha iniziato a riprodurre il video affinché tutti potessero vederlo. Ero ipnotizzato nel vedere me stesso, le labbra aperte della mia vagina luccicanti di tutta l’umidità. Il mio clitoride gonfio, rosso e lucido. Potevo vedere la mia figa aprirsi e chiudersi quasi come se stesse respirando, gocciolava del mio profumo, si vedeva una piccola pozzanghera tra le mie gambe e quelle di Clive, che si formava sulla sedia. Mi sentivo come se stessi per venire solo guardando il video. I ragazzi sono rimasti ugualmente colpiti. Le altre 2 ragazze guardavano con invidia. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Altre storie erotiche  saluta il mio amico con il sesso

Il telefono di Clive ha annunciato che era arrivato un messaggio zap.

“Per tutti gli dei, è mio marito.”

Ha mandato un messaggio a Clive.

“Prestazioni fantastiche, molto calde, questo LBFM è reale. Vorrei essere lì, la sua bella figa, goditela per me.

Ero sbalordito. Mio marito mi aveva appena chiamato LBFM (quello che ho imparato significava (piccola fottuta macchina marrone), l’ho trovato assurdamente prevenuto).

Presto, non riuscivo nemmeno a ricordare, perché mi stava offrendo di dormire con uno dei suoi capi! Almeno non aveva riconosciuto la mia figa o il mio corpo. Improvvisamente mi sono reso conto che Clive, il mio cliente, mi stava fotografando con le gambe divaricate, la mia faccia, i miei seni, la mia figa in mostra e un dito che mi sondava di nuovo. Avevo una voglia distintiva proprio accanto al mio capezzolo sinistro, tre puntini marroni che formavano un triangolo. Facile da riconoscere. Ho provato, senza mostrarlo, a metterci un braccio intorno, pregando di non aver già fotografato quella parte.

Rabbrividii, ma ora era in parte lussuria mentre il suo dito continuava a stuzzicarmi. Voleva un cazzo dentro di me, era così ovvio che mi contorcevo in grembo, cercando di strofinare la mia fica contro la sua gamba.

“Puttana! – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ho appena sentito una ragazza borbottare e le ho fatto una smorfia.

“Bene, se Ying è una stronzetta come Kitty qui, il nostro Rob è un uomo fortunato.

“Oh sì, è come Kitty, è Kitty, la piccola troietta asiatica, bagnata e pronta a scopare.”

pensai, cercando disperatamente di contenere il mio desiderio. Clive mi sollevò dalle sue ginocchia e si alzò, prendendomi la mano.

“Porterò di sopra la mia copia di Little Ying. Questo è qualcosa di diverso, più vero. Ora penso che Ying sia una cagna cinese, molto elegante e arrogante. Non riesco a immaginare che sia una puttana da 10 dollari come questa LBFM. Arrivederci. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi hanno portato al bar. Clive ha tirato fuori il portafoglio e ha consegnato 1000 baht. Ero una troia senza valore, potevo sentire il lubrificante che mi scorreva lungo la gamba.

“È ora di guadagnarsi da vivere, piccola stronza.

Clive ha detto così e mi ha dato una pacca sul sedere per sbrigarmi.

Percorriamo il corridoio familiare. Questa volta ho afferrato un pacchetto di preservativi senza nemmeno fermarmi. Sembrava davvero una delle vecchie domestiche.

Siamo andati al box 6, la mia prima puttana deflorata. Ho immaginato le mie natiche gonfie e le mie gambe divaricate. Continuiamo fino al Cubicolo 8, l’ultimo all’angolo, praticamente identico tranne che per una finestrella. Ho tenuto il sipario, parlando con il mio finto accento tailandese e inglese.

“Sono contento che ti piaccia Kitty.

Ho parlato abbastanza astutamente, rendendomi conto che ora era un buon nome sostitutivo per me.

Si guardò intorno nella cabina. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

– Quindi questa è la tua cassettiera? Va bene per una ragazza come te.

Non mi piaceva il suo atteggiamento. Per finire, ho risposto senza pensare.

“Sì, questo è il mio boudoir. (Sì, questa è la mia camera da letto intima).

Mi guardò in modo diverso, ma non disse nulla. Fu allora che mi resi conto del mio fallimento. E ho cercato di aggiustarmi.

“Kitty, che sta imparando il francese.

Non so se ci credeva, perché non parlavo con accento tailandese.

Ero già nuda dal bar quando mi ha tolto il vestito di chiffon, mi sono fermata davanti a lui, incerta, posando il preservativo sul tavolo. Si mise le mani sui fianchi e mi guardò in attesa. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“TIC Tac! Il tempo stringe, è tempo di guadagnarsi da vivere.

Cadendo in ginocchio davanti a lui, l’ho sciolto. Poteva già sentire la sua durezza. Gli ho allentato i pantaloni e abbassato il costume da bagno, il suo cazzo è saltato fuori, un’erezione in crescita. A differenza dei miei precedenti clienti, non era circonciso.

La testa del cazzo stava già cominciando a sporgere dal suo prepuzio quando gli baciai la punta del cazzo. Mi afferrò una manciata di capelli più forte di quanto pensassi necessario mentre tenevo il suo cazzo tra le dita. Anche se non è grande come il mio primo Americano o alcuni dei miei altri clienti, ma era così spesso che le mie dita non si incontravano quando ci ho chiuso sopra la mano,

Ho leccato la lunghezza del suo albero duro. Con le mie labbra, l’ho attirata nella mia bocca, premendo la mia lingua contro la parte inferiore sensibile della sua testa, poi l’ho girata, spingendola contro la parte superiore della mia bocca. Emettendo un sospiro soddisfatto, spinsi la testa in avanti facendola scivolare in profondità nella mia gola. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ho dovuto fare un passo indietro, ma sono riuscito a evitare il bavaglio. Ora mi ha tirato indietro i capelli e si è spinto più a fondo tra le mie labbra.

Questa volta, sono rimasto senza fiato e ho fatto un passo indietro mentre lui ridacchiava. Lo strattonai forte cercando di renderlo felice mentre riprendevo fiato. Tenendo il suo organo, ho fatto scorrere le labbra e la lingua dai suoi testicoli, su per la punta e sulla schiena, notando le sue vene sporgenti, che ho trovato sconcertanti, sembravano enormi vermi sotto la pelle del suo pene. Con una sorta di fascinazione ribelle, guardavo quelle vene sgretolarsi e riempirsi di nuovo mentre ci passavo sopra la lingua.

Ancora una volta aprii la bocca per lui, muovendo la testa su e giù finché il suo pene non fu bagnato e scivoloso. Non voleva venire nella mia bocca, ovviamente, mentre si tirava indietro per trattenere il suo sperma. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Tutto questo parlare di Ying e della mia figa gli ha fatto venire voglia di essere dentro di me. Anche se pensavo fosse un vero idiota, lo volevo anche dentro di me. Mi ha tirato facilmente sul letto, mi ha allargato le gambe e ha spinto il suo cazzo dentro di me. Era così bagnato e coperto della mia saliva che è scivolato via facilmente nonostante la mia presa. Sentendo le pareti scivolose della mia fica che gli stringevano il pene, lanciò una sonora imprecazione mentre io gemevo di vergognoso, colpevole, squisito piacere.

“Fuck me, fuck me, fuck me, fuck your little Ying.

Ho supplicato e improvvisamente ancora una volta mi sono reso conto del mio errore. Mi rivolge uno sguardo interrogativo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Faccio finta di mentirti. Non come?

sussultai, cercando di riprendermelo.

Non aveva bisogno di alcun incoraggiamento e continuava a spingermi. Completamente sazia, mi aggrappai a lui, avvolgendogli le gambe attorno, spingendolo più a fondo dentro di me. Ero così eccitato, disperato di essere completamente di proprietà del capo di mio marito. Ero una puttana da dieci dollari, niente di più. È entrato in me ancora e ancora, brutalmente, ma non mi importava più. Mi staccò le braccia da lui e le tenne sopra la mia testa in una presa dolorosa. Mi contorsi per liberarli, ma lui mi ignorò e strinse la presa mentre scopava forte per il suo desiderio. Non riuscivo a resistere né a muovermi, il mio corpo tremava per le sue spinte, costringendomi a emettere piccoli gemiti ogni volta che i suoi fianchi urtavano contro i miei. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Uh. Uh. Uhmm.

Sentì il calore salire, il formicolio del piacere salire, superando ogni resistenza, finché all’improvviso la diga si ruppe, rilasciando un’inondazione dorata, una sensazione penetrante di pura gioia e liberazione repressa, facendomi piangere.

Il mio corpo tremava in spasmi convulsi, i miei muscoli vaginali si contraevano, stringendo il suo pene. Era troppo per lui e la sua eiaculazione era esplosiva. Respirò il suo desiderio mentre mi sdraiavo e io lo presi e respirai pesantemente, ancora gemendo di piacere.

“Oh merda! – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Dicemmo all’unisono. Il preservativo era ancora sul tavolo. Rotolò su di me, il suo cazzo gocciolava liberamente, coperto di sperma e del mio fluido. Esitante, ho abbassato le dita tra le mie gambe, solo per sentire un rivolo di conferma di sperma caldo.

Con riluttanza, mi trascinai in ginocchio, lasciando che la sborra fuoriuscisse dalla mia fica ancora tesa sul letto, prendendo il suo cazzo tra le mani. Ho chiuso le mie labbra intorno a lui, gli ho leccato il pene e ho leccato il mio lubrificante. Rabbrividì di nuovo mentre rilasciava altro sperma nella mia bocca. Poi si è rilassato e dopo averlo ripulito, mi sono sdraiato accanto a lui.

Lui mi guardò. Capii che stava guardando la mia fica gonfia, la sostanza bianca che mi dava. Sapevo che era felice, ma sembrava arrabbiato, chiaramente preoccupato per la mancanza di protezione. Avrei dovuto esserlo anch’io, consapevole fino all’orlo dei miei sensi scossi che probabilmente ero incinta. Era un pensiero inquietante, ma era ancora eccitato dall’orgasmo.

Gli sorrido speranzosa. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Maledetta puttana, quella figa è ben usata lo so, è meglio che tu sia pulito e se hai un bambino non chiamarmi.” Porca merda.

Lo disse con un tono così orribile che rabbrividii. Pensavo si stesse incolpando per non aver usato anche il preservativo, ma mi ha inseguito.

Inspiegabilmente, mi sentivo totalmente schiacciato, con le lacrime agli occhi. Cosa ero diventato?

“Mi dispiace signore. Ma ti piace Kitty?”

chiesi di nuovo, con una punta di disperazione nella voce, mentre indossava gli ultimi vestiti. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Aveva una figa migliore.

disse con una nota di disprezzo nella voce. Detto questo, tirò la tenda e uscì, lasciando la cabina aperta sul corridoio. Mi distendo sul letto, respirando ancora affannosamente con il battito accelerato. Improvvisamente mi sono ritrovato a singhiozzare sommessamente.

Non mi importava se la mia figa macchiata di sperma fosse stata vista dall’uomo sul sedile anteriore, che guardava la ragazza ben usata sdraiata sul letto.

Il mio corpo tremava leggermente mentre singhiozzavo, una combinazione del rilascio di sentimenti repressi, ferito dalla sua crudeltà e trattamento brutale. Una sensazione di impotenza alla quale, nonostante ciò, il mio corpo si è completamente arreso e ha risposto con un travolgente orgasmo. E la sensazione di ansia per la mia situazione precaria e una possibile gravidanza.

Sono solo sdraiato lì, il mio petto ansimante, le lacrime che mi rigano il viso, il mio corpo ancora splendente, mi sento violato ma davvero fottuto in ogni modo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Altre storie erotiche  Ho regalato deliziose al mio patrigno

Mi sentivo sola, indifesa e schiava in un mondo strano. Era questo che voleva? La mia discesa è stata davvero completa.

Facendo un respiro profondo, mi sono asciugato gli occhi, ho preso altra carta igienica e mi sono asciugato il suo sperma su tutta la figa. Stanco, ho tolto dal letto il lenzuolo inzuppato di merda e ne ho messo un altro. Aveva notato una piccola mensola sotto il comodino con biancheria extra. Ho lasciato il séparé nudo nel lenzuolo sporco, la mia mano appoggiata al muro per sostenermi, e mi sono fatto da parte per far passare un’altra ragazza con la sua cliente.

Ho capito che era stata la ragazza a darmi della stronza, aveva assolutamente ragione. Era con l’altro amico di Clive, Zak.

Mi ha rivolto un sorriso incoraggiante mentre passava, dandomi una pacca sul sedere. Mi sono sentito inspiegabilmente grato a lui per questo gesto gentile.

Questa volta sono andata dritta in bagno gettando il mio lenzuolo in un cestino. Mi sono insaponato e ho cercato di spremere lo sperma da me stesso con un tubo. Nello specchio, quando mi voltai, potevo vedere i lividi che mi aveva fatto Clive sulle braccia e sulle cosce. L’acqua calda che mi schizzava addosso era un conforto, mi tranquillizzava. A poco a poco, ho iniziato a sentirmi meglio. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi asciugai e tornai lentamente al bar. Mamasan deux mi ha fatto cenno di tornare sul palco. Questa volta eravamo solo in tre a ballare, le altre erano in minuscolo bikini. Ero l’unico nudo. Torcendo sinuosamente al ritmo della musica, accentuando le mie curve. Non sapevo fare pole dance, ma ho fatto del mio meglio per usare il palo, girandoci intorno, spingendolo tra le mie gambe e inarcando la schiena. Ho guardato il pubblico, molti occhi erano su di me. Molte ragazze erano tra i clienti seduti o sotto i tavoli. Ecco perché eravamo così pochi sul palco.

I ragazzi se ne sono andati e altri sono arrivati, anche alcune donne erano tra il pubblico in gruppi. Improvvisamente, ho riconosciuto un volto della conferenza. Merda, pensai mentre mi giravo per nascondere la faccia e mostrare il culo. Finalmente ero sobrio.

A quel punto la musica si è fermata e siamo usciti dal palco. Mi hanno licenziato, indossando un altro vestito trasparente, evitando il lato dove si trovava il ragazzo della conferenza. Sono passato davanti al tavolo dove ero seduto prima. Zak, immagino, era ancora con la sua puttana nella capanna, mentre Clive non si trovava da nessuna parte. Jay ora era seduto da solo con un drink di fronte a lui. Mi salutò, accarezzandosi le ginocchia. Mi sono reso conto che Mamasan mi stava guardando. Con riluttanza feci come mi aveva chiesto, affondando nel suo grembo mentre le sue braccia mi circondavano. Fece scivolare le mani sotto il mio petto sulla mia pelle nuda. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Stavo aspettando che tornassi. Non so se l’hai notato, ma Clive era di cattivo umore. Sai, penso che tu sia molto sexy.

Gli sorrido consapevolmente.

“Kitty cerca di compiacere.

Ha detto di rinunciare a ciò che doveva venire. Finisce il suo drink e si alza, riportandomi al bancone. Pagando il prezzo per la mia figa, gli presi la mano e lo condussi lungo il sentiero familiare. Chiaramente ha anche sognato Ying ed è arrivato velocemente, questa volta con un preservativo. Ero già sazio e non sono venuto, ma ho fatto finta di accontentarlo. Ho tolto il preservativo e gli ho pulito il cazzo con la lingua. Ci siamo lasciati con un bacio. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi sono seduto sul letto, analizzando quello che avevo appena fatto. Due colleghi di mio marito mi avevano scopato in un bordello a Bangkok. Speravo che non mi avrebbero riconosciuto in futuro, quando fossi stato a Londra, se li avessi incontrati di nuovo. Speravo di non dover mai incontrare Clive, che mi trattava così male.

Ho pensato che fosse molto probabile che sarei stato al sicuro e non li avrei mai più rivisti. Credevano (erroneamente) che io, la bella moglie del loro amico Robert, non sarei mai stata vista in un posto come questo.

Per la prima volta, guardando la porta del bordello e vedendo l’enorme guardia di sicurezza a guardia dell’ingresso, mi sono chiesto come avrei potuto uscire dal bordello. Ma stranamente, questo non sembrava infastidirmi, quindi lasciai passare i pensieri. Mi metto il vestito di chiffon, questa volta senza farmi la doccia. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Scendendo le scale, corsi negli spogliatoi dove fui introdotto prima che iniziasse la mia imbarazzante nuova vita. C’era il tavolo dove avevano lasciato la mia borsa, ma niente. E il mio vestito e le mie scarpe Saint Laurent non si trovavano da nessuna parte.

Ora voleva sapere. Come tornerei al Marriott? Non indossava altro che questo vestito trasparente e scarpe da puttana rosse. Se me ne andavo, rischiavo di essere arrestato per prostituzione. Anche se potessi prendere un taxi, come farei ad entrare in albergo? Dubitavo che gli uomini al cancello avrebbero fatto entrare una puttana da quattro soldi come me. Dovrei restare qui finché non si presenterà un’opportunità.

Ora avrebbe partecipato al resto della conferenza. Ma sapeva che la cosa principale era già accaduta, oggi era solo un addio con alcuni discorsi senza importanza.

Ho visto un rossetto su uno scaffale accanto a uno specchio. Mi sono guardata allo specchio e ho visto davanti a me un volto familiare ma diverso. Sembravo piuttosto stanco, poi ho notato che avevo la sborra nei capelli. Pensavo che fosse quando mi chinavo per pulire i cazzi dei miei clienti. Con un sospiro, ho applicato uno strato spesso e lucido sulle mie labbra, poi ho disegnato un 43 sulla mia coscia. Sistemandomi il vestito, me ne andai e tornai al bar.

– Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Questa volta non ho aspettato di essere diretto. Ho appena lasciato il bar. Non ho nemmeno avuto il tempo di salire sul palco per ballare. Mi hanno messo su una panchina tra due ragazzi.

Pensavo fossero svedesi o qualcosa del genere. Cominciarono a esplorare il mio corpo. Avevano birre davanti a loro. Il tizio alla mia sinistra indicò il rigonfiamento dei suoi pantaloni. Nonostante tutto quello che mi è successo, ha comunque offeso la mia dignità. Volevo infilarmi sotto un tavolo. Ma sembrava non esserci alternativa.

Sono stato gentilmente spinto verso il basso e mi sono ritrovato inginocchiato sotto il tavolo tra le sue gambe. Ho decompresso e slacciato i suoi pantaloni. Gli ho abbassato il costume da bagno, il suo cazzo è uscito. Afferrai la maniglia e mi misi la testa in bocca.

La mia lingua gli ha stuzzicato il pene e l’ho succhiato dolcemente, spingendolo ancora più a fondo. Mentre la mia testa oscillava su e giù, continuava a colpire il fondo del tavolo. Potevo sentire la sua eccitazione aumentare mentre lavorava, ora leccando dalle sue palle fino alla punta del suo cazzo, ora succhiando e spingendo in fondo alla mia gola, fino a che non ho avuto il suo cazzo in fondo alla mia gola, poi l’ho tirato fuori. e ho cominciato a masturbarlo, mentre la mia lingua leccava e girava intorno alla sua testa. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non ci è voluto molto, si è gonfiato e mi ha schizzato in bocca. Spruzzo dopo schizzo, i colpi del suo cazzo che mi colpiscono in fondo alla gola, costringendomi a deglutire quasi soffocandomi e costringendomi a tornare indietro, solo per ottenere i successivi schizzi su naso e fronte, lasciando una scia bianca che ho immaginato come la Via Lattea, nei miei capelli neri, che avevo appena lavato.

Ho rapidamente chiuso le labbra intorno al suo cazzo e molti altri schizzi mi hanno riempito la bocca del suo sperma appiccicoso e viscoso. Alcuni erano piuttosto spessi, quasi grumosi, cosa che non mi piaceva.

Il suo sperma si era ridotto a un rivolo ora e io afferrai di nuovo la lunghezza del suo cazzo con la mano, tirando delicatamente il pollice lungo la sua parte inferiore, mungendo il suo sperma nella mia bocca mentre lo succhiavo delicatamente. Sono diventato più consapevole del sapore, leggermente salato con un retrogusto dolciastro (ricorda fruttosio) fermentato con un pizzico di spezie.

Stavo sicuramente mangiando cibo tailandese piccante prima. Ho ingoiato la mia bocca piena di sperma sentendomi un po’ nauseata. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Ti piace Kitty, signore?”

chiesi guardandolo da sotto il tavolo.

“Rhmm, rmm, oh sì.

disse, appoggiandosi allo schienale della sedia. Sono uscito da sotto il tavolo e mi ha dato 200 baht. Ho preso un pezzo di carta rosa dal tavolo e mi sono asciugato lo sperma dalla faccia. Ho quindi unito le mani in un gesto wai accompagnato da un cenno del capo.

Fortunatamente l’altro ragazzo condusse l’altra ragazza al piano di sopra.

Barcollai verso il bancone del bar. Adesso il posto si stava svuotando. Ho visto che erano le 15:30 Le ragazze erano sedute sugli sgabelli al bar e mi sono unita a loro sedendomi accanto a Ni, la mia amica Khmer. Era esausto, aveva problemi a tenere gli occhi aperti. Gli ultimi clienti stavano lasciando i loro tavoli e Ni mi prese per mano. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Dai Kitty, Mamasan, andiamo a dormire adesso, puoi stare con Ni.

Non ho protestato né cercato di andarmene. Mi rassegnai a dormire nel bordello con le altre ragazze del bar. Mi portò al secondo piano, dove c’erano delle camere da letto con dei lettini. Ci siamo tolti gli abiti di chiffon, ci siamo sdraiati mentre intorno a noi altre ragazze facevano lo stesso. Ero felice di sentire il corpo nudo di Ni contro il mio e ci siamo rannicchiati l’uno per il conforto dell’altro.

Eravamo entrambi così magri che il letto poteva accogliere i nostri corpi nudi intrecciati. Non era un letto particolarmente comodo, ma bastava per un paio di puttane come noi. Per un momento, ho meditato nel mio bellissimo letto grande e lussuoso al Marriott, dove avevo dormito la notte prima. Ho cancellato alcuni dei miei pensieri, quanto in basso ero sprofondato e se potevo essere incinta.

Con le braccia di Ni che mi circondavano, la sua mano che mi stringeva il petto, scivolai in un beato oblio. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Da seguire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *