Ragazza cinese perduta a Bangkok -VII

di | 9 de Dicembre, 2022

parte 7

Vita normale?

Sono sul palco, sono nudo. Un riflettore è puntato su di me, niente è nascosto, ballo nudo, sono in un bordello, caldo, umido, sudo. Sono in Cambogia, non so dove, Phnom Penh, Siem Reap. Da quanto tempo sono qui?

Ero sposato, medico, inglese, la mia vecchia vita. Ora sono cambogiano, sono solo una puttana, mesi, anni. Non ricordo, una vita semplice e strana, non sono infelice qui, sto ballando, sento tuoni in lontananza, dall’altra parte del Mekong, il rumore si fa più forte, altri tuoni, un rombo sordo, come russare.

Russare? Che cosa? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sonno. Sono a letto all’hotel Marriott. Un ragazzo accarezza il mio corpo nudo, il suo braccio è intorno a me. Ora posso sentire il suo cazzo flaccido contro il mio culo. Posso sentire i suoi muscoli contro la mia morbidezza. Il letto è morbido, comodo. Potevo quasi immaginarmi a casa mia, il corpo accanto a me, mio ​​marito. È solo che è molto più muscoloso di mio marito e russa di più. È così diverso dal duro lettino in cui sono stato nelle ultime notti. sta russando

Questo è ciò che mi ha svegliato. Ricordo, è il signor Sinn. Ricordo, non vorrei incontrare un uomo così, so che potrebbe farmi del male. Mi sembra che assomigli al signor Somchai. Mi ha riportato qui. Accidenti, non avevo intenzione di dormire. Mi guardo intorno senza muovermi, respirando piano. Vedo un orologio, sono le quattro e mezza del mattino. devo fare pipì

Silenziosamente, con cautela, scivolo sotto il signor Sinn. Non si muove. Mentre muovo le gambe sento una sensazione appiccicosa tra le mie cosce, tra il mio culo, il suo seme. Vado in bagno e mi siedo sotto la fioca luce di una lampada da notte. Mi siedo lì pensando, ricordando. Il signor Sinn vuole che venga con lui in Cambogia. Mi sento più chiaro ora, davvero non voglio andare. In realtà è solo un sospetto che mi sarei potuto vendere a lui, potrebbe essere che la mia mente mi stia giocando brutti scherzi. È la mia paranoia? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Potrebbe davvero farmi lasciare l’albergo con lui. Non so se lo proverei con così tante persone. Dovresti usare la forza. Mi preoccupo della mia determinazione, del mio potere di resistere ai suoi desideri e ai miei. Negli ultimi giorni sono caduto in una mentalità remissiva, una specie di sindrome di Stoccolma. Ho paura di lui e di me stessa, perché il solo pensiero di essere una prostituta in Cambogia, al servizio di innumerevoli uomini, mi fa bagnare. Non voglio mettermi alla prova.

Almeno adesso sono nel mio albergo. La mia stanza e la mia salvezza sono solo due piani più in alto, ma come ci arrivo? Sono nudo e non ho una chiave. Mi siedo in silenzio, pensando, così vicino alla sicurezza eppure così lontano. Guardandomi intorno vedo una vestaglia bianca appesa in bagno. Lo avvolgo comodamente intorno a me e torno in camera da letto.

Il signor Sinn continua a russare. Vedo il mio vestito rosso sul pavimento e la mia borsa. Li raccolgo, insieme ai miei tacchi. Respiro a malapena. Il mio cuore che batte forte lo sveglierà? Lo sento scorrere nelle mie orecchie, cerca di mantenere la calma. Silenziosamente, vado alla porta, la apro. Lo scatto della serratura, molto forte. Sto congelando. Lo sento squillare. Non si sveglia. Apro la porta ed esco. Lentamente, chiudo la porta dietro di me. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Per la prima volta da quando Mamasan mi ha accettato, non sono sotto il suo potere immediato. Guardo su e giù per il corridoio ricoperto di moquette. Mi dirigo verso gli ascensori, guardando indietro spaventato, quasi aspettandomi di vedere il signor Sinn che mi insegue. Il mio cuore sta ancora battendo forte, il mio battito accelera mentre aspetto l’ascensore.

“Per favore, sbrigati, sbrigati. Infine.

Le porte si aprono, entro. Le porte si chiudono.

Salgo al 12° piano e mi aspetta un altro corridoio deserto. Vado alla mia porta e provo la maniglia. Ovviamente è bloccato. Apro la porta, busso silenziosamente, inutilmente, poi vi appoggio la testa. Crollo, mi siedo e appoggio la schiena contro la porta, un accappatoio aperto fino alla vita, le gambe nude, la mia nudità esposta mentre mi siedo. Probabilmente dovrei coprirmi, ma fisso il soffice tappeto, ascoltando l’aria condizionata. Dentro c’è la libertà. Guardo su e giù per il corridoio e noto un telefono su un tavolo in fondo al corridoio. Quasi in punta di piedi, corro al tavolo e mi siedo. Esitante, prendo il telefono e chiamo la reception.

“Pronto? Sono il dottor Ying della stanza 1210. Sono appena stato chiuso fuori dalla mia stanza. Sono appena uscito con un amico e la porta è stata chiusa a chiave. La mia chiave è dentro. Sono bloccato senza entrare. Potresti manda qualcuno ad aprirmi la porta, per favore? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Pensavo che l’addetto alla reception avrebbe pensato che avessi visitato un ospite in un’altra stanza. Probabilmente intraprendendo un’avventura sessuale, beh, in un certo senso aveva ragione. Ad ogni modo, ero ben oltre la preoccupazione.

“Puoi scendere alla reception?”

“Scusa, ho solo l’accappatoio, non posso scendere.

“Potresti identificarti?

“No, è tutto nella mia stanza, sono solo in vestaglia. Scesi e la porta si chiuse dietro di me. Posso darti il ​​mio numero di passaporto. È 5660651516. Puoi consultare.

Ho incrociato le dita. Ci fu una pausa.

“Per favore, solo un momento.

“Corretta !

Manderò qualcuno. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Tornai alla mia porta mentre aspettavo. Pochi minuti dopo, ho sentito il segnale acustico dell’ascensore e una guardia di sicurezza è venuta verso di me lungo il corridoio. Per fortuna non era uno dei ragazzi dell’ingresso principale. Mi porse una tessera magnetica, lanciandomi uno sguardo strano. Mi è venuto in mente che potrebbe aver visto il mio biglietto da visita del bordello. Potevo immaginare i buttafuori che condividevano la carta che aveva una chiara immagine di me in bikini. Non ho aspettato la conversazione, l’ho solo ringraziato e sono andato nella mia stanza.

“Oh, tesoro, tesoro. Salva, sono salvato! Libertà.

Ho chiuso la porta dietro di me.

Rimasi per un momento con le spalle alla porta chiusa. Così sono andato in camera da letto e ho messo la borsa e il vestito da puttana sul letto. Non erano ancora le 5 del mattino. Il signor Sinn si sarebbe probabilmente svegliato entro poche ore. Mi sono ricordato che ha detto che oggi doveva tornare in Cambogia e che mi avrebbe portato con sé. Mi sono seduto sul letto in un dilemma, cosa fare ora.

Mi sono poi ricordata che sebbene il mio telefono personale fosse nella mia borsa al club, avevo lasciato il mio vecchio telefono, che usavo principalmente come telefono di lavoro, nella mia valigia. La mia famiglia e i miei amici hanno entrambi i numeri, a volte mi scrivono su questo se non riescono a raggiungere l’altro. Ho cercato velocemente nella scatola e l’ho trovata. Ho controllato il telefono e ho visto diversi messaggi di mio marito e di alcuni amici. Potrei parlare con Robert adesso. Ma non volevo che si preoccupasse più. Erano passati diversi giorni dall’ultima volta che ci eravamo parlati. Probabilmente è meglio fare una chiacchierata veloce. Ho deciso di chiamare senza pensarci.

“Roberto? Ciao tesoro, sono io.

“Ying! Mi stavo preoccupando, tesoro. Stai bene? Devono essere le 4 del mattino. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

C’era una vera nota di preoccupazione nella sua voce.

“Sì, sto bene, sono le 5 del mattino adesso, non ho dormito bene. Mi dispiace così tanto che ci ho messo così tanto a chiamarti. È stato molto frenetico qui.

“Stavo iniziando a preoccuparmi per te, tesoro. Cominciando a preoccuparsi di cadere nelle grinfie di un malvagio trafficante di sesso, lol!

Roberto! LOL…

Potevo sentire la mia faccia bruciare. Cercai di fingere un tono di divertita indignazione e mi costrinsi a ridere debolmente, non negando che era proprio quello che mi era successo. Abbiamo parlato un po’ della conferenza stessa ed è stato felice di sapere che il mio articolo è andato bene.

“Allora, come trascorrevi il tuo tempo lontano dalla conferenza?”

Ha chiesto. Rimasi in silenzio per un po’, sentendomi confuso, perdendo tempo.

“La maggior parte delle volte sono stata sdraiata sulla schiena o chinata in avanti e mi sono fatta scopare come una puttana da quattro soldi, tesoro.

Io nei miei pensieri, è stato così brutto. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Sono andato al Museo Nazionale, in buoni ristoranti con musica e balli tradizionali.

Ovviamente ho mentito.

“Suona bene. Beh, conoscendoti, non pensavo che ti saresti avvicinato a quelle zone a luci rosse, anche se potrebbe essere piuttosto rivelatore.

“Uh! Non avevo pensato a questi posti, ma posso inserirli nel mio prossimo itinerario.

Ha detto scherzando, sapendo che aveva ragione, in realtà è stato abbastanza rivelatore.

“Sapendo che ti piaccio, so che non andresti mai né ti piacerebbero posti come questo.

Non ha mai sbagliato così tanto.

“Beh, in realtà, alcuni dei miei colleghi sono stati a Bangkok negli ultimi giorni. Erano al nostro matrimonio, ma dubito che li ricorderai.

“Sì, ma loro?” – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ho risposto rapidamente, volendo davvero sapere cosa avrebbe potuto pensare della ragazza che avevano filmato. Ragazza ero io Improvvisamente mi sono sentito senza fiato.

“” Merda! ancora non ricordo.

Aveva bisogno di sapere cosa pensava della ragazza.

“Non credo che tu li conosca!” Sono andati in alcune zone piuttosto squallide. Sai, giocare con le ragazze al bar. Mi hanno persino mandato delle foto.

“Davvero? Adesso sono curiosa, voglio vedere queste foto.

Ero preoccupato, ma anche sollevato dal fatto che fossero foto e non video. Se era probabile che mi riconoscesse. Mi sono sentita arrossire.

“Non crederesti a questi posti. Guarda le foto.

Ho sentito il mio telefono vibrare, sono apparse due foto da wattsapp. Con un senso di presentimento ho aperto le foto, ero lì nudo in grembo a Clive, il mio busto girato dall’altra parte della fotocamera mentre lo baciavo, mentre le mie gambe allargavano le dita nella mia figa ben visibile. Sullo sfondo potevo vedere altre ragazze sul palco, Pom e Mamasan 2, accanto. La seconda foto era un primo piano della mia vagina che mostrava l’umidità luccicante, diverse gocce delle mie secrezioni visibili. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

È così chiaro che sono io, parte dei miei 3 nei, i minuscoli nei marroni, proprio accanto al mio seno e il triangolo capovolto sopra la mia vagina, che era abbastanza strano quando inizia la punta inferiore, era proprio all’inizio della mia vagina. fossa.

Non so come abbia fatto a non riconoscermi, forse non ha guardato più attentamente la foto, se ho tempo, quando torno a casa troverò il modo di cancellarla dal suo cellulare, no, io voglio che tu abbia l’opportunità di vederti meglio.

“Che orrore! Chi, chi è lei?

Era tutto ciò che poteva dire e chiedere. In effetti, ero imbarazzato perché la mia figa stava iniziando a bagnarsi. chiesi tremante, cercando disperatamente di sembrare innocente. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Mi dispiace tesoro, ma volevi vedere la foto. Posso dire che sei sorpreso. È solo una prostituta locale.”

– È vero, lei è una puttana, ma sono io. Sua fottuta moglie in questo casino.

Ho pensato e poi ho chiesto.

“Hanno davvero dormito con lei?”

– Sì, l’hanno fatto. Era una puttana da quattro soldi. Ma a quanto pare lo amavano. Penso di essere sempre stato invidiato per avere una bella moglie come te. Probabilmente hanno un feticcio asiatico.

“Credimi, Robert, e per di più, hanno preso la sua bellissima moglie e l’hanno scopata. Perché io ero la puttana e la puttana da quattro soldi. Clive e Jay mi hanno scopato davvero forte.”

I miei pensieri non mi lasciavano in pace. Deglutii a fatica, ricordando come Clive mi aveva abusato, sentendo un rossore. Non sapeva nemmeno se poteva prendere suo figlio, o il figlio del gigante americano, o il figlio di Somchai. Sapevo di dovermi preoccupare ma non lo ero, mi sentivo molto arrapata, l’idea di essere incinta di una mia cliente mi eccitava. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Abbiamo parlato ancora un po’ prima di riagganciare. Rimasi un attimo a pensare alla nostra conversazione. Ho guardato il mio telefono e ho sfogliato alcuni messaggi dei miei amici.

Ero stanco, ma prima avevo bisogno di una doccia. L’acqua calda mi schizzò addosso e mi ricordai di aver fatto la doccia con le altre ragazze nude al bar. Quando sono uscito dalla doccia, mi sono asciugato e mi sono ritrovato nudo davanti allo specchio. Ho studiato la mia faccia, il mio corpo. Solo pochi giorni fa, ero qui, guardandomi in questo specchio, ammirandomi. Sapevo di essere carina, me lo dicevano tutti, guardavo con soddisfazione la mia figura snella, la mia figura piccola ma simpatica.

Sono diventata una puttana, nemmeno una escort di lusso, no, ero una puttana, una puttana da quattro soldi senza valore. La ragazza che ha fatto sesso con 4 uomini in tutta la sua vita è stata scopata da venti o trenta sconosciuti per soldi, non so quanto, in soli 3 giorni. Non avevo davvero idea di quanti uomini mi avessero fottuto in Mr. Somchai, che era ieri. O anche se tutti usassero i preservativi. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

C’erano diversi lividi sulle braccia e sulle cosce, segni di frustate sulle natiche, che impiegavano giorni a svanire. Non poteva fare altro che aspettare che il tempo passasse.

Alzai la testa e scrutai il mio corpo da un lato all’altro. C’era il morso dell’amore sul mio collo, un grosso succhiotto. L’ho toccato pensando a come nasconderlo. Ma ora non era il momento, era esausto, giaceva nudo sul letto. Erano diversi giorni che non dormiva da solo. Non appena la mia testa ha toccato il cuscino, mi sono addormentato.

Erano le 2 passate del pomeriggio quando mi sono svegliato. Mi sentivo meglio riposato e più rilassato per la prima volta da giorni. Andai in bagno, feci un’altra doccia, questa volta per svegliarmi, poi uscii e mi fermai davanti alla finestra. Ho guardato la città. Ero già stato a Bangkok, avevo visto la città allo stesso modo, ma a quel tempo avevo provato a vedere i monumenti principali, i templi lungo il fiume, quel genere di cose.

Ora guardava in basso, affascinato, scrutando tra gli isolati della città. Da qualche parte in questi vicoli c’erano dei baretti, con palchi e letti per scopare. Presto sarebbe calato il buio e le ragazze come me avrebbero ballato sul palco, spogliandosi nude davanti ai clienti. L’ho fatto negli ultimi giorni, ero andato con diversi clienti in queste stanze sul retro per scopare. Ero in ginocchio sui letti, a quattro zampe, mentre i ragazzi mi spingevano i loro cazzi da dietro. Aveva allontanato i loro cazzi, si era divertito parecchie volte. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Mai, Ni, Pom e gli altri sono ancora qui.”

Ero triste per loro e anche geloso.

“Come posso essere geloso? Ho quasi perso la vita lì.”

Mi sentivo ancora un po’ intorpidito, come se avessi i postumi di una pazza festa la sera prima.

Ho acceso la televisione e mi sono rannicchiata nel letto. Sono rimasto nella mia stanza tutto il giorno. Ho inviato messaggi ai miei amici a Londra. Ci sono state alcune battute sul non fare del male, ma come sospettavo, mi stavano solo immaginando nel mio solito ambiente stravagante, immaginando che avessi trascorso il mio tempo libero alle terme o in qualche attività culturale. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

A fine pomeriggio squillò il mio telefono, era un altro amico presente alla conferenza. Noto medico, ha lavorato a Bristol. Ho spiegato che non mi sentivo bene negli ultimi giorni e che ero rimasto nella mia stanza. Ho detto che mi sentivo molto meglio ora. Mi disse che alla fine della giornata dell’incontro era stato annunciato che avevo vinto il primo premio nella mia categoria per la mia presentazione. Ho cercato di sembrare felice, come avrei fatto prima. Ora, non sembrava così importante. Ha insistito perché venisse alla cena finale, l’ultima della conferenza, dove sarebbero stati consegnati i premi, visto che l’incontro si è concluso domani mattina dopo colazione.

Con una certa riluttanza, ho accettato. Mancavano due ore al ricevimento e alla cena. Mi sono raccolto i capelli, mi sono messo dei jeans e una camicia a maniche lunghe e mi sono legato una sciarpa di Hermès intorno al collo per nascondere il succhiotto. Mi sono messo gli occhiali da sole, mi sono guardato allo specchio. Sembrava snella, aggraziata, sobria, a un milione di miglia dalla stronza che era stata la sera prima. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sono andato agli ascensori e sono sceso. Anche se avrebbe dovuto andarsene da tempo, provavo ancora un senso di terrore mentre passavamo accanto al signor Sinn.

Raggiunto l’atrio, mi sono guardato intorno e ho notato le persone alla conferenza. Il mio cuore ha perso un battito, ho notato il ragazzo che ho visto la prima notte nel bordello mentre ballavo nudo. Guardò nella mia direzione e mi salutò. Ovviamente non mi ha riconosciuto come quella stronza nuda. Mi sentivo più sicuro. Ho preso un taxi per il centro commerciale più vicino e ho dato un’occhiata ai negozi. Ho trovato quello che cercavo, un girocollo di seta abbastanza lungo da coprirmi bene il collo. Sollevato, tornai al Marriott e salii in camera mia per cambiarmi per la cena.

Il mio amico mi ha richiamato per dirmi che stava andando a cena. Ci siamo incontrati nella hall e poi siamo andati al ristorante. Guardando la tabella dei posti a sedere, purtroppo eravamo a tavoli diversi. Il mio cuore è sprofondato, come vincitore del premio, sono stato messo sulla scrivania del professor Wu. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Così mi sono seduto a cena, di fronte al professor Wu, di fronte all’orribile Jabba The Hutt, che aveva fatto un uso così completo del mio delicato corpo da principessa.

Caro lettore, se sei arrivato fin qui, la mia storia torna da dove ho iniziato.

Ero seduto a urinare, ascoltando il Prof. Wu parlare di me e ricordare gli eventi degli ultimi giorni. Quindi sospettavano chiaramente che stesse conducendo una doppia vita come prostituta, ma non ne erano del tutto sicuri. Era quasi finita. Ho aspettato che finissero e poi sono tornato al tavolo. Anche se di tanto in tanto le due ragazze mi lanciavano sguardi di disapprovazione, non mi parlarono più. Ho passato il tempo a chiacchierare senza senso con il ragazzo più grande accanto a me.

La cena trascorse senza incidenti e fu seguita dai soliti discorsi noiosi. Infine, si è svolta la cerimonia di premiazione. Il professor Wu ha distribuito i premi, assegni in busta per le opere del primo premio nelle varie categorie. Ogni vincitore è stato fotografato accanto al grande uomo. Era il mio turno, gli strinsi la mano e accettai la busta. In piedi accanto a lui per la foto, ho subito sentito la sua mano sul sedere, che mi premeva il vestito tra le natiche. Deglutii, ma cercai di restare calmo per il resto. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Ben fatto, fiore.

Sussurrò guardandomi di traverso.

Chiami tutti così? Ha gestito tutte le ragazze che poteva? O sapeva che ero la puttana da quattro soldi che veniva scopata nel bordello? Fortunatamente, hanno chiamato il prossimo vincitore, permettendomi di riavere il mio posto. Dopo cena, mi sono allontanato dal professor Wu e dai suoi compagni di classe. Ieri sera non ho potuto evitare i miei due colleghi nell’atrio. Alle sue domande sul mio aspetto ieri sera, sono riuscito a ridere.

“Allora Yang, di cosa parlava questo vestito ieri?”

“Oh mio Dio! Era solo una sfida.

Sono riuscito a sembrare disinvolto e disinvolto. Non ho perso tempo con loro e sono tornato nella mia stanza. Volevo riposare. Basta clamore, è ora di tornare a essere un medico rispettabile e noioso. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Tornato nella mia stanza, mi sono seduto sul letto. La mia borsa sul bancone attirò la mia attenzione. Ho allungato la mano e ho guardato dentro. Tirai fuori uno dei miei biglietti da visita. Sopra c’era il nome del bar e la mia foto, Kitty, ragazza numero 43. Super carina orientale. Sì, ero io. Alcune cose erano in tailandese che mi ha sorpreso. Ho usato il mio cellulare per tradurre e riempire gli spazi.

Gattino, 1,57 cm. Cassettiera 36 C naturale. Bellezza slanciata, Kitty offre un servizio completo. Tutti i buchi disponibili per il tuo divertimento. Telefono: xx-xxxx-xxxx.

Quindi sono io? Il mio curriculum? Poi ho notato il foglio con sopra il numero di Evans. Il mio cuore sobbalzò. Ho sentito il calore tra le mie gambe. Tutto è tornato. Volevo davvero vederlo. Ricordo che mi ha toccato. Amavo le sue mani su di me, la sensazione del suo corpo. Era amore o lussuria. Come potevo io, una donna sposata, innamorarmi di un giovane studente dalla faccia fresca? Ho iniziato a digitare il suo numero sul telefono, poi ho smesso. Le mie dita aleggiavano sul telefono, incerte. Deglutendo, ho composto di nuovo il numero. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ho pensato che se l’avessi fatto avrei avuto il mio numero di lavoro nel Regno Unito. Non sembrava una buona idea. Ancora una volta, mi sono fermato rapidamente. Sarebbe certamente un errore. È meglio conservarlo come un piacevole ricordo.

“No, no, non pensarci nemmeno. Forza ragazza, calmati. Fermare! »

Stavo ancora dicendo a me stesso di fermarmi quando ho preso la linea fissa dell’hotel, ho composto una linea esterna e poi ho chiamato il suo numero. Ha chiamato e il tempo di chiamata era scaduto. Ho riprovato con lo stesso risultato. Il mio polso accelerò, avevo caldo.

“Dannazione, sono bagnato!”

Ho deciso di provarlo, un’ultima volta. Non risponderà, sarà un segnale, vai avanti, dimentica tutto. Dopo due squilli, all’improvviso ci fu una risposta!

“Ciao? Ciao? Cos’è? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ho riconosciuto la sua voce in inglese.

“Ciao. Evans? Questa è Kitty.

Ho parlato in finto tailandese, in inglese.

“Gattino? Oh! Kitty. È bello sentirtelo dire.”

Potevo sentire la sua gioia nella sua voce. È così carino, ho pensato di nuovo. Una calda sensazione si diffuse attraverso il mio bacino, la mia figa iniziò a contrarsi.

“Evans. Grazie mille per il bellissimo vestito. Ti piace vedere Kitty? Scusa, non ho il telefono in questo momento. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Un po’ speranzosa, un po’ timorosa, con il cuore che le batteva all’impazzata, voleva incontrarlo.

“Wow, sì! Sarebbe buono. Incontrami stasera. Sono in un piccolo albergo vicino al Nana Plaza.

Il famoso Nana Plaza, un altro quartiere a luci rosse, ma ho controllato, almeno a pochi isolati dal mio pub, che era in un vicolo appena fuori Soi Cowboy, vicino a Soi 23. Non c’è modo che qualcuno del bar mi veda lì .

“Non vedo l’ora di vederti con il vestito. Ci vediamo tra un’ora? C’è una gioielleria, Charlie’s Jewelry è appena fuori dall’ingresso del Nana Plaza, ci vediamo lì tra un’ora?”

“Beh, lo farò. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Il mio cuore batteva. Era pazzo. Era appena tornato alla normalità. Per amore di tutto, ragazza, pensa, aspetta. Ma non mi sono fermato. Mi sono tolto velocemente i vestiti.

Ho indossato il vestito rosso da puttana che mi ha regalato Evans. Sono diventata di nuovo la bella troia bagnata. Abbassai lo sguardo sul vestito, era appena più spesso delle mutandine se ci metti sopra un vestito di cotone sottile. Nessuno avrebbe saputo che sotto indossava un vestito da troia.

Questo vestito di cotone mi ha fatto sembrare saggia. Non volendo essere completamente nudo sotto, mi sono infilato un paio di delicate mutandine sessuali. Ho preso una semplice borsa a tracolla di tela e ho indossato dei tacchi. I miei capelli erano raccolti in una crocchia e avevo un aspetto piuttosto rispettabile. Mentre stavo camminando lungo il corridoio verso la porta d’ingresso, ho notato il portiere e la guardia di sicurezza della scorsa notte. Mi guardavano mentre passavo, se c’era qualche riconoscimento. Non hanno detto niente. Fuori, un altro portiere mi ha chiamato un taxi. Entrai e fu solo quando il taxi ebbe già lasciato l’ingresso del mio albergo che dissi la destinazione. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Nana Plaza, per favore.

dissi, ignorando lo sguardo sorpreso dell’autista.

Generalmente una destinazione per gli uomini. È stato un viaggio molto breve. Superammo l’ingresso del mio vicolo. Proprio lì c’era il mio casino. Due minuti dopo abbiamo girato un angolo e si è fermato. Ho pagato l’autista e poi, sempre seduto, gli ho chiesto di aspettare un momento. Ho tirato il mio rispettabile abito sopra la testa e l’ho infilato nella borsa da viaggio, allentando la crocchia e lasciando cadere i capelli. Lo issai su una spalla, notando gli occhi spalancati del guidatore fissi su di me nello specchietto retrovisore. Ho applicato uno strato spesso e lucido di rossetto cremisi e ho sbattuto le palpebre, poi sono uscito sul marciapiede.

Da seguire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *