Ragazza cinese perduta a Bangkok -VIII

di | 9 de Dicembre, 2022

parte 8

La puttana è rinata.

Faceva caldo e umido, e presto sono scoppiata a sudare, piccole gocce di sudore mi colavano sul viso, sul collo e sui seni, gocciolando sul vestito. La notte era illuminata dalle sgargianti luci al neon di bordelli e casinò. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

C’era molta gente in giro, gente del posto e turisti. Alcuni portavano i loro acquisti ai mercati notturni locali. Ho potuto vedere molte ragazze con abiti corti come il mio. Di certo non mi sono distinto, sono stato felice di vederlo. Fu allora che mi resi conto, nella fretta di incontrare Evans, che era arrivato così presto, che volevo Evans e non volevo aspettare. Cosa succede ragazza?

avevo caldo. Potevo sentire la mia figa bagnata. Accidenti, era davvero come una cagna in calore. Amava così tanto Evans. Un piccolo gemito mi sfuggì dalle labbra, desiderando che mi toccasse. Volevo le sue mani su di me, infatti volevo le mani di qualsiasi uomo su di me. Ho bisogno di essere fottuto. La gioielleria era lì, ma Evans non era ancora arrivato.

Ho notato un poliziotto nelle vicinanze che arrestava una ragazza e controllava la sua carta d’identità. Non ho aspettato ed sono entrato in Nana Plaza, mescolandomi alla folla. Ho attraversato diversi club. Sembravano molto più eleganti del mio vecchio bordello nascosto. Ho potuto vedere che i club erano su vari livelli intorno alla piazza. Erano meno bordelli della mia casa di fascia bassa. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ho visto il mio riflesso negli specchietti delle finestre. Era ovvio che non ero un turista. Assomigliavo esattamente alle altre prostitute, freelance al Plaza. Ho pensato che fosse una specie di lotteria per scoprire se la polizia ha arrestato o meno una ragazza, ma ho pensato di evitarli il più possibile. Doveva essere un po’ attento, furtivo, perché Evans non sarebbe arrivato per quarantacinque minuti se non fosse arrivato in ritardo.

Ho svoltato in un vicolo laterale scarsamente illuminato, notando diverse altre ragazze nelle vicinanze. Alcuni di loro erano appoggiati al muro, una gamba piegata. Erano le vere prostitute di strada. Ero diventata una puttana da bordello, non potevo negarlo, ma di certo non ero pronta per quel tipo di attività. Ma dagli sguardi sospettosi che mi hanno lanciato, ho capito che non riuscivano a capire la differenza. Sapevano che ero una fottuta sorella. Tuttavia, aveva un minimo di autostima. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

““Sono qui per trovare il mio giovane amante. Niente di più.

Ho pensato tra me e me, non vedevo l’ora di donarmi a lui.

Ho notato i ragazzi avvicinarsi alle ragazze e seguirle lungo il corridoio. Certamente no! Avrebbe voluto che la polizia se ne andasse per poter aspettare più al sicuro nella gioielleria. Ho cominciato a pensare di aver commesso un errore nel tornare in quel mondo pazzo e squallido. Forse era meglio prendere un taxi per tornare al Marriott, ma sapeva di essersi sbagliato. Non potevo fare a meno di provare un crescente senso di eccitazione. Ho visto due poliziotti non lontano nella piazza. Mi appoggiai ancora di più al muro, a pochi metri da dove erano appoggiate le altre ragazze.

Un uomo asiatico di mezza età si avvicinò a me, disse qualcosa in tailandese e si fermò proprio di fronte a me. Ho sorriso ma ho scosso la testa. Era abbastanza insistente e sembrava eccitato quando alzava la voce. Con la coda dell’occhio ho notato i due poliziotti in piazza che guardavano nella nostra direzione. Merda, non voleva fare una scenata anche se voleva dirgli di andare a farsi fottere. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi ha toccato la spalla mentre parlava. Non ho capito una parola. Ho guardato il ragazzo, aveva preso dei biglietti dalla tasca. Gli sorrido quasi distrattamente prima di rivolgermi alla polizia.

“Merda!”

Ho pensato e guardando i poliziotti ho visto che guardavano nella nostra direzione. Ha colto l’occasione, arrotolando le banconote, immagino non troppo, e spingendole tra i miei seni attraverso la mia scollatura.

Volevo farmi scopare, ma quel coglione proprio non mi piaceva, sono davvero una puttana totale, pensavo, un po’ come quelle puttane per strada, ma c’è sicuramente una linea.

Chiaramente non lo intendeva. Non dandomi la possibilità di discutere e presumendo il mio consenso, mi prese per un braccio e mi condusse oltre le altre ragazze lungo il corridoio. Rassegnato, pensai che mi avrebbe riportato in albergo. I miei campanelli d’allarme hanno iniziato a suonare quando un tizio mi ha praticamente trascinato in un vicolo buio e deserto. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sentendo un crescente senso di panico, mi guardai intorno selvaggiamente. Ero solo un ragazzino magro vittima di bullismo da parte di questo ragazzone. A Londra non mi troverei mai in una situazione come questa, una strada buia con un perfetto sconosciuto. Capii anche che nel bordello non avevo veramente acconsentito a fare la puttana. Era stata intrappolata, trascinata in questa vita. Ho lasciato il bordello senza soldi. Il bordello ha preso tutte le mie vincite. Ho anche pensato di poter tornare indietro e chiedere la mia parte, ma sarebbe stato un rischio.

Adesso è diverso qui, pensai. Non avevo bisogno di essere qui, ho scelto di venire e ora ho un cliente. Sono una prostituta indipendente. Non c’è altro modo per mettere il mio gioco qui. Sono diventata una puttana. Con una certa trepidazione, diedi un’occhiata più da vicino intorno a me. C’erano due grandi bidoni della spazzatura allineati nel vialetto. Un sacco di immondizia ricopriva questa strada deserta e poco illuminata.

Mi ha spinto tra due dei grandi cassonetti e ho notato un ampio spazio riparato, profondo circa due metri, nel muro dell’edificio retrostante. Nella baia c’erano alcune scatole alte fino alla cintola. Eravamo completamente nascosti nell’ombra. Un gatto è scappato. Mi sentivo spaventato ed estremamente vulnerabile, i pensieri di Jack lo Squartatore mi attraversavano la mente. Avevo letto di lui e degli omicidi di puttane a Londra, ma non avrei mai immaginato che sarei diventata una ragazza come loro.

Mi ha spinto contro il muro, facendo scivolare la mia borsa dalla spalla e nell’incavo del gomito. L’ho messo nel cestino accanto a me. Non ho cercato di resistere troppo, era molto più alto di me e non potevo affrontarlo. Parlava velocemente in tailandese e io non capivo niente. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non gliel’ho detto, non avevamo comunicazione e ora mi aveva in questo posto. Afferrò un seno strizzandomi attraverso il tessuto sottile, poi cercò di baciarmi. Ho girato la testa.

Mi ha passato le mani sul corpo, ho provato a trattenerle ma non ci sono riuscito. Poi, con una certa violenza, mi ha girato e mi ha spinto contro il muro. Mi fece scivolare la mano su per il culo e tra le mie gambe, stringendomi le cosce, la figa e il culo. Il mio corpo ha cominciato a rispondere a questa violenza con una forte lubrificazione in uscita. Le mie mutandine non erano sufficienti per contenere la grande quantità. Potevo sentire l’odore delle mutandine molto bagnate e presto stavano perdendo. Mi ha girato di nuovo e mi ha messo in ginocchio.

Dopo essermi inginocchiato, ho provato una posizione comoda. Si tolse il cazzo dai pantaloni e siccome non c’era abbastanza luce non si vedeva se era pulito. Anche se non lo fosse, non potrei fare nulla, perché comunque non mi lasciava scelta. Afferrandomi i capelli, mi spinse il cazzo in faccia, strofinandolo sulle mie labbra. Si è imposto contro la mia bocca, contro i miei denti. Cedendo all’inevitabile, aprii la bocca che fu rapidamente invasa. Ho afferrato il suo cazzo già duro, sentendo la sua superficie bagnata. Ho assaggiato il sudore sulla sua coda. Gli ho leccato il glande e ho cominciato a masturbarlo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Spinse il suo corpo contro la mia testa, spingendomi indietro la testa e spingendo il suo pene in fondo alla mia gola. Rise dei suoni che uscivano dalla mia bocca mentre allungava il suo pene. Stringo le dita attorno alla base del suo cazzo mentre lavoro più velocemente e più duramente. All’epoca ero una prostituta di strada da quattro soldi che esercitava con entusiasmo il suo mestiere.

Poteva già sentire il suo pre-cum pool sul suo cazzo, non ci sarebbe voluto molto. Ma avevo altre idee dicendo qualcosa in tailandese. Mostrando con la mano quello che voleva. Annuii con entusiasmo per mostrare la mia comprensione. mi prese facilmente in braccio e mi fece sedere sui bidoni della spazzatura accanto alla mia borsa mentre cercava un preservativo. Sono stato addestrato con esso, quindi mi sono sporto in avanti per prendere il suo cazzo e mettere il preservativo. Si è infilato una mano in tasca e ha messo un’altra banconota tra i miei seni, ho immaginato altri $ 5.

Altre storie erotiche  Storia di incesto erotico - Il tovagliolo

Non ha detto niente, ma mi ha spinto via così che mi sono appoggiato sui gomiti sopra il cassonetto. spazzatura. Non sembrava molto stabile. Mi ha tenuto le gambe divaricate e si è spostato in mezzo a loro. Ero mezzo sdraiato a guardare e pronto a farmi scopare. Questo è quello che volevo davvero. Non importava, era comunque troppo tardi per fermarlo. Come si è sporto in avanti con il suo cazzo. Ho tirato le mutandine di lato, esponendo la mia figa, mostrandogli il mio allettante colore rosa. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

L’ho guardato con gli occhi spalancati e volevo che entrasse presto in me, ma ancora spaventato. Gemetti, piccole convulsioni attraversano il mio corpo. Fece scivolare due dita nella mia figa, suscitando un gemito leggermente più forte mentre le mie secrezioni gli scorrevano lungo la mano. Si sporse e leccò la lunghezza della mia fessura gocciolante prima di sistemarsi tra le mie gambe aperte. Non mi importava chi fosse, ho solo allungato la mano e afferrato il suo pene e l’ho guidato nella mia figa bagnata.

Ho agganciato le mie gambe intorno alla sua vita. Ero una puttana, solo una puttana.

L’ho sollevato con le mie gambe e la testa del suo cazzo ha invaso il mio canale segreto, aprendosi per accogliere questo sconosciuto. Deglutii forte e gemetti più forte mentre mi impalavo sul suo cazzo. Ora si sporse in avanti e iniziò a spingere il suo cazzo più a fondo dentro di me, costringendo i muscoli della mia figa ad aprirsi finché non fu sepolto nel mio corpo. Si spinse in avanti, facendo oscillare precariamente il bidone della spazzatura in cui giaceva. Ero di nuovo appoggiato sui gomiti, guardando il suo viso nell’oscurità, le mie gambe divaricate, incrociandole attorno a lui mentre mi scopava.

Non c’era delicatezza nei suoi movimenti, era abbastanza doloroso perché cercava il proprio piacere, fregandosene dei sentimenti del cagnolino di cui aveva comprato il corpo. Sono stato sottoposto al tuo desiderio animale, lo volevo. Volevo farmi scopare come una puttana, quindi ho accettato il prezzo di vendere il mio corpo. Voleva avere un orgasmo, ma questo modo di ottenerlo era così brutto. Disse una voce nella mia testa, e le lacrime mi sgorgarono dagli occhi mentre sussultavo per il dolore dei pesanti colpi, ma godevo del piacere che provavo. Gemette mentre mi colpiva a tempo con i miei gemiti. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Per favore fammi venire, sono vicino, lo desidero così tanto.”

dissi ma all’improvviso i suoi gemiti si fecero più forti, lo sentii irrigidirsi e poi, spingendo il suo corpo in avanti, entrò in me più a fondo. Il suo cazzo pulsa dentro di me. Ha pronunciato quelle che pensavo fossero brutte parole tailandesi, poi la sua lussuria è aumentata mentre mi aggrappavo disperatamente a lui con le lacrime agli occhi. Ma l’ha finita troppo presto, tirando fuori il suo cazzo dalla mia fica, lasciandomi gemere di desiderio inappagato. Rendendomi conto che stavo per cadere, ho gridato di sorpresa mentre si precipitava ad afferrarmi. Il mio improbabile salvatore mi ha spinto oltre il cassonetto e mi sono appoggiato contro di esso per ritrovare un po’ di compostezza.

Mi ha detto qualcosa in tailandese che suonava come un complimento, poi ha suonato qualche altra nota, che è volata ai miei piedi mentre guardavo, sparita senza una parola. Mi sono seduto a metà strada contro il bidone della spazzatura, le lacrime mi rigavano il viso, respiravo affannosamente e singhiozzavo sommessamente, tutto il mio corpo vibrava per il bisogno di venire. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi alzai, asciugandomi gli occhi e guardandomi intorno nel vicolo deserto. Non volevo restare. Le mie mutandine erano fradicie, ma il mio vestito non era poi così male. L’ho aggiustato e mi sono passato le mani tra i capelli.

Mi chinai e raccolsi i soldi. Ho guardato due venti, 40 baht. I soldi che mi aveva già dato, 250 baht. Il mio pagamento per un totale di 290 baht. Costa circa $ 9 o poco più di £ 6,00. Ho sentito lo sperma uscire dalla mia figa mentre mi chinavo e raccoglievo i soldi, ho appena spinto fuori così tanto sperma che si è attaccato alla mia figa, l’ho tirato fuori con il dito e l’ho asciugato sul muro. Non ero nemmeno una prostituta da dieci dollari, all’improvviso ho pensato che fosse divertente. Risi. Immagino sia stato il rilascio di emozioni represse, il mio corpo tremava di risate incontrollabili, anche se non ero ancora soddisfatto del mio desiderio, ero soddisfatto di me stesso, dopotutto, ho aggiunto al mio curriculum uno spaccone da quattro soldi. .

Tornai indietro lungo il vicolo laterale quando un’altra ragazza con un cliente mi passò accanto nello spazio tra gli edifici. Fermandomi, ho guardato indietro e sono rimasto sorpreso di vederla già in ginocchio. Mi sono girato e sono andato per la mia strada. Una volta nel corridoio laterale, sono stato raggiunto da altre due ragazze. Ho appena avuto un momento per raccogliere i miei pensieri quando un altro uomo mi ha preso il braccio. Ha detto qualcosa che non ho capito, era giapponese o coreano. Mi fece scivolare il braccio intorno alla vita, riportandomi dove ero stato pochi istanti prima. L’altra ragazza continuava a succhiare il cazzo del suo cliente, non avevo altra scelta che prendere posto accanto a lei. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi ha dato dei soldi e mi sono inginocchiato, aprendo rapidamente la cerniera, tirando fuori il suo cazzo già eretto. Gli ho messo le labbra sulla testa e l’ho risucchiato nella mia bocca. I miei rumori di risucchio si fusero con gli strilli soffocati dell’altra ragazza a pochi passi da me. Eravamo due puttane da quattro soldi, fianco a fianco al servizio dei nostri clienti. Il mio ragazzo mi ha afferrato per i capelli e mi ha tirato verso il suo cazzo.

Ho sentito l’altro ragazzo eiaculare nella fottuta bocca di mia sorella, me ne sono reso conto quando si è messa accanto a me. Dal modo urgente in cui la mia cliente usava la mia bocca, era chiaro che non voleva essere lì. Chiaramente non avrebbe avuto soddisfazione da questo ragazzo. Beh, meglio farlo in fretta così è finita in fretta.

Ho lavorato la sua asta con la mano mentre succhiava. È venuto veloce quanto volevo, gocciolando il suo sperma nella mia bocca. Eccomi lì, la sensazione ormai familiare, parte della vita di puttana di tutti i giorni, sentendo lo sperma appiccicoso tra la lingua e i denti. Altri mi schizzano in gola, riempiendomi la bocca del suo sapore. Ho continuato a masturbarlo finché non è rimasto niente. Gli ho succhiato il glande e lentamente ho portato la mia mano con fermezza alla base del suo pene, spremendo tutto lo sperma rimanente, prendendolo fino alla punta per leccarlo con la lingua. Ero ancora frustrato senza alcun segno di realizzare il mio desiderio di raggiungere l’orgasmo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi dondolai sui talloni tenendo il suo cazzo davanti alla mia faccia. Respiravamo entrambi a fatica. Guardandolo, ho deglutito diverse volte. Le gocce della sua eiaculazione scivolarono lungo il mio esofago e nel mio stomaco. Ho mosso la lingua intorno alla bocca, tra i denti e le labbra, deglutendo di nuovo per lavare via il resto del suo sperma viscido. Le ultime gocce di sperma sono uscite dalla sua punta e ho usato la mia lingua per pulire il suo pene.

Si prepara e se ne va velocemente. Poi ho capito che l’altra ragazza mi stava aspettando e siamo tornati insieme ridendo e parlando.

Lasciandola con un sorriso, sono passata davanti alle altre prostitute, ma avvicinandomi alla piazza ho notato che la polizia era ancora lì. Mi sono appoggiato al muro fuori vista con un’altra ragazza che mi salutava. Lentamente, mi ha offerto il suo rossetto. Afferrando il suo specchietto tascabile, l’ho applicato con cura, poiché era un vistoso rossetto economico, le mie labbra brillavano di una succosa lucentezza scarlatta bagnata. Mi porse un pezzo di gomma, che presi con gratitudine, volendo sbarazzarmi del forte sapore di sperma. Durante la masticazione, il seme residuo si mescola alla gomma. Non ho potuto fare a meno di sorridere mentre mi chiedevo se potesse esserci una gomma al gusto di sperma. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Altre storie erotiche  Scopata dai muratori che lavorano fuori casa.

Ho alzato il ginocchio, per mettere un tacco contro il muro come le altre ragazze, in quella che sapevo essere una posa totalmente da troia. Ho pensato che gomma da masticare, nel mio vestito da troia, gamba piegata, probabilmente esponendo le mie mutandine, tra il piccolo gruppo di altre troie, ero una troia chiaramente depravata e senza valore. vergogna. Confesso che mi è piaciuta la sensazione di essere con le spalle al muro con le mie sorelle professioniste, nel caldo di una notte a Bangkok. Mi sentivo tutto caldo. Scopare e succhiare i miei clienti ha solo aumentato il mio travolgente bisogno di cazzo. Speravo che l’umidità che scorreva lungo la mia coscia non fosse sperma ma la mia lubrificazione e non sarebbe stata troppo evidente per i passanti. Evans sarebbe stato ad almeno altri 20 minuti di distanza, immaginai. voleva di più Diversi uomini sono entrati nel vicolo guardandoci. Come le altre ragazze, ho cercato di attirare la sua attenzione, sorridendo incoraggiante, sporgendomi in avanti per mostrare i miei seni sotto la scollatura. Era così umiliante, ma desiderava disperatamente essere scelto.

“IM al tuo servizio.

Ho detto come le altre ragazze in tailandese, le altre ragazze hanno ripetuto, con un lungo finale e lacrimoso.

“Ciao, ragazzone. Ti piace bum, bum. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Avvicinandomi a un ragazzo, mi avvolsi nel suo braccio.

“Ti piace Kitty?”

Si chinò e mi strinse il sedere, ma scelse la ragazza accanto a me. Ho fatto del mio meglio per attirare gli altri, ma dopo aver scansionato la merce economica in vendita, si sono rivolti tutti ad altre ragazze, di solito scegliendo quelle con le tette più grandi. I miei 36 C erano comuni, come alcuni laggiù. Sì, l’hanno fatto, 38, 40 e anche di più. Ero così deluso.

Riprendendo la mia posa a ginocchio piegato appoggiata al muro, ho attirato l’attenzione di due turisti occidentali, che mi fissavano mentre cercavo senza riuscirci di ottenere un cliente. Mi guardavano con compassione mentre io sorridevo loro. Si sono fermati momentaneamente per farci una foto. Ho notato altre persone che scattavano foto mentre mi guardavo intorno e poi ho visto un altro ragazzo che si avvicinava con il suo telefono davanti alla sua faccia per catturare video che era determinato a collegare con questo ragazzo.

“Hai tempo? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Tesoro, ho un sacco di tempo.

” Per favore ?

feci le fusa, sorridendogli seducente.

Ha messo giù il telefono scattando un’ultima foto e il sorriso si è congelato sul mio viso. Era Clive. Oh no! Non ancora.

“Bene, cosa abbiamo qui! Se non sei la mia cagna preferita, fai trucchi anche qui?

Disse con una leggera smorfia, guardando me ei miei compagni.

” Si Qualche volta.

Era un po’ tardi per negarlo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Quindi lavorare come prostituta nel bar è davvero un passo avanti per te. Penso che i locali qui siano troppo eleganti per una ragazza come te. Indicò il punto dietro di lui.

“Dubito che quelle ragazze dei club lavorino per strada, ma tu sei meglio di alcune delle puttane lì.”

“Era un complimento?” »

Ho pensato chiedendomi.

Sorrido di rimando. Mentre parlava, entrambi abbiamo notato un altro ragazzo che camminava lungo il corridoio con un’altra ragazza, entrambi aggiustandosi i vestiti.

“Ah, quindi il vicolo è dove le ragazze fanno la loro magia. Non è così?

Ha risposto al telefono scattando altre foto di me e delle mie sorelle e una delle ragazze gli ha urlato contro quando l’ha visto.

Sono rimasto sorpreso dal fatto che gli ultimi ragazzi abbiano scelto altre ragazze perché mi sentivo molto più carina di loro. Quando ho guardato indietro, ho notato che la polizia veniva verso di noi. Non voleva davvero rischiare la sua attenzione. Senza pensarci, mi alzai e gli misi una mano sul petto.

«È così bello rivederla, signore. Gli sorrido, facendo il broncio con le labbra scarlatte per mandargli un bacio. Non ha opposto resistenza e mi ha preso il braccio.

“Vediamo che magia fa questa cagna.”

disse ironicamente.

Dato che volevo davvero farmi scopare, sono andato con lui. Ma Clive, di nuovo? Avrei riavuto la mia figa? Avrei davvero lasciato che il capo di mio marito mi fottesse di nuovo? Sapevo che probabilmente lo avrei rivisto in futuro. Come potrei affrontarlo? Ma mi sono bagnato di nuovo solo pensando a quella possibilità.

«Da questa parte, signore. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Prendendolo sottobraccio, lo condussi lungo la stradina, svoltando nel vicolo buio, proprio mentre un’altra puttana, aggiustandosi i vestiti, emergeva dal varco con il suo John. Era un po’ indeciso su dove andare, ma il richiamo di usare la mia figa era chiaramente sufficiente per superare le sue inibizioni.

Sembrò sorridere, mettendogli le mani intorno al collo e tirandolo nello spazio tra le scatole. Sfortunatamente, sono incappato in qualche spazzatura, che ha distrutto il mio tentativo di essere un’elegante femme fatale.

Ha riso alla fine umiliante di questa affermazione ridicola e ho visto anche il lato divertente. Ero una puttana di strada! In un istante, fui di nuovo schiacciato contro il muro, accanto alla stessa scatola dei bassi del mio precedente imbarazzo. Metto la mia borsa nella spazzatura mentre lui mi mette le mani addosso, facendole scorrere sulle mie curve. Rabbrividii dal desiderio del suo tocco, il mio corpo prese vita, formicolando dappertutto. Alzai la bocca per baciarlo mentre lui avvicinava la sua bocca alla mia e poi si allontanava. Non ero sicuro di sentire l’odore di sperma nel mio alito! Mi ha baciato il collo, la gola, il petto. Mi sentivo così eccitato dalle sue attenzioni che già gemevo di malcelato desiderio. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Sei davvero una stronza, una puttana crema di sicuro.

Questo è tutto ciò che ha detto. Era così vero. Non riuscivo a controllare il mio comportamento sottomesso. Adesso sapevo qual era il mio posto e caddi in ginocchio davanti a lui, armeggiando con la sua cerniera lampo. Era piuttosto buio ed era difficile vedere nell’ombra. non ho potuto aprirlo.

“Dannazione, ragazza. Lasciami.

disse Clive con impazienza, spingendomi via. Si sbottonò i pantaloni e li sbottonò.

“Beh, non stare seduto lì, vai avanti.

Non era diventato un ragazzo migliore, pensai, ma era troppo tardi per tornare indietro. Potevo vedere un grosso nodulo davanti alla mia faccia. Ho afferrato la cintura dei suoi boxer e l’ho abbassata un po’ davanti. Il suo cazzo si alzò immediatamente in piedi con forza. Allungai una mano e chiusi le dita su di lui, le punte delle dita non si toccavano. Gettai indietro i capelli e mi ficcai il cazzo in bocca. Salivo sul suo glande, in armonia con la fleboclisi della mia fica. L’ho leccato e succhiato, prendendolo in gola, prima di tirarlo fuori, senza fiato. Allungando il collo di lato, gli ho leccato le palle fino in fondo prima di ingoiare di nuovo il suo cazzo. Scossi la testa da una parte all’altra mentre lui scuoteva il cazzo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Sì, maledetta stronza! Lei è una brava ragazza.

Ho lavorato il suo cazzo su e giù con entusiasmo. Prima che mi afferri la testa.

“Basta così. Alzati adesso. Preservativo. Sicuramente non ti fotterò più la figa senza sella.”

Afferrai la mia borsa, tenendola tra di noi. Ho trovato un pacchetto di preservativi mentre cercavo nella mia borsa.

“Biglietto da visita? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ne avrò uno nel caso avessi ancora bisogno di te. E ha cercato nella mia borsa e ha tirato fuori molte delle mie lettere.

” Inferno.

Ho pensato, ma perché dovrebbe interessarmi se ha già le mie foto? Sollevò la carta, lottando per leggerla ad alta voce al buio, anche leggendola in tailandese.

«Ragazza numero 43, Kitty. Il meraviglioso Oriental Kitty è disponibile per il servizio completo. È molto dolce e sottomessa, tutti i suoi buchi sono i benvenuti per la tua piacevole esperienza. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Altre storie erotiche  Sveltina prima del lavoro - Racconti erotici

Ha aperto il pacco e si è messo il preservativo. Mentre guardavo, guardavo il suo viso. Mi ha consegnato $ 10 che ho accettato con un leggero sorriso. Non volendo perdere altro tempo, Clive mi ha afferrato per le spalle, mi ha fatto girare, spingendomi contro il muro, esponendomi il sedere. Completamente spudorato, spinsi il culo verso di lui muovendomi in modo seducente, offrendomi. Il mio vestito corto mi arrivava alla vita. Ero protetto solo dal mio perizoma. Odiavo che fosse il capo di mio marito, che avesse abusato di me prima nel bordello, ma volevo disperatamente sentire un uomo in me, qualsiasi uomo, anche lui.

Ha colpito forte il mio sedere nudo facendomi urlare. Non mi importava, non avevo orgoglio.

“Fottimi, per favore, fottimi, fottimi!”

gemo contro di lui. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Afferrandomi i fianchi, mi attirò a sé così che mi sporsi ancora di più in avanti con le mani piatte contro il muro. Mi ha forzato ulteriormente le gambe divaricate. Allungai una mano dietro di me, trovai il laccio sottile delle mie mutandine e lo scostai, offrendomi a lui. Le sue dita corsero lungo il mio sedere, trovando le labbra della mia vagina. Le mie mutandine erano fradice, la mia figa fradicia. Potevo sentire il suono liquido mentre le sue dita scivolavano dentro e fuori dalla mia figa.

Rise del mio imbarazzo. Rabbrividii di anticipazione. Stavo per farmi scopare di nuovo in quel vicolo sporco, ero una trasandata puttana di strada desiderosa di questa umiliazione, ma non mi importava, volevo il suo cazzo. Volevo Clive dentro di me adesso, questo tizio che ha pagato dieci dollari per fottermi contro il muro in quel vicolo deserto.

Ora potevo sentire il suo cazzo duro sbavare attraverso la mia figa e tra le mie gambe. Spingendo tra le labbra della mia figa, scivolò lungo il mio culo prima di tornare sulle mie labbra. bagnato, scivolando avanti e indietro sulla mia apertura liquida, strofinando contro il mio clitoride. Mi sentivo debole alle ginocchia e desideroso di essere penetrato dal suo cazzo duro. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Per favore, entra, lo amo così tanto.

Gemetti disperatamente, girando il sedere contro di lui, stringendo le gambe insieme, intrappolando il suo cazzo per sentirlo toccare il mio clitoride più a lungo.

Era così patetico gemere di desiderio, una cagna con sensazioni come un cazzo strofinato contro la sua clitoride.

“Puttana! Bella piccola puttana.

disse con voce rauca. Ha spinto il mio ingresso. I muscoli della mia figa offrirono una breve, dolorosa resistenza, facendomi ansimare. Spinse forte e il suo pene si fece strada nella mia figa mentre gemevo forte. I miei muscoli vaginali si strinsero sul suo cazzo, stringendoli forte mentre lui li separava gradualmente. Gemevo senza sosta mentre si spingeva più a fondo dentro di me, ogni spinta mi spingeva contro il muro. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Alla fine ho preso l’intera lunghezza del suo sesso grassoccio e ho potuto sentire la sua punta premuta contro il mio collo. Indietreggiò e poi spinse ancora e ancora, il mio intero corpo tremava a ogni impatto. Mi ha afferrato per i fianchi e mi ha manovrato di lato, poi mi ha spinto in avanti, spingendo la mia corporatura snella nel cassonetto. Le mie dita hanno trovato il bordo di metallo e l’ho afferrato. Duro, molto forte, il suo corpo martellava dentro di me, dentro il mio fottuto buco, i suoni bagnati della mia figa accompagnavano i gemiti e le urla che uscivano dalle mie labbra.

“Troia! Ahhh, ahhhh! Whoa! Sperma!

Mi sentivo disorientato, in uno stato di vergognosa felicità. Ero estasiato quando il mio corpo, destinato sicuramente solo a mio marito, è stato violentato e impalato dal suo capo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

È stato così scioccante, ero una disgustosa prostituta che veniva scopata, china su un cassonetto in un vicolo buio. Era posseduto da sentimenti di pura lussuria. Mi sentivo come una piccola bambola del sesso, infilzata dal cazzo duro di un uomo che non conoscevo. Le sue grandi mani erano dentro il mio vestito e mi massaggiavano i seni, stringendo e pizzicando i miei capezzoli, inviando nuove scosse attraverso il mio corpo.

Ho spinto indietro quando si è fermato. Mi contorcevo contro il suo cazzo, una cagna assolutamente lussuriosa, spingendo il suo cazzo dentro e fuori di me, gemendo per il piacere che inondava il mio corpo. Il mio corpo si sentiva posseduto, ero una succube, affamata di orgasmo. Il mio culo si schianta contro le sue cosce.

Mi ha schiaffeggiato forte. Ho urlato di nuovo e lui ha ricominciato a martellarmi la figa. Per quanto fosse stronza, poteva sentire la pressione crescere, crescere, iniziare a traboccare. Non riuscivo più a trattenermi, ero disperato. Poteva sentire un urlo salire dal fondo. La sensazione stava crescendo, crescendo, non riuscivo a trattenermi. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi ha fottuto per tutto quello che valeva. È stato doloroso, ma lo volevo, volevo tutto. Stava ringhiando forte ora, non mi importava cosa stesse dicendo. Eravamo entrambi madidi di sudore. La gioia penetrante non poteva più essere contenuta.

“Ahi! Sì Sì Sì! Unnh, fottimi… Unnnh, unnngh! Sono così vicino Unnnh! Ow… Sto arrivando, sto arrivando! Ahhhh!

E ho urlato nel mio orgasmo. Rabbrividii contro di lui di pura gioia, stringendogli il pene, stringendolo mentre continuava a muoversi dentro e fuori dal mio corpo, sempre più veloce, finché anche lui gemette rumorosamente. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Troia! Sperma! Sì. Ahhhhhhhhhhhhhhhhh…!

Il suo cazzo palpitante ha spinto in profondità dentro di me, facendo schizzare fuori il suo seme. Potevo sentire gli schizzi contro la mia cervice attraverso il lattice del preservativo. Ha spinto contro il mio corpo diverse volte mentre lo stringevo, cercando di trattenerlo saldamente dentro. Rabbrividii quando i miei spasmi si placarono. Mi ha rilasciato e se n’è andato, ho sentito il suo cazzo uscire dalla mia figa.

Si tolse il preservativo intero, lo gettò in un angolo. Mi sono sdraiato sul cassonetto, il sedere ancora esposto, respirando affannosamente, sentendo il mio cuore che batteva all’impazzata. Clive fece un passo indietro e si tirò su i pantaloni mentre io mi alzavo e mi giravo, appoggiandomi al bidone della spazzatura. Era ancora un idiota, ma sono rimasto sbalordito dal modo in cui mi ha fregato. Gli sorrido.

“Devo dire che è stato fantastico. Sei una troia totale, ma hai una bella figa. Peccato che parto domani. Non c’è alcuna possibilità che mi rivedrai, per molto tempo, forse mai più Sai, potresti guadagnare molti più soldi se venissi nel Regno Unito, faresti molto bene lì.

” Grazie signore. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sono rimasto sorpreso quando mi ha dato $ 20, devo piacergli davvero.

“Beh, spero di rivederti un giorno, forse. Addio.

Si voltò e tornò alla piazza.

Ho sistemato la mia biancheria intima, il vestito e i capelli al meglio delle mie capacità. Nel vicolo, una delle altre prostitute mi ha lasciato usare la sua spazzola. Ho visto sull’orologio della piazza che Evans sarebbe arrivato presto. Fortunatamente, la polizia se n’era andata, quindi mi sono diretto alla gioielleria. Mi sono fermato a una bancarella per comprare una lattina di Pepsi. Bevvi un sorso di Pepsi, mi sciacquai la bocca e deglutii, asciugando ogni traccia di sperma.

Non volevo davvero che Evans sentisse l’odore dello sperma nel mio alito. Lungo la strada ho notato un altro piccolo negozio, questo che vendeva gioielli, sono passato e ho guardato i pezzi davvero belli. Ho tirato fuori una catena sottile con un piccolo ciondolo di giada. Contrattando brevemente, l’ho comprato con i miei guadagni e me lo sono appeso al collo.

Il mio corpo stava ancora ronzando, ma ora era più calmo. Volevo davvero vedere Evans. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Da seguire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *