Ragazza cinese persa a Bangkok – I

di | 10 de Dicembre, 2022

Ragazza cinese persa a Bangkok

Storia tradotta e adattata da Marina G., scritta da Zoeleong.

Mi sono seduto nervosamente al tavolo, desiderando di essere da qualche altra parte. Indossai uno dei due bellissimi vestiti che avevo portato con me per questo viaggio, sollevata dal fatto che non fosse sexy come gli altri. Aveva le maniche lunghe e mi copriva le cosce appena sopra le ginocchia. Avevo i capelli raccolti e indossavo un girocollo nero a collo largo che avevo comprato in un centro commerciale quel pomeriggio.

Il professor Wu Yongjie era al tavolo, i suoi due arroganti assistenti erano al suo fianco. Aveva provato un’immediata antipatia per tutti loro. A lui, per la sua arroganza, i modi prepotenti e la maleducazione nei confronti del personale dell’hotel o di chiunque ritenesse inferiore a lui. E anche in quel modo schifoso lo lusingavano, ridendo delle sue battute e sorridendogli.

I suoi assistenti erano già diffidenti nei miei confronti, una bella ragazza cinese straniera e potenziale concorrente. Una delle ragazze mi guardò incuriosita, poi con uno sguardo più profondo. Ho distolto lo sguardo e ho detto qualcosa sul cibo alla mia vicina perché volevo distogliere la sua attenzione da me. Ma sapevo che mi stava ancora guardando. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Chinandomi per sussurrare al professor Wu, il mio cuore si strinse e sentii il mio viso avvampare.

“” Mi hanno riconosciuto? “

Poi si rivolse a me.

“Che bella collana.

Parlava con un sorriso sgradevole.

“Posso vedere?

E lei tese la mano. Speravo di togliermelo e di passarglielo.

“Mi dispiace, ma il fermaglio è difficile da aprire e più difficile da chiudere una volta aperto.

“Le collane servono a nascondere le cose. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Lei dice.

Il mio cuore batteva all’impazzata e mi scusai per andare in bagno.

Rimasi davanti allo specchio, guardandomi.

“Quella ragazza sono ancora io?”

Studiai il girocollo, girando la testa da una parte all’altra. Non si vedeva niente. Ho arrotolato delicatamente il girocollo, c’era il morso a forma di labbro rosso scuro sul mio collo. L’ho toccato e ho sospirato, poi ho sollevato l’orlo del mio vestito, esponendo le mie cosce e guardando i vari lividi. Ho apprezzato l’abito a maniche lunghe che nascondeva di più. Sono andato in uno dei bagni a fare pipì e mi sono seduto per un po’. Ho sentito la porta aprirsi seguita da voci. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Erano tra le altre donne che accompagnavano il Prof. Wu.

“Penso che sia lei.

«Sembra lui, ma non può essere. È una puttana, questo è certo, ma non me la immagino nel locale a prostituirsi.

“Allora perché indossa quel girocollo?” Non si abbina al vestito, potrebbe nascondere un grosso succhiotto.

Poi la mia mente si è rivolta ai giorni passati e come se fossi stato teletrasportato qualche giorno fa, tutto mi è tornato in mente.

Ricordi.

Mi sono ricordato. Come potrei dimenticare? Tutto era così fresco nella mia mente e i miei ricordi risalgono a quando tutto è iniziato. Sì, tutto questo è vivo nei miei ricordi e so che non dimenticherò mai nessuno dei tanti dettagli. Qualcosa che ho vissuto prima che il mondo cambiasse con il Covid.

All’epoca aveva 26 anni ed era sposato da poco più di un anno. Mio marito è un contabile e siamo usciti insieme per 3 anni. Hanno vissuto una vita agiata, anche troppo routinaria, per poco più di un anno di matrimonio. Mio marito ed io siamo molto impegnati con le nostre carriere e siamo sempre stanchi prima di andare a dormire. Il sesso era ancora buono, ma dubitavo che facessimo sesso più di una volta alla settimana. Forse le nostre vite mancavano di passione ed eccitazione. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

A quel tempo, stavo partecipando a una conferenza medica a Bangkok. Avevo concordato con mio marito che dopo la conferenza mi sarei presa qualche giorno di ferie e sarei rimasta con gli amici che erano anche loro presenti alla conferenza. Con questo breve racconto, torno a me stesso seduto in bagno mentre la mia mente torna all’inizio dell’evento.

Mi sentivo irritabile. La conferenza non è stata così interessante come avevo sperato, anche se la mia presentazione è stata ben accolta. Ora avevo finito il mio discorso e ci fu un delirio.

La cena della conferenza di stasera è stata lunga. Volevo sedermi a cena con i miei amici, ma avendo vinto un onore, dovevo sedermi a tavola con gli anziani. Come ho già detto, il professor Wu Yongjie ha confermato la tradizione. Ho saputo che era un pezzo grosso a Pechino ed è rimasto colpito dalla deferenza mostratagli da altri medici asiatici in Tailandia, Taiwan e Filippine.

Si diceva che fosse molto ricco, la sua arroganza in piena mostra, e sembrava sempre essere circondato da una folla di giovani stagisti e assistenti di ricerca. Mi chiesi furbescamente se avessero un altro compito.

Era un uomo di mezza età, grasso, calvo e abituato a fare quello che voleva, e ora sembrava aspettarsi che io, un bel giovane medico cinese britannico, gli mostrassi la stessa deferenza. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Si aspettava che soccombessi al suo presunto fascino?

Alcuni ragazzi hanno lasciato intendere che ora che il mio articolo di ricerca è pronto per il premio finale, potrebbe valere la pena essere gentili. È stato presidente del comitato dei premi. Dentro, ho provato un senso di indignazione! Si aspettavano che andassi a letto con lui? In effetti, lo trovavo decisamente ripugnante, e il pensiero che mi toccasse mi faceva rivoltare lo stomaco.

Diverse volte durante la cena l’ho trovato strabico, cercando di attirare la mia attenzione, altrimenti sembrava annoiato.

Quando qualcuno al tavolo menzionò i quartieri a luci rosse di Bangkok, l’attenzione del professor Wu sembrò essere stuzzicata. Disse una donna americana di mezza età seduta di fronte.

“Non riesco a capire come queste ragazze facciano queste cose. Lo sapevate? Per soldi. È così umiliante.

La professoressa Wu si è limitata a ridere, anche se i suoi bellissimi assistenti erano d’accordo con lei, mostrando chiaramente il suo totale disprezzo.

Tendevo ad essere d’accordo con loro, provando disprezzo per le donne così basse, così al di sotto del mio status, ma in qualche modo ero sempre stato curioso di questo mondo. Ero un avido lettore di Anais Ninn, Collette, Angela Carter e delle loro storie dal mondo secolare. Ricordo di essere stato commosso da una storia di Guy de Maupassant quando ero a scuola, su una donna ricca che fu scambiata per una prostituta. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sono cresciuta a Londra in un mondo completamente diverso, frequentando la scuola femminile, poi Oxford e poi diplomandomi al Sant’Hospital. Tommaso. Sapevo di essere stato fortunato nella mia vita, sapevo anche di essere stato viziato, la pupilla degli occhi dei miei ricchi genitori. Anche i miei due fratelli si sono sempre presi cura di me.

Alla fine, la cena era finita e ci siamo diretti tutti verso la pista da ballo. Diverse volte ho dovuto sorridere gentilmente e allontanarmi dalle braccia di un collega anziano eccessivamente amorevole. I medici giapponesi e cinesi sono stati più violenti nel palpeggiarmi rispetto alle loro controparti occidentali, ho sentito più di qualche mano sul mio sedere nell’oscurità della pista da ballo. Non sto dicendo che ero eccitato, ma ero un po’ eccitato.

Quando ho visto il professor Wu avvicinarsi a me, sono scivolato via. Con una leggera fuga, mi sono allontanato dalla pista da ballo e sono andato a bere qualcosa al bar dell’hotel con i miei amici e colleghi. Abbiamo passato un’ora piacevole parlando e bevendo troppo. Verso le 23:00 ci siamo salutati.

Feci un salto veloce in bagno, poi andai agli ascensori, dondolandomi e appoggiandomi alle pareti, bevendo vino e scotch e chissà cos’altro. L’atrio dell’ascensore era vuoto.

Mentre aspettavo l’ascensore, in qualche modo mi sentivo un po’ eccitato, desideravo qualcosa, ma cosa? Ho pensato di salire in camera mia, sdraiarmi sul letto, toccarmi. Volevo il rilascio. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Quando l’ascensore è arrivato e la porta si è aperta, mi sono fermato di fronte ma non sono entrato, girando sui tacchi e allontanandomi dall’ascensore. Volevo un po’ d’aria, la mia mente era un po’ stordita. Ho deciso di andare da solo. Avevo già chiamato a casa, quindi non c’è altro da dire, mio ​​marito era al lavoro.

Ho attraversato la strada fino al Marriott, un elegante hotel per conferenze in stile asiatico. Molto più grande che a Londra.

Prima aveva piovuto. Senza preoccupazioni, i miei piedi mi hanno portato avanti. Mi sentivo eccitato, senza sapere veramente perché. Ho guardato di tanto in tanto quando nelle vetrine dei negozi per vedere. Sono andato. Le strade cambiavano poco a poco, i grandi magazzini ei ristoranti di lusso cominciavano a scarseggiare, ma io non me ne rendevo conto, volevo solo camminare.

Ho camminato ancora un po’, notando a malapena come le strade si restringessero, notando a malapena come i bar diventassero più piccoli, affollati, neon economici che brillavano sul marciapiede bagnato. Non potevo camminare con grazia con i tacchi alti, non dopo aver bevuto così tanto e sentirmi stordita a ogni passo, ma almeno potevo ancora stare in piedi e camminare.

Mentre camminava, notò gli sguardi ammirati dei ragazzi che bevevano ai loro tavoli. L’ho presa in giro, ma ignaro di quello che stava facendo, le ho restituito il sorriso e ho mosso il sedere in modo più provocatorio.

Ristoranti e caffè hanno lasciato il posto a vari bar. Erano tutti simili con gli inserzionisti che mostravano i loro nomi. Donne tailandesi e cinesi, che mi somigliavano un po’, sedevano sulle panchine e aspettavano i clienti sotto l’occhio vigile delle loro Mamasan, le signore che gestivano i bordelli. C’era un sacco di gente che passeggiava da queste parti e ho svoltato in una stradina laterale ancora fiancheggiata da piccoli bar e sale massaggi. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi sentivo arrapato, vivo, ancora ubriaco e volevo di più. I miei amici sono tornati presto nelle loro stanze, il che mi ha infastidito, ma non ero pronto per andare a letto.

“La conferenza continua domani. Accidenti, potrei fermarmi in uno di quei posti per un altro drink.

Mi sarebbe piaciuto entrare in uno dei caffè più belli che avessi conosciuto. Ma poiché ero lì, andando a bere qualcosa sul posto, ho esitato davanti a una porta.

“Entro o entro adesso?” Faresti meglio a bere un ultimo drink.

Ma prima che potessi fare un passo, il portiere aprì la porta, sorridendomi. Ho varcato la soglia di questo bar senza nome ed sono entrato. La musica sfrenata mi ha colpito e ho inalato l’odore di alcol, sudore e tabacco. Mi sentivo ubriaco, esultante. Voleva bere, ma sapeva che doveva essere vigile, attento.

C’erano buone probabilità che un ragazzo stesse cercando di chattare. Ma, ammettendo a me stesso che volevo sentirmi desiderato, ero pronto a flirtare un po’. Pensavo di potermi liberare prima che accadesse qualcosa di troppo, qualcosa di cui mi sarei pentito in seguito. Forse un bacio. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Era piuttosto buio, con luci lampeggianti e tanta gente, un palco circolare rotante, rumore, trambusto, vita.

Ero vicino all’ingresso, osservando la scena. Mentre i miei occhi si abituavano all’oscurità, non ero sicuro che quello fosse il posto migliore per un drink. La maggior parte delle persone nel bar erano uomini single o in piccoli gruppi. C’erano anche donne, la maggior parte in bikini succinti. Poi ho notato che alcuni erano completamente nudi. Sembravano cameriere che portavano da bere, ma ne ho viste anche alcune sedute con dei ragazzi.

Ho notato una ragazza nuda che tornava al bar con un vassoio vuoto. Passando davanti a un tavolo, un ragazzo l’ha afferrata per il polso e l’ha tirata a sé, lei è caduta in ginocchio. Ero sbalordito, aspettandomi che lo schiaffeggiasse e chiamasse la sicurezza. Ho capito subito che era il suo ruolo. Poi ho notato diverse ragazze inginocchiate sotto i tavoli, le loro teste che dondolavano su e giù tra le gambe dei loro clienti.

Ero sbalordito e affascinato. Mi voltai per andarmene pensando di aver visto abbastanza e che avrei sicuramente avuto una storia da raccontare ai miei amici. Decidendo che il lusso del Marriott aveva qualcosa da offrire, sono andato oltre il mio piano originale di toccarmi, rimpiangendo di aver dimenticato di portare il mio piccolo vibratore per rossetto in questo viaggio. Con questo in mente, improvvisamente ho notato un movimento con la coda dell’occhio mentre camminavo verso l’ingresso.

È venuta a trovarmi velocemente. Il proprietario, enorme, come un magnaccia di una vecchia favola, familiare, brutto, grasso, simpatico e volgare. Senza istruzione, analfabeta, immaginai con pregiudizio. È venuta a trovarmi alla porta. ME! Un medico cinese britannico di prim’ordine che aveva appena ricevuto il plauso universale per la qualità della mia ricerca. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Era distante ma affascinato da lei mentre mi guardava negli occhi. Mi squadrò dall’alto in basso, valutando il mio corpo sotto il vestito sottile e calcolatore. Non sapeva nulla di me, della mia intelligenza, di tutte le opportunità per la mia carriera, del mio ricco marito. Hai appena visto una ragazza cinese.

“Vuoi restare qui, ti piace qui?

Parlò, la sua voce roca, più un’affermazione che una domanda. Ero senza parole, inorridito, affascinato e tentato.

“Abbiamo sempre lavori per belle ragazze.

Si avvicinò a me, era molto più alta.

“Ti piace qui? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Barcollai ancora un po’, annuendo umilmente, guardandola. Certamente significava che il posto mi piaceva. Non che volessi lavorare lì. Sembrava assumere quest’ultimo senza esitazione, assumendo improvvisamente la posizione di autorità, come se fosse il mio capo nella nostra breve relazione. Mi prese il braccio nudo e mi allontanò con fermezza dalla porta del suo mondo.

Ho guardato indietro verso l’uscita che si allontanava e improvvisamente ho sentito una fitta di paura, in questo luogo pericoloso, con il suo vortice di suoni e immagini, ora ero più vicino alle ballerine seminude, stavano ondeggiando in cima al palco. . i loro corpi e aggrappandosi ai molti poli. Ho dovuto saltare per evitare le caviglie di una ragazza nuda sotto un tavolo accanto a me che succhiava un cliente.

Da seguire…

giorni di puttana

“Oh merda si!

Mi sono reso conto che stavo eiaculando nella bocca della ragazza. Ho sentito uno shock. Ma, non posso mentire, ero anche affascinato.

«Adesso, solo un minuto.

cominciai a dire, adottando il mio solito tono altezzoso quando volevo sminuire qualcuno. Ma non mi aveva nemmeno sentito, stava salutando qualcuno, tenendomi ancora il braccio. Ho provato a spingerla via, ma lei mi ha abbracciato forte. Ero sbalordito, assorbendo a malapena quello che stava dicendo.

“Sì, sono contento che tu lavori qui. E ti chiamerò Kitty.

Ha annunciato con fermezza. Ho anche pensato che avrei potuto giocare con quell’orribile donna di classe inferiore per un po’. Come potevano immaginare che potessi diventare una ragazza del bar? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

«Tu ballerai lì, Kitty.

Indicò le bellezze in bikini sul palco.

“Il mio nuovo nome? Oh mio Dio, cosa sta dicendo? Regole? Mi dice le regole della casa che devo seguire? Ho bisogno di uscire da qui.

Stavo cercando di trovare un modo per dirlo. Vide che era irrequieto, quindi alzò il braccio e presto le fu offerto un bicchiere di una specie di bevanda.

” Bere !

Il suo tono autoritario mi sorprese e senza pensarci ne bevvi un sorso.

“Bevi tutto!

Mi sono spaventato ancora di più e provando un po’ di paura, ho restituito tutto il contenuto. Era forte, molto forte, ho persino tossito per l’alto contenuto di alcol.

“Non è consentito indossare biancheria intima, non è consentito rifiutare i desideri degli ospiti. Ehi, ehi, non mi hai sentito dire? Capisci?

“Oh! Capisco, ma davvero…

“Va bene, va bene… sbrigati, cambiati.

Mi girava un po’ la testa quando si avvicinò un’altra donna simile a lei. Mi hanno condotto, quasi fermamente spinto, in fondo al bar, lungo un piccolo corridoio, e in una piccola stanza. Era uno spogliatoio. Tenevo in mano la mia borsa a tracolla, ma lei mi ha tolto la tracolla e l’ha appoggiata su un tavolo.

” Alza le braccia. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Alzai le braccia come per dire che mi stavo arrendendo, sperando che si limitasse a guardare la mia figura. Ma prima che potessi rendermi conto che era stato tutto un errore e che era andato abbastanza lontano, mi afferrò l’orlo del vestito e me lo tirò sopra la testa.

Mi hanno portato via il mio bellissimo vestito rosso di Saint Laurent. Sono in reggiseno e mutandine e vedo la mia figura minuta e snella nello specchio sporco accanto al suo corpo enorme. Vorrei che la mia lingerie fosse un po’ più saggia.

«Presto, tirali fuori subito.

ordinò, mentre io stavo in silenzio, incerto, al suo fianco. Mi afferra per le spalle nude e mi scuote!

“Stupida ragazza, girati.

E lei mi girava intorno, mi sentivo impotente nel suo braccio forte. Uno strattone e l’ho sentito con impazienza si slacciò il reggiseno. Cade a terra. Lo guardo a terra. Era più stordito di quanto non fosse già. Come osi trattarmi così?

“Un paio di pantaloni. Sei molto lento. So già cosa serve per essere più intelligente.

Ha urlato a una delle ragazze al bar di portarle da bere qualcosa di cui non aveva mai sentito parlare. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Bevilo in fretta, ti ecciterà di più.

Non volevo più bere, il mio desiderio dopo l’ultimo drink era svanito, ma prima che dicessi qualcosa, mi ha afferrato il naso e mi ha tirato indietro la testa, non appena ho aperto la bocca, ha versato il contenuto della tazza . L’ho ingoiato senza nemmeno assaggiarlo. Questa bevanda era ancora più forte, bruciava, mi sentivo come se il mio stomaco fosse in fiamme. Tossii di nuovo, questa volta più a lungo.

Poi ha urlato di nuovo.

“Togliti i pantaloni.

E senza ulteriori indugi, infila i pollici nella mia cintura e tira. Sono nuda Lei era in piedi dietro di me con le mani che mi stringevano le spalle, mi girò verso lo specchio ed entrambi fissammo il mio corpicino nudo.

Io nel mio oscuro ragionamento, penso.

“Chi è questa ragazza? Posso davvero essere io?

Improvvisamente mi sono sentita molto vulnerabile, un po’ spaventata da queste grandi dominatrici, quando ho sentito la sua mano accarezzarmi il sedere.

Mi regala un vestitino. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“No, nylon lucido da quattro soldi, sicuramente non un reggiseno trasparente. Questo è tutto ?

Questo è quello che ho pensato in quel momento.

Ansioso di coprire la mia nudità, cerco tra i miei nuovi abiti da lavoro, sotto il suo sguardo severo. Il bikini mi copre appena. Riesco a vedere i miei capezzoli marroni attraverso il tessuto trasparente. Un po’ in perizoma, il piccolo triangolo di peli scuri sulla mia fica è visibile e accessibile. Ho anche i tacchi di 17 cm, tipo fuck me.

Nessuno di me Prendi un rossetto e scrivi un grosso 43 rosso sulla mia coscia. Marchiato come una ragazza del bar.

Anche le labbra. Tu sei il numero 43.

Consapevolmente, davanti allo specchio, mi metto il rossetto sulle labbra, uno strano scarlatto brillante.

“Io appartengo a questo posto? »

Sono stordito, stordito, spaventato ed eccitato.

Mi riconduce al bar. Mamasan mi guarda con approvazione, una tipica ragazza da bar. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Sì, ai clienti piacerà, ora ballerai.

Mi ha ordinato di salire sul palco a due livelli tra due pali. Sono qui, musica ad alto volume, ballerini.

— Cosa è successo? Stamattina ero su un altro palco a parlare, applaudendo quando ho finito.

Stavo bene, ma sapevo che alcuni uomini tra il pubblico mi stavano spogliando mentalmente. A volte, prima di sposarmi, venivo etichettata come una ragazza asiatica bella e sexy.

Sembro ancora molto più giovane dei miei 26 anni. Adesso sono una delle tante minuscole ballerine in bikini. Mi vergogno di salire sul palco e sentire il mio corpo riscaldarsi e tutto sembra più luminoso e più bello. Comincio a muovermi, a ballare al ritmo degli altri. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Il tempo passa e la bevanda fa effetto.

“Va bene, posso farlo. Non così umiliante.

mi dico. Forse posso anche raccontare ai miei amici del tempo che ho passato a ballare sul palco di un bar per uomini. Non menzionerò che indossavo solo un bikini che copriva a malapena il mio corpo.

Ho ballato alcune canzoni, forse 15 o 20 minuti di ballo, sono ubriaco ma mi diverto, mi muovo in modo sexy, mi giro in modo più provocatorio ora tenendo una sbarra, non ho più occhi su di me, lo vedo quando catturo gli occhi del ragazzi che mi guardano qua e là. Sorrido e li saluto riconoscendo il loro apprezzamento, noto che alcuni di loro salutano una cameriera. Ancora qualche minuto ed è ora di scusarsi e andarsene.

Torna al mio accogliente hotel. Rannicchiati tra le mie lussuose lenzuola morbide sul letto Marriott e tocca il mio clitoride.

“Wow! È successo qualcosa? Ho perso un segnale?

Sento l’atmosfera cambiare, un’eccitazione che filtra nel bar, un senso di attesa. Anche la musica è cambiata. Vedo ragazze che tirano i fili sui loro reggiseni e slip bikini. Le ragazze davanti al palco inferiore, a poca distanza dai maligni avventori, sono ormai nude. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Devono essere diversi da noi quaggiù, dovremmo solo essere ballerini, sì, tutto qui. Ma le ragazze intorno a me stanno iniziando a fare lo stesso. Sento un leggero panico. Non sono mai stato un esibizionista.

Improvvisamente, qualcuno strattona il laccio del mio reggiseno e delle mie mutandine e i pezzi scivolano via dal mio corpo. Sono nudo con gli altri, solo il mio numero di rossetto sulla coscia, il numero 43. Sto ballando di nuovo. C’è un vuoto davanti a me, vengo spinto dolcemente in avanti, non posso farne a meno e scendo al livello inferiore. Ora sono in prima fila sul palco inferiore, a pochi metri dalle persone, con i loro volti proprio davanti a me. mi sento assorbito.

Di nuovo la luce laser verde squilla, ma questa volta sulla mia nudità. Di nuovo, come alla conferenza, vedo i ragazzi seduti di fronte a me che mi guardano. Guarda bene la mia figa! Puoi allungare la mano e toccarmi! Alcuni lo fanno, una mano mi accarezza la coscia. Mi allontano in modo seducente prima che lui mi tocchi la figa.

Solo poche ore fa, stava ballando alla cena della conferenza in costume. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Puttana! Dove sono i miei vestiti adesso, devo cambiarmi per tornare a casa? Cum! Il mio portafoglio… Il mio telefono.

La mia mente è impantanata dall’alcol.

“Sono rispettato”.

Mi è passato per la mente.

“Come sto? Cosa vedi? Ammirano e apprezzano? È rispettoso qui.

Cerco di ballare in modo più raffinato rispetto alle ragazze intorno a me. Cerco di adottare un’espressione più altezzosa, devono vedere che sono diversa da queste puttane. Mi ubriaco sempre di più, ma non bevo più. Sono stati i drink che ho bevuto ad avere il massimo effetto.

Chi sto prendendo in giro? Ballo nudo, mi metto in mostra, faccio swing, metto musica. Vedono una ragazza nuda ballare al bar, ma di sicuro non pensano che io sia una troia come le altre ragazze. Li vedo guardare dall’uno all’altro, non ho niente di speciale. Dovrei andare, ballo, girando e nudo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

— Cosa è successo? Sto ballando? Qui? Sì, ora mi è chiaro. È un bordello?

Dì solo, bordello, una parola che mi dà un caldo formicolio tra le gambe.

” ” Sì! Vestiti e vai. Io ballo. Adesso! Lasciare! Io posso ?

Sono completamente ubriaco, anche i miei pensieri non sono coerenti.

“Numero 6, numero 17, numero 19, numero 43, numero 45.

Una voce che canta chiama. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Numero 43?”

” Che cosa ?

“Sì Kitty, il cliente ti vuole, tu sali al box 6.

Una delle ragazze accanto a me mi ha parlato. Poi vedo Mamasan che mi saluta, vedendo la mia incertezza.

“Finalmente, fortuna mia, posso tornare negli spogliatoi, vestirmi e scappare”.

C’è una piccola fila, cinque ragazze nude con i numeri sulle cosce, io sono una, la ragazza dietro di me mi guida, ho provato ad entrare nel camerino ma lei mi spinge e andiamo dritti, io ho esitato a voltarmi. Ma, con la ragazza dietro di me impaziente e che mi aiuta un po’ a stare in equilibrio perché barcollo più di prima. Ha detto qualcosa che non ho capito, e con riluttanza sono salito le scale, in una specie di anticamera. Nell’anticamera una donna è seduta dietro un lungo tavolo e ci guarda. Un ragazzo conta le banconote nel portafoglio. Ora capisco che questo non è un bar elegante.

“500! – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

La donna seduta al tavolo dice e l’uomo chiede.

“Dollari, immagino?”

“Bagno! 500 baht.

Chiarisce con tono annoiato.

“Oh merda, sono circa £ 10. Non posso comprare un bicchiere del mio vino preferito, che costa £ 30, con quei soldi.”

Stiamo tutti aspettando in salotto. Guardo i miei nuovi compagni di classe. Siamo nudi insieme. Sono più pallido della maggior parte, un altro sembra essere di origine cinese come me. Non sono la più piccola, ci sono due ragazze più piccole di me, il mio seno non è piccolo, ho delle belle curve, molti ragazzi hanno guardato il nostro piccola processione, alcuni potevano sentire i loro occhi su di me. Non sono completamente rasato, come ho detto, ho solo un piccolo triangolo rovesciato di capelli. La maggior parte delle ragazze è rasata, solo una ha più capelli, non sembra che si sia rasata di recente.

Mi rendo conto di essere nella media in questo gruppo. Un gruppo di minuscole prostitute asiatiche in un bordello di Bangkok. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

— Cosa è successo? Come è possibile ?

Mi sono reso conto in un momento di lucidità che era giunto il momento di prendere il controllo di questa situazione? Non era decisamente la tipica ragazza asiatica sottomessa da bar come i miei nuovi amici.

Un altro flashback che ho ricordato di una recente serata tra ragazze con gli amici. Era iniziato un gioco di verità o obbligo. Qualcuno ha chiesto a un’altra amica se fosse mai stata pagata per fare sesso. La risposta, ovviamente, fu un no indignato ed enfatico. Ho cercato di concentrarmi, se non fossi stato molto attento ora, sarebbe sempre stato con me per il resto della mia vita.

Dovrei comunque ammettere a me stesso, almeno, di essere stato uno stronzo da quattro soldi. Non ci sarebbe stato ritorno… mai. Sì, era ora di prendere il controllo, di ricordare che sono una donna bella, intelligente, di successo e forte. È ora di recitare e scopare quella troia Mamasan.

“Ahi! – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Uno schiaffo sul sedere, era di Mamasan! Non l’avevo vista seguirci.

“Guardo la mia nuova ragazza.

Ha detto lisciando dove mi ha colpito.

“Come osi? »

Un altro schiaffo, questa volta più forte, e un altro urlo. La mia paura ritorna, la mia determinazione si sgretola e le lacrime mi salgono agli occhi.

“Numero 43.

La donna al tavolo parla. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“I clienti non pagano le prostitute per farle aspettare. Pulisci gli occhi.

Già la disprezzavo, ma era chiarissimo, mi rendo conto che è lei che disprezza me! Perché sono io quella nuda, con un numero sulla coscia.

“Come uscirne? Mi lasceranno andare?

Ci spingono in uno stretto corridoio, non oso protestare, cinque ragazze nude con i numeri sulle cosce. Sono vagamente consapevole di altre ragazze che afferrano qualcosa da un tavolo mentre passiamo tutti.

Ridono, sono confuso. Oh, capisco, hanno i preservativi.

Accidenti, non ne ho preso uno. Non prendo la pillola !

Bene, mi calmo, non sarò in questa posizione dopo aver spiegato l’errore. Mi sento un po’ senza fiato e sento il mio battito accelerare. Ci sono cabine a destra ea sinistra. Sento grugniti, tende completamente chiuse, altre leggermente aperte, vedo immagini di ragazzi tra le gambe nude delle ragazze, il sedere che va su e giù. Un’altra ragazza in ginocchio che succhia, la sborra le cola dalla bocca. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sono scioccato, affascinato, non sono mai stato in un posto come questo. La mia mente mi ricorda i viaggi ad Amsterdam, passeggiando per il quartiere a luci rosse, eccitato, imbarazzato ma immaginando segretamente com’è dietro le tende. Mi sento caldo, arrossato, vorrei essere sobrio e poter pensare con chiarezza.

“” Oh mio Dio ! Sono davvero qui. Spiegherò solo l’errore al tizio che mi aspetta, la mia ultima possibilità.

Un altro schiaffo!

— “oooo”

Urlo di nuovo, sentendo la musica del bar che scende lungo il corridoio, ridotta a un basso rombante, al battito del mio cuore che batte forte.

“Vieni qui, puttana. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

È il secondo Mamasan, il numero due di questo bar, è quello che mi ha spogliato. Assomiglia molto al suo capo.

“Sono due sorelle cattive?” Aspettare…! Mi ha chiamato (cagna cagna)? »

Lei non è a conoscenza dell’errore. Ma prima che mi venga in mente qualcosa da dirgli, vengo spinto attraverso la tenda di una delle cabine.

Da seguire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *