Ragazza cinese persa a Bangkok -II

di | 10 de Dicembre, 2022

Non c’è modo di tornare indietro.

Sono dentro, sono nudo. Una ragazza asiatica con il numero 43 sulla coscia. Mi guarda, un americano alto, di mezza età, con la faccia rossa, una grossa pancia e la testa rasata. Abbastanza sicuro, un sacco di Budweiser e hamburger stavano attraversando il mio cervello molto confuso. È un turista, sicuramente un turista del sesso, che pochi istanti prima mi aveva osservato, una ragazza, una puttana in un bar squallido, ballare nuda sul palco con altre puttane.

Ha scelto me, dopo aver valutato la mia figa. Ora sono nel nostro nido d’amore. Pareti sporche di un verde sbiadito. Una lampadina fioca penzolava da un cavo attorcigliato. Un pavimento di linoleum decrepito, un letto stretto con lenzuola non troppo pulite, una testiera di plastica. Un lavandino ingiallito con un rubinetto che gocciola lentamente.

Non c’è molto spazio per altro. C’è un tavolino, con 2 bottiglie d’acqua e un rotolo di carta igienica, tutto qui. Nessuna finestra Così diversa dalla mia camera deluxe al Marriott. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non ero mai stato in una stanza come questa prima. Il mio cuore batte fortissimo.

“Lui può sentire? Non credo sia interessato.

Le parole di Mamasan riecheggiarono nella mia testa. (La biancheria intima non è consentita) e (Non è consentito rifiutare le richieste dei clienti).

Non potrei mai immaginare di stare con un ragazzo così. Non lo guarderei nemmeno. Tutti i miei amici erano belli, educati, rispettosi. Sono sempre stato considerato desiderabile e ho avuto una scelta. Non c’è da stupirsi che quel delinquente abbia scelto me!

Lo guardo, è già nudo, solo un asciugamano intorno alla vita e io sono già nuda pronta per lui. Potevamo entrambi sentire respiri pesanti e sospiri femminili provenire dal divisorio magro, un ragazzo che gemeva dall’altra parte. Senza riservatezza.

Comincio a dire che c’è stato un errore. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

‘Ciao, scusa c’è stato un errore, sono una ragazza inglese, non una puttana.

Non mostra alcun interesse, ascolta una troia asiatica. Non è un tipo educato, l’ho capito subito. Non credo che ti interessi quello che dico. Non ha un bel viso. Sento l’odore dell’alcool nel suo alito, penso che lui possa sentirne l’odore nel mio. Torreggia su di me, le sue braccia sporgenti sono forti, più spesse delle mie cosce e pesantemente tatuate, le sue mani sembrano enormi, sono sicuro che potrebbero finire intorno alla mia vita sottile.

Leggo i tuoi tatuaggi con terribile fascino, Corpo dei Marines degli Stati Uniti, un ex soldato.

“No, non è possibile.

Ho sempre avuto paura di ragazzi così, sorrise, godendosi la mia espressione spaventata. Non dovrei essere qui. Non riesco a pensare chiaramente, sì, sono ubriaco, ho dimenticato dove dovrei essere, strano, la mia lucidità continua a diminuire e fluire.

“In ginocchio, piccola. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Si toglie l’asciugamano e rivela un bel cazzo lungo e in aumento. Mi mette in ginocchio, il suo cazzo in faccia.

“Basta aspettare, piccola puttana thailandese. Ti piacciono i grossi cazzi bianchi, vero?

Di certo non ho mai avuto un cazzo così grande davanti a me. Cerco di dire qualcosa ma lui non mi ascolta. La mia bocca si apre per parlare, lui mi infila il cazzo in bocca prima che io possa reagire.

Il mio mondo normale si sta dissolvendo e trovo stranamente difficile separare il normale dall’anormale. Il mio stato è confuso, diventa difficile ricordare chi sono.

— “Numero 43?” – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sono nudo, in ginocchio in un bordello a succhiare il cazzo di uno sconosciuto ora con un cazzo durissimo.

Sono sicuro di essere una puttana. Sono? Devo essere.

Gli lecco il cazzo, lo tengo con entrambe le mani e lo succhio come un professionista. Posso fermarmi subito e dirgli che è tutto solo un malinteso. La mia testa si muove su e giù, la testa del suo cazzo affonda più in profondità nella mia gola fino a farmi vomitare. È difficile succhiare. Tenendolo con entrambe le mani, fianco a fianco, guardo la testa che esce dalla mia bocca e mi alzo orgogliosamente.

“Penso di essere sposata. Il pene di mio marito non è così.”

Leccai l’intera lunghezza dell’asta, la mia lingua gli circondò la testa e poi ne sfiorò la punta. Poi le mie labbra si aprono e lo prendo in bocca mentre la mia lingua gira intorno a lui massaggiandolo, provocandogli piacere. Non posso farci niente, adoro succhiare cazzi.

Qualche altro pensiero mi attraversa la mente. Mio marito al lavoro, immaginando che io sia nel mio hotel di lusso, nei suoi sogni più sfrenati, senza immaginare che la sua rispettabile moglie possa essere qui. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Altre storie erotiche  Home Ana - Racconti erotici

“Ohhh sì dannazione, è una fottuta troia asiatica che sa succhiare cazzi.

Geme mentre lo guardo, incapace di rispondere mentre il suo muscolo pulsante mi riempie la bocca.

“È questa la mia vera natura?”

Continua a fargli un pompino che lascerebbe all’oscuro molte troie esperte.

“Penso che tu sia il dannato sciocco giallo più economico che abbia mai avuto, ma molto efficace, continua così piccola.” Ora basta, vai a letto, ora piccola.

Sto ansimando, perché ho premuto il suo pene più volte nella mia gola, ho provato a ingoiarlo tutto, ma era troppo lungo. Mi fermo un attimo a pensare, so cosa sta arrivando. Non c’è scampo ora, ero troppo lento. Ne ho paura, ma sono eccitato allo stesso tempo. Come ho potuto sentirlo, non riesco a capirlo, ma è innegabile. Mi diletto nel rendermi conto che sono completamente sotto il suo potere, ho perso il controllo del mio corpo.

Il mio cervello sta urlando. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Non prendo la pillola! Oddio!

Il mio cuore batte all’impazzata.

“Non voglio un bambino, forse lo prenderà?” Sì certamente ?

Temendo di turbarlo, mi arrampico obbediente sul letto e mi sdraio di fronte a lui. Si inginocchia e mi allarga fermamente le gambe, osservando attentamente il mio viso, apprezzando la mia reazione mentre lo fisso con occhi spalancati e pieni di paura. Guarda la mia figa, leccandosi le labbra.

“Mi leccherà?” E adesso? Oh no!

La sua mano sul mio ventre piatto, mi accarezza i capelli, sussulto mentre mi allarga le labbra e poi infila un dito grosso nella mia figa, posso solo gemere.

Sente la mia figa stringersi contro il suo dito mentre la spinge dentro e fuori.

“Come puoi? Sono bagnato! – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Il mio corpo freme, lui tira indietro il dito sorridendo, è luminoso, grondante del mio succo di figa.

Lo affronto a gambe divaricate, un toro turista sessuale di mezza età inginocchiato tra le mie gambe divaricate. Mi sento completamente esposto. Fai scivolare due dita dentro di me. In effetti, sono completamente alla sua mercé, pronto per essere usato, gemendo, contorcendomi tra le sue dita come un pesce all’amo. Le sue grandi dimensioni mi dominano e la sua bocca cerca i miei capezzoli duri e molto sensibili.

Le scosse elettriche mi attraversano con questo doppio colpo. Si appoggia indietro. Il suo cazzo è enorme, si sputa sulle dita, si bagna la testa e poi strofina il suo cazzo contro le labbra della mia figa. Rabbrividisco di piacere involontario mentre la punta del suo cazzo scivola sulla mia fica, strofinandosi avanti e indietro sulla mia clitoride. Ad ogni colpo, le labbra della mia vagina si aprivano, allargandosi sulla testa del suo pene ei miei succhi scorrevano liberamente, mescolandosi con la sua saliva.

– Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Oh aspetta! Niente preservativo, no! Per favore. Non sono protetta, posso rimanere incinta.

In un altro momento di lucidità riesco a dire, ma a lui non importa, perché non prendo la pillola. Il suo cazzo preme contro le mie labbra, aprendole. Posso solo aggrapparmi al lenzuolo, urlando per lo shock mentre i suoi muscoli si fanno strada, allargandomi. Ora dentro e fuori, più lontano, più in profondità.

Mi riempie come se non fossi mai stato soddisfatto. Ansimo, inorridito, deliziato, il suo pene inizia a muoversi ora, dentro e fuori, spingendomi sempre più in profondità finché non è sepolto nel profondo del mio corpo.

“Sembra che la puttana asiatica stia per avere un bambino. Ho sempre voluto mettere un bambino americano in una puttana e tu sarai il primo.

Si muove sempre più velocemente. Mi colpisce ancora e ancora. Gemo ad ogni spinta. Istintivamente, gli getto le braccia al collo, afferrandogli il petto e tirandolo a me. le mie gambe aperte ti avvolgono la vita mentre i miei segreti più intimi sono esposti alla tua lussuria. È senza fine, la sua bocca trova la mia, la sua lingua si fa strada per contorcersi intorno alla mia, sbavando nella mia bocca.

Sono disgustato, affascinato, ma è glorioso. Ha pagato per me, mi ha comprato. Gli appartengo – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Alla fine, il dolore del suo cazzo nel profondo del mio grembo si attenua un po’ e sorge un’altra sensazione travolgente. Sento il calore diffondersi nel mio corpo. Urlo ogni volta che il suo cazzo entra in contatto con la mia cervice, ma sento il mio corpo spingere contro di lui, non riesco a controllarlo. Comincio a sentire un piacere intenso crescere attorno all’enorme cazzo, che si gonfia e pulsa dentro di me.

All’improvviso esce con un tonfo. Se sono al sicuro, non vorrà entrare dentro di me. Non ho tempo per finire la riflessione. Mi fa girare come una bambola, e prima che io sappia cosa è successo, sono a quattro zampe, come una piccola bambola sotto il suo grande corpo. E di nuovo lui è tornato, spalancandomi e ficcandoci dentro il cazzo, in pochi secondi il dolore dell’improvvisa nuova invasione lascia il posto al piacere. Le sue cosce sbattono contro il mio sedere, spingendo ripetutamente il mio corpo in avanti, mi schiaffeggia il sedere e io urlo di vergogna e piacere. Posso sentire me stesso. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di corone - Érica, la collega ninfomane

“Oh!… Ehi!… Ehi!… Oh!

Gemo, a tempo con i loro ritmi, formando un coro con due ragazze attraverso le pareti sottili su entrambi i lati, siamo tutte puttane da quattro soldi, che vengono scopate dai nostri clienti.

La mia mente è sotto shock, sto andando alla deriva da un lato all’altro della coscienza, uno stato di fuga inondato dal dolore per il piacere di questo enorme cazzo, dentro di me, che si allunga, sento un piacere assoluto crescere, crescere. Mi sento gemere di dolore e piacere. So che sta squillando un cellulare, è del mio cliente, non so nemmeno come si chiama. Prende il telefono dal tavolo.

Sta parlando con un amico. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Sì, ora sono al bar, ovviamente al bordello, stasera ho un bel pezzo di Gook Poontang.

“Gook Poontang? ME? Conosco quel termine dai film sulla guerra del Vietnam. Io sono uno, (scopata asiatica)”

Guardo da sopra la mia spalla la telecamera del suo telefono. Ha iniziato a registrare video mentre mi metteva il cazzo dentro.

“Ah no, ah no!

Non posso fare a meno di dire che ora anche la mia voce è registrata su video.

Sento il piacere svanire, ricoprendomi di un piacere squisito, costruendo, costruendo, presto esploderò, vero? Quanto ancora posso prendere? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Di più… di più… Oh, di più, per favore!”

Accidenti, è una vera troia, le piace molto il mio cazzo. Dimmi di fotterti più forte, puttana.

Adesso mi comanda, vuole che mi sottometta di più, lotto per contenere la mia stessa passione. Ma perché? Voglio, sono una puttana, giusto? Ho già rinunciato.

“Scopami, per favore, fottimi, per favore, fottiti piccola troia asiatica.

Faccio un respiro, dico senza fiato, direttamente verso la telecamera per registrare, prima di distogliere lo sguardo.

“Tieni gli occhi sulla telecamera, piccola stronza.

Non volevo davvero, ma ho guardato la telecamera, un po’ di lato. Per fortuna i miei capelli lunghi mi nascondono un po’ il viso.

– Sì, è una puttana in calore, un vero pezzo di carne da scopare. Continua a guardare la telecamera. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Davvero, davvero no.

“Ti avevo detto di guardare la telecamera, puttana!”

Si sputa nel palmo e mi schiaffeggia il sedere. È stato molto forte Ho urlato per il dolore e sento il rigonfiamento, il rigonfiamento che si forma nel mio gluteo, tutto è registrato. Non lo voglio più, la mia pelle brucia e ritarda il mio piacere. A malincuore, guardo indietro, guardando la telecamera da sopra la mia spalla, godendomi il fatto che i miei capelli nascondono un po’ il mio viso. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

” Non lo so.

Ne parla con il suo amico e me lo chiede.

“Come ti chiami, puttana?”

“Sì.

dissi stupidamente, dando il mio vero nome prima di pensare.

“Oh merda, questo sarà sul web. »

Cerco di aggiustarmi.

“Voglio dire Kitty, mi chiamo.”

— Ying, il suo nome è Ying.

Mi ignora e continua a filmare la mia faccia.

“Oh mio Dio, sì, oh per favore. Per favore, sono vicino ora, sto perdendo il controllo.

Persegue anche il suo piacere senza sosta. È chiaramente indifferente al mio dolore e al mio piacere. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Piacere mio? Piacere, sì.”

non riesco più a trattenerlo.

“Oh mio Dio, sto arrivando, sto arrivando!” »

Grido.

“Ahhhhhhhhhhhhhhgggggrrrrrrrrrrr!

All’improvviso vengo consumato da un orgasmo schiacciante, un climax che non avevo mai provato prima, e si propaga dalla testa al bacino. Un respiro di liberazione, che scorre attraverso il mio corpo, lungo la mia spina dorsale. Involontariamente ho spinto contro il suo sesso, colpendo ora il suo bacino in spasmi. Spingo il sedere contro di lui mentre un grido di gioia e disperazione mi sfugge dalle labbra.

“More sssssss….Fuck me more. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non riesco a pensare, non riesco a ragionare, la mia schiena si inarca, le mie mani ora si aggrappano alla testiera del letto fragile, sento il mio corpo tremare e lo spasmo dopo lo spasmo sembra senza fine. Quanto tempo ho aspettato per questo? L’onda si sta gradualmente abbassando, ma con il martellamento costante del cazzo del gigante, posso sentire la mia eccitazione crescere, un secondo tsunami in arrivo, più veloce, più veloce, più profondo.

Altre storie erotiche  prendere merda per la prima volta

“Merda incredibile, l’hai visto? Oh! Merda Ying… Whoa! Sì, una vera troia del cazzo! È venuta forte. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ha detto al suo amico mentre il video continuava a girare.

I suoi ringhi profondi iniziarono a crescere di intensità, più forti e più gutturali. Si sta avvicinando al culmine. Sono vagamente consapevole della mancanza di un preservativo, ma non voglio che smetta. Spingo il mio corpo contro il suo, alla disperata ricerca di qualcosa di più, cercando di sincronizzare le nostre parti intime, il suo cazzo e la mia figa si schiantano insieme, sempre più forte. Mentre muovo il mio corpo per incontrare il suo, a ogni spinta sembra spingersi sempre più in profondità nel mio ventre non protetto. Sono una troia, mi sto avvicinando al mio secondo orgasmo da troia mentre lui urla.

“Oh merda, oh merda! Merda!

Ruggisce ed esplode.

Posso sentire il suo sperma sgorgare dentro di me, posso sentirlo colpire la mia cervice mentre si spinge dentro di me, le sue mani afferrano il mio culo tirandomi nel suo cazzo. Il suo sperma schiacciato tra il suo cazzo palpitante e la mia figa.

“Oh mio Dio, rimarrò incinta.

“Se dipende solo da me, tutto qui, sono molto fertile, ho 6 figli. Ora ne avrò un altro.

– Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non appena ho finito di dirlo, sono stato spinto al limite e sono esploso in una sensazione accecante di estasi intensa e travolgente.

La mia figa si contorce in spasmi, afferrando il suo cazzo, mungendo ogni goccia del suo sperma e facendolo impazzire. Sento il buio invadermi, crollo sul letto, la coscienza mi sfugge. La mia ultima sensazione è il suo peso che preme su di me, il suo cazzo palpitante, che pulsa ancora e pompa il suo sperma della fertilità nel mio utero mentre giace sopra di me. Non so per quanto tempo rimasi incosciente.

Sento una puntura nel culo, uno schiaffo. Questo è il secondo Mamasan. Ancora sdraiato sulla pancia, giro la testa. Mi guarda, una troia nuda, con lo sperma spalmato su tutto il culo, intorno alle labbra della mia figa, sul mio clitoride gonfio e un piccolo schizzo che fuoriesce dalla mia vagina sul letto.

“Chi sono io? Dove sono? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

dico, ma nessuno mi risponde. La mia mente è intorpidita, ma sento ancora un formicolio di calore tra le gambe. C’è una banconota da 100 baht sul tavolo, la mia mancia. Meno di £ 2,50!

“Una vera puttana.

disse con approvazione.

“Sbrigati! Pulisci la merda, ora non è il momento di fare la doccia. Adesso puttana. Il prossimo cliente vuole il numero 43.”

Rotolai sulla schiena, perplesso, guardandola. Non aveva senso tentare nascondi la mia nudità Sono solo un’altra troia asiatica. Prendo lentamente il rotolo di carta igienica sul tavolo. Ripulendo obbedientemente il casino, riuscendo a sentire lo sperma che fuoriesce dalla mia figa.

Cerco di tirare fuori quanto più possibile della mia fica dal giornale. Era un sacco di merda. Mi aveva riempito del suo liquido lattiginoso, il suo cazzo mi bloccava, il suo sperma doveva inondare la mia cervice. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Sono sdraiato sul letto, con le gambe ancora divaricate. Quando finisco di buttare via il giornale, il sipario si apre, un altro ragazzo mi sta davanti, sorridendo.

“Uhmmmm, è davvero brava, mi piace.”

Disse da sopra la spalla a Mamasan, guardando la mia fica rossa, gonfia e spalancata.

Lei gli passa accanto, lasciando prima cadere un pacchetto di preservativi sul letto.

“Ti piace, è una brava ragazza, ti fa un bel culo.

La guardo e annuisco umilmente, ancora con la vista annebbiata dall’alcol, non mi sono ancora ripresa e sento che ci vorrà del tempo per riprendermi.

Che cosa posso fare? Ho detto che sono nel posto sbagliato? Che sono una donna sposata, istruita e ricca? Sono diventato niente di più di? Qual era il termine che ho sentito prima? Sì, (Gook Poontang uno stronzo asiatico), sono io. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Da seguire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *