Ragazza cinese persa a Bangkok -V

di | 9 de Dicembre, 2022

parte 5

Un altro giorno, altre prove.

Ho iniziato a svegliarmi, ma la mia mente era ancora intorpidita dalla stanchezza. La coscienza sta lentamente tornando. In quello stato ancora mezzo addormentato, consapevole di un caldo corpo nudo accanto al mio, mi rannicchiai più vicino, supponendo che fosse Robert, mio ​​marito. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mentre la mia mano accarezzava la calda pelle nuda, scoprì che era morbida come la mia. A poco a poco, sono diventato più consapevole, ma mi sentivo molto disorientato. Non era il mio comodo letto, non era la mia camera da letto a casa, non era la forma familiare di mio marito. Una ragazza nuda era avvinghiata al mio corpo nudo. Sono andato nel panico per un momento, pensando, sono al Marriott. Impossibile! O si. Questa è la mia nuova ragazza, Ni.

E piano piano ho capito dov’ero, sono ancora nel bordello, sono una prostituta. Non è un sogno. La scorsa notte sono stato usato duramente, il mio protettore, il signor Somchai, mi ha scopato duramente nel suo ufficio e lo sentivo ancora tra le mie gambe. Ricordai come gli avevo risposto, come non aveva opposto resistenza. Ma davvero, come potevo resistere? Nessuno sa che sono qui, nessuno può venire in mio soccorso. Sono solo, isolato e devo trovare la mia strada da solo.

Se chiamassi la polizia, cosa vedrebbero? Solo un’altra puttana di sicuro.

Ho pensato che il signor Somchai potesse ancora pagarli e sapevo già che alcuni dei nostri clienti tailandesi erano poliziotti. Non crederebbero mai che io sia un medico britannico. Non c’era alternativa.

Inoltre, mi aveva scopato senza preservativo. Ancora una volta sono stato scopato a pelo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Rimasi sdraiato sotto la coperta sottile abbracciato dal corpo caldo di Ni, il suo braccio attorno a me, pensando a queste cose. Devo evitare contatti con il signor Somchai, se puoi.

Guardo fuori dalla piccola finestra e fuori si sta facendo buio.

““Oh merda!â€

Ho dormito di nuovo tutto il giorno. Un orologio di plastica rotto su uno scaffale mi dice che sono circa le 17:30. Trascorro un altro momento meditando, una sensazione di ansia che cresce. Devo trovare una via d’uscita, ma come? Non ho vestiti qui e le mie amiche dicono che è troppo rischioso uscire come me, vestita solo con un bikini succinto. Anche se ho trovato un taxi prima che la polizia mi fermasse. Sarebbe sicuro entrare? Come potevo pagare l’autista se non facendogli godere il mio corpo? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Anche se mi portasse in albergo, come potrei entrare vestito così? I buttafuori e la sicurezza mi fermerebbero sicuramente. Poi ricordo il mio giovane amante, Evans.

“Amato?

Comunque, ha detto che mi avrebbe portato un vestito. Ripongo le mie speranze in lui, è tutto quello che posso fare. Cerco di non soffermarmi su di esso.

Le ragazze sono già sveglie. Facevamo la doccia due o tre alla volta, insaponandoci. Adesso rido con le altre ragazze che adesso mi accettano di più come puttana. Mamasan Dos entra e ci guarda. Nota i miei peli pubici e inizia a lamentarsi.

“Pom! Farai la barba a Kitty. Questo è un ordine.

Non mi sono mai rasata, mi sono sempre fatta la ceretta perché non ho molti peli sul corpo, ma mi sdraio obbediente su una panchina, Pom che mi insapona la figa. Lavora abilmente con il rasoio, sotto l’occhio vigile del nostro superiore mentre io sento il tocco morbido del rasoio, e basta. Guardo il mio sesso nudo, ora senza capelli, nemmeno il mio triangolo rovesciato a sinistra. Mamasan 2 annuisce con approvazione e poi se ne va. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non c’è molto da indossare, abiti trasparenti o bikini. Ci siamo truccate, io ho applicato il nostro rossetto rosso acceso, a turno davanti agli specchietti. La mia faccia è gradualmente ricoperta di trucco scadente, finché non sembro la stessa bellissima bambola del sesso che ho fatto ieri sera. Non disegna nemmeno un grosso 43 sulla mia coscia e io faccio lo stesso con il suo numero.

Abbiamo mangiato e bevuto velocemente quando Mamasan ci ha detto che c’era un fotografo qui per alcune nuove foto pubblicitarie per il club.

Sono sul palco online con una decina di ragazze in bikini, tutte in posa sensuale, sorridenti alla telecamera. Sono la quarta in prima fila, solo un’altra ragazza del bar in una foto di gruppo. Ho visto online foto di ragazze del bar come questa.

Il fotografo dà istruzioni. Ci siamo messi in posa sorridendo, una mano sui fianchi, guardando prima da una parte e poi dall’altra, spingendo tutti i nostri culi in modo provocatorio, facendo il broncio e mandando baci e tirando fuori la lingua spudoratamente. Ognuno di noi tiene la ragazza davanti a sé, premuta contro di noi. Mi chiedo come potrei provare a spiegare queste foto in futuro se qualcuno mi riconosce. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Per completare la sessione fotografica, il fotografo scatta foto individuali e di piccoli gruppi. Sono sul palco con un’altra ragazza, poi da solo, a ballare su un palo, siamo in bikini attillati, poi ci viene detto di spogliarci. Sono completamente nudo, posando in modo provocatorio mentre la telecamera fa una panoramica.

Ricordo le mie immagini al signor Somchai e penso alle foto e ai video che molti dei miei clienti hanno fatto. So che probabilmente verrò spruzzato su Internet come una troia asiatica, ma comunque è troppo tardi, è fatta.

Una volta che il fotografo ha finito, andiamo in cucina ridendo e parlando. Le ragazze straniere tendono a parlare in inglese poiché parlano molte lingue diverse. Sto attento a non parlare troppo fluentemente. Ho visto Mamasan parlare con un gruppo di ragazze e sono rimasto scioccato da quanto fosse alta. Era tre volte la circonferenza di ognuno di loro! Ubbidientemente ascoltarono le sue parole. Poi si è voltata verso di me e io ho guardato velocemente la mia ciotola di riso, evitando il suo sguardo e giocando con il cucchiaio.

“Kitty.- Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mamasan mi salutò e, alzandomi dal mio posto, mi avvicinai a lei.

«Qualcuno ti ha lasciato una borsa questo pomeriggio.

Mi mise in mano il sacchetto di plastica e mi guardò.

“Oh grazie, Mamasan.

Ho guardato dentro e il mio cuore ha accelerato. Un vestito rosso.

“Evans, ti amo!” »

Ho tirato fuori dalla borsa un mini abito, meno di quello, un micro mini abito, materiale fine ed economico. Senza schiena, mi coprirebbe a malapena le cosce. Il mio sedere non dovrebbe nemmeno essere coperto.

La scollatura mostrerebbe il mio petto così com’è, anche senza il vestito. Se non ha detto prostituta, intendeva sicuramente puttana, specialmente nei miei tacchi fottimi.

“Oh Evans.” – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ho pensato in tono di rimprovero, perché non mi hai comprato qualcosa di più conservatore? Ma immagino che pensasse che fossi una puttana e che gli sarebbe piaciuto. In realtà aveva ragione, sono una puttana. Beh, era portatile, immagino. Normalmente non mi vedrebbero né mi ucciderebbero in una cosa del genere, ma i mendicanti non possono scegliere.

C’era un biglietto scarabocchiato su un pezzo di carta, il suo numero di telefono! Sorrisi felice e rimisi il vestito nella borsa. Volevo davvero rivederlo.

“Dannazione!â€

In effetti, ero un po’ innamorato. Sono davvero pazzo. Mamasan tese la mano.

“Me ne occupo io, lo metto nel mio ufficio. Adesso lavori.

Era una dichiarazione. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

La guardai dubbioso. Mi salutò con impazienza. Ho esitato a darglielo, ma lei si è chinata in avanti e mi ha preso la borsa mentre la guardavo a bocca aperta.

“Puoi ritirarlo dopo il lavoro. Lo tengo magnificamente nel mio ufficio.

Questo è tutto ciò che ha detto voltandoci le spalle e conducendoci al bar. Ho guardato tristemente sopra la mia spalla alla mia borsa.

Cominciarono ad arrivare clienti, era come ieri. Balliamo tutti sul palco, prima di ricevere i compiti. Ancora una volta, ho trascorso la prima parte della notte sulla schiena nel Cubicolo 2 (Puppy Self Service), Fast Food. Una macchia indistinta di tende ondeggianti, inginocchiate davanti ad alti turisti del sesso nudi, i loro peni gonfi presentati alle mie labbra, la mia forma esile distesa sul letto, corpi paffuti che mi leccano i capezzoli, i miei capezzoli che vengono succhiati, schiacciati, pizzicati e segnati. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Piegati su cazzi duri, magri e larghi troppo lunghi per la mia figa. Mi impalano con i loro cazzi, cazzo dopo cazzo, gambe divaricate, divaricate, telefoni che riprendono la mia nudità, il mio sesso, schiacciato sotto il peso di uomini pesanti.

Le mie labbra si aprono, una Un cazzo palpitante entra in me, lavora la mia figa, i miei fianchi avidamente contro corpi estranei, succhia le lingue intrappolate nella mia bocca, afferra i miei amanti istantanei, avvolge le mie gambe intorno a loro, li spinge più forte dentro di me mentre spingo disperatamente il mio loro trovano il loro cazzi repellenti.

Dopo 10-15 minuti con me, un nuovo cliente ha preso posto tra le mie gambe. Dopo che il mio sedicesimo cliente ebbe finito, rimasi lì a fissare la tenda di fronte a me. Mi chiedevo cosa mi aspettasse dopo. Ho sentito delle voci fuori. Come sempre, provò un brivido di incertezza. E adesso? – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Il sipario si aprì e Ni apparve sorridente, mi salutò. Poi fece una faccia giocosa. Mamasan 2 apparve dietro di lei.

“Kitty, cliente importante. Viene dall’ambasciata britannica. Ti prenderai cura di lui.

“Oh no, tesoro! Era tutto ciò di cui avevo bisogno. Cos’altro faranno gli dei con me?

Quindici minuti dopo, ero solo nel mio letto, il mio corpo sudato. Non era stato bravo socialmente. Il tizio dell’ambasciata britannica era odioso e arrogante.

Mi ha usato, era brutale e indifferente. È stato doloroso, persino offensivo, ma mi ha portato a un orgasmo ruggente. Tutto il mio corpo sentiva ancora l’effetto dell’orgasmo, sentivo ancora il formicolio nella mia vagina.

— “Devo essere malato, come posso essere trattato così e avere orgasmi incredibili?”

Ho cercato di analizzare il comportamento del mio corpo, ma non riuscivo a capire. La mia figa era ancora in fiamme e respiravo a fatica. Ho lottato per alzarmi e ho lasciato il bagno, barcollando lungo il corridoio fino alla doccia.

“Per tutti gli dèi, se volevo aiuto dall’ambasciata, posso dimenticarmene, ora non posso chiederne nessuno”. Come spiegheresti essere in un bordello? »

L’acqua calda scorreva sulla mia pelle liscia, lavando il mio sudore, il sudore maschile e l’odore maschile dal mio corpo. A poco a poco, durante il bagno mi sono calmato e ho pensato.

“I miei primi due clienti mi hanno filmato mentre scopavo dappertutto. Sarò molto fortunato se un amico non mi riconoscerà da uno di questi video.

Sospettavo che sarebbe stato prevalente anche su vari siti porno asiatici, ma sapendo che era fuori dal mio controllo mi sono rassegnato, trovando in qualche modo la prospettiva piuttosto eccitante.

Nella mia analisi, sono giunto a una conclusione. Devo avere una natura sottomessa in fondo (o non così tanto?) Ecco perché ho accettato così bene la mia prigionia nel bordello, perché mi sono bagnata così spesso, perché in qualche modo mi sono sentita realizzata come la puttana da quattro soldi che ero. sono diventati.

Mi sono asciugato il corpo e poi sono tornato nudo lungo il corridoio. Mi sono fatto da parte per far passare due ragazzi, con i loro cavalieri. Mi squadrarono dall’alto in basso mentre passavano. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Altre storie erotiche  Soddisfa gli amici - Racconti erotici

Non appartenevo a questo posto, solo un’altra troia, niente di speciale, forse più carina della maggior parte, ma comunque solo un’altra parte di figa disponibile, solo un’altra parte di Poontang come la mia. Ho sentito uno strano e confortante anonimato.

A quel punto mi sono sentito rinfrescato e sono tornato nella mia cabina. Mi sono assicurato di avere con me un sacco di preservativi come prima, erano chiaramente essenziali per questo compito (Puppy Self Service).

Mi sdraiai sul letto allargando leggermente le gambe, come indicato, per mostrare la mia fica a chiunque entrasse, cosa che non ci volle molto. Il mio diciottesimo cliente era arabo, non so se veniva dal Kuwait o dall’Arabia Saudita. Mi disse che gli piacevano le ragazze asiatiche e che gli piacevano le ragazze tailandesi, pensando che lo fossi io. Mi sono seduto sopra di lui, lavorando sodo, strofinando il mio corpo contro di lui, cercando di farlo venire, cosa che ha fatto molto duramente. Non sono venuta, ma mi sento comunque bene. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mentre ero impalata sul suo cazzo ancora duro, mi accarezzava i seni e mi raccontava i vantaggi per una ragazza come me. Ovviamente era interessato solo a me perché (puttana che ero) cercavo di farmi lavorare nella regione del Golfo. Ha visto che aveva la mia attenzione e ha continuato a descrivere le attrazioni di Dubai, una città che non mi era mai piaciuta. Era transitato lì diverse volte sui voli Emirates per la Cina.

Quando gli ho preso il cazzo in bocca per pulirlo, mi ha suggerito di andare in Bahrain o Dubai. Ci siamo lasciati con teneri baci. Non appena se n’è andato, ho pensato.

“Sarebbe una buona occasione per perdere la testa in questi paesi”, ha suggerito. Pensi davvero che una ragazza, che non sia ritardata, si prostituirà in un paese che taglia la testa alle donne (vita facile) come se questa vita fosse facile?

Scuotendo la testa per cancellarlo dalla memoria, sono uscito nell’ingresso per controllare l’ora.

“Bene, è il 21 e il 30, avrò più clienti?” – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Presto la mia domanda ebbe risposta, un altro cliente salì le scale. Dopo il cliente 19, altri 6 dovevano ancora servire. Anche con l’uso del preservativo, la mia figa era molto rossa e gonfia. Ho avuto venticinque baci nello stand 2, alcuni buoni, ma la maggior parte erano carichi di sperma.

Successivamente, sono stato richiamato al bar, dove Mamasan mi si è avvicinato.

“Kitty, signor Sinn, l’hai trovato ieri al signor Somchai? Ha chiamato il signor Somchai per te, pensa che tu sia molto bravo. Verrà qui più tardi per usarti. – Racconto tradotto e adattato da Marina G ., scritto da Zoeleong.

Mi ha rivolto un sorriso sgradevole.

“Il tuo nome è signor Sinn?”

“Mamasan, mi sono già vestito. Un cliente vuole che esca con lui e faccia sesso.

Volevo davvero incontrare Evans.

“Puttana. Fai come ti dico. Ti vuole nel suo hotel. Sarai gentile con lui. Capisci? È un cambogiano cinese importante e ricco. Possiede molti hotel e club in Cambogia. – Racconto tradotto e adattato di Marina G., scritto da Zoeleong.

Aveva smesso di sorridere. Come al solito, la mia determinazione si è sgretolata e sono appassito davanti a lei. Ero così deluso. Quindi era l’uomo d’affari che aveva ingannato il signor Somchai la sera prima. Cioè, cinese cambogiano. Sapevo che la comunità cinese dominava gli affari in tutto il sud-est asiatico, anche se non mi ero reso conto che includesse l’industria del sesso.

I miei campanelli d’allarme hanno iniziato a suonare quando ha detto che possedeva club in Cambogia, che ha chiamato Somchai per me. Ricordavo lo straniero che era stato venduto a un bordello in Cambogia. Potevo sentire il mio cuore battere forte, la mia figa bagnarsi e Mamasan poteva vedere il mio disagio.

“Non preoccuparti, gattina. Andrà tutto bene in hotel. Il signor Sinn si prenderà cura di te. Adesso ballerai. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Disse con tono rassicurante e indicò il palco.

Accidenti, non voglio che il signor Sinn si prenda cura di me.

Mi sentivo un po’ tremante, ma riuscii a tenere sotto controllo le mie emozioni. Mi voltai, asciugandomi una lacrima dall’occhio, e salii i gradini del palco, felice di essere lontano da lei.

Ho fatto un respiro profondo e ho iniziato a ballare. Doveva fare un bello spettacolo.

— Perché? Perché sono preoccupato? Perché è questo che significa essere sottomessi.

Penso che a Mamasan piacessero le sue ragazze più sexy sul palco per soddisfare i clienti. Così ho ballato con altre tre ragazze nel mio bikini attillato, mettendo il broncio in modo provocatorio, ondeggiando e contorcendomi sensualmente al ritmo della musica, mostrando il mio corpo snello e le mie gambe per ottenere il miglior effetto.

Dopo tre canzoni, la canzone è cambiata in un numero più sexy, si sono accese luci laser verdi, il nostro segnale. Per un momento, la mia mente è tornata alla mia sorpresa quando ho visto le ragazze spogliarsi per la prima volta. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ora il mio corpicino agile in movimento sinuoso, ho continuato i movimenti mentre allentavo il pizzo del top del bikini, lasciandolo cadere, liberando i miei seni appena coperti. Mi voltai e, voltando le spalle al pubblico, infilai le dita nei lacci del mio perizoma, tirandolo su lentamente mentre muovevo il sedere. Uscendo lentamente, mi voltai per mostrare al pubblico la mia nudità.

I punti luce laser verdi erano ora puntati sulle mie curve nude e sulla mia figa rasata e liscia. Mentre ballavo continuavo a guardare in basso, molto ipnotizzato dal movimento del laser sulla mia nudità mentre si muoveva cercando di posizionare i punti verdi sui miei capezzoli nudi. Mi sembrava quasi di essere accarezzato e mi sentivo molto eccitato.

Mi sono reso conto che la mia figa si stava bagnando di nuovo. Il bar era pieno adesso, con la maggior parte dei tavoli occupato. La stragrande maggioranza erano uomini, locali e stranieri, ma ho notato anche alcune donne occidentali. Potevo sentire i suoi occhi sul mio corpo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mentre ballavo nudo davanti all’ultimo gradino, ho notato un gruppo a un tavolo vicino. I miei occhi si sono spalancati quando ho riconosciuto il professor Wu e il suo entourage insieme ad alcuni altri conoscenti.

I suoi due assistenti non sembravano proprio entusiasti di trovarsi in un posto come questo, e anche se non mi sono piaciuti, mi sono piaciuti, perché qualche giorno fa nemmeno io mi sarei degnato di metterci piede. qui. Ora guardami, mentre mi giro e mi giro in modo seducente attorno a un palo, mostrando le mie parti intime come merce in vendita agli occhi di tutti. E, naturalmente, mi stavano tutti guardando. Come sempre, avevo i capelli sciolti e penso che a causa di ciò e del trucco pesante fosse molto più difficile per le persone riconoscermi.

Sono stato sollevato quando sono stato chiamato a un tavolo, ma un po’ infastidito dal fatto che fosse vicino a dove era seduto il professor Wu. Ero con un gruppo di quattro turisti europei, olandesi e tedeschi e un’altra ragazza. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi sono seduto sulle ginocchia di un ragazzo e gli ho messo un braccio intorno al collo, ridendo delle sue stupide battute come il mio compagno di bar. Le mie gambe presto si aprirono, esponendo completamente la mia figa. Era davanti alla scrivania del professor Wu, dandomi le spalle. Ho cercato di non guardare il loro tavolo ma non ho potuto fare a meno di socchiudere gli occhi, tenendo sempre i capelli in faccia, ho notato che mi guardavano severamente poiché i miei capezzoli e la mia vagina erano colpiti.

Presto mi trovai in ginocchio sul pavimento tra le gambe del mio cliente. Sfortunatamente il tavolo è arrivato un po’ in ritardo, quindi non mi ha dato la copertura che speravo.

Bevve un sorso di birra e continuò la sua conversazione con i suoi amici mentre liberava il cazzo e me lo infilava in bocca. Ero consapevole di essere sempre visibile alle ragazze del tavolo accanto, sperando disperatamente che non stessero guardando la mia esibizione. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Strinsi la sua barra da lavoro tra le mani mentre le mie labbra e la mia lingua gli accarezzavano la testa. Me lo tirò fuori dalla bocca, strattonò il suo pene con decisione, le mie piccole dita si incontrarono appena intorno alla sua circonferenza. Ho guardato il suo pene prima di passarci sopra la lingua, poi l’ho sollevato e gli ho leccato il fondo delle palle fino in fondo. L’ho preso in profondità nella mia bocca, poi l’ho tirato fuori prima che avessi il reflusso e ho ricominciato a succhiare la parte superiore.

Il suo cazzo stava diventando ancora più duro quando l’ho toccato, ma non riuscivo a concentrarmi completamente. Ero molto consapevole di essere osservato e sono stato completamente colto di sorpresa quando è arrivato. Un flusso di sperma a forma di bastoncino schizzò in fondo alla mia gola. Gettai indietro la testa solo per ricevere il colpo successivo in faccia. Un terzo è atterrato sui miei capelli prima che riacquistassi la calma. Ho rapidamente spostato la mia bocca sul suo cazzo. Il getto successivo si fece strada tra le mie labbra socchiuse. Ha avuto ancora qualche spasmo prima che chiudessi le labbra intorno alla sua asta e cominciassi a mungermi in bocca il resto del suo sperma.

Con uno sguardo un po’ confuso e la bocca piena, vidi che era soddisfatto. Potevo vedere tutti intorno al tavolo ridere, avendo notato la mia mancanza di tempo.

Ho inclinato la testa da un lato all’altro mentre deglutivo, poi ho guardato dall’uno all’altro, ridendo anch’io. Sapevo di essere un disastro con la sborra su tutto il viso e sui miei capelli neri. Ero esattamente ciò che sono diventata, una stronza senza valore. Con il dito, mi sono asciugato lo sperma dall’occhio e dalla guancia e l’ho portato alla bocca, leccandomi le labbra per l’applauso del mio tavolo e il disgusto del mio pubblico davanti. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Non potei fare a meno di sorridere loro, un rivolo di sperma che mi sfuggiva dall’angolo della bocca, raccogliendosi sul mio mento. Si voltarono disgustati, mentre il professor Wu, che non aveva visto nulla di tutto ciò, si voltò e si guardò con curiosità alle spalle per vedere cosa avesse attirato la loro attenzione.

Guardò intensamente il mio viso e i miei capelli macchiati di sperma mentre mi bloccavo guardandolo, come lo sperma sul mio mento colava lungo il mio capezzolo destro. Vidi i suoi occhi spalancarsi, il suo viso aprirsi in quel sorriso meschino che già odiavo. Ho guardato in basso.

Il mio cliente aveva già perso interesse per me e mi guardava appena quando mi alzai. Tornai al bancone del bar, mi asciugai la faccia e poi mi rimisi il bikini.

Mamasan mi ha fatto cenno di tornare sul palco e mi ha portato su per le scale con uno schiaffo sul fondo. Ho urlato e mi sono mosso velocemente, non volendone un altro. Ancora una volta ho iniziato a dondolare al ritmo della musica, lento e sensuale, muovendo le mani sul mio corpo, girandomi per guardarmi alle spalle mentre spingevo il sedere in su.

– Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ho ballato senza perdere di vista il pubblico, ho notato che il gruppo Wu mi fissava con varie espressioni, le due ragazze con malcelato disprezzo e ostilità, cercando di non guardarmi. Ma lo stesso professor Wu e il suo collega hanno chiaramente apprezzato la mia performance. Mentre ballavo, li vidi chiamare una delle ragazze nella stanza e gesticolare nella mia direzione. Era Ni, mi fece un cenno. L’ho ignorata, ma l’ho guardata mentre si allontanava per dire qualcosa a Mamasan.

Altre storie erotiche  Autostoppista salì in barca!

Dopo che la canzone successiva è finita, abbiamo lasciato il palco. Ho provato a tornare in cucina, ma Mamasan mi ha intercettato e ha confermato che il professor Wu aveva bisogno dei miei servizi al suo tavolo.

“Oh mio Dio, sto per essere scoperto!” Come puoi, questo è un bar molto spregevole. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Forse perché era proprio il più discreto e alla periferia il più favorevole all’anonimato, motivo per cui qui non sarebbero riconosciuti dalla stampa. La notizia che un noto professore frequenta un bordello a Bangkok non farebbe piacere ai media.

Mi sono preso qualche secondo e ho caricato il trucco e il rossetto di cui avevo bisogno per rendermi il più irriconoscibile possibile.

Il terribile professor Wu. Era stato suggerito durante la conferenza. che essere gentile con lui potrebbe farmi ottenere il premio per la ricerca. Ricordo di essere stato così indignato e disgustato anche solo a pensarci. Ma, ora, come potevo evitarlo?

Camminai lentamente verso di loro. Una prostituta seminuda in bikini, ora era in piedi di fronte a lui, ma con la testa bassa, non come l’aveva affrontato per la prima volta nei panni di un giovane medico cinese elegantemente vestito pochi giorni prima.

Ho pregato che non mi riconoscesse. Certo, ero la stessa ragazza, ma in un ambiente così strano, speravo di non stabilire il collegamento. I miei capelli erano sciolti ma alla conferenza li ho indossati, il mio viso ora era pesantemente truccato con labbra rosso vivo e sgargiante. Sembrava una bambola birichina, non un dottore.

Mi sono seduto tra i due uomini, incrociando le gambe nude il più saggiamente possibile e incrociando le braccia sul petto. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

” Ciao benvenuto !

Li salutai entrambi, cercando di regalare un sorriso amichevole alle due donne cinesi davanti a me, ma entrambe mi guardavano con disprezzo.

“Guarda! Ha dello sperma nei capelli. Così disgustoso.

disse uno di loro.

«È solo una puttana senza valore.

Disse l’altro. E ho fatto finta di non capire il mandarino e ho deciso di parlare solo con il mio miglior accento tailandese. Sorrisi loro cercando di recitare la parte di una semplice ragazza di campagna.

Il professor Wu era chiaramente ubriaco. Seduto accanto a lui, mi sono reso conto di quanto fosse alto. Non grande, ma era molto grande, questa era la parola che mi veniva in mente. Era totalmente poco interessante e ho notato quanto fosse scortese con la ragazza che portava da bere. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Potevo sentire Wu parlare attraverso di me all’uomo che sembrava essere un agente di vendita e non faceva parte della riunione medica. Stavano parlando di prostitute. L’insegnante pensava di non capire cosa stavano dicendo.

“Puoi vedere che è una ragazza carina, ma la sua intelligenza. Decisamente al di sotto della media. Ha recuperato il suo livello naturale e la prostituzione è l’unico lavoro che sa fare.

Wu ha parlato.

“Una ragazza così è geneticamente arrapata, ha bisogno di un cazzo dentro per sentirsi viva.

Dice l’agente di commercio.

“Idiota!”

Ho pensato. Ma ho davvero trovato il mio livello naturale.

“Capisci l’inglese?”

Scuoto la mia testa.

“Facciamo una prova.

Ha parlato in mandarino e ha continuato in inglese. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Chi è il primo ministro della Thailandia, il tuo paese?

Davvero non lo sapevo. Sorrise.

“Qual è il paese più grande del mondo?

“America!

sbottai, sapendo che non era vero ma dicendolo con convinzione. Scosse tristemente la testa in segno di diniego.

“Cos’è il DNA?

“Maledetto idiota, ti darò il fottuto DNA.â€

pensai, ma gli sorrisi. Non si degnò di parlarmi ulteriormente, ma mi accarezzò il ginocchio e mi fece cenno di allargare le gambe.

La mia pelle accapponò quando mi sfiorò il suo grande guanto sulla coscia, indugiando tra le mie gambe. Mi sentivo piccolo, raggomitolato accanto al suo corpo gigantesco.

Mi sono ricordato che mio marito è un grande fan di Star Wars, ho visto tutti i film molte volte, grazie a lui. Ora che mi sentivo come la principessa Leia, nel suo costume da schiava, accanto al corpo alto e deforme di Jabba The Hut, mi chiesi per un momento se avesse servito Jabba, come immaginavo avrebbe dovuto fare con il professor Wu.

Non c’era niente che potessi fare, il professor Wu mi ha sollevato la gamba sinistra, l’ha messa sulla sua gamba, mentre l’uomo alla mia destra mi ha afferrato la gamba destra e l’ha messa sulla sua gamba. Ero totalmente esposto, solo il mio perizoma traslucido cercava di coprirmi il cazzo, ma in quel modo quasi scompariva dentro la mia figa. Guardando in basso, potevo vederlo strisciare tra le labbra ancora rosse e gonfie da diverse ore nella cabina 2. Lasciai cadere la testa all’indietro, guardando la lampadina nello specchio girare ipnoticamente sopra di me. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi sono sentito ipnotizzato sdraiato in questa posizione esposta e arrapata, completamente fuori posto, sentendo le dita che toccavano le labbra della mia figa con i miei capezzoli induriti. Il mio collo era esposto, l’agente si voltò verso di me, come se Dracula mi stesse piantando le labbra sulla gola.

Potevo sentire i suoi denti e le sue labbra contro la mia pelle, stava succhiando forte e quando le sue labbra si tirarono indietro capii che aveva lasciato un segno di succhiotto. Dubitavo che volesse baciarmi, più probabilmente voleva solo lasciare un segno sul mio corpo. I due uomini risero, le due ragazze rimasero senza parole. Era troppo tardi per protestare.

Guardai le due giovani donne davanti a me, che continuavano a guardarmi con totale disprezzo. Pensavo che non fosse la prima volta che assistevano alle attività di Wu, ho sentito un dito grasso e paffuto togliermi le mutandine da dentro la mia figa e far scivolare il dito dentro, senza guardare a chi appartenesse, sospettavo fosse del grande maestro. . Non mi importava, ero di nuovo bagnato, se non bagnato come prima. Tutto il mio corpo si sentiva in qualche modo irrealisticamente eccitato, la mia pelle straordinariamente sensibile. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Le mie gambe erano un po’ doloranti per essere state separate così a lungo, speravo di potermi muovere presto. Per fortuna mi hanno fatto sedere bene così ho potuto metterli insieme. Sembra che ci fossero dei limiti. Non era considerato decoroso che il cazzo del professore venisse succhiato in pubblico da una puttana come me.

Lentamente, il Pr. Wu sollevò la sua grande mazza, facendomi cenno di seguirlo. Con crescente paura, mi alzai accanto a lui. Potevo davvero apprezzare quanto ero grande e quanto mi sentivo piccolo. Ho dovuto prendere il suo braccio mentre l’agente d’affari applaudiva in segno di incoraggiamento. L’insegnante ha detto ai suoi compagni di classe che si sarebbe riposato e che non ci sarebbe voluto molto.

Siamo andati al bar e ho cercato di sostenerlo. Consegnò a Mamasan una mazzetta di banconote e io la guardai in silenzio mentre contava il mio prezzo e restituiva il resto.

Spero che sia una brava ragazza.

Wu lo chiamò e mi colpì il sedere. urlai di rimando. Mi stavo abituando a questo tipo di umiliazione. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Signore, Kitty è una delle nostre ragazze più popolari, è qui per servirvi quello che volete. È qui per il vostro piacere.

Ero solo uno spettatore in questo sinistro scambio. Il mio cuore batteva forte, come potevo fermarlo? Non ho visto scampo. Ho preso un pacchetto di preservativi e un tubetto di lubrificante, sicura che non mi sarei davvero bagnata per quel bastardo.

Ci siamo rannicchiati nella nostra cabina e io ho aiutato il professore a spogliarsi. Ho allungato la mano per togliermi il reggiseno, ma lui ha scosso la testa. mi chiesi momentaneamente.

“Pensi alla principessa Leila?”

Sedeva sul bordo del letto, a gambe divaricate, come un omino Michelin. Mi inginocchiai davanti a lui senza sapere come procedere. Non c’era spazio tra le sue cosce, le sue cosce erano più larghe della mia vita. Mi ha appena annuito, concentrandosi sul cellulare. Ho dovuto stringermi tra le sue gambe, farmi strada tra le sue cosce carnose per avvicinarmi. Il suo pene era morbido e avvizzito. Esitante, tirai fuori la lingua, toccandone la punta. Le mie labbra si aprirono attorno al suo cazzo e lo succhiai, sentendo la pelle flaccida con la lingua. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mi chiedevo se fosse impotente quando si toccava il cazzo. Afferrando la pelle flaccida, ho afferrato le sue palle, ma il suo scroto era sepolto nelle pieghe. grasso che ho trovato soffocante.

Abbandonato questo piano, sono tornato al pene flaccido. Era molto difficile usare le mie nuove tecniche di fellatio, forse a causa della mia relativa inesperienza nel succhiare il cazzo di una persona grassa. Scoprii presto che se avvolgevo le mie dita attorno alla radice del suo organo, stringendolo leggermente, potevo succhiare delicatamente e ritirare il suo pene mentre premevo la mia lingua contro la parte inferiore della sua asta, premendo contro il tetto del suo pene. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Dick, questo non è un progetto di ricerca da succhiare il cazzo.”

Mi sentivo un po’ claustrofobico, incastrato tra il grasso delle sue cosce massicce.

Finalmente ho iniziato a sentirlo rispondere alla mia carezza sul suo pene. Poteva quasi sentire il sangue che gli pompava nel pene, iniziando a indurirsi. Cominciò a rassodarsi, resistendo alla mia lingua mentre premevo contro la sua carne. Il professore disse qualcosa, ma con la testa sepolta tra le sue cosce, le pieghe della carne che mi sporgevano intorno alle orecchie, non riuscivo a distinguere le sue parole.

Mi afferrò per i capelli, il suo cazzo cresceva e si induriva. Dal momento che non riuscivo a muovere la testa all’indietro, mentre si gonfiava, mi premeva ancora di più sulla bocca. Premette insieme le cosce, avvolgendo la sua carne oleosa attorno alla mia testa, coprendomi il naso, e all’improvviso mi ritrovai a soffocare.

Il suo cazzo continuava a crescere nella mia bocca, stava diventando sempre più profondo nella mia gola e mi chiudeva le vie respiratorie, avevo difficoltà a respirare. Potevo sentire la pressione delle sue gambe che mi stringevano la testa e ho iniziato a farmi prendere dal panico. Ho sbattuto disperatamente le mani sulla parte superiore delle sue cosce. Fortunatamente, ha ricevuto il messaggio e ha rilassato le cosce. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Gli ho quasi tolto il cazzo dalla bocca quando ho alzato lo sguardo. Respirava pesantemente dal naso, senza fiato. Ancora ansante, lo guardai con un misto di paura e rabbia mentre guardava tra le mie gambe per studiare il mio viso. Aveva un leggero sorriso sul volto, di certo non sono state offerte scuse. Mi accarezzò la guancia.

“Belle Blossom, sei così fragile, ti amerò.

disse in mandarino. Ho fatto finta di non capire. Ha finito di parlare in inglese.

“Adesso ti alzi.

Barcollai in piedi, incerto se volesse che io soffocassi o schiacciassi sotto di lui, o se volesse solo che facessi tutto il lavoro. Gli sorrido e basta. Era rassegnato a ciò che doveva venire. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Altre storie erotiche  Il primo corno del marito - Racconti erotici

Si sdraiò sul letto con difficoltà, io gli salii sopra. Il suo pene non era esattamente piccolo, ma la sua radice era sepolta nel suo grasso. Mi sono messo a cavalcioni sulle sue cosce e ho fatto scivolare un preservativo sul suo pene, spingendo per raggiungere la base nascosta. Ho spalmato un po’ di lubrificante sul professore, massaggiandolo.

Ho iniziato a toccarmi la figa, devo ammettere che era un po’ bagnata, ma ero comunque contenta di aver portato il lubrificante.

Poi, trascinandomi in avanti, mi sono alzato in piedi e ho preso posizione sulla testa del suo cazzo. Ho tirato il culo di lato con una mano e afferrando la sua asta con l’altra, ho sfiorato il suo cazzo lungo la mia fessura. L’ho fatto scivolare tra le mie labbra e il mio clitoride, cosa che mi ha fatto rabbrividire. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Oh mio Dio, c’è un modo per aggirare questo?” »

Ma sapevo che era troppo tardi per quello, io Ero una puttana, avrebbe usato il mio corpo, mi avrebbe usato come voleva.

Vedendo l’impazienza dell’insegnante, deglutii e cominciai ad affondare nel pozzo, sentendo che la mia testa cominciava a penetrare nel mio corpo. Mentre il mio peso mi tirava giù, ho sentito un brivido involontario scendere, impalato, il mio corpo violato da quest’uomo ripugnante. Pieno e stretto dentro, mi spinsi dentro di lui, con un fascino terrificante quando mi resi conto che le mie cosce erano parzialmente sepolte nel suo grasso. Mi sentivo come se fossi stato risucchiato nel suo corpo enorme e muscoloso, come se la mia figa intrappolata nel suo cazzo ora fosse sua.

Mi sono girato verso lo specchio e ho visto una bambina vestita solo con un bikini succinto e capelli neri e lisci seduta su un’enorme bolla. Un Jabba enorme e malvagio che avvolge, assorbe, scopa una delicata forma da principessa, mani grassocce che spingono da parte il mio reggiseno sottile, giocano con i miei seni, strizzano i miei capezzoli. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Queste strane sensazioni innescavano ondate di piacere e, mio ​​malgrado, potevo sentire i miei succhi iniziare a fluire.

Cominciai a muovere i fianchi su di lui con un movimento tortuoso, spingendomi ancora e ancora. Come potrei approfittare di questo? Lo odiavo, ma non posso mentire, amavo quella penetrante sensazione di piacere che saliva dal mio corpo impalato. Caddi sul suo petto gemendo al ritmo della nostra spinta articolare.

” Nerd ! “

Doveva stare attento, non c’era modo che raggiungesse l’orgasmo con quello stronzo. Avevo bisogno di rallentare e controllare le mie emozioni.

“Sì, quella è mia figlia.”

È solo una questione di autocontrollo, non avrai certo la soddisfazione di vedermi arrivare. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

““Autocontrollo! Controllo, controllo, controllo,…, con… »

Continuavo a provare a ripetere il mio mantra. Sentii le sue mani muoversi sul mio corpo. Una mano si mosse in avanti, scivolando lungo la mia coscia, finché non sentii le sue dita nella mia figa, dove la sua asta mi entrò. Era così bagnato ora che anche le sue dita erano inzuppate della mia umidità. Un attimo dopo sentii il suo dito ben lubrificato sul mio sedere, facendomi tremare. Dovevo stare attento a non lasciarmi andare, ma potevo sentire qualcosa che cresceva dentro di me.

ҠRicorda! Controllo, controllo,…, sì, quello. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

I miei occhi si spalancarono e gemetti, guardando la sua faccia furba quando sentii il suo grosso dito premere contro il mio sedere. Sentii il mio sfintere spostarsi con un po’ di disagio, poi sollievo mentre si apriva per far entrare il suo dito. La sensazione di liberazione mentre il suo dito sondava il mio retto, aggiunta alla spinta sempre più disperata del mio corpo, spingendo ripetutamente la mia figa contro il suo cazzo, la sua bocca ora premuta contro la mia, la sua lingua tra le mie labbra, ruppe la mia ultima barriera. . Mi staccai dalla sua bocca urlando di desiderio.

“Ahhhhhhggggrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!

Seppellii la testa nel suo petto mentre i ripetuti spasmi mi sconvolgevano. Singhiozzai dentro di lui stringendogli le spalle mentre il mio corpo tremava in modo incontrollabile.

Nello specchio ero vagamente consapevole della mia resa, la resa della Principessa Leia, sopraffatta da ondate di calore travolgente e sgradito mentre veniva, il suo corpo che si contorceva, impalata sull’orrendo, mostruoso pene di Rutt. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Improvvisamente non mi importava da dove venivo, non mi importava di essere una puttana al servizio di un cliente, non mi importava di essere attaccata al professore sporco. Wu, in quello che sarebbe stato il mio peggior incubo. Ero perso nel momento, crogiolandomi nella pura beatitudine, finché i tremori che scuotevano il mio corpicino si placarono gradualmente.

Lentamente, mi sollevai dal suo petto e mi appoggiai allo schienale, le mie mani sulle sue ginocchia per sostenermi. Ho ricominciato a muovermi. Ho lavorato la mia figa contro il suo cazzo, cercando di farlo venire. Mi sentivo stanco ora e l’orgasmo dell’insegnante non si era ancora materializzato, anche se sembrava molto soddisfatto e godeva della vista del mio corpicino che spingeva il suo cazzo. Ma nonostante i miei migliori sforzi, non sono riuscito a farlo venire.

Alla fine mi accarezzò il sedere, indicando che mi voleva lontano da lui. Poi lentamente ho tirato fuori il suo pene da me, il preservativo si è staccato nel processo, e sono sceso dal letto mentre sollevava il suo grosso corpo per sedersi. Si voltò, sedendosi a metà sul letto accanto a me, e poi mi tirò più vicino a sé. Mi prese il mento, mi guardò di nuovo negli occhi, studiò il mio viso, facendo scorrere le dita dell’altra mano. sulle mie guance – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Piccolo fiore.

Questo è tutto ciò che ha detto.

Mi mise le mani sulle spalle e mi spinse finché non fui di nuovo in ginocchio davanti a lui. Questa volta, almeno, è stato attento a non annegarmi.

Ho afferrato il suo cazzo, stringendo forte l’asta, e ho cominciato a masturbarlo. Mi ha tenuto la testa costringendomi a stare sopra di lui, allargando il suo cazzo gonfio sulle mie labbra. Ha spinto la testa del suo cazzo nella mia bocca e ho potuto assaggiare il sudore salato, insieme ad un po’ del mio lubrificante e del suo pre-cum. Ho continuato a masturbarmi e ho gettato la mia lingua sul suo glande alla stessa velocità della mia mano. Mentre leccava e succhiava il suo cazzo, poteva sentirlo stringersi di nuovo. L’ho guardato con un’espressione interrogativa e speranzosa mentre lavorava sul suo cazzo.

lo sto facendo giusto? I nostri sguardi si sono incrociati, non certo da pari a pari. Era un professore ricco e potente e io? Non importava cosa avesse pensato di me prima, ora ero solo una puttana, il mio corpo fungeva da veicolo per il suo piacere. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Mentre la mia mente rifletteva su questo, rimasi scioccato ancora una volta. Accidenti, perché non sto imparando? Improvvisamente gemette e sgorgò dalla parte posteriore della mia gola, facendo sobbalzare il mio corpo all’indietro di riflesso. Avrei davvero dovuto imparare perché mi ha fatto ottenere il suo denso sperma su tutto l’occhio sinistro e sulla guancia. Mandandomi la sborra negli occhi, ripresi il suo pene in bocca mentre continuava a eiaculare con meno forza ora.

Potevo sentire la sostanza calda e appiccicosa ricoprirmi la parte posteriore della gola, quindi ho spostato la lingua sullo sperma, che si stava accumulando nella mia bocca. Con la mia lingua immersa nel suo seme, l’ho assaggiato, leggermente agrodolce e ho potuto sentire la consistenza leggermente grumosa che ho notato su alcuni dei miei clienti.

Ho leccato le ultime gocce dalla punta del suo cazzo, a quel punto ha indicato che voleva vedere. Ubbidientemente aprii la bocca spingendo in avanti il ​​pasticcio appiccicoso e schiumoso per mostrargli il sorso che mi diede così generosamente. Qualche goccia mi è scesa sul mento, ma ho trattenuto il resto e chiudendo le labbra ho ingoiato lo sperma sentendolo scivolare lungo l’esofago fino allo stomaco. Ancora una volta, ho avuto un leggero disagio. Pensavo di avere il premio dell’insegnante.

Ridacchiò e mi accarezzò la testa. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Oh! Sì, molto bene Florzinha.

E presto cominciò a vestirsi. Tirò fuori il portafogli e mi porse dei biglietti. Sembrava essere di circa $5.

“Grazie, signore, grazie. Happy Kitty che Mr.

Aveva davvero bisogno di ringraziarlo così tanto?

Dopo che se n’è andato, mi sono alzato e sono andato in bagno. La doccia mi ha rinfrescato. Altre ragazze andavano e venivano. Quando ho finito, ho cercato il mio bikini, ma non l’ho visto. Immaginava che una delle ragazze gli avesse messo i vestiti sporchi. Nudo, sono passato davanti alle cabine, ascoltando i suoni del sesso che mi venivano incontro, i suoni dei letti che dondolavano, urla e grugniti, schiaffi, succhiate e spinte di cazzi, suoni che nessun cliente avrebbe sentito passando davanti alla mia cabina pochi minuti prima. . – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Ero nudo e ho avuto una breve conversazione con la donna dietro la scrivania, una conversazione senza pretese, ma in questa conversazione lo è. Ha detto che gli uomini d’affari stavano visitando il signor Somchai. Voltandosi, raggiunse un armadio dietro di lei e mi porse un bikini pulito da indossare. Scesi in cucina e mi servii del riso. Mai era lì e mi sono seduto accanto a lei, felice per la sua compagnia. C’erano altre tre o quattro ragazze nel mezzo. Ho chiesto a Mai dei visitatori e ho saputo che erano lì per riscuotere i debiti di tre delle ragazze più giovani, anzi, per comprare le ragazze. Sarebbe un’asta. Ero affascinato e inorridito.

Mamasan e la sua assistente entrarono in cucina e si guardarono attorno, furono chiamati tre nomi e due nuove ragazze si alzarono. Li ho osservati attentamente. Erano preoccupati ma rassegnati.

«Adesso vai dal signor Somchai.

Sono stati istruiti. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

“Dov’è Polly la debuttante?

Anch’io mi sono guardato intorno. A quanto pare è tornata al bar poco prima che scendessi. Mamasan andò a cercarlo, lasciando in cucina il suo secondo in comando. Mamasan 2 scrutò la cucina, i suoi occhi su di me. Il suo viso si contorse in un sorriso sgradevole. Distolsi lo sguardo quando sentii il suo sguardo su di me, cercando invano di farmi passare inosservato.

“Kitty, stai cercando lei. Vogliono solo tre ragazze.

“Ma…

La mia voce si è spezzata.

“Ora. Andiamo. – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Lentamente, con riluttanza, mi alzai, la mia mente girava, mi sentivo debole.

Barcollando sui miei tacchi a spillo tra i tavoli e altre ragazze sedute in silenzio, hanno fatto del loro meglio per evitare l’attenzione di Mamasan 2. Nella mia angoscia, ho notato altre ragazze che mi tiravano pugni, con il sollievo nei loro occhi. . Raggiungo le altre due ragazze vestite come me nei nostri succinti bikini. Seguii gli altri due fino alla porta, guardando Mai con aria supplichevole.

«Per gli dei, un’asta? Cosa potrebbe fare Mai? Cosa potrebbe fare qualcuno?

Mamasan 2 mi guardò intensamente, ovviamente godendosi lo sguardo addolorato sul mio viso.

– “Merda, e adesso?” – Racconto tradotto e adattato da Marina G., scritto da Zoeleong.

Come sono arrivato così in profondità?

Da seguire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *