Ricattato dalla sorella della sposa

di | 9 de Dicembre, 2022

Mi chiamo Cristian, ho una ragazza di nome Anna e stiamo insieme da 2 anni. Una breve descrizione di me stesso: 30 anni, corporatura atletica, funzionario del forum, adoro passare la giornata a guardare video di uomini sottomessi che soffrono con donne dominatrici e ho un feticcio di andare a lavorare in costumi da bagno stampati da bambini, molto piccoli con fianchi magri e stretto, mi eccita tutto il giorno nel mio lavoro noioso dove letteralmente non faccio nulla. Anna, quant à elle, 33 anni, a corps sculpté, des jambes toniques, aime courir, est una femme d’affaires et gère certain magasins de la famille avec sesparents, et passe le plus clair de son temps à se consecrer for sale . Ho sempre avuto un rapporto molto onesto con lei per quanto riguarda i miei interessi nel BDSM e nei costumi da bagno, da puritana trovava tutto molto strano all’inizio della relazione, ma poi ha iniziato a piacermi e ad aiutarmi a realizzare le mie fantasie.

Io vivo da solo in un piccolo appartamento, mentre lei vive con i suoi genitori e la sorella maggiore in una casa a tre piani. I suoi genitori sono molto conservatori e non lasciano dormire la figlia fuori casa, permettono solo incontri in sua presenza. Ma molte volte abbiamo approfittato delle dimensioni della casa per sgattaiolare fuori, diverse notti ho dormito nella sua stanza senza che i suoi genitori lo sapessero.

Siccome non lavoro nei fine settimana, Anna di solito mi lascia legato nella sua stanza o in un altro angolo della casa mentre lei va a lavorare, soprattutto il sabato. Rimango solo in casa sua con la sorella maggiore Paola, che è un avvocato indipendente e quindi lavora in proprio. Ma non immaginava che io passassi i sabati, tutto il giorno, ammanettato al letto nella stanza di Anna, ad aspettare il suo ritorno. Il problema è che ogni tanto Paola entrava nella camera della sorella, sicuramente per rubare trucchi o frugare nell’armadio, ma eccezionalmente il sabato trovava la porta chiusa. Quando ciò accadde ero molto calmo, non respiravo nemmeno per non destare sospetti.

Temevo che un giorno Paola scoprisse la nostra puttana. Ho parlato con Anna e le ho chiesto di punirmi in un’altra parte di questa enorme casa, purché non fosse nella sua stanza. Così ha deciso di rinchiudermi nella stanza della domestica disabile al secondo piano della casa, un posto dove sua sorella non sarebbe mai andata.

Ogni sabato avevamo un rito: Anna mi portava la mattina presto nel ripostiglio, che non aveva altro che un letto singolo a molle e una testata di metallo. Lì mi ha detto di togliermi i vestiti e di avere solo la mia biancheria intima, che era invariabilmente sempre molto piccola e attillata con un lato sottile e una stampa molto imbarazzante, come un piccolo fiore, un orsacchiotto o qualcosa del genere. Sdraiato sul letto, ero bloccato in una X, il che significa che le mie mani erano ammanettate su entrambi i lati della testiera, mentre i miei piedi erano anche bloccati dall’altra parte del letto sulla staffa di metallo, ammanettati e divaricati. . J’étais coincidono à cet endroit en forme de X, très étiré pour que la punición soit inconfortable, en plus d’avoir un bâillon en caoutchouc super coincidono dans la bouche (toujours précédé d’une belle claque au visage pour me force à ouvrir la mia bocca). caricato). Lì passavo tutti i sabati della giornata, radicata a terra, solo in mutande strette e impossibilitata a togliermele (quanto avrei voluto a volte per il disagio). Sono stato torturato con la mia stessa erezione per ore e ore, il desiderio di venire in qualche modo, attraverso la masturbazione o il sesso, è stato contrastato da queste manette che mi tenevano giù e scivolavano così strette da impedire al mio cazzo di diventare completamente duro. Nella mia mente, durante l’intero periodo della punizione, è stato elaborato un vortice di pensieri e desideri erotici. Ho adorato l’audacia di vivere questa situazione nella casa dei genitori puritani della mia ragazza. Mi piaceva molto ascoltare i passi di Paola per casa, molte volte camminava sui tacchi, e passava vicino a dove si trovava, mi piaceva sentire il rischio di essere scoperta in questa situazione. L’immaginazione che lei fosse in quell’ambiente a pochi metri da me in totale libertà per fare ciò che voleva nel modo più comodo possibile, mentre io ero ancorato nella stanza di servizio in modo totalmente umiliante e scomodo, mi provocava un’eccitazione assurda . Paola era estremamente interessante, piena di corpi da palestra, alta, indipendente, ben vestita, intelligente, eloquente e sempre con un umorismo sarcastico.

Ma prima o poi ogni troia finisce male e un sabato mi hanno fregato. Come al solito, la mattina presto, sono stato arrestato nella stanzetta. Questa volta indossava un costume da bagno molto attillato e succinto, circa 3 cm di lato e con una stampa di mucca (per quanto imbarazzante sia). Quel giorno, Anna era in super ritardo per aprire il suo negozio, mi ha rapidamente ammanettato al letto, mi ha imbavagliato, è uscita molto velocemente per andare al lavoro e ha semplicemente chiuso la porta. Quando ho capito che se n’era andata senza chiudere quella benedetta porta che mi aveva tenuto al sicuro mentre lei era via, sono andato nel panico. Ero letteralmente fottuto se qualcuno apriva quella porta e mi vedeva in quella situazione. Ho cercato di stare calma e pensare che durante tutto questo tempo nessuno doveva aprirla, in fondo per questo ho preferito stare lì e non nella stanza di Anna.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di tradimento - Il custode

Quel giorno, circa 3 ore dopo l’arresto, ho sentito una porta sbattere e dei passi sui tacchi alti, era Paola che tornava a casa all’ora di pranzo. Spaventoso, la cucina era a pochi metri dalla stanza della cameriera, ma lei non aveva motivo di andarci. Sento i suoi passi in cucina, il rumore dei fornelli e del microonde, stava preparando il pranzo. Feci un respiro profondo, cercai di mantenere la calma, il rischio c’era ma sarebbe stato molto spiacevole per lei aprire quella porta lo stesso giorno in cui non era stata chiusa. Rimasi lì, aspettando con apprensione che uscisse dalla cucina in modo che potessi finalmente essere sollevato. All’improvviso, sento il rumore di piatti che si rompono sul pavimento e la sorella della mia ragazza che si lamenta:

– Merda, ha rovinato tutto il pavimento! Dove posso trovare una paletta e una scopa per pulire tutto questo?

Incasinato, incasinato. Non sono mai stato così vicino a essere scoperto, lei cercava la pala e la scopa a un metro o due da dove ero intrappolato. Il mio cuore stava per saltarmi fuori dalla bocca.

– Ragazzi, dove tengono le cose queste persone? È così in questa casa, non trovi mai niente.

I suoi passi si avvicinano sempre di più alla porta, le lamentele di non trovare quello che cerca continuano fino al peggio: decide di perquisire il ripostiglio. Paola apre improvvisamente la porta, spalanca gli occhi, emette un grido di sorpresa e si mette le mani sulla bocca quando mi trova in questa situazione assurdamente imbarazzante. Pochi secondi dopo, inizia a parlare:

– Ma cos’è? Cosa sta succedendo qui? Sei cristiano?

Ero ammanettato a X su questo letto, lottando e cercando disperatamente di togliermi il bavaglio (cosa impossibile) mentre la sorella della mia ragazza guardava sconcertata.

– Cristian, perché sei intrappolato in questo letto? L’Anna che ti ha lasciato lì praticamente nudo, solo con quel costume da bagno? Wow, che ridicola impronta di mucca è quella? E quel bavaglio in bocca? Quindi questa è la merda che fai a casa dei miei genitori. Ma dannazione, è molta audacia. Aspetta un attimo, torno subito.

A quel punto, sapevo già di essere completamente fottuto. Avrebbe sicuramente chiamato i suoi genitori e la casa sarebbe crollata. Improvvisamente, ritorna con il cellulare in mano e un sorriso all’angolo delle labbra:

– Ora, ti farò solo delle foto in questa situazione, solo un minuto…

Ho provato a pregarlo di non fare niente di tutto questo, ma le mie parole sono state completamente soffocate dal bavaglio. Comprendendo che volevo dire qualcosa, Paola continuò:

– No, non toglierò il bavaglio. Ho bisogno che tu rimanga esattamente come sei così che io possa registrare l’intera situazione con la fotocamera del mio cellulare. Lì, penso che siano sufficienti 15 foto da diverse angolazioni. E tu stai lì e in silenzio, non voglio ascoltare le tue spiegazioni. So benissimo cosa sta succedendo qui, pervertito. Wow, tu e mia sorella con quelle facce bestiali, non immaginerei mai il cazzo che fate qui a casa dei miei genitori. A proposito, ti rendi conto di quanto sei fottuto quando glielo dico?

Mentre mi dibattevo disperatamente sul letto, Paola mi guardava con uno sguardo indignato, era chiaro che l’ultima cosa che avrebbe fatto in questa situazione sarebbe stata lasciare andare o togliermi il bavaglio. Dov’era e com’era era tutto ciò che voleva per scopare me e sua sorella. Per me è stata la fine.

– Questo, puoi dimenarti quanto vuoi in questo letto, in nessun caso ti tirerò fuori da lì. Pagherai a caro prezzo questo sporco trucco quando i miei genitori lo scoprono. E queste foto, uh, cosa ci faccio con loro? Lo mando a loro, lo mando alla polizia? Lo so, ho un’amica che lavora al giornale, potresti chiamarla qui adesso così ti fa altre foto e le pubblica domani sul giornale della domenica, che ne dici?

Ho smesso di lottare e l’ho guardata, tutto quello che volevo era togliermi il bavaglio per cercare di convincerla a non fare tutto questo. E Paola continuava a guardarmi con quello sguardo trionfante sul viso e un sorriso all’angolo della bocca. Ero disposto a tutto pur di non espormi ai suoi genitori, o peggio. Poiché solo lei aveva il diritto di parlare, continuò:

– Allora, è così che ti piace essere? Ammanettata, imbavagliata, vestita solo con un succinto costume da cowboy… vergognatevi! Mia sorella deve fare di te un gatto e una scarpa, giusto? ! Svergognato pervertito, devi solo andare a farti fottere. Merita infatti di stare tutto il giorno bloccato qui in questa cameretta da serva, senza diritti e con indosso solo questo costume da bagno attillato, a soffrire. Sai come so che sei un pervertito e meriti tutta questa umiliazione? Perché mentre parlo, il tuo cazzo è molto duro e palpitante. Avresti dovuto essere disperato per il rischio che i miei genitori lo scoprissero, ma invece te la stai cavando solo per farmi restare qui a guardare e parlare.

Com’era intelligente, com’era arrabbiata! Deve essere in grado di leggere la mia mente, può farlo. Da un lato, era davvero disperato di essere scoperto, ma dall’altro era davvero eccitato all’idea di essere minacciato in quel modo da una donna dall’aria dominatrice. Anche se ero fottuto, il mio corpo non poteva negare questa esperienza unica, l’ultima fantasia BDSM. La vera domanda su cosa mi avrebbe fatto questa donna assurdamente sexy mi ha dato una sensazione incredibilmente eccitante:

Altre storie erotiche  Scopa in ascensore la mattina presto dopo una notte di festa

– Vieni qui, lascia che ti dica una cosa… sei così fottuto, sai? Quando pubblicherò queste foto, metterò fine alla tua vita. Cosa penserebbero le persone se sapessero che ti piace essere trattato così? ! Sarei sicuramente uno zimbello per il resto della mia vita, posso persino immaginare lol. Inoltre, non metteresti mai più piede in quella casa, dato che i miei genitori non permetterebbero mai, in nessun caso, che la mia sorellina esca con una sgualdrina. È… è andato storto, è la fine della strada per te, subdolo!

Che fottuto cazzo che continuava a diventare duro. E Paola non mi staccava gli occhi di dosso, come se le piacesse la mia strana reazione all’essere scopata.

– Come avvocato ti dico che il tuo unico diritto è andare all’inferno. Ma ti do una scelta perché, nonostante tutto, non posso negare che tutta questa situazione è interessante e che posso imparare qualcosa da essa.

Nello stato in cui mi trovavo, avrei potuto fare qualsiasi cosa mi avesse detto quella donna per non rovinarmi la vita.

– Allora ho detto, come gestisci l’essere così davanti a una donna? Sai che potresti essere un buon zerbino? Forse posso aiutare… anzi, posso ottenere molto da uno così (mentre parlava, faceva scorrere delicatamente le dita sul mio costume da bagno, sentendo il rigonfiamento causato dalla mia erezione). Sai Cristian, non faccio sesso da 2 o 3 anni, non riesco a trovare un ragazzo. Gli uomini sono sessisti, non si preoccupano di una donna bella, intelligente e di successo come me. Sono spaventati. E vedendoti in questa situazione, non posso negare che avrei potuto usarti come volevo. E soprattutto, senza che nessuno lo sappia. Perché so che faresti meglio a mangiare dalla mia mano piuttosto che rovinarti la vita.

Di cosa stava parlando questa donna? Voleva usare il fidanzato di sua sorella per fare sesso, ho capito male? Sono stato ammanettato e imbavagliato sul letto del ripostiglio, mentre il pappone di Paola mi lisciava il cazzo e, a scopo sessuale, ha deciso di ricattarmi. Quando mi ha colpito, ho capito che non avevo nemmeno scelta. In quel momento, improvvisamente mi abbassò il costume da bagno, prese il mio pene, già pienamente goduto, come se fosse di sua proprietà, lo afferrò e, assetato, lo succhiò insaziabilmente. Che follia, la mia eccitazione era al limite e in pochi minuti mi sono goduto gli orrori in bocca a questo ricattatore, che sollievo. Ma il problema era appena cominciato, perché era come una cagna che non mollava l’osso e, anche dopo essere venuto, non smetteva di succhiare. Ero disperato perché il mio cazzo era assolutamente sensibile, volevo che smettesse questa tortura già insopportabile. Fu allora che capii che non aveva pietà di me. Mi rotolavo nel letto, il mio gemito era attutito dal bavaglio, avevo solo bisogno di piangere, ma non aveva senso fare niente, Paola allora non mi mollava mai, figuriamoci smettere di succhiare finché non sono sazia. Finché il mio cazzo non si è ammorbidito nella sua bocca e ho realizzato che aveva interrotto la tortura.

– Poverina, hai sofferto con la mia pipa? Beh, sei un bastardo che non merita una vita facile. Adesso ti rimetto il cazzo nel costume da bagno e ti lascio lì. Torno tra un’ora, devo pranzare e farmi una doccia. Oltre a dover ripulire quella schifezza di piatti rotti, giuro che se avessi le chiavi di quelle manette, ti lascerei andare a ripulirti. A proposito, non solo, ma anche preparando il mio pranzo e magari pulendo la cucina, mia madre sarebbe così orgogliosa di pensare che sono stato io lol.

Dopo aver riso, Paola mi dà uno schiaffo leggero sulle palle, si alza dal letto e se ne va, lasciandomi lì sdraiato e morente per il dolore dello schiaffo. Aveva poche certezze nella vita, ma una di queste finalmente le divenne chiara: Paola era una pazza disposta a usare e abusare senza pietà del ragazzo della propria sorella, pur di essere soddisfatta.

Ma quell’aria di donna decisa, intelligente e dominante mi dava un’erezione assurda. In pochi minuti ho avuto di nuovo un’enorme erezione, avrei potuto masturbarmi ancora e ancora se non fossi stato bloccato. A quel tempo, il masochismo consisteva nell’essere torturati dalla propria lussuria e dall’impossibilità di autosoddisfazione. Sembrava una cagna in calore intrappolata nel cortile di una casa. La cosa più surreale di tutte, la mia più grande fantasia stravagante stava per diventare realtà. Cosa avrebbe fatto di me quella pazza una volta tornata a casa? Mi spostai sul letto solo per assicurarmi di essere davvero in trappola e non potevo fare altro che aspettare la sorella della mia ragazza. che tortura

Paola è tornata due ore dopo, si era fatta la doccia, indossava un babydoll verde ed era evidente che indossava un perizoma nero.

– Ehi cane. Wow che cazzo duro, non ho dubbi che il tuo posto sia proprio lì. Il posto di una cagna in calore è al guinzaglio e soffre della sua stessa erezione (non posso credere che questa donna possa solo leggermi nella mente). Pensavi che avresti passato il resto della giornata aspettando con calma la tua ragazza senza che io venissi a farti qualcosa di male?

Ho provato a rispondere alla sua domanda, sapevo che non aveva senso, ma forse sarebbe stata interessata alla risposta e avrebbe tolto il bavaglio.

– Chiuso! Ti ho già detto che non toglierò questo bavaglio. Vuoi un altro schiaffo nelle palle?

Altre storie erotiche  Storia erotica bdsm - L'insegnante sottomessa - Capitolo 32

mi sono subito zitto. Poi Paola mi si avvicina, si siede accanto a me sul bordo del letto e accavalla le gambe.

– Quindi ora mi mangerai la figa. Sei rasato, pulito e desideroso di ingoiare il tuo cazzo. Lo annusa con il naso.

Poi si siede sulla mia faccia e strofina questa fica già bagnata con sperma femminile sul mio naso. Rimane lì a lungo, costringendomi ad annusarlo come un vero cane.

– Ha un buon profumo di stronzo! Ora mi fotterai con il tuo grosso cazzo venoso senza lamentarti. E stai molto attento, se hai il coraggio di approfittare e addolcire questa coda, il nostro accordo finisce nello stesso momento e puoi dire addio a questa patetica piccola vita.

Terminando la frase in tono minaccioso, mi ha immediatamente tirato giù il costume da bagno, ha afferrato forte il mio cazzo duro, si è seduta sopra di me, si è tolta le mutandine e ha spinto tutto quel cazzo palpitante fino in fondo nella sua figa. Ciò che questa donna mi aveva chiesto era semplicemente impossibile. Come potevo tenermi quel cazzo duro senza venire, con quel ruffiano seduto su di esso implacabilmente, assetato di sesso. Cazzo, se prima pensavo di essere torturato con la mia stessa benda, ora ho scoperto cos’è la vera tortura. Con un ritmo frenetico continuò a cavalcare come qualcuno che non faceva sesso da molto tempo, chiaramente godendosi tutto. Sentivo la sborra della sua figa scorrere nelle mie cosce, Paola era straripante di desiderio. Dopo 10 minuti non ce la facevo più. Anche se mi ha minacciato, non ho potuto farne a meno. Rendendosi conto di ciò, mi schiaffeggia forte e dice:

– Non venire, figlio di puttana! Giuro che metterò fine alla tua vita se lo fai. Finché non finisco di godermi questo cazzo, ti è proibito godertelo.

Dopo aver rettificato la minaccia, ho cercato di concentrarmi il più possibile per mantenere l’erezione finché quella ragazza pazza non fosse soddisfatta. Venti minuti poi è venuto all’impazzata, ha lanciato un grido di piacere che anche il vicino deve aver sentito, poi è crollato sopra di me.

– Wow, che boccone gustoso, molto denso e duro. Sono contento che tu non sia venuto, ne voglio di più presto. Vado solo a riposare.

Presto si addormentò. Era meglio così per ora, quando si fosse svegliata affamata di sesso sarebbe stata nei guai. Ho cercato di non muovermi e di tenere questa donna sopra di me per lunghe ore. Ad un tratto sento il rumore di una porta, è arrivato qualcuno. Sveglio velocemente Paola e lei nota dei passi di qualcuno al piano di sotto.

– Merda, mi sono addormentato. Se è Anna, siamo fregati. Tu ed io siamo puro sesso. Metterò il tuo cazzo semiduro dentro il costume da bagno (lo ha strizzato nel piccolo spazio all’interno del costume da bagno e ha legato la corda molto stretta). Devo cambiarmi i vestiti, nessuno può vedermi così. Tu stai fermo e non fare rumore, io vado in camera mia a cambiarmi.

Sale velocemente in camera sua. I suoi genitori e Anna erano arrivati. Presto la mia ragazza sarebbe venuta dove aveva bisogno di lasciarmi andare.

– Ciao mio pervertito, ti sei divertito mentre ero via? Wow, il tuo costume da bagno e il lenzuolo sono fradici, sei riuscito a venire anche in prigione? Dimmi (poi si toglie il bavaglio).

– Wow Anna, non so cosa sia successo, ero così eccitata per tutte quelle ore che sono venuta più volte, anche ammanettata al letto. Sono troppo stretto, devo andare in bagno.

– Ok, lascia che ti lasci andare. Andiamo in bagno nella mia stanza, approfittando del fatto che i miei genitori sono di sotto e Paola deve dormire.

Andiamo velocemente in camera sua e mi chiudo in bagno. Avevo bisogno di andare d’accordo, potevo passare l’intera giornata a masturbarmi pensando a tutte le cose folli che ho passato durante il giorno. Mi sono masturbato due volte, ho fatto una doccia e poi mi sono nascosto nella stanza di Anna. Wow, che giornata! Sdraiato sul mio letto, penso a tutto quello che è successo. Fino a quando la pazza Paola mi minaccerà? Sento il mio telefono vibrare, era un messaggio: “Ciao zerbino, ti sei divertito questo pomeriggio? So che devi nasconderti nella stanza di mia sorella senza che i miei genitori lo sappiano. J era lì a chiedere… se puoi nasconderti lì dentro , potresti restare anche tu qui. Aspetta il mio messaggio nei prossimi giorni. Quando te lo mando, trova una scusa per non dormire con mia sorella e passa la notte nascosta nella mia stanza. Non preoccuparti, io’ Sono sicuro che sarai molto calmo, ti farò legare e imbavagliare, tutta la notte, e solo in un ridicolo costume da bagno, ovviamente, hahaha Oh, un’altra cosa, sabato prossimo quando sarai bloccato, nasconditi una copia della chiave delle manette per lei sotto il tappeto del soggiorno. Ho altri piani per te ahahah. A dopo, pervertito!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *