Ritorno al Centro Storico – Finale

di | 12 de Dicembre, 2022

Cronache di Casco Viejo 76 – Ritorno a Casco Viejo – Fine

La trattativa tra Alice e Vera ha avuto successo. Attraverso mezzi sensuali inaspettati, i due sono giunti a un accordo sulle questioni più delicate del contratto da firmare. La “conversazione” tra i due ha occupato tutto il tempo a disposizione per quell’incontro, rendendo impossibile scrivere una clausola del contratto, che ha lasciato molte cose accumulate da discutere nell’incontro del giorno dopo. Vera ha promesso di scrivere un minuto con Andreia in modo che abbiano qualcosa di concreto da discutere al prossimo incontro. Alice avrebbe avuto Alvaro ad aiutarla questa volta.

Il prossimo incontro è stato nel pomeriggio. Non era più un incontro informale nell’ufficio di Vera. Con più persone è stata utilizzata la sala riunioni aziendale. Una grande sala, con un lungo tavolo e innumerevoli posti a sedere, dava un’idea delle dimensioni delle compagnie che Vera gestiva. Tutti erano lì con una stampata della bozza di Vera che ripassava ogni clausola.

Álvaro e Andreia si aspettavano un incontro teso con i loro capi che discutevano su ogni punto, ma quello che videro fu una reciproca cordialità tra di loro. Il che ha portato i due ad assumere questo ruolo di sfidante per gli interessi aziendali. Vera e Alice guardarono i due litigare e poi si guardarono. Sorrisero discretamente ricordando tutto quello che era successo il giorno prima. Ad un certo punto, hanno preso in carico la riunione quando i loro compagni hanno iniziato discussioni senza fine. Dopo aver passato alcune ore a riesaminare tutto, hanno finalmente concordato tutti i dettagli del contratto.

– Alla fine è andata bene, ma abbiamo un problema. Domani mattina abbiamo un biglietto di ritorno. disse Alice, preoccupata.

– Nessun problema, aggiorneremo il contratto e te lo porteremo così potrai firmarlo ovunque tu sia. – disse Vera.

– Sarebbe perfetto. Potresti? chiese Alice

– Andreia decide, vero? – chiese Vera, guardando Andreia.

– Sì, naturalmente! Oggi ti porterò in albergo. – disse Andreia in modo disponibile.

– Vera, apprezza questa ragazza! Dipendenti dedicati come quelli valgono oro!

– E non lo so, Andreia fa tutto per me, mi compra anche i vestiti.

– L’ha visto, signor Álvaro? Devi imparare a fare più cose.

– Non parlare così Alice, sono sicuro che sia il tuo braccio destro.

– Non ti mentirò, mi rende la vita molto più facile. Fa anche massaggi meravigliosi. – disse Alicia facendo guardare Álvaro a tutte le donne, facendolo arrossire.

Vera e Andreia guardarono Álvaro con sguardi ammirati, ma poi Vera guardò Andreia, fingendo un’espressione esigente, scherzando con la sua assistente. Alice stava tranquillamente ridendo della situazione.

La notte stava già cominciando quando Alice e Álvaro andarono in albergo. Questa volta erano insieme in una camera doppia, come fanno di solito per godersi i viaggi di lavoro. Hanno fatto il bagno insieme. Álvaro indossava pantaloncini e maglietta. Alice indossò una camicia da notte. Sebbene volessero uscire con loro, pensarono che fosse meglio aspettare l’arrivo di Andreia, poiché non sapevano quando si sarebbe presentata.

Andreia, rispondendo alle richieste di Vera, assume spesso compiti difficili. Questa volta ha dovuto apportare correzioni all’intero contratto, rivedere il testo. Leggete e rileggete attentamente per non perdervi nulla. Tutto doveva essere pronto perché Alice lo firmasse quella notte. Andreia rimase in ufficio fino al pomeriggio finì di riscrivere e correggere tutto. Ero esausto.

Con il contratto stipulato, Andreia andò in albergo e chiese di andare nella sua stanza. Fu accolto da Alice in camicia da notte. I suoi lineamenti delicati erano più evidenti in questo tessuto. L’espressione stanca si dissolse in un sorriso di ammirazione per la bellezza di questa donna delicata che mostrava così poco della sua maturità.

Altre storie erotiche  mio fratello è entrato nella mia figa

Quello che lo sorprese fu la presenza di Álvaro seduto sul suo letto. Non avevo immaginato che fossero così vicini.

Andreia e Alice erano sedute a un tavolino in camera da letto. Alice lesse attentamente ogni frase. La sua espressione mentre mordeva il cappuccio della penna mentre fissava il foglio era estremamente affascinante. Dopo aver letto il contratto, Alice ha firmato tutte le copie. Andreia sporse la testa in avanti, afferrandosi il collo da dietro mentre inspirava profondamente.

– Stai bene, tesoro?

– Sì, abbastanza stanco.

– Hai continuato a lavorare fino ad ora grazie a noi, vero?

– Normale, è il mio lavoro.

– Penso che sia positivo che Vera apprezzi tutta questa dedizione. Ricompensiamo i vostri sforzi.

– Cos’hai per me?

-Alvaro e io ti facciamo un massaggio rilassante? – disse Alicia provocando uno sguardo di sorpresa in Álvaro

– Grazie ma non è necessario.

– Lascia che mi prenda cura di te. Puoi lasciare che Álvaro non faccia troppo. Ma le sue mani sono fantastiche.

L’offerta era insolita, ma il sorriso amichevole di Alice era irresistibile.

– Rilassati, vieni qui a dormire.

Andreia è condotta per mano da Alice. Il tono morbido della voce di Alice la fece sentire a suo agio mentre si toglieva la giacca. Álvaro guarda tutto, sorpreso.

– Togliti anche la camicia.

Andreia era statica. Guardò Alice, imbarazzata, non sapendo come esprimere il suo disagio nel farlo davanti a un uomo che conosceva appena.

– Come stai dolcezza. Ti massaggerà la schiena, non vedrà nemmeno niente.

Spaventata, voltando le spalle ad Álvaro, Andreia si sbottonò lentamente la camicetta, scoprendo il reggiseno viola che le copriva i seni. Si sdraiò a faccia in giù.

– Lo apro qui, ok? – disse Álvaro indicando ad Andrea che le avrebbe aperto il reggiseno.

Lo fece solo quando vide Andreia annuire. Indossava ancora la gonna, l’orlo tirato su da Alice per esporre il più possibile le sue grosse cosce. Álvaro le ha versato olio sulla schiena, facendo rabbrividire Andreia attraverso il liquido ghiacciato. Cominciò a sentire le mani ferme di Álvaro scivolarle lungo la schiena e le mani delicate di Alice sui suoi piedi. Era inginocchiato accanto a lei, il che rendeva i suoi movimenti piuttosto difficili. Alice tolse le scarpe ad Andreia e le massaggiò i piedi. Il tocco di Alvaro le schiacciò i muscoli mentre le scivolava lungo la schiena. Andreia a volte avvertiva un leggero dolore, ma quasi sempre il rilassamento era completo.

-Tutto procede bene? – chiede Álvaro, preoccupato per le reazioni di Andreia.

– È fantastico, hai un’ottima mano.

Le mani delicate di Alice lottavano per esercitare pressione sulla pianta del suo piede, strappando piccoli gemiti da Andreia. Álvaro inizia a dedicarsi alle sue spalle, lasciando Andreia ancora più furba.

– Ragazzi, sono in paradiso con voi!

– Non bene ? – Sarai molto rilassato quando avremo finito. – disse Alicia, felicissima di ricevere un massaggio.

– È meraviglioso.

Álvaro fa scorrere le dita lungo le braccia di Andreia, stringendole e ammorbidendo tutti i suoi muscoli. Alice si sforza di massaggiare i duri polpacci della donna sdraiata sul suo letto. Álvaro gli massaggia la mano e Alice massaggia le cosce di Andreia. L’uomo comincia a distrarsi quando nota che le mani delicate del suo capo scompaiono sulle cosce paffute di Andreia. Alice si diverte a spremere volentieri queste carni. Con quattro mani che scivolavano sul suo corpo, Andreia si rilassò. Ma non solo, il misto tra fermezza e delicatezza che rimaneva era così bello che non volevo fermarmi. Álvaro ha voltato le spalle, ora scendendo attraverso la parte bassa della schiena. Andreia lasciò che Alice allargasse le gambe per massaggiarle l’interno cosce. Andreia non si era nemmeno accorta di quanto fosse bagnata.

Altre storie erotiche  Moglie fedele che tradisce il marito

– Faresti meglio a fermarti qui Alice, sta quasi dormendo. Álvaro ha scherzato.

– Ma già? Hai detto che ti saresti preso cura di me. – disse Andreia maliziosamente.

– Ha ragione, abbiamo già fatto il massaggio completo, presto ti sporcheremo la gonna con l’olio.

– Perfavore continua. È così buona.

Andreia ha chiesto astutamente di continuare. Si tirò su la cerniera della gonna il più possibile senza alzarsi. Álvaro ha cercato di non far vedere come gli batteva il cuore sulla scena. Alice sorrise al gesto sicuro e con cura tolse la gonna di Andreia. Questa donna ora ha mostrato il suo corpo, le gambe spesse e il culo rotondo coperto solo da mutandine viola. Álvaro guardò queste forme deliziose e poi Alice che lo guardò con un sorriso malizioso. Mentre si arrampicava sulle cosce di Andreia. Álvaro si sforzava di concentrarsi sulla schiena di Andreia mentre Alice gli massaggiava il sedere. Le piccole mani stringevano questa grande massa muscolare in vari modi. Andreia gemette sommessamente, con Alice sulle cosce, poteva sentire la durezza del collo di Alice contro le sue cosce. È stato bello.

– Tesoro, la mia mano è asciutto, avremo bisogno di altro petrolio qui, ok? chiese Alice tenendo i lati delle mutandine di Andreia.

Gli occhi di Álvaro quasi si spalancarono quando vide Andreia alzare i fianchi perché Alice si togliesse le mutandine.

– Álvaro, versa qui dell’olio.

Álvaro girò la bottiglia d’olio, girando dolcemente una linea tracciata sul sedere di Andreia. Mentre versava, Alice cercò di spalmare l’olio su tutte quelle carni, muovendosi verso l’esterno, aprendo più volte il sedere di Andreia. Era il suo turno di guardare maliziosamente Alice che lasciava scorrere un rivolo d’olio tra le natiche di questa donna.

-Uuuuuummmmmmm. – gemette Andreia sentendo l’olio toccarle il sedere. Il suo corpo le fece sobbalzare il culo di riflesso.

– Cosa succede, caro? – chiese Alicia guardando Álvaro con lo stesso sorriso malizioso.

– Fa freddo. – disse Andreia e poi fece un sorriso malizioso.

-Álvaro, aiutami qui. Avrò bisogno di più forza.

Seguendo la richiesta di Alice, Álvaro iniziò a massaggiare il sedere di Andreia, che iniziò a gemere piano, ma costantemente. Alice si concentrò tra il trovare il suo fondoschiena e le sue cosce, ottenendo una vista privilegiata della sua figa succulenta mentre si strofinava lentamente i fianchi sulle cosce.

– Farò qualcosa che ti rilasserà molto.

Alice scivolò dalle cosce di Andreia e si arrampicò sul suo sedere. Si tolse la camicia da notte lasciando i seni liberi e si chinò sul corpo di Andreia, cercando di strofinare i suoi seni contro la sua schiena, scivolando dal culo alla schiena.

– Buonissimo, Alice…. Huuummm. – disse Andreia tra gemiti sentendo il morbido seno di Alice premuto contro la sua schiena.

Alice va avanti e indietro così. E poi va ancora una volta, baciando le spalle di Andreia, che non ha resistito e si dimena sotto il corpo nudo di Alice per baciarla sulla bocca. Il lungo bacio con le mani di Alice che palpavano i seni di Andreia ha lasciato duro il cazzo di Álvaro. Andreia si gira completamente e Alice si sdraia sopra di lei. I seni si toccano, le labbra si sfregano, i gemiti soffocati si sincronizzano, i corpi si muovono. Álvaro fissa finché non riceve lo sguardo di Andreia diretto sui suoi occhi e poi sul suo cazzo duro. Andreia esce da sotto Alice e si avvicina ad Álvaro dandogli un intenso bacio sulla bocca. Una delle sue mani va sulla figa di Andreia e le dà una sottile carezza. Andreia e Álvaro si baciano in ginocchio. Alice si avvicina ad Andreia da dietro, toccandole i seni, baciandole il collo.

Altre storie erotiche  Racconto erotico del cornuto: il portiere mi ha fottuto il culo caldo

Álvaro bacia Andreia, facendole scorrere le mani sulla schiena, con una leggera pressione delle dita che fa dimenare la donna mentre le bacia la bocca. Allo stesso modo, Alice esplora il sedere e le cosce, facendo scivolare delicatamente la punta delle dita verso l’alto e baciandole la schiena. Andreia, inginocchiata sul letto, inarca di riflesso il corpo all’indietro al tocco di Álvaro che le fa tremare il corpo con solo due dita sulla clitoride. I movimenti lenti e la leggera pressione provocano intensi gemiti di piacere da parte di Andreia, che si appoggia ad Alice che riesce a malapena a reggersi in piedi. Álvaro bacia la guancia di Andreia mentre Alice gli fa scivolare la lingua sul collo. Sentendosi divorata da entrambi, Andreia nota due dita di Álvaro che le entrano nella figa.

-Huuummm…. Álvaro! Che dito è?

Andreia gemette mentre veniva penetrata dal dito di Álvaro mentre Alice la abbracciava da dietro. Il calore di entrambi i corpi avvolse il suo. Bocche le esplorarono il collo e la mano di Alice le scivolò dietro.

-Aaaiiiiiiiii… Alice… Huuuuuummm!!- gemette Andreia quando sentì il dito di Alice penetrarle il sedere.

Andreia fu penetrata dalle dita di entrambi contemporaneamente. Cominciò a rotolare, cercando di sentire il più possibile le reciproche penetrazioni. Quando il pollice di Álvaro cominciò a premere contro il clitoride con le altre dita ancora dentro, Andreia si dissolse. Si è appoggiato ad Álvaro perché non aveva più forza nelle gambe. Non ondeggiava più, ma non riusciva nemmeno a controllare gli spasmi alle anche. Il gemito fu lungo, forte, intenso.

Álvaro la adagiò sul letto, dove si riposò. Alice sparse baci sul corpo di Andreia fino a raggiungere la sua bocca. Álvaro prese in braccio Alice e la adagiò sul letto, sdraiandosi sopra di lei. Entrò subito in lei e continuò a spingere lentamente. Andreia osservava i fianchi di Álvaro muoversi in un lento e ritmico movimento avanti e indietro. Anche il sorriso dolce e penetrante di Alice catturò la sua attenzione. Dopo baci e movimenti lenti, Álvaro la abbracciò e iniziò a muoversi più velocemente. Alice gemette più forte, ma ancora aggraziata. Allargò le gambe più che poteva, ricevendo forti spinte da Álvaro che spingeva volentieri. Il piacere di Álvaro e Alice arriva con un abbraccio forte e duraturo da lei ad Álvaro, avvolgendo anche le sue gambe intorno a lei nello stesso modo in cui l’ha abbracciata ancora più forte, incapace di controllare da solo i movimenti dei loro fianchi.

Come promesso, Andreia era perfettamente rilassata, al punto da non voler lasciare affatto quella camera d’albergo, trascorrendo la notte con i due scambiandosi carezze e imparando con Álvaro e Alice tecniche di massaggio da utilizzare un giorno con Vera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *