Sapevo che non era solo un Uber!

di | 9 de Dicembre, 2022

Buon giorno! Come alcuni di voi già sanno, io e mia moglie non facciamo più parte dell’ambiente liberale. Decisione presa per preservare il matrimonio. Ma continuavo a saltare fuori e sospettavo che lo stesse facendo anche lei.

Ero lontano dal lavoro e ho potuto seguire di più la quotidianità di Cristiane. L’ora in cui si è alzato, si è preparato per andare al lavoro, in quali giorni ha pranzato a casa o no, fino a quando finalmente è tornato a casa dal lavoro.

Nelle mie osservazioni mi sono reso conto che usava raramente la sua auto, che preferiva chiamarla macchina applicativa, anche perché il trasporto le pagava l’azienda, e ogni volta arrivava la stessa macchina. Una berlina, Insulfilm nera, molto scura.

La nostra vita insieme andava bene e il sesso andava ancora bene, quindi eravamo liberi di chiedere quello che volevamo. Un venerdì sera le ho fatto una sorpresa, ho comprato una lazagna ai quattro formaggi che lei adora, un vino dolce e abbiamo fatto una cena romantica.

È arrivata più tardi, verso le 20:30, le sono andato incontro in soggiorno perché non andasse in cucina, chiedendole di salire a fare la doccia e mettersi qualcosa per calmarla, visto che eravamo soli e nessuno disturberebbe la nostra notte. Mi ha abbracciato e mi ha detto che il motivo del ritardo era un’amica che aveva bisogno di sfogarsi, cosa che mi avrebbe detto più tardi.

Quando mi ha baciato, ho sentito una zaffata di profumo maschile, che non ho riconosciuto come uno dei miei. Mi ha già colpito con alcune sciocchezze che mi hanno fatto eccitare rapidamente.

Ma tornando in cucina, apparecchiai la tavola, misi il vino in un secchiello del ghiaccio, spensi le luci e corsi in camera da letto per prepararmi all’occasione.

Entrando nella stanza, ho visto la porta del bagno socchiusa e ho potuto vedere mia moglie sotto la doccia che si accarezzava. Si toccò la figa, infilando il dito con la mano destra e con le dita della mano sinistra accarezzandole i capezzoli. Velocemente e delicatamente, mi sono spogliato ed sono entrato nella doccia, abbracciandola da dietro. Lo feci girare verso di me e senza alcun rifiuto ci baciammo appassionatamente.

Le mie mani percorsero la lunghezza della sommità della sua testa, aggrovigliando le mie dita tra i suoi capelli, tirandole indietro la testa, lasciandole il collo senza protezione per i miei denti. Abbiamo continuato questi meravigliosi preliminari, quando sono arrivato alla sua figa, quando le mie dita hanno toccato quelle labbra inferiori, ho capito che c’era qualcosa di più della semplice acqua in quella zona. Ho inserito due dita alla volta e gli ho chiesto di notare davvero che mia moglie era super eccitata ed era il suo sperma che usciva dalla sua figa. J’ai baissé l’eau de la douche et je me suis genuillé devant elle, mettant sa jambe droite sur mon épaule pour lui sucer le miel, c’est alors qu’elle m’a tiré et m’a dit de ne pas fallo.

Altre storie erotiche  Ho succhiato il cazzo di mio fratello maggiore

Ho obbedito, ho sollevato il mio corpo, mi sono alzato, ho voltato le spalle, ho toccato i suoi seni contro la piastrella e con una maestria sensazionale ho messo il mio pene in questa grotta che sembrava più un nido d’ape. Accarezzò il sedere di Cristiane con una mano e con l’altra le tirò i capelli. Sembrava di essere in un’aridità senza misura, perché si dava a tutto ciò che le sottoponevo. Si morse la schiena, il collo e continuò a colpire. Fu allora che mi disse:

– Quando sei vicino a divertirti, dimmi che voglio succhiarti.

Sentendo che non ce la faceva, le ho tirato fuori il cazzo, l’ho costretta a inginocchiarsi davanti a me e le ho messo la bottiglia nella piccola bocca. Sono entrato in un ruscello denso e fluente, dove ho potuto vedere una piccola quantità che gocciolava dagli angoli della sua bocca.

Ci siamo fatti la doccia, ci siamo preparati e siamo andati a cena.

Arrivò in sala da pranzo, fu sorpreso e presto disse:

– Lasagne, quattro formaggi? Cosa hai fatto o stai pensando di fare, eh, figlio di puttana?

Me lo disse con un bel sorriso sul volto.

– Niente amore mio, per il momento. Sorriso.

Cenammo, bevve la maggior parte della bottiglia di vino e andammo nell’altra stanza a guardare un film.

La notte è stata deliziosa, tutto è stato favorevole, finché non mi è venuto in mente il ricordo, quella cosa della boxe, dove mi ha impedito di succhiarla.

– Amore!

– Parla bene!

– Perché non mi hai lasciato succhiare in bagno?

– Niente ora. Non ero dell’umore giusto.

Altre storie erotiche  Storia erotica di gruppo: Melissa, Michele, i ragazzi e la grande sorpresa. Capitolo 3: Orgia completa.

– Datemene un altro, per favore. Questo non ha colpito.

– Scherzi a parte, ero pazzo a sentirli tutti dentro di me.

– Tesoro, puoi parlare. Sta succedendo qualcosa che non vuoi dire. Ma non preoccuparti, ho preparato stasera per entrambi e niente rovinerà i miei piani.

– Progetti, quali progetti? Ihh… comincio a preoccuparmi.

– Non si preoccupi, signorina Cris, non è quello che pensa.

– Ok, allora dimmi cosa vuoi?

– Gattino, questa volta sono a casa dal lavoro e ho potuto vedere tutta la tua routine e sono curioso di sapere chi è questo Uber che ti viene a prendere e ti porta ogni giorno. Ho già chiamato Marcia, la sua amica, e mi ha già detto che la ditta non finisce nessuna macchina per ritirarla o portarla in assistenza. Che l’azienda continui a pagare il trasporto, ma il percorso da seguire dipende da ognuno di voi.

– Oh mio Dio, nessuno doveva essere coinvolto in questo caso. non mi è piaciuto

– Ragazza, non preoccuparti, alla tua amica è piaciuto anche il mio atteggiamento, perché le ho detto che ero preoccupato per il suo viaggio da e per il servizio, perché avrebbe cercato di scoprire chi fosse il ragazzo, preoccupata per la propria incolumità.

– Allora, come stai. Vuoi davvero sapere chi è?

– Ma certo che lo voglio. Sta succedendo qualcosa tra di voi?

– SÌ!

Lo disse in un modo così realistico che mi sorprese.

– Così?

– È esattamente quello che immagini, ho una relazione fuori dal matrimonio, proprio come so che anche tu stai saltando.

– Non preoccuparti, non stiamo litigando, stiamo solo parlando. Chiarire la nostra relazione.

– Va tutto bene gatto, mi dispiace. Si chiama Max, ci siamo conosciuti a una gara che ho chiamato sull’app e siccome avevo concordato un prezzo per lui per prendermi e riportarmi indietro, abbiamo finito per andare d’accordo meglio conoscerci, è anche sposato, il che ha dato io più sicurezza per quanto riguarda il segreto e la discrezione e sono due mesi che scopiamo. Circa tre volte a settimana.

– Ma perché non me l’hai detto prima? In quel momento, il mio sangue ribolliva di rabbia e desiderio, già morendo dalla voglia di sapere di più su quello che stava succedendo.

Altre storie erotiche  madre vendicativa

– Tesoro, è stato emozionante. Mi mangia come mi mangi tu. Mi divori come se fossi un piatto davanti a una persona affamata. Come se fosse nudo davanti a un pervertito appena uscito da dieci anni di carcere.

– Ma allora lo ami? Ho fatto questa domanda temendo la risposta.

– Amore? Certamente no. Quello che vogliamo l’uno dall’altro è solo sesso. L’amore che abbiamo in casa.

– E tu come stai, vai nei motel o stai in macchina?

– Amore, sembra che tu non conosca la donna che hai. Scopo ovunque ho la giusta accensione per accendere il mio fuoco.

– Quindi la conversazione con l’amico che ha bisogno di sfogarsi è una conversazione, c’eri oggi? Hai fatto sesso venendo qui?

– Sì! Mi ha portato in un posto deserto e abbiamo scopato fuori dalla macchina. Pazzo. La paura che qualcuno ci trovasse lì in questa situazione mi faceva ribollire la figa e gocciolare di desiderio.

– Allora Cris, non mi hai lasciato succhiare, per paura che ci provassi, vero?

– Nessun gatto. Non volevo che leccassi lo sperma che sentivo ancora uscire da me.

– Sei impazzito? Non usi il preservativo? Può farla ammalare, persino metterla incinta.

Lei, nel suo modo malizioso, sorrise di nuovo e mi disse di calmarmi.

– Calmati amore. In questi due mesi conosco già tutta la sua vita. Anche lui è stato vasectomizzato, come te, ed è anche un donatore di sangue. Non ha altri partner, solo sua moglie e ora io. Parlava accarezzandomi la testa, come se mi accarezzasse le corna.

A quel punto il film non aveva più importanza e si rese conto che il mio cazzo stava esplodendo dentro i miei pantaloncini. Ci siamo baciati calorosamente e siamo andati in camera da letto, dove abbiamo fatto di nuovo sesso e lei mi ha dato più dettagli, lasciandomi ancora più eccitato.

Questi altri dettagli menzionerò un’altra volta. Spero vi piaccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *