Scherzo proibito – Parte 04

di | 9 de Dicembre, 2022

Scherzo proibito – Parte 04 (ultima)

Se fossimo solo noi due, io e mia moglie, nella stanza, sono sicuro che ormai mi starebbe cavalcando. Ma poiché le era così vicino, lei continuava a succhiarmelo… e ad aspettare… ad apparire e ad aspettare. Sapeva che entrambi lo avevamo notato mentre si masturbava prima e non lo biasimavamo per questo. Fu allora che improvvisamente esclamò: “Fanculo!” E in un unico movimento, si è allungato e ha posato amorevolmente la sua mano sinistra sul culo e sulla figa di mia moglie, il dito medio verso il basso e il pollice verso l’alto. Emise un leggero sospiro di esclamazione al suo tocco e continuò a succhiarmi. Ed eccomi lì, vedendo per la prima volta che un uomo la toccava. Intelligente! Il suo sigillo psicologico era stato rotto. In quel momento un bruciore mi invase lo stomaco. Una sensazione che non aveva mai provato prima. Un misto di emozione e agonia. Eccitato e geloso. Ho esaminato la scena davanti a me e ho aspettato in silenzio quello che stava per fare. Con la mano sinistra le accarezzava leggermente il culo e la figa, e con la destra si masturbava. Quando mi sono reso conto che stava infilando il dito medio in quella piccola figa vigorosa, ha chiuso gli occhi, ha smesso di succhiarmi e ha iniziato a gemere ritmicamente tenendo ancora il mio cazzo nella mano destra. Poteva vedere chiaramente che si stava divertendo molto e che non l’aveva fermato. Quindi pochi secondi dopo si è alzato e ha fatto quello che tutti e tre segretamente volevamo… Ha fatto un altro passo avanti e ha premuto l’enorme testa del suo enorme cazzo contro la piccola porta della fica e ha minacciato, beh prendilo, provalo. . Ha lasciato la sua mano dal mio pene, tenendomi le mani molto forte, appoggiando il viso sul letto tra le mie gambe, rilassando il suo corpo, preparandosi per quello che sarebbe successo. Trattenendo cercavo un sostegno, che non rifiutavo. Lui, prendendolo come un segno di approvazione, lo seppellì lentamente e, con sorpresa di tutti, lei accettò tutto fino alla fine, come un coltello nel burro, emettendo solo un leggero gemito all’inizio.

Avevo ragione nella mia teoria, vale a dire che super lubrificata, non ha avuto problemi a lasciare andare il suo cazzo gigantesco. Clavette come questa difficilmente si adattavano, si strappavano, ma le labbra di mia moglie erano dilatate al massimo. Questo grosso cazzo grosso era completamente incastrato nella sua figa. Mentre i suoi peli pubici le sfioravano il sedere, emise un gemito profondo mentre la penetrazione era completa. Passarono alcuni secondi, quando si accorse che la sua figa era già abituata al mostro, cominciò a metterselo e toglierlo, prima dolcemente e poi più ritmicamente. Giuro che mi è venuto in mente che avrebbe dovuto usare il preservativo con lui, ma quando abbiamo fatto sesso con sua moglie, era ovvio che non ne avevamo uno disponibile. Quindi era così. Forse è uscito.

Che scena… Non ci sono parole che possano descrivere… Mia moglie adorante, compagna di viaggio, madre dei miei figli e mia fedele compagna da 26 anni, a quattro zampe, spalancata, completamente penetrata dal suo enorme cazzo. il marito di sua cugina, a sua insaputa. E io ero lì, dando il mio consenso. Un uomo sposato con un cazzo gigantesco stava scopando mia moglie davanti a me. E lei lo amava. Dopo alcuni minuti, stavo spingendo vigorosamente tenendole i fianchi fino a quando mia moglie ha iniziato a gemere forte e spudoratamente. Non è mai stata molto loquace durante il sesso, ma durante questo sesso, eccitata dalla lussuria, ha cominciato ad esclamare ad alta voce: Fottimi. Scopami ovunque. Continua. Continua. Di più voglio di più. Scopami bene come fai con i tuoi piranha. Ora sono la tua puttana. Divertiti in quella figa, divertiti. Mia moglie adorante, inzuppata di lussuria, si comporta come una troia, troia, implorando il mio culo come se non ci fossi. Il mio cazzo era molto duro, il che attestava quanto fosse eccitante per me. Non ho mai pensato che lo fosse. Non avrei mai immaginato che sarebbe successo. Volendo vedere meglio la scopata, ho lasciato lentamente la sua mano e mi sono allontanato da quella posizione lasciandoli soli sul letto, in piedi accanto al suo culo.

Con la sola luce proveniente dal bagno, potevo vederlo in piedi con i pantaloncini sul pavimento e lei a quattro zampe sul letto, la figa spalancata per lui, mostrando il culo. E spingendola senza pietà, tirando fuori tutto e rimettendolo dentro, molto velocemente, con forza, spingendola in avanti, colpendo tutto. Il suono del suo pube che incontrava il suo sedere era forte. La penetrò fino al limite, raggiungendole sicuramente la pancia. Era possibile vedere chiaramente il cazzo grosso e completamente fradicio inghiottito dalle labbra della sua vagina, mentre gemeva. Il letto era già fradicio, poiché il liquido che usciva dalla cinghia dello stivale colava copiosamente. L’odore era inconfondibile. Forte odore di sesso. Il suono emanato dagli amanti era inebriantemente erotico. E fu allora che fece la stessa cosa che aveva fatto con sua moglie il giorno prima: senza lasciarsi andare, liberò entrambe le mani dai fianchi di mia moglie e con la mano destra le tirò dolcemente i lunghi capelli mentre con la sinistra la massaggiò piccolo sedere, il suo pollice leggermente premuto contro il suo ano. La differenza è che dopo pochi secondi, con l’ondeggiamento, sembrò spingerle il pollice più in profondità nel culo di quanto non sembrasse fare con sua moglie, quasi prendendola nel profondo di lei. L’enorme cazzo, tutto imbrattato dappertutto, continuava a spingere dentro e fuori con forza e ritmicamente. E lui che esclamava: “Figa calda, figa calda e bagnata, figa calda”. Dentro e fuori dall’enorme cazzo, sono rimasto stupito dalla quantità di fluido che gocciolava dalla sua figa, inzuppandole il cazzo e gocciolando tra le sue bellissime cosce formose. Sembrava fondere un piacere con un altro. Che bella scena, ma allo stesso tempo terrificante per me. Qualcosa dentro di me sembrava che mi mancasse. Ma allo stesso tempo, la donna che amava era immensamente felice. E lei continuava a spingerlo senza curarsi se lui sentiva: “Più veloce. Più forte. Più veloce. Vai avanti. Mangiami di più. Scopami così. Scopami. Scopami forte. Mangiami bene. Mettimelo duro nella figa… Fino alla fine. Delizioso.” Uomo sexy. Mangia la tua cagna, mangia. Muovi il mio culo… Aiiiiii. Cazzo, cazzo, cazzo… Dai. Scopami ovunque” A . Gemette ad alta voce con un tale piacere che si sentì visibilmente venire innumerevoli volte. Mi sono seduto sull’altro letto e poi è stato il mio turno di masturbarmi. Non mi sono mai divertito così tanto in vita mia, tanta è la quantità di sperma che è sgorgata dal mio cazzo durante questa scena esultante. Il marito della cugina fu l’ultimo a ridere di noi tre. In un’ultima spinta, le afferrò saldamente i fianchi e ruggì sonoramente, interrompendo i suoi movimenti.

Altre storie erotiche  Mio padre, la mia passione! - racconti erotici

E la cosa più interessante è successa ora. Quando ha tirato fuori il mostro già parzialmente inerte, ho potuto vedere per qualche secondo, come non avevo mai visto prima, nella luce del bagno, la sua figa palpitante spalancata e debosciata. E dall’interno scorreva lentamente un’enorme quantità di sperma che scorreva sul letto. Era come se il cazzo fosse ancora lì, mentre gli spasmi vaginali causati dal succhiare il cazzo continuavano senza sosta. Ho visto che i fluidi dalla sua figa stavano ancora colando e bagnando il letto. Era ovvio il “danno” che questo enorme bastone aveva fatto alla bella figa di mia moglie, allungandola troppo. Ma a lei non sembrava importare, anzi. Dopo qualche istante, si voltò con calma, e sempre a quattro zampe e con lui in piedi, la sua bocca iniziò a pulire l’enorme testa del suo cazzo con movimenti di suzione delle sue labbra. Ovviamente ha avuto difficoltà a infilarsi questo mostro in bocca, ma si è accontentata di massaggiare questa grossa testa con la lingua, succhiando il resto dello sperma che era rimasto dentro. Poi lo leccò tutto, stringendo l’enorme cazzo con entrambe le mani finché la merda non fu sparita. Lei, con me, raramente mi lascia venire in bocca. Tuttavia, con lui, si è divertita molto a deglutire una buona quantità di sperma, che lui le aveva versato in bocca. Si è ripulito e poi si è diretto in bagno mentre lei era sdraiata sul letto. Quando sono andato a incontrarla, ho notato che lui, senza dire niente, ha chiuso la porta del bagno e finalmente è andato a fare una doccia. L’ho abbracciata da dietro nella penombra, ho sollevato il lenzuolo e abbiamo continuato ad abbracciarci. All’inizio non ci siamo detti niente. E all’improvviso si gira e ripete: “Ti amo tanto… ma così!” Mi ha stretto a fondo e poi si è girato e si è rannicchiato tra le mie braccia finché ci siamo addormentati, sfiniti, entrambi nudi.

Poche ore dopo, la mattina molto presto, mi sono svegliato gemendo. Non era nel mio letto. Potrei dire che la sua sete di cazzo grosso non era ancora placata. Non so da quanto tempo facevano l’amore, ma sospettavo di aver colto solo la fine della scopata. L’immagine che ho visto dal mio letto era questa: erano posizionati diagonalmente sul suo letto e sembravano vecchi amanti. Lui si sdraiò sulla schiena e lei gli si mise a cavalcioni lentamente, le ginocchia sul letto e le mani appoggiate sul suo petto. Il culo si muoveva lentamente su e giù, succhiando ogni centimetro dell’enorme cazzo. Da dove si trovava, poteva vedere chiaramente il suo enorme cazzo completamente inghiottito dalle sue grandi labbra, mentre si muoveva lentamente su e giù. L’ho guardata nuda inginocchiata sopra di lui e ho ammirato il suo bel corpo, i suoi capelli fluenti, la sua vita formosa, il suo sedere e il suo seno rimbalzante. Ho esclamato quanto fosse bella, sentendosi così eccitata. Ho ripreso il cazzo come un sasso e ho cominciato a masturbarmi dolcemente senza che se ne accorgessero.

Ad un certo punto si fermò con la mazza dentro, si accovacciò e, con i palmi di entrambi i piedi appoggiati sul letto, cominciò a sedersi letteralmente sulla gigantesca mazza. Fu allora che si poté veramente vedere la dimensione di questa penetrazione. Di tutte le posizioni sessuali, questa potrebbe essere la penetrazione più completa per entrambi. Cominciò ad alzarsi ritmicamente e rumorosamente, facendo quel suono di un corpo che si scontra con un altro. Si alza in alto, poi si abbassa con forza, e in quel movimento, dato che il suo cazzo era così grosso, il cazzo non è uscito dalla sua figa, ha solo lasciato scoperta la sua enorme testa bagnata. In questa posizione, si sedette sopra di lui, le sue mani iniziarono a massaggiarle i seni, massaggiando e accarezzando le punte erette. Di nuovo sentii il forte odore del sesso invadermi le narici, segno che le sarebbe piaciuto. Avevo gli occhi chiusi e la testa china, gemendo sommessamente per non svegliarmi. Ad un certo punto, nella stessa posizione di qualcuno che è seduto, ha sollevato il suo corpo un po’ più in alto, ha tirato fuori il cazzo dalla sua figa, ha tenuto quel tronco gigantesco e l’ha puntato verso la porta del suo culo. Mi sono semplicemente accovacciato, mi sono messo in posizione seduta e l’ho tolto. Tirato, spremuto e rimosso. Premette il bastoncino rivestito contro l’ingresso del suo ano, lo premette dove voleva, poi lo tirò fuori. Stavo solo testando con il controllo assoluto della situazione. Ogni volta entrava un po’ di più, forse desiderando che almeno la testa enorme entrasse. Fu allora che, in un momento di coraggio, ci immerse almeno metà del suo cazzo bagnato e si fermò. Rimase così per qualche secondo con quel cazzo gigante in culo, senza muoversi, poi se lo tolse. La penna. Fu allora che il suo cazzo iniziò a incastrarsi nella sua figa e poi lei si mosse molto, prendendo e spingendo rapidamente finché non venne. Ammetto che mi è venuto in mente di unirmi a loro. Ma molto più motivato dalla mia sensazione di essere solo che eccitato. Ho deciso di restare in silenzio, guardare e muovermi il meno possibile perché non si accorgessero della mia presenza. Questo momento è tuo. Solo suo.

Poi, senza lasciarla, si sedette e si baciarono per la prima volta. Intrecciò le gambe dietro il suo sedere per tenerlo dentro di sé. E senza muoversi, hanno appena iniziato a pomiciare con l’enorme cazzo sommerso, tutto sepolto nella sua figa. Rimasero così per lunghi minuti, baciandosi come due innamorati, completamente attaccati l’uno all’altro. All’inizio il loro bacio fu energico, poi divenne un modo tranquillo e penetrante, una lingua che si intrecciava con l’altra. Lo guardai mordersi il labbro mentre baciava lentamente ogni centimetro della sua bocca. E l’enorme cazzo è rimasto completamente dentro di lei per tutto questo tempo. Poi cambiarono posizione, lui la adagiò dolcemente sul letto e leccò entrambi i capezzoli per qualche minuto. Poi allargò le gambe, leccando il suo corpo fino a raggiungere la sua vagina. Un’altra bella scena. Lui con la testa tra le sue gambe le succhia la figa e con entrambe le mani afferra entrambi i seni. Le morse la clitoride e infilò la lingua nel canale bagnato. Lei gemette e gemette e gemette. Lentamente ma gemendo. Non l’ho mai vista veramente una merda. Dopo alcuni minuti di questo enorme succhiare la sua figa, lui si è voltato e le ha offerto il suo cazzo per fare lo stesso. Ovviamente lei non ha rifiutato e ha continuato ad accarezzare dolcemente e con calma la sua lingua lungo il suo enorme cazzo, come solo lei sa fare. Poi le succhiò quello che poteva dalla testa, cercando di metterselo tutto in bocca. Lo afferrò con le labbra e si mosse con la lingua, ingoiando quello che poteva. Pochi minuti così e lui le è strisciato sopra e ha inserito il suo cazzo enorme nella sua figa. Hanno iniziato una mamma e pop lenti e facili. I miei occhi abituati al buio mi hanno permesso di vedere che stavano imitando esattamente la scena che si era verificata qualche sera prima tra sua cugina e suo marito. Ad un certo punto, ha lasciato quel grosso cazzo parcheggiato dentro e ha ricominciato a far scorrere la bocca sulle sue belle tette piene. Potevo vedere che le piaceva che stesse vagando per il suo corpo senza tirare fuori il suo cazzo. Ha succhiato un seno e poi un altro. Leccava, mordeva e succhiava i capezzoli eretti. Poi si chinò più vicino e la fissò per alcuni secondi e premette la bocca contro le sue labbra carnose. Mia moglie lo ha abbracciato forte e ho potuto vedere le loro lingue intrecciarsi di nuovo per l’eccitazione. Rimasero così per qualche minuto. Mia moglie è una grande baciatrice e sembrava bere ogni goccia di quel bacio proibito. E così, baciandola, con le gambe intrecciate dietro di lei, con il suo cazzo gigantesco, immobile, tutto sepolto nella sua figa completamente fradicia, la mia amata moglie ebbe un orgasmo più forte. Da come appariva, non c’era dubbio che si trattasse di un orgasmo multiplo, visto che durò per un bel po’. Sembrava che avesse un’erezione incontrollabile.

Altre storie erotiche  Crisi della vecchiaia (02)

Quando staccò la bocca dalla sua, sollevò il suo corpo massiccio e versò tutto il suo peso su di lei. Lei ha alzato le ginocchia in una posizione che gli ha aperto la fica per farsi scopare forte. La sensazione che avevo era che ora lui era il suo maschio e lei, come una puttana, obbediente, si limitava a obbedire. Le sue spinte erano decise e ritmiche. Ed esalava un gemito a ogni spinta. Sembrava che volesse penetrarla fino in fondo. È stata una scopata energica, profonda ed estremamente commovente, come se sapessero che sarebbe stata l’ultima. E l’ha tirato fuori e l’ha seppellito, l’ha tirato fuori e l’ha seppellito tutto… Passarono così tanti minuti, finché, guardandola profondamente negli occhi, la inondò di nuovo, riempiendole la figa di sperma. Nelle sue ultime spinte cercava più profondità. Rimasero così, lui sopra di lei e lei tutta appiattita, per qualche istante finché il suo pene interno non si ammorbidì e il suo respiro tornò normale. Potevo vedere il sudore che gli scorreva lungo la schiena e sul letto.

Qualche tempo dopo, respirando di nuovo normalmente e ancora nella posizione di mamma e papà, hanno iniziato a parlare a bassa voce, presumibilmente per non svegliarmi. La conversazione è intervallata da baci sulla bocca. Parlarono l’uno nelle orecchie dell’altro e risero sommessamente. Rimasero così a lungo, baciandosi, il cazzo di lui che si ammorbidiva dentro di lei. Lei gli accarezzò la schiena con la punta delle dita e lui ricambiò alcuni baci sulla bocca e altri sulla guancia. In quel momento, ho sentito una fitta di gelosia. Molto più da mettere da parte della merda stessa. Fu allora che mi guardarono e videro che ero seduto lì a guardarli, assorto come lo erano stati fino a quel momento. Fu allora che lui la lasciò senza dire niente e lei tornò nel nostro letto. Si è seduto sul bordo, mi ha guardato negli occhi e per un attimo ha cominciato ad accarezzarmi il viso senza dire niente. Nuda com’era, mi ha gentilmente e amorevolmente spinto giù, si è alzata e si è seduta sul mio cazzo molto duro, seppellendolo tutto nella sua fica bagnata e spalancata come lo aveva fatto pochi istanti prima. Ho guardato di lato e sembrava disinteressato mentre tornava a dormire. Andò su e giù per qualche minuto sul mio glande, senza fermarsi a guardarmi negli occhi. Ho notato nei suoi occhi un’emozione indescrivibile adornata da un lieve sorriso. La sua figa era incredibilmente calda e bagnata. All’inizio ho pensato che fosse solo un gesto gratificante da parte sua, ma ho cambiato idea quando l’ho vista chiudere gli occhi e iniziare a gemere. Mi sono girato e mi sono sdraiato sopra di lei senza togliere il cazzo. Lei, con le braccia intorno al mio collo in un tradizionale sguardo da mamma e papà, mi ha guardato profondamente e appassionatamente negli occhi e ha detto dolcemente: “Mangiami ora, vai avanti. Mangiami, marito, l’unico uomo della mia vita!” L’ho inserita vigorosamente e ho sentito la sua figa stringersi come mai prima d’ora. I suoi muscoli vaginali sembravano ben allenati. Immagina un massaggio come questo, bagnato e caldissimo. Inoltre, per me, c’era l’indescrivibile sensazione di conquistare la fica di mia moglie appena mangiata da un altro ragazzo. Non riuscivo a togliermi dalla testa che il mio cazzo si stava mescolando con lo sperma di un altro uomo dentro la sua caverna… E questo mi ha reso estremamente eccitato. Ci siamo baciati molto e sono arrivato presto. Stanchi, siamo svenuti poco dopo.

Mia moglie ed io ci siamo svegliati l’altro giorno verso mezzogiorno. Lei non c’era, perché (lo scoprimmo dopo) suo cugino le aveva chiamato al cellulare chiedendole di venirla a prendere all’aeroporto. Beviamo il caffè come due sposi novelli, senza mollare la presa. Abbiamo camminato lungo la spiaggia tenendoci per mano, parlando molto di bambini, finanze, ecc., Ma senza toccare l’argomento fino a quel momento e senza curarsi di dove fosse. Era come se fosse stato solo un sogno, perché tutto era accaduto in modo così naturale. Gli eventi si sono svolti con tale leggerezza e libertà che sembrava che non fosse stato commesso alcun affronto alla società. Mia moglie sembrava immensamente felice, come una bambina che ha realizzato un sogno irraggiungibile, e io, in quel momento, l’amavo più di ogni altra cosa nella vita. Nel pomeriggio, dopo pranzo, sdraiata su un’amaca, non ha resistito al silenzio che naturalmente regnava e, guardandomi negli occhi, mi ha chiesto: “Per favore… ho proprio bisogno di sapere… vedi tua moglie fare sesso con qualcun altro? Sono stato preso alla sprovvista e ho esitato per alcuni secondi prima di rispondere: “Un mix estremamente potente di gelosia e lussuria”. Era meglio che tu lo facessi in mia presenza che da solo, ma confesso che per me era difficile non pensare a come avrebbero reagito tutti se avessero saputo cosa era successo perché mi sarei sentito male quando mi avessero etichettato come cornuto. Non sono mai stato un fan di stereotipi come “coppia liberale” o “coppia scambista”. Di sicuro non lo voglio per me stesso. Penso che un’etichetta intralci l’enorme gamma di possibilità. Non mi piacerebbe nella vita, non mi sento legato a questo verso, ma confesso che mi piace come stimolante. Ma se dovessi riassumere direi che mi è piaciuto molto quello che è successo. Tutto questo però è ancora molto nuovo.” Quindi ho approfittato del fatto che lei aveva sollevato l’argomento e, per curiosità, le ho chiesto di cosa avevano parlato a bassa voce la sera prima dopo la scopata. Mi ha detto questo: “Mi sussurrò all’orecchio che non aveva mai scopato così completamente in vita sua come con me (e scopava molte donne, anche dopo il suo matrimonio) e che la mia figa sembrava adattarsi perfettamente al suo cazzo , qualcosa di raro per un uomo di questa età. Disse anche che non aveva mai scopato una donna così calda e lubrificata e che se avesse continuato sarebbe venuto più volte nella stessa scopata. Ho riso e l’ho ringraziato per il complimento scherzando sul fatto che probabilmente l’ha detto a tutti quelli che ha mangiato. Gli ho anche detto che mi piaceva anche scoparlo. Riuscì ad arrivare in posti della mia sessualità che non avevo mai esplorato prima mentre il suo cazzo mi riempiva. come mai prima. Tuttavia, anche se mi fossi sentito completamente “divorato”, sarebbe stata la prima e l’ultima volta e gli ho fatto promettere che mio cugino non l’avrebbe mai saputo. Lo negherei sempre”. “E cosa ha detto?” ho chiesto. Lei ha risposto che ha trasalito ed era visibilmente turbato dal fatto che si fosse reso conto di aver sbagliato.

Altre storie erotiche  cugina cagna

Tuttavia, contro la sua volontà, mi ha rassicurato che, da parte sua, non ci sarebbe mai più stato niente tra lei e il marito di sua cugina. Le sue parole: “Amore, ora mi rendo conto che potevo realizzare questa fantasia solo perché sapevo che eri al mio fianco consenziente. Sin da quando ero un adolescente, il mio desiderio è sempre stato quello di avere un grosso bastone nella mia figa. E quando ieri sera sono andato a prendere il marito di mia cugina per un’altra scopata mentre tu dormivi, sapevo che sarebbe stata l’ultima. Quindi garantisco che anche se ha scopato alla grande, è stata solo una volta e basta. Non era lui stesso, era il cazzo enorme. Potrebbe essere chiunque abbia un grosso cazzo. La mia prima volta con una persona di talento doveva essere così: con qualcuno gentile, paziente e sposato (e che non voleva una “relazione” dopo) e con il suo consenso. Mi sono sentito totalmente penetrato. Mi piaceva lasciare che un uomo mangiatrice di donne caldo ed esperto con un grosso cazzo scaricasse completamente il suo sperma su di me. È stata una sensazione meravigliosa realizzare che avevo schizzato così tanto sperma nella mia figa e dato così tanto piacere a un uomo che non era coinvolto sentimentalmente con me. Tuttavia, proprio perché si è dimostrato così affettuoso, gentile e mascolino, un amante perfetto, sono pienamente soddisfatto del mio desiderio di un grosso cazzo. Mi sentivo sia sollevato che frustrato. Sentivo che ora mi tormentavano.

Nel pomeriggio, quando il cugino di mia moglie è tornato a socializzare, ci siamo comportati entrambi come se nulla fosse accaduto. Siamo stati super felici di riaverti, ma niente di più. Di notte ognuno faceva l’amore con la propria moglie, con la sola differenza che riprendevamo la rotazione delle stanze. Su tua richiesta, credo. Immagino che abbia mantenuto il silenzio che aveva promesso, perché sua moglie ha agito con naturalezza. E così abbiamo trascorso il resto dei meravigliosi giorni a Ceará. Io che faccio sesso da solo con la mia amorevole moglie in camera da letto mentre loro aspettano fuori. Mi sono reso conto che, in mia moglie, il fascino era parzialmente scomparso e che non era più così lubrificata. Ma l’ho notata molto più sciolta e più attiva nel sesso. Ha iniziato a dire parole volgari ed eccitanti durante il sesso per stimolarmi, alcune legate alla sua relazione sessuale con il suo recente amante. e l’ho adorato

Anche se è successo qualche tempo fa, ancora oggi i ricordi di questo episodio ravvivano il mio meraviglioso matrimonio. Lo definisce sempre uno “scherzo proibito” e afferma che il mio atteggiamento di esaudire il suo desiderio ci ha reso sempre più vicini. Partner in tutto, anche in quello. Recentemente, volendo un ricordo di questa emozione, gli ho chiesto se non se la sentiva di riprovare lo “scherzo proibito”, e lui affettuosamente mi ha risposto che la vita permette poche pazzie e che la sua quota gli sembrava sufficiente. Tuttavia, confesso che non ho sentito molta convinzione nelle sue parole. Essendo una donna molto riservata, da allora non ho mai saputo se si fossero rivisti o se fosse andata a letto con qualcun altro. Il fatto è che non ha mai mostrato segni di lubrificazione come allora, e penso che fosse davvero soddisfatta. La penna! Confesso però che a volte preferisco considerarla una donna insaziabile piuttosto che una pacifica moglie. E questo inspiegabilmente moltiplica la mia attrazione per lei. Un giorno ho deciso di scrivere di questa esperienza per capirla meglio, ma non l’avevo mai pubblicata. Gli ho detto che l’avevo scritto e lui mi ha chiesto di leggerlo. Fece un aggiustamento o due e si ritrovò ad attenersi ai fatti. Ho chiesto se potevo diffondere l’intera storia in modo anonimo per incoraggiare qualcuno che potrebbe avere la nostra stessa relazione. E con un bacio ha acconsentito, facendomi promettere che non avremmo mai incontrato nessuno che leggesse questa storia. Ed è quello che è stato fatto fino ad oggi.

La fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *