Schiavo su un’isola deserta.

di | 8 de Dicembre, 2022

Era determinata a viaggiare in un posto remoto e vicino alla natura, lontano dal trambusto della città e dall’ultimo anno di college. Aveva 17 anni, asiatica magra, natiche e seni piccoli, pelle bianchissima. Ero molto arrabbiato in quel momento perché ho litigato e ho rotto con il mio ragazzo, è stato allora che sono andato a parlare con il mio amico. Carlo.

Carla mi ha detto che c’è un’isola nel nord-est perfetta per passare qualche giorno in tranquillità.

L’accesso è possibile solo in barca e c’è solo una casetta dove alloggiavano gli uomini della marina brasiliana. Ha detto che erano passati 30 anni da quando la marina aveva smesso di gestire l’isola, quindi sarebbe stato il posto perfetto per riposare.

Le ho chiesto come potevamo cavarcela lì senza un bagno, e lei ha risposto. Che sebbene la Casa de la Marina fosse abbandonata da tempo, ogni due settimane uno degli impiegati del padre di Carla visitava l’isola e faceva la manutenzione di base, che rendeva il posto abitabile, cioè avrebbe avuto un bagno e se mi fossi stancato di accampandomi con la tenda, avrei la casa come rifugio.

Ho accettato l’idea di Carla, avrei avuto tutto il tempo per ricompormi, saremmo andati con l’impiegato di suo padre e ci saremmo fermati due settimane.

Abbiamo volato a Guarulhos, il viaggio è durato meno di tre ore.

Arrivati ​​all’aeroporto, siamo stati ricevuti dal signor Jerónimo, era l’impiegato incaricato della manutenzione della casa sull’isola.

Ci ha aiutato a fare le valigie, cibo, repellente e tutto ciò di cui avevamo bisogno per il nostro soggiorno sull’isola.

Ha detto che domani mattina sarebbe partito per l’isola in modo che avremmo avuto il tempo di goderci la “vita moderna” prima di immergerci nella natura.

Ero entusiasta di questa avventura.

Carla ha detto: Claudinha, questa volta ci piacerà, sarà come le nostre gite in campeggio nel cortile di casa.

Ho riso molto, sapevo che non sarebbe andata così, sarebbe stata una grande avventura, con molta emozione (non immaginavo cosa sarebbe successo lì, e sono emozionato).

Ci siamo svegliati molto presto, non erano nemmeno le 6 del mattino e siamo andati a prendere la barca con il signor Jerónimo. Il viaggio è durato circa 1,5 ore e quando siamo arrivati ​​ero sbalordito. Questa spiaggia, sabbia pulita e acqua di mare perfetta.

Scendemmo e andammo con Jerónimo a vedere il luogo e la casa di cui si prendeva cura.

Ho visto molte cose belle lungo la strada, fiori, uccelli, scimmie, alberi enormi, bellissimi laghi e c’era anche una piccola cascata.

Siamo arrivati ​​sul posto, un vecchio edificio che sembrava un piccolo magazzino.

All’interno c’era uno spazio abbastanza ampio e un bagno che all’epoca era riservato ai militari.

Un bagno in stile palestra con diverse docce. Ho chiesto dell’acqua.

Seu Jeronimo ha detto che a volte arriva con una petroliera che riempie questa cassa, c’è un oleodotto che va in una zona dell’isola che ha un piccolo porto. Lì collegare e rilasciare una pompa a pressione.

Invece c’erano dei letti, tutti coperti per non essere pieni di polvere.

La pulizia mi è sembrata strana, ma Jerónimo ha detto che Doña Sandra ha chiesto di fare una pulizia in anticipo, ecco perché lui e due donne delle pulizie sono venuti a visitare l’isola due giorni fa.

Quando Jerónimo finì di visitare il luogo, scaricò le nostre cose e continuò per la sua strada.

Sarebbe tornato all’orario previsto per noi a prenderlo.

Quando la barca ha iniziato a scomparire dalla mappa, ho detto a Sandra: andiamo a nuotare, muoio dalla voglia di godermi questo laghetto.

Siamo arrivati ​​là. Ho iniziato a togliermi tutti i vestiti e Carla ha detto che andrai magra a fare Japa?

Ho detto di sì, dopotutto eravamo solo in due sull’isola.

Carla era un po’ imbarazzata e disse: Dai, non c’è da vergognarsi, lasciamo i vestiti vicino a casa e poi prendiamo tutto.

Poi cominciò a spogliarsi, goffamente.

Carla è una ragazza mora con i capelli lisci e un corpo molto carino. Il mix tedesco con il colore nero la rendeva una donna molto bella ed esotica. Carla, se non sbaglio, aveva 19 anni all’epoca della nostra relazione.

Abbiamo camminato cinque minuti e siamo arrivati ​​al lago. L’acqua era deliziosa, dato che la giornata era molto calda.

Ho adorato questo momento, questa pace era deliziosa, ma erano già passate almeno 2 ore e Carla ha detto che sarebbe tornata perché voleva riposarsi un po’. Volevo restare e godermi di più.

Rimasi ancora mezz’ora, finché sentii uno strano rumore vicino al lago, poiché pensavo fosse Carla, andai a nascondermi in un piccolo anfratto vicino al lago per raccontarle la paura.

Ma mentre aspettavo, ho sentito delle voci, erano due uomini che venivano al lago.

Ho guardato attraverso la fessura e ho visto che dovevano essere gente del posto. Pelle scura, pantaloncini e camicie senza maniche con bottoni e indossavano cappelli di paglia toquilla.

Cominciarono a pulire il pesce che catturavano e bevevano anche pinga.

Avevo paura che non mi vedessero, ero completamente nudo e non so se questi uomini fossero abituati a un giapponese nudo della zona.

Ho anche iniziato a pensare a Carla, e se qualcuno l’avesse vista?

Ho aspettato le signore per almeno quaranta minuti, anche ubriache, si sono addormentate.

Dovevo uscire con cautela per non svegliarli ed essere visto.

Si stava facendo buio ed ero preoccupato, avevo bisogno di trovare la mia strada.

Quando ho iniziato a camminare, ho sentito altre voci… Mi sono nascosto dietro un albero.

Ho notato che c’erano altri tre uomini come i due nel lago e due donne con loro.

Gli uomini del lago e gli altri tre dovevano avere tra i venti ei cinquant’anni. Entrambe le donne dovevano avere tra i 50 ei 60 anni.

Ho aspettato che passassero.

Ho iniziato a inseguirlo e ho capito che si era perso. Dato che dovevo nascondermi e cambiare strada a causa loro, mi ero perso.

Continuavo a camminare ea nascondermi per non essere visto, ma mi stavo stancando. Non mangiava da ore e stava per svenire per la fame.

Finché non vedo l’accampamento dei pescatori.

Non c’era nessuno. Ho visto che aveva una tovaglia e del pane e un pezzo di torta di farina di mais. Io non sono di quelli che rubano, ma la situazione era complicata, non vedevo l’ora che qualcuno venisse a trovarmi nudo a chiedere cose.

L’ho fatto in silenzio, dietro gli alberi, fino al campo.

Sono arrivato velocemente, ho afferrato un pezzo di pane e un asciugamano, ma proprio quando pensavo che non sarebbe stato un problema, qualcuno mi ha afferrato il piede.

C’era un ragazzo che dormiva sotto il tavolo e mi ha afferrato il piede e ha iniziato a urlare: Ladro, ladro.

Ho cercato di liberarmi, ma sono scivolato. Quando mi sono alzato e ho provato a correre, i tre pescatori mi guardavano, ho provato a correre, ma ero tenuto per le braccia e le gambe.

Mi hanno raccolto come un sacco di farina e mi hanno riportato al campo.

Quando sono arrivato, mi hanno legato le braccia e mi hanno tirato su un albero.

Lì era nudo. Legato con le mani alzate.

Continuavano a guardare e parlare. Chi sei ladro?

Ho detto che non ero un ladro e ho raccontato loro tutta la storia.

Le donne sono venute e non ci credevano, una di loro ha cominciato a stringermi i capezzoli perché dicessi la verità.

Ho giurato che non mentivo e che avrei pagato il pane.

Finché uno dei ragazzi non parla.

Penso che il pane meriti un favore.

Ho detto che lo farò.

Il Lucas con cui ti sei svegliato è vergine, deve cambiarlo.

Gli ho detto di no, che non avevo mai dormito con uno come lui.

Quindi il ragazzo ha detto, okay, qualcuno vada a prendere la mia pantofola.

Il ragazzo ha detto alle due donne di afferrarmi le gambe.

Ho detto per favore non picchiarmi, per favore per favorerrrr.

La prima sneaker mi ha fatto vedere le stelle.

Per favore, lo giuro.

La seconda era ancora peggio.

Le mie urla erano proprio dietro le risate del resto del gruppo.

Finché non parlo. Sto andando. Sto andando. Per favore. Fermare.

Quindi si sono fermati.

Mi ha rilasciato immediatamente. Sono caduto e ho ingoiato terra e sabbia.

Uno dei ragazzi che era ubriaco mi ha afferrato per i capelli e mi ha portato da Lucas.

Ascolta, succhia.

Ho obbedito, il cazzo del ragazzo non era grosso, ma ho obbedito.

Non c’era modo di non obbedire, era impotente, anche se fosse arrivata Carla, cosa avrebbe fatto?

Mentre succhiava, riceveva ordini. Leccare la borsa, succhiare la testa. Baci.

Una delle donne ha detto: Lei è solo una ragazza.

Poi mi hanno detto di sdraiarmi e di allargare le gambe.

Poi il ragazzo è venuto goffamente sopra di me.

La band ha adorato la situazione, non credo che abbiano mai visto uno spettacolo Così.

Ha iniziato a mangiarmi lentamente, penso che fosse davvero perso.

Non è durato molto, 2 minuti dopo ha detto di aver sentito qualcosa.

Uno dei ragazzi gli ha chiesto di tirarlo fuori e puntarmelo in faccia.

Ci furono i primi orgasmi del bravo ragazzo.

Ho sentito questo caldo formicolio sul viso.

Poi una delle donne mi ha portato a un rubinetto e mi ha detto di lavarmi.

Gli ho chiesto se potevo usare dei vestiti, un asciugamano e lui ha detto:

Sei venuto con niente e torni con niente. I giapponesi sono tutti stronzi.

Poi mi hanno legato e messo in ginocchio.

Ho parlato. Ho fatto quello che mi hai chiesto, per favore lasciami andare.

Il ragazzo ha detto: Nessuno qui ha mai scopato una donna giapponese, o una donna bianca come te.

Servirai tutti.

Ho detto di no, dovevo tornare dal mio amico…

Mi sono pentito di quelle parole.

Ho visto il sorriso e il ragazzo ha detto dove.

Per favore…

Scoppiare. Ho ricevuto uno schiaffo come non avevo mai ricevuto prima.

Così ho finito per dirgli dove doveva essere.

Conoscevano il posto, era facile per loro trovarlo.

Le mie mani erano legate dietro la schiena e una corda era intorno al mio collo dove mi stavano tirando fino in fondo.

Siamo arrivati ​​sul posto e il ragazzo mi ha spinto in casa.

Carla che dormiva si svegliò spaventata.

come va claudia??? Loro chi sono?

Non ha avuto il tempo di reagire, quindi l’hanno afferrata e gettata a terra.

Carla piangeva molto, era terrorizzata. Non mi ero mai trovato in una situazione del genere prima d’ora.

Uno dei ragazzi gli ha parlato. Ora sei la nostra cameriera, ora cucinerai per noi.

Carla è andata in cucina, ma prima aveva chiesto che mi portassero dei vestiti.

Ha parlato uno dei ragazzi. Solo se è tuo, se non vuoi fare il ladro, vai in cucina.

Carla iniziò a piangere, non avendo il coraggio di dire una parola.

10 minuti dopo è tornata con dei panini.

Tutti mangiarono, dopo pochi minuti le due donne e l’ex vergine se ne andarono.

Solo i 5 ragazzi ci guardavano.

Uno di loro per giocare con me, mi ha legato il ginocchio e mi ha messo i piedi in due buchi con delle corde, per finire, oltre ad avere le braccia legate, i miei capelli erano legati con una corda e questa corda era legata ai miei talloni, che mi ha fatto voltare la testa quasi a guardare il soffitto.

Agli altri ragazzi piaceva vedermi così, ero in una posizione molto imbarazzante e umiliante per loro.

Carla era molto dispiaciuta, lo sentiva negli occhi.

Ha chiesto di liberarmi.

Va bene, disse uno di loro.

Ma lo lascio così possiamo giocare e vedrai tutto.

Carla fece una faccia inorridita e andò a cercare di tornare in cucina, ma uno dei ragazzi l’afferrò e le disse di sedersi sulla sedia.

Carla si sedette e rimase zitta, sapeva che non aveva altro da fare che accettare e vedere cosa mi sarebbe successo.

Uno dei ragazzi mi ha lanciato, sono atterrato come un sacco a terra. I miei talloni e i miei polsi erano rossi perché erano troppo stretti. Le mie braccia e le mie gambe erano intorpidite, sentivo questa brutta sensazione di sangue che scorreva attraverso le mie estremità.

Mi ci è voluto molto tempo per potermi muovere.

Quando sono riuscito a muovermi, c’erano cinque uomini che mi guardavano, uno era dalla parte di Carla, controllando che non potesse uscire. Gli altri 4 erano in piedi ad aspettarmi e mi hanno detto di mettermi a quattro zampe e girarmi in modo che l’amico potesse vedere che puttana ladra ero.

Ho iniziato a camminare lentamente a quattro zampe, rotolando verso di loro.

Quando mi sono avvicinato, mi hanno detto di fare acrobazie striscianti mentre rotolavo.

Fu uno spettacolo molto umiliante, gli piaceva vedermi a quattro zampe camminare come un cucciolo e cominciarono ad affittare a Carla il mio pulcino e la mia fica.

Mi hanno ordinato di mettermi a quattro zampe davanti a lei e girarmi per mostrarle cosa stava per succedermi.

Mi sono sentito molto male, non potevo immaginare una situazione peggiore per entrambi.

Lì mi sono mostrato davanti al mio amico e 5 pescatori.

Sono rimasto così finché non mi hanno detto di abbassare i pantaloni al ragazzo accanto a Carla.

Ho fatto quello che mi hanno detto.

Questo duro cazzo viola è uscito dai suoi pantaloni.

Guardò la proprietaria del cazzo che sorrise e disse: Succhiamelo e fai vedere alla tua amica cosa sai fare, deve essere molto brava, altrimenti me lo prendo.

Così ho iniziato lo spettacolo.

Gli ho massaggiato il cazzo mentre succhiavo quel sacco peloso. Ho tirato con le labbra finché la borsa non ha cominciato a sbavare.

Così ho iniziato a succhiare la testa del cazzo. Ho appena fatto entrare la testolina e ho giocato con la lingua in bocca.

Dopo un po’ ho iniziato a ingoiare tutto il cazzo finché non ho sentito il sacchetto toccarmi le labbra.

Il ragazzo che stavo succhiando mi ha detto di guardare Carla mentre lo stava succhiando.

Potevo vedere le lacrime e lo sguardo scioccato sul suo viso.

Non so se fosse per pietà nei miei confronti o per paura di quello che poteva accadergli.

Il ragazzo mi ha detto di togliermi il cazzo dalla bocca, di baciargli la sommità della testa e di essere grato di avere un vero uomo da scopare. Era chiaro che voleva che Carla sorridesse quando lo disse.

Ho cercato di gestire un sorriso mentre dicevo quello che mi era stato detto, ma era così sbagliato.

Il risultato è stato che il ragazzo ha iniziato a tirarmi i capelli così forte che ho visto le stelle.

Poi mi ha gettato con forza a terra, cosa che mi ha fatto male ai gomiti nella caduta.

Ho visto che non c’era modo. Dovevo fare del mio meglio, altrimenti io e Carla probabilmente saremmo rimasti gravemente feriti.

Ho iniziato a sorridere come non avevo mai sorriso prima. Sembrava il sorriso di un bambino.

Grazie, bacia il cazzo, succhia tutto.

Il ragazzo è impazzito. Il cazzo è riuscito a diventare molto più duro.

Ho succhiato e succhiato finché non mi è esploso in bocca.

Ha detto di non sputarlo e di ingoiarlo subito.

Mi disse di aprire la bocca e mostrare a Carla cosa c’era dentro.

Carla guardò e cominciò a tossire. Penso che volesse vomitare.

Quindi il ragazzo ha detto di comprarlo subito.

Ho ingoiato tutto.

Apri la bocca e fatti vedere.

Ho aperto. Carla singhiozzava. Tutto quello che non voleva vedere stava accadendo davanti a lei e con la sua migliore amica.

Poi è stata la volta degli altri.

Ho dovuto sedermi sul cazzo di uno dei ragazzi che giaceva a terra.

Ho accelerato il movimento sperando che arrivasse in fretta, ma ho sentito un paio di mani aprirmi il sedere.

Quando ho guardato indietro, uno dei ragazzi si stava spalmando la mia maionese sul cazzo e stava per mangiarmi il culo.

Lo metteva con tutto. Ho sentito la bacchetta entrare come un bastoncino, non mi ha fatto più male perché ha usato la maionese.

Non ha avuto il tempo di urlare molto, perché il terzo gli ha ordinato di succhiarlo.

Era pieno di cazzi, mancavano solo le orecchie e le narici.

Ho sentito le loro braccia stringermi e forzare i loro cazzi.

Non ho mai visto un desiderio così grande come quello di questi uomini.

Il primo che è venuto è stato quello che mi ha mangiato la figa.

Ruggisce come se il gallo fosse stato morso.

Ho sentito questo liquido caldo riempire tutto e quando il cazzo è scappato ha cominciato a trasudare.

Il ragazzo è quasi svenuto.

Il secondo è stato quello che mi ha mangiato il culo. C’è stata un’ora in cui la velocità è aumentata molto. Ho sentito il mio culo iniziare a bruciare… Finché non ha iniziato a venire anche lui.

Stava tremando mentre mi riempiva il culo con il suo sperma. Quando ha tirato fuori il suo cazzo, ha detto: culo gustoso, molto buono. Peccato che tu non sia stato il primo.

I due se ne andarono e io continuai a succhiare. Quando il ragazzo stava per venire, ha tirato fuori il cazzo e mi ha coperto la faccia di sperma.

L’ultimo che non è venuto è venuto in silenzio, ma quando si è avvicinato mi ha afferrato per i capelli e mi ha fatto mettere a quattro zampe davanti a Carla.

Gli hanno ordinato di guardarmi.

Ero lì, fottuto, con sperma ovunque. Pieno di schiaffi sul culo e camminando nudo per i boschi.

Quest’ultimo ha inviato a Carla i dettagli di ciò che ha visto.

Stava piangendo e non se ne accorse finché non le diedi una bella pacca sul sedere.

disse il pescatore. O parla o beve.

Ha iniziato a denunciare tutto. Ho pianto tanto.

Quando ha finito, il ragazzo stava dicendo: parla senza piangere e sorridi quando è necessario.

Abbiamo dedicato molto tempo a questo.

Fino a quando finalmente mi sono stancato di piangere così tanto e vedere il mio culo rosso come un Pepper per averlo colpito così tanto… Carla cominciò a indicare e sorridere.

Ho visto la situazione e ho cominciato a pensare che non solo io ma anche Carla saremmo impazziti.

Terminata la storia, arriva il tocco finale.

L’ultimo che non è venuto mi ha detto di leccarlo a Carla.

Carla ha cercato di alzarsi dalla sedia, ma due l’hanno fermata.

Carla era legata alla sedia. Ha lottato, ma ha ricevuto uno schiaffo che l’ha fatta tacere e piangere piano.

Così mi hanno detto di toglierle i pantaloncini e le mutandine.

Tremavo… non avevo mai fatto niente con un’altra donna.

Ho visto Carla non solo come un’amica, ma come una sorella.

Ma non c’era verso. Lì mi sono tolto i vestiti e ho esposto la sua figa.

Così ho iniziato a succhiare.

È stato molto difficile, non l’avevo mai fatto prima… Era così strano.

Assaggiando la figa liquida di Carla, cercò di muoversi, ma anche le sue gambe erano legate.

Ho continuato a succhiare e leccare quella piccola figa.

Ho visto l’ultimo ragazzo masturbarsi mentre guardavo.

C’è stata un’ora in cui ho notato che Carla si contorceva e diventava rossa.

Sì, comincia a provare il piacere di una donna che conosce bene i siti di stimolazione.

Ho sentito Carla iniziare a venire.

Stava tremando lentamente, il suo viso era diventato rosa e i suoi occhi non guardavano da nessuna parte.

In quel momento l’ultimo ragazzo iniziò ad avvicinarsi e mirare al viso di Carla.

Era il primo giorno.

Ci hanno costretti a passare una settimana nudi al servizio dei pescatori e di altri loro amici che si sono presentati.

Anche se non ci mangiavano, dovevamo pulire il pesce, il pranzo e la cena.

A quel tempo eravamo schiavi.

Durante questo periodo, sono partito solo tre volte per andare al villaggio di pescatori a fare i lavori domestici.

Ho dovuto abituarmi a camminare nudo in questa piccola città davanti a tutti.

Nessuno ha messo in discussione.

Non potevo fare niente perché avevo paura di quello che sarebbe successo a Carla.

Dopo che se ne sono andati.

Carla ed io abbiamo aspettato l’alba per tornare a casa.

Non ci siamo detti niente, Carla non voleva che si sapesse cosa è successo.

Io spero tu ti sia divertito.

Entra nel mio profilo e guarda gli altri miei due racconti.

Se vuoi parlare con me lascia le tue e-mail

Baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *