Scopata al college – parte 1

di | 12 de Dicembre, 2022

Old Neighborhood Chronicles 71 – College Fucks – Parte 1

Era tardi e Teresa fece un lungo giro in un’antica dimora nel Bairro Velho. Salendo e scendendo le scale, entrando in tutte le stanze sotto l’occhio vigile del cliente esigente, la visita si è protratta fino a notte fonda. Fortunatamente la villa era vicina all’università, cosa che gli permise di arrivare in orario. Semplicemente non hai tenuto la chiave all’ufficio immobiliare portandola con te. Era più casual quel giorno in jeans e un top blu con zip. Quella sera le lezioni sarebbero finite presto. Ci sarebbe stata una grande festa con tutti gli studenti in una sala da concerto accanto all’università. Teresa avrebbe approfittato per andare a letto prima, ma Cristina e Bianca hanno insistito perché le accompagnasse. Teresa acconsentì.

I tre se ne andarono insieme. Camminarono a braccetto per alcuni metri fino a raggiungere la casa delle feste. Il posto aveva una grande pista da ballo con molti studenti che ballavano. Le tre ragazze andarono al bar e si sedettero lì a bere e parlare. La musica alta e allegra cominciò a contagiare le donne al bar. Vedere tutti quei corpi danzanti ha commosso così tanto Cristina e Bianca che hanno chiamato Teresa sulla pista da ballo. Questa volta non hanno convinto la mora che è rimasta al bar a guardare. Non volendo ballare, ha visto i suoi due amici ballare con i loro corpi premuti l’uno contro l’altro. Bianca si rotolava con il corpo incollato a quello di Cristina, che ballava guardando Teresa. I sensuali movimenti sincronizzati produssero un sorriso malizioso nella mora che li osservava. Cristina voleva ballare appesa alla schiena di Bianca. Più avventatamente, fece scorrere le mani sul corpo della sua ragazza, abbracciandola come se fossero soli, solo per mettersi in mostra con Teresa. La molestia di Cristina era esibizionismo per uno che era solo al bar e guardava con un sorriso sempre più malizioso. La mora rimase sola nel bar, finché non si accorse di una presenza familiare.

Accanto a lui, un uomo robusto indossava jeans e una camicia attillata. Ezequiel rimase distratto finché non si accorse che la donna lo stava fissando. Era da tanto che non si vedevano (Cronache del centro storico 10 – Anale nascosto tra le scale) da quando Teresa era andata a trovarlo a casa sua. I due erano distanti, si lasciavano comunicare solo attraverso sguardi e sorrisi che diventavano insinuanti al punto che Ezequiel le disse di seguirlo. Teresa segue Ezequiel da lontano finché non entra da una porta sul retro della casa. Li seguono lungo un lungo corridoio scarsamente illuminato con diverse porte su ogni lato. Accompagna l’uomo fino all’ultima porta in fondo. I due entrano in una stanzetta, con cubicoli crivellati di buchi.

Altre storie erotiche  Storia puramente erotica - Il viaggio a Buenos Aires

– È lì che porti i tuoi amici? chiese Teresa ironicamente.

– Ho scoperto questo posto non molto tempo fa. Non hai idea di che feste organizzano qui. – rispose Ezequiel avvicinandosi a Teresa baciandola sulla bocca.

– Vuoi festeggiare con me qui? domandò Teresa con i suoi sorrisi più maliziosi. Ezechiele acconsentì.

I due si abbracciarono con intenso desiderio e baci. Una delle forti mani di Ezequiel scivola nei jeans di Teresa, stringendola dietro. Fa scivolare la mano tra i pantaloni di Ezequiel, sentendo la sua erezione che vuole perforargli i pantaloni. Teresa lo annulla disperatamente cercando di tirargli fuori il cazzo. Si inginocchia e lo succhia lentamente. Ezequiel geme nella bocca di Teresa, poi la solleva per baciarla ancora una volta e toglierle i pantaloni, lasciandola in mutande e camicetta. Gli riprende il cazzo, ma entrambi sentono delle voci che non dovrebbero esserci. Voci conosciute.

– Sei sicuro che sia venuta qui?

– Sì. Ho visto.

I due con i pantaloni abbassati si guardarono per sapere cosa fare. Le voci si fanno sempre più vicine ed Ezequiel chiama Teresa per entrare in una delle cabine. Bianca e Cristina entrano nella stanza con la certezza di trovarvi Teresa, ma non vedono nessuno e si confondono.

– Non avevi detto che era qui? chiese Cristina.

– Sono sicuro di averla vista venire da questa parte. – dice Bianca

– Ma in questa stanza? Ce ne sono così tanti in questo corridoio.

– Le altre porte sembravano chiuse.

I due litigarono mentre Ezequiel e Teresa si nascondevano all’interno della capanna. I due senza pantaloni hanno cercato di tacere per non rivelare dove si trovassero. La piccola luce che entrava nella cabina permetteva a Ezequiel di vedere come le mutandine di Teresa le penetravano nel culo. Le sue mani iniziano a sentire l’odore di quelle carni. Teresa sente la mano di Ezequiel lasciare il suo corpo e si gira verso di lui e gli restituisce il cazzo. Si inginocchia davanti a te e succhia quel cazzo. Ezequiel cerca di non gemere mentre chiude gli occhi. Teresa succhia quel cazzo finché non è duro come la roccia e guida il cazzo di Ezequiel in uno dei buchi della cabina mentre gli mostra il sorriso più malizioso che quelle labbra possano produrre.

– Mio Dio, guarda! disse Bianca spaventata.

– Cosa c’è ragazzi. – disse Cristina, eccitata dalla sorpresa.

– Allontanati da quella Cristina. – disse Bianca.

– Perché quel cazzo sembra delizioso.

Bianca non poteva credere ai suoi occhi. Cristina si è chinata su questo cazzo sconosciuto, ha tenuto il cazzo e lo ha masturbato lentamente. La bionda ha fatto scorrere la lingua lungo questo cazzo, da una parte all’altra. Bianca guardò la sua ragazza ingoiare quel cazzo stretto con le sue labbra. Bianca cercò un’altra angolazione per vedere meglio, vide come Cristina succhiava quel cazzo con voglia. Il modo devoto in cui fece scivolare quel cazzo dentro di lei la fece venire l’acquolina in bocca.

Altre storie erotiche  Orgia dove è successo di tutto

Ezequiel si morse il labbro, trattenendo i suoi gemiti mentre sentiva un tocco delizioso scivolare lungo il suo cazzo. Guardando di lato, vide Teresa trattenere una risata mentre cercava di vedere cosa stava succedendo con il suo sedere davanti a lui, le sue mutandine bianche addosso. La sua mano cercò ancora una volta quella carne. Teresa osservava stupita mentre Bianca cedeva al suo desiderio inginocchiandosi accanto a Cristina. Sente il tocco di Ezequiel esplorarle il culo, spingendo da parte le sue mutandine e facendogli spazio nella sua figa. Il tocco malizioso la fa tremare facendola spingere ulteriormente il culo, offrendosi a Ezequiel mentre guarda i suoi amici succhiarglielo.

Cristina offre il suo cazzo duro a Bianca, che è inginocchiata accanto a lei. Si tocca con riluttanza la bocca, deglutendo lentamente la testa e poi il resto. Avanti e indietro, ancora e ancora. I due strofinano le labbra su questo cazzo fino in fondo fino a toccarsi di nuovo le labbra, mescolando il bacio tra loro due con la testa di questo cazzo nel mezzo.

-Adesso ti diverti, cazzo! – provocò Cristina. Bianca annuì senza togliersi il cazzo dalla bocca.

Cristina si tolse pantaloncini e mutandine. Gli occhi di Bianca si spalancarono, coprendosi la bocca con la mano. Teresa guardò sorpresa Ezequiel, che le diede un dito e non sapeva cosa stessero facendo loro due fuori. Ha appena sentito il suo cazzo essere diretto e improvvisamente la sensazione di una figa bagnata che abbraccia il suo cazzo.

Cristina ha spinto il culo contro il buco cercando di ingoiare più cazzo che poteva. Fece dei movimenti spingendo indietro i fianchi cercando di sentire quel cazzo il più possibile. Ezequiel mosse i fianchi dall’interno della cabina, fottendo Cristina, che si stava massaggiando la clitoride, spingendo il sedere all’indietro. Bianca guardò mentre la sua ragazza lottava per spingerle indietro il sedere e l’effetto che aveva sulle sue espressioni facciali. Cristina si fa scivolare la lingua intorno alla bocca mentre inizia a dimenarsi cercando di strofinare quel cazzo più forte che può nella sua figa. Scopa un po’ e lascia il posto a Bianca che si toglie i jeans ma fa fatica ad adattarsi. Cristina ha aiutato a spingere il cazzo nella sua figa. Bianca si morde il labbro gemendo mentre spinge indietro il culo. Cristina la bacia sulla bocca mentre la scopano accarezzandole le tette.

– Vaffanculo! Rotola quella merda! esclamò Cristina, colpendosi il culo.

Nella cabina, Ezequiel continua a muovere i fianchi mentre tocca la figa di Teresa mentre lei gioca con la sua clitoride. Dopo aver scopato il cazzo sconosciuto, i due iniziano a baciarsi, massaggiandosi le fighe finché non ce la fanno più e ne approfittano. Mentre si abbracciano e si baciano, la colomba misteriosa scompare ei due si vestono e tornano alla festa per vedere se c’è Teresa.

Altre storie erotiche  Negão mi ha mangiato - Storie erotiche

All’interno della cabina, Teresa ha già il culo esposto, prendendo il cazzo di Ezequiel nella sua figa. I due si lasciano gemere, anche se sommessamente. Dopo essersi fatta sditalinare la figa, Teresa è molto vicina all’apice, proprio come Ezequiel che aveva scopato due fighe prima di questa. I due, ora più rilassati, muovono un po’ di più i loro corpi con Ezequiel che tiene saldamente Teresa per la vita. mentre io si appoggia alla parete del cubicolo. La cabina oscilla sotto i colpi di Ezequiel. Teresa gli chiede di sdraiarsi e gli sale sopra. Stava cavalcando su e giù quel cazzo duro con sempre più intensità. Poi si voltò, strofinandosi contro quest’uomo. Lo sperma di Teresa è uscito duro, mentre artigliava il petto di Ezequiel. I due si guardano, Teresa si china su Ezequiel e lo bacia a lungo. Lo guarda e riconosce nei suoi occhi e nel suo sorriso malizioso quello che vuole.

Teresa si mette a quattro zampe, guardando indietro, desiderosa di ricevere ancora una volta il cazzo di Ezequiel. Osserva la sua espressione di felicità mentre sente la testa del suo cazzo che si fa spazio tra le pieghe del suo sedere. Gemette Teresa mordendosi il labbro, senza staccare gli occhi da Ezequiel che le stava lentamente leccando il culo. A poco a poco si sentì più a suo agio spingendo un po’ più forte il sedere di Teresa. La mano ferma le lasciò solo la vita per colpirla sulle natiche. Ezequiel gemette, aveva mangiato la deliziosa Teresa per molto tempo e non riusciva a credere che si sarebbe mangiato di nuovo il culo. Teresa è stata fottuta nel culo mentre guardava indietro con espressioni maliziose che rendevano Ezequiel ancora più eccitato. Lo sperma arriva ed Ezequiel le tira fuori il cazzo dal culo e le viene su tutta la schiena e il culo. Teresa sorrise maliziosa.

Dopo essersi ripreso, Ezequiel cerca di pulire la merda dalla schiena di Teresa con un fazzoletto. Mentre si veste e fa le valigie, Teresa si accorge di non vedere il suo diario nella borsa. Non tornerai a casa tanto presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *