segretario studio legale

di | 10 de Dicembre, 2022

Per chi ha già letto le mie storie, sa che sono una persona attenta ai dettagli, quindi di solito le divido in parti.

Mi dispiace ma non condividerò questa storia per non rompere l’umore, testo lungo, buona lettura e per favore commentate alla fine.

C’è stato un tempo in cui, causa disoccupazione, lavoravo in proprio come tecnico informatico e una volta mi hanno chiesto di fare manutenzione alle apparecchiature informatiche in uno studio legale, e l’ho ottenuto. Rose, una donna sulla quarantina, sposata, due figli, capelli neri lunghi e lisci, occhi neri molto luminosi, pelle bianca, molto fine, ma con grandi seni, bella e molto ben vestita. Ha attirato la mia attenzione, mi sono subito interessata, però ho scoperto che era sposata con il fratello di uno degli avvocati dello studio.

Ho svolto i miei servizi normalmente come mi ha indicato e alla fine ho pagato il costo del servizio e colei che ha effettuato il pagamento con un sorriso meraviglioso sul viso mi ha chiesto se poteva chiamarmi più spesso, perché lì c’erano sempre problemi . e il solito tecnico non ha avuto il tempo di occuparsene, a cui ho subito detto di sì e li ho ringraziati per l’opportunità di svolgere questo servizio.

Dopo più di un mese e un sacco di seghe pensando a Rose, mi chiama di nuovo. Nuovi problemi, servizi resi, stesso meraviglioso sorriso e alla fine la domanda se volesse essere il nuovo tecnico ufficiale dell’ufficio. La mia risposta è stata subito positiva, così mi ha detto di tornare il giorno dopo.

Tornata in ufficio, Rose mi ha detto che aveva bisogno di archiviare digitalmente alcuni documenti e aveva bisogno di aiuto perché non l’aveva mai fatto prima. Gli ho insegnato ad usare il pdf scan, insieme abbiamo creato la standardizzazione di cartelle e file e abbiamo iniziato il lavoro, che è durato quasi 1 mese, perché non erano solo documenti, ma scatole di documenti. Poiché abbiamo lavorato a stretto contatto per diversi giorni, alla fine ci siamo avvicinati al punto in cui ci siamo scambiati sguardi e le battute hanno cominciato a scoppiare.

Una volta sono entrato in ufficio con un tappetino da massaggio che il mio agopuntore e cliente mi aveva chiesto di riparare, e prima di tornare ho deciso di mostrarlo a Rose. Tutti in ufficio l’hanno provata e l’hanno adorata, tuttavia all’ora di pranzo ho notato che Rose era un po’ giù di morale e quando gliel’ho chiesto ha detto che era stanca. Ho colto al volo l’occasione per offrirgli il tappetino da massaggio per un po’ di più e ha scelto uno studio legale per rilassarsi sul tappetino su una sedia molto reclinabile. Sono andata con lei ad aggiustare il tappetino e senza nemmeno chiederle se potevo iniziare un massaggio su spalle e collo. Al primo tocco sulla sua pelle, il mio membro si è irrigidito e mi sono sentito un po’ a disagio. Ho cercato di lasciare la stanza per il mio disagio e per non farla notare, ma quando stava per interrompere il massaggio, l’ho sentita sussurrare:

– È delizioso, ne avevo proprio bisogno.

Mi bloccai, Rose spalancò gli occhi e mi guardò e mi chiese perché l’avevo interrotta. Risposi che dovevo andare in bagno e uscii subito da quella stanza. In bagno mi sono sollevata con una bella cannuccia pensando a quei seni che ho sempre ammirato nella sua scollatura.

Dopo quel giorno ho iniziato a investire, non credendo di avere una possibilità lì, ma completamente assorto nella mia testa, ho investito con cautela. A partire da battute più suggestive, giochi di parole, colpi che richiedono più tempo del normale, braccia e gambe che si sfregano di più l’una contro l’altra quando sono vicine e con tutto ciò le mie giornate sono state sempre più emozionanti e ho sempre avuto la mia erezione finché non ho iniziato a notare il suo sguardo più affettuoso me.

Un giorno uno degli avvocati mi ha chiesto di creare un nuovo foglio di calcolo per la registrazione del cliente con alcuni dettagli, quindi sono andato direttamente dall’avvocato. L’avvocato mi ha fornito alcuni dettagli e mi ha guidato a svilupparlo con la segretaria, perché lei avrebbe saputo esattamente come doveva essere e si è presentata una nuova opportunità e abbiamo iniziato a lavorare fianco a fianco, spesso seduti uno accanto all’altro alla reception e io ero già impazzendo.

Lavorava praticamente dedicato a questa cliente da più di un mese ed era stato legato alla segretaria di Rose per quasi due settimane finché, durante lo scambio di documenti e strumenti, iniziò a toccarle la mano in modo più sensuale, poi lo fece non si accorse che si era accorta della mia avanzata, ricevendo i miei tocchi come carezze e guardandomi in modo molto sensuale. Quel giorno Rose mi spiegò che in realtà era stata separata dal corpo del marito per due mesi e che forse aveva accennato a una mancanza di cure. Ho accettato che ero sulla strada giusta e che non si poteva tornare indietro, quindi le ho chiesto di accompagnarmi quando saremmo partiti e lei ha accettato, ha detto che prima dovevo andare in un negozio e ho subito accettato, dopotutto, non c’era niente da fare, farsi vedere insieme in un negozio pubblico.

In auto e in negozio è andato tutto bene, senza alcun guizzo da parte mia, però all’uscita, invece di manovrare l’auto nel parcheggio accanto al negozio per uscire, come tutte quelle che ho fatto, si è schiantata nel parcheggio sul retro e ha parcheggiato ulteriormente. Capii immediatamente di cosa si trattava, ma prima che potessi finire il mio pensiero, Rose mi mise una mano intorno alla nuca e mi tirò a sé per un delizioso bacio.

Ricambiai il bacio sistemandomi meglio sul seggiolino dell’auto così da poterla avvicinare e stringerla per un bacio migliore e più confortevole. Il calore dei nostri corpi appannava rapidamente i finestrini dell’auto e Rose dovette interrompere il bacio per riprendere fiato e poi riprenderlo con più ardore. Una mano è andata dritta alle sue tette tanto desiderate mentre le sue dita si aggrovigliavano tra i miei capelli e subito dopo mi ha guidato esattamente alle sue tette dove ho fatto girare la mia lingua e ho preso alcuni morsi della pelle e più in basso dei suoi seni attraverso il tessuto del tuo vestiario.

La frenesia prese entrambe e quando Rose mi interruppe di nuovo, aveva già la camicia completamente sbottonata, la canotta alzata al massimo, così come il reggiseno in modo che i suoi seni fossero completamente scoperti e io li stavo massaggiando all’impazzata. . . Si è lamentato del fatto che eravamo trattati male lì nel parcheggio e che avremmo dovuto spostarci in un posto più tranquillo e cavalcare l’onda per continuare un altro giorno. Siamo partiti e ho avuto questa sensazione di vittoria e frustrazione allo stesso tempo, perché avevo trovato questa donna meravigliosa, ma non ero ancora arrivato al punto desiderato.

Il giorno dopo ho lavorato in strada per uno degli avvocati e alla fine della giornata sono tornato a casa in moto e sono stato investito per strada. Non era niente di molto grave, comunque, ho riposato per venti giorni, che ho passato quasi tutti quei giorni a flirtare con Rose su WhatsApp.

Riprendendo le mie attività, ho visitato l’ufficio della mia cliente e l’atmosfera era molto tesa, ho ripreso le mie attività che erano state molto accumulate e in questo periodo che è durato due settimane, ho flirtato molto con Rose durante l’orario di lavoro, però lei mi ha detto che la relazione con il marito la portò al divorzio definitivo e l’avvocato che era sua cognata le creava problemi non accettando la risoluzione del matrimonio. Abbiamo trascorso le due settimane solo tra abbracci discreti e vivaci discussioni online.

C’è stato un fine settimana in cui Rose è andata con i bambini alla casa al mare di sua sorella e mi ha inviato alcune foto, la prima era della vista dalla piscina in una giornata di sole con un bel giardino sul retro, la seconda era già sua le gambe sembravano adagiate su una poltrona e la terza era all’altezza della vita, manco a dirlo impazzivo dalla voglia di quel corpicino delizioso. Un’ultima foto era un selfie lungo fino alla vita, indossava una canotta, occhiali da sole e un cappello, con una faccia sensuale con la lingua fuori. Quando ho inviato un messaggio osceno desiderando che la lingua mi si attaccasse all’inguine, Rose era offline per il resto. del fine settimana ed ero molto arrabbiato con me stesso.

Tornando alle attività lunedì ho preso la giornata con calma, senza molte conversazioni con Rose e senza alcun flirt, si è resa conto di non aver detto nulla fino alla fine della giornata eravamo soli in ufficio e ad un certo punto quando ero il prossimo a Davanti a lei, dall’altra parte del bancone di servizio, mi ha chiesto un foglio di calcolo, che ho inclinato sul bancone per vedere che mi usciva un delizioso bacio con la lingua, mi ha tirato il collo con entrambe le mani e abbiamo sono entrato in quel bacio per alcuni buoni minuti. Ci siamo fermati per riprendere fiato e le ho chiesto cosa fosse, Rose mi ha detto che aveva passato l’intero fine settimana a sentirsi secca per quel bacio. E sono arrivato giocando duro per ottenere.

Ho fatto il giro del bancone per abbracciarla in un altro bacio, ma lei mi ha interrotto, spiegandomi che era via per il fine settimana perché era così eccitata con me ma distante, senza alcuna possibilità di soddisfare il suo desiderio o mascherarlo. al. di sua sorella e dei suoi figli, così lui Si è allontanata per rassicurarla e ha finito per raccontare tutto quello che stava accadendo alla sorella, che l’ha subito appoggiata chiedendo il divorzio presto e godendosi subito questa emozione che provavamo l’uno per l’altra.

Ci riabbracciammo in un bacio più ardente e finimmo per andare nello studio dell’avvocato, sua cognata, dove la misi seduta al tavolo e dopo il bacio ardente le attaccai le belle tette e quando me ne andai con la mia mano nei suoi pantaloni del vestito I Ha smesso di dire di no lì non l’ho nemmeno sentita ho messo la mia mano dentro i suoi pantaloni le ho strofinato la figa nelle mutandine e lei ha iniziato a rotolare molto e ad ansimare, interrompendo il nostro bacio per respirare meglio e gemere con desiderio. Mi ha baciato il collo e mi ha sussurrato all’orecchio: “Sei pazzo e arrapato, se continui a fare così non lo sopporto, per favore smettila”.

Non mi sono fermato e ho allungato la mano per metterle la mano nelle mutandine, perché non mi permetteva di toglierle i pantaloni. Rose mi interruppe dicendo: “Mi vergogno di, non ho la barba lunga e temo che non ti piacerà il mio corpo, dopo tutto, sono maturo e devi essere abituato alle studentesse”.

– Non importa, quello che mi piace davvero è una donna esperta.

Rose: – Per favore, sii indulgente con me, mi vergogno già e fino ad oggi avevo solo mio marito.

– Lasciami andare, vado piano.

Detto questo, le ho messo il braccio sinistro dietro la schiena e l’ho baciata di nuovo, facendola piegare all’indietro e appoggiarsi al tavolo con le mani dietro di lei, dandole un percorso più facile. Ho immerso la mia mano destra nelle sue mutandine, correndo attraverso il suo pube molto peloso e raggiungendo la sua fessura completamente lussuriosa, ho fatto un passo lì con le dita mentre la baciavo follemente e lei ha portato la sua mano sinistra al mio collo per farmi trattenere il bacio. Ho sentito le sue piccole labbra imbronciate e ho passato il mio dito medio aprendo quelle labbra e andando a tuffarmi nella sua caverna. In quel momento Rose risucchiò tutta l’aria dalla mia bocca e iniziò a respirare in modo incontrollabile, lasciando andare la mia testa, si sbottonò la camicia e aprì la chiusura anteriore del suo semi-reggiseno di pizzo, i seni della moglie matura erano a punta. aria e pelle tutta in pelle d’oca. Senza togliere la mano dalle sue mutandine, caddi sui suoi seni eretti, traendo un pesante sospiro da Rose che questa volta prese la sua mano tra i miei capelli, afferrandoli con un cervo e intrappolando la mia bocca nella sua quasi soffocandomi. Rose gemette forte, la testa completamente inclinata all’indietro, gli occhi chiusi e la bocca spalancata, il suono roco proveniva dalla parte posteriore della sua gola. Rose stava venendo duro e io non mi sono trattenuto, ho anche deriso la situazione rendendo il mio cazzo completamente compiaciuto, i miei capelli inzuppati nelle mie mutande senza nemmeno essere toccato. Dopo poco più di cinque minuti di gemiti ad alta voce, Rose ha completamente ammorbidito il suo corpo sdraiato sulla schiena sul tavolo e ha picchiato tutto sopra di lei, ho continuato a massaggiarle le labbra e il clitoride notando il suo bel viso, Rose mi ha guardato negli occhi e lui disse: “Sei così pazzo, mi hai quasi ucciso, ora te ne devo uno ma oggi non funzionerà e puoi togliere la mano prima che perda il controllo, ragazzo arrapato.”

Non appena ho tolto la mano dalle sue mutandine, Rose l’ha afferrata e l’ha pulita con un panno che era sul tavolo.

– Cos’era? Volevo assaggiare il tuo miele.

Rose: – Non farmi questo, hai detto che saresti stato indulgente con me.

– E lo farò, ma oggi mi sei venuto sulle dita e non ho potuto godermelo.

Rosa: mi dispiace…

Senza lasciarla continuare, la raddrizzai ancora seduta sul bordo del tavolo e le chiesi di fidarsi ancora un po’ di me. Le ho aperto la cerniera dei pantaloni con i denti mentre le mie mani tiravano giù i pantaloni, abbastanza per vedere le sue mutandine di cotone davanti a me, con il suo piccolo monticello di Venere arrotondato e quella macchia bagnata appena sotto. Annusavo ad occhi chiusi e il suo odore femminile mi rendeva quasi insensibile, aprivo gli occhi sorridendo e ora guardando i suoi occhi supplichevoli passavo la lingua molto lentamente sul panno fradicio, dal basso verso l’alto. Rose si morse il labbro inferiore chiudendo gli occhi e quando li aprì afferrai quella zona del tessuto per succhiare quanto più potevo del suo affetto, Rose fece un respiro profondo come se stesse risucchiando l’aria dai suoi polmoni attraverso il sedere, è stato bellissimo da vedere. Ho assorbito una grande quantità del suo miele e con la lingua tesa ho sentito il tessuto delizioso, sentendo salire il calore che veniva dall’interno, come un vulcano che vomita lava e ho succhiato. Rose in un forte urlo mi ha afferrato i capelli con entrambe le mani e mi ha spinto, ho notato che le tremavano le gambe, deliziata da questa scena, l’ho aiutata con i suoi pantaloni, l’ho stretta tra le mie braccia come ringraziamento e ci siamo baciati di nuovo con amore.

Quel giorno tornammo a casa separatamente e la sera ci parlammo di nuovo tramite messaggi, lei ringraziandomi per il momento di grande piacere e facendo promesse di incontri a seguire e io dico solo che mi sono accontentato di darle il piacere che meritava, ma che ero desideroso di ricevere la mia parte di intenso piacere.

Trascorsero alcuni giorni in un ritmo di continua seduzione, durante i quali le passai le dita lungo la schiena, sotto la camicia, graffiandola leggermente con le unghie e osservandola chinarsi e tremare tutta. Ci scambiamo tanti baci rubati e nascosti. Ad ogni chiamata che ricevevo ne approfittavo per metterle una mano tra le gambe e sentire il calore che emanava da esse mentre la massaggiavo, senza che lei potesse mostrare la minima reazione ed era pazzesco. Fino a un certo venerdì in cui eravamo soli e in quello studio non andava nessun altro, allora cominciò a spiegarsi con l’imbarazzo dell’altro giorno, disse che non si faceva la barba completamente, come le ragazze di oggi, su consiglio del ginecologo, si si rade solo per non perdere nessuno dei bikini e ha anche commentato che le sue piccole labbra sono più grandi del normale, superando completamente e ancora una volta confrontando le ragazze che hanno labbra rosa molto piccole e carine. Ho risposto ribadendo quello che avevo già detto, che preferisco le donne mature per l’esperienza che hanno e per la mancanza di inibizione di certi svolazzi che tendono ad avere le ragazze più giovani, ho anche detto che in realtà non conoscevo molte donne con abbastanza peli pubici. e labbra grandi che non aveva mai provato prima, sarebbe stata la sua prima volta e moriva dalla voglia di provare presto il piacere.

Rose si è alzata molto elegantemente e mi ha chiesto di continuare con i miei compiti, è andata alla porta dell’ufficio e l’ha chiusa a chiave, quando è tornata mi stava già spingendo indietro sulla sedia e si è seduta sulle mie ginocchia, davanti a me, noi noi abbracciati in un bacio caldissimo e il bacio fu inevitabile. Rose si alzò senza staccare la sua bocca dalla mia e alzandomi la presi contro un muro e lì avevo il controllo completo su di lei così le passai le mani su tutto il corpo e le baciai e succhiai il collo ei seni. Andammo nel bagno dell’ufficio e lì le aprii camicia e reggiseno per cadere a faccia in giù sui suoi seni, mentre le aprivo e abbassavo i jeans, alzandomi in piedi, senza toglierli del tutto, apposta per tenerle unite le gambe. Rose si sporse sul lavandino e si strofinò il sedere, ancora in costume da bagno, mentre io le baciavo la schiena le accarezzavo il sedere senza toccarle la zona della vulva e così la eccitavo ancora di più. Le ho tolto le mutandine molto lentamente mentre la mia bocca esplorava ogni parte del suo sedere scoperto, baciandola, leccandola e mordendola. Il forte profumo femminile era inebriante e provava che le sue mutandine erano già state completamente abbassate.

Mi accovacciai con la faccia all’altezza del suo sedere, inspirai a pieni polmoni il suo profumo di piacere e quando aprii gli occhi vidi la sua bellissima figa, a differenza della sua pelle bianchissima piena di peli neri setosi e profumatissimi. Aveva il culo tutto aperto e si vedeva l’ano senza peli vicino, era un bellissimo invito, ma prima dovevo colpirle la figa. Con le mie mani ai lati del suo sedere, ho avvicinato il mio viso e ho portato la mia lingua dove dovrebbe essere la sua piccola caverna e, senza esplorare troppo, ho potuto sentire l’umidità sulla sua pelliccia e il calore intenso dove ho finito per leccare . per assicurarsi che fosse buono. Ho avvicinato i miei pollici alla sua vulva e stringendoli in un nuovo movimento ho potuto vedere il suo fiore aprirsi lentamente rivelando un interno molto rosa, le sue labbra erano davvero enormi, carnose e scure, un set che non riuscivo a trovare, non avevo mai mi sono divertito e sono rimasto sbalordito, volevo passare tutto il giorno a godermi questa vista dando alcune lingue da assaggiare, ma non c’era tempo per tanta gioia, quindi sono uscito dalle mie fantasticherie e mi sono leccato le labbra, prima e la sua presa è andata da una parte , poi l’altro e il Il dondolio ha cambiato lato solo dopo che ho immerso tutta la mia lingua nella sua caverna rosa, è stato allora che Rose mi si è avvicinata, quasi tirando fuori il suo sedere dalla mia faccia e ho potuto sentire un forte gemito soffocato da una delle sue mani . Non le ho permesso di scappare e le ho messo tutta la faccia nel culo, mordendole tutta la vulva, con la lingua completamente sommerso potevo sentire il suo miele che scorreva pesantemente dalle calde pareti interne, andando dritto alla mia lingua.

Ho inchiodato il suo primo orgasmo e ho tirato via la bocca solo quando il suo frenetico dondolio si è fermato. Rose ora mi ha chiesto di penetrarla presto, perché non poteva più aspettare. Anche se avevo molto da sborrare con la mia bocca sul suo culo, non ho potuto fare a meno di soddisfare la sua richiesta e mi sono tolto velocemente i pantaloni e le mutande per penetrarla subito con il mio pene, già completamente libidinoso. L’ingresso è stato estremamente facile, ha assicurato che fossimo entrambi ben lubrificati e bollenti.

Cominciai ad entrare piano piano fino a trovarmi completamente dentro di lei e con movimenti lenti la tirai fuori fino quasi a far uscire la testa dall’interno e questo mi tornò in mente. È durato pochi minuti e Rose ha iniziato a forzare il sedere all’indietro, volendo aumentare il ritmo, quindi ho iniziato a muovermi dentro e fuori più lentamente e Rose ha iniziato a gemere con voce rauca, implorandomi di andare più forte. Ancora una volta ho dovuto rispondere alla sua richiesta e il nostro ritmo ha cominciato ad accelerare, rendendo possibile sentire il battito del mio corpo contro le sue natiche molto forte, il suo miele di piacere ha cominciato a sgorgare praticamente e a scorrere lungo le nostre cosce, no, non riuscivo a trattenermi. Inoltre, sono esploso in un orgasmo sentito diverse volte, ammorbidendo completamente le mie gambe e anche se Rose stava ansimando mi sono reso conto che non aveva ancora raggiunto l’orgasmo.

Alzandosi di nuovo in piedi, ci abbracciammo in un bacio molto gustoso, poi le presi una mano sulla figa e lei era completamente fradicia, come se la sua figa gocciolasse. Sorridendo molto felice, Rose disse che era molto soddisfatta e che il suo secondo orgasmo non era avvenuto, ma che era meglio finirlo e lasciarlo per un altro giorno. Per la prima volta Rose prese il mio pene e iniziò una dolce e gustosa masturbazione ma durò poco quando notammo che squillava il telefono della reception.

Ci siamo subito preparati e siamo usciti da questo bagno per andarcene, perché era ora di finire.

È stata la nostra prima scopata.

Il resto te lo dirò se i commenti sono incoraggiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *