Sesso con l’ex segretaria

di | 9 de Dicembre, 2022

Quando ero più giovane, intorno ai 24 anni, ho incontrato una delle tante segretarie con cui lavoravo nell’ufficio ereditato dai miei genitori. Christina (la nostra “Cris”, il suo nome è stato cambiato per preservare la privacy del personaggio centrale di questa storia), una biondina minuta e delicata, aveva 21 anni.

Ero sposato e lei era single. Il mio matrimonio è sempre stato fantastico e, nonostante la bellezza di Cris, non sono mai stato interessato sessualmente a lei fino a quando, in una conversazione casuale sugli scherzi al lavoro, mi ha chiesto se avessi mai provato “l’occhio di maiale”. parlava di piatti tipici brasiliani e all’epoca parlavamo di feijoada, pensavo fosse un ingrediente esotico del piatto di cui non avevo mai sentito parlare fino a quel momento (inizialmente avevo preso la questione sul serio).

Quello che mi è sembrato davvero strano è stato lo “sguardo assassino” di Cris nei miei confronti, accompagnato da quel sorriso affascinante di donna focosa come solo lei sembrava avere. Cris aveva pessime intenzioni e ho subito “capito” quale fosse il suo mercato. Tra gesti, parole, tono di voce e insinuazioni, non le ci è voluto molto per capire che stava insinuando che si trattava di sesso anale tra un uomo e una donna. Sì, quella variante sessuale tanto desiderata nel corso della storia umana.

“No, non ci ho mai provato”, fu la mia risposta, guardandolo dritto negli occhi e fingendo di non capire…

Volevo assicurarmi che fosse una “parola d’ordine” e che mi avesse davvero provocato. Che sia vero o no, ero già stato “agganciato” (chi non l’ha fatto?).

Siccome eravamo in parecchi nella stanza, la conversazione è continuata tra di noi in codice (è difficile da spiegare a parole, ma in realtà stavamo parlando di sesso anale anche se eravamo gli unici a capire di cosa si trattasse). Non mi ero mai sentito così eccitato in vita mia, anche senza toccarla, solo immaginando di poter provare questo stesso piacere sessuale con lei.

Beh, ero un uomo sposato responsabile, e nonostante il clima caldo tra di noi, non ero molto interessato alla possibilità di una relazione extraconiugale. Cris si è sposato e ha continuato la sua vita in un’altra azienda. Non l’ho mai dimenticata e, lo ammetto, ho fantasticato molto su di lei mentre dormivo con il proprietario.

Altre storie erotiche  Storia erotica diretta - Pagare il tradimento con altro tradimento

Sono passati 10 anni e ci siamo incontrati per caso in una zona commerciale della nostra città. Lei ed io accompagnati dai rispettivi figli. Ci siamo stretti la mano e abbiamo discusso brevemente di come fosse passato il tempo e di come fossero cresciuti i bambini. Questo incontro ha acceso in me una lunga fiamma dormiente. Eravamo (e siamo tuttora) felicemente sposati, ma almeno nutrivo la fantasia irrealizzata della giovinezza. È successa la stessa cosa con Cris?

Con mia sorpresa ancora una volta, non stai ripetendo la domanda di dieci anni fa? Sorrisi imbarazzato e risposi a monosillabi:

-No.

Era qualcosa che mi sarebbe davvero piaciuto provare, ma non sarebbe stato con mia moglie perché non le piaceva. Impressionante per me, ha confessato che il suo partner non era interessato alla delicatezza (ci sono stronzi ovunque…). Così ho posto spudoratamente l’ultima domanda, attingendo al coraggio che mi era mancato anni prima:

-E tu? Tradiresti il ​​​​tuo coniuge per un’esperienza del genere con un potenziale partner, anche se quel ragazzo fossi io?

Cris, silenzioso, si limitò discretamente a offrire il suo biglietto da visita. Non mi ci è voluto molto per chiamare. È iniziata una relazione che pensavo impossibile, ma impressionante. La colpa e il peccato sembravano condimento per condire ancora di più quegli incontri proibiti che sarebbero diventati frequenti per molto tempo. Sì, avevo un amante ed entrambi avevamo un segreto.

Il nostro primo incontro ebbe luogo la stessa settimana. Abbiamo iniziato nel modo più tradizionale possibile, in un motel. Sono arrivati ​​tutti con la loro macchina. Mi stava già aspettando vestita con un reggicalze nero che lasciava intravedere un corpo ancora snello e caldo dalla pelle morbida e profumata.

La strinsi forte e il bacio fu travolgente. La prima cosa su cui ci siamo messi d’accordo è stata la parola in codice per “no”. Da lì, tutto è filato liscio e, se voleva smettere, non doveva fare altro che pronunciare la parola concordata. In questo incontro, abbiamo scelto “pepe”. Ad essere onesti? Non l’ha mai detto. Semaforo verde per andare avanti con le nostre fantasie.

Ci siamo spogliati, avevamo fretta di recuperare il tempo perduto. Le ho strappato le mutande con la forza, ho messo Cris sulle mie ginocchia e ho iniziato a sculacciare il culo bianco di questa bella bionda. Le aprivo le natiche con le mani ed ecco l’oggetto del mio desiderio, rasato, pulito, profumato. Ho tirato fuori la lingua come nei film, è stata la prima fantasia che ho avuto fuori dal matrimonio. Christina gemette come una cagna in calore e strofinò il suo culo carnoso sulla mia faccia impassibile. L’ho amato!

Altre storie erotiche  Quando le fantasie accadono - II

Senza battere ciglio, presto stava succhiando il mio cazzo palpitante. Lo scambio di sguardi con il mio pene tra le sue labbra carnose è stato incredibile. Ho sperimentato il mio primo deepthroat e il mio culo a vanga era lubrificato, pronto per la scoperta di ciò che sarebbe successo.

Si è messa a quattro zampe sul letto e io mi sono alzato e ho premuto il mio cazzo duro come una roccia nelle pieghe di quel culo rosa. So che questa posizione non è per donne principianti, ma sembrava che Cris stesse insegnando sesso anale. Ha mostrato il suo sfintere come un invito alla penetrazione e io stavo per venirmi nel culo per la prima volta. Ho scoperto in seguito che Cris si era preparata per le sessioni anali usando dilatatori anali e lavande vaginali. Voglio dire, ero un fottuto professionista!

Andò a spingere e il suo culo si aprì come un fiore per il mio invasore, ancora vergine con culetti. La pressione positiva del retto sul glande fu una scoperta di intenso piacere. Quando una donna sa come arricciare il sedere, hai un dono di cui dovresti prenderti cura perché è semplicemente magnifico, un piacere indescrivibile che ogni uomo dovrebbe provare. Non a tutte le donne piace avere un cazzo nel culo, ma esistono e Cris era sicuramente una di queste.

Ricordo la sensazione di penetrazione iniziale nello sfintere esterno. La cosa più difficile è superare lo sfintere interno, e la donna a cui piace farsi inculare di solito si rilassa quel tanto che basta per ricevere il regalo senza dolore. Per questo saper leccare il culo è importante e il segreto più grande è avere pazienza oltre alla volontà della coppia. Lo lascio a Cris, la ninfetta perfetta!

Non so quante coppie questa figa avesse già liberato le sue pieghe, so solo che in quel momento era mia, solo mia e la userei tantissimo per soddisfare la mia voglia di culo. L’ho “schivato” dolcemente, le mie palle hanno colpito la fica e il mio cazzo è scivolato dolcemente nell’asta. Toccare il culo caldo con tutto il cazzo sepolto nel culo è una delle sensazioni più incredibili. Non bastava mettere la testolina, bisognava “scioglierla” fino al midollo, doveva esserci tutto.

Altre storie erotiche  Mio cognato mi ha mangiato il culo

Le tenni i capelli stretti e gemetti come mai prima d’ora, fottendo quel culo bianco e liscio come uno stupratore che attacca la sua vittima. Cris ha risposto a ogni spinta ed è diventata più dura che mai nella sua vita, orgasmi multipli come ha poi confessato. Era semplicemente avvincente e sono diventato “l’amico fedele” di questa segretaria per un giorno.

Penso che l’afrodisiaco per entrambi sia stata la sensazione di fare qualcosa di sbagliato, qualcosa di proibito e scoprirci come amanti occasionali. Avevamo il nostro partner principale, ma la chimica tra di noi per il sesso diretto era sorprendente, avvincente, delirante, straordinaria, indescrivibile. Il nostro fidanzamento è stato solo per divertimento. Fanculo bene e torna alla vita di routine di tutti. Aveva un cazzo amichevole e io avevo un partner che amava dare il culo (ne serviva di più?).

Era come una luna di miele. Ho perso il conto di quante volte sono venuto nel culo a Cris al primo appuntamento. Erano schizzi di sperma caldo quando ho toccato il clitoride del culo della bionda e sono venuti intensamente in sincronia. E come amava ricevere sperma nel culo a scatti. Senza imbarazzo o pregiudizio, facciamo l’amore in tutte le posizioni possibili. Le ho anche penetrato la vagina con un vibratore e le ho fatto la prima doppia penetrazione della sua vita. Un poeta da bar direbbe: “Pau nel culo e un altro nella figa, combinazione perfetta!”

La nostra intimità oggi è incredibile, ma abbiamo un rapporto sociale molto discreto ed è diventato il mio segreto più piacevole. E tu? Hai mai avuto un amante o una relazione extraconiugale? Raccontaci come è andata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *