Signora o puttana? Parte 2

di | 8 de Dicembre, 2022

Sono Severus, continuiamo qui la storia di Giovana. Vi anticipo già che l’ultima parte sarà lunga.

LA MATTINA – L’INVITO

Come ho detto, mio ​​marito era in viaggio mercoledì mattina per lavoro e non sarebbe tornato fino a venerdì sera, quindi avrebbe avuto tempo per cenare con il signor Mario.

Ho lasciato il lavoro al circolo e prima di andare in ospedale sono passato dalla libreria del signor Mario. Era un po’ nuvoloso e cadeva una pioggerellina fredda, quindi indossavo una camicetta rossa sopra la mia uniforme bianca.

– Salve signor Mario, come sta? – Sono entrato parlando perché non c’era nessun altro nel posto.

Con il suo solito sorriso, Mario mi salutò felice – Salve signora Giovana, un po’ strano oggi, vero? Perfetto per sdraiarsi a letto guardando la TV e mangiando popcorn – finito.

“Certo che lo so”, risposi. Altro sulla riflessione che ho completato – Stare a letto sì, ma non mangiare popcorn, tutto qui.

– Sono passata velocemente per confermare la nostra cena di domani, ok? – chiesi sorridendo.

“Certo, non vedo l’ora di parlare di nuovo, signora… Oops,” disse, ricordandosi finalmente che le avevo chiesto di non chiamarmi più signora. – Mi dispiace che tu sia una persona molto simpatica – finì.

– Grazie, è molto gentile da parte tua – dissi già correggendomi, perché ero in ritardo per l’altro mio servizio – Possiamo cenare al ristorante di Luca, quello di cui mi hai parlato l’altro giorno?

Sorridendo, ha detto – Probabilmente molto più di un isolato dal mio appartamento – ha detto, alzando le spalle come a dire “che fortuna”.

– Chiuso. Ci vediamo domani, diciamo alle 20:00? – dissi già mentre mi avviavo verso l’uscita.

«Certo», disse, «posso dirti una cosa?

Ho smesso di girarmi sorridendo – Sì.

– Signore… Voglio dire, sta bene in rosso.

– Ho annuito in segno di gratitudine e ho iniziato a chiedermi se avesse della lingerie rossa.

Non aveva più il tempo di comprarne uno di pizzo molto sexy.

Giovedì sera ho lasciato mio figlio da mia mamma e sono tornata a casa per vestirmi, ben truccata, niente di esagerato, un vestito scuro, con lingerie rossa sotto, tacchi, unghie curate, rosse ovviamente.

IL LUPO CATTIVO E LA PICCOLA CAPPELLA

Presi la macchina e andai incontro a Mario, sicuro che avrebbe fatto quello che volevo.

Quando sono arrivato erano le 20:20 e il signor Mario mi stava già aspettando. Il suo sorriso si allargò e i suoi occhi si illuminarono quando mi vide arrivare. Saltiamo tutto il blah-blah-blah e andiamo dritti al punto.

Avevamo già cenato e fatto il dolce, e da parte sua non c’era niente di più audace che complimentarsi con me per la mia bellezza. Questo è stato un po’ deludente per me perché non sapevo come unirmi alla conversazione o lasciare un suggerimento.

Fu allora che disse guardando l’orologio – Caspita Giovana, sono già le 22:15, e sto parlando di storie del passato qui e probabilmente vorrai andartene e ti fermo con delle sciocchezze – disse veramente preoccupato

Lo guardai, vedendolo come una piccola occasione per divertirmi, perché i sorrisi e gli sguardi non funzionavano.

– Immagina Mario, sono tranquillo, forse devi andare, non lo so, non voglio tenerlo neanche io. E le tue storie sono molto interessanti – disse sorridendo.

– Cose da vecchio solo – Diceva sempre di essere celibe, vedovo, senza figli, ma non sapeva nemmeno la sua età. Penso intorno ai cinquantadue.

“Niente, sei grande” disse sorridendo.

Mi ha guardato e poi ha detto – Ti ho detto la mia età?

– Non ho detto di no, ma scommetto che hai cinquant’anni.

Lei ride, scuotendo la testa – Sei proprio una donna molto colta Giovana, ho 61 anni – Mi è quasi caduta la mascella, perché non pensavo avesse tutto questo, non sembrava per niente.

– Mio Dio Mario, sei fantastico, non ci posso credere… – dissi seriamente impressionato. E più interessato. Gli uomini più anziani hanno sempre attirato la mia attenzione come ho detto prima.

Lui ringraziò e disse di nuovo – Altro questo pomeriggio e non voglio che tu crei complicazioni a casa…

lo interruppi alzando la mano – Non creerai problemi a casa. Mio marito è in trasferta, ancora uno – volevo sottolineare questa parte – Mio figlio è con mia madre, quindi Giovana ho tempo, quanto al signor Mario, non posso dire niente – dice ridendo.

Sorrise di nuovo in quel modo sincero, come sempre – Allora, hai tempo per questo vecchio qui?

Ho teso la mia mano e ho tenuto la sua sul tavolo dicendo – Prima di tutto tu non sei vecchio e io sono libero oggi per… Qualunque cosa… E vieni – parlai molto lentamente guardandolo negli occhi.

Non ha tolto la mano da sotto la mia, ma l’ha girata e ha preso la mia. In quel momento il suo sguardo si fece più serio e penetrante e la sua voce più rilassata – Giovana, scusa le mie parole, ma tu sei una donna affascinante, bella, attraente, in un’età in cui le donne sono irresistibili per la loro vivacità. Quindi non scherzare con quel vecchio… – le sue parole si spensero, continuò a guardarmi senza lasciare la mia mano, lasciando una continuità che sapeva non sarebbe arrivata. Toccava a me dirlo.

– Questo vecchio cosa? Lupo? Perché è quello che vedo, un lupo travestito da agnello – ho visto però i suoi occhi spalancarsi, ho continuato – Ma non prenderla come un’offesa, per favore, ma come un complimento – Ho chiuso. Non ha detto niente, mi ha solo guardato incuriosito.

Allora ho staccato la mano dalla sua e ho passato il dito nel suo palmo accarezzandolo – Conosci Mario? Ho detto che oggi sono qui per tutto ciò che va e viene. Tu sei un lupo esperto, e io non sono un agnellino indifeso se è quello che pensi – dissi guardandolo serio.

Ritirò la mano, spaventato, forse aspettandosi un rimprovero – Giovana io… io no…

– Rilassati – dissi – Fammi cambiare la frase da sono qui per qualunque cosa accada, a sono qui per qualunque cosa accada, va meglio?

La reazione di Mario fu di guardarmi attentamente prima di parlare – Mi stai prendendo in giro, vero?

Con un dito, ho tirato fuori la spallina del mio vestito, rivelando la spallina rossa del mio reggiseno – Hai detto che stavo bene in rosso, ricordi?

Come immaginavo, è apparso l’aspetto di un lupo, da un uomo con un bagaglio nella vita – Quindi immagino che dovrò recitare la parte del lupo cattivo in questa storia per questo bellissimo… Cappuccetto Rosso – disse con un sorriso malizioso sul volto, sulle labbra.

Ad esempio, un’altra donna che esce da me, altrimenti non si comporterebbe mai così ha detto – Se non hai la nonna, penso che il lupo laggiù dovrà mangiare la nipotina – e ha riso più forte di quanto dovrebbe.

Abbiamo pagato il conto e ci siamo diretti all’appartamento di Mario, che non era molto lontano.

Quando sono entrato in ascensore, Mario mi ha urtato leggermente il sedere, cogliendomi di sorpresa, ma ho riso – Ops, il lupo sta mostrando gli artigli?

Appena entrati nel suo appartamento, piccolo rispetto al mio, ma molto curato, mi ha detto – Mettiti comoda ragazza, ti porto qualcosa da bere.

– Mario, se non ti dispiace, ho già bevuto due bicchieri di vino, preferirei non bere altro – gli dissi voltando le spalle e mettendo la borsa sotto una poltrona davanti a me.

Prima che potessi girarmi di nuovo, mi abbracciò da dietro, avvolgendo una delle sue braccia attorno alla mia vita, che io avvolsi attorno alla mia.

Con la mano libera, mi scostò i capelli e iniziò a baciarmi dolcemente il collo, facendomi rabbrividire.

– Oltre ad essere bellissima, sei molto profumata, questo profumo mi emoziona ancora di più – mi sussurrò all’orecchio.

Sentendo ciò, ho spinto indietro il sedere, mettendo più pressione tra noi due e sentendo il volume sotto i miei pantaloni, era davvero eccitato.

La mano che non mi teneva la vita era appoggiata sulla mia coscia e l’ho fatta scivolare fino a raggiungere il mio petto che mi ha fatto dire – non sono una donna con i seni grandi – ho riso quando l’ho detto.

Altre storie erotiche  racconto erotico bdsm - Per E

“Non ti rende meno bello o desiderabile,” mi disse all’orecchio mentre lo abbracciavo.

Mi girai, avvolgendogli le braccia intorno al collo e cercando nella sua bocca un bacio lungo e umido. E come ha baciato bene quest’uomo, questo lupo affamato.

Le sue mani corsero lungo tutta la mia schiena, finché una scese sul mio sedere e mi strinse dolcemente. Io, da parte mia, continuai con le braccia al suo collo, con una mano che le accarezzava la nuca e le costringevo, nello stesso tempo, la testa verso di me.

Quand il a cessé de m’embrasser, mais sans s’éloigner, il a dit – Je n’arrive pas à croire que j’ai une si belle femme dans mes bras, ça faisait longtemps que je n’avais pas eu une femme come te.

Le sue parole mi fecero un po’ serio e mi chiese – E con che tipo di donna sei stato?

– L’ultima è stata una storia d’amore di tre mesi che ho avuto ed è finita quasi cinque mesi fa, da allora non ne ho più avuta un’altra donna – disse anche lui guardandomi serio.

– Ma lei non era come te, non così bella e attraente – disse e riprese a baciarmi.

Le sue parole mi confortarono e mi eccitarono di più, facendomi baciare con più voluttà e piacere.

Mario poi mi ha afferrato il sedere con entrambe le mani e mi ha tirato ancora più vicino a sé. Per poi sollevare il mio vestito e passarci sotto una mano, toccando la mia pelle e il pizzo delle mie mutandine.

Rabbrividii al suo tocco e smisi di baciarlo. Guardandola negli occhi, sorrisi e mi morsi il labbro inferiore.

Gli voltai le spalle, a pochi centimetri da lui. Gettai i capelli di lato, girai lentamente la testa e guardai sopra la mia spalla sinistra.

Comme l’a dit Mario, c’était un homme d’expérience, je n’ai rien eu à dire pour qu’il pose sa main sur mon épaule et de l’autre tire la fermeture éclair de ma robe jusqu’à la taglia.

Sorridendo, mi voltai verso di lui, feci due passi indietro con la schiena ei polpastrelli di entrambe le mani e nello stesso tempo slegai dalle spalle le spalline del vestito, facendolo scivolare fino ai piedi. .

– Wow meraviglioso – furono le sue parole quando mi vide solo con un reggiseno di pizzo trasparente e mutandine rosse.

– Sono Cappuccetto Rosso, lupo, ma senza cappello – cammino verso di te per riabbracciarti il ​​collo per un altro lungo bacio.

Mentre la baciavo, ho iniziato a sbottonarle la camicia ea tirarla fuori dai pantaloni. Aperto, ha rivelato una cassa piena di capelli. Già molti bianchi e una pancia sottile. Gli strinsi il petto con entrambe le mani, sentendo quella profusione di capelli lunghi e morbidi.

Guardandolo negli occhi mentre sentivo le sue mani scorrere lungo la mia schiena, dissi – Dov’è la tana di quel feroce lupo?

Sorridente e con gli occhi maliziosi, mi prese per mano e mi condusse nella sua stanza, che era in fondo a un piccolo corridoio. Aprii la porta, accesi la luce – È la tana del lupo, la mia dolce e bella ragazza – Avevo iniziato a giocare, mi piaceva molto.

L’ho fatto sedere sul bordo ai piedi del letto e gli sono salito sopra, sedendomi sulle sue ginocchia. In questa posizione ero più alto di lui, quindi gli ho alzato il mento e gli ho dato un lungo bacio.

Una delle sue mani mi teneva per il sedere, ma quella libera scendeva lungo la mia schiena fino alla trave del reggiseno, aprendolo magistralmente.

Lo lascio scivolare dalle spalle esponendo i miei seni a lui, che li guarda leccandosi le labbra – Forse non sono grandi, ma sono belli – e vado avanti, mordendone uno e succhiandolo con gusto, ma senza violenza . .

Le strinsi la testa, premendola contro di me, godendomi quella bocca, che cominciò a muoversi da una parte all’altra per un po’.

Le tenni la testa con entrambe le mani e la allontanai dai miei capezzoli già induriti. Scesi in piedi davanti a lui.

Gli ho tolto la camicia, gli ho messo una mano sul petto e l’ho spinto delicatamente indietro, costringendolo a sdraiarsi sul letto, ma le sue gambe erano rimaste fuori.

Gli slacciai la cintura e gli sbottonai i pantaloni. Con il suo aiuto, l’ho fatta alzare in piedi. Gli ho tolto le scarpe e le calze in modo da potergli togliere completamente i pantaloni.

L’ho lanciata su una piccola sedia nell’angolo della stanza, mi sono voltata e mi sono chinata, appoggiandomi al suo grembo.

È stato allora che ho visto il rigonfiamento sotto le mutande. Era grosso quello che c’era sotto il panno inzuppato di bava.

Senza perdere tempo, tutte le donne sono curiose, gli ho tirato le mutande, che hanno scoperto un lungo membro, simile per circonferenza a quello di mio marito. Ma era grande, non dirò quanti centimetri fosse perché non l’ho misurato, ma era il bagel più grande che abbia mai visto dal vivo.

Tuttavia, la sorpresa è passata rapidamente e sono tornato in gioco.

– Wow, perché quel cazzo è così grosso, lupo cattivo? – Non riuscivo a smettere di parlare.

Mario dice ridendo – È meglio che mangi cappellino – dice malizioso.

Ho appena sorriso, perché volevo provare questo manico.

Con una mano ancora appoggiata sul suo ginocchio, ho tenuto questo sesso leggermente piegato verso l’alto. Assomigliava vagamente a una “virgola”, e dapprima l’ho strizzata dolcemente, poi ho cominciato a massaggiarla con un leggero strattone, che, sempre di più, la bava scorreva lungo la piccola bocca di questa testa tremante.

Ammetto di essere stato ipnotizzato da questa mazza, mi sono chinato piegando le piume fino a inginocchiarmi tra le gambe di Mario, senza smettere di masturbarlo.

In ginocchio ho tenuto questo membro molto forte con entrambe le mani per un uomo sopra i 60 anni, mostrando solo la testa vigorosa, l’ho fatto per avere un’idea delle dimensioni di questo cazzo.

Non ho resistito quando la bava che scorreva dalla boccuccia pulsante della rossa mi è scivolata tra le dita. Me li sono messi in bocca e li ho leccati guardando Mario che si era coperto la testa con un cuscino.

Mi sono rivolto al sesso nelle mie mani, già aprendo la bocca, tirando fuori la lingua. Prima usando solo la punta della lingua sull’estremità più piccola della testina vibrante, poi inizia a leccare tutto delicatamente, poi lungo tutta la mia asta chiedendosi se si adatterebbe tutto dentro di me. Quando sono arrivato al sacco ho leccato e succhiato le palle non ci ho pensato volevo solo succhiare quella cosa dura finché non è entrata nella mia bocca volevo dare tutto il piacere possibile a quest’uomo gentile e seducente allo stesso tempo .

Tornai a leccare e baciare tutto il cazzo di Mario fino alla testa, che mordevo voracemente, ma mi trattenevo, cominciai a succhiarlo affettuosamente. Senti la morbidezza della testa tra la lingua e il palato.

Come ho detto, era un po’ sbilenco, non troppo, ma quel tanto che bastava per fare pressione sul palato.

Tra gemiti di piacere Mario parlò – Wow, che bocca calda e dolce – un gemito e continuò – Che delizioso lo succhi.

Quasi senza togliermi il cazzo dalla bocca, ho detto – mi piace… mi piace succhiare – e ho ricominciato a succhiare con piacere.

Ho succhiato con piacere sentendo che questo membro mi riempiva la bocca. Non ho nemmeno pensato di indossarlo perché non si adatterebbe affatto e la gola profonda non è qualcosa che mi piace.

Ma aveva almeno la testa e una parte tra le labbra, che sentiva la vibrazione delle vene che spuntavano da quel delizioso membro. L’ho trattenuto, perché fino ad allora avevo usato solo la bocca, mentre le mie mani erano posate sulle cosce di Mario.

A volte se lo toglieva dalla bocca per leccarlo e baciarlo, dicendo cose che gli facevano venire voglia – Che cazzo delizioso – oppure – Ti piace? Sto succhiando per i tuoi gusti?

Mario gemette e parlò – Wow, che bocca ricca, che golosa sei, che bel seno.

Ho cominciato a masturbarlo dolcemente con una mano mentre succhiavo, l’altra accarezzandogli la gamba, a volte la pancia.

– Giovana, non lo sopporto, me la godo così – disse a un certo punto, ma come era mia intenzione non mi fermai, anzi accelerai di più i movimenti e dissi – Divertiti per me, divertiti?

Altre storie erotiche  Alla scoperta del sadomasochismo - Storie erotiche

Mario presto sussultò, sentii il suo membro gonfiarsi, le vene vibrare, finché arrivò lo sperma, non a fiotti, ma in quantità. Ho sentito lo sperma riempirmi la bocca a piccoli sorsi, che ho deglutito velocemente.

Quando ho capito che non sarebbe venuto altro, ho succhiato e leccato tutto il cazzo, facendolo il più pulito possibile. Mi alzai, lasciando che il pene di Mario si ammorbidisse, si spezzasse come il suo proprietario.

Giaceva con le braccia tese, ansimante, totalmente insensibile, come mi avrebbe detto in seguito. Ho sorriso vedendo questa scena, finirò il lupo cattivo. Per un breve momento pensai che forse il lupo non sarebbe risorto, dopotutto non era più un bambino.

IL LUPO NON MORIRÀ

Mario dopo qualche minuto tirò le piume dal letto, ma continuò a sdraiarsi sulla schiena completamente liberato.

Mi sono sdraiato accanto a lui e, appoggiando la testa su una mano, ho detto: penso di aver esagerato un po’, vero? Avrei dovuto fermarmi quando mi hai detto…

Allungò una mano e mise la punta dell’indice sulle mie labbra e mi disse di stare zitto.

– Non sono più un ragazzone, e non ho la vitalità di uno, per quanto mi prenda cura di me stesso – disse quasi sul serio.

Mi è passato per la mente il pensiero che saremmo finiti lì, a questo punto della nostra notte. Ma credimi, in seguito avrei scoperto che mi sbagliavo di grosso, fortunatamente di grosso torto.

– Dammi solo un po’ di tempo, questo vecchio lupo si riprenderà, credimi, non ti deluderò – disse sorridendo.

“Sicuramente no” dissi chinandomi e baciandola leggermente sulle labbra.

Così mi sono alzato e ho detto che penso che avrò quel bicchiere di vino ora, volevo togliermi il sapore amaro dalla bocca.

Entrò in una stanza con aria condizionata e tirò fuori una bottiglia di vino, l’aprì e tirò fuori due bicchieri, che riempì e disse: A te, bella signora.

Ho alzato un brindisi, ma prima di portare il bicchiere alla bocca ho detto: Sig.ra? Sono sposato e sono a letto con un altro uomo che conosco… – Ho pensato un attimo – Un anno o un anno e mezzo fa? Possibile che invece che una donna pensi che io sia una puttana?

Mi guardò perplesso, come se non sapesse cosa dire. Ma ho rotto quel piccolo spazio nel nostro brindisi mentre parlavamo: signora o puttana? Che differenza fa a letto, giusto? – Quindi ho bevuto quasi l’intera tazza in un sorso.

Stavamo lì a parlare, più lui parlava della sua vita. Era addirittura una scena divertente, lui era completamente nudo e io ero ancora in mutande a parlare con i bicchieri di vino in mano come se fossimo in un bar.

Credo fosse passata quasi un’ora, quando poi, nel bel mezzo dei miei discorsi sulla quotidianità, mi si è avvicinato e mi ha dato un lungo bacio.

Quando mi ha rilasciato, ho alzato lo sguardo e ho visto il suo membro mezzo eretto, ho allungato la mano tenendolo – Guarda, sembra che il mio lupo si stia davvero svegliando – ho stretto delicatamente il suo membro, che ha reagito ancora un po ‘.

– Hmm, penso che abbia bisogno di qualche incentivo in più per riprendersi, magari qualche rianimazione bocca a bocca – e sono scesa sul suo cazzo che era gommoso e me lo sono succhiato in bocca mentre mi masturbavo.

Dopo un minuto o due ero di nuovo in piedi, non come la prima volta, ma abbastanza forte da mangiarmi.

In quel momento smisi di succhiarlo e salii, baciandogli la pancia, il petto. Le ho morso i piccoli broncio, le ho baciato il collo e infine la bocca.

Con calma mi ha fatto sdraiare sul letto, facendo lo stesso in senso contrario, mi ha baciato la bocca, il collo, il seno, la pancia. Mi ha baciato l’inguine, poi ha allentato il laccio laterale delle mie mutandine su entrambi i lati e l’ha tolto.

La mia figa era gonfia e bagnata dal desiderio. Mario ci passò sopra il dito e se lo mise in bocca – mi piace molto – disse e si sdraiò sul letto, mettendo la testa tra le mie cosce e la sua bocca mentre un delizioso bacio avvolgeva la mia vagina, facendomi sospirare. Questa bocca non solo sapeva baciare bene, ma sapeva anche succhiare meravigliosamente.

All’inizio puzzava come se qualcuno stesse baciando una bocca morbida e piena, un bacio con la lingua dura. Perché sentivo le sue labbra succhiarmi mentre la sua lingua mi penetrava.

Dopo un po’, ha messo le mie piume sulle sue spalle e ha sollevato un po’ il suo corpo, mettendo le mani sotto le mie natiche, tenendomi a pochi centimetri dal letto.

Mario ha iniziato a leccarmi il culo, una sensazione deliziosa. Dopodiché mi leccò dal sedere fino al clitoride fino a fermarsi lì, con la punta della sua lingua indurita lo girò facendomi gemere forte e afferrando il lenzuolo, con una mano dall’altra mi presi la bocca mordendomi l’indice. per evitare di urlare di piacere.

Sapevo che voleva che venissi così, ma volevo sentirlo dentro di me.

– Dai Mario, fottimi, mangiami… – Disse tra i gemiti – Dai… lupo cattivo mio… vieni a mangiarti il ​​cappellino – Non so come sono riuscito a mantenere questo clima di fantasia , ma mi ha reso più eccitato.

Poi si tolse le mie piume dalle spalle e si alzò. Il suo pizzetto brillava per quanto era bagnato.

– Il tuo desiderio… – disse, allargandomi di più le gambe – È anche il mio – infilando la testa del suo cazzo nell’ingresso dilatato e umido della mia figa.

Sentivo il suo pene invadermi lentamente, senza fretta, appoggiato alle sue braccia, mi guardava negli occhi con un lieve sorriso sulle labbra, mentre centimetro dopo centimetro mi invadeva.

Ho sentito il suo cazzo toccare il fondo della mia pancia e ho gemuto con gli occhi chiusi chiedendo – Mettilo dentro, mangiami.

Mario iniziò a pompare dentro di me, più lento, senza fretta, ritmico, controllato, per non essere mai più fottuto da un uomo così. Sentiva il suo lungo cazzo entrare e uscire la maggior parte del tempo.

Poi si sdraiò sopra di me, sollevandosi sui gomiti per evitare che il suo peso mi soffocasse. A mia volta, gli ho stretto la schiena e gli ho avvolto le gambe intorno alla vita, rendendo la penetrazione ancora più facile.

Siamo rimasti così per un po’, ho trattenuto lo sperma e ho visto che non sarebbe durato a lungo, ma volevo di più.

– A quattro zampe, portami a quattro zampe – gli chiesi.

Scese da me e io mi misi a quattro zampe per lui, gambe divaricate, testa sul cuscino guardando oltre la mia spalla: “Dai, lupo, mangia la tua ragazza”.

Potevo vederla guardarmi con occhi affamati, ma non si mosse.

– Cosa è successo? – Quasi fuori posizione.

– Non c’era niente, è solo una bella visuale che ho da qui – disse poi posizionandosi sopra di me, infilando quasi subito il suo cazzo nella mia figa.

Mi ha afferrato per la vita e l’ha spinta in profondità, ho sentito un dolore dentro, perché come ho detto aveva un cazzo lungo.

– Rallenta – ho chiesto – Il tuo cazzo è grosso.

Anche se mi ha obbedito spingendo più lentamente, tenendomi saldamente intorno alla vita.

In questa posizione non ho resistito e ho anche morso il cuscino per non allarmare i vicini, perché volevo urlare a voce altissima.

Rendendosi conto che ero arrivato, Mario si staccò da me, lasciandomi sdraiato a pancia in giù a boccheggiare di piacere.

Con gli occhi ancora chiusi, lo sentii alzarsi dal letto. C’era silenzio, quindi sentivo solo il mio respiro e le macchine che passavano in lontananza sulla strada.

Quando ho aperto gli occhi, Mario era seduto sulla poltrona nell’angolo della stanza, un bicchiere di vino in mano, il cazzo ancora duro.

– Che bevuta mia signora – disse.

– Voglio un po’ d’acqua, ok?

– Certo – disse alzandosi e uscendo dalla stanza, tornando poco dopo con una bottiglietta in mano.

“Ecco, mia bella ragazzina,” disse, sedendosi sul bordo del letto, il suo cazzo ora morbido.

Altre storie erotiche  Storia erotica bdsm - Informazioni su prede e predatori (8)

Ho bevuto profondamente mentre la mia gola era secca anche se era fradicia di sudore.

Quando ho restituito la bottiglia, mi ha detto – Guarda, tutti hanno ragione, quando hai sete basta solo l’acqua. Non c’è prezzo per quest’acqua in questo momento, ho finito.

Sorridendo, scuotendo la testa, Mario prese la bottiglia, la posò su un comodino, si voltò e cominciò a massaggiarmi il sedere.

– Forse, se sei molto grato per l’acqua, c’è un prezzo – e passò le dita attraverso la mia fessura fino al mio culo, che accarezzò dolcemente.

Lo guardai con gli occhi spalancati – Vuoi mangiarmi il culo? Il cattivo laboratorio, chi fotterà il tuo cappellino?

– Ho quell’intenzione però, non farò niente che non voglio – disse ancora, continuando a passarmi il dito sul cazzo che era anche tutto appiccicoso.

Ho pensato solo un secondo prima di rispondere – Possiamo provarci, ma non so se riuscirò a gestire tutto dentro di me – E ho guardato il suo cazzo, che ha reagito alla mia risposta, ricominciando a gonfiarsi, alzarsi senza il mio aiuto fisico.

Poi l’ho sentito forzare il dito dentro e, come ho detto, era tutto appiccicoso, quindi il dito è entrato abbastanza facilmente, ma mi ha fatto gemere.

– Lentamente sì – chiesi, ma già sentivo che la mia erezione stava riprendendo il controllo di me, il che mi fece allargare un po’ le gambe.

Mario si chinò su di me, baciandomi la schiena, ma continuò a fottermi il culo con il dito.

– Huuuumm – gemetti a lungo mentre spingeva il dito più a fondo dentro di me – Penso che avremo bisogno di qualcosa di più del meladinho per farti entrare il cazzo – Ho finito.

– Credo di sì, il tuo cazzo è molto stretto – disse alzandosi e andando al suo armadio.

Si è rivolto a me e mi ha mostrato una crema idratante. Non penso che questo aiuterà?

Si è seduto sul bordo del letto e ha iniziato a strofinare amorevolmente l’idrante sul suo cazzo, poi sul mio culetto, immergendoci di nuovo il dito.

Ho sentito che c’era un po’ più di pressione e mi ha infilato due dita nel sedere mentre mi stirava.

Quando si è fermato, ho capito che ero pronto, almeno avevo paura, più disposto a dare e compiacere quest’uomo. Mi sono messo a quattro zampe quando ha detto.

– Non qui, vieni con me – disse tirandomi verso la sedia. Ho capito subito cosa voleva.

Mi sono inginocchiato sul sedile della sedia, appoggiandomi allo schienale.

Mi sono guardato alle spalle mentre Mario iniziava a sfiorare il suo cazzo all’ingresso del mio culo e diceva: “Calmati, lupo”. Mi ha sorriso e mi ha fatto l’occhiolino.

Nonostante tutta la crema e l’eccitazione, la testa ha dovuto esercitare un po’ di forza per superare le mie pieghe, ho rilasciato lo sfintere al massimo, anche se ho sentito dolore quando finalmente la testa è entrata in me.

Smise di ascoltare i miei gemiti e si fermò per qualche secondo aspettando che il mio cazzo si abituasse al suo, poi iniziò ad inserirlo lentamente.

– Non è tutto tuo… È… Il tuo lupo, non lo sopporto – Gemetti piangendo quasi a testa bassa quando sentii quella verga penetrarmi.

Mario doveva essere a metà strada, il che pensavo fosse un bel po’ di tempo, prima che iniziasse a fottermi il culo come si deve.

Mario non mi stava pompando forte il sedere, quindi presto ho iniziato a sentirmi davvero bene. Come ho detto, l’avevo già regalato a mio marito e al bagnino del club, ma questa volta era davvero delizioso.

– Che culo delizioso – gemette Mario stringendomi il sedere con le mani che mi tenevano ben saldo.

Più largo e più abituato a quel cazzo dentro di me, gemevo e strizzavo anche il mio sedere stringendo il suo cazzo – Il tuo cazzo è delizioso… Mangiami, tornerò – Non ho mentito, mi sembrava di venire per la prima volta senza toccare la mia figa per questo.

Non so quanto tempo siamo rimasti lì in questa posizione, io a quattro zampe sul divano e lui in piedi a baciarmi il culo. Ma ad un certo punto, l’ho sentito aumentare un po’ i suoi movimenti, facendomi sentire quel cazzo dentro e fuori, ispessirsi per qualche istante prima che Mario gemesse un gemito soffocato, seppellendo ancora di più il suo cazzo dentro di me.

Sono arrivato a questo momento mordendo lo schienale della sedia ed emettendo un lungo ululato di piacere.

Rimase dentro di me ancora per un po’, quando sentii il suo cazzo diminuire la pressione sui lati del mio culo, si stava ammorbidendo rapidamente.

Lui si staccò da me e cadde sul letto, mentre io mi alzavo lentamente, riprendendomi da questa scopata che non dimenticherò mai.

Non è uscito quasi nulla da me perché Mario deve aver usato la maggior parte dello sperma nella mia bocca durante il suo primo sperma.

Mi sono scusato con lui e sono andato in bagno per pulirmi, ho finito per farmi una doccia e fare un bagno piuttosto lungo.

Quando sono uscito Mario stava bevendo un altro bicchiere di vino e io ho guardato l’orologio accanto al suo letto, era quasi l’una di notte.

“Mio Dio, è tardi, disse, devo andare.

“Va bene, fammi solo fare una doccia veloce e vengo con te, la tua macchina era vicino al ristorante ed è troppo tardi per prenderla da solo” disse uscendo dalla stanza.

Già nella mia macchina, disse appoggiandosi al mio finestrino – Ci rivedremo?

– Non lo so, ma non dirò di no, perché non si sa mai – finii.

Un mese dopo questo fatto, e come faceva una volta alla settimana, si fermò in libreria a parlare, ed essendo il signore che è, sollevò l’argomento solo quando parlai io.

– Non ci hai mai nominato, perché?

“Perché se non l’hai mai menzionato, ho pensato che l’avresti preferito,” disse.

– Ok, capisco, ma spero sia stato bello? – ho chiesto.

– Non è stato bello, è stato meraviglioso – disse con quel sorriso – Sei una donna bellissima e molto sexy, sotto ogni aspetto.

– Mi sento onorato di venire da un uomo come te – dissi sorridendo anch’io.

– Tutto di te è bollente, ma quella bocca è indimenticabile – dice, e lo attribuisco alla prima sborrata che ha preso. Forse se ci avesse pensato, sarebbe stato lui a trovare il meglio.

Ho sorriso grato e mi sono voltato per andarmene, mi sono fermato, mi sono fermato e ho chiesto – A che ora chiudi, perché devo comprare un libro in regalo, ma non ho più tempo?

– Verso le 18:30 o le 19:00, ma posso aspettarti se è così.

ADDIO

Sono uscito dall’ospedale intorno alle 18:45, sono andato in libreria e Mario stava chiudendo la scatola quando mi ha visto entrare e ha sorriso.

“Pensavo che non saresti più venuto”, disse.

– Figurati, sì, verrei io, ma non voglio occuparti del tuo tempo, stai per chiudere e i clienti possono iniziare a entrare e darti fastidio – gli dico.

Sorrise, si diresse verso la porta a vetri e la chiuse – Ok, mettiti comodo. Avere un titolo in mente.

Mi voltai verso di lui sorridendo e dissi – Sì, lo voglio, si chiama altri modi di usare la bocca.

– Sì – rispose – È proprio lì.

Come ho detto, ogni donna è un serpente e attacca quando ne ho bisogno – No Mario, non voglio il libro, voglio usare la mia bocca sul tuo cazzo.

Ho succhiato quel cazzo per l’ultima volta quel pomeriggio, con lui seduto sulla sua sedia dietro il bancone e io inginocchiata tra le sue gambe.

Non gli ho detto che anch’io stavo uscendo dall’ospedale, che avevo accettato un altro lavoro a tempo pieno.

Ma penso di avergli lasciato perdere quella stronza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *