Sono diventata una modella di sex shop (umiliata)

di | 10 de Dicembre, 2022

Per chi non mi conosce, ho 30 anni e vivo una relazione violenta con la mia ex fidanzata Bianca. Lei infatti non ha mai avuto una ragazza, abbiamo avuto una relazione per qualche settimana e poi ho chiuso la relazione. Dopo la rottura è diventato una persona amareggiata e risentita, non mi ha parlato per un anno. Un giorno ha deciso di vendicarsi di me, sapendo che mi facevo la doccia la mattina presto in una stanza senza ospiti in fondo al corridoio dell’albergo dove abitiamo (lei è un sindacato di albergatori), in una certa occasione, poi mi sorprese e mi fermò la forza sulle scale dell’albergo. Mi ha lasciato lì con indosso solo un costume da bagno attillato da bambino tutto il giorno. Mi ha scattato diverse foto in questa situazione e ha minacciato di pubblicare tutto se non le avessi obbedito (maggiori dettagli nel nuovo “pervertito meritato castigo”). relazione violenta e umiliante, senza diritto a nulla, dovendo sottostare assolutamente a tutti i capricci di Bianca. Ogni giorno devo dormire chiusa nella sua stanza, a volte a letto, a volte sul pavimento, a volte in bagno e anche in piedi. La cosa peggiore è dover lavorare normalmente la mattina successiva dopo aver trascorso notti molto scomode.

Dopo questo breve riassunto della mia situazione, devo dirvi cosa mi è successo. Di tanto in tanto notavo che Bianca era molto sadica e mi sottoponeva a punizioni molto forti. Au moins 4 fois par semaine, elle m’obligeait à passer toute la nuit emprisonnée comme suit : debout, les mains menottées vers le haut, attachée à une chaine qui venait du plafond, me laissant allongée jusqu’à ce que je doive me tenir Sulla punta del piede Per finire, anche i miei piedi erano ammanettati, mi hanno imbavagliato molto stretto per non lamentarmi e, come sempre, si è assicurato che indossassi solo un minuscolo costume da bagno per bambini molto attillato con un sottile e molto goffo lato. . Per almeno 3 mesi ho dovuto passare diverse notti in questa posizione infernale. Se mi lamentavo, ricevevo un bello schiaffo in faccia o un vigliacco pugno sui testicoli. Dover lavorare il giorno dopo dopo aver passato la notte in quel modo era impossibile. Sono arrivata al lavoro letteralmente esausta, arrivavo in ritardo tutti i giorni, non guadagnavo niente e dormivo durante le ore d’ufficio. Non c’era modo che finisse per essere licenziato.

Il giorno dopo il mio licenziamento mi sono alzata presto, Bianca mi ha lasciato andare, ho fatto una lunga doccia, mi sono messa un costume da bagno piccolissimo e attillato come sempre e non sono andata a lavorare. Bianca era ancora nella sua stanza a prepararsi per andare al lavoro, così ne approfittai per raccontarle cosa era successo. Ha notato la mia espressione indignata quando ho detto che ero stato licenziato per giusta causa e che dopo tutto era colpa sua. Ho sentito tutto e non ho detto niente, ho solo afferrato le manette e mi sono chiuso in quella posizione infernale in cui mi aveva rinchiuso quasi tutti i giorni della settimana. Dopo avermi legato mani e piedi, stiracchiandomi e imbavagliandomi, decise di rompere il silenzio:

-Dal momento che non hai intenzione di lavorare, rimarrai bloccato qui nella mia stanza tutto il giorno, molto tranquillo. Come se non bastasse essere lo zerbino di una donna, ora devi anche essere sostenuto da una donna hahahahaha.

Nonostante fossi legato e imbavagliato, ho fatto una faccia arrabbiata. Questo figlio di puttana! È per colpa sua che ho perso il lavoro e ancora mi prende in giro chiamandomi donna zerbino. Notando la mia faccia disgustata, disse:

-Cosa, hai ferito il tuo orgoglio? Sei arrabbiato perché ti ho chiamato lo zerbino di una donna? Cosa hai intenzione di fare, macho? Ti senti umiliato perché ora sono l’unico che guadagna soldi e ha un lavoro, e tu no? Guardami, bella e meravigliosa, andare a lavorare con un vestitino comodo mentre tu passerai tutto il giorno ammanettata e imbavagliata in questa stanza, vestita solo con questo costume da bagno attillato e scomodo, senza diritto a niente. Sono l’unico che può tirarti fuori da tutto questo ma non lo farò, ora ho voglia di punirti tutto il giorno solo per dimostrare che qui regna il “sesso debole”.

Questa puttana mi ha davvero fatto incazzare, ho cercato di insultarla ma la mia voce è stata soffocata dal bavaglio. Rendendosi conto che sono ancora più arrabbiato, va in bagno e prende un perizoma sporco che indossava la sera prima e me lo mette in faccia, la parte inferiore si trova proprio sopra il mio naso, quindi devo sentire la parte inferiore. biancheria intima:

Altre storie erotiche  Storia erotica pura - Scopata alla parata dei campioni

-Per dimostrare che sei davvero uno zerbino da donna, ti lascio tutto il giorno ad annusare le mie mutandine sporche di ieri, ecco cosa meriti di essere uno scroto maschile. Non cercare di togliertelo dalla faccia o te lo farò ingoiare intero. Ora stai lì con molta calma mentre vado a lavorare, ora sono io che ti sostengo. Addio bastardo macho, non ti preoccupare quella sera non avrai più mutandine sporche da annusare ahahahah.

Detto questo, mi prende vigliaccamente a calci nelle palle e se ne va sorridente e raggiante, lasciandomi in questa stanza in trappola come un cane.

Alla fine della giornata, tornando a casa dal lavoro, Bianca mi dice che ha una piccola sorpresa per me. Mostrami una borsa con un kit per la depilazione:

-Visto che sei in piedi e bloccato lì, con questo bavaglio così stretto, oggi ho deciso di giocare un po’ con te. Ti farò soffrire molto e ridere molto della tua disperazione. E non ha senso urlare o piangere o implorare che non avrò pietà. Ora sentirai sulla tua pelle ciò che le donne devono affrontare ogni mese per mantenere la nostra bellezza. Con calma, inizierò con la gamba. Ma prima sentirai l’odore delle mutandine sporche che ho indossato tutto il giorno.

Detto questo si toglie il perizoma rosso che indossava, inzuppato di sperma e sudore, e me lo mette proprio in faccia con la parte inferiore rivolta verso le mie narici. Merda, il sadismo di questa donna non conosce limiti. Comincio a lottare, provo a urlare e litigare, ma escono solo gemiti ed è impossibile lasciarsi andare. Comincia a radermi senza pietà emettendo diverse risatine di soddisfazione per la mia sofferenza. Ha cerato tutto il mio corpo con cera calda, comprese gambe, glutei, zona bikini, addome, petto e ascelle. Mi ha lasciato liscio al 100%. Di fronte a me, ammirando il suo servizio, dice:

– Wow, è stato bello eh. Sembra una bottiglietta, tutta liscia. Ti è piaciuto sentire quanto spendo ogni mese per radermi? D’ora in poi sarà così, ti terrò ben rasato, in modo che tu sia più presentabile. Può essere redditizio, sai?

Non ho capito cosa volesse dire. Ma dopo il dolore mi ha rilasciato, fammi mangiare qualcosa, farmi una doccia e dormire. Sorprendentemente, ho dormito in un letto. La mattina dopo, mi sveglio con buone notizie dalla stessa Bianca:

-Vai a farti una doccia e poi mettiti il ​​costume da bagno più piccolo e attillato, ti ho trovato un lavoro.

Il fatto di poter uscire da questa stanza e trovare un lavoro mi rendeva felice. Ho fatto come mi aveva detto e ho indossato il mio vestito migliore come se stessi andando a un colloquio di lavoro. Siamo usciti insieme ea metà di “Non so dove” siamo entrati nel sexy shop che apparentemente era chiuso, in fondo era ancora presto e le vetrine erano coperte. Ovviamente Bianca si è fermata lì per comprare qualcosa per torturarmi, ma poi ascolto la sua conversazione con la commessa:

– Ciao amico, è il disoccupato di cui ti ho parlato, va matto per il lavoro. Sono venuto per lasciarlo qui, puoi usarlo quando vuoi, vengo qui stasera a ritirarlo.

Non capisco la parte “usalo quando vuoi”. Ho guardato Bianca allontanarsi dal negozio, cercando di non ridere mentre mi lasciava lì perché la sua amica la portasse al lavoro. Improvvisamente, l’assistente mi si avvicina per presentarsi:

-Mi chiamo Juliana, sono la migliore amica di Bianca. Sei venuta con un costume da bagno attillato?

Cosa vuoi dire che Bianca ha detto a qualcun altro il mio segreto?! Gli ho subito chiesto cosa sapeva di me. Poi sono sorpreso da un forte schiaffo in faccia:

-Senti stronzo, lo so che non sei solo uno scroto perverso e sessista. Bianca mi ha dato carta bianca per fare quello che voglio con te, penso sia meglio che tu mi obbedisca o ti rovinerà la vita. Ora togliti quei fottuti vestiti, voglio vederti solo in mutande.

Era esattamente ciò di cui avevo bisogno, dover obbedire a una donna che non avevo mai visto in vita mia. Cosa intendeva con il volermi vedere mezzo nudo? Senza fare troppe domande, ho fatto quello che ha detto:

Altre storie erotiche  Una notte di sesso casuale

-Wow, ottimo lavoro amico, depilazione perfetta. Fa male ? Hahahaha non ho bisogno di rispondere, so che gli uomini sono deboli quando si tratta di dolore. Oggi inizi a lavorare qui e non avrai bisogno di questi vestiti.

Raccoglie i miei vestiti dal pavimento e li mette in un armadio. Ancora senza capire niente, mi trovo in mezzo al negozio senza sapere cosa fare e terrorizzato all’idea che si presenti un cliente. Poi appare Juliana con passamontagna, bavaglio e manette:

-Indossa questo passamontagna prima di entrare in un cliente. Vieni qui che ti faccio vedere cosa farai, è un servizio abbastanza monotono e faticoso, ma Bianca mi ha aiutato. assicurati di essere ben qualificato.

Mentre indosso il cappuccio, mi imbavaglia e mi ammanetta mani e piedi. Anche se è un passamontagna nero che mi nasconde completamente il viso, riesco a vedere tutto chiaramente attraverso di esso. Juliana mi accompagna alla vetrina del negozio che era ancora coperta, in fondo non era il momento di aprire il sexy shop. Immagino che mi stia mandando a fare un lavoro di pulizia lì. Improvvisamente, afferra con la forza le mie mani ammanettate e le conduce a una catena che esce dal tetto della finestra, attaccando le manette alla catena con un lucchetto. Ho iniziato a spaventarmi molto, ancora non capivo la sua intenzione. Poi Juliana si allontana da me e in fondo alla tenda tira una leva che solleva al limite la catena attaccata alle mie manette facendo alzare le mie braccia sopra la testa finché non sono sdraiata sulla punta dei piedi. Conoscevo bene questa posizione, l’ho tenuta così negli ultimi mesi. Sto cercando di capire cosa sta succedendo, ma continuo a non capire. Alla fine, Juliana mi si avvicina da dietro e mi sussurra all’orecchio quello che aveva pianificato:

– Ti piacciono gli slip piccoli e attillati? Bene, passerai tutto il giorno ad indossarlo solo in pubblico. Vale a dire, passerà tutto il giorno legato, stirato e rasato nella vetrina del mio negozio per attirare la curiosità dei clienti. Il suo nuovo lavoro è una modella in un sexy shop. Il suo orario di apertura è dalle 9:00 alle 18:00, senza pranzo e senza servizi igienici. Infatti non hai diritto a niente, hai solo il diritto di indossare questo minuscolo costume da bagno in pubblico ed essere lo zimbello di tutti i clienti che passano davanti al negozio o che vogliono semplicemente guardare in vetrina. . So che puoi vedere attraverso quel cappuccio, quindi puoi vedere tutti là fuori per strada mentre passi la giornata soffrendo in quella posizione scomoda. Non preoccuparti, sarai il benvenuto. Peccato che tutto lo stipendio finisca nelle tasche di Bianca e tu non puoi goderti niente, visto che è lei che ti possiede. Quindi divertiti il ​​primo giorno del tuo lavoro, spero che tu ti metta in imbarazzo in pubblico con questa punizione umiliante.

Dicendo che mi stava mordendo forte il sedere come se stesse per morderlo, il dolore era insopportabile. Esce dal negozio e apre le vetrine. Poi va dietro il bancone e comincia a limarsi le unghie, come se non le importasse che io esisto. Come stavo? Ebbene, io ero nella vetrina di un sexy shop, in piedi completamente disteso con le mani ammanettate e legate a una catena che usciva dal soffitto e mi teneva le braccia tese fino alla punta dei piedi, che tra l’altro erano anche tenuti in una coppia di mogli. Inoltre era incappucciato e con un bavaglio molto stretto in bocca, che non mi permetteva di dire una parola. E per finire, il mio corpo era completamente rasato e indossavo solo costumi da bagno succinti e attillati con una stampa infantile. In altre parole, ero fottuto.

Attraverso la finestra, potevo vedere la reazione di tutti quelli che mi guardavano in questa situazione. La cosa più interessante è che non c’era nemmeno un’espressione di pietà o preoccupazione. La stragrande maggioranza rise in modo derisorio. Nel negozio sono entrati solo donne e gay. Mi guardi ancora e fai commenti come “ehi manichino, a tuo agio laggiù?” o “come fai a indossare mutande così strette?”. Alle clienti femministe piaceva offendere commentando: “Spero che non ti stia lamentando di essere lì, non hai fatto niente tutto il giorno” o “Ben fatto, questo è ciò che meritano tutti gli uomini, specialmente gli stronzi sessisti”. Juliana ha servito tutti i clienti e ha fatto tutto quello che doveva fare senza pietà per la mia condizione. Di tanto in tanto veniva da me solo per passarmi la mano sul cazzo o sul costume da bagno o mordermi il culo. Alle 18:00 il negozio ha chiuso, Bianca è arrivata velocemente e ha parlato con la sua amica:

Altre storie erotiche  Tradimento di Capodanno - Racconti erotici

-Ju, ti sei comportato bene in mia assenza? L’ho addestrato bene negli ultimi mesi per questo lavoro, spero che si lamenterà un po’. Sai, amico mio, che hai carta bianca per picchiarlo e maltrattarlo a tuo piacimento se si lamenta del lavoro.

-Bi è stato molto calmo tutto il giorno, è durato 9 ore in questa posizione senza lamentarsi. Cosa fai con lui per essere così duro? Mi è piaciuto. Portalo a casa per il fine settimana, facciamo un incontro e insultiamolo. Ammetto che a metà giornata volevo passare la lingua su questo corpicino liscio e approfittare del fatto che questo cazzo è nelle mutande e vuole scappare.

– Sì amico, puoi usare e abusare a piacimento. Sa come succhiare magnificamente la figa, anche se hai il ciclo. A casa l’ho messo a dormire con le mie mutandine sporche in faccia, ci credi? Così l’ho abituato all’odore della mia figa, ecco perché me la succhia così bene. La cosa più bella del mondo è stancarsi del lavoro e sedersi sulla sua faccia, puoi goderti un sesso orale super gustoso e io riesco sempre a umiliarlo lasciando asciugare la mia sborra sulla sua faccia.

-Oh, ne ho bisogno, è la qualità della vita, amico. Penso che avrò le mestruazioni questo fine settimana, ma dato che non è un problema, torna a casa con il tuo giocattolino così possiamo divertirci. Ah, cambiamo discorso, oggi il negozio andava a gonfie vele, voglio che tu lavori qui come modella tutti i giorni. Mi è piaciuto molto, non ti preoccupare, ti pagherò bene. Grazie per avermi affittato il tuo zerbino lol.

Ho continuato a rimanere bloccato lì ad ascoltarli parlare e ridere di me dopo ore. Finché Bianca non viene da me:

– Guarda quanto sono generoso, ti ho anche trovato un lavoro. Certo, lo stipendio è mio, dopotutto sono io che mi occupo di questa relazione. Ti ho preparato bene per questo lavoro, ci hai messo mesi ad abituarti a stare in questa posizione. Ora ti dirò il grande segreto. È sempre stata mia intenzione farti licenziare dal tuo vecchio lavoro. Non mi piaceva vederti uscire da solo per lavorare in un posto dove non conosco nessuno. Scapperesti Qui con Ju, non corro questo rischio, so che passi tutto il giorno in prigione e lei non ti lascerà mai scappare. Ora che sai la verità, sei più arrabbiato con me? Beh, mi piace farti impazzire quando sei in prigione, sono tutto bagnato. Ok, ti ​​porto fuori di qui, vestiti e andiamo a casa. Ma prima ringrazierai Ju per la giornata.

Poi fa scattare il lucchetto che lega le mie manette alla catena che esce dal soffitto e io crollo a terra per tanta stanchezza. Senza farmi riprendere, Bianca mi ammanetta velocemente le mani, mi toglie il bavaglio e il cappuccio, mi tira i capelli e mi fa inginocchiare verso la sua amica.

-Ju, prova un po’ di quella lingua da leccafighe e dimmi se non va bene.

Juliana si abbassa il perizoma, si solleva il vestito, mi afferra i capelli e mi strofina la faccia sulla sua figa rasata, che era un po’ sudata e molto divertente.

-Dai pervertito, succhia la mia gustosa figa. Ti tirerò fuori la faccia da lì solo dopo che mi avrai fatto venire.

E così ho concluso la giornata succhiando il mio nuovo capo con il consenso di Bianca. Questa è la mia nuova vita e la mia nuova routine. Ora vengo abusato da due donne, migliori amiche che condividono gli stessi pensieri sugli uomini. Onestamente, non so cosa sia peggio, tutto quello che so è che ogni giorno sono più incasinato. Come sono arrivate le cose a questo? C’è un modo per peggiorare la mia situazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *