Sono stato venduto – il nuovo inizio

di | 10 de Dicembre, 2022

da Cesare

Per chi ha letto l’inizio della mia saga, sa come sono stata venduta e come ho perso la verginità. È stata la prima di molte altre notti e anni in cui sono stato semplicemente usato come un oggetto. Mi sono sposato nel ruolo solo sei anni dopo e non sono mai stato rispettato, ha frequentato altre donne e non ha cercato di nasconderlo. Inesperta ma non stupida, ho deciso di non avere figli. Non ho mai avuto notizie della mia famiglia e dopo due anni Marcos ha smesso di inviare denaro, come aveva promesso.

Sono andato al liceo, ma è stato bandito dal college. Ho imparato a navigare in Internet e lì mi sono tenuto aggiornato, anche a colpi bassi. Fu così che scoprii quanto fosse appassionato di sesso. Molte volte si è divertita a guardare video o leggere storie erotiche, immaginando sempre quanto sarebbe stato bello stare con un vero uomo.

Mio marito, a causa della vita disordinata che conduceva, all’età di sessantacinque anni, fu colpito da un ictus che gli paralizzò tutto il fianco destro. Aggiunto a questo, il diabete incontrollato lo lasciava completamente indifeso e non nego che fosse contento della disgrazia del suo cazzo flaccido. Sebbene non mi abbiano mai trattato con rispetto, ho deciso di prendermi cura di lui. Ho imparato a guidare per portarti da dottori, cliniche e ospedali. Ho assunto una babysitter, che mi ha aiutato per tutta la settimana, soprattutto quando avevo bisogno di una pausa.

Per me è stato uno shock sapere quanti soldi aveva in banca, una piccola fortuna. Nonostante tutto il suo male, mi è successo solo per sempre, perché ho svegliato il mondo e ho lasciato il complesso in cui avevo vissuto per tutti quegli anni. Ho conosciuto persone, sono diventata una donna attiva, ho perso l’inibizione di stare davanti a persone che non conoscevo, insomma sono diventata un’altra donna e l’ho adorato.

Quando il salone di bellezza vicino casa ha chiuso, sono andata in un altro che mi era stato consigliato. Già il primo giorno che sono andato lì, sono rimasto inorridito da quello che ho sentito da alcune donne, hanno parlato apertamente dei loro tradimenti, condividendo anche amanti. Alcune dicevano di averlo fatto sotto la protezione dei propri mariti e altre addirittura con il loro consenso, cosa che mi incuriosiva ancora di più, era vero che erano felici di scoprire la donna con un altro uomo? Una volta ero in sala d’attesa quando ho incontrato Silvia.

Da subito l’empatia tra di noi è stata totale. Ho commentato la mia indignazione con alcune cose che avevo sentito. Lei ride e dice:

– La sposa che mette un corno in testa al marito, giusto?

Ho anche sorriso e ho confermato che era così. Quindi lei chiede:

– E tu Milena, non l’hai mai fatto?

“Certo che no”, risposi indignato.

Poi Silvia dice:

– Ti svelo un segreto, qui in pochi non hanno mai tradito.

Vedendo il mio smarrimento e come se mi leggesse nel pensiero, si è fatta avanti dicendo che anche lei è una di quelle imbroglioni, solo che non ride come le altre.

Una volta, quando abbiamo finito di farci le unghie, Silvia mi ha invitato a un caffè al centro commerciale. La mia vita di routine non mi ha mai permesso di fare nulla senza dirlo prima alla casa, ma non so perché ho accettato l’invito e siamo partiti. Abbiamo parlato più liberamente, lei voleva sapere qualcosa in più su di me e ho finito per raccontarle la mia vita. Quando ebbe finito, molto semplicemente, disse:

– Tuo marito, più di chiunque altro io conosca, merita un bel paio di corna e non è perché è malato che dovresti privarti di questo piacere.

Ho detto che ci avevo già pensato, ma la mia vita appartata non mi ha mai permesso tanta audacia. Sorrise e disse con calma:

– Allora è ora di liberarti amico, ti sei guardato allo specchio, sei una bella donna, con i tuoi modi indiani, qualsiasi uomo vorrebbe scoparti.

Sorrido timidamente al suo modo orecchiabile di parlare. Mi accarezzò la mano e disse:

– Mia cara Milena, da quello che hai detto, credo che tu non abbia mai avuto il piacere di sentire una lingua nella tua figa, vero?

Spalancai gli occhi incredulo per quello che aveva appena detto, ma allo stesso tempo non potevo negarlo, perché di sesso orale sapevo solo dai video che guardavo. Lei sorride e dice:

– Sì, ne ero sicuro, ma se me lo permetti, ti aiuterò ad avere una nuova vita.

Ho sorriso e ho detto che mi piacerebbe. Mi accarezzò il viso con simpatia e disse che mi avrebbe facilitato le cose. La nostra conversazione è stata così divertente che non mi sono nemmeno reso conto che il tempo passava, quando ho guardato l’orologio erano le sei passate. Ci siamo salutati e siamo partiti. Quando sono tornata a casa mio marito mi ha rimproverata, tutti gli uomini volevano sapere dov’ero, cosa avevo fatto. In un impeto di coraggio, dico:

– Senti, ho passato la mia vita a essere sottomesso e dipendere da te per tutto. Ho sopportato silenziosamente tutte le tue marachelle, i tuoi tradimenti e tante volte le tue ubriachezze, senza mai chiederti spiegazioni. Oggi dipendi da me e anche se non lo meriti ti dirò dov’ero, sono andata al centro commerciale a prendere un caffè con un’amica del salone e ho perso la cognizione del tempo, sei soddisfatta.

Altre storie erotiche  fare sesso con il mio capo

Mi guardò nervosamente e disse:

– Che non accada mai più.

– Questo si ripeterà tutte le volte che vorrò, che oggi Milena l’ha incontrata morta, d’ora in poi sarò padrona dei miei desideri e non sarai tu a dirmi cosa devo o non devo fare.

Tacque alla mia reazione inaspettata. Doveva pensare alla sua situazione e poi parlare con più calma:

– Ok Milena, non dimenticare che ho bisogno di te.

– Non lo dimenticherò, ma d’ora in poi le regole le faccio io qui a casa.

Dopo il mio sfogo emotivo, ho deciso, con l’aiuto di Silvia, che era giunto il momento anche per il mio cambiamento fisico. Ho cambiato il mio taglio di capelli, ho iniziato a truccarmi, ho cambiato tutto il mio guardaroba, ho comprato pezzi modellanti per il corpo, ho buttato via la mia vecchia biancheria intima e ho comprato tutto nuovo. Pezzi belli e audaci. Mi sentivo donna, la mia autostima è esplosa, stavo rinascendo. Il primo giorno che sono tornata a casa truccata, mio ​​marito ha detto:

– Adesso diventerai una puttana?

Lo affrontai con tutta la mia fiducia e gli dissi:

– Quello che farò o smetterò di fare è una mia decisione, se diventerò o meno una puttana è anche una mia decisione e se lo fai, non ti preoccupare, sarai il primo a saperlo.

Ha mormorato che era tutta colpa di questa sua fottuta amica che mi avrebbe trasformata in una troia come lei, quindi sono esplosa:

– Non parlarmi così, ti dimentichi chi dipende da chi qui a casa, se continui a litigare con me ti metto in una casa di riposo.

– Non oseresti.

– Continua a trattarmi così così puoi vedere se valgo o meno.

Tacque e io mi sentii potente, il gioco era completamente cambiato, ora comandavo io. Sono tornata a casa all’ora che volevo, i miei vestiti sono diventati più audaci, ho indossato gonne e vestiti corti, esponendo le mie belle gambe. Le scollature mostravano la mia scollatura. Non aveva ancora scavalcato la recinzione, ma era solo questione di tempo.

Un giorno ero al centro commerciale con Silvia e ci siamo accorti che due uomini ci stavano fissando. Erano maturi, con i capelli grigi, vestiti molto bene con i loro completi. Silvia le ha chiesto cosa ne pensava e se avrebbe avuto il coraggio di uscire. Quando ho detto di sì, ha guidato il flirt. Restituì il loro sguardo e non ci volle molto perché si avvicinassero al nostro tavolo. Uno di loro ha detto:

– Ciao, ti facciamo compagnia?

– Certo – disse a Silvia – mettiti comodo.

Entrambi indossavano fedi nuziali, quindi, proprio come noi, erano anche sposati. Paulo e Rogério erano i loro nomi. Paulo si è seduto accanto a me e Rogério accanto a Silvia, che ha subito chiesto:

– Cosa ci fate voi due in un centro commerciale a quest’ora del giorno?

Ruggero ha risposto

– Abbiamo appena vinto un’udienza e ho deciso di fermarmi per un caffè, il nostro ufficio è vicino.

– E nel tuo ufficio non c’è il caffè? – continuò Silvia.

– Certo che ci sono, ma non ci sono belle donne come te – disse Paulo.

Silvia ed io sorridevamo, ma io non sapevo come comportarmi e Silvia aveva il controllo:

– Bellissimi e sposati, non vedi gli anelli alle nostre mani?

– Certo che l’abbiamo visto – disse Rogerio – anche noi, quindi abbiamo già qualcosa in comune e se non ci fosse piaciuto non ci avrebbero fatto sedere con te.

La conversazione si è evoluta e poco a poco ho lasciato andare. Consapevole che gli era piaciuto, Paulo II avvicinò la sua sedia alla mia e sentii il suo delizioso profumo. Per la prima volta, ho provato qualcosa di diverso per un uomo. La sua gamba sfiorò la mia e io non feci alcuna mossa per allontanarmi. Rogerio aveva già messo un braccio intorno alla spalla di Silva e gli stava accarezzando il braccio. Il mio cuore batteva forte alla possibilità di qualcosa di nuovo, specialmente quando mi parlò all’orecchio:

– Milena, sei una donna adorabile.

Un brivido percorse tutto il mio corpo. Mi sentivo il collo arruffato peli sulle braccia e in quel momento crollava tutto il pudore che ancora mi rimaneva. Stavo per voltare la testa per ringraziarlo del complimento e prima che potessi ringraziarlo, mi baciò le labbra. Silvia, vedendo ciò, disse:

– Paulo, sii gentile con Milena, lei non ha mai saltato lo steccato.

Guardo Silvia con l’intenzione di rimproverarla per quel commento, ma mi arrendo quando mi fa l’occhiolino. Sicuramente sapeva perché l’aveva detto. Paolo si affretta a dire:

– Silvia, rispettiamo i limiti, qualunque sia la decisione, sarà tua.

Lei sorride e dice:

– Parlo per me e sicuramente per il mio amico, che ne dici di uscire di qui?

Decisi che sarebbe stato il giorno della mia totale liberazione, dissi che ero d’accordo. Hanno pagato il conto e siamo partiti.

Eravamo nella sua macchina, Silvia davanti con Rogerio e io dietro con Paulo. Sulla strada per il motel, scambiammo qualche parola. Nel seguito, Paulo, molto attento, dice:

– Sei sicuro di quello che vuoi fare, altrimenti possiamo sederci e parlare di quello che vuoi.

Altre storie erotiche  pagare il conto del marito

Ero molto determinato, tanto che mi sono avvicinato e l’ho baciata dolcemente sulla bocca. Ha avvolto il mio corpo intorno a me in un tenero abbraccio e mi sono rannicchiata contro di lui. Il suo delizioso aroma ha risvegliato i miei istinti femminili, come avevo sempre desiderato. Il nostro bacio continuò e ora le nostre lingue si toccavano deliziosamente. Non avevo mai provato un bacio come questo, era tutto ciò che avevo sognato. Mi abbandonai completamente a questa deliziosa follia, ero con un uomo che conoscevo appena, ma che mi dava un enorme piacere.

Sentivo già la mia figa appiccicosa, desiderosa di ricevere tutto ciò che le corrispondeva. Le sue mani corsero sul mio corpo. Ho accarezzato i seni ancora coperti, ma i miei capezzoli erano così duri che mi facevano male, quello che sentivo era pura lussuria. Il suo cazzo duro si tuffò nella mia pancia, volendolo già sentire dentro di me. Mi sono chinato e l’ho toccato. Ho accarezzato il vestito, ci ho stretto le dita attorno, ma volevo davvero vedere questa bontà in questo momento. Ho slacciato la fibbia della cintura, ho aperto il bottone, ho aperto la cerniera e i pantaloni gli sono caduti ai piedi. Mi tolse la maglietta e la gettò da parte, lasciandomi in reggiseno. Il nostro bacio non si fermò e i vestiti caddero a terra.

Io in reggiseno e mutandine e lui in mutande. Il contatto delle nostre pelli mi dava una sensazione deliziosa, ma avevo davvero voglia di succhiare un cazzo. Per questo gli ho portato la bocca sul collo, sono sceso sul suo petto, ho raggiunto il suo ventre e mi sono inginocchiato. Con le mie mani, gli ho tirato giù i boxer e il suo cazzo era libero, duro e maestoso. L’ho tenuto con entrambe le mani e l’ho accarezzato. Luccicava di melma, che era abbondante. Le mie mani si trascinarono avanti, incapaci di distogliere lo sguardo da lui. Il sesso pulsava nelle mie mani. Ne abbassai uno e gli presi le palle, così diverse da quelle di mio marito, lisce, glabre. Ero estasiato ammirando questa cosa preziosa quando ho sentito:

– Bacialo.

Goffamente ma volentieri, ho baciato la testa seducente. Per la prima volta ho sentito il tocco di una mazza in bocca e mi è piaciuto. Ho baciato ancora e ancora e ancora ho baciato l’intera lunghezza di quel cazzo. Ma volevo di più, quindi ho ingoiato la testa. Ho succhiato e succhiato e leccato con tutte le mie forze. Abbassai la bocca e leccai anche le sue palle. Era proprio come nei video che avevo già visto. Ci siamo sdraiati e lui mi ha detto:

– Accidenti a quanto sei sexy, vi amo tutti.

Io, che tacevo, dissi:

– Dai, Paulo, fammi tua moglie, voglio essere tutta tua, voglio godermi come non ho mai goduto.

Baciami il seno, succhiami i capezzoli, dai leggeri morsi. Mio Dio, com’era bello tutto, come potevo vivere tanti anni senza questo piacere. Mi ha succhiato e la sua mano mi ha accarezzato la figa. Le sue dita penetrarono dentro di me e mi strinsero forte la scollatura. Quando ne sentì la grandezza, disse, passandoci sopra il dito:

– Queste riprese sono deliziose, vi succhio tutti.

– Vai avanti con il mio bastone, succhiami la figa e ingoia il mio Grelo, non l’ho mai sentito.

Incredulo, fece scorrere la bocca sul mio corpo fino a raggiungere la mia figa. Fece scorrere la punta della lingua sulle mie labbra e sulla punta della rapa. Quando l’ho sentito, il mio corpo ha tremato dappertutto e sono quasi venuto. Mi lecca l’inguine, i piccoli peli che ha lasciato nella mia figa e il ritardo nel mettermi la bocca addosso mi stava torturando. Quando finalmente tira fuori la lingua e mi lecca dappertutto, allargo spudoratamente le gambe e chiedo:

– Dai bravo ragazzo, voglio venirti in bocca… Succhiami forte.

Succhia forte mentre affonda le dita dentro di me. Era troppo e non ho resistito. Sono venuto in un modo che non è mai successo. Le ho abbracciato la testa con le gambe e l’ho tenuta con entrambe le mani, dicendo tra le lacrime che mi rigavano il viso:

– Non fermarti… Continua… Succhia ancora più eccitato… Succhia e torno.

Ha ascoltato la mia richiesta e ha continuato a succhiarmi finché non sono venuto per la seconda e terza volta di seguito. Il mio corpo tremava, completamente bagnato dal sudore che scorreva dai miei pori. Appena mi sono calmato, si muove tra le mie gambe e viene a baciarmi, la sua bocca e il suo viso scivolano fuori dalla mia figa. Baciai e leccai, crogiolandomi nel gusto del mio godimento. Quando ha visto i miei occhi pieni di lacrime, ha chiesto:

– Perché queste lacrime, amore mio?

– Emozione angelo mio, unica emozione provare tutto questo piacere.

Si alzò educatamente e andò a prendermi dell’acqua. Ho visto quest’uomo nudo attraversare la stanza e non potevo credere che io, una donna sposata e fino a pochi giorni fa totalmente evirata e sottomessa, fossi lì in questa situazione, sentendomi completamente a mio agio. Lui torna, io bevo l’acqua e lo ringrazio. Si sdraia accanto a me e io mi stringo al suo petto. Sembra capire il mio momento e non dice niente, si limita ad abbracciarmi affettuosamente. Metto una gamba sopra la sua e la mia figa gli sfiora la coscia. Tutto era così nuovo per me che il minimo atteggiamento alimentava il mio istinto di donna in calore. Atteggiamenti che non ho mai avuto con mio marito.

Altre storie erotiche  racconto erotico diretto - la guerra di Troia, 1

Feci scorrere la mano sul suo corpo e raggiunsi il suo cazzo duro. L’ho lisciato spudoratamente e volevo sentirlo di nuovo in bocca. Ho fatto scivolare il mio corpo attraverso il suo e ho afferrato il suo cazzo. Ho baciato, leccato e succhiato come un bambino che considera le sue caramelle preferite. Ho cercato di deglutire più che potevo, ma sono soffocato quando mi ha toccato la gola. In quel momento ho pensato: come è possibile che le attrici porno riescano a ingoiare cazzi enormi così facilmente? Ho sbavato così tanto sul suo pene che è sprofondato nella sua borsa, dove l’ho anche leccato con grande piacere. Soddisfatto del sesso orale, ora volevo tutto dentro di me. Ho cavalcato quel cazzo e con una mano l’ho guidato fino all’ingresso della mia figa. Me lo strofinai sulla clavicola, sulle labbra e, tremando di desiderio, mi abbandonai al mio corpo, tanto da permettermi l’ingresso a capofitto. Ho ritirato la mano e ho abbassato lentamente il mio corpo, sentendo tutto il piacere della penetrazione. Quando ero all-in, ho iniziato a tirare. Quello che non era ancora venuto disse:

– Oh, che delizia… Se continua così, verrò.

Sentendola chiamarmi sexy, qualcosa è esploso dentro di me e il mio seme era vicino all’allucinazione, quindi ho chiesto:

– Sborrerò anche da un uomo sexy… Divertiti dentro di me… Riempimi la figa di sperma.

Mi prese per la vita e accelerò i suoi movimenti. Quindi non ci è voluto molto per arrivare quasi alla stessa ora. Sentii il suo piacere inondarmi le viscere e la sensazione fu travolgente. Abbassai il mio corpo verso il suo e lo baciai appassionatamente. Rimaniamo così finché il suo cazzo non si ammorbidisce e si allontana da me. Solo allora, già sazi, ci siamo accorti che erano le otto passate. Ho detto che dovevo andare e siamo andati a fare la doccia. Sotto la doccia, non mi sono preoccupato di nulla e ho preso il soffione e tutto il resto. Quando abbiamo finito, abbiamo chiamato dicendo che era ora. Ci hanno lasciato al centro commerciale, quando ci siamo scambiati i cellulari.

Appena siamo rimasti soli, Silvia ha chiesto:

– E poi amico, com’è stata la tua prima esperienza?

– Meravigliosa Silvia, è un vero gentiluomo, penso che lo amerò un’altra volta.

– Attento amico, pensa che tutto questo deve essere l’amore del cazzo, ma che non deve durare, deve servire solo come fonte di piacere.

Ho sorriso e sono stato d’accordo con lei. Ci siamo baciati, abbiamo deciso di pranzare insieme il giorno dopo e siamo partiti.

Quando sono tornata a casa, mio ​​marito nervoso mi ha chiesto:

– Dov’era? E questi capelli bagnati, cos’è?

Ho chiesto al mio compagno di lasciarci in pace e solo allora, con la massima calma possibile in quel momento, gli ho parlato apertamente:

– Ero al motel a scoparmi un uomo meraviglioso.

I suoi occhi fissi su di me e quasi gridando, ha detto:

– Normale figlio di puttana, non vergognarti.

Senza alzare la voce, ma in perfetto controllo della situazione, dissi:

– Stai cercando di chiudere la tua bocca disgustosa, perché non hai morale trattami così, a parte quello che ho letteralmente detto che saresti stato il primo a sapere quando ti avrei cornuto e sarei diventato cornuto.

Ha iniziato a voler discutere di qualcosa, ma io sono stato incisivo:

– E d’ora in avanti sarà così, che ti piaccia o no, fossi in te starei tranquillo al tuo posto, altrimenti non avrò la minima condiscendenza e ti metterò in una casa di riposo, come faccio io aver fatto. Già fatto, ho parlato.

– Parla la tua bocca, non avresti quel coraggio.

– Provalo e saprai se ce l’ho o no.

Ha smesso di parlare e si è limitato a guardarmi. Era ovvio quanto si stesse corrodendo all’interno. Sono sicuro che se potesse, mi salterebbe al collo e mi finirebbe sul colpo, ma il suo stato di debolezza non glielo permetterebbe. Per evacuare tutto il mio dolore di tanti anni, ho detto ancora:

– Mi hai chiamato puttana e ti dirò una cosa: se tu fossi stato abbastanza uomo sarei stata la migliore puttana che tu abbia mai avuto in vita tua, ma no, mi hai trattato come uno schiavo, tutti quegli anni come un fottuto deposito. Ora sono cambiata, sarò una vera puttana, ma per i maschi che sapranno riconoscere questa qualità che è mia e ti dirò di più, oggi mi hanno chiamata calda, ma presto pretenderò che i maschi mi trattino come una puttana, come una puttana sposata che esce a scopare fuori casa, perché dentro suo marito si annoia.

Ancora una volta ha cercato di formare una reazione, ma l’ho interrotto immediatamente:

– Zitto, perché d’ora in poi sarà così, che ti piaccia o no.

Andai in camera mia, mi cambiai e andai in cucina a mangiare qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *