Sono un medico di famiglia e mio marito non lo sa – parte 2

di | 10 de Dicembre, 2022

Dopo aver fatto il mio primo spettacolo, ho pianto molto, non era rimpianto, era tristezza, non mi era mai passato per la mente di fare la prostituta, non ero tagliata per questo, ho sempre avuto una vita modesta e ora dopo sposarsi e mia madre non riusciva a immaginare come sarebbe stato vivere tutto questo

Ma questo è ciò che il destino aveva in serbo per me, buona o cattiva è stata la decisione che ho preso e non avevo molto di cui pentirmi, quindi ho trattenuto le lacrime, ho alzato la testa e la vita è andata avanti.

La prima cosa che ho fatto quando ho avuto i soldi è stata andare dall’usuraio per saldare parte del debito di mio marito, gli ho chiesto ancora un po’ di tempo e qualche giorno per sistemare il resto dei soldi e saldare il debito, mi ha risposto molto freddamente e con tono minaccioso che aveva già avuto molta pazienza, ma che mi avrebbe dato una possibilità in più

Poi ho preso mia figlia e siamo andati al centro commerciale, era tanto che non avevo tempo libero con lei.

Guardando la sua felicità e ancora con in mente l’immagine della brutta faccia dell’usuraio, sapevo cosa dovevo fare ed è per questo che ho chiamato la signora Lena.

Le ho detto che ero pronta a fare altri programmi, lei mi ha detto che non essendo ancora abituata a questa vita, avrebbe rallentato e selezionato solo programmi tranquilli, magari uno alla settimana per non avere paura.

Risposi che era urgente avere i soldi, e che prostituirmi tutti i giorni o tutte le settimane era altrettanto brutto, solo una volta alla settimana mi era più difficile uscire da questa vita, quindi gli chiesi di riparare quanto possibile. possibile anche più di un programma al giorno

Lei rise e mi disse di prendermela con calma, ma siccome accettavo, mi avrebbe procurato altri clienti, dopotutto ero nuovo e non sarebbe stato difficile trovarla, perché mi aveva già parlato dei suoi clienti.

L’altro giorno la cliente è venuta a prendermi a casa sua e siamo andate al motel, abbiamo parlato poco in macchina perché la distanza tra la casa di Doña Lena e il motel non era molta.

Era una suite molto lussuosa, ovviamente ero già stata in un motel, soprattutto con mio marito, ma niente di così lussuoso come questo.

Ero ancora nervosa, ma meno dell’altra volta, questo cliente aveva una particolarità, gli piaceva parlare e voleva saperne di più su di me, lui stesso mi ha confessato che si entusiasmava molto con le donne che sono sposate e tradiscono il marito , per soldi o no

E da giornalista continuava a farmi domande sulla mia vita, a volte anche mettendomi in imbarazzo, io rispondevo senza entrare troppo nel dettaglio, addirittura omettevo e inventavo fatti perché smettesse di chiedermelo.

Mentre parlava mi ha afferrato e baciato, la mia voce che raccontava la mia vita lo ha fatto arrapare e ho praticamente smesso di parlare quando sono andata a succhiargli il cazzo mi ha accarezzato il viso e mi ha chiamato casa calda

Dopo avergli fatto un bel orale mi ha detto di smetterla e ha detto che era il suo turno che mi rende felice voleva leccarmi la figa fino a farmi venire e ha sentito il mio amore per il matrimonio.

Ha iniziato a succhiarmi e leccarmi la figa, infilandoci le dita facendomi gemere fino a farmi venire sulla lingua, soddisfatto di farmi venire, lui stesso ha preso un preservativo e se lo è messo sul cazzo, mi è penetrato nella figa e ha scopato in varie posizioni.

Quando stavo per venire, ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia figa, poi mi ha tolto il preservativo e mi ha messo il suo cazzo in bocca, ha avvicinato la mia faccia al suo corpo e lo sperma mi ha riempito la bocca di sperma.

Dopo che è arrivato, volevo andarmene, ma lui non me lo ha permesso e mi ha detto di deglutire. Ho fatto quello che ha detto e poi stava ancora cercando di convincerlo a succhiarmi il cazzo.

Siamo andati a pranzo poi siamo andati a letto, io mi chiedevo ancora come fosse la mia vita e ad un certo punto abbiamo parlato di sesso anale, sono caduta nell’assurdità di dire che non era comune farlo con mio marito, lui si è arrapato e cominciò a lisciarmi il sedere e disse

_ Quale donna sposata, un culo così bello e il marito non ne approfitta? È un vero idiota, non lascerò passare un tale idiota.

Mi ha messo a faccia in giù e ha iniziato a leccarmi il culo, sputando e toccando, ha preso del lubrificante anale e lo ha passato anche lui, lasciandomi ben lubrificato, mi ha messo un nuovo preservativo sul cazzo, mi ha tirato il corpo sulla schiena. e lui è andato a fottermi il culo

A quattro zampe, culo in alto e faccia sul cuscino, mordo il lenzuolo per resistere al dolore del tuo cazzo che mi penetra nel culo

Mi ha afferrato il culo e mi ha schiaffeggiato, mi ha afferrato i capelli, mi ha baciato la schiena mentre il suo cazzo mi penetrava nel culo senza pietà.

Dopo avermi scopato tanto, lasciandomi tutto avvolto, alla fine ha detto che veniva, si è tolto il preservativo, mi ha infilato il cazzo nel culo tra una natica e l’altra, l’ha massaggiato ed è venuto, ho sentito il getti di sperma cadono sulla mia schiena

La settimana passava e avevo altri clienti, ero già più rassegnato alla vita che facevo e ogni volta che ricevevo i soldi sentivo che nonostante tutto quello che facevo ne valeva la pena, il centesimo cadeva solo pochi giorni dopo, e che è stata la seconda volta che ho pianto e realizzato la vita che stavo conducendo e quello che ero diventato, e la cosa peggiore che non avevo intenzione di cambiare, almeno per ora

Doña Lena mi ha chiamato, mi ha detto che aveva un cliente che pagava molto bene, ma era un po’ stupido, non era violento, non picchiava o cose del genere, ma era un tipo maleducato con la faccia sporca bocca e ha detto molte parolacce, ma io ero una brava persona, solo scortese, ma se fossi stato bravo, i soldi sarebbero stati molto buoni

Ammetto che ero un po’ spaventata, ma D. Lena ha assicurato che non è stato violento, solo maleducato, alla fine ha detto che ha accettato di uscire con lui.

Era un uomo alto, un po’ forte e grasso allo stesso tempo, quando salii in macchina mi analizzò e disse:

_ Quindi sei la nuova puttana di Doña Lena, bellissima e con quella faccia da suburbana e sembra essere molto sexy

Non ci siamo quasi detti altro finché non siamo arrivati ​​al motel, nella stanza ha acceso l’audio e mi ha chiesto di togliermi i vestiti lentamente, voleva vedermi meglio, quando ero completamente nudo, mi ha fatto girare, mi ha schiaffeggiato culo e disse:

– Molto bene, molto caldo, vieni qui puttana a succhiarmi il cazzo.

Si è tirato giù i pantaloni e mi ha fatto inginocchiare per succhiarglielo, continuava a chiamarmi troia e io mi sentivo a disagio per questo, ma l’ho succhiato silenziosamente mentre lui mi metteva il cazzo in bocca.

Mentre mi diceva un sacco di parolacce, io gli succhiavo il cazzo, non ho mai visto un uomo con la bocca così sporca, e peggio ancora, non ha fatto il minimo sforzo per essere gentile, ha tirato fuori il cazzo della mia bocca e parlò

– Ok puttana, ora ti voglio fottere, puttana birichina, voglio rompere quella figa

Ho preso un preservativo e gliel’ho messo sul cazzo, lui mi ha allargato le gambe tra loro e mi ha penetrato, con una mano sulla mia pancia mi stava fottendo e guardando il suo cazzo entrare e uscire dalla mia figa

A differenza degli altri clienti non voleva farmi piacere, farmi venire, perché come lui stesso mi aveva detto in altre occasioni, paga per divertirsi e non per far godere gli altri, gli piace quello che fa. un orale ma non lo fa a nessuno, non le succhia né le lecca mai la figa o il culo, mi ha confessato che gli fa schifo infilare la bocca, la figa o il culo in una puttana che lo infila sempre dentro e scopa come virile

Mi ha scopato in varie posizioni, quando mi ha messo a quattro zampe continuava a sputarsi sul dito e facendolo scorrere su per il culo mi ha indicato il cazzo e ha continuato a spingerlo fino a quando non è entrata in tutto e poi ha detto

– Ah, com’è bello scopare il culo di una puttana sposata, pagherò soddisfatto sapendo che mi sto rompendo il culo così che poi il succhiatore cornuto mangerà

In quel momento avrei voluto piangere, l’ho nascosto perché non se ne accorgesse, mentre mi scopava spaccandomi il culo, pensavo a mio marito e alla mia vita, non prestavo attenzione alle parolacce che diceva

Mi stava scopando e ho pensato, dove sono andato? Ero lì con uno sconosciuto, picchiato, facendo sesso che non ho nemmeno con mio marito, umiliato e maltrattato, mi sono ripreso solo quando ha urlato e ha detto

– Accidenti a me, che troia con il culo caldo, è davvero bello scopare queste donne di periferia che tradiscono i loro mariti cornuti, cagna cattiva

Ha detto così, mi ha stretto forte le spalle e si è avvicinato, riempiendo il preservativo di sperma, mi ha tolto il cazzo dal culo, ha gettato da parte il preservativo e mi ha detto di succhiarlo, il cazzo appiccicoso di sperma l’ho messo in bocca . e l’ha succhiato

Abbiamo fatto l’amore ancora una volta e lui mi è venuto in faccia, ovviamente maledicendomi con diversi nomi e dicendo che era bello vedere una puttana sposata con la faccia piena di sperma, che ho pagato bene solo per immaginare di baciare mio marito con la bocca assaporando il suo sperma

Quel giorno quando tornai a casa crollai di nuovo, le sue parole non riuscivano a togliermi dalla testa, cosa mi era successo? Quanto tempo rimarrò in questa vita?

Prima di tornare a casa sono andata dallo strozzino e ho pagato il debito di mio marito, su 2mila che ha preso, ne ho pagati più di 5mila e avevo ancora tanti soldi nei risparmi di mia figlia, tutto fatto in 10 giorni.

Non si tornava indietro, mi sono prostituita, ho dovuto ingoiare il mio orgoglio, stare molto attenta a non farmi beccare e guadagnarmi da vivere, aggiungere soldi ai risparmi di mia figlia per rendere utile quello che facevo, no. Rimani in questa vita per sempre, ma ora non posso lasciarti andare

Amo mio marito, non voglio che mi perdoni perché so che non merita il perdono, ecco perché prego ogni giorno che non lo scopra mai, e vivo giorno per giorno nel miglior modo possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *