sposato e cattivo

di | 8 de Dicembre, 2022

da Cesare

Di solito ho un percorso che prendo tutti i giorni per andare al lavoro, ma una volta si è bloccato e ho dovuto trovare un’alternativa. Cambiando strada, girando di qua e di là, sono finito su un viale. La luce si è spenta e la mia macchina era sul marciapiede. Quando guido la mia attenzione è esclusivamente sul traffico, di solito non distolgo lo sguardo, ma mentre aspetto che si accenda la luce, vedo due donne che camminano sul marciapiede. Venivano dalla direzione opposta a quella in cui stavo andando. Non riuscivo a smettere di guardarli, dato che indossavano abiti attillati, top e leggings. Uno era vestito tutto di nero e l’altro di rosa. Erano due belle donne, ma avevo la netta impressione che fossero madre e figlia. Quello che pensavo era che la madre si stesse avvicinando all’aquila, quindi potevo vedere meglio la sua sagoma. Mentre passava davanti alla mia macchina, mi guardò e mi fece un breve sorriso, che ricambiai. Il faro si è aperto e sono dovuto andare. Quel sorriso e quella bella donna erano nella mia mente per il resto della giornata. Il giorno dopo ho deciso di fare lo stesso viaggio e ancora una volta ho visto queste due ragazze calde nella loro passeggiata quotidiana e ancora una volta ho avuto un bel sorriso. Questa volta ho provato a dare un’occhiata più da vicino e ho pensato che doveva essere sulla quarantina. Ho decisamente cambiato rotta e ora è qui che andavo tutti i giorni. A poco a poco, oltre al sorriso, ho cominciato a ricevere un cenno di “arrivederci” da loro due, che poi hanno commentato qualcosa. Convinta che non sarei stata respinta se mi fossi fermata a parlare, il giorno dopo fermai la macchina in un posto più tranquillo e aspettai l’arrivo delle due bellezze. Li ho visti avvicinarsi in lontananza. Quando mi hanno visto hanno detto qualcosa e hanno sorriso. Si sono avvicinati e hanno rallentato il passo, quando ho detto:

– Ciao ragazze.

Quella che sembrava essere la madre disse:

– Ragazze, ora avete massaggiato il mio ego.

– Cos’altro puoi dire a due bellissime sorelle?

Di nuovo lei parlò:

– Niente del genere cara, sono tua madre.

In effetti, un anello nuziale sulla sua mano sinistra rivelava almeno che era sposata. Ho sorriso e ho continuato a flirtare, ma vero:

– Non ci posso credere, più come sorelle, ma se lo dici tu, ci credo. Piacere di conoscerti, sono Cesar – dissi loro tendendo la mano.

La madre mi prende la mano:

– Piacere di conoscerti, sono Sofia e questa bellezza qui è mia figlia Camila.

Ho guardato Camila e le ho fatto i miei saluti. Dissero che avevano l’abitudine di andarci a piedi ogni mattina, ma non mi avevano mai visto lì. Ho commentato che grazie a una chiusura del percorso che stavo facendo sono finito per passare e ho avuto l’opportunità di incontrare due belle donne. Sofia, vedendo l’anello alla mia mano sinistra, mi chiede:

– Anche tu sei sposato con César?

– Sì, trentacinque anni fa, e tu?

– Ce ne sono venti.

Sentendo questo, ho guardato Camila, che ha subito detto con un sorriso:

– Non si è sposata durante la gravidanza, ho diciotto anni.

Il diavoletto aveva letto la mia mente, ma ho negato:

– Non ci ho nemmeno pensato Camila.

Sono sicuro di non averli convinti della mia sincerità. Sofia era preoccupata per me e mi ha chiesto se avrei fatto tardi al lavoro. Preciso che ho orari flessibili, oltre al fatto che la mia attività è esterna e che non ho sempre bisogno di recarmi in ufficio. Ma quel giorno dovevo essere in azienda, quindi ho suggerito:

– Mi piacerebbe molto continuare questa conversazione con te, possiamo programmare un’altra volta?

Sofia ha subito detto che sarebbe stato un piacere e ha offerto:

– Scambiamoci i cellulari, poi mi chiami e fissiamo un appuntamento.

Numeri debitamente annotati Ho detto che era giunto il mio momento. Ho osato baciarli sulla guancia e non solo sono stato accolto, ma ricambiato. Sono salito in macchina e me ne sono andato. Perché non facesse freddo, quello stesso pomeriggio ho chiamato. Appena lei risponde, dico:

– Ciao, Sofia, sono César, come stai?

– Tutto, ero sicuro che non avresti chiamato.

– E perché l’hai pensato?

– Non lo so, è stata una mia sensazione, forse perché mia figlia era con me.

– E perché dovrebbe essere un ostacolo?

– Perché c’erano altre situazioni come questa e mancava la paura – disse ridendo.

– Beh, penso che possiamo parlarne ancora davanti a un caffè, cosa ne pensi? Treno?

– No, César e mia figlia stanno solo studiando, per quanto riguarda il caffè, possiamo prenderne un po’, cosa mi consigliate?

– Forse domani pomeriggio?

– Certamente.

– Allora domani chiamo e prendo un appuntamento.

La mattina dopo ho chiamato e abbiamo organizzato la colazione. Nel luogo e all’ora concordati, io ero lì. Non ci è voluto molto ed è arrivata anche lei, da sola. Indossava un abito rosso con spalline sottili e una scollatura generosa, in quanto si intravedeva parte del seno medio ma ben rialzato. Appena sopra le ginocchia, mostrava che aveva gambe ben fatte e pulite. Dal viso leggermente truccato spiccava la bocca dalle labbra carnose e dipinta di rossetto rosso carminio, che metteva ancor più in risalto le sue labbra. Era vestita magnificamente, come se si stesse preparando per un incontro intimo, e ne ero felice, anche se non sapevo come sarebbe stato questo pomeriggio. Mentre si avvicinava al tavolo mi sono alzato per baciarla e lei mi ha detto che sua figlia non era venuta perché era a casa di un’amica a finire un progetto scolastico. Ordinammo un caffè e quando stavamo per berne il primo sorso squillò il suo cellulare. Ha detto che era suo marito e ha chiesto il permesso di rispondere:

– Ciao tesoro come stai ?

– Va bene, ho capito, quando arrivi?

– Va bene, ti aspetto per cenare insieme.

– Sono qui al centro commerciale, sono venuto a prendere quel caffè di cui ti ho parlato, con César.

– Ok amore mio, di notte ti dico tutto.

Ha riattaccato il telefono e io l’ho guardata incredulo. Lei sorride e dice:

– Ammirato che ho detto a mio marito dove sono?

– Non lo nego.

– Tranquillo, abbiamo una relazione aperta, non nascondiamo nulla.

– In questo senso, penso che anche tua figlia abbia la stessa scienza.

– È vero, non nascondiamo nulla.

– E credo anche che lei lo sostenga incondizionatamente.

– Totalmente.

Che meraviglia, una famiglia liberale, niente di più gratificante per questo pomeriggio. Tuttavia, ho voluto osare un po’ di più:

– Se fossimo stati in un motel, glielo avresti detto anche tu?

Lei sorride maliziosa e dice:

– Non solo l’avrei detto, ma anche quello che avrei fatto.

– L’hai mai fatto?

– Sì, e mio marito è molto entusiasta di questa situazione.

Di fronte a questa affermazione, non ho avuto scelta:

– E cosa ne pensi dell’idea di eccitare tuo marito oggi pomeriggio?

– Penso che sia una grande idea.

Pagai il conto e andammo in un motel vicino. Seduta nella mia macchina, il suo vestito si è alzato e ha scoperto il suo bel paio di cosce, cosa che non le ha dato fastidio, anzi, quando mi ha visto guardarla, mi ha chiesto:

– Ti piace ciò che vedi?

– Molto, sei una delizia.

Mi prende la mano sul cazzo che già dava segni di vita, lo stringe leggermente e dice:

– Non hai ancora visto niente tesoro, andiamo al motel, sono molto emozionato.

Senza perdere tempo, accesi la macchina e presto arrivammo al motel. Appena scesi dall’auto, già in garage, ci siamo baciati sul posto. Le nostre bocche erano divorate piene di piacere. Le ho messo le mani sui seni e ho sentito che non indossava il reggiseno. Ne presi uno per la scollatura e succhiai il broncio rosa leggermente duro. Mi abbracciò la testa contro il petto e mi abbracciò. Chiedi :

– Succhia forte, ho molte tette arrapate.

Estremamente eccitati, ci siamo diretti all’interno della suite. Abbiamo letteralmente strappato i nostri vestiti fino a quando non è rimasto un solo pezzo. Nude e intrecciate, le nostre mani hanno percorso il corpo, esplorando tutte le parti possibili. Le accarezzai il culo tondo, il suo corpo era sodo, come chi se ne prende cura in palestra. Gemette piano, mostrando tutto il suo piacere. Voleva mettere alla prova questa donna, quindi quando siamo andati a letto, ha portato con sé il suo cellulare. Le baciai la bocca, le mordicchiai leggermente la punta dell’orecchio, le leccai il collo e mi spostai sui suoi seni, dove disse che si sentiva molto eccitata. Ho succhiato, leccato e succhiato avidamente queste due delizie e lei ha implorato:

– Succhia Cesare forte… Più forte… Così… Delizia… Oh, quanto mi piace.

Ho leccato e baciato l’intera lunghezza dei suoi seni. Strinse con le mani e lei chiese:

– Fa schifo anche sui fianchi.

Ancora preso da tanta emozione ho riflettuto:

– Così posso lasciare impronte.

– Ma è per questo che faccio la domanda, voglio tornare a casa segnato e poi mostralo a mio marito e mia figlia.

Così com’era, l’ho succhiato e c’erano segni di “succhiotto”. Ho mosso la mia bocca lungo il tuo corpo, volevo raggiungere il centro del tuo piacere. Raggiungendo la sua figa completamente rasata, leccai, succhiai e spinsi la lingua più che potevo. Assorto nel piacere di succhiare questa donna deliziosa, non mi sono reso conto quando ha preso il suo cellulare e ho capito solo quando ho sentito:

– Ehi tesoro, sai dove sono… È vero, al motel con César… È una delizia… Sì, ha lasciato dei segni da vedere, sai cosa sta facendo adesso… Sì, succhiandomi figa, quindi le verrò in bocca… Cosa, vuoi sentire, ok, verrò per farti sentire.

Le allargai le gambe più che potevo e accelerai la mia suzione. Ho morso leggermente la sua piccola grata e lei ha gemito più forte. Era molto bagnata, così bagnata che gocciolava, le bagnava persino il culo. Passai il dito sulle sue piccole guance e notai che sollevava il sedere, in una chiara dimostrazione di accettazione dell’affetto. Non ho avuto dubbi e ho scritto quello che ha detto a suo marito:

– Oh amore, ora mi ha messo un dito nel culo, non ce la faccio più, il mio seme sta arrivando… Dai César, succhiami forte, il grelinho mi morde di nuovo e vengo… Oh amore, che C per macho è carino, l’ho aggiustato… L’amore sta arrivando… mi divertirò… mi divertirò… Aaaaiiii… Goditieeeeiiiiii.

Ho tenuto la mia bocca sulla sua figa fino a quando il suo corpo ha smesso di tremare. Ha riattaccato il telefono e ha detto:

– Vieni qui, César, lascia che ti baci la bocca e assaggi i miei gusti.

Uniamo le nostre bocche in un tenero ma emozionante bacio. Il mio cazzo duro le stava toccando la coscia. Gira il suo corpo contro il mio e si sdraia sopra di me. Il mio cazzo si infila tra le sue cosce e in quel momento lei comincia a muovere il suo corpo, strofinando la figa contro il mio cazzo, non lasciandolo penetrare. Guardandomi mi chiede:

– Ti piace la sensazione della mia figa sul tuo cazzo?

– Una delizia, così mi uccidi con tanta emozione.

– Voglio libidinoso per poterlo succhiare con più piacere.

Dopo un po’ di tempo in questo attrito, fa scivolare il corpo verso il basso, portando con sé il cellulare. Prima di iniziare a succhiarmelo, chiama di nuovo suo marito:

– Ehi tesoro, ti è piaciuto sentirmi ridere… So che ti piace, ma sai cosa farò ora… No… Succhierò il cazzo di César, vuoi ascoltare . .. Quindi lo succhierò molto… Cosa… Hmm ho capito, vuoi che César mi venga in bocca… Beh, allora berrò anche il suo latte, ora ascoltami succhiargli il cazzo.

Con il cellulare vicino alla bocca, inizia una deliziosa tetta, facendo molto rumore per far godere il marito dall’altra parte della linea. Lui dice qualcosa e lei risponde:

– Ok tesoro, vado a leccargli anche le palle… Ha una palla liscia, glabra, deliziosa, quindi ti lascio anche quando torni a casa.

Mi succhia le palle, lecca le mie palle dappertutto ed è una sensazione che amo. Di nuovo, lui dice qualcosa e lei risponde:

– Lo proverò e vedrò se ti piace.

Smette di leccare la mia borsa e mi fa scorrere la lingua su per il culo. Prima di arrivare mi lecca molto il perineo. Aggiungo il sedere per facilitare la sua azione, lei nota la mia accettazione e presto la sua lingua lecca le mie pieghe, oh così delizioso. Con il mio culo ben lubrificato, avanza al momento giusto e mi fa un ditalino, cosa che accetto volentieri. Parla di nuovo con suo marito:

– Oh amore mio, anche lui ama il filo di terra, proprio come te.

Butta il cellulare sul letto, smette di leccarmi le palle, mi guarda e dice:

– Ho bisogno del tuo cazzo dentro di me.

Detto questo mi cavalca il cazzo e con una mano se lo mette dentro. Sento il calore e l’umidità della sua figa avvolgersi e masticare il mio cazzo, com’è talentuosa. Ha comandato tutta l’azione, rimbalzando sul mio cazzo come fa un’amazzone con la sua acetosella più pura. Lei geme delirante:

– Oh bel maschio, quindi vengo presto.

Le strinsi il culo, tirandola forte contro il mio corpo, spingendo il mio cazzo dentro di lei. Improvvisamente, smette di muoversi e si limita a strofinare il suo corpo contro il mio. In questo modo, il suo grilinho è stato accarezzato con forza e con ciò il suo sperma è esploso:

– Vengo… Oh, va bene… Accidenti… Accidenti… Scopami forte la figa.

Quando finisce di divertirsi, mette il suo corpo sul mio, mi bacia, prende il cellulare e dice a suo marito:

– Mi hai sentito arrivare, amore mio… È vero, avevo il suo cazzo nella figa… Wow, va bene amore mio, ho finito… No, non è ancora venuto. .. Certo che lo farò, tornerò a casa con la tua bocca che annuserà il suo seme, non è quello che vuoi.

Dato che non ero ancora venuto, sentirla parlare con suo marito ha reso il mio cazzo ancora più duro e palpitante. Lei lo sente e mi lascia andare. Si avvicina al mio cazzo e lo morde, facendolo scomparire in gola. Senza sostenere tutta questa erezione, dopo pochi minuti sono esploso in una deliziosa sborra, riempiendogli la bocca del mio latte lattiginoso. Non spreca una goccia e se la inghiotte tutta. Continua a succhiarmi finché l’ultima goccia di sperma non esce dal mio cazzo. Una volta finito, mi bacia e mi chiede:

– Sei mai stato succhiato così?

– A volte, ma devo ammettere che il tuo talento è qualcosa di speciale.

Restammo lì per qualche minuto, in assoluto silenzio, finché lei parlò:

– Vuoi mangiare mia figlia?

Sorpreso dalla sua domanda, ho quasi perso il fiato, ma rapidamente ricostruito presto attenzione:

– È una ragazza molto allettante, sicuramente qualsiasi uomo vorrebbe stare con lei.

Sorrise calorosamente e rispose:

– Smettila di essere sciocco César, non ti ho chiesto cosa volevi stare con lei, ti ho chiesto se volevi mangiarla, sì o no?

Ho risposto seccamente:

– Se è un desiderio reciproco, sì, lo voglio.

– È ricambiato se Cesar, lei pensa che tu sia un ragazzo attraente e dice che se io approvo, vorrebbe scoparti anche lei.

Quanto sono fortunato, ho appena mangiato la madre e lei stessa offrendomi la sua figlia ninfa. Mi bacia la bocca e parla;

– Adesso dai, aspetta che ti chiamo per fissare il giorno in cui mangerai mia figlia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *