Storia della corona erotica: ho mangiato il pane al formaggio di mamma, parte 2

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Dopo aver mangiato il pane al formaggio di mamma siamo andati a mangiare, le ho messo il preservativo, le ho aperto le gambe, gliel’ho spinto dentro lentamente, poco a poco, ho cominciato a pompare e lei ha detto:

-Mangia tesoro, tua mamma mangia, fanculo la sua figa.

Ho seppellito tutto con più entusiasmo, sempre più forte, disse con una faccia maliziosa:

-Andiamo a letto, tesoro.

L’ho posizionata sul bordo del letto e con le gambe aperte ho scopato con forza la figa bianca di sua madre, ho accelerato i movimenti, le ho sollevato una gamba, mi sono girata di lato, ho tenuto la testiera del letto e l’ho penetrata con forza. senza pietà e lei parla:

-Mangia tua mamma, mettimi a quattro zampe e mangia il tuo cane.

Ho messo la sua D4 sdraiata con le gambe chiuse e ho messo con forza il mio corpo scorrevole sopra il suo, e chiedendomi di mangiarla, ho iniziato a spingere velocemente, le ho dato una pacca sul sedere bianco e le ho girato la faccia verso il basso. La sua figa grondava di desiderio, tutta bagnata, l’ho seppellita con forza, fermandomi ad ogni entrata per infilarla tutta, poi l’ho abbracciata, stringendola, ho cominciato a penetrarle i capelli, i seni molto velocemente e il letto tremava. Sotto la forza della spinta, il letto si spostò verso il muro.

Ancora una volta ho messo la sua D4 ai piedi del letto e l’ho scopata mentre le sculacciavo il culo, ho detto che voglio mangiare il culo di mamma. L’ho abbassata a faccia in giù, ho applicato molto lubrificante e lei ha detto:

-Lascia perdere, fa molto male.

Altre storie erotiche  mio marito ha detto tutto

Il mio cazzo è entrato con difficoltà ma è entrato, quando la testa è passata dalla porticina del suo culo ha emesso un gemito di piacere ho cominciato ad inserirlo lentamente mi ha chiesto di tirarlo fuori perché si sentiva male, ne sono passato qualche . minuti sentendone il calore aspettando che si espandesse un po’ disse:

-Mettilo nel culo di mamma.

L’ho messo con calma per non farle male, durante quel tempo l’ho masturbata e le ho succhiato il seno, finché non ha detto:

-Vieni dentro, non ne posso più.

Poi sono venuto e lei ha sentito il mio cazzo rilasciare latte caldo dentro di lei. Siamo andati in bagno e poi sul divano per realizzare un’altra delle sue fantasie.

Si è seduta sulla mia faccia davanti a me per succhiarle la figa, l’ho aperta e l’ho succhiata con piacere, passando la lingua sul suo clitoride, sulle sue labbra vaginali e sull’ingresso dove il mio cazzo è entrato con così tanta forza che abbiamo cambiato posizione e abbiamo fatto Esso. …un 69, si è strozzata con il mio cazzo in bocca mentre lo succhiava.

*Pubblicato da kasalele20ela50 sul sito climaxcontoseroticos.com il 03/08/17.