Storia di gruppo erotica: io, il mio amico e il suo amico (3)

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

(Prima di leggere devo spiegarvi che ho pubblicato qui diversi racconti sotto diversi pseudonimi e che ora ho deciso di raccoglierli tutti sotto il mio vero nome, perché non ho più nessun legame che mi trattenga e il caso si risolverà presto essere rivelato. essere il mio libro di romanzi erotici. Spero che vi piaccia tanto quanto prima che eravamo tutti riuniti qui in un grande baccanale letterario. Baci a tutti… Nessuno escluso.)

COSA HA FATTO A SUA MOGLIE (1)

Dopo “IO, IL MIO AMICO E IL SUO AMICO (2) (IL GIORNO SUCCESSIVO)”, le cose non potrebbero diventare più strane, ma lo sono state. Fare sesso con due uomini apertamente gay, travestirmi da fidanzata sexy, fare uno spogliarello per tre ragazzi, fare sesso con il mio ragazzo e una coppia gay sembrava che non ci fosse nient’altro da fare. Ovviamente mi sbagliavo. Qualcuno trova sempre il modo di rendere la situazione ancora peggiore.

Il mio ragazzo è tornato a casa per trovare sua moglie e confrontarla con la verità. Vederla lasciare un club gay con un altro uomo gli ha dato una ragione per tutto ciò che voleva fare. Essendo un po’ idiota, ho pensato che avrebbe rotto con lei e si sarebbe presentato con la valigia alla mia porta. Sarebbe un peccato, perché hanno una bella casa e mentre abbracciavo il cuscino ho pensato di mandarla via senza niente. L’ho immaginata nuda fuori dall’appartamento e, un po’ emozionata dalle possibilità, alla fine mi sono addormentata.

Mi sono svegliato tardi, come mi piace dopo una notte di sciocchezze e senza messaggi in segreteria. Ero sotto la doccia quando squillò il telefono e rispose per me la segretaria. Era la:

– Bellezza mia, chiamami appena lo senti. Sono a casa. Baci.

Quella cosa del “sono a casa” mi è sembrata strana. Non mi chiederebbe di chiamarlo se fosse a casa. Questo non può che essere un buon segno. Finii la doccia con calma e facendo un respiro profondo lo chiamai.

– Perché non hai chiamato a casa?

– Eh?! Non chiamo mai il tuo telefono di casa. – risposi sentendomi strano, ma divertendomi.

– Non importa. – disse pieno di fiducia – Mettiti dei bei vestiti e vieni qui.

– A che ora? – volle sapere senza formulare altre domande.

– Otto ore. Ceniamo. – rispose pieno di fiducia.

– Ma lei?

– Quando arrivi te lo dirò, o meglio ancora, te lo mostrerò.

– COSÌ?

– Otto ore. Bacio. – e ho riattaccato.

Davvero non ho capito niente. Deve aver avuto una discussione dura con lei, l’ha cacciata di casa, non lo so, avevo un sacco di cose per la testa ed erano ancora le tre. Avevo cinque ore di intensa curiosità e c’era un solo modo per risolverlo: la stanza. Indossai un vestito semplice e andai in soggiorno. Senza fissare un appuntamento, avrei bisogno di tempo sufficiente per non restare a casa a rimuginare.

Detto fatto. Alla fine sono tornato a casa con mezz’ora per essere a casa sua. Mi sono messa la lingerie, un tubino nero, dei sandali abbastanza alti, un trucco discreto e sono uscita. Lo informai col cellulare, telefonando a casa sua, che stavo arrivando. Mi ha detto di lasciare l’auto nel parcheggio dell’edificio.

Per curiosità sono salito sull’ascensore e ho suonato il campanello, mi tremavano le gambe. Aprì la porta, mi guardò dall’alto in basso e annuì:

– Sei magnifico. Fra. – Mi ha fatto entrare e mi ha baciato sulla bocca, sulla lingua e tutto proprio lì nel corridoio.

– Vuoi un drink? – Certo che lo volevo. Si è preso cura della mia borsa e siamo entrati.

La sala da pranzo aveva la tavola apparecchiata e un drink pronto che mi aspettava. Ci siamo seduti sul divano del soggiorno e avevo bisogno di sapere:

– Com’era ieri quando sei arrivato?

– Tesoro, vedrai. Non fare domande e goditi semplicemente la serata, sarà fantastico.

Ci siamo baciati, abbiamo bevuto, ci siamo baciati di nuovo e all’improvviso ho sentito qualcuno che faceva rumore vicino a noi. Avevo molta paura.

– La cena è pronta. Posso servire adesso?

Era sua moglie. Non sapevo cosa fare, ma dovevo trattenermi dal ridere perché ero vestita da cameriera.

– Sì, può funzionare, facciamolo. – rispose un po’ impaziente.

Non era un vestito da cameriera qualunque, era uno di quegli abiti sexy, presi dai film erotici o dalla fantasia sessuale della maggior parte degli uomini, almeno quelli che conosco. Gonna corta, grembiule piccolo, copricapo e tacchi altissimi. Rimasi senza parole e lui disse:

– Conosci il mio servitore? – Non ho detto niente. – È fantastica, vedrai la cena che ha preparato.

Entrammo nella sala da pranzo e lui tirò fuori la sedia per farmi sedere. In piedi al tavolo, aspettò che si sedesse e ci servì. La cena consisteva in deliziose grigliate di pesce con insalata, tutto molto leggero e gustoso. Durante la cena iniziava una conversazione con me su argomenti di tutti i giorni e io non potevo rispondere perché non capivo cosa stesse succedendo. Le chiese di servirci questo e quello e la tortura durò tutta la cena. Lei restava impassibile nel suo ruolo mentre lui parlava di noi, della nostra uscita del giorno prima, il tutto con il massimo imbarazzo e stava lì senza dire nulla. Dopo il caffè mi guardò e mi chiese se volevo vedere qualcosa. Ho annuito e lui l’ha chiamata per venire da lui. Le disse di voltargli le spalle e le sollevò la gonna.

Altre storie erotiche  Quasi vergine, MOLTO STRETTO!

– Non hai un bel culo? – mentre giocava con il perizoma tempestato di cristalli che indossava sotto la gonna. Le diede una forte pacca sul sedere e le disse: – Pulisci la tavola, riordina la cucina, mettiti dei vestiti nuovi e torna in soggiorno. Andammo in soggiorno e finalmente lui si degnò di dirmi qualcosa.

– Ieri sono tornato a casa e l’ho sorpresa con il suo amante proprio nel nostro letto. Era terrorizzato quando mi ha visto e ancora più terrorizzato quando ha visto la pistola nella mia mano. Ho ordinato loro di stare nudi davanti a me e lui mi ha raccontato tutto della sua vita sessuale, pensando che avrei potuto salvargli la vita con un colpo della pistola giocattolo che aveva con sé. Non solo questa troia era più di una semplice puttana di strada, ma spendeva anche i miei soldi per i suoi fidanzati, comprando regali e pagando viaggi. Quando la lasciai andare, mi pregò di non lasciarla per strada, perché non aveva un lavoro e sapeva occuparsi solo della casa. “E i suoi amanti!”, aggiunsi mettendola ancora più in imbarazzo. . . Volevo salutarla, ma ho pensato ad altre cose che avrei potuto fare. Dato che sapeva prendersi cura della casa e fare il lavoro sporco, le ho detto che l’avrei lasciata restare solo se fosse stata la mia domestica, serva e schiava del sesso.

Sono rimasto impressionato. Non avrei mai immaginato di avere così tanto coraggio. Pensavo che lui le avrebbe sgridato, lei gli avrebbe sgridato e poi avrebbero fatto sesso, ma no, ha preso uno schiavo. Ha accettato di essere la sua schiava funzionale e sessuale. Sorprendente. Voleva maggiori dettagli, ma lei entrò nella stanza e si cambiò come aveva ordinato.

– Pronto Signore! Ho fatto tutto come mi hai ordinato. – e rimase immobile.

Rivolgendosi a me, disse:

– Tesoro, ecco la nostra piccola cameriera. – Non ho detto niente. – Ha le funzioni della casa e anche altre. Non è vero? – chiese rivolgendosi a lei.

– Si signore.

– Oggi uno di questi è divertirci. – e rivolgendosi a me – Vuoi un massaggio?

Lo ringraziai, ma scossi la testa.

– Cosa vorresti che facesse per te? Puoi chiedere qualsiasi cosa. Lei è obbediente.

– Oh amore mio, non lo so. Perché non scegli? – disse sinceramente.

– Ok allora. Suona musica meravigliosa e balla sensualmente per noi.

– Si signore.

Andò a mettere un po’ di musica e appena il suono uscì dalle casse sparse per la stanza, cominciò a ballare con una certa sensualità. Si avvicinò e mi baciò. Un lungo bacio, ma non ho chiuso gli occhi, guardandola ballare in mezzo alla stanza in un vestitino minuscolo. simile a quello di un servo, ma con alcune varianti. Mi guardò negli occhi e disse:

– Vuoi vedere qualcosa? – e al mio sì, voltandosi verso di lei, ordinò – Sciogliti i capelli!

E lei obbedientemente lasciò andare i suoi lunghi, bellissimi capelli neri, devo dire, raccolti.

– Adesso togliti il ​​vestito lentamente!

Ella obbedì senza batter ciglio e lentamente, sbottonandosi e togliendosi il vestitino, gettandolo a terra. Ciò che attirò la mia attenzione furono le catene. Era un piccolo set di mutandine e reggiseno con catene appese a una piccola collana intorno al collo. Gli stivali e i calzini a 3/4 erano un buon complemento.

– Aspettare! – ordinò, indicando la stanza. – Che ha preso senza nemmeno battere ciglio.

– Mutandine! – e si tolse le mutandine, lasciando il suo corpo coperto di catene.

– Ora mettiti a quattro zampe e striscia da un lato all’altro.

E davanti ai miei occhi, sua moglie si è messa a quattro zampe e ha strisciato lentamente per la stanza, avanti e indietro, finché lui non l’ha chiamata.

– Vieni qui. – Lei arrivò a quattro zampe e rimase con noi.

– Hai visto quanto è obbediente?

COSA HA FATTO A SUA MOGLIE (2)

Eccomi lì, a casa del mio ragazzo, seduta accanto a lui sul divano, dopo una deliziosa cena preparata da sua moglie, che era a quattro zampe davanti a noi, praticamente nuda, con solo stivali e catene sul corpo. La scena più insolita possibile.

Le accarezzò i capelli come se stesse accarezzando un animale domestico e si alzò.

– Adesso il mio schiavo mi spoglierà.

Mi guardò mentre lei obbediente cominciava a spogliarlo. Prima le scarpe, poi la maglietta e i pantaloni. Era un gatto. Non le ha permesso di togliersi le mutande, le ho solo detto di accarezzargli il cazzo.

– Amore mio – e disse guardandomi – lasceremo questa cattiva ragazza legata qui mentre facciamo l’amore.

Non era proprio una mia fantasia, ma per qualche strano motivo mi sentivo eccitato, bagnato. Lei stessa portò una sedia dove si sedette con le gambe divaricate in attesa di essere legata da lui, cosa che lui fece velocemente, ma mentre lo faceva mi chiese di togliermi il vestito.

– Voglio che veda chi amerò adesso.

Mi sono alzato e mi sono tolto il vestito. Sotto non c’era molto, a parte alcune mutandine sexy, scelte con cura ovviamente, e me. Ho gettato il vestito sul divano e ho aspettato. Poi lo bendò con una benda nera e disse:

Altre storie erotiche  Bagno di latte sul viso della giovane troia sposata

– La punizione è che potrà sentirci, ma non potrà vederci.

Lo lasciò lì e camminò lentamente verso di me, poi mise la mano sul piccolo triangolo che era la parte anteriore delle mie mutandine. Lui ricambiò il gesto toccandosi il cazzo sotto la biancheria intima.

– Toglimi le mutande! – Parlò con voce decisa. Abbastanza forte perché lei potesse sentire.

Gli ho tolto le mutande, mi sono chinato davanti a lui e ho lasciato che il suo cazzo mi toccasse la faccia. L’ho baciato. Me lo misi in bocca mentre dicevo allo schiavo:

– Esatto, succhiami il cazzo, ragazza! Delizioso come solo tu puoi farlo.

Non lo nego. Ero eccitato. Di tanto in tanto guardavo sua moglie così da vicino, legata e bendata, e questo in qualche modo mi eccitava. All’inizio sembrava un po’ strano innamorarsi della narrazione. Ha insistito per dirci cosa stavamo facendo.

– Così, tesoro, leccalo tutto… Avanti, infilami il tuo mignolo nel culo… Che carino…

Ma poi, man mano che l’eccitazione cresceva, non me ne sono più accorta e ho cominciato a contare:

– Ti voglio dentro di me… Fammi mettere a quattro zampe così puoi prendermi da dietro… Mettilo dentro… Mettilo dentro…

Cose folli che accadono senza che ci pensiamo molto. Mi sono inginocchiata sul divano e lui è entrato nella mia figa da dietro. Sono arrivata e sono quasi svenuta sdraiata sull’ampio bracciolo di questo enorme divano, con l’enorme cazzo del mio ragazzo dentro di me. Non l’ho chiesto perché ne ero sicuro. Non era venuto. Mi ha accarezzato, mi ha rimesso le mutandine sul culo e mi ha detto che l’avrebbe guardata. Si avvicinò a lei e mettendole una mano tra le gambe mi disse:

– Credi che il mio servitore sia emozionato? – Non ho detto niente e lui le ha chiesto – Perché sei così bagnata?

Si fermò quasi prima di rispondere:

– Mi sono emozionato immaginando come il mio padrone ha scopato la sua ragazza.

– OH! Vuoi dire che ti sarebbe piaciuto vederci scopare entrambi?

– Sì signore, mi piacerebbe vederlo prendere in giro la sua ragazza.

– Vuoi ancora vederlo?

– Naturalmente il sig.

Lui le strappò la benda, l’afferrò per i capelli, le tirò indietro la testa e la baciò sulla bocca. Non mi è piaciuto molto quello che ho visto. Penso che fosse geloso. Sarei anche un grande schiavo. Probabilmente meglio. La lasciò andare e si avvicinò a me sul divano dove stavo e mi chiese:

– Amore mio, ti dispiacerebbe succhiarmi il cazzo così la mia cameriera può vedere quanto lo succhi bene?

Stava iniziando a diventare troppo formale e sciocco, ma non faceva male succhiare il suo cazzo caldo. Non so davvero cosa dire. Adoro succhiare un bel cazzo e adoro anche essere visto mentre lo fa. Comunque, ho pensato che fosse stato un bene averlo fermato. L’ho succhiato a modo mio e lui ha ricominciato a contare. Allora non potevo sopportarlo.

– Basta, Ottavio! Stai diventando un idiota. Non hai già punito tua moglie del cazzo? Ora scopiamoci a vicenda e smettiamola di fare sciocchezze.

Mi guardò terrorizzato e potevo quasi vedere un sorriso sulle sue labbra.

– Dai, dagli il tuo cazzo da succhiare.

Era un po’ imbarazzato e voleva chiacchierare, ma ora comandavo io. Si fermò accanto a lei e fece come gli avevo detto. Volevo esplorare questa donna lì e mi sono seduto tra le sue gambe per assaggiare la sua figa. Controlla se era davvero bagnato. Come è stato! Siamo rimasti così per un po’ finché non gli ho detto di lasciarla alzare dalla sedia, ma di legarle le mani dietro la schiena. Cominciava a piacergli avere uno schiavo. Mi sono tolto le mutandine e mi sono seduto sul pavimento con le gambe divaricate.

– Adesso voglio che me lo succhi e tu glielo infili nel culo.

Lei mi guardò con uno sguardo quasi grato e lui sembrò esitare:

– Ma non gli ho mai fatto il culo!

– Poi? Nel mio l’hai messo più volte, è tutto uguale.

Mi appoggiai sui gomiti mentre il mio schiavo, con le mani legate dietro la schiena, nascondeva il viso tra le mie gambe. Sapeva che in quel caso non avrebbe avuto alcun sostegno e avrebbe dovuto usare il suo viso come tale, o la sua lingua. A proposito, che delizia della lingua. Alla fine ho accarezzato i suoi capelli e le ho detto quanto mi è piaciuta quella lingua nella mia figa. Lei sorrideva ma sentiva il grosso cazzo di suo marito entrarle nel culo. Sicuramente noi tre ci stavamo divertendo molto. Forse perché ero venuto un po’ prima, ero pronto a venire, ma sua moglie porca ha iniziato a venire prima e se non le tenevo la testa tra le gambe, finivo per non venire. Ci è voluto un po’ più di tempo e lui si è riversato nel culo di sua moglie. Mi sono sdraiato sulla schiena, accarezzandole i capelli, che erano molto setosi e piacevoli al tatto.

COSA HA FATTO A SUA MOGLIE (3)

Mi sentivo completamente liberato, godendomi ancora gli ultimi brividi del pompino che mi aveva fatto. Gli ho chiesto di rilasciarla. Appena ebbe le mani libere, si avvicinò al mio corpo, facendo scorrere la lingua su ogni piccola parte, accendendo ogni candela, conosciuta solo da noi, fino a formare questo magnifico candelabro acceso, che poi si accende. È stato davvero un momento poetico. Questa bocca piena di esperienza percorre il mio corpo, le sue mani leggere e delicate accarezzano la mia pelle. Wow, sua moglie era adorabile e sapeva come eccitare una donna. Il suo viso si avvicinò al mio. Sentivo il suo respiro e la sua lingua sulle mie labbra. Ho aperto la bocca e lei è entrata. Non è entrata come schiava. È entrata come proprietaria. Ha cercato la mia lingua, l’ha intrecciata, l’ha morsa. Mi ha morso le labbra, i capezzoli ed ero pronto a venire di nuovo. “Che cosa posso fare?” Niente. Ed è quello che ho fatto. Le sue mani arrivarono alla mia testa, giocarono con i miei capelli, le sue labbra mi baciarono l’orecchio, la sua lingua lo penetrò e la sua voce mi chiese:

Altre storie erotiche  Storia erotica etero - Thayane: rossa tettona e tatuata di Tinder

– Verrà!

Ero lì per provare piacere e questa donna era disposta a darmi piacere. Ho girato. La sua lingua mi scorreva lungo la schiena, dalla nuca fino alla fessura. Le sue unghie mi graffiarono leggermente la schiena e le sue dita entrarono nella mia fessura fino a raggiungere la mia figa. Avevo la testa tra le sue gambe, il braccio al mio fianco. Ho sentito la sua lingua abbassarsi, le sue mani allargarmi le natiche e la sua lingua sul mio sedere. Una delle sue mani era agile e mentre allargava le mie natiche per baciarle, inserì un mignolo nelle mie natiche. L’altro cercava il mio pene, il mio clitoride e lo massaggiava. Inzuppata, usò il mio stesso liquido per lubrificarsi le dita. Ero ubriaco e avrei voluto girarmi e succhiarla, darle tanto piacere, ma il suo piacere era sentirmi gemere, vedermi dimenarmi, intrappolato, immobilizzato.

La tortura durò un po’, ma alla fine mi lasciò girare e sdraiarmi di nuovo sulla schiena. La sua bellissima figa era proprio sopra la mia faccia, pronta a ricevere la mia lingua. A volte le catene fanno male quando colpiscono un osso, ma succhiarlo, esserne risucchiato era oltre i miei sogni. Ha inserito tre dita insieme nella mia vagina, mentre l’altra mano mi faceva vibrare il clitoride, dandomi sensazioni che non sapevo se avrebbero compensato abbastanza.

È stato solo quando ha iniziato a lodarmi che ho pensato di ricambiare in modo appropriato.

– Sei deliziosa… adoro la tua figa bagnata… ero tutta bagnata solo per averti vista nuda…

L’ho già incoraggiata:

– Tipo… Quel… linguaggio delizioso, dannazione! Sai già come succhiarmi… Puttana…

– Puttana…

– Malizioso…

– Puttana…

– Eccitato…

– Delizioso…

Ci siamo scambiati elogi e insulti quando me lo sentivo. Non era un’onda, era un’eccitazione pazzesca, dell’orgasmo incontrollato. Mi sono perso e mi sono divertito, oppure mi sono divertito e mi sono perso. Strinsi le gambe e lei allargò le sue, lanciando il peso dei suoi fianchi contro il mio viso. Ha inserito le dita, ha fatto vibrare l’altra mano e io sono venuto, sono venuto e sono venuto. Sembrava infinito.

Potevo respirare quando si alzò, ma presto fu sopra di me, con la figa in bocca, ma ora vedendo cosa le stavo facendo, disse a suo marito:

– Entra dentro di lei, dannazione! Non vedi che muore dalla voglia di un cazzo?

Ed era vero. La mia figa pulsava e un cazzo sarebbe il benvenuto. È stato molto gradito. Lo ha detto. Sollevò il mio corpo per i fianchi e lo inserì. La mia posizione, sebbene completamente sottomessa, mi dava solo l’opportunità di continuare a ricambiare succhiandole la figa, cosa che incoraggiava:

– Succhiami la figa, bella puttanella… Succhiamelo e questa figa sarà tutta tua… Fammi venire nella tua boccuccia, vuoi? Lascia che la tua figa ti schizzi in bocca, bella troia.

Non mi sono sentito affatto offeso, soprattutto quando ha iniziato a venire e mi ha implorato di metterle un dito nel culo.

-Metti dentro un dito, mettilo dentro, gattino… Mettilo dentro così posso venirti in bocca.

Stavo già venendo di nuovo e non so nemmeno a che ora. Quando lei venne io tornai di nuovo e quando lui mi venne tra le gambe tornai di nuovo e quando lei propose di leccargli il cazzo tornai di nuovo e quando ci baciammo, con quel sapore del nostro sperma maschile in bocca, ritornai e quando eravamo abbracciati, dopo la doccia, profumati, deliziosi, in camicia da notte senza mutandine, ci siamo incontrati di nuovo e poi ci siamo addormentati.

Dov’è? Beh, l’abbiamo legato alla sedia prima che entrasse nella doccia. Dovrebbe essere sempre lì. Così com’è, non deve nemmeno essersi reso conto che i legami sono allentati. Come il.

*Pubblicato da operatore di evasione sul sito climaxcontoseroticos.com il 04/09/20.