Storia di gruppo erotica – Isabel… La mia ninfa sfrenata

di | 15 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Torno a casa e vedo Isabel sul pavimento, ricoperta di sperma, che fissa il soffitto con la sua caratteristica espressione confusa.

Vado in camera mia, faccio la doccia, mi cambio e torno in soggiorno. Non la vedo più lì, non sapevo se era triste o se semplicemente voleva che la vedessi così. L’ho rivista solo l’altro giorno, al ritorno dei miei clienti.

Era domenica verso mezzogiorno, decisi di fargli usare la mia stanza, volevo dormire sentendo l’odore del sesso che fluttuava nell’aria… Questa volta c’erano 3 ragazzi, il mio vicino Henrique, il suo amico Claudio e suo fratello Edson.

I quattro si diressero verso la mia stanza e dopo pochi minuti iniziò una sequenza di urla e gemiti. Ho sentito il mio letto scricchiolare, ho immaginato cosa stessero facendo con la mia dolce Isabel. Ho lasciato che la curiosità prendesse il sopravvento e ho deciso di andare a dare un’occhiata.

La prima immagine che ho avuto non mi lascerà presto, Isabel era a quattro zampe, penetrata da Henrique, mentre succhiavano insieme il cazzo di Carlos ed Edson, mi chiedo come una bocca così piccola possa essere così elastica. I tre infilarono i loro cazzi senza pietà. dentro. Edson afferrò forte i capelli di Isabel, lasciandola arruffata. Nessuno di loro si era ancora accorto che ero lì a guardarli, così ho deciso di prendere una sedia, sedermi e guardarli divertirsi.

Il primo a vedermi è stato Henrique, perché Isabel era girata di spalle, non poteva vedermi, come se stesse progettando qualcosa, Henrique ha cominciato a rallentare la velocità con cui le ha messo il cazzo dentro, ora lo ha messo dentro lentamente. e profondamente. Quando cominciò a calmarsi e a smettere di ansimare, Henrique cominciò a parlare…

-Ti piace il mio cazzo Isabel?

-OH…

Isabel ha risposto positivamente senza lasciare andare i due cazzi che aveva in bocca…

-Scommetto che nessuno ti mangia così delizioso…

-OH…

Sorprendentemente, fu nuovamente d’accordo con Henrique… Per qualche ragione che mi irritò, ma non feci nulla, continuai ad ascoltare.

-Se vuoi, puoi avere questo cazzo tutto per te… Se fossi il tuo maschio, non ti condividerei con nessuno, bellezza mia…

In quel momento, ho cercato di non ridere dell’arroganza di Henrique, anche se era in buona forma e aveva anche un po’ di rispetto…

non era altro che questo.

Ho continuato ad ascoltare le sue sciocchezze con un lieve sorriso, ammetto che volevo sentire la risposta di Isabel…

Sorprendentemente, Isabel si toglie entrambi i cazzi dalla bocca, ancora sudata e ansimante, e si lascia sfuggire un leggero sorriso malizioso mentre accompagna le parole…

-ah Henrique… Con un cazzo così… Basterebbero solo altre due o tre visite da parte tua per innamorarti.

Gli altri due bambini ridevano e gridavano il nome di Henrique come se avesse vinto alla lotteria…

In quel momento mi hanno notato e il disordine è subito cessato. Chiaramente non mi è piaciuto quello che ho sentito, ma non avrei mai lasciato che Isabel lo vedesse.

Ho sorriso e ho detto scherzando.

-Perché si sono fermati? Ho mai smesso di fare sesso solo perché ti masturbi mentre guardavi le mie ragazze?

Isabel mi ha visto questa volta, era la prima volta che i nostri occhi si incontravano da quando parlavo dei miei desideri, del mio desiderio di condividere la mia ragazza, di vendere il suo corpo per pochi dollari… Guardandomi tra le sue spalle, per quanto lei potrebbe. Ho visto i suoi occhi, non sapevo cosa e perché, ma era diversa, non sapevo se fosse felice o infelice quando mi ha visto… ho solo detto loro di continuare.

Questa volta Isabel si è girata verso di me, in modo che potessi avere una visione panoramica di questo bellissimo corpo bianco… Si è avvicinata alle orecchie di noi tre e ha detto qualcosa che non ho sentito, il primo era Carlos. Dei tre, è stato con Carlos che ha parlato più tempo, dopo Carlos ha parlato con Edson, e infine con Henrique, tutti hanno detto ok, anche Henrique, un po’ imbarazzato, ha accettato… Ma ce l’ha fatta. Naturalmente non l’aveva fatto. Non mi piace molto questa idea… Isabel sorrise e lo chiamò idiota…

Altre storie erotiche  Gli inquilini di Seu Abelardo

Come se fosse la cosa più naturale del mondo, Henrique si sdraiò a quattro zampe sul letto, e Isabel cominciò a dargli un bacio alla greca, un bacio alla greca iniziato timidamente, dal quale Henrique si contrasse e a poco a poco si lasciò andare. , tra pochi minuti. secondi. Isabel era già lì, gli stavo leccando il culo senza motivo, lui gemeva come un matto, mentre Carlos gli succhiava il cazzo, Edson è uscito e ha preso il mio cellulare che era sul comodino accanto al letto e gliel’ho passato . .

-È per questo ?

ho chiesto

-È stata Isabel a chiedermelo.

Edson ha risposto.

-Com’è?

Isabel, che stava impazzendo succhiando il culo a Henrique, si è fermata un attimo e mi ha spiegato…

-Pensavo che sarebbe stato divertente se il nostro momento fosse stato filmato, dopo tutto… Non capita tutti i giorni che un giovane come Henrique si tolga la verginità anale, vero ragazzi?

-Com’è!?

»chiese Henry, spaventato.

-Tu stesso ieri hai detto che nessuna donna poteva maneggiare il tuo cazzo, che stava per nascere una donna che ti avrebbe fatto chiedere una pausa, vero? Quindi scommetto sui tuoi amici se riesco a realizzare questa impresa.

-fdp ci puoi scommettere il culo!?

-Mio Dio, hai paura di questa ninfetta?

chiese Carlo.

-Ovviamente no!

-Bene, perché stiamo scommettendo un sacco di soldi su di te, Isabel ha detto che se perde ce li darà gratis finché non li vorremo più…

Henrique allora aprì un ampio sorriso e accettò.

-Non ero d’accordo con questo!

Ho parlato con indignazione

Isabel, che aveva ancora 4 anni, mi sorrise semplicemente affettuosamente e, in un batter d’occhio, disse a bassa voce…

-fidati di me

Non avevo niente da dirgli… alzavo semplicemente le braccia e mi sedevo di nuovo…

Henrique tentò di alzarsi ma Isabel lo rimise a quattro zampe e ricominciò a succhiarlo con più energia e anche a salivare, come se ciò non bastasse, lo masturbò addirittura, facendolo emettere fortissimi gemiti…

Carlos non era un amico, sembrava non volesse che vincessi la scommessa, cominciò a masturbarsi molto vicino al viso di Henrique, fece solo venire Henrique molto, sporcandomi tutte le lenzuola…

Sospettavo che Henrique avesse tendenze omosessuali, ma sembrava che il suo amico volesse esprimere questa idea… Nel frattempo, Isabel sorrise di piacere alla prima eiaculazione di Henrique. A volte mi guardava per vedere se stavo prestando attenzione. Avevo già capito tutto, era lei che mi prendeva in giro… Ma non mi lasciavo prendere, continuavo a stare al gioco e vedere dove mi portava.

Edson, a differenza di Carlos, ha deciso di concentrarsi sul far venire Isabel, sia per l’onore di suo fratello, sia perché era un vero pervertito, non voleva lasciarle andare il culo… La succhiò con tanta o più lussuria che Isabel è di Henrique… Lui ha iniziato una DP, con 3 dita nella sua figa e penetrandole il culo con la lingua, abbiamo sentito solo gemiti da parte di tutti e quattro…

-Edson fermati… Poi finirò per venire…

Isabel barcolla lentamente dopo essersi divertita anche lei… Con l’aria di una bambina viziata insoddisfatta, anche lei avanza verso Edson.

-Scusa se non ti ho prestato attenzione, tesoro… Allora ti piace succhiare?

Isabel si siede sul viso di Edson mentre Henrique, ora sdraiato, si sta ancora riprendendo…

Isabel adesso prestava particolare attenzione a Edson, rotolandogli sulla faccia e stringendogli i capelli…

-Non c’era motivo di essere geloso, volevo darti ascolto… Guarda come mi hai lasciato, ora dovrai fare pulizia, birichino…

» Lo disse schiaffeggiando Edson.

La parte migliore era che Isabel non aveva nemmeno 20 anni e stava letteralmente dando il tè alla fica a questo ragazzo più grande.

Edson, dal canto suo, non che lo schiaffo fosse di poco conto, e adesso stava bevendo tutto il piacere di Isabel come un animale, succhiandola così tanto da farla addirittura esplodere.

Altre storie erotiche  Il giorno in cui ho mangiato la ragazza del mio vicino.

-Oh… Continua a succhiare così… Bastardo! Ti piace così tanto succhiare le ragazze?

-Mi piace…

-Allora finiscimi la figa, pervertito… Succhiami come un uomo!

Poi Edson, che si masturbava freneticamente, finì per venire freneticamente, imbrattando la schiena di Isabel, che non gli prestava molta attenzione…

Con l’aria di una ragazza che ha ottenuto ciò che voleva, con un piccolo bacio sulla guancia di Edson, lo lasciò riposare e si rivolse a Henrique.

-Vendimi Henrique Carlos?

Isabel e Carlos sembravano determinati a distruggere la reputazione gastronomica del ristorante. Enrico. Dopo averlo bendato, Isabel si limitò a sorridere a Carlos che ne capì il significato. Messaggio.

Isabel iniziò a fare un pompino a Henrique mentre scuoteva e spalmava Edson su tutto il viso di Edson, iniziò a succhiare la testa del cazzo di Henrique e scese sbavando fino a gocciolargli sulle palle, succhiò e leccò tutto il suo cazzo come un bravo gattino. Ma per Henrique era normale, e lei non lo avrebbe fatto venire così, questo è quello che ho pensato finché Carlos non ha iniziato a sussurrare all’orecchio di Henrique…

-Ecco, Henrique… Spingi forte, immaginami lì!

-Stai zitto, frocio!

-Sei tu il frocio qui! Stai zitto e immagina! Pensi che non veda il modo in cui mi guardi, frocio…

-Non sono… non sono un frocio! Basta con questa merda!

Non avevo idea che Isabel fosse così cattiva… Non solo veniva succhiata e succhiata alla pecorina, ma stava facendo diventare gay un ragazzo! Non aveva limiti e questo mi emozionava…

-Isabel chiuse la sua piccola bocca proprio sulla testa del cazzo di Henrique e cominciò a forzarla…

Carlos parlò all’orecchio di Henrique…

“Immagina di mangiarmi”

-per favore fermati…

Henrique implorò, quasi piangendo…

-Isabel, in quel gioco di sodomia con la bocca, si è ritrovata con molto sforzo e compressione, ad afferrare il cazzo di Henrique…

-Aaahahhhh

Henrique si stava divertendo molto con questo gioco, credo… Perché in quel momento vidi che dai suoi occhi uscivano anche le lacrime… Venne così forte e così forte che Isabel chiuse gli occhi in segno di resistenza. . Non avrebbe lasciato andare quel cazzo finché non avesse succhiato fino all’ultima goccia della virilità e dell’energia di Henrique.

Dopodiché, Isabel sembrava uno scoiattolo con le guance gonfie di sperma e un cazzo in mezzo alla bocca. Dopo aver deglutito, continuò a succhiare il cazzo floscio di Henrique, finché lui non chiese finalmente una pausa…

Erano quasi le sette del pomeriggio. Edson se n’è andato, non voleva vedere suo fratello “scopare”, prima di partire lui e Carlos mi hanno dato la cifra che avevano concordato, una cifra molto alta tra l’altro. Prima di partire, Carlos sussurrò qualcosa all’orecchio di Isabel e se ne andò anche lui.

Eravamo solo io, Isabel e Henrique. Ho iniziato a filmare come mi aveva chiesto, Henrique si è spaventato un po’ quando Isabel ha iniziato ad applicare il gel che aveva nel cassetto. Ma con amore Isabelle lo calmò…

Ha detto che non era un frocio, che lo avrebbe fatto solo per dimostrare che era un uomo. Isabel semplicemente ascoltava in silenzio in segno di complicità…

Con un forte abbraccio mise la testa di Henrique tra i suoi seni, lui pianse dicendo che aveva sempre desiderato provare la sensazione di essere penetrato da una donna, Isabel si limitò ad accarezzargli i capelli con un sorriso, non malizioso come prima, ma un sorriso sereno, Del tipo che cedeva sempre quando volevo calmarmi…

Ammetto che ho provato gelosia guardando questa scena, ad un certo punto ho deciso di interrompere le riprese e di lasciare questa stanza. Ma sono rimasto sorpreso quando ho visto le dita di Isabel penetrare gradualmente il culo di Henrique…

Questa cagna! Stava calmando Henrique solo per poterlo penetrare e portare a termine la scommessa…

-Aaaaha

Era l’unica cosa che Henrique poteva dire.

Isabel guardò le espressioni di Henrique… Mordendosi le labbra mentre tirava i capelli di Henrique, in modo che non distogliesse lo sguardo…

Altre storie erotiche  Il! L'ho dato a Seu Antônio dalle pulizie

-Resta così, ok?

Rivolgendosi a Henrique, ora di fronte al suo orecchio, gli parlò, mentre lo penetrava con le dita… Con l’altra lo masturbava…

-Ecco… Bravo ragazzo, lascia tutto! Vieni a trovarmi, vuoi…? Non eri il mio uomo?

Si stava divertendo con tutto… Mi guardava e anche se cercava di nasconderlo, il modo in cui muoveva gli occhi verso di me, la posizione delle sue sopracciglia, i micro sorrisi che mi regalava… C È come è riuscita a portarmi via da lì, mentre io mi incoraggiavo a continuare a guardarlo…

Henrique venne per l’ultima volta tra le sue mani, un forte sollievo, ho potuto vedere la sua vera felicità e soddisfazione, anche in Isabel che sorrideva vittoriosa mentre “lamentava” che le sue mignoli erano state massacrate quando finalmente finiva di godere, dopodiché Henrique se ne andò , nonostante fosse soddisfatto, non mi guardò quando se ne andò…

La mia sola reazione è stata l’applauso per il piccolo spettacolo d’Isabel alors qu’elle serpentait maintenant à travers le lit et touchait son corps encore sensable comme una chat en chaleur… Les yeux fermés et se léchant les lèvres, elle m ‘ha detto…

-Ti piace il mio amore? Era così che mi amavi?

-Se penso

-Je suis content si je t’ai plu, à vrai dire j’ai toujours aimé faire ces chooses, ça me fait juste mal d’être seul après que tout soit fini, mais ça ne t’arrivera pas, n’est- Non è ? Non mi lascerai, vero?

-No… Non finché ti approfitti di me, Isabel. Non ho davvero bisogno di soldi, ma mi eccita vederti così. Ti trasformerò in una donna alla quale nessun uomo resisterà… La mia signora, quella che tutti desiderano, ma sfortunatamente per loro, desidererà solo me. E chi vorrà davvero averti per un attimo… dovrà pagare caro, l’equivalente del tuo valore di Donna…

L’ultima domanda che avevo era…

-Come hai scoperto l’omosessualità di Henrique?

-Non so se fosse davvero gay, ma è stato facile arrivare a quella conclusione visto che il suo anellini non era immacolato, le sue pieghe erano rotte, ho solo collegato i punti.

-E se Carlos ti aiutasse?

-L’aiuto di Carlos è stata una piacevole sorpresa, ma non gratuito, dovrò eseguire volontariamente e liberamente alcuni dei suoi feticci…

-E con quale diritto hai preso tutte queste decisioni?

-Tutto è per farti piacere, amore mio… Vedi quanti soldi guadagniamo, non ti piace avere una moglie così preziosa?

Non avevo voglia di chiacchierare… gli ho solo chiesto cosa intendesse con questo video registrato.

-Lo manderò in regalo a Henrique. Penso che questo video dovrebbe commuoverti…

Nel profondo sapevo che questa registrazione avrebbe dovuto provocarmi più di ogni altra cosa, ma ho lasciato perdere…

Voleva sentire il sesso in questa stanza, le ho detto di dormire così, era tutta sudata ma ancora più stanca… Poi non ha risposto. Abbiamo dormito insieme con l’odore del sesso nell’aria, almeno questo era quello che volevo… Tuttavia, più mi avvicinavo al corpo di Isabel, più sentivo quel caratteristico odore dolce di giglio… Alla fine, No non importa quanto desiderasse l’odore del sesso… il dolce odore di Isabel poteva essere ancora più inebriante…

Con questo finiamo la notte, una notte in cui, anche se non lo ammettevo… ho provato una fitta di gelosia quando ho visto Isabel con tanti uomini… Ma a poco a poco intendo eliminare questo sentimento. ..

*Pubblicato da dicoelho sul sito climaxcontoseroticos.com il 22/07/19.