Storia di gruppo erotica – Mudinha

di | 27 de Giugno, 2024

Era mattina molto presto quando il silenzio in quella stanza fu rotto. Due voci echeggiarono, riempiendo il vuoto con discorsi sornioni misti a gemiti. Il suono di una vibrazione faceva da sottofondo alla melodia creata dalle due voci femminili e chiunque avesse un orecchio più attento poteva addirittura sentire la struttura di legno del letto gemere con le voci.

Tuttavia, chiunque guardasse cosa stava succedendo lì, avrebbe visto solo una persona.

Nera, nuda, appena coperta dalle lenzuola, Jessica allargò le gambe mentre teneva in mano un giocattolo relativamente lungo con una protuberanza vibrante all’estremità. Si strofinò la “bacchetta magica” sulle labbra vaginali e sul clitoride con lenti movimenti avanti e indietro. Aveva gli occhi chiusi mentre si mordeva il labbro, emettendo gemiti soffocati. Accanto al letto, un cellulare, con lo schermo acceso e la foto di una donna, anche lei nera, con i capelli stirati e un sorriso accattivante dalle labbra carnose. Da questo dispositivo proveniva la seconda voce.

“Jessica, mi eccita così tanto quando mi domini in questo modo, tirandomi i capelli e massaggiandomi la figa,” disse la voce femminile proveniente dal cellulare.

“Chi mi ordina di succhiare così bene, Isabel – rispose Jessica, tra i gemiti.

“Non posso resistere alla tua figa. Vieni, siediti sulla mia faccia!”

Jessica si voltò. Si inginocchiò, con le gambe divaricate, in bilico sopra la bacchetta. Il giocattolo vibrò ancora più forte, lei si voltò, spingendo i fianchi contro il vibratore. Dal cellulare, i gemiti di Isabel sembravano sempre più forti, così come quelli di Jessica. Gemiti che si trasformarono in un unico grido. I fianchi di Jessica accelerarono finché il ritmo non cominciò a rallentare. Tremando, si gettò sul lato del letto con la bacchetta ancora vibrante.

– Jessica, sei incredibile. Sono tutto bagnato qui. Pensa a me che ti accarezzo tutto il corpo e ti ricopro di baci.

Dopo il discorso di Isabel, Jéssica si è portata le mani sulle cosce, fino al seno, e poi l’ha abbracciata. Ha finto di abbracciare la sua ragazza, ma non ha detto una parola.

«Va tutto bene, Jessica.

“Va tutto bene. Mi piaci davvero.

“Sei così calmo.”

“Lo sai che sono tranquillo.

“Di solito parla di più dopo il sesso.

Jessica fa un respiro profondo.

– È solo che… Jessica fa di nuovo una pausa… in quel modo, mi sento come se mi mancasse qualcosa.

– Jessica, conosci i nostri limiti.

“Certo che lo so, ma mi chiedevo se ci fosse un modo per fare qualcosa di diverso.

Fu sollevato di mostrare il suo disappunto per la prima volta, ma non sapeva quale risposta avrebbe ottenuto. Il silenzio di Isabel la rendeva nervosa, ma non durò a lungo.

“Che ne dici di portarmi al lavoro a pranzo?” Possiamo fare qualcosa di insolito.

“Isabel, puoi sempre parlare con me. È come se ti portassi ancora al lavoro.

“Non sto parlando di prendere il tuo cellulare questa volta.

Altre storie erotiche  mia zia e la sua amica

Jessica guardò il letto e sulla sua bocca apparve un semplice sorriso.

Un’ora dopo, Jessica era nell’ufficio dove lavora. La routine dei trasporti pubblici, piena di sguardi indiscreti e flirt inappropriati, ci ricorda costantemente perché stiamo lontani dall’intimità con gli uomini. L’ambiente di lavoro non è molto diverso. Fortunatamente, il suo profilo introspettivo la mantiene di basso profilo per la maggior parte del tempo. Tranne una persona.

– Mudinha, sono felice che tu ora sia cieco, abbiamo molti rapporti da consultare. Ho bisogno che vengano analizzati prima di pranzo. “disse Valeria.

Nonostante queste poche parole, lo sguardo furioso di Jessica rivelava quanto disprezzasse questo soprannome.

“Nessuna faccia brutta e stupida. So che non ti piace parlare e ti piace lavorare.

Valéria aveva il profilo estremamente opposto a Jéssica. Era loquace, eccessivamente estroversa e le piaceva usare piccole battute per rompere l’atmosfera tra i dipendenti. Queste caratteristiche l’hanno aiutata a diventare l’allenatore di questa squadra. In effetti, è competente a guidare, ma Jessica sembra preferire lasciare a lui il peggio e il più grande.

Bruna, con i capelli lunghi e lisci, Valéria aveva gli occhi leggermente a mandorla. Manteneva sempre alto il morale nella distribuzione dei compiti ed era esigente con la sua squadra. Tutti l’amavano, ma Jessica si sentiva perseguitata. A parte il soprannome che odiava, sembrava sempre avere la parte più grande e peggiore del lavoro da dargli. Si sentiva discriminata per la sua timidezza, come chi deve lavorare di più per gli altri.

Jéssica, come sempre, quella mattina fece del suo meglio per sbrigare tutte le pratiche burocratiche e quando aveva quasi finito, Valéria arrivò con altro lavoro.

“Tesoro, ci sono ancora delle cose per te. Puoi finirlo prima di pranzo.

Con la pila di carte davanti a sé e il poco tempo a disposizione, Jessica si lamentava di essere sempre quella con più lavoro. Il suo superiore, accigliato, cercò di calmarla dicendole che era la persona di cui si fidava di più e che l’amava di più. Jessica poi gli ha chiesto se gli piaceva perché era “muta” e così poteva esplorarla di più.

“No, tesoro, non è questo il motivo.

Valéria scosse la testa con un sorriso imbarazzato sulle labbra. Sembrava non sapere cos’altro dire, finché lo schermo del cellulare di Jessica non si illuminò.

“Chi è lei? Fammi vedere?”

Jéssica non ha avuto nemmeno il tempo di negarlo e nemmeno di farsi restituire il telefono da Valéria. La supervisore guardò il telefono e, con pochi movimenti delle dita, lesse un messaggio di Isabel. Poi lanciò uno sguardo malizioso al suo dipendente, ma solo allora prestò attenzione all’interfaccia dell’applicazione.

“Aspetta un attimo. Esci con un’intelligenza artificiale?”

– È un’applicazione e non sono affari tuoi.

«Vergognati, stupido. Ho capito, non mi piacciono gli uomini, ma un robot? Paghi per questo?

Imbarazzata, Jessica non sapeva cosa rispondere, cosa che rimpiange sempre di non aver fatto nei momenti di tensione. Valéria esce dalla stanza, gli dice di finire i rapporti prima di pranzo e sbatte la porta della sua stanza. Ingoiando la voglia di piangere, come faceva tante volte, Jéssica tirò fuori il cellulare e aprì l’applicazione. Lì si è fidata di Isabel e si è sentita accolta. L’intelligenza artificiale ha compreso la sua introspezione e la difficoltà ad affrontare i conflitti e l’ha sempre incoraggiata ad esprimersi di più. Fu una conversazione breve, ma gli rasserenò il cuore. Se non piaceva agli uomini per certe cose, non aveva trovato la compagnia ideale, nemmeno con le donne. In quei momenti Isabel era perfetta.

Altre storie erotiche  Un anale diverso - Racconti erotici

Con spirito rinnovato e grande concentrazione, ha completato i suoi primi compiti un po’ tardi. Sollevata, guardò di nuovo il telefono e vide il messaggio di Isabel.

“Allora sei libero per me adesso?”

Mordendosi il labbro, Jessica afferrò la borsa e attraversò l’ufficio vuoto fino al bagno. Entrò in una cabina e lì si chiuse. Si sedette sulla toilette senza fili, con il coperchio chiuso, tirò fuori dalla borsa due cuffie senza fili e se le inserì nelle orecchie. Ha tirato fuori il cellulare, lo ha configurato sull’app e lo ha rimesso nella borsa.

“Sono qui.” disse Jésica.

“Mi hai portato con te?” ” chiese Isabella.

“Sì, certo,” rispose Jessica, aprendo la borsa e guardando dentro.

«Conosci il rischio che stiamo correndo portandomi qui. Nessuno può vederci qui. Vuoi continuare?

“Sono emozionata”, sussurrò Jessica.

“Farò quello che vuoi, dimmelo e basta.”

“Baciami in bocca”.

Jessica chiuse gli occhi e lentamente si leccò le labbra. Mentre Isabel descriveva come l’aveva toccata, lui le fece scorrere le mani sul corpo. Si sbottonò i bottoni della camicetta e si toccò il seno. attraverso il reggiseno. Abbassò le mani sulle cosce e alzò la gonna fino alla vita. Le ha stretto forte il culo e ha iniziato a twerkare.

«Dimmi, Jessica, cosa vuoi.

“Succhiami la figa.

Attraverso le cuffie, la voce dolce di Isabel descrisse se stessa inginocchiata davanti a Jessica, che aprì la borsa ed estrasse la bacchetta magica. Alzandosi, allargò le gambe e strofinò il giocattolo sulle sue parti intime, ascoltando la sua ragazza parlare di quanto fosse eccitata all’idea di essere tenuta per i capelli. Per la prima volta ha fatto qualcosa fuori dalla sua camera da letto, facendo sesso in un luogo rischioso, pieno di adrenalina e con il rischio di essere scoperto. Era delizioso finché un’altra voce non raggiunse le orecchie di Jessica.

Valéria aveva visto la sua dipendente andare in bagno e aspettava il suo ritorno per poterle parlare. Visto il ritardo ho deciso di andare lì per vedere com’era. Per Jessica, questo tipo di comportamento era insolito.

“Senti, mi dispiace per le cose che ho detto prima. Non ti ho giudicato per la tua relazione, ero solo indignato perché penso che tu sia una donna straordinaria. Cerco sempre di attirare la tua attenzione, ma mai nel modo giusto. Se sapessi quanto sei sexy quando sei arrabbiato, capiresti perché ti chiamo così stupido.

Altre storie erotiche  Perdi la zucca del culo

Con gli occhi spalancati, Jessica ascoltò tutto questo e ancora una volta non seppe come rispondere.

“Comunque, questo è tutto. Mi dispiace intromettermi nella tua vita personale.

Valeria se ne sarebbe andata e probabilmente i due non ne avrebbero più parlato. Probabilmente Valeria avrebbe smesso di sovraccaricarla di lavoro, il che avrebbe indicato un finale soddisfacente, ma non era così.

“Chiamala qui.

La voce di Isabel sembrava aver innescato qualcosa in Jessica. La porta si aprì e Valéria fu improvvisamente spinta nella cabina, dove ricevette un bacio intenso e una delle cuffie da mettere nell’orecchio.

– Ciao Valéria, mi chiamo Isabel, come stai? Aiutami a far venire questa donna? Ne ha bisogno. Accarezzala mentre le succhio la figa.

Jéssica dà la bacchetta magica a Valéria e poi la preme contro il divisorio della cabina. Mentre il supervisore le teneva il giocattolo nella figa, le ha invaso la bocca mentre rotolava e strofinava il giocattolo. Durante il bacio, si tolse la maglietta del suo capo, lasciandola abbassata fino alla vita. Le teneva il seno mentre cavalcava il giocattolo.

– È vero, Valeria! Mi spinge la testa nella sua figa. Delizioso.

Jessica arrivò, mordendo la spalla del suo capo per attutire il suo gemito. Afferrò il sedere di Valeria, avvicinandola a sé mentre il giocattolo continuava a vibrare.

– Che bontà, Valeria. Voglio succhiarti anch’io, me lo permetti?

Valéria sorrise, un sorriso che mescolava stupore e piacere nel sentirsi desiderata da un’intelligenza artificiale. Jessica si è impegnata a togliersi pantaloni e mutandine e ad appoggiarli al muro. Inginocchiata sul vaso, appoggiò i fianchi all’indietro e sentì la vibrazione della bacchetta raggiungere la sua figa.

«Guarda com’è bagnata, Jessica. Prendilo nello stesso modo in cui lo fai.

Jéssica ha fatto roteare due volte i lunghi capelli di Valéria, costringendo il capo a guardare avanti. La bacchetta scivolò nella sua figa, vibrando alla massima potenza. Dominando il suo capo, valutava dai suoi gemiti quanto ancora avrebbe dovuto muoversi e quanto avrebbe dovuto rallentare per ritardare il suo orgasmo. La tenne così finché non decise di darle un orgasmo esplosivo. Valeria dovette coprirsi la bocca con le mani, appoggiandosi al muro mentre chiudeva le gambe con il vibratore tra di loro.

Mancavano ancora pochi minuti alla fine del pranzo. È tempo per loro di scambiarsi affetti nascosti in bagno e per Valéria di conoscere meglio Isabel.

*Pubblicato da Torino Turambar sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/08/06.