Storia di gruppo erotica – STILISTA DI SLUT (PARTE FINALE)

di | 15 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Mi chiamo Maria Célia, tutti quelli che hanno letto la prima parte della mia storia sanno come sono finita per regalarla a un ragazzo di 18 anni di nome Carlos, che viveva in una repubblica accanto a me, dove ho uno studio, come se Ero uno stilista. e lavorare da casa.

Ma lasciatemi continuare, appena Carlos se n’è andato sono andata in camera mia e ho fatto una lunga e piacevole doccia, rivivendo momenti appena accaduti, mentre io ero già in camera a togliere le lenzuola, mio ​​marito ha avuto un momento di senso di colpa. È stato solo un attimo, perché conosco il mio uomo, anche se non ne ero sicura, sapevo che quel bastardo si divertiva con altre donne quando viaggiava come fece quel giorno.

Anche se mi sbarazzo di questa sensazione, ho paura che un’altra ne prenderà il posto. Aveva chiesto a Carlos di mantenere un segreto, anche se dubitava che ciò accadesse, dopo tutto aveva 18 anni, era un uomo. Ha continuato a vantarsi con i suoi amici di aver scopato il suo vicino più grande. Penso che parlerei anch’io al posto suo, l’idea mi sembrava divertente, ma la paura persisteva. Il tempo passò e non accadde nulla.

Un pomeriggio ero di nuovo arrapata, non volevo solo i miei giocattoli, volevo un cazzo vero, erano le 3 del pomeriggio, aspettare il pomeriggio in cui sarebbe arrivato mio marito e saremmo andati in camera da letto era ancora molto tempo Il lavoro in studio non era preoccupante.

– Beh, l’hai già fatto una volta, perché non farlo ancora? – pensai, alzando il telefono e chiamando Carlos, che rispose al secondo squillo.

– Ciao, come stai ? – Mi ha salutato così.

– Più o meno – dissi ridendo – Avevo bisogno di un favore da parte tua – aggiunsi.

– Cosa sarebbe quello?

Ho sorriso tra me e me pensando alla sua reazione: ho bisogno di un favore sessuale da te, ok? – Ho parlato a bassa voce per capire. Mezz’ora dopo arrivò Carlos. Gli ho detto di venire appena arrivato e di andare direttamente in studio.

Quando è entrata, ero seduto nudo sulla sedia e strofinavo uno dei miei giocattoli sulla sua figa già molto bagnata. Rimase lì, guardandomi come non mi aveva mai visto prima, con la bocca aperta, già toccandosi il cazzo sotto i pantaloncini.

Sorridendogli maliziosamente, ho lasciato il mio giocattolo sulla sedia. Mi sono avvicinato lentamente a lui – Cavolo, sei fantastico – disse infine.

– No. Non sono fregato, amore mio. Voglio scopare – dissi, allontanando la sua mano, mettendo la mia al suo posto, stringendogli il cazzo.

– Questo è ciò che mi piace. Pronto per lavorare – dissi mentre gli sbottonavo i pantaloncini e li lasciavo cadere.

Ho infilato la mano nelle sue mutande, afferrando quel giovane cazzo palpitante. Con l’altra mano lo tenevo per la nuca, attirandolo contro i miei seni, i cui capezzoli erano più che duri.

– Così, ragazzo. Succhia qui le tette di mia zia – dissi ridendo di me, ma piuttosto emozionato.

Siamo rimasti così per un po’ finché non l’ho respinto. Mi guardò con occhi maliziosi, per la prima volta si mosse per baciarmi. Non l’ho respinto, l’ho baciato con entusiasmo e desiderio.

Poi gli ho baciato il collo e poi mi sono inginocchiata davanti a lui. Le ho tolto la biancheria intima. La sua coda saltò sbavando verso di me. Ho dato diverse leccate alla succulenta testa, poi l’ho presa in bocca e l’ho succhiata avidamente. Ho sbavato su quel cazzo palpitante.

Carlos mi ha afferrato la testa, mi ha scopato la bocca con piacere più volte, dicendo: – Non ti piace scopare. Adora avere un cazzo in bocca. Come l’ultima volta, sono ancora arrapato e soffoco una o due volte.

Questa volta l’ho spinto via alzandomi – Carlos, adoro farmi scopare in bocca, ma devi imparare ad andare più piano – dissi tenendolo per il mento con la punta delle dita. Mi guardò semplicemente con un misto di sorpresa e comprensione.

“Dai, tesoro”, dissi, tirandolo per il cazzo. “Vieni, scopami, vieni.”

Ci siamo avvicinati alla mia sedia, dove mi sono messo a quattro zampe, appoggiandomi allo schienale. Guardandomi alle spalle, ho detto “fanculo alla mia figa, Carlos, lei muore dalla voglia di prendere un cazzo”.

“Prendilo, troia,” disse mentre si sistemava dietro di me, dirigendo il suo cazzo verso l’ingresso della mia figa gonfia.

“Ecco qua, oh,” disse, mettendo quasi tutto in un mate. Ma per quanto fossi bagnata, non c’è stata nemmeno una protesta, la mia figa ha ingoiato con piacere quel delizioso cazzo.

Tenendomi per la vita, mi ha colpito forte e io ho gemito deliziosamente – come se fossero pugni… Fanculo. Mangia la figa del mio cane.

Carlos mi ha dato uno schiaffo. Muovi il culo, stronza.

– Allora, ometto mio. Piacere. Maledizione, maledizione, ho guidato in un modo che quel ragazzo non dimenticherà mai. Ho fatto lentamente dei cerchi con il culo con il suo cazzo infilato nella mia figa.

– Wow – Ha detto solo questo.

Ho continuato a colpirlo per un po’. Ora colpisci tuo figlio di puttana, colpisci forte tuo figlio di puttana.

Mi hanno obbedito immediatamente, il mio desiderio non ha fatto altro che aumentare. Ne volevo sempre di più – Oh delizioso – gemetti ad alta voce – Mangiami il culo – dissi

Carlos me lo ha tolto dalla figa un po’ frettolosamente, ha subito voluto mettermelo nel culo. Ma l’ho fermato. – Calmati. “Non preoccuparti, devi sapere come prendertelo nel culo,” dissi alzandomi e raccogliendo il mio giocattolo.

– Lui viene. Andiamo in camera mia e mi giro con lui che mi segue.

Quando sono arrivato ho preso un gel che gli ho spalmato su tutto il cazzo – Con calma – dissi mentre ero sdraiato sul letto.

– Vieni qui – dissi alzando le gambe e appoggiandole sulla sua spalla – ora appoggiamele lentamente sul sedere. Lentamente.

Ho preso il suo cazzo e l’ho messo all’ingresso del mio culo, che sbatteva le palpebre dal desiderio di riceverlo.

Tenendolo sempre in braccio gli dico: Spingi lentamente. Obbedisce obbediente.

Mi sentivo come se mi stessero forzando la testa, il gel mi ha aiutato molto, perché è entrato velocemente – Tutto qui, lentamente. Continua a spingere – Presto fu tutto dentro di me, lo sentii pulsare nel mio anellino.

– Si Così. Tutto compreso. Rimani così per un po’; Era logico che mi stesse già picchiando senza pietà.

“Culo stretto,” disse con un sorriso malizioso.

– Ora. “Ma mangia lentamente,” disse, lasciandolo andare.

Ho capito perché Carlos era un ottimo studente all’università, sapeva eseguire gli ordini ed era diligente. Cominciò a muoversi dolcemente, sentì il suo cazzo scivolare lentamente fuori quasi completamente e poi rientrare di nuovo. Ha continuato il passo finché non ho parlato – un po’ più velocemente adesso – e ha obbedito con gioia.

– Proprio così, mia brava studentessa, così, vedi… Oh… Yum… Non è… Complicato… Oh… Così – gemette, passandosi la mano sulla sua deliziosa figa . .

– No, non è così… Professore dal culo bollente – disse cominciando ad accelerare il ritmo, capendo già come si faceva.

– Mangia la maestra – gemetti, cercando il mio amico di silicone.

Se Carlos è rimasto impressionato da quello che ho fatto, non me lo ha detto. Ho cominciato a strofinare il mio dildo sulla sua figa e poi a inserirlo dentro di lei, producendo una generica doppia penetrazione, dato che uno dei cazzi non era reale. La doppia penetrazione era una mia fantasia che avevo sempre avuto.

Essendo stato scopato nella tazza da un cazzo delizioso e nella figa dal mio piccolo giocattolo, stavo rapidamente raggiungendo il mio climax – Oh delizioso, fottuto ragazzo, fottimi il culo, sperma dentro, riempimi di sperma.

Carlos aumentò il ritmo, ansimava e sapeva che presto sarebbe venuto. Ho aumentato il mio ritmo nella figa il più possibile. Poi l’ho sentito esplodere nel sedere. Ho sentito il suo cazzo gonfiarsi e versare il suo sperma dentro di me. Con un grido di piacere lo seguii in quella direzione, godendo come una cagna in calore.

Poi, quando l’ho accompagnato fuori, gli ho chiesto: Carlos. Sii onesto, l’hai detto ai tuoi amici?

– No. Non l’ho detto, ma ho capito che mentiva.

– Di’ la verità, senza paura – disse.

Abbassò la testa e mormorò: io… io… te l’avevo detto. Mi dispiace.

Ho smesso di guardarlo seriamente, finalmente ho detto: – Va bene. Pensavo che l’avresti detto anche se te lo avessi chiesto. Troppo tardi o troppo tardi

“Mi dispiace,” quasi implorò questo piccolo angelo biondo.

– Cos’hanno detto?

Ha abbassato la testa, ho capito che aveva paura. Per questo ho insistito. L’ho afferrato per il mento e gli ho fatto alzare la testa per guardarmi – ha detto Carlos. Cos’hanno detto?

Tregua. – Hanno detto che sono stato fortunato a catturare uno sgombro come te. “Volevano la mia occasione”, ha detto, arrossendo.

Riesci a credere che invece di essere arrabbiato, fosse molto felice, così A 45 anni ero ancora ammirato dai ragazzi e mi chiamavano magnaccia.

“Va bene, puoi andare,” dissi, aprendogli la porta perché potesse entrare.

– Sei arrabbiato con me, vero?

Lo guardai serio, poi sorrisi – No, veramente non gli dirò che mi hai scopato ancora oggi. E so che loro lo sanno: gli ho mandato un bacio e sono entrato.

Altre storie erotiche  realizzare il mio sogno

A fine pomeriggio, con i miei figli già a casa e mio marito che stava per arrivare, ho pensato: María Célia. Sei un bastardo incredibile. Cosa fai?

Sorridendo ho risposto al mio pensiero – intendo realizzare la mia fantasia, tutto qui – non sapevo che sarebbe stato qualcosa di più della semplice realizzazione della mia fantasia.

Alcune settimane dopo il mio ultimo incontro con Carlos, mio ​​marito viaggiò di nuovo per visitare i fornitori di un altro stato. Mi sono sentito eccitato proprio in quel momento. Ho deciso il mio piano per realizzare la mia fantasia finale.

Ho chiamato Carlos, ma era nella sua città e aveva problemi di salute con suo padre. Era quasi come un secchio di acqua fredda, quasi, perché ho subito iniziato a pensare a un’altra via d’uscita. E come ho detto, c’è sempre un dannato dio che ti semplifica la vita.

Nel mio studio ho un grande tavolo da taglio, pesa parecchio, ma non è niente che due giovani forti non possano reggere. Allora ho chiesto aiuto alla repubblica, Roberto, il bel negro, un dio d’ebano, e Mauricio, un ragazzo meno bello, si può dire carino, è venuto ad aiutarmi.

Dopo 20 minuti di forza abbiamo spostato il tavolo dove chiedevamo a chi era a casa da tempo di spostarsi, prendevamo due piccioni con una fava. In effetti, ero io quello che voleva prendere la batosta. E avere questi due ragazzi a mia disposizione che mi osservavano tutto il tempo era tutto ciò che potevo immaginare, ma in realtà ci sarebbe stato molto di più, non lo sapevo ancora.

– Pronto. Celia. Questo è tutto – ha detto Roberto, guardandomi sorridente e misurandomi da tutte le parti, mi è venuta la pelle d’oca.

“È molto pesante,” disse Mauricio avvicinandosi a Roberto, con l’aria stanca, perché non era o non sembrava forte come l’altro.

– Grazie ragazzi – dissi con il mio miglior sorriso e avevo già deciso di andare se avessi avuto paura, anche un po’ – Vuoi bere qualcosa? – Ho finito.

– Potrebbe essere, non so, qualsiasi cosa – disse Roberto sorridendo.

– Ho birra, acqua. Cosa ti piacerebbe?

– Potrebbe essere la birra – Risposero quasi all’unisono.

Non ero mai stata così agitata e arrabbiata, ma come ho detto, ero determinata – E vorranno mangiare qualcosa – dissi loro, voltando loro le spalle, camminando verso il minibar che era lì, barcollante. più di quanto dovrebbe.

– Forse – sentii dire a Roberto.

Ho inarcato la schiena per prendere le birre dal minibar, ma probabilmente ho fatto il culo in fuori. Indossavo una gonna che doveva salire molto in alto, lasciando scoperte le cosce, che era tutto ciò che volevo che vedessero.

Mi sono voltato con le due lattine in mano, poi ho detto: – Forse? Forse quello? Vuoi mangiare qualcosa? Per questo? – Gli porsi ciascuna lattina, avendo cura di toccargli le dita e sorridendo.

– Forse dipende da cosa vuoi offrirci – disse Roberto, aprendo la sua lattina con un sorriso malizioso stampato in faccia.

Mauricio, che sembrava il più timido, si è rivelato il più schietto e diretto, forse anche un po’ sprovveduto, potremmo dire in un’altra situazione – Se è uguale a quello che mangia Carlos, è fantastico.

Roberto guardò lui e poi me, smarrito per un attimo, senza reagire, aprì la bocca, ma non disse nulla.

Li ho guardati sorridendo – Mmm, bravissimo Mauricio, va dritto al punto. Certo, so che Carlos ha detto cosa sta facendo qui – ho detto appoggiandomi al tavolo. Li ho guardati e non hanno detto niente. – Non siate timidi, ragazzi.

Roberto bevve un sorso di birra. Si leccò le labbra, guardò Mauricio, poi me – Sì, lo sappiamo. E se intendi dire che quello che dobbiamo mangiare sei tu? Beh, ovviamente, “forse” diventa “noi vogliamo”.

– È buono, perché qui ho tutto da mangiare – dissi senza pensarci, venne fuori all’improvviso. Camminando lentamente verso di loro, fermandomi molto vicino, sentendo i ragazzi sudare, cosa che mi eccitò ancora di più.

Ho passato la mano sul viso di Roberto, serio, poi ho fatto lo stesso per il viso di Mauricio, che mi è sembrato ancora più ardito. Fece scorrere la mano sul mio braccio, poi lungo il lato del petto. Sorridi a questo.

Roberto mi avvolse le braccia intorno alla vita, tirandomi verso di sé, baciandomi il collo – Uiii – gemetti sentendo la sua bocca calda sulla mia pelle.

Mauricio è venuto abbracciandomi da dietro, baciandomi l’altro lato del collo, la sua mano mi ha accarezzato la coscia, si stava già arrampicando sull’orlo del mio vestito, cercando di toccarmi la pelle.

Li ho lasciati giocare con me in quel modo per un po’. Allora Roberto si mise proprio di fronte a me, cercando la mia bocca per un bacio, che non rifiutai. La mia mano andò velocemente al suo cazzo, che trovai duro sotto i pantaloncini. Ho sentito anche il cazzo di Mauricio che mi sfregava contro il sedere, ho allungato l’altra mano dietro di me per afferrarlo.

– Sei molto cattivo – mi disse Mauricio all’orecchio prima di ficcarci la lingua. In quel momento gli ho stretto più forte il cazzo. Poi mi sono voltato verso di lui e ho baciato anch’io. Ho sentito Roberto abbracciarmi mentre mi strofinava il cazzo contro. Eravamo lì in questo delizioso panino, nel quale ero io l’emozionante ripieno.

Quando ho tolto la mano ho afferrato il cazzo di Roberto già fuori dai pantaloncini, cosa che mi è piaciuta molto. Mi girai lentamente, già cercando quel bastone nero con la testa viola.

– Wow, che bello – disse, tenendolo e accarezzandolo con entrambe le mani.

Non ho resistito, mi sono chinato con un ginocchio a terra, togliendo i pantaloncini, le mutande e tutto il resto di Roberto, lasciando quel cazzo nero completamente libero per il mio piacere.

Ho afferrato la testa viola, succhiandola amorevolmente, con una mano che reggeva l’asta mentre con l’altra accarezzavo la sacca priva di pelo. Quando la mia bocca si chiuse su questo piacere, la mia figa si allagò. Gemo di piacere.

Ho succhiato deliziosamente, quando ho sentito qualcosa di morbido, appiccicoso sulla faccia, era il cazzo di Mauricio, più piccolo, ma stavo già sbavando molto. L’ho tenuto e ho girato la testa per succhiarlo.

Mauricio è venuto al mio fianco per facilitare il mio pompino. Era un cazzo più piccolo di quello di Roberto, ma non per questo meno gustoso. Si adatta di più alla mia bocca.

Dopo aver assaggiato il cazzo di Mauricio sono tornata da Roberto, ma mi stavo masturbando, il cazzo era appena uscito dalla mia bocca golosa.

Era pazzesco avere quel bastone che mi riempiva la bocca, per poi tornare ad un altro meno grosso, ma gustoso, oltre a sentire i ragazzi gemere, dandomi del pompino goloso, una puttana sporca. Le mie mutandine erano fradicie, la mia figa aveva già voglia di cazzo.

Ero lì sul pavimento a succhiare un cazzo dopo l’altro quando il mio cellulare ha squillato, non ho potuto fare a meno di rispondere. Dopo una breve conversazione, mi sono rivolto ai ragazzi. – Scusate ragazzi, sta arrivando un cliente importante.

Scuotevano la testa, non erano felici, ma non avevo intenzione di arrendermi, non proprio. Anche perché indietro non si poteva tornare indietro.

Sono andato da loro altrettanto frustrato, ma senza darlo a vedere: ragazzi, facciamolo. Torna nella repubblica e io ci andrò più tardi e finiremo quello che abbiamo cominciato qui. Cosa sta succedendo?

Mi guardarono un po’ incerti, ma indossavano già i pantaloncini. Fu Roberto a dire: – Va tutto bene. A che ora vai?

– Circa otto ore? “Lo prometto,” disse, dando a tutti un bacio.

Di notte ho provato a sorprendere questi ragazzi. Sì, sono rimasto molto sorpreso, lo dico con orgoglio, ma sono rimasto anche sorpreso, lo ammetto con gioia.

Come ho detto, sono bruna, quindi ho indossato lingerie di pizzo bianco, composta da un semi-reggiseno, perizoma, reggicalze, sandali bianchi con tacco alto e un vestito appositamente studiato per facilitarne la rimozione. Mi trucco, niente di estremo, ma ben fatto. Pensavi che andasse bene? Ho pensato che fosse fantastico.

Ho chiamato Roberto che mi ha detto che potevo andare visto che il cancello e la porta erano aperti, sono entrato e basta. I bambini se n’erano andati, il che ha reso il mio lavoro molto più semplice. Ebbene, con loro a casa sarebbe più difficile uscire.

Sono entrato velocemente, dopo aver controllato se qualcuno per strada mi stava osservando. Alors que Roberto l’informait du portil, au moment où la porte était ouverte, il ne m’a tout simply pas dit que j’aurais une sorpresa, una sorpresa che j’aurais dû prévoir, mais, ne pensant qu’au sexe , Ha dimenticato.

Non ero mai entrato nella repubblica, appena entrato mi sono trovato in un piccolo corridoio che portava ad una doppia porta. Erano leggermente aperti, da cui proveniva il suono di conversazioni e risate.

Quando li ho aperti I Ho trovato uno spazio ampio, con pochissimi mobili. Due divani a tre posti campeggiano proprio al centro della stanza. Disposto formando una “L”. Un tavolino con lattine di birra aperte. Davanti a un grande televisore, dove stava trasmettendo qualcosa a cui non avevo prestato attenzione.

Altre storie erotiche  La mia ragazza mi ha messo il dito nel culo

La mia sorpresa è stata vedere Willian sdraiato su uno dei divani con una lattina in mano e con indosso solo pantaloncini corti. Sull’altro divano c’erano Roberto solo in pantaloncini e Mauricio, che appena mi vide si alzò, con un grande sorriso.

Mi ero completamente dimenticato di Willian, come avevo potuto fare un simile errore, tuttavia, in quel momento non potevo fare nulla. Tuttavia, dal momento in cui sono rimasto sorpreso fino a quando ho realizzato che ora avevo tre, e non più due ragazzi da soddisfare, o soddisfare me stesso, anche Willian si è alzato: Sorpresa Celia? Ti dispiace se mi unisco alla festa? Dove andare?

Willian era davvero un mascalzone e il più sporco di tutti, l’ho sempre pensato. Non avevo intenzione di dargli quel piacere però, mi sono sempre assicurato che non fosse un monello, si potrebbe dire, che mi faceva il prepotente. È il momento della mia sorpresa. In piedi davanti alla porta, li guardò seriamente prima di rivolgere loro un lieve sorriso.

Il mio vestito era sostenuto solo dal nodo dietro al collo, come ho detto era progettato per cadere facilmente. Ho allungato la mano dietro la testa e ho allentato l’arco. Come previsto, scivolò a terra, lasciandomi completamente esposto, ma non nudo.

La stanza era ben illuminata, quindi avevano una buona vista. Sono rimasto lì, con una mano sulla vita e l’altra al mio fianco. Una gamba tesa e l’altra più aperta. La posizione tipica dei modelli.

“Merda,” disse Roberto alzandosi.

– Merda, wow. – E’ stato Maurizio.

– Merda, questo è tutto quello che ha detto Willan.

Un creatore deve anche saper mostrare, non solo inaugurare. Poi, come su un podio, mi sono incamminata verso i miei deliziosi ragazzi, una leonessa tra gli sciacalli.

Mi sono fermato davanti a loro tre e ho guardato il tavolino. Si sono resi conto che questo oggetto ora era qualcosa che non avrebbe dovuto essere lì, quindi praticamente l’hanno gettato nella spazzatura.

– Bravi ragazzi – dissi avvicinandomi a Roberto, accarezzandogli il viso mentre passavo. Ho fatto lo stesso con Mauricio, fermandomi proprio davanti a Willian, che mi ha guardato, ha sorriso e mi ha accarezzato il braccio.

Con l’altra mano ho preso la sua, portandola alla vita, ho preso l’altra, ho fatto lo stesso – E adesso cosa fai? – Era una provocazione.

Ha funzionato, ho sentito tremare il ragazzo che credeva di essere il maschio alfa. Sorridendo, mi sono girata, ho avvolto le mie braccia attorno al collo di Mauricio – Baciami.

Quello fu il segnale di partenza per loro tre. Mauricio si avvicinò e premette la sua bocca contro la mia, cominciai a sentire delle mani che correvano sul mio corpo. Seni, glutei, cosce.

Lasciai andare Mauricio, aggrappandomi a Roberto, che unì il suo corpo al mio. Ho sentito il suo cazzo duro sotto i pantaloncini. La sua mano scivolò lungo la mia schiena, fermandosi sul mio sedere e stringendolo.

– Siediti – ordinai, allontanandomi da Roberto.

Quanto è bello avere il potere dell’intimidazione nelle proprie mani, anche se nessuno dei tre era più bambino o innocente, mi obbedirono obbedientemente.

– Resterai vestito?

Ben presto tre giovani, ciascuno con il cazzo duro, cominciarono ad accarezzarsi i loro membri e a divorarmi con gli occhi.

La visione è indimenticabile, la mia banda è salita come un razzo. Mi si accapponò la pelle, la bocca mi si riempì d’acqua e mi mordicchiai delicatamente il labbro inferiore. Ho guardato Roberto, che ha sorriso e mi ha detto: – Finirai quello che hai iniziato?

Accovacciandomi davanti a lui, allargo le gambe per lui. Allontanai la sua mano, trattenendo quel membro duro, quella verga nera che sapevo sarebbe stata deliziosa nella mia bocca.

– Ma certo che lo farò – dissi leccando quella testolina viola che sbavava, lasciandola lucida.

Ho preso lentamente quel cazzo in bocca, tirando fuori un po’ la lingua e sentendo il membro scivolarci sopra. Quindi chiudi la bocca, succhia, succhia e succhia con piacere.

Dopo un po’, non molto, ho allungato la mano tenendo il cazzo di Mauricio, che era seduto accanto a Roberto.

Mi alzai solo per ripetere l’atto di chinarmi, allargare le gambe e cadere a faccia in giù poco dopo. Una barretta più sottile, ma non per questo meno gustosa. Ero lì, in ginocchio, a succhiare amorevolmente quel cazzo sbavante, quando ho sentito una mano che mi strofinava la figa bagnata attraverso le mutandine.

Ho aperto gli occhi e ho guardato di lato con la coda dell’occhio. Roberto era ancora seduto lì a massaggiarsi il cazzo, poteva essere solo Willian che mi accarezzava. Ci ho rinunciato perché era delizioso. Ho allungato la mano e ho tenuto il cazzo di Roberto, accarezzandolo.

Willian poi fece scorrere la mano lungo i lati delle mie mutandine e cominciò a toccarmi la figa succulenta. Emisi un gemito di piacere quando una delle sue dita toccò il mio clitoride e lo accarezzò.

Ho lasciato andare il cazzo di Mauricio, ho spinto la sua gamba di lato, lasciando spazio per raggiungere il cazzo di Roberto, afferrandolo avidamente, succhiandolo voracemente, ingoiando quello che avevo. Sbavando su questa barretta di cioccolato.

Willian trovò il nodo accanto alle mutandine e le slacciò, poi le tolse, consentendo un facile accesso alla mia figa, che doveva essere più che gonfia per l’eccitazione.

Però Willian era già un ragazzo più esperto, sentivo allo stesso tempo che la sua mano mi massaggiava la figa, la sua lingua correva lungo la mia schiena, la sua mano saliva fino al mio sedere, che ovviamente batteva le palpebre al tocco. . L’ho lasciato lì a giocare con me mentre alternavo i succhiaggi di uno dei cazzi dei suoi amici e dell’altro.

Avevo urgentemente bisogno di un cazzo nella figa, dopo un po’ sollevai il corpo, prendendo Roberto dal divano – Siediti, Willian, dai, voglio succhiarti il ​​cazzo – dico – Mi guardo indietro, vedendolo sorridere maliziosamente.

Roberto era accanto a me. Gli ho leccato la testa del cazzo – Mangiami Roberto, mettimi questo bastoncino nella figa – gli ho chiesto, quasi implorando.

Willian si sedette di fronte a me e allo stesso tempo la mia bocca cadde sul suo cazzo. Quel figlio di puttana mi ha afferrato per i capelli, spingendomi la testa contro il suo cazzo. “Succhiamelo allora, puttana,” ordinò.

Ho sentito le mani di Roberto sul mio culo, poi il suo cazzo che mi massaggiava la figa. Ho allargato di più le gambe sulle ginocchia e ho sollevato un po’ il sedere, rendendogli più facile entrare in me.

Melada, appena ho sentito la testa entrare nelle mie labbra, ho gemito di piacere. Il suo grosso cazzo mi ha invaso lentamente, anche se avrebbe potuto entrare con tutto, perché ero super lubrificato.

– Ecco fatto – gemetti con il cazzo di Willian in bocca – Huuuummm.

– Succhiamelo, puttana – disse Willian – Vai avanti Roberto, fanculo a questa puttana – aggiunse, tenendomi ancora per i capelli.

Roberto mi inserì tutto dentro, poi lentamente lo tirò fuori, facendo più volte così fino a spingerlo dentro di mia volontà. Lascio andare il cazzo di Willian, inarcando il corpo verso l’alto. “Ow,” gemetti.

Willians mi afferrò di nuovo per i capelli, cercando di riportarmi al suo cazzo, anche se ero stato deliziosamente mangiato, lo guardai seriamente e increspai le labbra. Lui capì, il suo sorriso da troia scomparve all’istante. Mi ha sciolto i capelli.

– Vieni fuori – disse cercando Mauricio – Vieni gattino, lasciamelo succhiare un po’.

Mauricio prese il posto di Willian, per farsi allattare da me, che alternavo suzione e gemiti di piacere ad ogni spinta che riceveva da Roberto.

– Proprio così, amore mio, dannazione, dannazione, carino – disse tra una ripresa e l’altra.

Roberto rimase a mangiarmi ancora per un po’, poi sentii il suo bastone scivolare lentamente. Mi sono voltato e Willian si stava posizionando per scopare.

A differenza di Roberto, Willian ha messo la testa nella mia figa, introducendo velocemente tutto dentro di me – Aiiiiii – gemetti.

Roberto prese il posto di Mauricio offrendomi il suo bastone imbevuto nel mio miele perché potessi succhiarlo, cosa che feci con grande piacere.

Willian mi ha afferrato per la vita, colpendomi forte, schiaffeggiandomi il culo e dicendomi di scuoterlo – Scuoti quel culo, tesoro.

Poi ho sentito che mi metteva il dito nel sedere. Passò un attimo ad accarezzarlo e poi ad entrarvi lentamente. Ero libero di lamentarmi, perché la mia intenzione era quella di farmi fregare.

Willian mi lasciò e fu sostituito da Mauricio, che prese la situazione con più calma e sembrava volersi approfittare di ogni compagno.

– Siediti sul mio cazzo – disse Roberto.

Mauricio mi lasciò, mi alzai e salii sopra Roberto. Posii questo palo all’ingresso della mia caverna gonfia, che rapidamente lo divorò Tutto.

– Cara mamma, succhiami i seni – dissi massaggiandoli sul viso.

Mauricio è salito sul divano, si è messo accanto a me e ha cominciato a strofinarmi il cazzo in faccia – Fa caldo, puzza – ha detto, un po’ senza fiato, ho capito che stava per venire.

– Dammi un po’ di latte, vuoi? – chiesi afferrandogli il pene.

Ci sono voluti solo pochi succhi per ricevere un fiotto di sperma caldo nella mia bocca, che ho subito tentato di ingoiare.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di cornuti: e così finì tutto

Ricominciai a concentrarmi su Roberto, quando Willian arrivò da dietro e mi baciò sul collo, poi disse: – Questo culo lo lasciamo andare oppure no? La mia risposta fu di sollevare con riluttanza il delizioso membro di Roberto.

Mi sono messo a carponi sul divano, appoggiandomi allo schienale, ho guardato indietro – Con cautela. Vuoi mangiarmi il culo? Dimostra che lo sai – dissi con sguardo serio.

Guglielmo sorride. Si avvicinò con calma. Mi passò la mano sulla figa, bagnandosi le dita. Poi mi ha colpito sul sedere. Mi ha toccato il culo, poi ne ha inserito uno, dopo un po’ due dita mi hanno allargato per ricevere il suo cazzo, che ha strofinato contro la mia figa per tutto questo tempo, a volte entrando un po’.

Poi ho sentito che metteva la punta del suo cazzo all’ingresso del mio culo, Roberto si è seduto accanto a me, giocando con le mie tette con una mano mentre con l’altra accarezzava quel bellissimo cazzo.

Willian era sicuramente il più esperto dei tre, forzò con attenzione, vincendo lentamente la resistenza delle mie pieghe. Anche se ero già rilassato, sentivo ancora un po’ di dolore quando la mia testa entrò.

– Uuuuhhh – dissi quando entrò il capo. Willian fece una pausa per qualche secondo, prima di ricominciare a inserirlo.

Non passò molto tempo prima che metà del suo cazzo fosse dentro di me. Mi ha dato il tempo di abituarmi. Mi sono guardato alle spalle: mettilo dentro quel figlio di puttana, mettilo dentro.

Willian ha iniziato a mangiarmi. Ho sentito il suo cazzo muoversi lentamente dentro e fuori dal mio culo, questo bastardo sapeva davvero come leccargli il culo – Iiiisssssoooo – gemetti di piacere.

Roberto si alzò e fece il giro del divano, fermandosi davanti a me. Non ho avuto nemmeno bisogno di dire nulla, ho aperto la bocca per ricevere quel cioccolato palpitante.

Ero in estasi, un cazzo nel culo e un altro in bocca, ma non volevo venire, volevo una doppia penetrazione, sapevo che avrei potuto farcela senza problemi, ma prima avrei lasciato che i ragazzi si divertissero. individualmente. nel mio culo.

Willian era sexy, mi faceva gemere, ho dovuto smettere di fare un pompino a Roberto per godermi di più questo momento. Si muoveva lentamente, io mi muovevo al suo ritmo. All’improvviso lo spinge più in profondità, sento il suo cazzo gonfiarsi e poi mi spara due schizzi di sperma dentro.

Guardai Roberto che sorrideva a Willian – Il mio turno – disse.

Non gli importava che il suo amico mi prendesse in giro, non credo che a quel punto importasse a nessuno.

Era pazzesco sentire quel palo espandere ancora di più il mio anello. Mi è sembrato che sia venuto più facile di quanto immaginassi, era delizioso. Questo membro vibra nel mio culo. Dentro e fuori. Ho portato la mano alla mia figa e l’ho accarezzata istintivamente. Poi ho smesso, non volevo venire, volevo dare il massimo per realizzare la mia fantasia.

Roberto, a sua volta, non se ne preoccupò e mi versò il suo sperma. Ansimando di piacere, stringendomi la vita con le sue grandi mani. Era difficile non venire in quel momento. Fortunatamente, è uscito da me. Sono crollato sul divano. Sento che un fiume di sperma esce da me.

Presi una maglietta che era stesa sul divano, asciugandomi il culo, appena finito Mauricio mi fece sdraiare sul divano, aprì le gambe, cadendo con la bocca sulla mia figa, leccandola e succhiandola avidamente . . Anche se un po’ goffo, non ho resistito più e sono entrato nella sua bocca – aaaaaahhhhh – ho quasi urlato, contorcendomi dal piacere per lo sperma che trattenevo.

– Dov’è la toilette? – Ho chiesto perché volevo lavarmi.

“Posso portarti lì,” disse Willian.

– Dimmi soltanto dov’è – sono stato incisivo.

Ho fatto una doccia molto rilassante, poi completamente nuda sono tornata in salotto, dove i ragazzi parlavano e ridevano, non ho dubbi che l’argomento fossi io. La puttana della porta accanto.

Mi feci spazio sul divano di fronte alla televisione, mi sedetti tra Roberto e Willian, Mauricio era sdraiato con il cazzo già sollevato e mi guardava.

-Allora, il tuo amico laggiù è pronto per la battaglia. “Voi due, sembra di no,” dissi, tenendo i loro cazzi flosci.

Roberto ride – Esatto, che ne dici di un piccolo incoraggiamento?

– Uno deve? Ok, mi sono appoggiato accanto a lui. Misi in bocca quel cazzo, ora più gommoso che morbido, succhiandolo dolcemente

Ho sentito una mano sul petto, ma non ho lasciato andare il lecca-lecca al cioccolato, che si è rapidamente indurito sulle mie labbra.

Mi sono alzato e ho visto che Willian era già alzato. L’ho abbracciato, scosso un po’, poi ho inclinato il mio corpo verso di lui e l’ho succhiato anch’io.

Roberto mi afferrò per le piume e mi fece sdraiare su un fianco sul divano. Ridendo, disse, ora appoggiando la testa sulle ginocchia di Willian – Sei forte come un bambino? – Ricomincio a succhiare il cazzo che ho a portata di mano.

Roberto si è chinato ed ha iniziato a succhiarmi e leccarmi la figa, facendola sciogliere quasi subito.

Quest’uomo aveva una lingua deliziosa e agile. L’ho visto tra le mie gambe divorare la mia figa come se qualcuno stesse succhiando il frutto più delizioso del mondo.

– Ishhh. Così – dissi prima di ricominciare a succhiare Willian.

Roberto si alzò e mise una delle mie gambe sullo schienale del divano, lasciandomi completamente aperta per potermi scopare con quel meraviglioso cazzo. Ammetto che tra tutti il ​​suo cazzo è quello che mi manca di più, è delizioso.

Ben presto tutto cambiò, ero a carponi sul divano con Willian che mi leccava, mentre succhiavo Mauricio seduto di fronte a me, i ragazzi si alternavano a scoparmi e farsi succhiare. Mi sono seduta sulla schiena in grembo a Willian per un’ora con un ragazzo su ogni lato che mi faceva un pompino come meglio potevo.

Ho fatto la manovra che volevo per realizzare la mia fantasia, ho fatto sedere Roberto e mi sono seduto sul suo cazzo, cavalcandolo per un po’ mentre Willian e Mauricio guardavano.

Era ora, ero arrapato quanto volevo – Willian adesso mi sta leccando il culo – disse tra i gemiti.

Willian venne dietro di me, spinse il suo cazzo nel mio culo, entrandovi lentamente. Ho urlato di dolore e di piacere. Stavo realizzando la mia fantasia. Uno si rotola nella figa e l’altro nel culo. I ragazzi accelerarono il ritmo, scopandomi deliziosamente.

– Tieni, tesoro – ho chiamato Mauricio con la mano che indicava dove volevo. Dietro il divano, con qualche difficoltà, gli afferrai il cazzo.

Volevo avere una foto di questo momento memorabile, Roberto nella figa, Willian nel culo e Mauricio in bocca.

– Hummm – gemetti con il cazzo in bocca – Vado a… Cum aaaaarrrr – Mi è uscito un ruggito di piacere come lo chiami tu, l’ho sentito di nuovo.

Ho tenuto duro, ma con fermezza. Willian arrivò, seguito da Roberto. Sollevai il mio corpo non appena Willian mi lasciò, togliendomi il cazzo di Roberto. Tralasciando che ho continuato ad allattare Mauricio finché non mi è venuto in bocca.

Poi sono quasi svenuto sul divano, la mia figa e il mio cazzo pulsavano, ma ero felice.

Siamo rimasti lì non so quanto tempo, poi sono andata in bagno a farmi un’altra doccia. I ragazzi sono andati uno per uno, ho deciso di lavare tutti i bastoncini. È stato il turno di Roberto, dopo averlo asciugato, mi sono chinato e ho cominciato a succhiare quel cazzo, che è diventato ancora più difficile finché non è venuto, però è uscita solo una scia di sperma.

– Mi piaceva il tuo cazzo – dissi alzandomi.

– Mi piace veramente?

– Molto. Domani pomeriggio vieni a casa mia. Te lo voglio dare – sbattei le palpebre uscendo dal bagno avvolta in un asciugamano – Lo voglio nel mio letto – dissi fermandomi sulla porta, ma senza guardarlo.

Fino alla fine di quest’estate l’ho regalato più volte a tutti i ragazzi, a volte a uno e a volte a due contemporaneamente. Quando arrivarono le vacanze universitarie, tornarono nelle loro città.

Quasi alla fine della vacanza, una mattina. Quando esco per andare a una riunione vedo sulla porta della repubblica il cartello “vendesi”. In quel momento ho chiamato Carlos, che mi ha detto che il proprietario della casa li aveva invitati ad andarsene.

– E hai già un altro alloggio?

– Non torno, ho chiesto il trasferimento ad un’altra università. Roberto interrompe la registrazione e parte per l’Europa con Mauricio, nell’ambito di uno scambio. William. Non lo so. Lui mi ha detto disse.

Sono rimasto in contatto telefonico con Carlos per un po’, poi ci siamo trasferiti. Mi mancano i miei ragazzi. Non uscire mai più con nessuno.

Spero che vi sia piaciuto tanto quanto me e che vi sia piaciuto.

*Pubblicato da Acuto sul sito climaxcontoseroticos.com il 06/05/19.