Storia di gruppo erotica – Un corto per due

di | 15 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ciao amori miei.

Oggi vi racconterò di un’avventura che per me è stata molto speciale.

Era venerdì e il personale dell’ufficio aveva programmato un happy hour per la fine della giornata.

Marcos si era già offerto di accompagnarmi, cosa che ho pensato fosse grandiosa perché non avrei dovuto preoccuparmi di tornare a casa. Tra noi non era mai successo niente, anche se a volte notavo alcuni suoi sguardi.

Quando siamo arrivati ​​al bar, ci siamo seduti a tre tavoli molto vicini tra loro. Mi sono seduto a un tavolo tra Marcos e Roberto, un altro collega, che è un buon amico di Marcos.

Tra drink e numerosi snack, la conversazione scorreva liberamente, indossavo un vestito senza spalline che mi arrivava quasi alle ginocchia.

Il tempo passava e, di frase in frase, mi accorgevo che Marcos e Roberto mi osservavano. Quando la gente cominciò ad andarsene, finalmente eravamo solo in tre al nostro tavolo.

È stato allora che ho sentito la mano di Marcos sul mio ginocchio. Non ero arrabbiata, ma quando ha iniziato ad alzare la mano, ho messo la mia sopra la sua, impedendogli di andare oltre. Non c’è voluto molto, Marcos aveva già tolto la mano dal mio ginocchio, poi Roberto mi ha messo la mano sull’altro ginocchio. Ho fatto lo stesso, prima che qualcuno volesse osare, la tovaglia nascondeva tutto quello che succedeva, ma in fondo era un luogo pubblico.

Quando è arrivato il momento di partire, Marcos, che mi aveva già accompagnato lungo la strada, mi ha portato a casa. Ma alla fine abbiamo preso anche Roberto. Dopotutto, il suo appartamento era in viaggio. Poi ci siamo diretti verso il palazzo di Roberto.

Quando si avvicina all’edificio, Roberto si rende conto di avere dei documenti da consegnare a Marcos. Dato che era già un po’ tardi e in fondo la questione della sicurezza riguarda tutti, Roberto ci ha detto di entrare a cercare i documenti, per non restare ad aspettarlo sulla porta del palazzo. salire e scendere.

Una volta nel garage siamo entrati noi tre. Entriamo e Roberto entra nel soggiorno per ritirare le brochure. Marcos e io siamo rimasti nella stanza. Quando Roberto ci ha detto dalla stanza se volevamo qualcosa da bere, è stato istintivo. Io e Marcos abbiamo pensato di mettere l’acqua in cucina.

Avanzai e quando distrattamente raggiunsi la porta della camera da letto, Roberto era in mezzo al corridoio e per poco non andai a sbattere contro di lui. Ma Marcos, che era proprio dietro di me, non credo fosse così distratto, mi è venuto addosso. Sono andato incontro a Roberto con le braccia alzate sopra il petto. Mi afferrò rapidamente per la vita.

Sono rimasta lì in mezzo, un po’ sballata dai drink e con Roberto che quasi mi abbracciava. Anche Marcos aveva le mani un po’ più in basso, sempre sulla mia vita. Roberto mi baciò e mi alzò le braccia, avvolgendole intorno al collo… Prima che avessi il tempo di protestare, Marcos era già appoggiato a me, ora mi abbracciava più forte intorno alla vita…

Altre storie erotiche  Questa altalena - Storie erotiche

Quando ho iniziato ad uscire da lì, mi hanno abbracciato più forte, letteralmente abbracciandomi. Roberto mi baciò ancora, mettendomi le braccia al collo, in modo che le mie mani non fossero libere, e nemmeno lui. Tuttavia, per quanto riguarda Marcos, non ho avuto resistenza…

Allungò la mano e mi palpò il seno, e anche Roberto notò che dal bacio emettevo un gemito soffocato. Marcos abbassò di nuovo le mani e ora mi stava toccando le natiche, con le mani occupate, una mano su ciascun lato. Il mio vestito si è accartocciato nella sua mano, ma le mie mutandine erano sepolte nel mio culo e non ho potuto nascondere un altro gemito… Hahaha.

Roberto continuava a baciarmi con sempre più desiderio. E Marcos, con tutta la libertà del mondo, ha cominciato ad abbassare la cerniera del vestito fino al centro della schiena. Con la cerniera completamente aperta, rivolse la sua attenzione al mio seno, ma ora sotto il vestito. Potevo già sentire il suo rigonfiamento che cercava di farsi strada nel mio culo. Quando cominciò ad accarezzarmi, il mio vestito cominciò ad aprirsi e ad ogni movimento scendeva solo un po’ di più.

Continuò a palparmi finché non sentì che i miei seni erano duri, rivelando che era già più che eccitata. Mi abbassò il vestito che, essendo senza spalline, non offriva più resistenza. Quando raggiunse la mia vita, mi stava già abbassando le mutandine, lasciandomi completamente nuda. Tra questi due maschi che già sentivano l’odore del sesso nell’aria.

Toccò a Roberto abbassarsi e cominciare a succhiarmi il seno, io già gemevo, questa volta senza essere attutita dai baci di Roberto, che mi teneva le mani sulla vita. Nel frattempo Marcos era già inginocchiato dietro di me. Roberto mi succhiò il seno e mi tenne la vita, e Marcos, dopo avermi fatto girare, allargò le mie natiche e vi affondò il viso, a volte leccandomi la figa, a volte il culo.

Non c’era modo di resistere. Stavo diventando sempre più matto, mi tremavano già le gambe quando Roberto venne a prendermi e mi portò in camera da letto.

Mi mise sul letto, inginocchiandomi davanti a loro.

Marcos era già completamente nudo. Roberto, vedendomi succhiare il cazzo di Marcos, si è spogliato velocemente e mi sono ritrovato lì con due cazzi duri da succhiare, a volte uno, a volte l’altro.

Marcos, che aveva già il cazzo più lubrificato, si è messo dietro di me e ha iniziato a leccarmi la figa, era già completamente bagnata. Ha iniziato lentamente con spinte lente e profonde, aumentando il ritmo, finché non si è spinto dentro di me in modo incontrollabile. Sono impazzito, ne ho succhiato uno e ne ho mangiato un altro. Questo è pazzesco. Non c’è voluto molto prima che Marcos mi venisse dentro, proprio come piace a me, sentendo il suo cazzo pulsare dentro di me. Roberto non perse tempo e vide che Marcos era arrivato. Ha iniziato a prendere la posizione del suo amico e non mi ha lasciato nemmeno riposare, ha iniziato a spingere il suo cazzo nella mia figa. Il cazzo di Roberto è in realtà molto più grande di quello di Marcos (che è già di buone dimensioni… Hahaha), ma dato che la mia figa era completamente bagnata, ho sentito come ha spinto questo cazzo nella mia entrata e mi ha anche riempito con un colpo deciso. Che sensazione… Sentire un cazzo così cercare spazio, aprire la figa e infilarselo fino in fondo, toccarlo profondamente, e delicatamente cercare di forzarlo ancora di più, allungando il canale vaginale, costringendolo a contrarsi. .. Hmm, è difficile da descrivere.

Altre storie erotiche  La prima volta in coppia.

Adesso succhiavo Marcos, mentre Roberto mi scopava a quattro zampe, come un cagnolino. Aumentò anche le sue spinte e io cominciai a delirare, finché anche lui venne nella stessa direzione di Marcos.

Ero già soddisfatto. Ma penso che avessero molto di più in mente.

Dopo aver riposato un po’. Marcos mi ha detto di rimettermi a quattro zampe. Non ho chiesto, ho obbedito. Ma quello che avevo in mente era qualcos’altro…

Anche Roberto si era già alzato e aveva preso della crema lubrificante. Mi guardavano il sedere.

Avevo già dato il culo prima, ma ammetto che pensare al grosso cazzo di Roberto lì mi ha spaventato. Almeno ho visto che Marcos è arrivato primo e, poiché bruciavo di voglia, mi sono rilassato e l’ho lasciato passare.

Roberto si mise accanto a me, allargandomi le natiche, lasciandomi completamente scoperto. Marcos si è lubrificato il cazzo, poi ha cominciato ad accarezzare il mio buchetto, appoggiando il suo cazzo contro l’entrata e forzando leggere spinte. Con il culo aperto così, sentivo la pressione esattamente sull’anello, facendola sentire un po’ di più ad ogni spinta… Nooooo… Io, che avevo già dato il mio culo a me stesso, non avevo mai sperimentato una cosa simile. …

Mentre la testa passava attraverso l’anello, la spinta successiva entrava lentamente e in modo costante… aprivo il retto e sentivo le vene tendersi per entrare in me…

È stato così finché non ha seppellito tutto il suo cazzo nel mio culo e penso che a quel punto stesse alzando gli occhi al cielo. Non so nemmeno quanto tempo sia passato, ma quando Marcos mi stava scopando come un cagnolino in calore, è andato più in profondità e ha ruggito di piacere, riempiendomi il culo di sperma. Ancora una volta, senza sosta, Roberto stava dietro di me, ed io, già fradicio, cominciavo a sudare freddo perché avevo paura del suo cazzo.

Si era già lubrificato il cazzo, penso che sia stato un bene, perché non avevo molto tempo perché il mio culo si chiudesse per la paura. Ha puntato quel grosso cazzo verso il mio piccolo buco e si è fatto strada attraverso di esso. Sentii il glande toccarmi il sedere, e stringerlo, ma non era nemmeno vicino a passarlo… Roberto mi afferrò per i capelli, facendomi tendere il sedere verso di lui, ma ancora non ero sicuro di poterlo gestire. Lui. …. Fu allora che Marcos mi aprì il culo, proprio come aveva fatto Roberto con lui.

Altre storie erotiche  Ho scopato la ragazza e mi ho fatto un pompino.

Ho sentito che mi apriva il culo e l’enorme cazzo di Roberto che mi allungava le pieghe, ho iniziato a tremare, ma Roberto non si è fermato. Mi bruciava il sedere quando ho sentito che il glande riusciva a trovare spazio ed entrare. Ho urlato e ho sentito quel tronco deflorarmi il retto per la seconda volta, come se stessi perdendo di nuovo il sigillo. dietro. Dopodiché ero fuori di me, stavo facendo oscillare quel bastone e mi ha preso come mai prima d’ora. Aumentò anche il ritmo, finché non mi venne nel culo e mi lasciò lì, bruciando di piacere e anche un po’ di dolore.

Ma non aveva finito con me… Non ancora…

Si è rilassato e mi ha detto di cavalcare il suo grosso cazzo. Gli ho detto che non potevo più sopportarlo da dietro… Quando ha detto che avrebbe dovuto cavalcarmi la figa… ho annuito al mio maschio e gli sono salito sopra. Sono riuscito ad accoglierlo nella mia figa. , finché non è completamente sepolto e non si avverte la pressione sulla cervice. Incrociò le braccia dietro la mia schiena e mi abbracciò forte. In quel momento ho visto Marcos posizionarsi dietro di me, poi ho capito, mi avrebbero penetrato due volte! Ho provato a fare uno sforzo per uscire, ma sono stato sconfitto, abbandonato, senza forze.

La mia figa era piena del grosso cazzo di Roberto, quando ho sentito il cazzo di Marcos puntare verso il mio culo. Non potevo nemmeno smettere di allungare il culo, perché il cazzo mostruoso di Roberto stava invadendo tutta la mia figa. L’unica cosa che mi ha aiutato è stato il fatto che ero fradicio dentro e fuori. Faceva pressione e le mie natiche, già completamente distese, non opponevano molta resistenza… Provavo semplicemente la sensazione che provano solo le donne che hanno avuto una doppia penetrazione… Due mazze che pulsavano e scoprivano ogni millimetro di spazio. che restava da coprire.

Era l’estasi finale! Mi dimenavo come una matta e mi misero dentro quei cazzi golosi, finché, tremando, annunciai un orgasmo intenso, seguito dagli spasmi dei miei due maschi, che ancora una volta mi riempirono di sperma. Questa volta dal davanti e dal dietro…

Non riuscivo nemmeno ad uscire da questa posizione e ho sentito i cazzi che cominciavano ad appassire nel mio culo e nella mia figa…

È stata un’esperienza incredibile, che le parole tentano di descrivere senza successo.

*Pubblicato da camila_camila sul sito climaxcontoseroticos.com il 01/09/19.