Storia di gruppo erotica: Un uomo è buono, due sono troppi!

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

A volte mi chiedevo se fosse un sogno o se questa piccola mora esistesse davvero. I suoi capelli neri mohawk erano affascinanti. Ho viaggiato nel corpo del giovane diciottenne. Amavo il suo atteggiamento affettuoso e il suo tocco mi rendeva disperato. Che bacio! Gabriel era così sexy!

Avevo una relazione perfetta finché…

Biel e io eravamo seduti in una pizzeria a mangiare pizza quando entrò un amico di Gabriel. L’ho visto varcare la porta e venire dritto verso di noi. Da lontano sentivo il suo profumo. Non ho potuto fare a meno di notare quanto fosse bello.

Il suo corpo muscoloso poteva essere visto attraverso la maglietta bianca che gli aderiva al corpo. I pantaloncini mettevano in risalto i muscoli delle sue cosce spesse. Sneakers senza calzini e look da playboy. Tutto con stile! Un gatto del genere lascia sconcertati chiunque al cospetto del proprio piccolo amico.

Tuttavia, non ci volle molto perché il gatto mostrasse la sua audacia. Senza che glielo chiedessi, si sedette accanto a me e poi mi mandò le parole fastidiose:

-Ma guarda qua!… Bella sposa!… Calda, eh! Confrontare; dove l’hai preso?!

Ho notato che a Gabriel non è piaciuto il commento ma ha salutato felicemente il suo collega. L’amico d’infanzia del mio ragazzo, che si era appena seduto al nostro tavolo, è arrivato molto spazioso:

– Biel, non ti ho mai visto con una ragazza così… Il giorno in cui lascerai questo ragazzo, cercami, ok?!

Mi ha detto quest’ultima frase guardandomi direttamente negli occhi con lo sguardo di un cane dispettoso. Quanto è bello e così ignorante! Il ragazzo non mi aveva mai visto prima ed è venuto a cantare da me, tutto rilassato come se fosse il padrone del tavolo e mi ha detto cosa aveva in mente.

Ero davvero imbarazzato dalle cose sporche che ha iniziato a dire davanti al mio ragazzo. Oh! Mi ha fatto affluire il sangue al viso, bruciandomi il viso e lasciandomi rosso come un peperoncino. Convincente!

Sono d’accordo che sono una cattiva ragazza, ma sola con il mio ragazzo. Non in pubblico affinché tutti possano ascoltarlo. Il duro voleva sapere cosa facevo a letto con Biel, chiedendomi a lungo e anche guardandomi per dirmi cose del tipo: “Cosa non può fare quella bella boccuccia, Biel?!… Beve questo gattino latte?!.. “Scommetto che è rosa!”

Non sono riuscita a contenere l’impulso e sotto il tavolo ho dato un pizzicotto sulla coscia a Gabriel, aspettando che dicesse qualcosa.

– Per questo ragazzo! Rispetta la mia ragazza!

-Scusa, stavo scherzando! La tua ragazza è così sexy che sono impazzito!… Non devi essere rossa, ragazza!

Ho continuato in silenzio, limitandomi ad osservare. Gabriel non sapeva ancora cosa fare con il suo amico ubriaco. Sono rimasto scioccato dalla portata della spudoratezza di David. Che cattivo ragazzo!

In questa pizzeria, al nostro tavolo, gli scherzi volgari sono continuati per il resto della cena. David è stato divertente, ma ha giocato duro la prima volta che mi ha visto. A poco a poco ho cominciato a capire che David era solo un burlone, uno schernitore, e ho cominciato a trovare le sue battute più o meno divertenti. C’erano momenti in cui mi vergognavo, mi vergognavo. Dopotutto era ancora una ragazza inesperta e aveva solo sedici anni. Biel era già abituato allo stile del suo amico e, sebbene fosse infastidito da alcuni attacchi diretti di David nei miei confronti, finì per prendere tutto come uno scherzo.

Da quel momento in poi ho capito quanto fosse intenso il legame tra i due amici. Erano stati inseparabili fin dall’infanzia. Mi ci è voluto un mese di frequentazione per vederli insieme ed essere colpito da “così tanta” amicizia…

Che codardo era David! Come ha approfittato della buona volontà di Bienne! Merda! Il mio ragazzo ha fatto tutto ciò che voleva il suo amico e la cosa cominciava a darmi fastidio.

Altre storie erotiche  Sesso con l'editorialista sexy

Diverse volte, quando Gabriel e io eravamo insieme, tranquillamente a casa mia, David chiamava Biel sul suo cellulare e interrompeva la nostra relazione. Gabriel era praticamente il tassista personale di David. Sembrava addirittura che la ragazza di Biel fosse David, ehi!

Qualche mese dopo la cena in pizzeria, io e Gabriel siamo usciti a festeggiare. Non importava, David era lì. Qualcosa mi diceva che sarebbe stata una lunga notte e che sarebbero accadute molte cose…

Comunque la festa è stata fantastica, ci siamo divertiti moltissimo con i nostri amici ed ero stufo di ballare. Mi sono sentito molto sensuale scuotendo il sedere! Ho intinto il cocco nella birra! Ogni volta che qualcuno veniva a portarmi una lattina. La sete era troppo forte e passavo da una lattina all’altra.

Mentre stavamo partendo, il mio amore mi disse che voleva concludere la serata in bellezza, facendo l’amore in una lussuosa suite in uno dei motel a cinque stelle della zona. Sentire questo mi ha emozionato tantissimo, del resto mi emozionavo già solo guardando Gabriel ballare. Il fatto che si stesse dimenando era emozionante. Quanto era sexy!

Quando abbiamo salutato i ragazzi per goderci il resto della notte da soli, David, volendo fare un giro, è salito velocemente sull’auto di Gabriel, ridendo, cantando, ubriaco di birra. Mi sono seduta sul sedile del passeggero, completamente ferita e cercando di comportarmi come una ragazza sobria.

A metà strada decisero di fermarsi in una carovana per bere un ultimo drink. Siamo rimasti in macchina a baciarci mentre David comprava la birra. Siamo rimasti sbalorditi quando David ha bussato al finestrino della macchina accanto a Biel e ha gridato:

– Lo mangi qui o lo vuoi incartato?!

– Oh! Che cravatta, amico!

Ero già lì, sentivo la mia figa bagnarsi per l’eccitazione e il rilascio ci dava fastidio. Mancava però ancora quest’ultimo drink… Dopo qualche minuto di chiacchierata, David ci ha sorpreso con un drink spettacolare:

– So che vai a Saint Tropez… E darei qualsiasi cosa per accompagnarti…

– Io eh!! Sei pazzo! Ho risposto.

– Lascia che ti accompagni? Non farò niente… Guarda!

– Questo è tutto, amico! Vuoi davvero venire con noi?!… Stai scherzando!…

– Non c’è niente di sbagliato in questo… voglio solo vedervi ragazzi!

– Scusa, Davide! Certamente no!

– Oh! Biel, lascerai il tuo partner nei guai?!

– Sibylla non vuole, non vedi?

– Sibila li ha presi tutti, non sa nemmeno di cosa parla, Biel! Lasciami andare, ok?

Poi l’amico sconvolto si è alzato dal sedile posteriore, ha tirato fuori Biel dall’auto e lo ha portato fuori portata d’orecchio. Hanno parlato un po’ e poi sono tornati. David è rimasto fuori e Gabriel è salito in macchina, si è seduto accanto a me e ha iniziato a cercare di convincermi che non c’entrava nulla, che potevo lasciare andare David e blah, blah, blah… Continuava a darmi fastidio.

Era difficile prendere una decisione quando era ubriaca, ma amava Gabriel e avrebbe fatto qualsiasi cosa per renderlo felice. Anche accettare queste sciocchezze. La cosa però mi ha incuriosito molto. Non capivo come questo bastardo avesse così tanto potere sul mio ragazzo. Con quanta gioia Biel accettò qualunque cosa volesse il suo sporco amico. Mi chiedevo cosa ci fosse dietro tutta la sottomissione di Gabriel, perché non rifiutava nulla di ciò che veniva da David. Finché non porta il suo amico al motel con la sua ragazza.

Il mio problema è che sono troppo arrapato e volevo davvero andare al motel e fare sesso con Biel. Così finito! Dopo tanta insistenza, alla fine ho accettato la proposta inappropriata di David e ci siamo diretti tutti e tre al motel. Ma prima ho già detto:

Altre storie erotiche  Vicino molto cattivo - Racconti erotici

– David, starai tranquillo al buio, non voglio vederti, okay!

Arrivammo al motel e Gabriel salì le scale fino alla suite dietro di me, abbracciandomi e baciandomi il collo. David lo seguì in silenzio.

Successivamente ho ordinato a David di sedersi sul divano davanti al letto e di non uscire. Non era così buio come avrei voluto, potevo vedere tutto, soprattutto perché David era lì a guardarci.

Mentre io e il mio amore ci divertivamo ad esplorare gli spazi e il lusso della stanza del motel, ci baciavamo e ci strappavamo i vestiti. Niente di più perfetto di un immobile da dimenticare.

Quando Gabriel e io tornammo a letto, notai che David era completamente nudo, seduto sul divano. Ciò che era noioso era bello. Rimasi in silenzio per qualche minuto, senza lamentarmi di aver infranto l’accordo. Non posso negare che mi è piaciuto quando l’ho visto nudo. Avevo due maschi nella stanza che erano “femmine” a causa della piccola ninfa in calore qui.

Non so cosa mi sia successo, ma ha davvero rovinato la mia libido e ho iniziato a mettermi in mostra davanti a David afferrando Gabriel con lussuria, toccando e baciando il suo intero corpo. Ho guardato discretamente negli occhi David, seduto proprio lì di fronte a me, e ho potuto vedere quanto fosse eccitato nel vedermi nudo e accarezzare il suo corpo. Gabriele.

Il mio amore mi implorava di succhiarlo, mentre il suo cazzo era duro come la roccia tra le mie mani. Poi si è sdraiato sul letto e io mi sono messo a quattro zampe con il culo rivolto verso David e ho iniziato a succhiare Gabriel.

Rotolai leccandomi le cosce, oltre l’inguine del mio ragazzo finché non raggiunsi le labbra sulle sue palle e succhiai delicatamente. Si dimenò per l’eccitazione quando sentì la mia bocca morbida e calda inghiottire lentamente la testa del suo cazzo. Ho succhiato con entusiasmo solo la testa, strofinando la lingua sulla cavezza sotto il glande. Ero totalmente emozionato quando l’ho fatto. Poi lentamente ho ingoiato tutto quel maestoso cazzo.

Dopo aver succhiato il mio ragazzo per qualche minuto, ho sentito David toccarmi il culo con entrambe le mani, lisciandolo fino alla vita. Allo stesso tempo, balbettavo cercando di dire di no, cosa che David poteva solo guardare. Volevo stuzzicare David, volevo vederlo completamente eccitato senza nemmeno toccarmi. Questo mi ha emozionato moltissimo!

All’inizio David obbedì e continuò dietro di me guardandomi muovere il culo a quattro zampe per lui mentre succhiavo il cazzo di Gabriel.

David ha continuato a spingersi oltre i limiti. Mi ha tenuto per i fianchi e mi ha leccato da dietro, fino al culo. Giuro che ho provato ad uscirne, ma non ci sono riuscito. Impossibile fermare questo bastardo. Poi mise il suo cazzo tra le mie cosce e scivolò dentro facilmente. La mia figa era così bagnata che lasciava tutto appiccicoso tra le mie cosce. Dannazione! Che emozione dannatamente eccitante! Tuttavia, ha continuato a resistere. Non avevo esperienza e sapevo che Gabriel era geloso. Scopare due uomini era troppo per me. Anche se la mia figa pulsava di desiderio, ho chiesto:

-No, per favore, no, David!

– Lasciamelo mettere, Sibyl!… Non posso più sperare!…

Gabriel mi ha tenuto la testa con il suo cazzo in bocca e ha detto:

– Sta’ zitta e succhiamelo, puttanella!

Questa insistenza mi stava facendo impazzire. Ho detto “no” ma la mia figa ha urlato un grande “sì” e se magari mi avesse abbracciato forte…

All’improvviso David mi abbracciò forte e riuscì a inserire il suo cazzo nella mia figa. Questo bastardo ha gradualmente invaso l’interno della mia piccola grotta calda e umida. L’ho sentito andare in pezzi. Quel grosso cazzo è entrato con attrito, facendomi rabbrividire. Devo ammetterlo. Essere scopato “quasi con forza” da due uomini arrapati mi ha dato una sensazione di eccitazione che non avevo mai provato prima. La mia figa sbavava, era gonfia e pulsava.

Altre storie erotiche  Ho visto il tosaerba sborrare guardando il culo di mia moglie

Non appena David ha spinto il suo cazzo in profondità nella mia figa, ha cominciato ad inserirlo molto lentamente e poco a poco ha aumentato il ritmo delle sue spinte fino a pulsare di desiderio. Ho succhiato freneticamente il cazzo di Gabriel che tremava di piacere. Ho abusato della morbidezza della mia bocca bagnata con leccate e succhi che partivano dalle palle, correvano lungo tutta la lunghezza di questo cazzo durissimo fino a succhiarne finalmente solo la testa.

La mia figa segnalava che il climax era vicino e sono quasi arrivato quando David ha iniziato a giocare con il dito nel mio culo. L’amica troia del mio ragazzo ha messo il suo cazzo nella mia figa e il suo dito nel mio anello.

L’emozione era estrema, non ho potuto resistere. Gemevo forte, eccitato, le deliziose contrazioni uscivano con forza dall’interno della mia figa e cominciavo a venire. La mia figa, che amo appassionatamente, ha afferrato in sequenza il cazzo di David, che non sopportava nemmeno il suo culo e ha tirato fuori il suo cazzo per venirmi come un toro nel culo. Gabriel fu il prossimo a versarmi il suo sperma caldo in bocca. L’ho ingoiato tutto, non ne è rimasta nemmeno una goccia.

Non appena abbiamo finito di venire, noi tre siamo rimasti estasiati e ci siamo buttati sul letto. Tremando, esalando il profumo della figa gocciolante, mi sdraiai con le gambe sollevate sopra ciascuno dei maschi accanto a me. Potrei godermi il resto della mattinata con questi due. L’eccitazione era ancora troppo forte.

Ma la sorpresa doveva ancora arrivare. Dopo essersi sdraiato per un po’, Gabriel si riprese e si alzò dal letto arrabbiato e dispiaciuto.

-Oh! Davide! Guarda cosa mi hai fatto fare!

– Cos’è quest’uomo?! Cos’era?

– Presto con la mia ragazza!

– L’hai lasciato, fratello! Quale?!

– Continui a sbattermelo in faccia oggi, maledetto!…

– Adesso voglio sapere qual è il piccolo segreto delle ragazze!

– Sibyl, quando eravamo piccole, sorprendemmo la zia di Biel, muta e ferita, nella sauna della fattoria di suo padre!

-E cosa hai fatto di così grave a questa creatura?

– Le abbiamo solo chiesto di togliersi le mutandine e di mostrare la figa…. Poi abbiamo toccato quella cosa pelosa e puzzolente. La donna è impazzita! Gabriele ha detto.

– E la cosa peggiore è che dopo questo giorno, Bienne… Tua zia non potrà più vedermi! Vieni presto e vuoi strapparti le mutandine accanto a me! Devo vestirmi e volare!

– Quindi è a causa di questa battuta che sei il capo di David?! È l’unico motivo per cui hai lasciato che questo tizio mi mangiasse? Pensavo fosse qualcosa di serio, idiota! Per oggi basta, voglio andarmene adesso, basta lamentarmi!

E già pensavo che la mattinata sarebbe stata lunga e che la mia figa sarebbe bruciata per aver scopato così tanto… Guarda cosa è successo! …Ci vestimmo e uscimmo in silenzio.

Dopo quella notte non abbiamo più rivisto David e la gelosia di Biel è diventata esagerata e la nostra relazione è durata fino alla fine…

*Pubblicato da SibylMarkiis sul sito climaxcontoseroticos.com il 15/09/20.