Storia di gruppo erotica: verità o obbligo?

di | 15 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ciao, mi chiamo sole. Ho 22 anni, sono bruna, capelli lunghi, 62 kg, sono alta 1,67 metri e ho un culo grosso e un seno medio. Oggi vi racconterò di una giornata in cui ero con la mia amica Ana, bruna, capelli lunghi fino alle spalle, seno grande, culo medio.

I genitori di Ana erano in viaggio e lei mi ha chiesto di andare a dormire lì. Appena arrivati ​​abbiamo iniziato a pensare a cosa fare, finché non abbiamo deciso di invitare un ragazzo. Dato che non conoscevo molte persone in quella zona, ho lasciato il lavoro a lei, finché Ana non mi ha detto che aveva conosciuto un ragazzo su una di quelle app “relazionali” e che forse sarebbe stato bene chiederglielo; Abbiamo iniziato a parlare con lui, poi lo abbiamo invitato a venire. Ha organizzato per portare qualche drink e poi abbiamo preparato tutto per iniziare la festa. Ana era nella stanza e poi sono entrato senza bussare, sono entrato e lei si passava la mano sulla figa cercando di guardare qualcosa, ho cominciato a ridere e le ho chiesto:

– Sta nascendo un pulcino? – chiesi ridendo, ma senza prestare molta attenzione.

– Se è grosso, fai un pompino? – Lei mi ha guardato sporco e ha risposto.

– Togli la mano per vedere se ne vale la pena? – disse avvicinandosi a lei.

Ana si passò le dita nella figa, aprendola molto lentamente, esponendo il clitoride, e mi fissò. Io guardai la sua figa morbida e rossastra e mi venne l’acquolina in bocca, quindi alzai lo sguardo finché non raggiunsi le sue grandi tette, e continuai. salendo, ho guardato la sua bocca ed era molto bagnata e aperta in un modo molto sexy, finché lei ha sorriso e ha chiesto:

– ne vale la pena? – Disse guardandomi intensamente.

Ho riso e ho annuito di sì. Ana mi ha guardato e senza dire niente sono andata in bagno, ho passato qualche minuto senza capire cosa fosse successo e poi ho sentito il suo cellulare vibrare, sono andata a controllare ed era un messaggio di Gabriel (il ragazzo dal quale stavamo andando) con). vederlo incontrare), dicendo che era quasi arrivato. Non avevo ancora fatto la doccia quindi ho deciso di accelerare il processo, mi sono tolto i vestiti ed sono entrato nel bagno dove Ana stava facendo la doccia, ho aperto la porta e lei era a faccia in su, si stava sciacquando i capelli, ho aperto la doccia e poi ho visto che stava sorridendo, così ho preso le mie mani e le ho messe sui suoi seni e le ho strizzate, poi mi ha messo sotto la doccia e ha iniziato a passarmi il sapone sul corpo, ho iniziato a toccarmi. seni, poi si è spostato sulla mia pancia, poi con le dita molto lentamente passandomele su tutta la mia figa, vedendo quanto ero bagnata ha chiuso gli occhi e ha messo la bocca sul mio petto e ha iniziato a succhiarlo molto lentamente strofinandomi le dita sul figa, ho gemito poi lei ha penetrato le sue dita molto in profondità e all’improvviso dentro di me, ho gemito di nuovo e l’ho vista giocare con la lingua mentre mi succhiava il seno, poi ha suonato il campanello.

Altre storie erotiche  Fine settimana spudorato e peccaminoso

Ana si è messa a ridere ed è corsa fuori dal bagno gridando “ANDIAMO!”, ho fatto un respiro profondo e ho continuato a fare la doccia, mi sono asciugata e ho messo un vestito corto e ampio, ho deciso di non indossare né mutandine né reggiseno. Quando arrivò nella stanza, Ana indossava una maglietta e aveva i capelli già pettinati e bagnati, era molto bella senza bisogno di troppi sforzi. Gabriel era alto, con la pelle scura e gli occhi verdi, aveva un corpo tonico e indossava dei pantaloncini come quelli di stoffa leggera che mettono in risalto tutto e una maglietta, mi guardava di traverso dalla testa ai piedi. quando mi vide e mi sorrise con un sorriso. Un ragazzo cattivo mi guardava negli occhi, la mia figa pulsava allo stesso tempo e poi mi sono seduto davanti ad Ana, Gabriel mi ha offerto da bere con molta vodka e bevanda energetica. Poi Ana ha avuto l’idea di giocare a “Non ho mai”, e chi avesse perso avrebbe dovuto bere un sorso di drink, e in questo modo abbiamo bevuto due drink in circa 30 minuti di gioco, poi Ana mi ha guardato e ha detto :

– Non ho mai avuto una cosa a tre. – Quando l’ho guardata, ha indicato in basso e ha aperto le gambe poi ha preso la mano di Gabriel, quando ho fissato lo sguardo su quella figa, la mia figa pulsava allo stesso tempo, poi Gabriel ha detto:

– Giochiamo a obbligo o verità. Inizierò; Sole, azione o verità?

– sfida.

– Ti sfido a baciarmi.

Ho iniziato a ridere poi mi sono alzata, mi sono avvicinata e mi sono seduta in ginocchio davanti a lui, gli ho dato un bacio molto lento e sensuale sulla bocca, lui mi ha messo la mano sulle natiche e alla fine l’ha fatta scivolare verso di me. . Il vestito, vedendo che ero senza mutandine, mi aprì le natiche molto lentamente mentre lui passò la sua lingua sulla mia molto lentamente, e fece scivolare il suo dito sulle mie natiche. Ho interrotto il bacio e mi sono alzata, ho guardato Ana e aveva un’espressione sporca sul viso che mi ha fatto venire voglia di baciarla anch’io così mi sono avvicinato a lei e mi sono inginocchiato davanti a lei, le ho messo le mani sulle ginocchia e mosso. al suo inguine, le ho aperto le gambe molto lentamente e ho iniziato a far scorrere le dita nella sua figa, poi ho guardato Gabriel e gli ho chiesto di aiutarmi a togliere la maglietta di Ana, lui si è alzato velocemente e l’ha presa. Mi sono tolto la maglietta di Ana, mentre mi avvicinavo a quella figa bagnata e ho cominciato a passare la lingua molto lentamente attraverso quella figa, aveva un buon sapore ed era molto bagnata, Gabriel ha iniziato a baciare Ana e lei gemeva durante il bacio, questo mi ha fatto arrabbiare sempre più arrapato. Gabriel mi ha preso in braccio e mi ha baciato, poi anche Ana si è alzata e insieme abbiamo iniziato a baciarci, io e Ana abbiamo passato le mani sul corpo di Gabriel mentre le nostre lingue si mescolavano, aveva un cazzo grosso e grosso, il suo stomaco era ben definito e senza . Dubito che possa fregarci ovunque.

Altre storie erotiche  Il cugino del mio ragazzo mi ha scopato

Ci siamo diretti in camera da letto, quando siamo arrivati ​​Gabriel mi ha fatto sdraiare e ha lasciato cadere la sua bocca sulla mia figa, la sua lingua era calda e agile, sapeva cosa stava facendo, nel frattempo è arrivata Ana e io mi sono seduto con la sua figa davanti alla faccia . , mi ha strofinato la figa sul viso e io ho gemito forte, mentre cavalcavo davanti al viso di Gabriel mentre lui infilava due delle sue grosse dita nella mia figa, ho gemito e poi sono entrato nella bocca di Gabriel, che ha preso tutto il mio sperma mentre gemeva . , maledicendomi. cattivo caldo. Ana si è alzata da me e ha iniziato a succhiarmi il seno sul lato del letto, Gabriel è uscito dalle mie gambe e ha messo Ana a quattro zampe e le ha infilato il suo cazzo in profondità, lei mi ha succhiato forte il seno allo stesso tempo e tutti abbiamo lasciato che emise un gemito, poi Ana mi succhiò il seno e giocò con le sue dita sul mio clitoride, mentre Gabriel lo spingeva a fondo e con forza, Ana gemette così tanto di piacere finché non mi chiese di lasciarla succhiare la mia figa, e così feci. Non ci ho pensato due volte e ho aperto le gambe davanti a lei, lei ha infilato la lingua nella mia figa e gemeva di piacere, ha strofinato la lingua ovunque e l’ha ruotata con una velocità perfetta, fino a raggiungere lo stato di orgasmo, poi è venuto lui con schizzi. sul cazzo di Gabriel, e crollò con le gambe tremanti sul letto.

Gabriel è sceso da Ana e gli ho chiesto di sdraiarsi perché volevo sedermi su quel cazzo caldo, quindi si è sdraiato e io mi sono seduto su quel cazzo caldo molto lentamente, potevo sentire ogni piccolo dettaglio dentro di me, Gabriel urlava di piacere, questo era tutto. Alors je suis redressé et poi ho iniziato a comprare il suo morso, je me suis assis très profondamente en faisant des allers-retours pendente che ma chatte se frottait contre sa morso, ce mouvement me rendait incroyablement excité, Gabriel le tenait fermement avec a mano. sulla vita e l’altro sul culo, mi ha aiutato a muovere il corpo più velocemente e più in profondità, ho sentito tutto il mio corpo tremare e poi l’eccitazione ha preso il sopravvento sul mio essere, mi sono seduta su quel cazzo come una puttana alla disperata ricerca di un cazzo, è stato allora quando Ho sentito questa sensazione attraversare il mio corpo, poi Gabriel e io ci siamo riuniti gemendo forte. Mi sono sdraiata lasciando Gabriel al centro, ci siamo baciati ancora tutti e tre, lentamente e molto emozionati, ed è andato avanti così per ore.

Altre storie erotiche  I miei vicini mi hanno fatto voltare le spalle

Ana e io non abbiamo mai più rivisto Gabriel, ma dopo quel giorno abbiamo avuto delle esperienze lesbo, ma sarà per la prossima volta.

Grazie mille e lascia il tuo commento.

*Pubblicato da sole, ciao sul sito climaxcontoseroticos.com il 05/10/19.